Terza notte di proteste a Charlotte, scatta il coprifuoco

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

WASHINGTON. – Terza notte consecutiva di proteste a Charlotte, in North Carolina, dove centinaia di manifestanti hanno marciato per ore scandendo slogan, mostrando cartelli, rimanendo per strada anche dopo la mezzanotte quando è scattato il coprifuoco indetto dal sindaco dopo i disordini di ieri in cui un uomo è rimasto ucciso, un manifestante colpito da uno o più spari in circostanze ancora tutte da chiarire che è deceduto durante la giornata.

Il governatore della North Cartolina aveva dichiarato lo stato di emergenza in città, dando il via libera all’intervento della Guardia Nazionale per affiancare la Polizia che presidia Charlotte in assetto antisommossa. Il coprifuoco il passo successivo, ordinato a partire dalla mezzanotte fino alle sei del mattino, per l’intera città, e che resterà in vigore prevedibilmente per alcuni giorni, fino a quanto le autorità riterranno che non sarà più necessario.

“E’ stato indetto dopo consultazioni e attente valutazioni”, ha spiegato il sindaco di Charlotte, Jennifer Roberts, “è quanto accaduto 24 ore fa non si sono registrati disordini per l’intera serata. Soltanto un episodio ha messo in allerta, quando alcuni manifestanti si sono staccati dalla marcia di protesta principale e hanno raggiunto un’autostrada nel tentativo di bloccarla, ma sono stati subito dispersi e senza scontri o tensioni.

La situazione resta quindi sotto controllo al punto che allo scattare del coprifuoco centinaia di manifestanti rimanevano ancora in strada ma la Polizia non è intervenuta né ha intenzione di intervenire, ha detto, fino a quando non ve ne sia necessità. Però le tensioni restano e sono altissime: a scatenare la protesta a Charlotte è stata la morte dell’afroamericano Keith Lamont Scott per mano della Polizia.

Non sono ancora del tutto chiare le dinamiche dell’episodio, ma esiste un video che però per il momento è stato visionato soltanto dalle autorità e dai familiari di Scott, mentre i manifestanti ne chiedono la diffusione a gran voce. Lo scandiscono durante la marcia nella notte, lo ripetono ai media, lo scrivono su picchetti.

Il punto è che dalle immagini, come ha confermato anche il capo della polizia di Charlotte, non si capisce se Scott stesse davvero puntando una pistola verso i poliziotti quando è stato colpito, ma finora questa era stata la versione ufficiale. “Ambiguo” è stato definito il video anche dal sindaco Roberts, per questo “io tendo alla trasparenza e a voler diffondere il video – ha detto però la prima cittadina – ma sono consapevole che al momento c’è un’indagine in corso”.

Le tensioni a sfondo razziale tornano così a percorrere il Paese in maniera palese e con nuovo clamore mentre mancano meno di sette settimane alle elezioni presidenziali e con i candidati impegnati nel rush finale. Hillary Clinton sembra aver voluto centellinare i suoi interventi sul tema e in queste ore pare sia concentrata a prepararsi per il primo duello tv fissato per lunedì.

Donald Trump invece tenta un ‘equilibrismo’ a lui in parte nuovo: da una parte ribadisce di essere lui il candidato per “la legge e l’ordine” ma dall’altra fa appello all’unità e non solo, parla direttamente alla comunità afroamericana che notoriamente non costituisce il suo ‘elettorato naturale’. Però il tycoon non si tira indietro e ci prova: “I disordini nelle nostre strade sono una minaccia per tutti i cittadini pacifici, devono finire e devono finire adesso” dice, e continua: “Le principali vittime di queste violente manifestazioni sono i cittadini afroamericani rispettosi della legge che vivono in queste comunità e che vogliono solo crescere i loro figli in sicurezza e pace”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

21:35Referendum: alle ore 19 ha votato il 57.24%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - E' stata del 57.24% l'affluenza alle ore 19 in Italia per il referendum. Lo si rileva dal sito del Ministero dell'Interno.

21:29F1: Marchionne, da cambio regole 2017 mi aspetto vantaggi

(ANSA) - DAYTONA (FLORIDA), 4 DIC - I cambiamenti di regole di F1 nel 2017 secondo Sergio Marchionne avranno potenzialmente effetti positivi sulla Ferrari. "E' un vantaggio - ha detto il presidente - anche se ci sono svantaggi enormi perché stanno scombussolando tutto il sistema di gestione. Chi ha avuto il lusso di poterci lavorare prima perché stava vincendo già nel 2016 certamente è avvantaggiato. L'impegno c'è, su carta dovrebbe essere una scelta positiva, dipende da quanto tempo ci hanno messo gli altri sulla macchina: se stanno lavorando già da un anno cambiano un po' le carte". Tra i cambiamenti 2017 anche le Gomme Pirelli; cambieranno mescole e misure, e forse nel 2017 non hanno reso molto le gomme con la Ferrari. "La mescola è identica per noi, Red Bull, Mercedes e non credo che si possa accusare la Pirelli di non aver favorito la Ferrari. Credo che la colpa non sia loro ma solo nostra se non abbiamo saputo sfruttare le gomme come i nostri avversari".

