Italia fuori dalla recessione nel 2014, ma più lenta nel 2015

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Italia fuori dalla recessione nel 2014

Italia fuori dalla recessione nel 2014

ROMA. – Un anno in più di crescita, uno in meno di recessione. Il 2014 è stato il punto di svolta per l’economia italiana, ma l’annuncio arriva solo oggi, a quasi due anni di distanza. Il Pil è cresciuto dello 0,1%, percentuale minima, ma comunque positiva rispetto al -0,3% calcolato a marzo scorso. Come previsto all’inizio di autunno, l’Istat ha rifatto i calcoli sui conti nazionali dell’ultimo triennio, rimettendo in ordine le rilevazioni e rivedendo al ribasso la stima sull’andamento del Pil del 2015 e al rialzo, di molto, quella del 2014.

Fino a ieri, la seconda ondata di crisi sembrava aver mandato a fondo l’economia italiana per tre anni consecutivi dal 2012 al 2014. Ma rifatti i conti, così non è stato. Anzi, da tre anni a questa parte l’economia sta crescendo ininterrottamente.

“La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa – ha aggiunto – le cose stavano peggio in Italia: il segno del pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi in Italia il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti”.

Il governo, ha poi spiegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, farà una manovra che spingerà la crescita: ”le risorse sono poche perché il governo continua a consolidare la finanza pubblica, riducendo il deficit e abbassando il debito, ma quelle poche risorse saranno soprattutto concentrate per sostenere gli investimenti pubblici e privati e quindi la crescita e le prospettive di occupazione”, ha detto al Tg1.

L’Italia, secondo i nuovi dati Istat, è uscita dalla recessione con un anno di anticipo, proprio nel 2014, proprio, sottolinea il governo, quando sono entrati in carica Matteo Renzi e i suoi ministri e proprio quando è stato approvato il primo provvedimento di impatto nella strategia dell’esecutivo: il decreto Irpef sugli 80 euro.

“Il primo anno di ripresa coincide con l’insediamento di questo governo”, hanno spiegato al Mef e, in vista della messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e della manovra, il governo si sente ora incoraggiato “a proseguire nella direzione intrapresa”.

Stando alle tabelle dell’Istat sul 2014, più che la spesa delle famiglie, ad influire sul Pil sono state soprattutto le scorte e ad andare meglio del previsto, o forse meno peggio, sono stati gli investimenti (rivisti da -3,4% a -3,0%) e la spesa delle amministrazioni pubbliche.

I consumi delle famiglie sono invece aumentati più del previsto nel 2015, passando dalla stima preliminare di +0,9% all’aggiornata +1,5%. Lo scorso anno i consumi finali nazionali, quelli che comprendono anche la spesa della p.a., sono andati complessivamente meglio e così è stato anche per gli investimenti fissi lordi.

Tuttavia, il dato, arrotondato al rialzo all’inizio dell’anno, è stato stavolta ritoccato al ribasso, da +0,8% a +0,7%. In termini assoluti, il Pil è però arrivato in ogni caso a un livello più alto, ad oltre 1.642 miliardi di euro rispetto ai 1.636 stimati in primavera, proprio perché la base di partenza del 2014 risulta ora più elevata. Le revisioni del Pil hanno lasciato invariato il deficit al 2,6% nel 2015, ma hanno portato ad un aggiustamento al ribasso del debito.

Nel 2014 il rapporto col Pil è cresciuto dunque meno del previsto e si è attestato al 131,8% contro il 132,5% stimato. Lo stesso per il 2015: dal 132,7% stimato si è scesi al 132,2%. La palla passa ora ai tecnici del Tesoro, alle prese con la Nota di aggiornamento del Def. Difficile indovinare dove possa fermarsi l’asticella ma, dopo Confindustria e Ocse, oggi anche Prometeia ha tagliato le previsioni per il 2016 ad una crescita dello 0,7%.

Numeri giudicati dall’esecutivo “non soddisfacenti” ma che comunque si mantengono in positivo. “La strada è ancora davvero molto lunga eppure ce la possiamo fare”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa le cose stavano peggio: il segno del Pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi – ha insistito – il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti. La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”.

Il 3 ottobre l’Istat renderà noti i dati del terzo trimestre ma intanto dalla Francia arriva la lettura finale del secondo trimestre, chiusosi a -0,1%. Segnale negativo a cui si somma anche quello dell’indice Pmi composito dell’Eurozona: a settembre l’indicatore che monitora l’andamento dell’attività manifatturiera e dei servizi è sceso ai minimi da 20 mesi.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

16:39Gambia: Onu, 45mila fuggiti in Senegal per tensioni

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Circa 45 mila persone sono arrivate in Senegal in fuga dalla situazione di continua incertezza politica in Gambia, mentre le truppe del Senegal e dell'Africa Occidentale entravano ieri nel Paese. Lo rende noto l'agenzia per i rifugiati Onu (Unhcr). In Senegal sono arrivate persone di diverse nazionalità, fra cui gambiani, senegalesi, ghanesi, liberiani, guineani e mauritani. I prossimi giorni saranno cruciali - precisa l'Unhcr -, considerato che altre persone potrebbero fuggire se l'attuale situazione non si risolverà al più presto in modo pacifico. Oltre il 75% degli arrivi è costituito da minori, per la maggior parte accompagnati da donne. Hanno trovato sistemazione presso parenti, in hotel o famiglie ospitanti. Le autorità senegalesi hanno predisposto piani per la distribuzione di viveri e altri beni di prima necessità per un massimo di 100.000 persone.

