Migranti: Iom-Unhcr, più coordinamento per salvare vite

(ANSAmed) – TUNISI, 23 SET – Individuare linee guida comuni per salvare vite in mare e prevenirne la perdita, puntando su una maggiore collaborazione ed un migliore coordinamento tra Paesi e organizzazioni coinvolte dai flussi migratori che attraversano il Mediterraneo. Questo lo scopo di una conferenza regionale organizzata congiuntamente a Tunisi dall’Oim (Organizzazione internazionale migrazioni) e dall’Unhcr (Alto Commissariato Onu per i Rifugiati) sulla protezione in mare, e appena conclusasi a Tunisi. Hanno partecipato all’incontro rappresentanti ufficiali di Marocco, Libia, Tunisia, Italia e della missione navale Ue Eunavfor Med, oltre ad esperti ed universitari: tutti concordi sulla necessità di adottare misure standard globali e di un migliore coordinamento. In questi anni la Tunisia ha salvato la vita a 2.119 migranti, ha detto il rappresentante di Tunisi, chiedendo misure concrete alla comunità internazionale ed ai governi Ue.

Condividi: