Italia fuori dalla recessione nel 2014, ma più lenta nel 2015

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Italia fuori dalla recessione nel 2014

Italia fuori dalla recessione nel 2014

ROMA. – Un anno in più di crescita, uno in meno di recessione. Il 2014 è stato il punto di svolta per l’economia italiana, ma l’annuncio arriva solo oggi, a quasi due anni di distanza. Il Pil è cresciuto dello 0,1%, percentuale minima, ma comunque positiva rispetto al -0,3% calcolato a marzo scorso. Come previsto all’inizio di autunno, l’Istat ha rifatto i calcoli sui conti nazionali dell’ultimo triennio, rimettendo in ordine le rilevazioni e rivedendo al ribasso la stima sull’andamento del Pil del 2015 e al rialzo, di molto, quella del 2014.

Fino a ieri, la seconda ondata di crisi sembrava aver mandato a fondo l’economia italiana per tre anni consecutivi dal 2012 al 2014. Ma rifatti i conti, così non è stato. Anzi, da tre anni a questa parte l’economia sta crescendo ininterrottamente.

“La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa – ha aggiunto – le cose stavano peggio in Italia: il segno del pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi in Italia il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti”.

Il governo, ha poi spiegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, farà una manovra che spingerà la crescita: ”le risorse sono poche perché il governo continua a consolidare la finanza pubblica, riducendo il deficit e abbassando il debito, ma quelle poche risorse saranno soprattutto concentrate per sostenere gli investimenti pubblici e privati e quindi la crescita e le prospettive di occupazione”, ha detto al Tg1.

L’Italia, secondo i nuovi dati Istat, è uscita dalla recessione con un anno di anticipo, proprio nel 2014, proprio, sottolinea il governo, quando sono entrati in carica Matteo Renzi e i suoi ministri e proprio quando è stato approvato il primo provvedimento di impatto nella strategia dell’esecutivo: il decreto Irpef sugli 80 euro.

“Il primo anno di ripresa coincide con l’insediamento di questo governo”, hanno spiegato al Mef e, in vista della messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e della manovra, il governo si sente ora incoraggiato “a proseguire nella direzione intrapresa”.

Stando alle tabelle dell’Istat sul 2014, più che la spesa delle famiglie, ad influire sul Pil sono state soprattutto le scorte e ad andare meglio del previsto, o forse meno peggio, sono stati gli investimenti (rivisti da -3,4% a -3,0%) e la spesa delle amministrazioni pubbliche.

I consumi delle famiglie sono invece aumentati più del previsto nel 2015, passando dalla stima preliminare di +0,9% all’aggiornata +1,5%. Lo scorso anno i consumi finali nazionali, quelli che comprendono anche la spesa della p.a., sono andati complessivamente meglio e così è stato anche per gli investimenti fissi lordi.

Tuttavia, il dato, arrotondato al rialzo all’inizio dell’anno, è stato stavolta ritoccato al ribasso, da +0,8% a +0,7%. In termini assoluti, il Pil è però arrivato in ogni caso a un livello più alto, ad oltre 1.642 miliardi di euro rispetto ai 1.636 stimati in primavera, proprio perché la base di partenza del 2014 risulta ora più elevata. Le revisioni del Pil hanno lasciato invariato il deficit al 2,6% nel 2015, ma hanno portato ad un aggiustamento al ribasso del debito.

Nel 2014 il rapporto col Pil è cresciuto dunque meno del previsto e si è attestato al 131,8% contro il 132,5% stimato. Lo stesso per il 2015: dal 132,7% stimato si è scesi al 132,2%. La palla passa ora ai tecnici del Tesoro, alle prese con la Nota di aggiornamento del Def. Difficile indovinare dove possa fermarsi l’asticella ma, dopo Confindustria e Ocse, oggi anche Prometeia ha tagliato le previsioni per il 2016 ad una crescita dello 0,7%.

Numeri giudicati dall’esecutivo “non soddisfacenti” ma che comunque si mantengono in positivo. “La strada è ancora davvero molto lunga eppure ce la possiamo fare”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa le cose stavano peggio: il segno del Pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi – ha insistito – il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti. La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”.

Il 3 ottobre l’Istat renderà noti i dati del terzo trimestre ma intanto dalla Francia arriva la lettura finale del secondo trimestre, chiusosi a -0,1%. Segnale negativo a cui si somma anche quello dell’indice Pmi composito dell’Eurozona: a settembre l’indicatore che monitora l’andamento dell’attività manifatturiera e dei servizi è sceso ai minimi da 20 mesi.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

14:13Mattarella, grazie a Protezione Civile, paese riconoscente

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il Paese vi è riconoscente, grazie per quello che fate". Con queste parole il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha consegnato la medaglia d'oro al Valore Civile al dipartimento della Protezione civile per l'intervento nei terremoti che dall'agosto 2016 hanno colpito il centro Italia.

14:12Champions: Totti, sorteggio non male ma Shakhtar forte

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Per quello che c'era è andata abbastanza bene, ma non bisogna sottovalutare lo Shakhtar, squadra forte fisicamente e atleticamente. Sarà una partita apertissima. L'unico piccolo vantaggio potrebbe essere quello di giocare il ritorno in casa, ci sono tre mesi per preparare a questa partita, ma per adesso pensiamo al campionato". Così Francesco Totti commenta ai microfoni di Premium Sport l'esito del sorteggio degli ottavi di finale di Champions League a Nyon, che vedrà la Roma affrontare lo Shakhtar Donetsk.