21:25Referendum: grandi città ore 19, Milano 60.9%, Roma 55.9%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Nelle grandi città la maggiore affluenza per il referendum è stata registrata a Milano dove alle 19 ha votato il 60,9% degli aventi diritto. A Roma la percentuale dei votanti è del 55,9%, a Torino del 57,3%. Minore l'affluenza al sud: a Napoli ha votato il 42,9%. A Palermo alle urne è andato il 47%. Tra gli altri capoluoghi si registra il record di Firenze dove ha votato il 67.3% e Bologna dove ha votato il 65.3%. A Bari alle urne è andato il 52.2%; a Catanzaro l'affluenza è stata del 49%, a Reggio Calabria del 46.8%; a Cagliari ha votato il 54.2%.

21:18Calcio: Belotti al Toro fino al 2021, clausola 100 mln

(ANSA) - TORINO, 4 DIC - Andrea Belotti ha rinnovato, adeguandolo, il contratto col Torino fino al 2021. L'annuncio è arrivato questa sera, dal palco del PalaAlpitour di Torino, dopo aver ricevuto il riconoscimento di "Torinese dell'Anno 2016". "Sono lieto di dirvi che abbiamo rinnovato il contratto con il nostro Belotti fino al 2021 e gli abbiamo messo una clausola rescissoria, solo per l'estero, di 100 milioni", ha detto il presidente del club, Urbano Cairo.

20:58F1: Marchionne, “sorpreso da Rosberg, ma per noi non cambia”

(ANSA) - DAYTONA (FLORIDA), 4 DIC - "Sono rimasto sorpreso dall'annuncio di Nico Rosberg. Il suo addio alle corse mi ha colpito emotivamente". L'Ad di Fca e presidente della Ferrari, Sergio Marchionne, ha commentato così la decisione del pilota della Mercedes che ha smosso le acque della F1 con possibili effetti su Maranello. "Ma non mi aspetto che la Mercedes possa essere più debole senza Rosberg. Spero piuttosto che la Ferrari sarà più forte". Non teme un effetto domino dopo che il sedile più importante della F1 è rimasto vacante? "Per noi no, abbiamo tutti e due i piloti che ormai sono sotto contratto fino al 2017. Quello che succede dopo non lo so, credo che molto dipende da come gestiamo noi la stagione 2017. Se ripetiamo il 2016, non credo che avremo la possibilità di attirare piloti di eccellenza, che dipende da quello che facciamo in pista".

20:48Patriarca russo consacra mega-chiesa a Parigi

(ANSA) - PARIGI, 4 DIC - Il patriarca della Chiesa ortodossa russa Kirill ha consacrato oggi a Parigi la nuova imponente chiesa della Santa Trinità, situata sulle rive della Senna vicino alla Torre Eiffel e diventata un controverso simbolo dell'influenza del presidente russo Vladimir Putin in Europa. Kirill, stretto alleato di Putin, ha celebrato la complessa e lunga cerimonia nella cattedrale il cui cuore è la cupola d'oro da 100 milioni di euro. Ma il complesso, di proprietà del governo russo, comprende anche un centro culturale e una scuola. Le celebrazioni durate diverse ore hanno visto la consacrazione dell'altare, una processione nel giardino e intorno all'edificio, la consegna delle reliquie. Un coro di soli uomini e profumo di incenso hanno accompagnato la sentita partecipazione della grande comunità russa in Francia, anche se alla cerimonia, per motivi di sicurezza, si è potuto assistere solo se si era in possesso di un invito.

20:39F1: Raikkonen, Rosberg? Io e Vettel contratto con la Ferrari

(ANSA) - DAYTONA (FLORIDA), 4 DIC - "Non si sa quali siano i piani dei nostri avversari, e comunque per quello che ci riguarda dobbiamo guardare a noi. Al nostro lavoro. Per quanto riguarda l'addio alle corse di Nico Rosberg e alla possibile girandola di piloti, non è un segreto per nessuno che sia io che Vettel abbiamo un contratto in Ferrari per la prossima stagione". Il pilota finlandese Kimi Raikkonen ha commentato così le prospettive 2017 e le conseguenze dell'addio choc di Rosberg in una conferenza stampa a Daytona dove partecipano alle Finali Mondiali Ferrari 2016 con una dimostrazione con le macchine di F1.

Archivio Ultima ora