Mattarella: l’esempio di Moro, dialogo e coraggio del nuovo

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

©LaPresse Archivio Storico Politica 03-05-1977 Roma Nella foto: Luigi Berlinguer e Aldo Moro

©LaPresse
Archivio Storico
Politica
03-05-1977 Roma
Nella foto: Luigi Berlinguer e Aldo Moro

ROMA. – Aldo Moro dalla Costituente agli anni di piombo, fino al suo sacrificio, si dimostrò un politico aperto, pronto all’ascolto del “nuovo” che si presentava. Capace di accogliere e canalizzare le spinte sociali, uomo di “alta mediazione” aperto alle riforme che voleva “con le convergenze necessarie” perchè si trattava di “costruire la Casa comune”. Ma soprattutto per lui “l’immobilità” era inconcepibile; anzi, la vedeva come “una rinuncia” che minava alla base l’etica della politica.

Ecco l’esempio di Aldo Moro tratteggiato da Sergio Mattarella, presidente della Repubblica che tanto prese nella sua formazione politica dallo statista democristiano assassinato dalle Brigate rosse nel 1978. Moro certamente “non era un conservatore”, premette il presidente ricordando solennemente al Quirinale – presenti le alte cariche dello Stato, l’ex presidente Napolitano, ministri e politici di ogni provenienza – i 100 anni della nascita dello statista democristiano.

“Per lui immutabilità avrebbe significato compiere una rinuncia, la rinuncia ad una splendida funzione che passerebbe ad altri”, spiega il capo dello Stato che nella sua lettura dell’azione del politico pugliese mette in evidenza il suo approccio mai “dogmatico” nei confronti dei progetti politici degli avversari. Moro fu uomo sempre attento “all’ascolto delle istanze critiche, di esperienze inedite, di nuovi orizzonti”.

Tanti i riferimenti all’attualità che si colgono dall’intervento presidenziale anche se lo stesso Mattarella mette in guardia sul rischio di “deformare” le sue parole con sovrapposizioni spericolate tra quegli anni e la cronaca del nuovo millennio. Ciò detto è lo stesso presidente a concludere la sua analisi spiegando come da Aldo Moro giungano forti alla politica di oggi “suggestioni importanti e lezioni che fanno riflettere”.

Riflessioni per tutte le forze politiche spesso impegnate in scontri violenti, cadute di stile e insulti personali. A volte bloccate su intransigenze “manichee” che impediscono l’ascolto “delle posizioni altrui”. Parla di tutto Mattarella nel suo ricordo di Moro, dalle riforme costituzionali alla necessità di una “mediazione alta” (“ben diversa dal compromesso al ribasso”), fino alla necessità di saper capire il nuovo che avanza per canalizzare disagi e istanze sociali in un’azione di Governo.

“Mediazione alta” che vale sia per la politica interna che per quella estera: In particolare, come fece Moro, per quella europea dove è chiaro che andare da soli è tutt’altro che mediare. E ancora, il presidente esalta le scelte di amministratore di Moro, la sua sobrietà nei toni e nella comunicazione mediatica.

“Rifuggiva da annunci fini a se stessi, da gesti plateali che avrebbero sfiorato la realtà in modo illusorio, senza riuscire ad incidervi”, riferisce Mattarella. Quanto ci sarebbe bisogno oggi di un Aldo Moro, sembra pensare il presidente dopo sei cartelle tutte tese a un ricordo politico del leader democristiano. “Lui sapeva che dovere della democrazia è interpretare la società e allora, come oggi, si trattava di comprendere le ragioni dei suoi fenomeni e di elaborare una proposta politica e di governo che, assumendo quegli elementi, ne cogliesse i caratteri fecondi”.

Nessun riferimento quindi all’Italicum, al referendum costituzionale, al ruolo dei Cinque stelle e al rapporto degli altri con loro e neanche alle Olimpiadi negate. Ma nel salone dei corazzieri del Quirinale, una volta andato via il presidente, di questi collegamenti i politici parlavano chiedendosi se il discorso di Mattarella fosse più o meno filorenziano.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

08:40Argentina: frontale tra bus, 13 morti e 34 feriti

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - Tredici morti e 34 feriti di cui due donne in gravi condizioni, è il bilancio di un tragico incidente stradale avvenuto ieri in Argentina vicino alla città di Rosario, a circa 300 chilometri dalla capitale Buenos Aires. Lo riferiscono i media argentini. Lo schianto frontale è avvenuto intorno a mezzogiorno sulla Nazionale 33, in circostanze ancora da chiarire. Entrambi i veicoli trasportavano un gran numero di passeggeri. Sul posto una ventina di ambulanze. Alcuni sopravvissuti hanno riferito di avere udito un forte rumore prima che uno dei due autobus invadesse la corsia opposta. Non è escluso che a causare l' incidente sia stato lo scoppio di uno pneumatico. Tra le vittime, entrambi gli autisti dei due mezzi.

