Italia fuori dalla recessione nel 2014, ma più lenta nel 2015

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Italia fuori dalla recessione nel 2014

Italia fuori dalla recessione nel 2014

ROMA. – Un anno in più di crescita, uno in meno di recessione. Il 2014 è stato il punto di svolta per l’economia italiana, ma l’annuncio arriva solo oggi, a quasi due anni di distanza. Il Pil è cresciuto dello 0,1%, percentuale minima, ma comunque positiva rispetto al -0,3% calcolato a marzo scorso. Come previsto all’inizio di autunno, l’Istat ha rifatto i calcoli sui conti nazionali dell’ultimo triennio, rimettendo in ordine le rilevazioni e rivedendo al ribasso la stima sull’andamento del Pil del 2015 e al rialzo, di molto, quella del 2014.

Fino a ieri, la seconda ondata di crisi sembrava aver mandato a fondo l’economia italiana per tre anni consecutivi dal 2012 al 2014. Ma rifatti i conti, così non è stato. Anzi, da tre anni a questa parte l’economia sta crescendo ininterrottamente.

“La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa – ha aggiunto – le cose stavano peggio in Italia: il segno del pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi in Italia il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti”.

Il governo, ha poi spiegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, farà una manovra che spingerà la crescita: ”le risorse sono poche perché il governo continua a consolidare la finanza pubblica, riducendo il deficit e abbassando il debito, ma quelle poche risorse saranno soprattutto concentrate per sostenere gli investimenti pubblici e privati e quindi la crescita e le prospettive di occupazione”, ha detto al Tg1.

L’Italia, secondo i nuovi dati Istat, è uscita dalla recessione con un anno di anticipo, proprio nel 2014, proprio, sottolinea il governo, quando sono entrati in carica Matteo Renzi e i suoi ministri e proprio quando è stato approvato il primo provvedimento di impatto nella strategia dell’esecutivo: il decreto Irpef sugli 80 euro.

“Il primo anno di ripresa coincide con l’insediamento di questo governo”, hanno spiegato al Mef e, in vista della messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e della manovra, il governo si sente ora incoraggiato “a proseguire nella direzione intrapresa”.

Stando alle tabelle dell’Istat sul 2014, più che la spesa delle famiglie, ad influire sul Pil sono state soprattutto le scorte e ad andare meglio del previsto, o forse meno peggio, sono stati gli investimenti (rivisti da -3,4% a -3,0%) e la spesa delle amministrazioni pubbliche.

I consumi delle famiglie sono invece aumentati più del previsto nel 2015, passando dalla stima preliminare di +0,9% all’aggiornata +1,5%. Lo scorso anno i consumi finali nazionali, quelli che comprendono anche la spesa della p.a., sono andati complessivamente meglio e così è stato anche per gli investimenti fissi lordi.

Tuttavia, il dato, arrotondato al rialzo all’inizio dell’anno, è stato stavolta ritoccato al ribasso, da +0,8% a +0,7%. In termini assoluti, il Pil è però arrivato in ogni caso a un livello più alto, ad oltre 1.642 miliardi di euro rispetto ai 1.636 stimati in primavera, proprio perché la base di partenza del 2014 risulta ora più elevata. Le revisioni del Pil hanno lasciato invariato il deficit al 2,6% nel 2015, ma hanno portato ad un aggiustamento al ribasso del debito.

Nel 2014 il rapporto col Pil è cresciuto dunque meno del previsto e si è attestato al 131,8% contro il 132,5% stimato. Lo stesso per il 2015: dal 132,7% stimato si è scesi al 132,2%. La palla passa ora ai tecnici del Tesoro, alle prese con la Nota di aggiornamento del Def. Difficile indovinare dove possa fermarsi l’asticella ma, dopo Confindustria e Ocse, oggi anche Prometeia ha tagliato le previsioni per il 2016 ad una crescita dello 0,7%.

Numeri giudicati dall’esecutivo “non soddisfacenti” ma che comunque si mantengono in positivo. “La strada è ancora davvero molto lunga eppure ce la possiamo fare”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa le cose stavano peggio: il segno del Pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi – ha insistito – il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti. La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”.

Il 3 ottobre l’Istat renderà noti i dati del terzo trimestre ma intanto dalla Francia arriva la lettura finale del secondo trimestre, chiusosi a -0,1%. Segnale negativo a cui si somma anche quello dell’indice Pmi composito dell’Eurozona: a settembre l’indicatore che monitora l’andamento dell’attività manifatturiera e dei servizi è sceso ai minimi da 20 mesi.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

20:42Barcellona: Verona chiude piazza Bra con barriere cemento

(ANSA) - VERONA, 18 AGO - Immediato rafforzamento delle misure di sicurezza a Verona, dopo l'attentato di Barcellona, con posizionamento nella centralissima Piazza Bra di una serie di 'new jersey' in cemento destinati a restare fissi fino al termine della stagione lirica e dei concerti in Arena, ad ottobre. La decisione è stata assunta oggi dal Comitato provinciale per la sicurezza e l'ordine pubblico. Verona aveva già sperimentato in passato l'installazione temporanea delle barriere e dei blocchi in cemento, per prevenire eventuali atti terroristici. Piazza Bra e l'anfiteatro dell'Arena sono meta di migliaia di visitatori ogni giorno. I new jersey fissi in cemento armato permetteranno di realizzare alcuni varchi presidiati da pattuglie dell'Esercito e della Polizia locale mentre nella piazza saranno potenziati i servizi delle unità antiterrorismo della Polizia e dei Carabinieri. (ANSA).

