Italia fuori dalla recessione nel 2014, ma più lenta nel 2015

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Italia fuori dalla recessione nel 2014

Italia fuori dalla recessione nel 2014

ROMA. – Un anno in più di crescita, uno in meno di recessione. Il 2014 è stato il punto di svolta per l’economia italiana, ma l’annuncio arriva solo oggi, a quasi due anni di distanza. Il Pil è cresciuto dello 0,1%, percentuale minima, ma comunque positiva rispetto al -0,3% calcolato a marzo scorso. Come previsto all’inizio di autunno, l’Istat ha rifatto i calcoli sui conti nazionali dell’ultimo triennio, rimettendo in ordine le rilevazioni e rivedendo al ribasso la stima sull’andamento del Pil del 2015 e al rialzo, di molto, quella del 2014.

Fino a ieri, la seconda ondata di crisi sembrava aver mandato a fondo l’economia italiana per tre anni consecutivi dal 2012 al 2014. Ma rifatti i conti, così non è stato. Anzi, da tre anni a questa parte l’economia sta crescendo ininterrottamente.

“La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa – ha aggiunto – le cose stavano peggio in Italia: il segno del pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi in Italia il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti”.

Il governo, ha poi spiegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, farà una manovra che spingerà la crescita: ”le risorse sono poche perché il governo continua a consolidare la finanza pubblica, riducendo il deficit e abbassando il debito, ma quelle poche risorse saranno soprattutto concentrate per sostenere gli investimenti pubblici e privati e quindi la crescita e le prospettive di occupazione”, ha detto al Tg1.

L’Italia, secondo i nuovi dati Istat, è uscita dalla recessione con un anno di anticipo, proprio nel 2014, proprio, sottolinea il governo, quando sono entrati in carica Matteo Renzi e i suoi ministri e proprio quando è stato approvato il primo provvedimento di impatto nella strategia dell’esecutivo: il decreto Irpef sugli 80 euro.

“Il primo anno di ripresa coincide con l’insediamento di questo governo”, hanno spiegato al Mef e, in vista della messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e della manovra, il governo si sente ora incoraggiato “a proseguire nella direzione intrapresa”.

Stando alle tabelle dell’Istat sul 2014, più che la spesa delle famiglie, ad influire sul Pil sono state soprattutto le scorte e ad andare meglio del previsto, o forse meno peggio, sono stati gli investimenti (rivisti da -3,4% a -3,0%) e la spesa delle amministrazioni pubbliche.

I consumi delle famiglie sono invece aumentati più del previsto nel 2015, passando dalla stima preliminare di +0,9% all’aggiornata +1,5%. Lo scorso anno i consumi finali nazionali, quelli che comprendono anche la spesa della p.a., sono andati complessivamente meglio e così è stato anche per gli investimenti fissi lordi.

Tuttavia, il dato, arrotondato al rialzo all’inizio dell’anno, è stato stavolta ritoccato al ribasso, da +0,8% a +0,7%. In termini assoluti, il Pil è però arrivato in ogni caso a un livello più alto, ad oltre 1.642 miliardi di euro rispetto ai 1.636 stimati in primavera, proprio perché la base di partenza del 2014 risulta ora più elevata. Le revisioni del Pil hanno lasciato invariato il deficit al 2,6% nel 2015, ma hanno portato ad un aggiustamento al ribasso del debito.

Nel 2014 il rapporto col Pil è cresciuto dunque meno del previsto e si è attestato al 131,8% contro il 132,5% stimato. Lo stesso per il 2015: dal 132,7% stimato si è scesi al 132,2%. La palla passa ora ai tecnici del Tesoro, alle prese con la Nota di aggiornamento del Def. Difficile indovinare dove possa fermarsi l’asticella ma, dopo Confindustria e Ocse, oggi anche Prometeia ha tagliato le previsioni per il 2016 ad una crescita dello 0,7%.

