Bahamas Leaks, nuovo scandalo travolge Gb e Ue

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Bahamas Leaks, nuovo scandalo travolge Gb e Ue

Bahamas Leaks, nuovo scandalo travolge Gb e Ue

LONDRA. – Rigorosi sul palcoscenico della politica, disinvolti negli affari privati. L’ombra di un nuovo scandalo offshore, con documenti saltati fuori da un ennesimo paradiso fiscale – stavolta le Bahamas, sotto il sole dei Caraibi – torna ad allungarsi su decine di governanti ed ex governanti di mezzo mondo. E al centro di imbarazzi, destinati probabilmente a finire presto sotto la sabbia, si ritrovano in primis la Gran Bretagna e l’Ue dove due donne che contano sono ora nella bufera: da un lato della Manica Amber Rudd, rampante ministra dell’Interno nel gabinetto conservatore di Theresa May; di là, a Bruxelles, Neelie Kroes, ex influente commissaria alla Concorrenza e vecchia conoscenza in questo tipo di faccende.

La lista dei nomi citati è in realtà molto più lunga e già induce Oxfam a tornare a chiedere la luna, cioè l’abolizione sic et simpliciter delle sinecure fiscali. Nel calderone si va dall’ex premier del Qatar al-Thani, al vice presidente angolano Manuel Domingos Vicente, fino al canadese William Francis Morneau, ministro delle Finanze in carica sotto l’amministrazione del mediatico presidente Justin Trudeau.

Ma è Londra che la vicenda fa più rumore. Tutto nasce dalle rivelazioni pubblicate dapprima dal tedesco Süddeutsche Zeitung e poi dal Guardian, spulciando fra le carte del dossier fatto filtrare ancora una volta attraverso l’International Consortium of Investigative Journalists: lo stesso che nei mesi scorsi ha diffuso i cosiddetti ‘Panama Papers’, mettendo fra l’altro in piazza i conti di famiglia ereditati, al riparo dal fastidio delle tasse, dall’allora premier David Cameron.

In questo caso il faldone virtuale, salvato su un database di 38 gigabyte, contiene i nomi di 175.000 manager di società internazionali registrate al ‘sicuro’ alle Bahamas. E due di queste (fra cui la Monticello, già coinvolta in un’indagine penale) hanno attirato l’attenzione del Guardian per essere state guidate a suo tempo da Amber Rudd.

Nulla d’illegale, fino a prova contraria. Ma non proprio una rivelazione opportuna per il ministro chiamato a custodire le frontiere del regno. Personaggio in piena ascesa, e punto di riferimento dell’ala più europeista in casa Tory, Rudd si è trincerata dietro il silenzio, limitandosi a far sapere che le sua attività precedenti di manager e donna d’affari erano note. Ma ha evitato di precisare se le due società caraibiche abbiano mai versato qualcosa al fisco britannico sotto la sua gestione, nè ha risposto agli interrogativi del Guardian su altri incarichi da lei ricoperti nel settore dell’estrazione e commercializzazione dei diamanti in seno a una società anglo-canadese e a una joint-venture in Russia, i cui proventi venivano negoziati guarda caso alla borsa di Vancouver: una delle piazze più allergiche ai controlli del pianeta.

Se Rudd non rischia comunque la poltrona, Neelie Kroes rischia al massimo la pensione Ue, spiccioli per lei. Già consulente finanziaria d’alto bordo, imposta anni fa dall’Olanda e da altri Paesi del nord Europa quale titolare del portafogli chiave della Concorrenza nella Commissione europea, è fuori dai giochi da un po’. Ma a Bruxelles non si può far finta di nulla.

Jean-Claude Juncker si è affrettato a far dichiarare che la Commissione non sapeva che la Kroes figurasse come direttore d’una società offshore mentre svolgeva mansioni di commissario: in teoria una violazione grave del codice di condotta. Del resto, “ci sono cose che nemmeno le regole più strette possono prevenire”, ha allargato le braccia un portavoce.

A Gianni Pittella, capogruppo di S&D a Strasburgo, la promessa di accertamenti sul comportamento “vergognoso” attribuito all’ex commissaria olandese tuttavia non basta. Il precedente di Barroso, passato dall’oggi al domani dai vertici europei a un incarico dorato a Goldman Sachs, è troppo fresco. E a Juncker la richiesta è di “cambiare le regole di condotta”: per evitare il ripetersi della litania dei “conflitti d’interessi”.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

14:11Calcio: Genoa, Ballardini ‘Lapadula sta meglio e si impegna’

(ANSA) - GENOVA, 18 NOV - La sfida con il Crotone per il Genoa sarà un vero e proprio scontro diretto in chiave salvezza, forse il più impegnativo contro una squadra che ha il doppio dei punti del Grifone. "Sarà una sfida difficilissima ma anche molto intrigante perché giochiamo contro una squadra che sa benissimo quel che deve fare. In casa loro mettono in difficoltà tutti. Hanno la classifica e i punti che meritano". "Formazione? Ho le idee chiarissime ma qualche dubbio è giusto averlo ancora. Modulo? Non conta, è importante la disponibilità di ognuno, mettersi a disposizione dei compagni ed essere compatti". L'attesa però è per elementi come Lapadula e Bertolacci che fino ad ora non hanno convinto. "Lapadula sta meglio ma come sapete agli attaccanti basta poco per cambiare la stagione e lui vedo che in allenamento ce la mette tutta per provare a cambiare un momento non favorevole. Bertolacci ha delle qualità importanti e per me può essere un punto di riferimento ma tutti, non solo lui, devono metterci calore e passione".

