Terza notte di proteste a Charlotte, scatta il coprifuoco

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

Protesters stream across the I-277 highway during a march 22 September, 2016, in Charlotte North Carolina, USA . EPA/VEASEY CONWAY

WASHINGTON. – Terza notte consecutiva di proteste a Charlotte, in North Carolina, dove centinaia di manifestanti hanno marciato per ore scandendo slogan, mostrando cartelli, rimanendo per strada anche dopo la mezzanotte quando è scattato il coprifuoco indetto dal sindaco dopo i disordini di ieri in cui un uomo è rimasto ucciso, un manifestante colpito da uno o più spari in circostanze ancora tutte da chiarire che è deceduto durante la giornata.

Il governatore della North Cartolina aveva dichiarato lo stato di emergenza in città, dando il via libera all’intervento della Guardia Nazionale per affiancare la Polizia che presidia Charlotte in assetto antisommossa. Il coprifuoco il passo successivo, ordinato a partire dalla mezzanotte fino alle sei del mattino, per l’intera città, e che resterà in vigore prevedibilmente per alcuni giorni, fino a quanto le autorità riterranno che non sarà più necessario.

“E’ stato indetto dopo consultazioni e attente valutazioni”, ha spiegato il sindaco di Charlotte, Jennifer Roberts, “è quanto accaduto 24 ore fa non si sono registrati disordini per l’intera serata. Soltanto un episodio ha messo in allerta, quando alcuni manifestanti si sono staccati dalla marcia di protesta principale e hanno raggiunto un’autostrada nel tentativo di bloccarla, ma sono stati subito dispersi e senza scontri o tensioni.

La situazione resta quindi sotto controllo al punto che allo scattare del coprifuoco centinaia di manifestanti rimanevano ancora in strada ma la Polizia non è intervenuta né ha intenzione di intervenire, ha detto, fino a quando non ve ne sia necessità. Però le tensioni restano e sono altissime: a scatenare la protesta a Charlotte è stata la morte dell’afroamericano Keith Lamont Scott per mano della Polizia.

Non sono ancora del tutto chiare le dinamiche dell’episodio, ma esiste un video che però per il momento è stato visionato soltanto dalle autorità e dai familiari di Scott, mentre i manifestanti ne chiedono la diffusione a gran voce. Lo scandiscono durante la marcia nella notte, lo ripetono ai media, lo scrivono su picchetti.

Il punto è che dalle immagini, come ha confermato anche il capo della polizia di Charlotte, non si capisce se Scott stesse davvero puntando una pistola verso i poliziotti quando è stato colpito, ma finora questa era stata la versione ufficiale. “Ambiguo” è stato definito il video anche dal sindaco Roberts, per questo “io tendo alla trasparenza e a voler diffondere il video – ha detto però la prima cittadina – ma sono consapevole che al momento c’è un’indagine in corso”.

Le tensioni a sfondo razziale tornano così a percorrere il Paese in maniera palese e con nuovo clamore mentre mancano meno di sette settimane alle elezioni presidenziali e con i candidati impegnati nel rush finale. Hillary Clinton sembra aver voluto centellinare i suoi interventi sul tema e in queste ore pare sia concentrata a prepararsi per il primo duello tv fissato per lunedì.

Donald Trump invece tenta un ‘equilibrismo’ a lui in parte nuovo: da una parte ribadisce di essere lui il candidato per “la legge e l’ordine” ma dall’altra fa appello all’unità e non solo, parla direttamente alla comunità afroamericana che notoriamente non costituisce il suo ‘elettorato naturale’. Però il tycoon non si tira indietro e ci prova: “I disordini nelle nostre strade sono una minaccia per tutti i cittadini pacifici, devono finire e devono finire adesso” dice, e continua: “Le principali vittime di queste violente manifestazioni sono i cittadini afroamericani rispettosi della legge che vivono in queste comunità e che vogliono solo crescere i loro figli in sicurezza e pace”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

18:32Iran: ministro Difesa, abbiamo aumentato precisione missili

(ANSA) - TEHERAN, 23 FEB - L'Iran ha accresciuto notevolmente la precisione dei suoi missili balistici a lungo raggio e non ha fermato il suo programma missilistico dopo le polemiche scaturite dal test del 29 gennaio scorso che ha portato a nuove sanzioni da parte degli Stati Uniti. Lo ha riferito oggi il ministro della Difesa iraniano, Hossein Dehqan. "Abbiamo aumentato la gamma e la precisione dei nostri missili balistici terra-terra a lungo raggio", ha detto Dehqan, aggiungendo che "l'esercito iraniano è riuscito anche ad aumentare la durata di conservazione dei suoi missili fino a 20 anni".

18:29Calcio: Uefa, Ceferin in Figc

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - Il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin è nella sede della Federcalcio a Roma. Il massimo rappresentante del calcio europeo è stato ricevuto all'arrivo in via Allegri dal n.1 della Figc Carlo Tavecchio. Previsti incontri con i membri del Consiglio Federale e con il dg Michele Uva, candidato italiano all'Esecutivo Uefa. Al tavolo anche Franco Carraro e il dg della Roma, Umberto Gandini, in veste di vicepresidente dell'Eca. Assente invece il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, rimasto bloccato con la squadra in Portogallo dopo la trasferta di Champions League. Per Ceferin si tratta della seconda presenza in Italia dopo la presentazione del logo di Roma quale sede degli Europei 2020 lo scorso 22 settembre al Foro Italico.

