Mattarella: l’esempio di Moro, dialogo e coraggio del nuovo

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

©LaPresse Archivio Storico Politica 03-05-1977 Roma Nella foto: Luigi Berlinguer e Aldo Moro

©LaPresse
Archivio Storico
Politica
03-05-1977 Roma
Nella foto: Luigi Berlinguer e Aldo Moro

ROMA. – Aldo Moro dalla Costituente agli anni di piombo, fino al suo sacrificio, si dimostrò un politico aperto, pronto all’ascolto del “nuovo” che si presentava. Capace di accogliere e canalizzare le spinte sociali, uomo di “alta mediazione” aperto alle riforme che voleva “con le convergenze necessarie” perchè si trattava di “costruire la Casa comune”. Ma soprattutto per lui “l’immobilità” era inconcepibile; anzi, la vedeva come “una rinuncia” che minava alla base l’etica della politica.

Ecco l’esempio di Aldo Moro tratteggiato da Sergio Mattarella, presidente della Repubblica che tanto prese nella sua formazione politica dallo statista democristiano assassinato dalle Brigate rosse nel 1978. Moro certamente “non era un conservatore”, premette il presidente ricordando solennemente al Quirinale – presenti le alte cariche dello Stato, l’ex presidente Napolitano, ministri e politici di ogni provenienza – i 100 anni della nascita dello statista democristiano.

“Per lui immutabilità avrebbe significato compiere una rinuncia, la rinuncia ad una splendida funzione che passerebbe ad altri”, spiega il capo dello Stato che nella sua lettura dell’azione del politico pugliese mette in evidenza il suo approccio mai “dogmatico” nei confronti dei progetti politici degli avversari. Moro fu uomo sempre attento “all’ascolto delle istanze critiche, di esperienze inedite, di nuovi orizzonti”.

Tanti i riferimenti all’attualità che si colgono dall’intervento presidenziale anche se lo stesso Mattarella mette in guardia sul rischio di “deformare” le sue parole con sovrapposizioni spericolate tra quegli anni e la cronaca del nuovo millennio. Ciò detto è lo stesso presidente a concludere la sua analisi spiegando come da Aldo Moro giungano forti alla politica di oggi “suggestioni importanti e lezioni che fanno riflettere”.

Riflessioni per tutte le forze politiche spesso impegnate in scontri violenti, cadute di stile e insulti personali. A volte bloccate su intransigenze “manichee” che impediscono l’ascolto “delle posizioni altrui”. Parla di tutto Mattarella nel suo ricordo di Moro, dalle riforme costituzionali alla necessità di una “mediazione alta” (“ben diversa dal compromesso al ribasso”), fino alla necessità di saper capire il nuovo che avanza per canalizzare disagi e istanze sociali in un’azione di Governo.

“Mediazione alta” che vale sia per la politica interna che per quella estera: In particolare, come fece Moro, per quella europea dove è chiaro che andare da soli è tutt’altro che mediare. E ancora, il presidente esalta le scelte di amministratore di Moro, la sua sobrietà nei toni e nella comunicazione mediatica.

“Rifuggiva da annunci fini a se stessi, da gesti plateali che avrebbero sfiorato la realtà in modo illusorio, senza riuscire ad incidervi”, riferisce Mattarella. Quanto ci sarebbe bisogno oggi di un Aldo Moro, sembra pensare il presidente dopo sei cartelle tutte tese a un ricordo politico del leader democristiano. “Lui sapeva che dovere della democrazia è interpretare la società e allora, come oggi, si trattava di comprendere le ragioni dei suoi fenomeni e di elaborare una proposta politica e di governo che, assumendo quegli elementi, ne cogliesse i caratteri fecondi”.

Nessun riferimento quindi all’Italicum, al referendum costituzionale, al ruolo dei Cinque stelle e al rapporto degli altri con loro e neanche alle Olimpiadi negate. Ma nel salone dei corazzieri del Quirinale, una volta andato via il presidente, di questi collegamenti i politici parlavano chiedendosi se il discorso di Mattarella fosse più o meno filorenziano.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

19:59Incidenti montagna: due alpinisti bloccati sul Monviso

(ANSA) - SALUZZO (CUNEO), 23 APR - Due alpinisti sono bloccati sulla parete Sud del Monviso, a 3.800 metri di altitudine. In corso le operazioni di salvataggio da parte degli uomini del Soccorso Alpino con l'ausilio dell'elicottero del 118. Gli alpinisti sono in buone condizioni, ma alcuni problemi alle corde avrebbero impedito la discesa costringendo i due a chiedere aiuto. In quota c'è ancora molta neve e il vento non facilita le operazioni di soccorso. (ANSA).

19:57Gb: disinnescato ordigno davanti a scuola vicino a Belfast

(ANSA) - LONDRA, 23 APR - Un ordigno lasciato di fronte al cancello di una scuola elementare ad Ardoyne, a nord di Belfast, in Irlanda del Nord, è stato individuato e disinnescato dalla polizia nelle ultime ore. Lo riferisce la Bbc, citando fonti investigative britanniche stando alle quali la bomba avrebbe potuto "ferire o uccidere". La Holy Cross Boys' Primary School era chiusa, essendo domenica, ma l'obiettivo di chi l'ha piazzata - secondo quanto emerso dalle prime indagini - pare fosse quello di colpire agenti di polizia. I sospetti si concentrano sui cosiddetti "dissidenti repubblicani", clan a metà strada fra la guerriglia e la criminalità comune emersi da costole di irriducibili dell'Ira dissociatisi dagli storici accordi di pace del Venerdì Santo del 1998 fin dagli anni del negoziato.

