Ad Amatrice via le tende per fare spazio alle casette

Pubblicato il 23 settembre 2016 da ansa

Ad Amatrice via le tende per fare spazio alle casette

Ad Amatrice via le tende per fare spazio alle casette

AMATRICE (RIETI). – E’ cominciato, negli 11 campi allestiti nel comune di Amatrice dopo il sisma del 24 scorso, lo sgombero delle tendopoli. Lo smantellamento, necessario a fare spazio alle aree che dovranno ospitare le soluzioni abitative d’emergenza, era stato annunciato nei giorni scorsi dal sindaco Sergio Pirozzi. L’ordinanza è in vigore da oggi, anche se con termini non perentori.

“Non abbiamo messo fretta a nessuno – ha detto Pirozzi -, ho spiegato alla mia gente le ragioni di questo importante provvedimento. Contiamo di liberare e riconsegnare tutte le aree al momento occupate dalle tende entro tre-quattro giorni. E’ un’operazione che si sta svolgendo con serietà e grande compostezza”.

Le persone ancora ospitate nelle tende ad Amatrice sono oltre 800, 20 quelle che le hanno lasciate nella giornata di oggi. Di queste circa 550 hanno richiesto un contributo di autonoma sistemazione, 150 hanno ottenuto l’agibilità delle loro abitazioni, 40 si trovano a L’Aquila negli alloggi dell’ex sisma 2009, 16 in albergo.

Nelle Marche sono già state chiuse le tendopoli di Acquasanta Terme e Spelonga di Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, e Montefortino e Amandola nel Fermano. Le altre, fa sapere la Protezione civile regionale, saranno smantellate la prossima settimana.

Intanto il terremoto è tornato a farsi sentire con una serie di nuove scosse. La più forte, di magnitudo 3.8, è stata registrata poco dopo le 22 di giovedì a Norcia, Accumuli e Arquata del Tronto, seguita da una di magnitudo 3.3 sempre nella stessa aerea.

Nelle quattro regioni colpite dal sisma un mese fa, secondo l’ultimo censimento fornito dalla protezione civile, sono assistite complessivamente, nei campi, in altre strutture o presso gli alberghi, 2714 persone, 770 quelle nel Lazio, 794 alloggiate nelle Marche, 482 in Umbria e 174 in Abruzzo. Sono, invece, 321 i cittadini ospitati negli alberghi di San Benedetto del Tronto, 90 quelli presso i Map e le abitazioni del progetto Case all’Aquila, 110 quelli nelle residenze sanitarie assistenziali.

“La nostra priorità – ha detto il capo della protezione civile Fabrizio Curcio rendendo noto quest’ultimo censimento – è chiudere le tendopoli e in questo fine settimana ci sarà una riduzione importante: c’è la convinzione da parte di molti di lasciare le tende”.

E proseguono le verifiche di agibilità sugli edifici pubblici e privati con 9945 sopralluoghi effettuati fino a ieri. Entro lunedì, fa sapere la Provincia autonoma di Trento, sarà completata la copertura in legno della nuova scuola provvisoria di Amatrice, allestita nella frazione di Villa San Cipriano, dove sono iniziati anche i lavori di costruzione della seconda serie di moduli che dovranno ospitare il liceo scientifico. Entro metà della settimana prossima la struttura sarà completata, mentre la copertura sarà montata entro metà ottobre.

Domani, a un mese dal sisma che ha sconvolto il centro Italia, Amatrice ricorderà le sue vittime alle 10.30, con una funzione religiosa che si terrà nell’area del campo di calcio adiacente il palazzetto dello sport. Anche ad Arquata domani sarà una giornata di preghiera per le vittime del terremoto, mentre a Pescara del Trono si ritroveranno tra gli altri la presidente della Camera Laura Boldrini, il Commissario straordinario per il sisma Vasco Errani e il responsabile nazionale della Protezione Civile Fabrizio Curcio, per un momento di riflessione e ricordo che si concluderà con la benedizione del vescovo mons. Giovanni D’Ercole.

Sempre domani, in Umbria, l’ingresso della tensostruttura che a Norcia ospita il centro pastorale dopo che il terremoto ha reso inagibili le chiese del centro umbro della Valnerina diventa Porta Santa del Giubileo della Misericordia. Ad “aprirla” sarà l’arcivescovo monsignor Renato Boccardo. Domenica, alle 11, infine, al Parco comunale di Amatrice il sindaco Pirozzi scoprirà una lapide in ricordo dei caduti.

(di Fabrizio Colarieti/ANSA)

Ultima ora

02:22Corea Nord: Usa, missile esploso in volo, non era minaccia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 APR - Il missile lanciato dalla Corea del Nord è esploso in volo sopra la terraferma, non è uscito dal territorio nordcoreano e quindi non ha rappresentato una minaccia per l'America del nord: lo afferma il comando Usa del Pacifico. Il lancio è avvenuto dalla base di Pukchang, nella Corea del nord e non ha neanche raggiunto il Mar del Giappone, secondo quanto riferiscono dirigenti Usa citati dalla Cnn. Secondo questi, il missile era probabilmente un vettore balistico di medio raggio del tipo Kn-17 il cui volo sarebbe durato solo 30-40 chilometri. ''La Corea del nord ha mancato di rispetto agli auspici della Cina e al suo altamente rispettato presidente lanciando oggi, anche se senza successo, un missile. Male!'': ha twittato Donald Trump subito dopo essere stato informato. Secondo alcuni media, che citano fonti della Casa Bianca, l'amministrazione Trump potrebbe comunque accelerare l'ipotesi di nuove sanzioni o decidere ulteriori esercitazioni navali o l'invio di aerei o navi come prova di forza.

