Mattarella: l’esempio di Moro, dialogo e coraggio del nuovo

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

©LaPresse Archivio Storico Politica 03-05-1977 Roma Nella foto: Luigi Berlinguer e Aldo Moro

©LaPresse
Archivio Storico
Politica
03-05-1977 Roma
Nella foto: Luigi Berlinguer e Aldo Moro

ROMA. – Aldo Moro dalla Costituente agli anni di piombo, fino al suo sacrificio, si dimostrò un politico aperto, pronto all’ascolto del “nuovo” che si presentava. Capace di accogliere e canalizzare le spinte sociali, uomo di “alta mediazione” aperto alle riforme che voleva “con le convergenze necessarie” perchè si trattava di “costruire la Casa comune”. Ma soprattutto per lui “l’immobilità” era inconcepibile; anzi, la vedeva come “una rinuncia” che minava alla base l’etica della politica.

Ecco l’esempio di Aldo Moro tratteggiato da Sergio Mattarella, presidente della Repubblica che tanto prese nella sua formazione politica dallo statista democristiano assassinato dalle Brigate rosse nel 1978. Moro certamente “non era un conservatore”, premette il presidente ricordando solennemente al Quirinale – presenti le alte cariche dello Stato, l’ex presidente Napolitano, ministri e politici di ogni provenienza – i 100 anni della nascita dello statista democristiano.

“Per lui immutabilità avrebbe significato compiere una rinuncia, la rinuncia ad una splendida funzione che passerebbe ad altri”, spiega il capo dello Stato che nella sua lettura dell’azione del politico pugliese mette in evidenza il suo approccio mai “dogmatico” nei confronti dei progetti politici degli avversari. Moro fu uomo sempre attento “all’ascolto delle istanze critiche, di esperienze inedite, di nuovi orizzonti”.

Tanti i riferimenti all’attualità che si colgono dall’intervento presidenziale anche se lo stesso Mattarella mette in guardia sul rischio di “deformare” le sue parole con sovrapposizioni spericolate tra quegli anni e la cronaca del nuovo millennio. Ciò detto è lo stesso presidente a concludere la sua analisi spiegando come da Aldo Moro giungano forti alla politica di oggi “suggestioni importanti e lezioni che fanno riflettere”.

Riflessioni per tutte le forze politiche spesso impegnate in scontri violenti, cadute di stile e insulti personali. A volte bloccate su intransigenze “manichee” che impediscono l’ascolto “delle posizioni altrui”. Parla di tutto Mattarella nel suo ricordo di Moro, dalle riforme costituzionali alla necessità di una “mediazione alta” (“ben diversa dal compromesso al ribasso”), fino alla necessità di saper capire il nuovo che avanza per canalizzare disagi e istanze sociali in un’azione di Governo.

“Mediazione alta” che vale sia per la politica interna che per quella estera: In particolare, come fece Moro, per quella europea dove è chiaro che andare da soli è tutt’altro che mediare. E ancora, il presidente esalta le scelte di amministratore di Moro, la sua sobrietà nei toni e nella comunicazione mediatica.

“Rifuggiva da annunci fini a se stessi, da gesti plateali che avrebbero sfiorato la realtà in modo illusorio, senza riuscire ad incidervi”, riferisce Mattarella. Quanto ci sarebbe bisogno oggi di un Aldo Moro, sembra pensare il presidente dopo sei cartelle tutte tese a un ricordo politico del leader democristiano. “Lui sapeva che dovere della democrazia è interpretare la società e allora, come oggi, si trattava di comprendere le ragioni dei suoi fenomeni e di elaborare una proposta politica e di governo che, assumendo quegli elementi, ne cogliesse i caratteri fecondi”.

Nessun riferimento quindi all’Italicum, al referendum costituzionale, al ruolo dei Cinque stelle e al rapporto degli altri con loro e neanche alle Olimpiadi negate. Ma nel salone dei corazzieri del Quirinale, una volta andato via il presidente, di questi collegamenti i politici parlavano chiedendosi se il discorso di Mattarella fosse più o meno filorenziano.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

21:36Calcio: rigore Milan poi Var, un espulso nel Crotone

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Rigore, Var e cartellino rosso in Crotone-Milan, dopo pochi minuti dell'inizio della sfida sul terreno dello Scida. L'arbitro Mariani di Aprilia ha fischiato un penalty a favore del Milan per un fallo in area di Ceccherini su Cutrone, poi ha chiesto l'ausilio della videoassistenza, recandosi anche a bordo campo per visualizzare di persona il replay. A quel punto ha confermato il rigore e ha aggiunto il rosso diretto per il giocatore del Crotone. Dal dischetto ha poi trasformato Kessiè.