14:08Calcio: Genoa, Ballardini “bisogna che ci diamo una scossa”

(ANSA) - GENOVA, 18 NOV - "Tutti noi bisogna che ci diamo una scossa perché così non va bene. Vedo grande impegno e voglia". Alla vigilia del'esordio sulla panchina del Genoa nella difficile trasferta di Crotone, Davide Ballardini ha le idee molto chiare. "Vedo grande impegno e grande voglia di tirarsi fuori da questa situazione - ha spiegato il neo tecnico -. Tutti noi dobbiamo metterci quella sana rabbia, quel desiderio e quella voglia forte di uscire da questa situazione. Serve compattezza e chiarezza nelle due fasi di gioco. Questa con il Crotone è una gara da fare bene. Prima con la testa e con il cuore poi con le nostre qualità tecniche e fisiche, e non ci sono dubbi che ci sono, ma fino ad oggi le qualità non sono servite a molto. Prima quindi cuore e testa".

14:04Da assassino a pittore, il riscatto sociale del barese Rizzo

(ANSA) - BARI, 18 NOV - Da assassino a pittore. E' una storia di riscatto sociale quella di Davide Francesco Rizzo, pregiudicato barese di 36 anni, che dal 2010 sta scontando in carcere una condanna per duplice omicidio e che ha trovato nella pittura la sua nuova dimensione di vita. Suo figlio era appena nato quando, dopo quasi tre anni di latitanza, si costituì e trascorse alcuni mesi al regime del 41 bis, il carcere duro. I giudici baresi esclusero poi che fosse un mafioso, pur condannandolo a 17 anni di reclusione per aver ucciso, nel febbraio 2004, due presunti affiliati al clan Strisciuglio di Bari,in quella che fu ribattezzata dalle cronache giudiziarie la strage di San Girolamo. Rizzo, di origini siciliane, si è trasferito in Puglia da bambino con la famiglia e a Bari si è diplomato all'istituto d'arte. Poi gli "errori", che lo hanno portato in cella diverse volte. Nel carcere di Sassari, dove lavora allo smistamento pacchi, dedica il suo tempo libero a dipingere. I suoi quadri sono anche esposti e venduti in beneficenza.

14:00Libano: Hariri giunto a Eliseo, stretta di mano con Macron

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri è giunto all'Eliseo a Parigi per incontrare il presidente francese Emmanuel Macron. Nel cortile del palazzo in Rue du Faubourg Saint-Honoré, il premier dimissionario del Libano è stato ricevuto da Macron, con gli onori della Guardia Repubblicana, riservata a presidenti e primi ministri in visita a Parigi. I due si sono stretti la mano e hanno posato dinanzi ai fotografi poi sono entrati all'interno del palazzo. Secondo il programma ufficiale, all'incontro tra Hariri e Macron, seguirà una colazione con Macron, Hariri, e i suoi famigliari.

13:59Argentina: anche la Nasa collabora a ricerche sottomarino

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Si intensificano le ricerche del sottomarino militare argentino sparito nell'Atlantico con 44 uomini a bordo da oltre due giorni. Alle operazioni, scrive la Bbc, si è unito in queste ora anche un aereo della Nasa, mentre la Gran Bretagna e altri paesi nell'area hanno offerto la loro collaborazione. "Non siamo ancora riusciti a individuare né a comunicare con il sottomarino", ha dichiarato in una conferenza stampa il portavoce della Marina Enrique Balbi ammettendo che le "ricerche finora sono molto difficili nonostante il gran numero di imbarcazioni coinvolte" anche a cause del forte vento e delle onde.

13:53Sfregiata con acido: Notaro nominata Cavaliere Repubblica

(ANSA) - BOLOGNA, 18 NOV - C'è anche Gessica Notaro, la giovane riminese aggredita e sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato, lo scorso gennaio, tra i destinatari delle 30 onorificenze al merito conferite dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella. La ragazza è stata insignita come Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana "per il coraggio e la determinazione con cui offre la propria testimonianza di vittima e il suo impegno nell'ambito della sensibilizzazione sul tema del contrasto alle violenze di genere". Notaro, è stata aggredita dall'ex compagno, Eddy Tavares, lo scorso 10 gennaio: per quell'atto, compiuto con dell'acido lanciato in faccia alla ragazza, il 29enne di Capoverde è stato condannato dai giudici riminesi, a 10 anni di reclusione. Altri 8 anni di reclusione gli sono stati comminati, invece, per atti persecutori nei confronti dell'ex fidanzata.(ANSA).

13:38Terremoto: Esercito a lavoro sulle macerie dal 27 novembre

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - I mezzi dell'Esercito inizieranno a operare nelle zone rosse di Amatrice e Accumoli a partire dal 27 novembre. L'Esercito, secondo quanto si è appreso da fonti della Regione Lazio, si occuperà esclusivamente del trasferimento delle macerie affiancando le ditte a cui la Regione ha appaltato gli interventi di demolizione e di rimozione delle stesse.

Archivio Ultima ora