Terza notte di proteste a Charlotte, scatta il coprifuoco

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

WASHINGTON. – Terza notte consecutiva di proteste a Charlotte, in North Carolina, dove centinaia di manifestanti hanno marciato per ore scandendo slogan, mostrando cartelli, rimanendo per strada anche dopo la mezzanotte quando è scattato il coprifuoco indetto dal sindaco dopo i disordini di ieri in cui un uomo è rimasto ucciso, un manifestante colpito da uno o più spari in circostanze ancora tutte da chiarire che è deceduto durante la giornata.

Il governatore della North Cartolina aveva dichiarato lo stato di emergenza in città, dando il via libera all’intervento della Guardia Nazionale per affiancare la Polizia che presidia Charlotte in assetto antisommossa. Il coprifuoco il passo successivo, ordinato a partire dalla mezzanotte fino alle sei del mattino, per l’intera città, e che resterà in vigore prevedibilmente per alcuni giorni, fino a quanto le autorità riterranno che non sarà più necessario.

“E’ stato indetto dopo consultazioni e attente valutazioni”, ha spiegato il sindaco di Charlotte, Jennifer Roberts, “è quanto accaduto 24 ore fa non si sono registrati disordini per l’intera serata. Soltanto un episodio ha messo in allerta, quando alcuni manifestanti si sono staccati dalla marcia di protesta principale e hanno raggiunto un’autostrada nel tentativo di bloccarla, ma sono stati subito dispersi e senza scontri o tensioni.

La situazione resta quindi sotto controllo al punto che allo scattare del coprifuoco centinaia di manifestanti rimanevano ancora in strada ma la Polizia non è intervenuta né ha intenzione di intervenire, ha detto, fino a quando non ve ne sia necessità. Però le tensioni restano e sono altissime: a scatenare la protesta a Charlotte è stata la morte dell’afroamericano Keith Lamont Scott per mano della Polizia.

Non sono ancora del tutto chiare le dinamiche dell’episodio, ma esiste un video che però per il momento è stato visionato soltanto dalle autorità e dai familiari di Scott, mentre i manifestanti ne chiedono la diffusione a gran voce. Lo scandiscono durante la marcia nella notte, lo ripetono ai media, lo scrivono su picchetti.

Il punto è che dalle immagini, come ha confermato anche il capo della polizia di Charlotte, non si capisce se Scott stesse davvero puntando una pistola verso i poliziotti quando è stato colpito, ma finora questa era stata la versione ufficiale. “Ambiguo” è stato definito il video anche dal sindaco Roberts, per questo “io tendo alla trasparenza e a voler diffondere il video – ha detto però la prima cittadina – ma sono consapevole che al momento c’è un’indagine in corso”.

Le tensioni a sfondo razziale tornano così a percorrere il Paese in maniera palese e con nuovo clamore mentre mancano meno di sette settimane alle elezioni presidenziali e con i candidati impegnati nel rush finale. Hillary Clinton sembra aver voluto centellinare i suoi interventi sul tema e in queste ore pare sia concentrata a prepararsi per il primo duello tv fissato per lunedì.

Donald Trump invece tenta un ‘equilibrismo’ a lui in parte nuovo: da una parte ribadisce di essere lui il candidato per “la legge e l’ordine” ma dall’altra fa appello all’unità e non solo, parla direttamente alla comunità afroamericana che notoriamente non costituisce il suo ‘elettorato naturale’. Però il tycoon non si tira indietro e ci prova: “I disordini nelle nostre strade sono una minaccia per tutti i cittadini pacifici, devono finire e devono finire adesso” dice, e continua: “Le principali vittime di queste violente manifestazioni sono i cittadini afroamericani rispettosi della legge che vivono in queste comunità e che vogliono solo crescere i loro figli in sicurezza e pace”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

13:39Italicum: presidente Corte Costituzionale chiede ‘brevità’

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Procede l'udienza a Palazzo della Consulta sul giudizio di legittimità costituzionale dell' Italicum. Dopo una breve camera di consiglio, i giudici hanno escluso le istanze di costituzione avanzate dal Codacons e da altri cittadini elettori. La giornata è iniziata con gli interventi dei legali che chiedevano di essere ammessi come parti del giudizio. Interventi punteggiati dalle raccomandazioni del presidente della Corte, Paolo Grossi, che ha suggerito "brevità" e di "attenersi ai ricorsi". La parola è passata ora agli avvocati anti-Italicum. Da Grossi è arrivata la preghiera di concludere per "non esasperare la Corte", infine il rimprovero: "sta abusando della nostra pazienza". Così il presidente della Corte, Grossi, in un acceso scambio con il primo degli avvocati anti-Italicum, Vincenzo Palumbo, ha ammonito anche gli altri legali che si apprestano a prendere la parola. Grossi ha fatto due raccomandazioni: essere sintetici nelle esposizioni delle ragioni di ricorso e non riproporre le stesse argomentazioni.