Numeri giudicati dall’esecutivo “non soddisfacenti” ma che comunque si mantengono in positivo. “La strada è ancora davvero molto lunga eppure ce la possiamo fare”, ha commentato il premier Matteo Renzi. “Venti mesi fa le cose stavano peggio: il segno del Pil e degli occupati non era più, ma era meno, oggi – ha insistito – il meno è diventato più anche se non siamo soddisfatti. La ripresa è un fatto rilevante e oggettivo”.

Il 3 ottobre l’Istat renderà noti i dati del terzo trimestre ma intanto dalla Francia arriva la lettura finale del secondo trimestre, chiusosi a -0,1%. Segnale negativo a cui si somma anche quello dell’indice Pmi composito dell’Eurozona: a settembre l’indicatore che monitora l’andamento dell’attività manifatturiera e dei servizi è sceso ai minimi da 20 mesi.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

13:53Papa:ora nuovi modelli economici,inclusivi e giusti

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 3 DIC - "Rispondere ai livelli globali di ingiustizia promuovendo un senso di responsabilità locale, anzi personale, in modo che nessuno venga escluso dalla partecipazione sociale". Agire ricordando che "il rinnovamento, la purificazione e il rafforzamento di solidi modelli economici dipende dalla nostra personale conversione e generosità verso i bisognosi". Questa la "grande sfida" indicata dal Papa nella udienza agli imprenditori riuniti su "La sfida del 21/o secolo: creare un nuovo patto sociale". Il Papa incoraggia a "cercare vie sempre più creative per trasformare le istituzioni e le strutture economiche in modo che sappiano rispondere ai bisogni di oggi e siano al servizio della persona umana,specialmente di quanti sono emarginati ed esclusi. Prego anche - ha aggiunto - perché possiate coinvolgere nei vostri sforzi coloro che cercate di aiutare; date loro voce, ascoltate le loro storie, imparate dalle loro esperienze e comprendete i loro bisogni. Vedete in loro un fratello e una sorella".

13:46Calcio: 110 anni Torino, gli auguri di Glik

(ANSA) - TORINO, 3 DIC - Twitter si colora di granata per i 110 anni del Torino. Sono tanti i tifosi e gli appassionati di calcio che stanno inviando i loro auguri al club attraverso l'hashtag #AuguriToro. Tra i primi anche Kamil Glik, l'ex capitano ceduto in estate al Monaco. "Grazie di avermi fatto sentire l'orgoglio di vestire questa maglia", scrive il difensore polacco. La società ha invitato i propri sostenitori a cambiare il proprio giorno e mese di nascita nel 3 dicembre per sentirsi vicini alla storia delle loro squadra del cuore.

13:39Sci: Cdm, Fill secondo in discesa Val d’Isere

(ANSA) - VAL D'ISERE (FRANCIA), 3 DIC - Ancora un podio per l'Italsci con Peter Fill, secondo in 1.59.77, nella discesa di Cdm di Val d'Isere, prima della stagione. Per il 34enne altoatesino è il 13/o podio in carriera. Nella passata stagione, primo azzurro della storia, aveva vinto la coppa di discesa. La vittoria - bissando il successo di ieri in superG - è andata ancora al norvegese Kjetil Jansrud in 1.51.91 mentre terzo si è piazzato l'altro norvegese Aksel Svindal in 1.59.84. Per l'Italia ci sono poi Dominik Paris, terzo ieri in superG, settimo in 2.00.56 mentre più indietro e' finito Christof Innerhofer in 2.00.95. Domani tocca allo slalom gigante chiudendo così la tre giorni di gare francesi che recuperavano quelle non disputate negli Usa, a Beaver Creek, per mancanza di neve.

