Una musica nuova per la torre di Amatrice

Pubblicato il 23 settembre 2016 da redazione

Padre Miguel della Missiione Cattolica, l'ambasciatore Silvio Mignano, il presidente della Camera di Commercio Venezolano-Italiana, Alfredo D'Ambrosio.

Padre Miguel della Missiione Cattolica, l’ambasciatore Silvio Mignano, il presidente della Camera di Commercio Venezolano-Italiana, Alfredo D’Ambrosio.

CARACAS.- L’ambasciatore d’Italia Silvio Mignano si è fatto promotore di una iniziativa per raccogliere fondi a favore dei connazionali colpiti dal terremoto nel centro Italia. Il dott. Silvio Mignano lo ha annunciato ufficialmente nel corso di una riunione presso la sua residenza di Caracas. A sostenere l’iniziativa umanitaria: Missione Cattolica Italiana, Camera di Commercio Venezolano-Italiana (Cavenit), Federazione dei Clubs Italo- Venezolani (FAIV), Fondazione Fundavag, i Comites di Puerto Ordaz, Maracaibo e Caracas e varie multinazionali presenti in Venezuela. Le donazioni saranno coordinate con l’assistenza e la cooperazione del “Banco Nacional de Credito” presso cui è stato aperto un conto a nome di A.C. MISION CATOLICA ITALIANA, No. 0191-0154-13-2100118250,Rif:J-302078148.

Per maggiori informazioni, è possibile chiamare ai seguenti numeri telefonici (0212) 2632427 o (0212) 9764505 o scrivere alla email: terremoto24agosto@gmail.com

Come ha tenuto a sottolineare l’Ambasciatore Mignano: “Alla tragedia umana delle vittime si somma, come spesso accade in Italia, la grave ferita a un patrimonio artistico e culturale unico al mondo.

Amatrice, nota in ogni dove per essere il luogo che ha dato origine alla famosa pasta con salsa all’amatriciana, è uno dei borghi medievali più incantevoli d’Europa, così come Accumoli e Arquata i cui edifici di gran valore artistico sono stati irrimediabilmente perduti sotto le macerie.

L’Italia, come tutti sappiamo, è il Paese con il più copioso numero di luoghi definiti “patrimonio dell’umanità” dall’UNESCO ma, purtroppo, anche il “territorio più sismico d’Europa”.

L'ambasciatore Silvio Mignano

L’ambasciatore Silvio Mignano

L’Ambasciatore Mignano ha precisato, durante la riunione che ha preceduto il Concerto intitolato “Ancora un Rinascimento italiano (musica nuova per la torre di Amatrice)” interpretato dalla “Escuela de Musica Mozarteum Caracas”, che “la comunità italiana, l’Ambasciata e i Consolati, hanno chiara coscienza dei gravi problemi economici che viviamo in Venezuela ed è per questo, che è stato deciso di trattare il “tema” con massimo rispetto e delicatezza. Nonostante ciò, i venezuelani e gli italo-venezuelani desiderano manifestare la propria solidarietà con le famiglie colpite dalla tragedia”.

Ed è senz’altro vero, anche se, purtroppo, in Venezuela, siamo costretti ad una vita che conserva solo il ricordo di quello che è stato per anni un paese ricco e generoso. La crisi economica ci obbliga a file estenuanti e umilianti e anche noi ci ritroviamo a vagare tra macerie, diverse, ma non meno drammatiche, perché sono crollati i valori che cementano una società.

La riunione che si è svolta nella residenza dell’ambasciatore Migliano si è conclusa con un concerto titolato ”Ancora un Rinascimento italiano” (musica nuova per la torre di Amatrice). Non sarebbe stato possibile interpretare meglio il dolore dei terremotati italiani. Le note delle musiche di Puccini, Chopin, Bellini, Mozart, Paolo Tosti, Rachmaninov, hanno espresso meglio di qualsiasi parola, i profondi sentimenti d’amore e d’orgoglio di tutti i presenti per quel prezioso “pezzetto d’Italia” profondamente ferito dalla forza inclemente della natura.

Anna Maria Tiziano

Ultima ora

01:14Calcio: Gasperini, partita che ci deve essere d’insegnamento

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Da questa partita dobbiamo prendere un insegnamento importante contro una squadra forte e che aveva voglia di riscatto. Non sono deluso. Deve essere un riferimento per noi, impariamo la lezione. Ci servirà a gennaio, quando affronteremo ancora la Juventus in Coppa Italia e per il ritorno in campionato. Nel frattempo speriamo di crescere". Gian Piero Gasperini, tecnico dell'Atalanta rivelazione in serie A, non si mostra abbattuto dopo il 3-1 incassato allo 'Juventus stadio', arrivato dopo sei successi consecutivi. "C'erano tutte le condizioni per non avere alcun tipo di impatto negativo - dice l'allenatore - indubbiamente c'era un certo divario, ma meno evidente di quello che ha mostrato il campo. Sarà compito nostro cercare di ridurlo. L'aspetto che mi dà fastidio è che contro squadre così non devi giocare individualmente ma coralmente. Siamo arrivati troppo spesso secondi sulla palla".

