Mattarella: l’esempio di Moro, dialogo e coraggio del nuovo

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

©LaPresse Archivio Storico Politica 03-05-1977 Roma Nella foto: Luigi Berlinguer e Aldo Moro

©LaPresse
Archivio Storico
Politica
03-05-1977 Roma
Nella foto: Luigi Berlinguer e Aldo Moro

ROMA. – Aldo Moro dalla Costituente agli anni di piombo, fino al suo sacrificio, si dimostrò un politico aperto, pronto all’ascolto del “nuovo” che si presentava. Capace di accogliere e canalizzare le spinte sociali, uomo di “alta mediazione” aperto alle riforme che voleva “con le convergenze necessarie” perchè si trattava di “costruire la Casa comune”. Ma soprattutto per lui “l’immobilità” era inconcepibile; anzi, la vedeva come “una rinuncia” che minava alla base l’etica della politica.

Ecco l’esempio di Aldo Moro tratteggiato da Sergio Mattarella, presidente della Repubblica che tanto prese nella sua formazione politica dallo statista democristiano assassinato dalle Brigate rosse nel 1978. Moro certamente “non era un conservatore”, premette il presidente ricordando solennemente al Quirinale – presenti le alte cariche dello Stato, l’ex presidente Napolitano, ministri e politici di ogni provenienza – i 100 anni della nascita dello statista democristiano.

“Per lui immutabilità avrebbe significato compiere una rinuncia, la rinuncia ad una splendida funzione che passerebbe ad altri”, spiega il capo dello Stato che nella sua lettura dell’azione del politico pugliese mette in evidenza il suo approccio mai “dogmatico” nei confronti dei progetti politici degli avversari. Moro fu uomo sempre attento “all’ascolto delle istanze critiche, di esperienze inedite, di nuovi orizzonti”.

Tanti i riferimenti all’attualità che si colgono dall’intervento presidenziale anche se lo stesso Mattarella mette in guardia sul rischio di “deformare” le sue parole con sovrapposizioni spericolate tra quegli anni e la cronaca del nuovo millennio. Ciò detto è lo stesso presidente a concludere la sua analisi spiegando come da Aldo Moro giungano forti alla politica di oggi “suggestioni importanti e lezioni che fanno riflettere”.

Riflessioni per tutte le forze politiche spesso impegnate in scontri violenti, cadute di stile e insulti personali. A volte bloccate su intransigenze “manichee” che impediscono l’ascolto “delle posizioni altrui”. Parla di tutto Mattarella nel suo ricordo di Moro, dalle riforme costituzionali alla necessità di una “mediazione alta” (“ben diversa dal compromesso al ribasso”), fino alla necessità di saper capire il nuovo che avanza per canalizzare disagi e istanze sociali in un’azione di Governo.

“Mediazione alta” che vale sia per la politica interna che per quella estera: In particolare, come fece Moro, per quella europea dove è chiaro che andare da soli è tutt’altro che mediare. E ancora, il presidente esalta le scelte di amministratore di Moro, la sua sobrietà nei toni e nella comunicazione mediatica.

“Rifuggiva da annunci fini a se stessi, da gesti plateali che avrebbero sfiorato la realtà in modo illusorio, senza riuscire ad incidervi”, riferisce Mattarella. Quanto ci sarebbe bisogno oggi di un Aldo Moro, sembra pensare il presidente dopo sei cartelle tutte tese a un ricordo politico del leader democristiano. “Lui sapeva che dovere della democrazia è interpretare la società e allora, come oggi, si trattava di comprendere le ragioni dei suoi fenomeni e di elaborare una proposta politica e di governo che, assumendo quegli elementi, ne cogliesse i caratteri fecondi”.

Nessun riferimento quindi all’Italicum, al referendum costituzionale, al ruolo dei Cinque stelle e al rapporto degli altri con loro e neanche alle Olimpiadi negate. Ma nel salone dei corazzieri del Quirinale, una volta andato via il presidente, di questi collegamenti i politici parlavano chiedendosi se il discorso di Mattarella fosse più o meno filorenziano.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

08:31Referendum: alle ore 7 aperti regolarmente i seggi

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Si sono aperti regolarmente alle ore 7 i seggi per il referendum costituzionale, con le "Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione". Il corpo elettorale, ripartito nei 7.998 Comuni e nelle 61.551 sezioni elettorali del territorio nazionale, è pari a 46.714.950 elettori, di cui 22.465.280 uomini e 24.249.670 donne. Lo scrutinio dei voti inizierà nella stessa giornata di domani, subito dopo la chiusura delle votazioni alle ore 23. (ANSA).

01:14Calcio: Gasperini, partita che ci deve essere d’insegnamento

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Da questa partita dobbiamo prendere un insegnamento importante contro una squadra forte e che aveva voglia di riscatto. Non sono deluso. Deve essere un riferimento per noi, impariamo la lezione. Ci servirà a gennaio, quando affronteremo ancora la Juventus in Coppa Italia e per il ritorno in campionato. Nel frattempo speriamo di crescere". Gian Piero Gasperini, tecnico dell'Atalanta rivelazione in serie A, non si mostra abbattuto dopo il 3-1 incassato allo 'Juventus stadio', arrivato dopo sei successi consecutivi. "C'erano tutte le condizioni per non avere alcun tipo di impatto negativo - dice l'allenatore - indubbiamente c'era un certo divario, ma meno evidente di quello che ha mostrato il campo. Sarà compito nostro cercare di ridurlo. L'aspetto che mi dà fastidio è che contro squadre così non devi giocare individualmente ma coralmente. Siamo arrivati troppo spesso secondi sulla palla".