12:58Insegnante mortifica e minaccia alunno, denunciata dai Cc

(ANSA) - CESENATICO (FORLI'-CESENA), 3 DIC - Un'insegnante 44enne, incensurata, di una scuola primaria di Cesenatico è stata denunciata dai carabinieri per abuso dei mezzi di correzione o di disciplina. Secondo le indagini in più occasioni, nell'anno scolastico 2014-2015, ha preso di mira un alunno, ora 11enne, affetto da una patologia e da disturbi di apprendimento. Nel rimproverarlo, hanno ricostruito i militari, faceva riferimento in modo sprezzante al suo stato di salute, dicendo che "non aveva un infarto" e che non poteva comportarsi come voleva, lo mortificava ripetutamente dandogli dell'"asino", lo minacciava che, se non si fosse presentato alle sue lezioni, sarebbero intervenuti i Carabinieri e avrebbero arrestato i genitori. Una volta lo aveva allontanato dalla lezione, lasciandolo per un'ora da solo nello spogliatoio della palestra. L'effetto è stato quello di procurare al bambino "un perdurante turbamento emotivo, acuito dalle proprie condizioni psico-fisiche, e un pericolo per il suo equilibrio psichico". (ANSA).

12:55Migranti: 2 profughi morti su treno merci in Austria

(ANSA) - BOLZANO, 3 DIC - Due profughi sono morti su un treno merci in Tirolo, un terzo è in gravi condizioni. L'incidente si è verificato nella stazione di Wörgl, sul confine con la Germania. I tre si erano nascosti su un vagone che trasportava tir e sono stati schiacciati durante la fase di scarico dei mezzi pesanti, informa il portale news del quotidiano Tiroler Tageszeitung. Due migranti sono morti sul colpo, il terzo è stato trasportato in gravi condizioni alla clinica universitaria di Innsbruck. Dopo la Germania, da ieri anche la polizia austriaca ha intensificato i controlli sui treni merci, che vengono sempre più spesso utilizzati dai profughi per il viaggio verso nord.

12:50Calcio: Montella, non invecchio? Penso al presente

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 3 DIC - Dopo i primi cinque mesi sulla panchina del Milan, Vincenzo Montella non sembra aver subito un'accelerazione dell'invecchiamento, come invece è successo ad alcuni suoi predecessori. "Già ero vecchio prima...", ha scherzato l'allenatore rossonero glissando sulla vicenda del passaggio di proprietà del club in mani cinesi: "Non lo so, io parlo con Galliani, non mi pongo altre domande. Se mi fossi posto tutte le domande che voi giustamente dovete farvi probabilmente sarei invecchiato anche io. Qual è il segreto per non farsi venire i capelli bianchi? Tingersi i capelli, ma non lo faccio... Io mi soffermo su quello che è imminente. Pensare al futuro è tempo sprecato, lo faccio solo occasionalmente". Basterebbe, gli è stato fatto notare, arrivare a gennaio e sapere i nomi per il mercato del Milan. "Piacerebbe anche a me...", ha sorriso Montella concludendo la sua conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Crotone.

12:48Famiglia: giudici, figlio ‘inerte’ non ha diritto assegno

(ANSA) - TORINO, 3 DEC - Il figlio maggiorenne che non ha raggiunto l'autosufficienza economica per la propria "inerzia" non ha diritto a ricevere dal padre divorziato l'assegno di mantenimento che gli permetta di avvicinarsi a un tenore di vita simile a quello che conduceva la famiglia prima della separazione. E' su questo principio che il tribunale di Torino ha revocato il contributo di 1.500 euro al mese che un ventiquattrenne chiedeva al genitore, ex amministratore delegato di una grande azienda (ora fallita) che al momento della rottura dei legami familiari guadagnava 167.648 euro lordi all'anno. Il giovane aveva detto che voleva riprendere gli studi (interrotti nel 2013 in quarta liceo) e che aveva un'abilitazione di personal trainer di primo livello ma di essere sostanzialmente disoccupato. I giudici della settima sezione civile hanno esaminato il caso e hanno concluso che nel tempo "è passato da un'attività all'altra senza soffermarsi in modo serio e continuativo su una sola di esse che gli consentisse quanto meno un inizio di autonomia". Non avendo dimostrato che "l'impossibilità di intraprendere un percorso lavorativo serio si è verificata per ragioni a lui non imputabili", non può ricevere l'assegno. (ANSA).

Archivio Ultima ora