01:09Calcio: Allegri, siamo ripartiti dopo Genova

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Siamo ripartiti dopo Genova". Massimiliano Allegri è visibilmente soddisfatto di come la sua Juventus ha reagito contro l'Atalanta alla sconfitta sul terreno del Genoa. "Lavorare una settimana intera è stato importante, puoi dare idee nuove alla squadra, curare il recupero fisico. Da un mese avevo smesso di fare l'allenatore, giocando una partita ogni tre giorni" ha spiegato l'allenatore. "Contro l'Atalanta abbiamo fatto una bella partita e non era facile perché loro ci hanno impegnato molto fisicamente - ha aggiunto - ma i ragazzi sono stati bravi. Pjanic meglio da trequartista? Il trequartista è un giocatore che deve fare il centrocampista. Pjanic l'ha fatto discretamente bene e poi è stato importante sui calci piazzati in cui abbiamo fatto due gol". Quanto a Higuain "deve rimanere sereno, lui è abituato a segnare tutte le partite, ma nella Juve è normale che segnino anche altri. Ha avuto occasioni, ha fatto una buona partita e segnerà nei prossimi match".

00:52Trovato morto in casa dopo furto nel Livornese

(ANSA) - SAN VINCENZO (LIVORNO), 3 DIC - Un uomo di 77 anni è stato trovato morto nella sua casa di San Vincenzo (Livorno) dopo aver subito un furto o una rapina. Il corpo dell'uomo non presenta ferite esterne o segni di violenza: tra le ipotesi, anche quella che il 77enne possa essere morto per un malore dovuto allo choc, anche se sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso. Ancora da chiarire anche la dinamica dell'accaduto nella casa dell'uomo, un ex imprenditore della zona, in una zona residenziale sulle colline di San Vincenzo nella quale sono intervenuti i carabinieri: l'abitazione è stata trovata a soqquadro e la cassaforte aperta, senza il suo contenuto. L'allarme è stato dato dalla figlia dell'anziano.(ANSA).

00:32Calcio: Rugani, sconfitta a Genova ci ha fatto crescere

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Era importante far capire subito che quello di Genova è stato un tonfo che ci poteva stare, ma che ci ha fatto crescere e capire cosa avevamo sbagliato. E questo si è visto in campo, siamo entrati con il giusto approccio, siamo stati molto determinati ed il risultato è stato una conseguenza". Daniele Rugani, difensore-goleador della Juventus che ha battuto 3-1 l'Atalanta, commenta così il successo della sua squadra. "Sono contento di aver dato un buon contributo per mettere la partita nei binari giusti. A chi dedico il mio gol? A tutte le persone che mi stanno vicino, a tutti quelli che mi danno sempre una mano dentro e fuori dal campo" aggiunge.

00:13Calcio: un’ottima Juventus batte l’Atalanta 3-1

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Un'ottima Juventus ha vinto la sfida con l'Atalanta, squadra rivelazione della serie A, battendola 3-1. Per la formazione allenata da Gasperini non c'è stato scampo allo Juventus Stadium, contro l'11 bianconero affamato di riscatto dopo la sconfitta patita in casa del Genoa. Dopo 19 minuti il risultato era già 2-0, con le reti Alex Sandro (la prima in campionato del brasiliano, che ha poi reso omaggio ai connazionali della Chapecoense, decimati nell'incidente aereo in Colombia, con una maglietta dedicata) e Rugani. Nella ripresa Mandzukic, uno dei migliori in campo anche prima di entrare nel tabellino, ha segnato la terza rete. Freuler nel finale ha reso meno amaro il ko. I bianconeri allungano in testa alla classifica, salendo a 36 punti, +7 su Roma e Milan, la prima impegnata domani nel derby ed il secondo in casa con il Crotone. Atalanta ferma a 28.

23:45Termina a Santiago il viaggio di Fidel

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 3 DIC - Il viaggio di Fidel Castro nella sua Cuba termina a Santiago. Dopo aver percorso 900 chilometri, e aver attraversato l'isola sulle orme della 'Caravana de la Libertad' che segnò l'inizio dell'era del Comandante en Jefe, Fidel torna alla 'sua' base. Dove tutto iniziò. A Santiago de Cuba infatti il Lider Maximo ha mosso i primi passi della rivoluzione, che lo ha portato il primo gennaio 1959 a entrare trionfante a L'Avana. E Santiago è orgogliosa del suo ruolo nella storia, e si definisce 'culla della rivoluzione'. Il corteo funebre con le ceneri di Fidel entra trionfante in città e percorre 17 chilometri per le strade di Santiago, fra migliaia di persone in piazza per salutarlo e omaggiarlo. Un omaggio che si protrae l'intera giornata, con l'ultimo bagno di folla per il Comandante en Jefe nella Plaza Antonio Maceo, la Plaza de la Revolucion, alla presenza di Raul Castro. Per l'occasione diverse personalità sono giunte a Cuba.

23:40Usa: Fiamme al rave, molti stranieri alla festa

(ANSA) - NEW YORK, 3 DIC - Tra i partecipanti del rave party finito in tragedia ad Oakland, in California, anche tanti stranieri. Lo ha detto la polizia locale. Non e' ancora chiaro se vi siano cittadini non americani tra le vittime e i dispersi.

Archivio Ultima ora