Italia fuori dalla recessione nel 2014, ma più lenta nel 2015

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Italia fuori dalla recessione nel 2014

Italia fuori dalla recessione nel 2014

ROMA. – Un anno in più di crescita, uno in meno di recessione. Il 2014 è stato il punto di svolta per l’economia italiana, ma l’annuncio arriva solo oggi, a quasi due anni di distanza. Il Pil è cresciuto dello 0,1%, percentuale minima, ma comunque positiva rispetto al -0,3% calcolato a marzo scorso. Come previsto all’inizio di autunno, l’Istat ha rifatto i calcoli sui conti nazionali dell’ultimo triennio, rimettendo in ordine le rilevazioni e rivedendo al ribasso la stima sull’andamento del Pil del 2015 e al rialzo, di molto, quella del 2014.

Fino a ieri, la seconda ondata di crisi sembrava aver mandato a fondo l’economia italiana per tre anni consecutivi dal 2012 al 2014. Ma rifatti i conti, così non è stato. Anzi, da tre anni a questa parte l’economia sta crescendo ininterrottamente.

“La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa – ha aggiunto – le cose stavano peggio in Italia: il segno del pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi in Italia il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti”.

Il governo, ha poi spiegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, farà una manovra che spingerà la crescita: ”le risorse sono poche perché il governo continua a consolidare la finanza pubblica, riducendo il deficit e abbassando il debito, ma quelle poche risorse saranno soprattutto concentrate per sostenere gli investimenti pubblici e privati e quindi la crescita e le prospettive di occupazione”, ha detto al Tg1.

L’Italia, secondo i nuovi dati Istat, è uscita dalla recessione con un anno di anticipo, proprio nel 2014, proprio, sottolinea il governo, quando sono entrati in carica Matteo Renzi e i suoi ministri e proprio quando è stato approvato il primo provvedimento di impatto nella strategia dell’esecutivo: il decreto Irpef sugli 80 euro.

“Il primo anno di ripresa coincide con l’insediamento di questo governo”, hanno spiegato al Mef e, in vista della messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e della manovra, il governo si sente ora incoraggiato “a proseguire nella direzione intrapresa”.

Stando alle tabelle dell’Istat sul 2014, più che la spesa delle famiglie, ad influire sul Pil sono state soprattutto le scorte e ad andare meglio del previsto, o forse meno peggio, sono stati gli investimenti (rivisti da -3,4% a -3,0%) e la spesa delle amministrazioni pubbliche.

I consumi delle famiglie sono invece aumentati più del previsto nel 2015, passando dalla stima preliminare di +0,9% all’aggiornata +1,5%. Lo scorso anno i consumi finali nazionali, quelli che comprendono anche la spesa della p.a., sono andati complessivamente meglio e così è stato anche per gli investimenti fissi lordi.

Tuttavia, il dato, arrotondato al rialzo all’inizio dell’anno, è stato stavolta ritoccato al ribasso, da +0,8% a +0,7%. In termini assoluti, il Pil è però arrivato in ogni caso a un livello più alto, ad oltre 1.642 miliardi di euro rispetto ai 1.636 stimati in primavera, proprio perché la base di partenza del 2014 risulta ora più elevata. Le revisioni del Pil hanno lasciato invariato il deficit al 2,6% nel 2015, ma hanno portato ad un aggiustamento al ribasso del debito.

Nel 2014 il rapporto col Pil è cresciuto dunque meno del previsto e si è attestato al 131,8% contro il 132,5% stimato. Lo stesso per il 2015: dal 132,7% stimato si è scesi al 132,2%. La palla passa ora ai tecnici del Tesoro, alle prese con la Nota di aggiornamento del Def. Difficile indovinare dove possa fermarsi l’asticella ma, dopo Confindustria e Ocse, oggi anche Prometeia ha tagliato le previsioni per il 2016 ad una crescita dello 0,7%.

Numeri giudicati dall’esecutivo “non soddisfacenti” ma che comunque si mantengono in positivo. “La strada è ancora davvero molto lunga eppure ce la possiamo fare”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa le cose stavano peggio: il segno del Pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi – ha insistito – il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti. La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”.