21:34Calcio: da Curva Nord ululati a Gomis prima di Lazio-Spal

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Ululati razzisti all'indirizzo del portiere di colore, Alfred Gomis, si sono levati dalla curva nord laziale, prima e durante il match di campionato nello stadio Olimpico, tra Lazio e Spal. Curva che vede l'assenza dagli spalti degli Irriducibili, che hanno lasciato l'impianto poco prima del fischio d'inizio della partita. Presumibilmente a seguito della richiesta, da parte della sicurezza, di rimuovere uno striscione offensivo nei confronti di Keita e del suo procuratore Roberto Calenda.

21:31Calcio: Lazio, Tare “Per Keita serve pazienza”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Keita? Non penso si ripresenterà a Formello domani, risolveremo con pazienza". Così il ds della Lazio, Igli Tare, nel prepartita dell'Olimpico contro la Spal. "Hoedt ha chiesto di essere ceduto - aggiunge il dirigente dei biancocelesti - perché voleva essere protagonista assoluto da noi e noi non potevamo garantirglielo, come non lo garantiamo a nessuno. Quindi penso che l'affare si farà e gli facciamo un grande in bocca al lupo".

21:18Calcio: Inter, Ausilio “Candreva è un giocatore incedibile”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Abbiamo ben chiare le strategie, ma la squadra che presentiamo oggi è quella che sostanzialmente farà tutta la stagione. Candreva? È incedibile". Così il ds dell'Inter, Piero Ausilio, nel prepartita del Meazza contro la Fiorentina. "Schick? È un giocatore che ci piace, però non ci sono solo gli aspetti tecnici da valutare - aggiunge il dirigente -. Ci sono anche quelli economici che spesso fanno fare valutazioni diverse. Se tutto va bene domani ci sarà lo scambio tra Kondogbia e Cancelo, ma è ancora presto per l'ufficialità. Stiamo lavorando per trovare un centrale difensivo, in effetti qualcosa lì manca. Ma tra comprare un giocatore adesso, magari spendendo tanto e per poi scoprire che non era quello che faceva al caso nostro e aspettare un'occasione migliore, preferiamo aspettare".

21:16Barcellona: 1′ silenzio al Camp Nou ‘#TotsSomBarcelona’

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Silenzio, riflessione, dolore e commozione in un Camp Nou blondato, a Barcellona, prima dell'inizio della partita fra i blaugrana e il Betis Siviglia, che inaugura la Liga per i catalani. Durante il minuto di raccoglimento è stato esposto lo striscione in lingua catalana con la scritta '#TotsSomBarcelona', 'tutti siamo Barcellona, con riferimento all'attentato dei giorni scorsi. I giocatori di Valverde, come annunciato, sono in campo con la consueta maglia, ma senza il proprio nome sulle spalle, che è stato sostituito dalla scritta Barcelona.

20:54Roma: Di Francesco “Grande prova di carattere”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Avevo chiesto una prova di carattere ai ragazzi e hanno risposto pur su un campo in cui nell'ultima stagione hanno vinto in pochissimi". Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la bella vittoria di Bergamo. "Dobbiamo migliorare nel palleggio, specialmente quando siamo in vantaggio, ma ho visto nella squadra il desiderio di sacrificarsi, di aiutarsi tra di loro e questo per un allenatore è comunque un bel segnale - aggiunge Di Francesco - Col tempo troveremo la condizione". "Mi sono arrabbiato per come abbiamo gestito male gli ultimi palloni, concedendo agli avversari la possibilità di pareggiare - ancora il tecnico della Roma - E una grande squadra certi errori non li deve commettere. Ma sono sereno perché oggi siamo stati più bravi a difendere che attaccare. Da domani cercheremo di essere anche bravi ad attaccare". .

20:46Multato per parcheggio posto disabili, lascia insulti

(ANSA) - MILANO, 20 AGO - Ha preso una multa per aver parcheggiato negli spazi riservati ai disabili e si è pure permesso di lasciare un messaggio (sgrammaticato) di insulti all'indirizzo della persona cui aveva rubato il posto. E' successo nel parcheggio di un centro commerciale del Milanese, dove ieri è apparso un cartello con scritto: "a te handiccappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato ... sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!". Il messaggio è stato diffuso su Facebook da un passante, Claudio Sala: "Volevo condividere questa perla di civiltà trovata oggi al parcheggio sotterraneo del Carosello di Carugate..." ha scritto in un post con centinaia di condivisioni. Sala ha inviato la stessa immagine al centro commerciale, che gli ha comunicato di aver immediatamente rimosso il cartello. Indignati i commentatori sul web, che sperano che l'autore venga individuato grazie alle telecamere.

Archivio Ultima ora