20:36Allerta Protezione Civile per temporali al Nord

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il transito di una perturbazione di origine atlantica sul nostro Paese determinerà, nelle prossime ore, condizioni di instabilità sui settori alpini, in progressiva estensione alle restanti regioni settentrionali, con fenomeni localmente intensi. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L'allerta prevede dal tardo pomeriggio di oggi precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Piemonte e Valle D'Aosta, in progressiva estensione a Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Veneto. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani allerta gialla su Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Valle D'Aosta, Veneto, Piemonte settentrionale e sui settori centro orientali della Lombardia.

20:36Bagnanti sardi difendono ambulante africano a Cagliari

(ANSA) - CAGLIARI, 18 AGO - Una trentina di bagnanti cagliaritani ha fatto cordone impedendo il pestaggio di un giovanissimo ambulante senegalese da parte di alcune coppie di turisti campani che si trovavano alla prima fermata del Poetto, la spiaggia di Cagliari. E' accaduto dopo le 17, nei pressi dello stabilimento Le Palmette. A causa di futili motivi il gruppetto di turisti - una decina e tutti adulti sulla cinquantina - avrebbe iniziato ad urlare contro l'ambulante, richiamando l'attenzione degli altri bagnanti. Il clima si è subito infuocato: gli aggressori avrebbero anche preso i bastoni di alcuni ombrelloni, dirigendosi verso il malcapitato ambulante. A quel punto una trentina di bagnanti del luogo si è frapposto, facendo cordone attorno al ragazzo. Il gruppetto di turisti è così andato via prima che sul posto arrivasse una pattuglia della Polizia chiamata dalle persone che hanno assistito al tentativo di aggressione.

20:28Barcellona: Malagò, 1′ silenzio nello sport italiano

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Nell'esprimere il proprio cordoglio alle famiglie, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha invitato le Federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate e gli enti di promozione sportiva a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive che si disputeranno in Italia nel fine settimana per onorare la memoria di Bruno Gulotta e Luca Russo e di tutte le vittime dell'attentato terroristico avvenuto ieri a Barcellona, in Spagna". Lo rende noto un comunicato del Coni.

20:24Barcellona, Digos Viterbo: nessun mistero in vacanza Driss

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Driss Oukabir, fratello 28enne del presunto autista killer della strage di Barcellona, Moussa Oukabir, ha trascorso in tutto una decina di giorni in provincia di Viterbo a fine agosto del 2014, ma non ci sono misteri sulla sua permanenza. A confermarlo é Monia Morelli, dirigente della Digos di Viterbo che ha sentito la donna, una 40enne viterbese, che invitò il giovane e gli pagò il viaggio dopo averlo conosciuto a Barcellona. Gli accertamenti non hanno evidenziato alcun legame con gli attentati di ieri in Catalogna. Il furgone usato per investire le vittime sulla Rambla sarebbe stato noleggiato con i documenti di Driss Oukabir, che ne ha denunciato il furto dopo l'eccidio.

20:24Russia: Putin e Medvedev in Crimea

(ANSA) - MOSCA, 18 AGO - E' iniziata la visita di Vladimir Putin in Crimea, la penisola sul Mar Nero che la Russia si è annessa nel marzo del 2014. Accompagnato dal premier Dmitri Medvedev, il presidente russo ha visitato una scuola a Sebastopoli, incontrando genitori e docenti. Poi Putin ha visitato una mostra dal titolo 'La storia di Cherson durante l'epoca classica'. Cherson (Khersones in russo) è il luogo in cui nel 988 il principe Vladimir venne battezzato per poter poi sposare la sorella dell'imperatore bizantino, Anna Porfirogenita. Tornato a Kiev, Vladimir ordinò agli abitanti di recarsi sul fiume Dnipro per ricevere il battesimo introducendo così la religione cristiana tra i suoi sudditi. Putin rende anche omaggio ai militari sovietici della 35esima batteria di difesa costiera che combatterono contro le truppe naziste, deponendo fiori davanti al memoriale dedicato a loro assieme ai centauri filo-Cremlino del gruppo 'Lupi della Notte'. In serata il presidente russo assisterà al festival 'Opera a Cherson'.

20:23Barcellona:solo nome città sulla maglia per Messi e compagni

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - I giocatori del Barcellona indosseranno una maglia particolare, contrassegnata dalla scritta 'Barcelona' al posto del nome del giocatore che la veste, per onorare la vittime della strage delle 'Ramblas' e di Cambrils, nella prima partita della Liga in programma domenica alle 20,15 nel Camp Nou contro il Betis Siviglia. E' stato lo stesso club catalano a rivelarlo, con un comunicato. Il Barcellona, prima di portare avanti quest'iniziativa, ha ricevuto una delega speciale dalla Rfef. Inoltre, il club blaugrana ha lanciato l'hashtag con lo slogan #TotsSomBarcelona, che apparirà sul petto di ogni calciatore. Inoltre, tutti i calciatori impegnati nelle partite della prima giornata della Liga, che partirà stasera, indosseranno il lutto al braccio.

Archivio Ultima ora