Bahamas Leaks, nuovo scandalo travolge Gb e Ue

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Bahamas Leaks, nuovo scandalo travolge Gb e Ue

Bahamas Leaks, nuovo scandalo travolge Gb e Ue

LONDRA. – Rigorosi sul palcoscenico della politica, disinvolti negli affari privati. L’ombra di un nuovo scandalo offshore, con documenti saltati fuori da un ennesimo paradiso fiscale – stavolta le Bahamas, sotto il sole dei Caraibi – torna ad allungarsi su decine di governanti ed ex governanti di mezzo mondo. E al centro di imbarazzi, destinati probabilmente a finire presto sotto la sabbia, si ritrovano in primis la Gran Bretagna e l’Ue dove due donne che contano sono ora nella bufera: da un lato della Manica Amber Rudd, rampante ministra dell’Interno nel gabinetto conservatore di Theresa May; di là, a Bruxelles, Neelie Kroes, ex influente commissaria alla Concorrenza e vecchia conoscenza in questo tipo di faccende.

La lista dei nomi citati è in realtà molto più lunga e già induce Oxfam a tornare a chiedere la luna, cioè l’abolizione sic et simpliciter delle sinecure fiscali. Nel calderone si va dall’ex premier del Qatar al-Thani, al vice presidente angolano Manuel Domingos Vicente, fino al canadese William Francis Morneau, ministro delle Finanze in carica sotto l’amministrazione del mediatico presidente Justin Trudeau.

Ma è Londra che la vicenda fa più rumore. Tutto nasce dalle rivelazioni pubblicate dapprima dal tedesco Süddeutsche Zeitung e poi dal Guardian, spulciando fra le carte del dossier fatto filtrare ancora una volta attraverso l’International Consortium of Investigative Journalists: lo stesso che nei mesi scorsi ha diffuso i cosiddetti ‘Panama Papers’, mettendo fra l’altro in piazza i conti di famiglia ereditati, al riparo dal fastidio delle tasse, dall’allora premier David Cameron.

In questo caso il faldone virtuale, salvato su un database di 38 gigabyte, contiene i nomi di 175.000 manager di società internazionali registrate al ‘sicuro’ alle Bahamas. E due di queste (fra cui la Monticello, già coinvolta in un’indagine penale) hanno attirato l’attenzione del Guardian per essere state guidate a suo tempo da Amber Rudd.

Nulla d’illegale, fino a prova contraria. Ma non proprio una rivelazione opportuna per il ministro chiamato a custodire le frontiere del regno. Personaggio in piena ascesa, e punto di riferimento dell’ala più europeista in casa Tory, Rudd si è trincerata dietro il silenzio, limitandosi a far sapere che le sua attività precedenti di manager e donna d’affari erano note. Ma ha evitato di precisare se le due società caraibiche abbiano mai versato qualcosa al fisco britannico sotto la sua gestione, nè ha risposto agli interrogativi del Guardian su altri incarichi da lei ricoperti nel settore dell’estrazione e commercializzazione dei diamanti in seno a una società anglo-canadese e a una joint-venture in Russia, i cui proventi venivano negoziati guarda caso alla borsa di Vancouver: una delle piazze più allergiche ai controlli del pianeta.

Se Rudd non rischia comunque la poltrona, Neelie Kroes rischia al massimo la pensione Ue, spiccioli per lei. Già consulente finanziaria d’alto bordo, imposta anni fa dall’Olanda e da altri Paesi del nord Europa quale titolare del portafogli chiave della Concorrenza nella Commissione europea, è fuori dai giochi da un po’. Ma a Bruxelles non si può far finta di nulla.

Jean-Claude Juncker si è affrettato a far dichiarare che la Commissione non sapeva che la Kroes figurasse come direttore d’una società offshore mentre svolgeva mansioni di commissario: in teoria una violazione grave del codice di condotta. Del resto, “ci sono cose che nemmeno le regole più strette possono prevenire”, ha allargato le braccia un portavoce.

A Gianni Pittella, capogruppo di S&D a Strasburgo, la promessa di accertamenti sul comportamento “vergognoso” attribuito all’ex commissaria olandese tuttavia non basta. Il precedente di Barroso, passato dall’oggi al domani dai vertici europei a un incarico dorato a Goldman Sachs, è troppo fresco. E a Juncker la richiesta è di “cambiare le regole di condotta”: per evitare il ripetersi della litania dei “conflitti d’interessi”.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

00:59Cuba blocca l’ex presidente messicano

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO 21 FEB - L'ex presidente messicano Felipe Calderon ha denunciato oggi di non avere avuto il via libera delle autorità cubane per visitare il paese. A impedire la visita è stato l'ufficio migratorio dell'isola, ha precisato Calderon su twitter, sottolineando che l'obiettivo della sua visita era partecipare ad una cerimonia in onore del dissidente Oswaldo Payà, morto quattro anni fa. L'Avana ha bloccato l'ingresso anche di un altro dei partecipanti all'evento, l'ex ministra dell'educazione cilena Mariana Aylwin. A renderlo noto è stata la presidente Michelle Bachelet: "Il governo cileno farà presente alle autorità cubane il suo disappunto e intende richiamare a Santiago il proprio ambasciatore per avere informazioni sul caso".