19:54Trump insiste su muro, rischio scontro in Congresso

(ANSA) - NEW YORK, 23 APR - Il presidente americano Donald Trump e' determinato ad insistere sul muro ai confini col Messico, chiedendo che le risorse necessarie vengano stanziate nella legge a cui sta lavorando il Congresso per evitare lo 'shutdown' del governo federale. Lo ha detto in un'intervista alla Cbs il segretario alla sicurezza nazionale John Kelly. Le parole di Kelly nascondono le divisioni sul progetto del muro all'interno dell'amministrazione e dei repubblicani a Capitol Hill, lasciando intravedere uno scontro in vista della scadenza del prossimo fine settimana in cui si dovranno assicurare al governo le risorse necessarie per evitare la paralisi.

19:48Israele: palestinese ferisce 4 persone a Tel Aviv

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 APR - Un palestinese ha accoltellato sul lungomare di Tel Aviv almeno 4 persone ferendole leggermente ed è stato poi fermato da alcuni agenti. Lo ha detto il portavoce della polizia precisando che si è trattato di un attentato. Secondo una prima ricostruzione, il palestinese - residente a Nablus in Cisgiordania e di cui si stanno ora esaminando le modalità di ingresso in Israele - ha colpito le prime due persone con attrezzi da lavoro nei pressi dell'Hotel Leonardo su Hayarkon Street e quindi altre due a poco distanza dall'Hotel Herods. L'uomo è stato poi immobilizzato dai dipendenti degli alberghi e dagli agenti accorsi sul posto. A seguito dell'attentato, il coordinatore delle attività militari israeliane nei Territori Yoav Mordechai ha sospeso la concessione di permessi di ingresso giornalieri per i palestinesi della Cisgiordania. Lo ha reso noto la radio militare secondo cui questa sospensione dovrebbe avere una durata di alcuni giorni.

19:44Kart: muore minipilota 10 anni su circuito Fernando Alonso

(ANSA) - ROMA, 23 APR - Un pilota di kart di soli 10 anni, Gonzalo B., originario della provincia di Medina di Pomar (Burgos), è morto mentre provava sul circuito intitolato a Fernando Alonso in vista della gara valida per il campionato delle Asturie. Lo ha reso noto la federazione spagnola di automobilismo tramite i 'social media'. La tragedia, secondo quanto precisato dalla stessa federazione, si è verificata ieri e la prova, che avrebbe dovuto svolgersi oggi, è stata annullata. Da parte loro gli organizzatori hanno assicurato che "per le prove di questa gara di kart durante la quale c'è stato l'incidente sul circuito erano state messe in atto tutte le misure di sicurezza necessarie". Il bambino pilota si è scontrato con un altro veicolo, dal quale poi è stato colpito. Immediatamente soccorso, ogni cura si è rivelata inutile. Fernando Alonso ha commentato l'accaduto con un tweet: "mi alzo e vivo uno dei giorni più tristi della mia vita. Un abbraccio enorme a tutta la famiglia di Gonzalo e al mondo del kart".

19:43‘Ndrangheta:processo Meta,confermate condanne a boss reggini

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 23 APR - La Corte d'Appello di Reggio Calabria ha confermato la condanna a 27 anni di reclusione a carico del boss Giuseppe De Stefano, detto il 'crimine', nell'ambito del processo Meta scaturito dall'inchiesta della locale Dda che ha riguardato altri boss e gregari delle principali cosche reggine. Venti gli anni di reclusione inflitti anche al 'supremo' Pasquale Condello e a Giovanni Tegano 'uomo di pace', mentre Pasquale Libri ha visto la pena aumentata di un anno (21). Le condanne, disposte in secondo grado, confermano il lavoro della Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria che con il sostituto procuratore Giuseppe Lombardo ha rappresentato la pubblica accusa. De Stefano, soprannominato "il crimine", è indicato così per la carica a cui spetta il potere di vita o di morte su tutti gli associati alle cosche che gravitano nel mandamento reggino che va da Bagnara Calabra a Melito Porto Salvo.(ANSA).

19:41Libia: fonte, Al-Ghweil controlla una buona parte di Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 23 APR - Presenza amministrativa in alcuni edifici ministeriali e militare in diverse parti della capitale oltre che a Misurata, la città ago della bilancia della crisi libica: così una fonte del non-riconosciuto Governo di salvezza nazionale (Gsn o Nsg) libico ha descritto il peso dell'esecutivo dell'ex-premier Khalifa Al-Ghweil. "Il governo di salvezza lavora ancora in maniera quasi normale attraverso qualche ministero", ha detto la fonte all'ANSA preferendo restare anonima ma citando come esempio i dicasteri della Difesa, Istruzione superiore ed Esteri. Circa la "forza" che sostiene l'esecutivo - ha aggiunto - "essa è presente nella maggior parte delle zone della capitale, in particolare a sud ed est", fra l'altro "all'aeroporto internazionale". "Queste forze hanno evitato di farsi coinvolgere nei sanguinosi scontri" accaduti "con gruppi armati che appoggiano al Sarraj", ha sostenuto ancora la fonte riferendosi implicitamente al premier riconosciuto dall'Onu.

Archivio Ultima ora