Terza notte di proteste a Charlotte, scatta il coprifuoco

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

WASHINGTON. – Terza notte consecutiva di proteste a Charlotte, in North Carolina, dove centinaia di manifestanti hanno marciato per ore scandendo slogan, mostrando cartelli, rimanendo per strada anche dopo la mezzanotte quando è scattato il coprifuoco indetto dal sindaco dopo i disordini di ieri in cui un uomo è rimasto ucciso, un manifestante colpito da uno o più spari in circostanze ancora tutte da chiarire che è deceduto durante la giornata.

Il governatore della North Cartolina aveva dichiarato lo stato di emergenza in città, dando il via libera all’intervento della Guardia Nazionale per affiancare la Polizia che presidia Charlotte in assetto antisommossa. Il coprifuoco il passo successivo, ordinato a partire dalla mezzanotte fino alle sei del mattino, per l’intera città, e che resterà in vigore prevedibilmente per alcuni giorni, fino a quanto le autorità riterranno che non sarà più necessario.

“E’ stato indetto dopo consultazioni e attente valutazioni”, ha spiegato il sindaco di Charlotte, Jennifer Roberts, “è quanto accaduto 24 ore fa non si sono registrati disordini per l’intera serata. Soltanto un episodio ha messo in allerta, quando alcuni manifestanti si sono staccati dalla marcia di protesta principale e hanno raggiunto un’autostrada nel tentativo di bloccarla, ma sono stati subito dispersi e senza scontri o tensioni.

La situazione resta quindi sotto controllo al punto che allo scattare del coprifuoco centinaia di manifestanti rimanevano ancora in strada ma la Polizia non è intervenuta né ha intenzione di intervenire, ha detto, fino a quando non ve ne sia necessità. Però le tensioni restano e sono altissime: a scatenare la protesta a Charlotte è stata la morte dell’afroamericano Keith Lamont Scott per mano della Polizia.

Non sono ancora del tutto chiare le dinamiche dell’episodio, ma esiste un video che però per il momento è stato visionato soltanto dalle autorità e dai familiari di Scott, mentre i manifestanti ne chiedono la diffusione a gran voce. Lo scandiscono durante la marcia nella notte, lo ripetono ai media, lo scrivono su picchetti.

Il punto è che dalle immagini, come ha confermato anche il capo della polizia di Charlotte, non si capisce se Scott stesse davvero puntando una pistola verso i poliziotti quando è stato colpito, ma finora questa era stata la versione ufficiale. “Ambiguo” è stato definito il video anche dal sindaco Roberts, per questo “io tendo alla trasparenza e a voler diffondere il video – ha detto però la prima cittadina – ma sono consapevole che al momento c’è un’indagine in corso”.

Le tensioni a sfondo razziale tornano così a percorrere il Paese in maniera palese e con nuovo clamore mentre mancano meno di sette settimane alle elezioni presidenziali e con i candidati impegnati nel rush finale. Hillary Clinton sembra aver voluto centellinare i suoi interventi sul tema e in queste ore pare sia concentrata a prepararsi per il primo duello tv fissato per lunedì.

Donald Trump invece tenta un ‘equilibrismo’ a lui in parte nuovo: da una parte ribadisce di essere lui il candidato per “la legge e l’ordine” ma dall’altra fa appello all’unità e non solo, parla direttamente alla comunità afroamericana che notoriamente non costituisce il suo ‘elettorato naturale’. Però il tycoon non si tira indietro e ci prova: “I disordini nelle nostre strade sono una minaccia per tutti i cittadini pacifici, devono finire e devono finire adesso” dice, e continua: “Le principali vittime di queste violente manifestazioni sono i cittadini afroamericani rispettosi della legge che vivono in queste comunità e che vogliono solo crescere i loro figli in sicurezza e pace”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

12:39Carabinieri: Del Sette, presenza Arma è presenza Stato

(ANSA) - PORDENONE, 23 GIU - "La presenza dell'Arma è la presenza dello Stato": lo ha affermato il comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, in occasione dell'inaugurazione del nuovo Comando provinciale dei Carabinieri di Pordenone. "In tutta Italia stiamo lavorando per continuare ad ammodernare le nostre strutture - ha aggiunto - realizzandone anche di nuove, per essere sempre più vicini alla gente. Il passaggio fondamentale sarà far riconquistare fiducia ai cittadini: il nostro operare quotidiano deve essere orientato sia alla fattiva tutela della legalità, sia all'aumento della percezione della sicurezza, oggi non ancora allineata ai dati che riferiscono di reati in calo", ha concluso Del Sette.