00:57Ricorso hostess Aeroflot, discriminate

(ANSA) - MOSCA, 21 FEB - Un gruppo di hostess di Aeroflot, la compagnia di bandiera russa, riunite nell'autoproclamato movimento Sts (iniziali in russo di "anziane, cicciotelle e brutte"), ha presentato ricorso in tribunale contro l'azienda accusandola di "violazione delle norme sul lavoro" e "discriminazione dei lavoratori in base all'aspetto". Le 'Sts' contestano all'aviolinea d'impiegare sulle tratte internazionali solo hostess sotto i 40 anni e al massimo taglia 44. "Nel giugno dell'anno scorso ci è stato detto che all'estero vanno solo le hostess giovani e magre", dice al sito di Radio Svoboda Evgenya Magurina, assistente di volo 41enne. "Ci hanno fotografate tutte e ci hanno preso le misure, alcune di noi sono state addirittura pesate", ha sottolineato. "Ci hanno lasciato solo i voli interni, notturni e quelli di mattina presto". Le 'Sts' hanno scritto anche a Putin per denunciare la loro situazione. Le hostess sperano di poter vincere in tribunale. Stando a Radio Svoboda Aeroflot non ha espresso commenti.

00:53Usa: allarme sicurezza in aeroporto Jfk

(ANSA) - NEW YORK, 21 FEB - Undici passeggeri sono passati inosservati ai controlli di sicurezza all'aeroporto Jfk di New York. Lo scrive Cnn secondo cui l'incidente nel principale scalo della città si e' verificato ieri mattina presto. I passeggeri sono passati senza essere controllati dalle guardie per poi imbarcarsi su diversi voli. L'autorità aeroportuale e' stata avvisata solo due ore dopo della 'violazione della sicurezza', troppo tardi quindi per identificare le persone in questione. Secondo un portavoce di Port Authority, l'autorità aeroportuale, degli undici passeggeri tre hanno fatto scattare l'allarme del metal detector. Tsa, che si occupa delle sicurezza dell'aeroporto, in un comunicato ufficiale ha minimizzato l'accaduto affermando che non rappresenta un grosso rischio per il sistema dei trasporti.

00:47Allarme spari, ospedale Houston evacuato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 FEB - Un ospedale di Houston, in Texas, è stato isolato per motivi di sicurezza dopo la segnalazione di spari al suo interno e i suoi pazienti sono stati evacuati. Ad una prima verifica compiuta dagli agenti nella struttura non hanno trovato prove della sparatoria. Il capo della Polizia locale Art Acevedo ha fatto quindi sapere che gli agenti stanno effettuando un secondo sopraluogo presso il Ben Taub Hospital, uno dei maggiori centri traumatologici della città, con circa 500 posti letto, presso il Texas Medical Center.

00:43Turchia: condannato leader partito curdo

(ANSAmed) - ISTANBUL, 21 FEB - Il leader del partito filo-curdo Hdp in Turchia, Selahattin Demirtas, detenuto dal 4 novembre con accuse di "terrorismo" per presunto sostegno al Pkk, è stato condannato a 5 mesi per "aver denigrato la nazione turca, la Repubblica turca e le istituzioni dello Stato" da un tribunale di Dogubeyazit, nell'est del Paese. Lo riferisce l'agenzia statale Anadolu. Poche ore prima, all'altra co-leader dell'Hdp, Figen Yuksekdag, anche lei detenuta da 3 mesi e mezzo, era stato revocato il seggio parlamentare dopo la conferma di una precedente condanna per "propaganda terroristica" da parte della Corte suprema d'appello di Ankara.

00:37Gb: Boris fa jogging, look ‘incredibile’

(ANSA) - LONDRA, 21 FEB - Il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson, che dell'eccentricità ha fatto uno stile di vita, è di nuovo al centro dell'attenzione per il suo abbigliamento. Dopo aver esibito già in passato tenute sportive stravaganti (in bicicletta e non) sorride soddisfatto agli obiettivi che in questi giorni lo hanno colto in un parco di Londra a far jogging in uno stile decisamente sopra le righe. La divisa sfoggiata dal ministro degli Esteri del governo Tory di Theresa May, sullo sfondo di una giornata grigia che ne fa risaltare ancor di più il lato 'pittoresco', è così composta: berretto a righe scure su sfondo rosso a coprire cuffie colorate per ascoltare musica; polo aderente azzurra che nulla lascia al pudore delle forme corpulente del biondo Boris; giacchettina beige di pile con zip aperta; pantaloncino bianco-rosso fiorato versione tropical; calzino corto nero da tennis; sneaker da corsa sui toni del verde. Un po' troppo persino per la disinvoltura inglese e il disinteresse al look altrui.

00:30Calcio: Champions League, Aguero trascina il City

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Festival del gol nei due ottavi di finale di Champions League giocati oggi: Manchester City-Monaco 5-3 e Bayer Leverkusen-Atletico Madrid 2-4. Nel primo match, la squadra di Guardiola va in svantaggio due volte e alla fine prevale con un risultato che punisce troppo severamente quella di Jardim. Al gol di Sterling (26'), i francesi replicano con Falcao (32') e Mbappè (40'); al 50' Caballero para un rigore a Falcao e Aguero sigla poi il 2-2 (58'); Falcao si riscatta al 61' per il 2-3, ma ancora Aguero (71'), Stones (77') e Sanè (82') firmano la definitiva rimonta. Tutto più lineare a Leverkusen, dove la squadra di Simeone non vede mai realmente in dubbio la vittoria su quella di Schmidt. Prima della mezz'ora è già 0-2 con le reti di Saul (17') e Griezmann (25'); nella ripresa, accorcia Bellarabi (48'), ma al 59' Gameiro su un generoso rigore ristabilisce le distanze; al 68' i tedeschi tornano a sperare grazie ad un autogol di Savic, ma all'86' Torres fissa il 2-4 finale. Gare di ritorno il 15 marzo.

Archivio Ultima ora