18:26Juncker assicura, non mi dimetterò

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - "Non mi dimetterò, porterò a termine il mandato che scade a novembre 2019. Ma questo lo sapevate anche prima". Così il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, ha risposto - durante un punto stampa col premier irlandese Enda Kenny - a chi chiedeva chi di loro si sarebbe dimesso prima, visto che anche Kenny è sotto il tiro di una richiesta di dimissioni per il coinvolgimento del governo in una vicenda di pressioni su un poliziotto che rivelò scandali.

18:24Messico a Trump, risponderemo colpo su colpo

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 23 FEB - Il governo messicano è convinto che lo scontro con Donald Trump "sarà una battaglia lunga" e, malgrado si mantenga aperto al dialogo e alla conciliazione, è disposto a rispondere colpo su colpo al presidente Usa, se intende lanciare una guerra commerciale con il suo vicino meridionale". Il ministro degli Esteri Luis Videgaray ha sottolineato che "ci stiamo preparando per una battaglia lunga, perché questa crisi non si risolverà in tre giorni", facendo riferimento alla visita ufficiale del segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, e del consigliere per la Sicurezza nazionale, John Kelly, a Città del Messico. "Se si va verso una strategia di scontro, con posizioni apertamente divergenti, nessuno potrà dire che il Messico non ha offerto anzitutto la sua mano aperta", ha aggiunto Videgaray, secondo il quale "l'aver sopportato non solo modi poco diplomatici ma apertamente ostili ci conferisce una legittimità importante con alleati potenziali, compreso lo stesso Congresso americano".

18:22Terremoto: Regione Marche ha ordinato 639 casette

(ANSA) - ANCONA, 23 FEB - Sono 639 le soluzioni abitative provvisorie che la Regione Marche ha provveduto ad ordinare: 137 per il Comune di Arquata del Tronto, 72 per Fiastra, 222 per Visso, 100 per Ussita, 76 per Castelsantantangelo sul Nera. Ad Arquata del Tronto, nella frazione di Pescara del Tronto - informa un comunicato della Regione -, sono in corso i lavori di urbanizzazione e di fondazione ed entro la prossima settimana inizierà il montaggio delle casette. Per l'area Borgo è stata aggiudicata la gara relativa alle opere e per la metà della prossima settimana è fissato l'inizio dei lavori di urbanizzazione. Data nella quale la Regione Marche effettuerà le gare per affidare lavori per l'area della frazione di Faete. Mercoledì parte invece la gara per Piedilama e giovedì quella di Pretare. Lavori di urbanizzazione in vista per Visso, Fiastra, Ussita, Castelsantantangelo. Aree definite nei Comuni di San Severino Marche, Amandola, Treia, Bolognola, Camerino, Gualdo, Valfornace, Pievetorina, Muccia, Montegallo, Rotella e altri.

18:22Calcio: Eder, Inter-Roma sfida alla pari

(ANSA) - MILANO, 23 FEB - "La Roma è un avversario molto forte. E' una sfida da 50 e 50 anche se abbiamo il vantaggio di giocare in casa che dovremo sfruttare. In ogni caso, ci faremo trovare pronti": lo dice l'attaccante dell'Inter Eder, intervistato dal canale tematico del club. A San Siro domenica sera sono attesi oltre 60 mila spettatori, con il club che ha messo in vendita anche i tagliandi del terzo anello rosso per soddisfare la richiesta dei tifosi. "Sappiamo che è una gara importante - dice Eder - l'abbiamo fatta diventare tale grazie agli ultimi risultati. Stiamo facendo benissimo, siamo sulla strada giusta, ma davanti hanno un ritmo incredibile". Da temere della Roma, secondo l'attaccante, non sono i singoli ma il gioco di squadra: "Al di là di Dzeko, quello che conta è il gruppo; se la squadra va bene, va bene anche il singolo. Per questo i giallorossi sono forti. Conosco De Rossi perché ho giocato con lui in Nazionale, è un giocatore di personalità come Nainggolan e altri".

18:15Romania: 1.300 i funzionari corrotti

(ANSA) - BUCAREST, 23 FEB - Quasi 1.300 funzionari sono stati rinviati a giudizio lo scorso anno in Romania per reati di corruzione che hanno creato un danno di 260 milioni di euro. Lo ha reso noto oggi il procuratore capo anticorruzione, Laura Kovesi Codruta. In particolare, ha detto, tra i casi di alto livello presi di mira dall'agenzia anti-corruzione ci sono tre ministri, 17 parlamentari, 16 magistrati e 20 dirigenti di aziende statali. Il mese scorso il governo ha emanato un controverso decreto che avrebbe depenalizzato l'abuso d'ufficio e altri reati di corruzione, innescando proteste di massa andate avanti per settimane in tutto il Paese. Alla fine, il premier Sorin Grindeanu ha revocato la misura.

Archivio Ultima ora