08:31Cina: incendio in hotel, persone intrappolate

(ANSA) - PECHINO, 25 FEB - Un incendio è scoppiato oggi in un hotel a Nanchang, capitale della provincia orientale di Jiangxi, intrappolando un numero imprecisato di persone. Le fiamme, riporta l'agenzia Nuova Cina in base ai primi elementi forniti dai vigili del fuoco, si sono sviluppate al secondo piano dell'albergo HNA Platinum Mix Hotel, nel Honggutan New District della città, intorno alle 8 del mattino (1:00 di notte in Italia), dove una decina di operai stava svolgendo dei lavori. Un uomo ha rotto il vetro di una finestra lanciandosi dal secondo piano dell'hotel ed è stato portato d'urgenza in ospedale per le ferite riportate.L'albergo ha quattro piani ed è collegato a un altro palazzo di appartamenti di 24 piani, dove altre persone risultano intrappolate. Sul posto ci sono circa 10 automezzi dei vigili del fuoco impegnati a domare le fiamme.

08:18Trump: agenzia dogane apre caccia a progetti per muro

(ANSA) - WASHINGTON, 25 FEB - Parte l'iter per la costruzione del muro al confine col Messico, che proprio oggi Donald Trump aveva promesso di accelerare. L'agenzia per le dogane e la protezione dei confini ha annunciato che nei primi giorni di marzo accetterà proposte per la progettazione della barriera. Idee che saranno valutate e selezionare entro il 20 marzo, mentre entro il 24 marzo le compagnie prescelte dovranno definire i costi dell'infrastruttura, alla quale sovrintende il dipartimento per la Homeland security. Entro metà aprile sono attese una serie di decisioni operative.

01:22Calcio: serie B, Benevento-Bari 3-4

(ANSA) - BENEVENTO, 24 FEB - Il Bari di Colantuono sfata il tabù esterno e pone fine all'imbattibilità casalinga del Benevento che durava da due anni e mezzo. Il secondo anticipo della 27/a di serie B finisce 3-4 per i pugliesi. Giallorossi avanti al 12': sugli sviluppi di un corner Falco crossa a centro, la sfera attraversa l'area e Lopez appoggia di testa sul secondo palo. Il vantaggio dura meno di un minuto. Galano raccoglie l'appoggio di Floro Flores e batte Cragno da due passi. Al 22' gli ospiti rimontano grazie al tap in di Floro Flores. Al 38' il Bari cala il tris. Chibsah stende area Floro, Salzano non sbaglia dal dischetto. Per le streghe sembra notte fonda ma al 42' Cissè accorcia di testa su cross dalla destra di Ceravolo. Il centravanti calabrese in avvio di ripresa trova il 3-3 anticipando la difesa all'altezza del primo palo. Al 9' st è 4-3 pugliese con un gran destro ad incrociare di Galano. Il Benevento resta secondo a 46 punti, in attesa della sfida tra Frosinone e Verona, il Bari è per ora quinto, con 40 punti.

00:43Cade al Bicocca Village a Milano, grave ragazza 14enne

(ANSA) - MILANO, 24 FEB - Una ragazza di 14 anni è stata trasporta in condizioni gravissime in ospedale dopo essere precipitata da un'altezza di circa sei metri al Bicocca Village in via Chiese, Milano. Secondo quanto ricostruito finora dalla polizia, la giovane sarebbe caduta poco dopo le 20.30 da una terrazza al primo piano del cinema dove si trovava in compagnia di alcuni amici. E' stata trasportata all'ospedale Niguarda. La polizia ha comunicato che, sebbene con ferite molto gravi, sarebbe fuori pericolo. Sono in corso verifiche sulla dinamica e su un dettaglio riferito da un amico: sembra che la 14enne abbia fumato poco prima uno spinello.

00:33Stadio Roma: Pallotta “comincia nuovo capitolo”

(ANSA) - ROMA, 24 FEB - "The next chapter begins ("comincia un nuovo capitolo). Forza Roma". Cosi' il presidente della Roma, James Pallotta, ha fatto sapere all'Ansa dopo l'annuncio dell'accordo sul nuovo stadio fatto dalla sindaca, Virginia Raggi. "Questa è una serata importante per la Roma. Non vediamo l'ora di costruire uno stadio che Roma possa mostrare a tutto il mondo del calcio". Comincia invece così una dichiarazione del n.1 giallorosso, diffuso sul sito della società. "È stato un percorso molto lungo, ma la prossima tappa di questo viaggio e' di fronte a noi e, per questo, vorrei ringraziare prima di tutto i nostri tifosi. Un grande ringraziamento va alla sindaca, Virginia Raggi, al vicesindaco, Luca Bergamo e a tutti gli altri membri dell'amministrazione, senza dimenticare Luca Parnasi e la sua squadra".

00:29Stadio Roma: Raggi, c’è l’accordo per la realizzazione

(ANSA) - ROMA, 24 FEB - La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha annunciato "l'accordo" per realizzare lo stadio della Roma a Tor di valle: "via le torri" e un taglio delle cubature di circa la metà sul progetto originario. la sindaca ha annunciato l'intesa insieme al dg della Roma, Mauro Baldissoni. "Uno Stadio Fatto Bene. Tre torri eliminate; cubature dimezzate, addirittura il 60% in meno per la parte relativa al Business Park; abbiamo elevato gli standard di costruzione a classe A4, la più alta al mondo; mettiamo in sicurezza il quartiere di Decima che non sarà piu soggetto ad allagamenti; realizzeremo una stazione nuova per la ferrovia Roma-Lido". Così Virginia Raggi su Fb. "Abbiamo rivoluzionato il progetto e lo abbiamo trasformato in una opportunità".

Archivio Ultima ora