Cyberattacco a Yahoo!, “rubato” il passaporto di Michelle Obama

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Cyberattacco a Yahoo!, "rubato" il passaporto di Michelle Obama

Cyberattacco a Yahoo!, “rubato” il passaporto di Michelle Obama

NEW YORK. – Un maxi cyber-attacco con il quale sono rubati i dati di mezzo miliardo di persone. Yahoo! conferma di essere stata vittima di un attacco informatico di imponenti proporzioni e che, è il sospetto, potrebbe essere stato condotto da un hacker sponsorizzato da uno Stato straniero.

Vittima dei pirati informati anche la First lady Michelle Obama, il cui passaporto finisce online insieme e-mail personali di alcuni dipendenti della Casa Bianca che hanno lavorato con la campagna presidenziale di Hillary Clinton. Anche in questo caso si ipotizza l’azione di uno Stato straniero.

Le autorità seguono il caso Yahoo!, e indagano su quello che ha coinvolto Michelle, ultima vittima in ordine temporale di DC Leaks, il gruppo probabilmente legato ai servizi segreti russi.

Il motore di ricerca conferma l’aggressione informatica nel 2014 e il furto di informazioni personali di 500 milioni di clienti sul miliardo totale della società. Un’ammissione che rischia di creare tensioni nella vendita di Yahoo! a Verizon. “Lavoriamo con le autorità” afferma Yahoo!, sottolineando che le indagini condotte non hanno rivelato la presenza di un “attore esterno sponsorizzato da uno Stato” nelle rete della società. Il Consiglio Nazionale per la Sicurezza e la Casa Bianca sono a conoscenza dell’attacco hacker contro Yahoo!, che risulta maggiore di quanto inizialmente stimato.

Negli ultimi tempi diverse società americane sono state vittime di attacchi hacker da parte di soggetti legati a governi stranieri, e i sospetti principali sono caduti su Russia e Cina. Le nozze fra Yahoo! e Verizon non sono state ancora formalizzate: all’appello manca il via libera delle autorità e degli azionisti del motore di ricerca. L’impatto della conferma sull’operazione non è ancora chiaro ma, secondo gli analisti, potrebbe rendere la strada più impervia, soprattutto in termini di assunzione della responsabilità in un momento di transizione.

Le prime indiscrezioni su un possibile attacco hacker contro Yahoo! risalgono ad agosto, quando l’hacker ‘Peace’ ha annunciato di aver messo in vendita i dati di 200 milioni di utenti per 3 bitcoin, circa 1.800 dollari. Yahoo! si era detta consapevole dei rumors ma non aveva preso una posizione, avviando solo un’indagine interna. I dati rubati includono i nomi degli utenti, le date di nascita e altri loro indirizzi e-mail. Non ci sono informazioni finanziarie e questo esonererebbe Yahoo! dal dover contattare ogni singolo cliente e offrire servizi di monitoraggio del credito.

A livello di immagine, però, lo schiaffo è pesante. Yahoo!, consapevole dell’attacco, non ha invitato gli utenti a cambiare la password per precauzione, mostrandosi non reattivo. E chiedere la modifica ora potrebbe essere troppo poco e troppo tardi. Il cyber-attacco rappresenta anche un nuovo colpo per Marissa Mayer, l’amministratore delegato di Yahoo!, sulla quale erano state riposte le speranze del rilancio. Speranze però naufragate dopo anni di taglio costi e che hanno spinto Yahoo! a mettersi in vendita. Mayer se lascia l’incarico nell’ambito dell’accordo con Verizon incasserà 44 milioni di dollari.

Ultima ora

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

Archivio Ultima ora