01:14Spara ai Cc e si barrica in casa, poi anziano si arrende

(ANSA) - RAVENNA, 29 APR - Si è arreso l'uomo di 86 anni che nella serata di venerdì si era barricato con un fucile nella sua villetta a Bagnacavallo, nel ravennate, dopo avere sparato alcuni colpi contro i carabinieri che si erano recati all'abitazione per rintracciare la sua badante e che sono rimasti illesi. L'epilogo è giunto grazie all'intervento di un negoziatore del comando provinciale dell'Arma, che ha suggerito come comportarsi ad un parente che poi 'traduceva' in dialetto romagnolo all'anziano, in questo modo rassicurandolo. L'86enne a quel punto si è convinto a uscire e ad arrendersi ai militari. Sono ancora al vaglio le ragioni del suo gesto.

00:36Afghanistan: Pentagono, forse ucciso capo Isis locale

(ANSA) - WASHINGTON, 28 APR - Il Pentagono ritiene che Abdul Hasib, considerato il capo dell'Isis nel Paese, possa essere stato ucciso durante una operazione in Afghanistan nel quale sono morti anche due militari americani, probabilmente vittime di 'fuoco amico'. Insieme ad Hasib sarebbero stati uccisi "diversi alti responsabili dell'Isis e di Khorassan, la sua filiale locale'' e "sino a 35 militanti", secondo fonti del Pentagono.

00:33Iraq: forte esplosione nel centro Baghdad, almeno 4 morti

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Una fortissima esplosione ha scosso il centro di Baghdad, nel quartiere Karrada. Lo riferisce Al Arabiya in un tweet. Secondo i tweet di alcuni testimoni, ci sarebbero delle vittime e molte auto distrutte. Secondo fonti della polizia nell'esplosione, avvenuta vicino ad un comando di polizia, hanno perso la vita almeno 4 persone e altre otto sono rimaste ferite.

00:30Corea Nord lancia missile, ‘fallito’

(ANSA) - ROMA, 29 APR - I militari della Corea del Sud hanno confermato l'avvenuto lancio di un missile balistico da parte della Corea del Nord. Lo riporta l'agenzia sudcoreana Yonhap. Il lancio, secondo lo stato maggiore interforze sudcoreano citato da Yonhap, è avvenuto da poco a nord di Pyongyang, nelle prime ore del mattino. Il tipo di missile e il suo raggio d'azione, secondo i militari di Seul, non sono stati ancora identificati. Secondo quanto rilevato dai militari della Corea del Sud, il lancio di un missile balistico da parte di Pyongyang sarebbe fallito, pochi secondo dopo il decollo. "La Corea del Nord ha lanciato un missile non identificato da un sito nelle vicinanze di Bukchang, nella provincia meridionale di Pyongyang, in direzione nord-est alle 5:30 di oggi", dichiara il capo di stato maggiore interforze di (Jcs) Seul citato dall'agenzia Yonhap. "Si stima che (il lancio) sia fallito", aggiunge il comunicato del Jcs.

00:07Juve: Dybala “Il campionato non è finito per niente”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Siamo un po' rammaricati anche per il primo tempo che abbiamo fatto, dove siamo stati troppo leziosi. Nel secondo tempo siamo migliorati ma torniamo a casa amareggiati. Il campionato non è per niente finito, se avessimo vinto avremmo mandato un grosso messaggio alla Roma. Per questo volevamo vincere". Così Paulo Dybala a Premium dopo il pareggio della Juve a Bergamo. "Distratti dalla sfida col Monaco? No, sapevamo che l'Atalanta qui ha sempre fatto bene. Dovevamo fare di più ma al Monaco penseremo da domani. Questo è punto importante ma noi volevamo vincere. Allegri e Buffon hanno detto che potrò essere tra i primi tre al mondo? Non sento pressione. Loro mi vogliono bene e pensano questo. Sono contento ma io penso solo a giocare e a fare bene per la squadra".

23:41Calcio: Allegri “Commessi errori non da Juventus”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - A Massimiliano Allegri il pari di Bergamo non va giù e a Premium Sport non nasconde l'amarezza: "A un minuto dalla fine eravamo in vantaggio e non abbiamo vinto. Bastava restare attaccati alla gara ma siamo stati scollegati, abbiamo subito nel primo tempo ma una volta ribaltata dovevamo chiuderla - spiega il tecnico della Juventus - La Juventus di solito non prende mai gol in quel modo. Questo è un segnale di questo match che abbiamo giocato a fasi alterne. Abbiamo allungato di un punto sulla Roma e ora dovremo fare altre vittorie. Gli scudetti si vincono sempre alla fine, la squadra ha fatto 84 punti, possiamo arrivare a 96 punti e stiamo facendo un percorso importante. Avessimo vinto stasera avremmo dato un colpo decisivo al campionato. Questa partita ci servirà per capire come sarà la partita con il Monaco che gioca in maniera simile all'Atalanta".

Archivio Ultima ora