Doping: documenti hacker, Pizzo “esenzione era di 1 anno”

(ANSA) – ROMA, 24 SET – La richiesta di esenzione per l’assunzione del formoterolo, farmaco che cura l’asma, è stata formulata da Paolo Pizzo il 18 ottobre 2010 e riguardava un periodo di tempo di 12 mesi e non di 4 anni. Lo rende noto la Federscherma, in merito alle notizie di alcuni media sul coinvolgimento di Pizzo nella lista degli autorizzati dall’Agenzia mondiale antidoping Wada all’uso di alcune sostanze per scopo terapeutico, lista diffusa dal sito di hacker russi “Fancy bears”. “Richiesi l’esenzione per soli 12 mesi -dice Pizzo, argento nella spada a Rio. Avendo superato i problemi d’asma, dopo quel periodo non ho più preso il formoterolo. Quanto riportato oggi su alcuni media circa una mia richiesta di esenzione per 4 anni, non ha fondamento di verità. Sono disposto a fornire copia dei documenti che certificano quanto dico. Credo fortemente nella lotta al doping -continua Pizzo- e mi sono sempre battuto per uno sport pulito. Vedere oggi associato il mio nome al termine doping mi ferisce come uomo e come atleta”.

Condividi: