Raggi: No alle Olimpiadi Roma 2024, Si a Euro 2020

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

(L-R) Uefa (Union of European Football Associations) President Aleksander Ceferin, Rome's mayor Virginia Raggi, Figc (Italian Football Federation) President Carlo Tavecchio and Coni (Italian National Olympic Committee) President Giovanni Malagò during the ceremony to present the official logo of Uefa Euro Rome 2020, in Rome, Italy, 22 September 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

(L-R) Uefa (Union of European Football Associations) President Aleksander Ceferin, Rome’s mayor Virginia Raggi, Figc (Italian Football Federation) President Carlo Tavecchio and Coni (Italian National Olympic Committee) President Giovanni Malagò during the ceremony to present the official logo of Uefa Euro Rome 2020, in Rome, Italy, 22 September 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Solo un rapido e galante baciamano, poi tanta freddezza. Il giorno dopo l’affossamento della candidatura olimpica di Roma 2024, tra la sindaca Virginia Raggi e il presidente del Coni, Giovanni Malagò, non si può dire certo che la tensione si sia smorzata. “Il piano B in teoria è possibile, ma non è la giusta strada”, dirà poi Malagò. Una linea evidentemente concordata col governo, stando alle parole di Renzi in serata: “la vicenda è chiusa, non si possono fare Olimpiadi contro la città che le ospita”.

In mattinata, il vis-a-vis tra i due duellanti olimpici era andato in onda su un palcoscenico emblematico, la ‘Sala delle Armi’ del Foro Italico, a viale delle Olimpiadi, dove oggi è stato svelato il logo ufficiale di ‘Uefa Euro Roma 2020’, presenti anche il neo presidente della Federcalcio europea Aleksander Ceferin e il n.1 della Figc, Carlo Tavecchio.

Un set “che neanche uno sceneggiatore thrilling avrebbe potuto immaginare”, sorride Malagò. Così per un giorno anche l’Europeo può aspettare, l’ex aula bunker del Foro Italico a pochi metri dal comitato Roma 2024 è affollatissima da giornalisti e cineoperatori: la Raggi oggi è puntuale, accompagnata dal vicesindaco Daniele Frongia, con lei anche Alessandro Sammarco, l’avvocato dello Studio Previti dove la sindaca ha lavorato anni fa e al centro di tante polemiche per alcune presunte consulenze di cui si sarebbe avvalsa le neoletta.

Raggi arriva, dribbla i cronisti e cerca il varco giusto per entrare nell’Accademia di scherma, per avviarsi verso il posto a lei assegnato, dopo i saluti al ‘padrone di casa’, oggi Carlo Tavecchio. Ma Giovanni Malagò, con il quale non si era incrociata all’arrivo, spiazza tutti e ‘dimenticando’ lo schiaffo del mancato appuntamento ieri la accoglie con un caloroso baciamano. “La mia e’ educazione. Se mi aspettavo delle scuse dalla Raggi? Una donna non deve mai chiedere scusa”, dirà dopo.

Al di là dell’ospitalità, resta il braccio di ferro politico. Da Franceschini a Calenda, arrivano bordate governative alla scelta della Raggi: “Roma si ripiega su se stessa”. Ed è Renzi, ospite in serata a Otto e Mezzo, a chiudere il cerchio ricordando che la Raggi in campagna elettorale si era impegnata per il referendum. “Se voleva evitare gli sprechi, aveva otto anni di tempo per controllare…”.

Ma al di là delle schermaglie politiche, non esistono vie di uscita dal no del Comune, che – fanno sapere dal Campidoglio – arriverà con il voto della mozione e una semplice lettera al Cio, nessuna delibera. “Non si fanno Olimpiadi contro”, dice Renzi, dopo che Malagò aveva espresso la volontà di non ricorrere al “piano B che teoricamente esiste – secondo il presidente Coni – ma ci farebbe perdere credibilità”.

Paradossale in ogni caso che anche Malagò finisca nella contesa politica: Di Battista lo taccia di “essere un coatto che minaccia” a proposito dell’ipotesi del danno erariale. “Ma noi non faremo causa – replica il n.1 Coni – Semmai gireremo sul Comune eventuali azioni della Corte dei Conti…”.

Intanto il Codacons minaccia di ricorrere al Tar contro il veto dei Cinquestelle, Budapest parla di ‘maleducazione politica’ della sindaca, Pescante racconta la reazione di Bach, presidente Cio: “Quasi mi faceva le condoglianze”. Il baciamano “mi è venuto spontaneo” ha ricostruito Malagò, che ha riservato i complimenti solo all’Uefa: “E’ stata lungimirante e premonitrice nell’aver allargato l’Europeo a più Paesi e scelto Roma”.

“Sapere di poter ospitare un evento così importante ci rende orgogliosi”, è stato invece il commento della Raggi (che tra la sorpresa della platea del Foro Italico ha salutato gli altri sindaci di Euro 2020 con un “saluto romano: in bocca al lupo”), mentre il suo vice Frongia assicurava che quest’orgoglio non è in contraddizione col no olimpico. “Sono due eventi profondamente diversi sia sotto l’aspetto urbanistico che sotto quello economico e finanziario”. ‘Daje Virgi”, twitta Di Maio. E sul web i sostenitori Cinquestelle applaudono, con qualche Sì ai Giochi.

(di Sandro Verginelli/ANSA)

Ultima ora

09:05Istanbul: cominciato interrogatorio killer Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 17 GEN - La polizia turca ha cominciato a Istanbul l'interrogatorio di Abdulgadir Masharipov, il sospetto militante dell'Isis accusato dell'attentato di Capodanno nel nightclub 'Reina' della capitale turca che ha causato 39 morti. Lo riferiscono i media turchi. Masharipov e' stato arrestato ieri nel corso di un'operazione di polizia nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul.

09:02Aereo scomparso: interrotte ricerche volo 370

(ANSA) - SYDNEY, 17 GEN - Dopo quasi tre anni di infruttuose ricerche, e' stata interrotta la caccia all'aereo Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo 2014 con 239 persone a bordo: lo ha reso noto il Joint Agency Coordination Center in Australia.

08:00India: si fanno selfie sui binari a Delhi, uccisi da treno

NEW DELHI - Due giovani indiani sono stati uccisi da un treno in corsa a New Delhi dopo aver scattato un selfie che volevano inserire in un portfolio da presentare ad un corso di fotografia. Lo riferisce oggi il quotidiano The Times of India. L'incidente e' avvenuto sabato pomeriggio quando i due, insieme ad altri cinque amici, dopo aver affittato una macchina fotografica professionale, si sono recati sui binari della ferrovia a Anand Vihar, nella zona orientale della capitale.

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

Archivio Ultima ora