16:35Trump: legami con Mosca, spuntano intercettazioni

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Non solo possibili transazioni finanziarie dalla Russia agli Stati Uniti. L'Fbi e l'intelligence Usa stanno esaminando anche alcune comunicazioni intercettate dagli investigatori nell'ambito dell'inchiesta sui possibili legami tra il Cremlino e alcuni responsabili della campagna di Donald Trump, compreso il suo ex presidente Paul Manafort. Lo riporta il New York Times, sottolineando come non sia ancora chiaro se queste intercettazioni riguardino direttamente anche il tycoon.

16:33Craxi: Sala, “Prima di dire la mia rifletterò”

(ANSA) - MILANO, 20 GEN - "Io credo che qui ci sia assolutamente libertà di coscienza, ognuno dice la sua e io prima di dire la mia rifletterò". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha commentato le diverse posizioni all'interno della sua Giunta sull'eventualità di intitolare una via a Bettino Craxi. "Io ho solamente ribadito che è un tema che appartiene alla storia di Milano ed è giusto discuterne, però sono ancora molto lontano da esprime un giudizio. Quindi lasciamo che la città e il Consiglio comunale facciano la loro parte" ha spiegato Sala. Il gruppo di FI a Palazzo Marino ha annunciato una mozione per chiedere l'intitolazione di una piazza al leader socialista. "Ci deve essere un dibattito in Consiglio, che ha giustamente la volontà di intervenire su tanti temi significativi. Vediamo se vorrà intervenire anche su questo" ha aggiunto Sala. Sull'argomento è intervenuto il leader della Lega Nord, Matteo Salvini: "Aprire un confronto su Craxi? Ma mi facciano il piacere, con tutte le cose serie che ci sono da fare".

16:26Calcio: Sousa, allenare Kalinic è una gioia

(ANSA) - FIRENZE, 20 GEN - "Ho sempre detto e lo ripeto che allenare giocatori come Kalinic è una gioia per chi fa questo mestiere". Così Paulo Sousa parla dell'attaccante croato da tempo chiacchierato sul mercato, nel mirino dei cinesi del Tianjin. Intanto per domani, in trasferta contro il Chievo, Kalinic mancherà per squalifica, sarà l'occasione per Babacar per confermare di essere pronto se il tecnico viola lo schiererà titolare. Dall'Inghilterra confermano la chiusura dell'acquisto di Zarate per circa 2,5 milioni da parte del Watford di Mazzarri.

16:24Tenta rapina a poliziotto ma lascia curriculum nello scooter

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Era in cerca di lavoro, girava con un curriculum vitae, ma nel frattempo faceva il rapinatore: è stato grazie ai dati contenuti in quei fogli A4, lasciati sotto la sella del suo scooter, che la Polizia è riuscita a rintracciare e arrestate, nella sua abitazione di Napoli, un pregiudicato di 31 anni, Luca Donnarumma, che all'alba ha tentato di rapinare un sovrintendente capo della Polizia di Stato. Donnarumma è entrato in azione in via Salvator Rosa: ha preso di mira una persona in strada - il poliziotto - che stava per salire a bordo della sua auto per recarsi a lavoro. Ne è nata una colluttazione al termine della quale il rapinatore, approfittando della strada in discesa, è comunque riuscito a scappare. L'agente ha fornito un'esatta descrizione sia dell'abbigliamento indossato dal rapinatore sia dello scooter, intercettato a poco distanza. Sotto la sella c'era il curriculum vitae, grazie al quale la Polizia è riuscita a individuare e arrestare il rapinatore.

16:23Calcio: Pioli, concentrati per vincerle tutte

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 GEN - "Champions? Ho l'esperienza necessaria per capire che dobbiamo aspettare la fine della stagione. Ma dobbiamo rimanere concentrati e vincerle tutte": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli in vista della partita con il Palermo. "Insieme a noi - aggiunge - c'e' una società molto forte con grande ambizione. Vogliamo costruire un buon presente che sia base per un grande futuro". L'allenatore ha molte alternative a centrocampo ma non teme che i giocatori possano essere delusi dalle sue scelte: "La squadra viene prima di tutto e i giocatori sono sintonizzati in questa direzione. Sono contento di avere l'imbarazzo della scelta". Il mercato nerazzurro non e' finito: "Mi aspetto delle cessioni oltre a quelle che sono già state fatte".

16:20Calcio: Sarri “Milan cresciuto, sarà difficilissima”

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - "La gara con il Milan ci dirà a che punto siamo noi e loro. Il Milan ha fatto passi in avanti giganteschi negli ultimi mesi, fanno benissimo in casa e hanno ricompattato un ambiente difficile, per noi sarò una gara difficilissima". Maurizio Sari si prepara così al big match con i rossoneri. "Ci saranno momenti in cui dovremo usare il fioretto e altri in cui servirà la sciabola, loro ci creeranno sofferenza ma avremo anche delle opportunità. Dobbiamo essere bravi a interpretare i momenti della partita". Sui singoli, Sarri ha spiegato che "Suso e Bonaventura sono bravi tecnicamente, saltano avversario e ci creeranno difficoltà, sicuramente saranno un punto di pericolo".

Archivio Ultima ora