Italia fuori dalla recessione nel 2014, ma più lenta nel 2015

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Italia fuori dalla recessione nel 2014

Italia fuori dalla recessione nel 2014

ROMA. – Un anno in più di crescita, uno in meno di recessione. Il 2014 è stato il punto di svolta per l’economia italiana, ma l’annuncio arriva solo oggi, a quasi due anni di distanza. Il Pil è cresciuto dello 0,1%, percentuale minima, ma comunque positiva rispetto al -0,3% calcolato a marzo scorso. Come previsto all’inizio di autunno, l’Istat ha rifatto i calcoli sui conti nazionali dell’ultimo triennio, rimettendo in ordine le rilevazioni e rivedendo al ribasso la stima sull’andamento del Pil del 2015 e al rialzo, di molto, quella del 2014.

Fino a ieri, la seconda ondata di crisi sembrava aver mandato a fondo l’economia italiana per tre anni consecutivi dal 2012 al 2014. Ma rifatti i conti, così non è stato. Anzi, da tre anni a questa parte l’economia sta crescendo ininterrottamente.

“La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa – ha aggiunto – le cose stavano peggio in Italia: il segno del pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi in Italia il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti”.

Il governo, ha poi spiegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, farà una manovra che spingerà la crescita: ”le risorse sono poche perché il governo continua a consolidare la finanza pubblica, riducendo il deficit e abbassando il debito, ma quelle poche risorse saranno soprattutto concentrate per sostenere gli investimenti pubblici e privati e quindi la crescita e le prospettive di occupazione”, ha detto al Tg1.

L’Italia, secondo i nuovi dati Istat, è uscita dalla recessione con un anno di anticipo, proprio nel 2014, proprio, sottolinea il governo, quando sono entrati in carica Matteo Renzi e i suoi ministri e proprio quando è stato approvato il primo provvedimento di impatto nella strategia dell’esecutivo: il decreto Irpef sugli 80 euro.

“Il primo anno di ripresa coincide con l’insediamento di questo governo”, hanno spiegato al Mef e, in vista della messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e della manovra, il governo si sente ora incoraggiato “a proseguire nella direzione intrapresa”.

Stando alle tabelle dell’Istat sul 2014, più che la spesa delle famiglie, ad influire sul Pil sono state soprattutto le scorte e ad andare meglio del previsto, o forse meno peggio, sono stati gli investimenti (rivisti da -3,4% a -3,0%) e la spesa delle amministrazioni pubbliche.

I consumi delle famiglie sono invece aumentati più del previsto nel 2015, passando dalla stima preliminare di +0,9% all’aggiornata +1,5%. Lo scorso anno i consumi finali nazionali, quelli che comprendono anche la spesa della p.a., sono andati complessivamente meglio e così è stato anche per gli investimenti fissi lordi.

Tuttavia, il dato, arrotondato al rialzo all’inizio dell’anno, è stato stavolta ritoccato al ribasso, da +0,8% a +0,7%. In termini assoluti, il Pil è però arrivato in ogni caso a un livello più alto, ad oltre 1.642 miliardi di euro rispetto ai 1.636 stimati in primavera, proprio perché la base di partenza del 2014 risulta ora più elevata. Le revisioni del Pil hanno lasciato invariato il deficit al 2,6% nel 2015, ma hanno portato ad un aggiustamento al ribasso del debito.

Nel 2014 il rapporto col Pil è cresciuto dunque meno del previsto e si è attestato al 131,8% contro il 132,5% stimato. Lo stesso per il 2015: dal 132,7% stimato si è scesi al 132,2%. La palla passa ora ai tecnici del Tesoro, alle prese con la Nota di aggiornamento del Def. Difficile indovinare dove possa fermarsi l’asticella ma, dopo Confindustria e Ocse, oggi anche Prometeia ha tagliato le previsioni per il 2016 ad una crescita dello 0,7%.

Numeri giudicati dall’esecutivo “non soddisfacenti” ma che comunque si mantengono in positivo. “La strada è ancora davvero molto lunga eppure ce la possiamo fare”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa le cose stavano peggio: il segno del Pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi – ha insistito – il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti. La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”.

Il 3 ottobre l’Istat renderà noti i dati del terzo trimestre ma intanto dalla Francia arriva la lettura finale del secondo trimestre, chiusosi a -0,1%. Segnale negativo a cui si somma anche quello dell’indice Pmi composito dell’Eurozona: a settembre l’indicatore che monitora l’andamento dell’attività manifatturiera e dei servizi è sceso ai minimi da 20 mesi.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

00:46Pallavolo: Superlega, vincono Trento e Perugia

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Risultati della 25/a giornata, 13/a di ritorno, del campionato di Superlega di pallavolo. Revivre Milano-Sir Safety Conad Perugia 0-3 (17-25, 17-25,23-25); Diatec Trentino-Exprivia Molfetta 3-0 (25-14, 25-18, 25-23); Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Top Volley Latina 3-1 (27-25, 29-27, 20-25, 25-23); Calzedonia Verona-Kioene Padova 3-0 (25-15, 25-19, 25-20); LPR Piacenza-Gi Group Monza 2-3 (18-25, 22-25, 28-26, 25-17, 12-15); Biosì Indexa Sora-Bunge Ravenna 0-3 (21-25, 20-25, 18-25); Cucine Lube Civitanova-Azimut Modena domani. Classifica: Civitanova 64 punti; Trento e Perugia 59; Modena e Verona 50; Piacenza 40; Monza 34; Ravenna 32; Vibo Valentia 29; Latina 26; Molfetta e Sora 20; Padova 19; Milano 15. Civitanova e Modena una partita in meno.