12:34Calcio: minacce via Fb a speaker Bari, lui lascia e denuncia

(ANSA) - BARI, 23 GIU - Lo speaker del Bari Max Boccasile ha deciso di abbandonare l'incarico dopo che la sua fidanzata ha ricevuto, via Facebook, una minaccia da un account poi rimosso: "Ascolta un consiglio spassionato. Se non vuoi finire con la faccia bella che tieni nell'acido, dì all'amore tuo di lasciare il posto di speaker. E stai muta". "Ho avviato le pratiche per la denuncia alla Polizia postale - spiega Boccasile - dopo aver ricevuto, insieme alla mia compagna, minacce e insulti affinché abbandonassi l'incarico di speaker del Bari. Lo farò, dunque, lascio il microfono allo stadio, ma andrò fino in fondo sul piano legale. Voglio che si sappia chi c'è dietro i profili e account social responsabili delle intimidazioni. Non ho tolto il posto a nessuno, ma ricoperto una posizione che era rimasta scoperta nel club". Boccasile spiega di aver iniziato con i suoi legali una battaglia "a tutela della sicurezza e dell'incolumità" sua e di suoi cari. "Sono dei miserabili e in questo momento ringrazio chi mi ha sostenuto".

12:31MotoGp: Olanda, Petrucci il migliore nelle prime libere

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - E' di Danilo Petrucci il miglior tempo della prima sessione di prove libere del Gp d'Olanda, classe MotoGp, in programma domenica sul circuito di Assen. Il pilota ternano della Ducati Pramac ha fatto segnare 1'34"680 precedendo di 106 millesimi il francese Yohann Zarco (Yamaha Tech 3) e di 142 millesimi il britannico Cal Crutchlow (LCR Honda). Quarto tempo in 1'34"829 per Andrea Dovizioso (Ducati), vincitore delle ultime due gare del Motomondiale al Mugello e a Barcellona. Quinta la prima Yamaha ufficiale, quella di Valentino Rossi, che accusa un ritardo di 161 millesimi da Petrucci. Sesta la Suzuki di Andrea Iannone, settima la Honda di Dani Pedrosa, nona la Ducati di Jorge Lorenzo, dodicesima la Yamaha di Maverick Vinales e tredicesima la Honda di Marc Marquez.

12:07Basket: Nba, la prima scelta del draft è Markelle Fultz

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - E' Markelle Fultz, playmaker di Washington, la prima scelta del Draft Nba, tenutosi nella notte al Barclays Center di New York, casa dei Brooklyn Nets. Fultz andrà ai Philadelphia 76ers dopo che la franchigia si era appropriata nei giorni scorsi del turno dei Boston Celtics in cima al tabellone. La seconda scelta è Lonzo Ball, playmaker di UCLA che approda ai Los Angeles Lakers. Terzo è Jayson Tatum, ala di Duke, che andrà a rinforzare i Boston Celtics. Per quanto riguarda il mercato i Chicago Bulls scambiano con i Minnesota Timberwolves Jimmy Butler in cambio di Zach Lavine, Kris Dunne e la settima scelta del draft, commutata poi a stretto giro dalla dirigenza dei Bulls in Lauri Markkanen, promettente lungo finlandese.

12:02Stalking: sms osceni a figlia minorenne, arrestato

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 23 GIU - Ha pedinato e controllato la ex compagna e la loro figlia minorenne, ha minacciato la donna ed ha inviato alla ragazza messaggi erotici sul telefonino. Per questi motivi, i carabinieri della Compagnia di Locri, in esecuzione di un'ordinanza del Gip, hanno arrestato e posto ai domiciliari un 39enne accusato di stalking. Le molestie, secondo l'accusa, sono andate avanti dal marzo 2016 al maggio 2017 perché l'uomo non accettava la fine della relazione. Una situazione che ha creato alla donna ed alla figlia un perdurante e grave stato di paura, tanto da costringerle ad alterare le proprie abitudini di vita. Le indagini sono iniziate nel gennaio scorso dopo la segnalazione di una psicologa in servizio all'Asp di Reggio Calabria che ha segnalato l'invio di messaggi "osceni" sul cellulare della minore. I riscontri dei carabinieri hanno consentito di accertare le responsabilità dell'uomo che è stato quindi arrestato su richiesta della Procura della Repubblica. (ANSA).

11:54Siria: Mosca, missili da navi russe contro Isis

(ANSA) - MOSCA, 23 GIU - Missili lanciati da navi militari russe schierate nel Mediterraneo orientale hanno distrutto postazioni di comando e depositi di armi e munizioni dell'Isis vicino ad Akerbat, nella provincia siriana di Hama: lo riferisce il ministero della Difesa russo. "I lanci di sei missili da crociera Kalibr - sostiene Mosca - sono stati effettuati dalla parte orientale del Mediterraneo dalle fregate 'Ammiraglio Essen' e 'Ammiraglio Grigorovich' e dal sottomarino 'Krasnodar' su obiettivi del gruppo terroristico Isis in Siria".

11:52Pakistan: attentato Quetta, talebani radicali rivendicano

(ANSA) - ISLAMABAD, 23 GIU - Un gruppo talebano radicale ha rivendicato oggi l'attentato che ha causato a Quetta, capoluogo della provincia pachistana di Baluchistan la morte di 11 persone, fra cui cinque agenti, e 21 feriti. Con un messaggio diffuso attraverso Telegram, Jamaat ul Ahrar (JuA), gruppo scissosi dal Tehrek-e-Taliban Pakistan (TTP), ha rivendicato l'azione sostenendo che "è parte dell'Operazione Ghazi" e che "particolari di essa saranno resi noti successivamente".

Archivio Ultima ora