13:20Sci: gigante San Vigilio con 7 azzurre in 2/a manche

(ANSA) - San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones (Bolzano), 24 gen - Sono ben sette le azzurre classificatesi tra le migliori trenta nella 1/a manche dello slalom gigante di cdm di San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones ed ammesse pertanto alla 2/a decisiva manche alle ore 12,30. Sono Federica Brignone 1/a, Marta Bassino 3/a, Sofia Goggia 7/a, Elena Curtoni 14/a, Francesca Marsaglia 15/a, Manuela Moelgg 17/a e Irene Curtoni 18/a.

13:12Tennis: sarà “derby” svizzero Federer-Wawrinka

ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Derby" svizzero nelle semifinali maschili degli Australian Open di tennis, con la sfida fra Roger Federer e Stanislas Wawrinka, in campo giovedì. "Derby" che va ad aggiungersi a quello nel torneo femminile fra le statunitensi Venus Williams e Coco Vandeweghe. Il numero 17 del mondo e del tabellone ha sconfitto il tedesco Mischa Zverev, n. 50, per 6-1, 7-5, 6-2; Wawrinka, n. 4, ha prevalso sul francese Jo-Wilfried Tsonga, n. 12, per 7-6, 6-4, 6-3. Sarà il 22/o confronto fra i due campioni elvetici, con Federer avanti 18-3.

13:11Terremoto: Cantone e Errani a Palazzo Chigi

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Il presidente dell'Anac Raffaele Cantone è a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Nella sede del governo è giunto anche il commissario per il terremoto Vasco Errani.

13:07Terremoto: Marche, solo 2 stalle in 5 mesi su 370 necessarie

(ANSA) - ANCONA, 24 GEN - A cinque mesi dal sisma sono due le stalle mobili completate sulle 370 necessarie per gli allevatori terremotati delle Marche, ovvero lo 0,5 per cento del totale, mentre mancano ancora 150 moduli fienile, necessari per stoccare il foraggio per gli animali. Lo denuncia la Coldiretti regionale, nel tracciare un bilancio dei danni nelle campagne colpite dal terremoto iniziato il 24 agosto scorso, sulla base dei dati forniti dalla Regione Marche. Ai danni materiali e alla perdita di vite umane si somma ''una vera e propria strage di bestiame in una situazione in cui solo nelle Marche, denuncia la Coldiretti, si contano 600 mucche e 5 mila pecore al freddo nelle neve senza ripari, per i ritardi accumulati, aggravati dal maltempo''. "Davanti ad un disastro annunciato ci muoveremo per individuare le responsabilità e agire di conseguenza insieme ai nostri allevatori''.

13:04Terremoto: ad Arquata centro con fondi consiglieri M5S

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Un centro polifunzionale destinato alla popolazione del Comune di Arquata del Tronto sarà allestita con i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali marchigiani del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi. Lo comunicano i deputati M5S eletti nelle marche Andrea Cecconi, Donatella Agostinelli e Patrizia Terzoni. "Un luogo pubblico destinato a primo ricovero e punto di ritrovo in caso di sisma, a centro culturale e a luogo di ricovero delle opere d'arte che fanno parte di questo nostro territorio. La delibera della giunta del Comune ha appena stabilito che i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi, saranno destinati alla realizzazione di un centro polifunzionale. Ringraziamo i nostri cittadini portavoce per questo gesto di attenzione e solidarietà nei confronti della comunità marchigiana che ha pagato il maggior tributo di sangue al terremoto che ha colpito il centro Italia il 24 agosto scorso", si legge nella nota.(ANSA).

13:01Gentiloni riunisce vertice su sicurezza, migranti e Libia

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Si è tenuta questa mattina a Palazzo Chigi la consueta riunione convocata dal presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, con i ministri degli Esteri Angelino Alfano, dell'Interno Marco Minniti, della Difesa Roberta Pinotti. Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi. L'incontro è stato occasione per fare il punto sui temi della sicurezza, della immigrazione e della situazione in Libia. Alla riunione erano presenti il Segretario generale della Farnesina, Elisabetta Belloni, il capo di Stato maggiore della Difesa, Claudio Graziano, il direttore del Dis, Alessandro Pansa, e il capo della Polizia, Franco Gabrielli.

Archivio Ultima ora