Il 3 ottobre l’Istat renderà noti i dati del terzo trimestre ma intanto dalla Francia arriva la lettura finale del secondo trimestre, chiusosi a -0,1%. Segnale negativo a cui si somma anche quello dell’indice Pmi composito dell’Eurozona: a settembre l’indicatore che monitora l’andamento dell’attività manifatturiera e dei servizi è sceso ai minimi da 20 mesi.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

14:44Nave Caronte urta molo a Messina, un marinaio ferito

(ANSA) - MESSINA, 23 MAR - "La nave traghetto 'Telepass' della Caronte & Tourist, stamattina mentre stava facendo la spola tra la Calabria e la costa messinese ha avuto un black out e ha urtato la banchina del molo a Messina. L'impatto comunque non è stato violento". Ferito un marinaio. A dirlo l'amministratore delegato di Caronte & Tourist Vincenzo Franza spiegando l'incidente avuto stamani da parte di una delle sue navi a Messina. "Quando si ha un black out - prosegue - si spegne tutto il tempo e si riavvia subito il motore, ma la nave era troppo prossima all'ormeggio anche se praticamente ferma e l'impatto è stato inevitabile. L'equipaggio ha dato fondo ad una delle ancore, la procedura prevista in questi casi, ma non si è potuto evitare l'impatto. Poi si sono poi riaccesi i motori e la nave è stata riposizionata e i passeggeri sono stati fatti scendere".

14:39Attacco Londra: Papa, dolore per vite perse

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 MAR - Il Papa, "profondamente addolorato per la perdita di vite e per i feriti causati dall'attentato nel centro di Londra", "esprime la propria orante solidarietà a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia". "Raccomandando i morti alla misericordia di Dio onnipotente", Papa Francesco "invoca divina fortezza e pace sulle famiglie colpite e assicura alla nazione la sua preghiera in questa occasione". Lo afferma in un telegramma inviato al cardinale Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster.

14:38Bruciore agli occhi e nausea, venti studenti all’ospedale

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 23 MAR - Una scuola media di Riccione è stata evacuata questa mattina dai vigili del fuoco. Intorno alle 10.30 alcuni studenti hanno iniziato a sentirsi male, accusando bruciore agli occhi, eruzioni cutanee e nausea. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco specializzati in questo tipo di emergenze, i tecnici di Arpae e i mezzi del 118. Una ventina di studenti è stata portata in pronto soccorso, ma nessuno è in gravi condizioni. Sono in corso accertamenti. (ANSA).

14:24Attacco Londra: Galantino, la risposta non è alzare muri

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Fatti di questo tipo ci riportano nella paura: l'importante è evitare semplificazioni e non convincerci che questi problemi si risolvano alzando i muri". Lo ha detto il segretario della Cei, mons. Nunzio Galantino, commentando i fatti di Londra a margine di una conferenza stampa. "Questi delinquenti - ha aggiunto a proposito dei terroristi - mostrano di non aver voglia di venire qui con i barconi".

14:18Di Maio, niente alleanze, M5s chiederà fiducia sul programma

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Consiglio a tutti quelli che mi chiedono di alleanze di eliminare questo termine dal futuro politico dell'Italia. Se vinceremo chiederemo una fiducia che si basa su un programma, chi vorrà darcela potrà partecipare alla creazione di un'Italia differente ma senza aspettarsi tornaconti". Così Luigi Di Maio, nel corso della presentazione delle proposte sull'Ue del M5S, risponde ad una domanda sull'ipotesi di alleanze se il Movimento andrà al Governo.

14:11Renzi, non subalterni a giustizialismo manettaro del M5s

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Da parte della politica c'è stato un atteggiamento culturalmente subalterno al grillismo per cui se c'è un avviso di garanzia devi dimetterti. Il mio governo - e ne sono orgoglioso - è andato in Aula, su Bubbico che ora è in Mdp, a dire che non si chiedono le dimissioni di chi è indagato: è un fatto di civiltà giuridica. Non accetto la cultura grillina, garantista a giorni alterni se è indagata la Raggi, o l'ondata giustizialista tipica di un atteggiamento manettaro. Quelli che volevano i lodi per sfangare i processi erano gli altri". Lo dice Matteo Renzi a Corriere Live.

14:06Calcio: Crotone, il presidente Vrenna lascia il club

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Raffaele Vrenna si dimette dalla carica di presidente dell'Fc Crotone e lascia la società, dopo averne rilevato la proprietà nel 1992 e, in soli sette anni, averla condotta in Serie B partendo dalla prima categoria fino ad arrivare alla storica promozione in A. "Per una diversa visione sulla gestione e sulle strategie di sviluppo aziendali - scrive Vrenna sul sito della società - lascio l'Fc Crotone. Lo faccio dopo 25 anni con molta tristezza. Con questa squadra ho vissuto stagioni incredibili e compiuto un'impresa che rimarrà nella storia del calcio non soltanto crotonese, tanto che la nostra promozione in A è stata accostata alla conquista della Premier League da parte del Leicester. Chi conosce Crotone sa che è una piccola città, ma con un grande cuore e una grande tifoseria. Desidero ringraziare tutte le persone che hanno lavorato con me in questi anni contribuendo ai successi ottenuti". La società, adesso, dovrebbe passare al fratello di Raffaele Vrenna, Gianni, socio insieme a Raffaele Marino.

Archivio Ultima ora