01:09Calcio: Allegri, siamo ripartiti dopo Genova

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Siamo ripartiti dopo Genova". Massimiliano Allegri è visibilmente soddisfatto di come la sua Juventus ha reagito contro l'Atalanta alla sconfitta sul terreno del Genoa. "Lavorare una settimana intera è stato importante, puoi dare idee nuove alla squadra, curare il recupero fisico. Da un mese avevo smesso di fare l'allenatore, giocando una partita ogni tre giorni" ha spiegato l'allenatore. "Contro l'Atalanta abbiamo fatto una bella partita e non era facile perché loro ci hanno impegnato molto fisicamente - ha aggiunto - ma i ragazzi sono stati bravi. Pjanic meglio da trequartista? Il trequartista è un giocatore che deve fare il centrocampista. Pjanic l'ha fatto discretamente bene e poi è stato importante sui calci piazzati in cui abbiamo fatto due gol". Quanto a Higuain "deve rimanere sereno, lui è abituato a segnare tutte le partite, ma nella Juve è normale che segnino anche altri. Ha avuto occasioni, ha fatto una buona partita e segnerà nei prossimi match".

00:52Trovato morto in casa dopo furto nel Livornese

(ANSA) - SAN VINCENZO (LIVORNO), 3 DIC - Un uomo di 77 anni è stato trovato morto nella sua casa di San Vincenzo (Livorno) dopo aver subito un furto o una rapina. Il corpo dell'uomo non presenta ferite esterne o segni di violenza: tra le ipotesi, anche quella che il 77enne possa essere morto per un malore dovuto allo choc, anche se sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso. Ancora da chiarire anche la dinamica dell'accaduto nella casa dell'uomo, un ex imprenditore della zona, in una zona residenziale sulle colline di San Vincenzo nella quale sono intervenuti i carabinieri: l'abitazione è stata trovata a soqquadro e la cassaforte aperta, senza il suo contenuto. L'allarme è stato dato dalla figlia dell'anziano.(ANSA).

00:32Calcio: Rugani, sconfitta a Genova ci ha fatto crescere

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Era importante far capire subito che quello di Genova è stato un tonfo che ci poteva stare, ma che ci ha fatto crescere e capire cosa avevamo sbagliato. E questo si è visto in campo, siamo entrati con il giusto approccio, siamo stati molto determinati ed il risultato è stato una conseguenza". Daniele Rugani, difensore-goleador della Juventus che ha battuto 3-1 l'Atalanta, commenta così il successo della sua squadra. "Sono contento di aver dato un buon contributo per mettere la partita nei binari giusti. A chi dedico il mio gol? A tutte le persone che mi stanno vicino, a tutti quelli che mi danno sempre una mano dentro e fuori dal campo" aggiunge.

00:13Calcio: un’ottima Juventus batte l’Atalanta 3-1

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Un'ottima Juventus ha vinto la sfida con l'Atalanta, squadra rivelazione della serie A, battendola 3-1. Per la formazione allenata da Gasperini non c'è stato scampo allo Juventus Stadium, contro l'11 bianconero affamato di riscatto dopo la sconfitta patita in casa del Genoa. Dopo 19 minuti il risultato era già 2-0, con le reti Alex Sandro (la prima in campionato del brasiliano, che ha poi reso omaggio ai connazionali della Chapecoense, decimati nell'incidente aereo in Colombia, con una maglietta dedicata) e Rugani. Nella ripresa Mandzukic, uno dei migliori in campo anche prima di entrare nel tabellino, ha segnato la terza rete. Freuler nel finale ha reso meno amaro il ko. I bianconeri allungano in testa alla classifica, salendo a 36 punti, +7 su Roma e Milan, la prima impegnata domani nel derby ed il secondo in casa con il Crotone. Atalanta ferma a 28.

23:45Termina a Santiago il viaggio di Fidel

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 3 DIC - Il viaggio di Fidel Castro nella sua Cuba termina a Santiago. Dopo aver percorso 900 chilometri, e aver attraversato l'isola sulle orme della 'Caravana de la Libertad' che segnò l'inizio dell'era del Comandante en Jefe, Fidel torna alla 'sua' base. Dove tutto iniziò. A Santiago de Cuba infatti il Lider Maximo ha mosso i primi passi della rivoluzione, che lo ha portato il primo gennaio 1959 a entrare trionfante a L'Avana. E Santiago è orgogliosa del suo ruolo nella storia, e si definisce 'culla della rivoluzione'. Il corteo funebre con le ceneri di Fidel entra trionfante in città e percorre 17 chilometri per le strade di Santiago, fra migliaia di persone in piazza per salutarlo e omaggiarlo. Un omaggio che si protrae l'intera giornata, con l'ultimo bagno di folla per il Comandante en Jefe nella Plaza Antonio Maceo, la Plaza de la Revolucion, alla presenza di Raul Castro. Per l'occasione diverse personalità sono giunte a Cuba.

Archivio Ultima ora