14:09Calcio: Ps Catania arresta ultra Matera, altri 33 denunciati

(ANSA) - CATANIA, 11 DIC - Cinquantadue bombe carta, 10 mazze di ferro e 4 da baseball, martelli ed 1 noccoliera, oltre a due tre bombe carte artigianali due a fontana e sette fumogeni sono stati sequestrati ieri dalla Digos di Catania durante le perquisizioni eseguite nei confronti dei 50 tifosi del Matera e dei due bus sui quali viaggiavano per assistere alla partita di calcio allo stadio Massimino valida per il torneo di Lega Pro. Il materiale è stato sequestrato e un ultra del Matera, M. P., di 35 anni, è stato arrestato. Altri 33 sono stati denunciati in stato di libertà. Tutti sono stati identificati e fotosegnalati. Il questore di Catania, Giuseppe Gualtieri, che aveva predisposto il piano di controlli della Digos etnea, procederà anche con i Daspo. (ANSA).

14:07Ginnastica: Biles, da Olimpiadi Rio a cheerleader Nfl

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Vincitrice di 4 medaglie d'oro all'Olimpiade di Rio 2016, e di dieci titoli mondiali in carriera, la fuoriclasse statunitense della ginnastica artistica, Simone Biles, ieri ha vissuto una domenica decisamente diversa. Cresciuta a Houston e tifosa del team locale di football americano, i Texans che giocano nella Nfl, ieri ha incitato la squadra del cuore vestendo i panni della cheerleader. Poi, sui social, ha documentato l'esperienza, twittando prima del match la frase "non vedo l'ora che arrivi la mia prima partita...forza Texans!" e pubblicando anche una foto scattata insieme all'ex fuoriclasse del basket (2 titoli vinti con i Rockets) Hakeem Olajuwon, anche lui allo stadio per tifare Houston, che affrontava i San Francisco 49ers. n realtà la Biles non ha portato molta fortuna ai Texans, sconfitti per 26-16 e privati, nel corso dell'incontro, del quarterback titolare, Tom Savage, costretto a uscire dopo aver preso un colpo in testa.

14:05Cause di favore per amici, arrestato magistrato

(ANSA) - NAPOLI, 11 DIC - Il giudice Mario Pagano, già magistrato del Tribunale di Salerno, attualmente in servizio presso il Tribunale di Reggio Calabria, è agli arresti domiciliari al termine di indagini disposte e coordinate dalla Procura di Napoli. Secondo la Procura, Pagano "si sarebbe adoperato nel tempo per favorire imprenditori ai quali era legato da consolidati rapporti di amicizia, trattando cause riferibili a tali amici con esito favorevole per questi ultimi" e "ricevendo dagli imprenditori utilità varie".Pagano è uno dei sette destinatari delle ordinanze cautelari disposte dal Gip di Napoli: due ai domiciliari, quattro applicative del divieto di dimora ed una applicativa dell'obbligo di dimora. Ai domiciliari anche il funzionario giudiziario Nicola Domenico Montone. Divieto di dimora nei confronti degli imprenditori Luigi Celestre Angrisani, Riccardo De Falco, Giovanni Di Iura e Roberto Leone ed infine obbligo di dimora nel comune di residenza nei confronti del consulente fiscale Antonio Piluso.

14:05India: Rahul Gandhi presidente eletto partito del Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Rahul Gandhi è diventato oggi a New Delhi il nuovo presidente eletto dello storico partito del Congresso indiano (Inc), attualmente all'opposizione. Lo ha annunciato il presidente della Commissione centrale elettorale di questa formazione politica, Mullappally Ramachandran. L'elezione del figlio di Sonia Gandhi, che ha 47 anni e non è sposato, è divenuta automatica perché alla scadenza odierna della presentazione delle candidature per l'incarico, nessun'altra personalità del partito si è fatta avanti. Si tratta del sesto membro della famiglia Nehru-Gandhi (solo lontanamente imparentata con il Mahatma) ad assumere l'importante carica. Gli altri cinque sono stati: Motilal Nehru, Jawaharlal Nehru, Indira Gandhi, Rajiv Gandhi e Sonia Gandhi. Quest'ultima è stata la più longeva, mantenendo la presidenza per 19 anni. La trasmissione del comando fra madre e figlio, si è infine appreso, avverrà il prossimo 16 dicembre.

14:04Cancellato volo Francoforte-Orio

(ANSA) - BERGAMO, 11 DIC - Duecento passeggeri sono rimasti bloccati a Francoforte dopo che ieri sera un volo Ryanair diretto a Orio al Serio è stato cancellato per le avverse condizioni meteo. Ora i passeggeri, tra cui molti italiani, non sanno quando riusciranno a tornare. Il servizio di assistenza di Ryanair infatti ha confermato che il volo successivo, quello in programma oggi alla stessa ora, è già al completo e forse si libereranno solo 10 posti. Alcuni passeggeri hanno contattato il numero dell'assistenza della compagnia lowcost, senza ottenere risposta.

Archivio Ultima ora