Terza notte di proteste a Charlotte, scatta il coprifuoco

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

WASHINGTON. – Terza notte consecutiva di proteste a Charlotte, in North Carolina, dove centinaia di manifestanti hanno marciato per ore scandendo slogan, mostrando cartelli, rimanendo per strada anche dopo la mezzanotte quando è scattato il coprifuoco indetto dal sindaco dopo i disordini di ieri in cui un uomo è rimasto ucciso, un manifestante colpito da uno o più spari in circostanze ancora tutte da chiarire che è deceduto durante la giornata.

Il governatore della North Cartolina aveva dichiarato lo stato di emergenza in città, dando il via libera all’intervento della Guardia Nazionale per affiancare la Polizia che presidia Charlotte in assetto antisommossa. Il coprifuoco il passo successivo, ordinato a partire dalla mezzanotte fino alle sei del mattino, per l’intera città, e che resterà in vigore prevedibilmente per alcuni giorni, fino a quanto le autorità riterranno che non sarà più necessario.

“E’ stato indetto dopo consultazioni e attente valutazioni”, ha spiegato il sindaco di Charlotte, Jennifer Roberts, “è quanto accaduto 24 ore fa non si sono registrati disordini per l’intera serata. Soltanto un episodio ha messo in allerta, quando alcuni manifestanti si sono staccati dalla marcia di protesta principale e hanno raggiunto un’autostrada nel tentativo di bloccarla, ma sono stati subito dispersi e senza scontri o tensioni.

La situazione resta quindi sotto controllo al punto che allo scattare del coprifuoco centinaia di manifestanti rimanevano ancora in strada ma la Polizia non è intervenuta né ha intenzione di intervenire, ha detto, fino a quando non ve ne sia necessità. Però le tensioni restano e sono altissime: a scatenare la protesta a Charlotte è stata la morte dell’afroamericano Keith Lamont Scott per mano della Polizia.

Non sono ancora del tutto chiare le dinamiche dell’episodio, ma esiste un video che però per il momento è stato visionato soltanto dalle autorità e dai familiari di Scott, mentre i manifestanti ne chiedono la diffusione a gran voce. Lo scandiscono durante la marcia nella notte, lo ripetono ai media, lo scrivono su picchetti.

Il punto è che dalle immagini, come ha confermato anche il capo della polizia di Charlotte, non si capisce se Scott stesse davvero puntando una pistola verso i poliziotti quando è stato colpito, ma finora questa era stata la versione ufficiale. “Ambiguo” è stato definito il video anche dal sindaco Roberts, per questo “io tendo alla trasparenza e a voler diffondere il video – ha detto però la prima cittadina – ma sono consapevole che al momento c’è un’indagine in corso”.

Le tensioni a sfondo razziale tornano così a percorrere il Paese in maniera palese e con nuovo clamore mentre mancano meno di sette settimane alle elezioni presidenziali e con i candidati impegnati nel rush finale. Hillary Clinton sembra aver voluto centellinare i suoi interventi sul tema e in queste ore pare sia concentrata a prepararsi per il primo duello tv fissato per lunedì.

Donald Trump invece tenta un ‘equilibrismo’ a lui in parte nuovo: da una parte ribadisce di essere lui il candidato per “la legge e l’ordine” ma dall’altra fa appello all’unità e non solo, parla direttamente alla comunità afroamericana che notoriamente non costituisce il suo ‘elettorato naturale’. Però il tycoon non si tira indietro e ci prova: “I disordini nelle nostre strade sono una minaccia per tutti i cittadini pacifici, devono finire e devono finire adesso” dice, e continua: “Le principali vittime di queste violente manifestazioni sono i cittadini afroamericani rispettosi della legge che vivono in queste comunità e che vogliono solo crescere i loro figli in sicurezza e pace”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

16:11M5s: blog Grillo, attacchi hacker e leak per manipolare voto

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - I recenti attacchi hacker e i leak al M5s e anche allo Stato italiano "portano a pensare che possano essere utilizzati per spostare decisamente l'esito delle prossime elezioni, come successo in USA e quasi in Francia". Lo sostiene sul blog di Beppe Grillo l'esperto di sicurezza informatica iscritto al Movimento Rufo Guerreschi, secondo il quale sono "le tempistiche e modalità di tali leak, hack e articoli" a far presagire questo rischio. "Se immaginiamo una semplice applicazione in Italia le dinamiche di hacking e leak delle recenti elezioni in USA e Francia, vediamo come Rousseau e il M5S può esser visto come l'equivalente dell'improvvido mail server della Clinton che costarono elezioni alla Clinton" afferma Guerreschi che individua anche in Italia una "strategia di forze politiche e mediatiche avverse al M5S" coadiuvata "ancorché indipendentemente e con fini diversi, da hacker di ogni tipo".

16:10Sicilia: Si-Mdp chiudono ad alleanza con Ap

(ANSA) - PALERMO, 17 AGO - "Abbiamo ribadito a Leoluca Orlando la nostra disponibilità a un progetto politico che abbia il centro nel civismo democratico con un programma di rottura netta con l'esperienza del governo Crocetta. La Sicilia non può e non deve diventare una cavia per alchimie politiche fondate su un patto di potere asservito a logiche nazionali. Siamo invece interessati alla costruzione di un''anomalia' politica che, partendo dall'esperienza palermitana, si assuma la responsabilità di offrire una visione e una prospettiva di governo che restituisca ai Siciliani una speranza di cambiamento". Lo affermano Mdp e Sinistra italiana dopo l'incontro con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dicendo no a un'alleanza con Ap ma aprendo a un confronto sul rettore dell'università di Palermo, Fabrizio Micari, quale candidato a governatore. "In questo contesto, non riteniamo compatibile con questo progetto l'adesione di Alternativa popolare sia sul piano culturale, sia sul piano dei valori e dei programmi", spiegano.

16:09Zimbabwe: Sudafrica vieta espatrio a moglie Mugabe

(ANSA) - JOHANNESBURG, 17 AGO - Le autorità sudafricane hanno vietato alla moglie del presidente dello Zimbabwe, Grace Mugabe, di lasciare il Paese. La signora Mugabe è stata accusata di aggressione da una donna che soggiornava nel suo stesso hotel a Johannesburg. Grace Mugabe, già apparsa davanti al giudice dopo essersi consegnata alla polizia, aveva chiesto l'immunità diplomatica.

16:08Trump, assurda la rimozione di statue dei confederati

(ANSA) - NEW YORK, 17 AGO - "Assurdo": così Donald Trump in un nuovo tweet commenta la rimozione delle statue di alcuni dei personaggi della guerra civile americana. "Triste vedere la storia e la cultura del nostro Paese fatta a pezzi con la rimozione delle nostre bellissime statue e monumenti. Non potete cambiare la storia - aggiunge Trump - ma potete imparare da essa. Robert Lee, Stonewall Jackson, chi sarà il prossimo, Washington o Jefferson? Così assurdo...".

16:01Ucraina: distrutte tutte le statue di Lenin, erano 1320

(ANSA) - MOSCA, 17 AGO - L'Ucraina ha vinto la sua personale battaglia contro Lenin. Nell'anno che marca il centesimo anniversario della rivoluzione d'Ottobre, infatti, il direttore dell'Istituto per la Memoria Nazionale, Vladimir Vyatrovich, ha detto che nel territorio controllato da Kiev sono state distrutte "tutte le statue" erette in epoca comunista in onore del leader della rivoluzione. In totale i monumenti distrutti sono 1320. Lo riporta RBK.

15:56Calcio: Barcellona, Luis Suarez fuori 4-5 settimane

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Piove sul bagnato in casa Barcellona. Dopo l'addio doloroso di Neymar e la bruciante sconfitta in Supercoppa, condita dal doppio ko in due partite contro gli acerrimi nemici del Real Madrid, adesso ci si mette anche l'infermeria, con Luis Suarez che dovrà restare fermo per 4-5 settimane. Colpa di un infortunio al ginocchio destro (contusione con rottura parziale della capsula posteriore, recita il bollettino medico riportato dai media spagnoli) rimediato ieri sera nel corso del ritorno di Supercoppa spagnola contro il Real. Oltre alle partite di Liga e all'esordio Champions, l'attaccante uruguaiano salterà anche le partite di qualificazioni Mondiali con Argentina (31 agosto) e Paraguay (5 settembre).

15:43Pallavolo: azzurri, ultimi test in Olanda

(ANSA) - FIUMICINO, 17 AGO - Ultimi due test match domani e dopodomani in Olanda per la nazionale maschile di pallavolo prima degli Europei in programma in Polonia dal 24 agosto al 3 settembre. Dopo qualche giorno di riposo a cavallo di Ferragosto, la squadra di Gianlorenzo Blengini, radunatasi ieri sera presso il Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti di Roma, è diretta ad Amsterdam. Dopo le due amichevoli con l'Olanda, la nazionale sarà quindi di ritorno domenica a Roma per poi ripartire martedì 22 agosto per la Polonia. I convocati: Matteo Piano, Fabio Ricci, Simone Buti, Daniele Mazzone, Luca Vettori, Giulio Sabbi, Iacopo Botto, Luigi Randazzo, Oleg Antonov, Filippo Lanza, Simone Giannelli, Luca Spirito, Fabio Balaso, Massimo Colaci e Nicola Pesaresi.

Archivio Ultima ora