00:37Champions: Allegri “Juve paziente e brava,prova di maturità”

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Non è la realizzazione di un sogno: abbiamo fatto una buona partita, soprattutto sul piano della personalità. Dopo i primi cinque minuti di leggera sofferenza abbiamo preso la partita in mano. I ragazzi sono stati bravi, pazienti". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, a Premium dopo la bella vittoria sul Porto. Soddisfazione personale dopo le vicende degli ultimi giorni? "Normale che nell'arco della stagione ci siano dei momenti di tensione - risponde riferendosi alla vicenda Bonucci - sennò ci annoieremmo: diciamo che questa vittoria è arrivata nel momento giusto e nel modo giusto. Siamo entrati nel momento più importante della stagione: dobbiamo affrontare questo momento con entusiasmo, voglia, spensieratezza e incoscienza. Abbiamo ancora ampi margini di miglioramento, ma i ragazzi stasera hanno dato prova di grande maturità".

00:21Champions: Pjaca “più contento del risultato che del gol”

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Sono molto contento. Per noi è una vittoria importante: il gol mi fa felice, ma sono più contento del risultato della squadra. Anche a Torino, però, dovremo giocare seriamente: partire dal 2 a 0 ottenuto qui è un bel vantaggio, ma non dovremo avere cali di concentrazione". Così Marko Pjaca ai microfoni di Premium dopo la partita al 'Do Dragao'. "Se mi sento più titolare? Rispetto le decisioni del mister, io cerco di fare sempre il meglio tutte le volte che vengo chiamato in causa", ha concluso.

00:14Calcio: Champions League, Siviglia-Leicester 2-1

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Siviglia-Leicester 2-1 (1-0) nell'incontro di andata degli ottavi di finale di Champions League disputato in Spagna. Le reti: Sarabia al 25', Correa al 62', Vardy al 73'. Il ritorno il 14 marzo in Inghilterra.

00:07Calcio: Champions League, Porto-Juventus 0-2

(ANSA) - OPORTO (PORTOGALLO), 22 FEB -La Juventus batte il Porto 2-0 nell'andata degli ottavi di finale di Champions League ipotecando il passaggio del turno. Buon primo tempo della squadra di Allegri che si rende pericolosa con Dybala al 23' dopo una combinazione con Khedira e Higuain. Il Porto rimane in 10 al 27' per l'espulsione dell'ex interista Alex Telles che rimedia due cartellini gialli in un minuto. La Juve insiste e va vicina al gol prima con Cuadrado e poi con Khedira. Al 39' Casillas salva su Higuain e al 45' Dybala coglie un palo con un sinistro da fuori area. ll Porto si fa vedere dalle parti di Buffon solo al 48' con un colpo di testa di Herrera. La Juve, agevolata dalla superiorità numerica, continua a fare la partita, al 60' una conclusione di Khedira si spegne sul fondo poi ci prova Higuain. Al 72' i bianconeri sbloccano il risultato con Pjaca, entrato 5' prima al posto di Cuadrado. Due minuti dopo il raddoppio di Dani Alves, che aveva appena sostituito Lichtsteiner. Ritorno allo Juventus Stadium il 14 marzo.

23:50Gay: Iene, revocato finanziamento 55mila euro Andoss

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Con un provvedimento del Capo Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Giovanna Boda,è stata avviata la procedura di annullamento solo per l'associazione Anddos dei finanziamenti relativi al bando oggetto di polemiche. Lo comunicano le Iene sui loro account Facebook e Twitter specificando che l'annuncio é stato dato loro dal sottosegretario alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi. Di fatto questo significa la revoca del finanziamento di 55mila euro alla sola associazione Andoss.

23:47Prescritta violenza bimba, Orlando: scuse a nome Stato

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Chiedo scusa a nome dello Stato, anche se naturalmente il Ministero non ha dirette competenze. In fondo rappresentiamo complessivamente il sistema giustizia e se succedono questi episodi non possiamo che, con poche parole, scusarci". Lo dichiara a Matrix Andrea Orlando, ministro della Giustizia, a seguito della prescrizione del reato di abusi sessuali a danno di una bambina, avvenuto 20 anni fa e andato in prescrizione nei giorni scorsi a Torino. "Ho disposto un'ispezione per ricostruire la dinamica che ha portato a questo tremendo risultato per lo Stato e per le persone coinvolte".

Archivio Ultima ora