Ad Amatrice via le tende per fare spazio alle casette

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Ad Amatrice via le tende per fare spazio alle casette

Ad Amatrice via le tende per fare spazio alle casette

AMATRICE (RIETI). – E’ cominciato, negli 11 campi allestiti nel comune di Amatrice dopo il sisma del 24 scorso, lo sgombero delle tendopoli. Lo smantellamento, necessario a fare spazio alle aree che dovranno ospitare le soluzioni abitative d’emergenza, era stato annunciato nei giorni scorsi dal sindaco Sergio Pirozzi. L’ordinanza è in vigore da oggi, anche se con termini non perentori.

“Non abbiamo messo fretta a nessuno – ha detto Pirozzi -, ho spiegato alla mia gente le ragioni di questo importante provvedimento. Contiamo di liberare e riconsegnare tutte le aree al momento occupate dalle tende entro tre-quattro giorni. E’ un’operazione che si sta svolgendo con serietà e grande compostezza”.

Le persone ancora ospitate nelle tende ad Amatrice sono oltre 800, 20 quelle che le hanno lasciate nella giornata di oggi. Di queste circa 550 hanno richiesto un contributo di autonoma sistemazione, 150 hanno ottenuto l’agibilità delle loro abitazioni, 40 si trovano a L’Aquila negli alloggi dell’ex sisma 2009, 16 in albergo.

Nelle Marche sono già state chiuse le tendopoli di Acquasanta Terme e Spelonga di Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, e Montefortino e Amandola nel Fermano. Le altre, fa sapere la Protezione civile regionale, saranno smantellate la prossima settimana.

Intanto il terremoto è tornato a farsi sentire con una serie di nuove scosse. La più forte, di magnitudo 3.8, è stata registrata poco dopo le 22 di giovedì a Norcia, Accumuli e Arquata del Tronto, seguita da una di magnitudo 3.3 sempre nella stessa aerea.

Nelle quattro regioni colpite dal sisma un mese fa, secondo l’ultimo censimento fornito dalla protezione civile, sono assistite complessivamente, nei campi, in altre strutture o presso gli alberghi, 2714 persone, 770 quelle nel Lazio, 794 alloggiate nelle Marche, 482 in Umbria e 174 in Abruzzo. Sono, invece, 321 i cittadini ospitati negli alberghi di San Benedetto del Tronto, 90 quelli presso i Map e le abitazioni del progetto Case all’Aquila, 110 quelli nelle residenze sanitarie assistenziali.

“La nostra priorità – ha detto il capo della protezione civile Fabrizio Curcio rendendo noto quest’ultimo censimento – è chiudere le tendopoli e in questo fine settimana ci sarà una riduzione importante: c’è la convinzione da parte di molti di lasciare le tende”.

E proseguono le verifiche di agibilità sugli edifici pubblici e privati con 9945 sopralluoghi effettuati fino a ieri. Entro lunedì, fa sapere la Provincia autonoma di Trento, sarà completata la copertura in legno della nuova scuola provvisoria di Amatrice, allestita nella frazione di Villa San Cipriano, dove sono iniziati anche i lavori di costruzione della seconda serie di moduli che dovranno ospitare il liceo scientifico. Entro metà della settimana prossima la struttura sarà completata, mentre la copertura sarà montata entro metà ottobre.

Domani, a un mese dal sisma che ha sconvolto il centro Italia, Amatrice ricorderà le sue vittime alle 10.30, con una funzione religiosa che si terrà nell’area del campo di calcio adiacente il palazzetto dello sport. Anche ad Arquata domani sarà una giornata di preghiera per le vittime del terremoto, mentre a Pescara del Trono si ritroveranno tra gli altri la presidente della Camera Laura Boldrini, il Commissario straordinario per il sisma Vasco Errani e il responsabile nazionale della Protezione Civile Fabrizio Curcio, per un momento di riflessione e ricordo che si concluderà con la benedizione del vescovo mons. Giovanni D’Ercole.

Sempre domani, in Umbria, l’ingresso della tensostruttura che a Norcia ospita il centro pastorale dopo che il terremoto ha reso inagibili le chiese del centro umbro della Valnerina diventa Porta Santa del Giubileo della Misericordia. Ad “aprirla” sarà l’arcivescovo monsignor Renato Boccardo. Domenica, alle 11, infine, al Parco comunale di Amatrice il sindaco Pirozzi scoprirà una lapide in ricordo dei caduti.

(di Fabrizio Colarieti/ANSA)

Ultima ora

22:37Venezuela: Maduro chiede aiuto al Papa

(ANSA) - CARACAS, 22 AGO - Il presidente Nicolas Maduro ha oggi chiesto "aiuto" al Papa per "impedire" che il presidente Usa Donald Trump "lanci le proprie truppe e invada il Venezuela". "Che il Papa ci aiuti nel dialogo rispettoso, alla verità ... chiedo al Papa aiuto contro la minaccia militare degli Stati Uniti", ha detto Maduro durante una lunga conferenza stampa a Caracas.

21:55Calcio: L.Percassi, grazie a Marotta su Spinazzola

(ANSA) - BERGAMO, 22 AGO - "Ringraziamo Marotta delle parole, perché nelle complesse dinamiche di mercato ha compreso e rispettato le esigenze tecniche dell'Atalanta". È la risposta dell'amministratore delegato del club bergamasco, Luca Percassi, alle dichiarazioni del direttore generale della Juventus che hanno messo la parola fine alla querelle tra le due società legata al nome di Leonardo Spinazzola. L'esterno, che dal test precampionato dell'11 agosto a Valencia fino a domenica scorsa aveva rifiutato le convocazioni allenandosi a margine del gruppo, nella seduta pomeridiana di oggi a Zingonia ha preso parte alla partitella tra quanti non hanno giocato nel primo turno di serie A contro la Roma. Il prestito dai bianconeri ai nerazzurri è quindi destinato a rispettare la scadenza naturale del giugno 2018.

21:47Calcio: Europa League, arbitro romeno per il Milan

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Compagine arbitrale romena per Shkendija-Milan, ritorno del playoff di Europa League in programma a Skopje giovedì 24 agosto (andata 6-0 per il Milan). Direttore di gara sarà Istvan Kovacs che sarà coadiuvato da Vasile Florin Marinescu e Ovidiu Artene mentre Marius Avram sarà il quarto uomo.

21:44Calcio: Genoa, prosegue trattativa cessione club

(ANSA) - GENOVA, 22 AGO - Prosegue senza sosta la trattativa per la cessione del Genoa tra Enrico Preziosi e Sri Group di Giulio Gallazzi. Dopo una pausa a fine luglio, con annuncio di rinvio per settembre, le parti infatti sono tornate ad incontrarsi e ieri sera Preziosi, l'ad del Genoa Alessandro Zarbano e il banchiere Beniamino Anselmi, indicato da Gallazzi come futuro presidente, hanno cenato a Forte dei Marmi. "So che qualcuno ha saputo di questa cena ma io non la commento - ha detto Preziosi -. Io penso solo a finire la squadra e a cercare di allestire una formazione che possa fare bene". "Rolon arriverà sicuramente questa settimana - ha dichiarato Preziosi parlando di mercato. E' un giocatore che stiamo seguendo da qualche mese. Di certo farà parte del Genoa. "L'arrivo di Sturaro è molto difficile perché la Juventus non lo ha messo sul mercato, se dovesse accadere noi saremo privilegiati. Ansaldi è nelle nostre mire e se sarà ceduto dell'Inter sarà ceduto sicuramente al Genoa per vari motivi".

21:43Calcio: Lazio è ufficiale, Hoedt ceduto al Southampton

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il difensore Wesley Hoedt è un nuovo giocatore del Southampton. A darne notizia è stato lo stesso club dei Saints dopo le visite mediche svolte in giornata. Il difensore nazionale olandese ha firmato un contratto di cinque anni.

21:11Terremoto Ischia: De Luca, in crolli non c’entra abusivismo

(ANSA) - ISCHIA, 22 AGO - "In Italia siamo abituati ad avere due facce delle tragedie, quella drammatica, dei feriti, dei morti, delle attività economiche messe in crisi, e un'altra faccia che è quella dello 'sciacallismo', delle strumentalizzazioni, della confusione tra questioni che non c'entrano niente con il terremoto. È crollata un'abitazione vecchia e sono crollati dei cornicioni di un immobile costruito nel secolo scorso. Nessuna connessione tra questi fatti e l'abusivismo". Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, stasera sui luoghi del terremoto. (ANSA).

20:58Sci: Italia Team, gigantisti in Argentina

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Continua secondo programma il raduno dei gigantisti azzurri già presenti sulle nevi di Ushuaia. In Argentina sono presenti Stefano Gross, Simon Maurberger, Manfred Moelgg, Tommaso Sala e Patrick Thaler che sinora hanno potuto lavorato sette giorni con buone condizioni di pista, intervallati con un giorno di riposo previsto in anticipo. In tre giornate sono state svolte una doppia sessione al mattino e al pomeriggio, alternando tracciati e le specialità di gigante e slalom. Domenica è piovuto al mattino e le condizioni non erano buone, tuttavia il gruppo è riuscito a sciare ugualmente al pomeriggio, quando é arrivato il freddo. Il quintetto rimarrà nella Terra del Fuoco fino al 5 settembre e nelle prossime ore verrà raggiunto dalla parte restante del team composto da Giovanni Borsotti, Luca De Aliprandini, Roberto Nani e Riccardo Tonetti. Questi ultimi si trasferiranno poi a Valle Nevado dal 5 settembre (dove troveranno Florian Eisath), insieme ai velocisti che nel frattempo saranno arrivati in Cile.

Archivio Ultima ora