Inter frena, Roma crolla, Juve e Napoli in fuga

Pubblicato il 25 settembre 2016 da ansa

Napoli's Marek Hamsik jubilates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs AC Chievo Verona at San Paolo stadium in Naples, Italy, 24 September 2016. ANSA/CESARE ABBATE

Napoli’s Marek Hamsik jubilates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs AC Chievo Verona at San Paolo stadium in Naples, Italy, 24 September 2016.
ANSA/CESARE ABBATE

ROMA. – Il Torino ridimensiona la Roma, il Bologna frena la rinascita dell’Inter e la serie A si riscopre a inseguire dopo sei giornate le due squadre più forti, Juve e Napoli, nell’ordine della classifica finale dell’anno scorso, le uniche due impegnate in Champions League.

Dopo gli anticipi di ieri, le squadre di Allegri e Sarri prendono il largo mentre nel gruppone a 10 punti sale la Lazio che batte con merito un intraprendente Empoli. Riparte il Sassuolo regolando l’Udinese mentre il Genoa in nove si fa raggiungere dal Pescara. Ancora un passo falso per la Roma in trasferta dopo essersi fatta recuperare con Cagliari e Plzen e il ko con la Fiorentina, almeno con l’attenuante di un gol in fuorigioco. Questa volta è notte fonda contro un Toro giovane e gagliardo che Mihajlovic sta plasmando con carattere e personalità. Solite occasioni sprecate, solite ingenuità difensive e la Roma va sotto meritatamente per il gol di testa di Belotti e il rigore di Iago Falque.

Non basta nemmeno il 250/o gol in A di Totti, a due giorni dai 40 anni per rigenerare i giallorossi che finisco 1-3. Il Toro cresce, ha un Belotti da nazionale che segna il suo quinto gol e un gruppo giovane con Benassi e Boye in evidenza. Si esaltano gli ex Castan e Falque (autore di una doppietta) e la Roma si allontana dal vertice mostrando di avere sempre gli stessi problemi in fase difensiva.

L’Inter per l’ennesima volta si mette nelle condizioni di inseguire: il Bologna infatti passa in vantaggio sfruttando un errore di Kondogbia (che poi viene platealmente sostituito), una prodezza di Verdi e una conclusione di Destro (terzo gol). I nerazzurri si rimboccano le mani, creano occasioni e passano con una prodezza di Perisic, ma Icardi viene contrato bene e i rossoblù chiudono tutti i varchi. De Boer prova la carta Gabigol, ma il successo non viene anche perché il Bologna è una squadra solida e nel finale crea anche qualche occasione.

Una Lazio a trazione anteriore crea parecchie occasioni ma poi deve curarsi le spalle per rintuzzare le velleità dell’Empoli che tiene fuori Maccarone. Decide Keita, per la prima volta utilizzato dall’inizio, che dà seguito alle ottime ultime partite e segna con un’ottima conclusione. La Lazio legittima il successo con molte azioni ma nella ripresa i toscani si rendono pericolosi fino al raddoppio di lulic che chiude i giochi.

Il Sassuolo torna al successo sull’Udinese sfruttando un errore di Karnesis sfruttato con mestiere da Defrel, l’attaccante che non sta facendo rimpiangere Berardi e segna il suo settimo gol stagionale: la squadra di Di Francesco dimostra carattere anche se dà spettacolo come in altre occasioni, riesce comunque a non far giocare un’Udinese deludente che però si sveglia nel finale sfiorando il pari con due pali.

Molte emozioni anche tra Genoa e Pescara: i liguri vanno avanti con una prodezza di Giovanni Simeone, figlio del Cholo, un ventenne promettente e molto dotato. Ma il Pescara attacca e per la seconda volta si ritrova in doppio vantaggio numerico per le espulsioni di Edenilson e Pandev. A differenza della gara persa col Torino questa volta gli abruzzesi trovano il pari con Manaj e sfiorano il successo con Verre. Ma i liguri recriminano per un rigore e la mancata espulsione di Zampano nel primo tempo.

La Fiorentina ha sbagliato un rigore con Ilicic a metà del primo tempo, ha giocato e tirato tanto e sfiorato più volte il gol trovando nel giovane Donnarumma un muro invalicabile. Il Milan ha giocato meno, ha avuto qualche occasione ma non è mai stato continuo, mai decisivo, mai ha avuto in mano il gioco e il destino del match. Finisce così 0-0.

Ultima ora

16:34Rapine in villa: irruzione nel Modenese,contuso padrone casa

(ANSA) - MODENA, 4 DIC - Quattro uomini armati hanno rapinato una famiglia di Torre Maina di Maranello, nel Modenese, facendo irruzione nella notte all'interno di una villa. Intorno all' una il gruppo di banditi - da quanto si apprende con accento dell'est Europa e con i volti travisati - dopo essere entrato ha minacciato con pistola la coppia di proprietari presente all'interno e due loro familiari, costringendoli a rimanere in una camera dell'abitazione mentre loro cercavano la cassaforte. Non avendo avuto collaborazione dal padrone di casa, un uomo di 66 anni, lo hanno colpito al volto causandogli lievi lesioni. La cassaforte poi asportata conteneva monili oro e contante. La banda è fuggita in auto. Indagano i carabinieri di Maranello con il nucleo operativo della Compagnia di Sassuolo. (ANSA).

16:29Siria: Idlib, almeno 22 morti in raid aerei

(ANSA) - BEIRUT, 4 DIC - Almeno 22 persone sono morte nei raid aerei compiuti oggi in Siria, presumibilmente dalle forze russe o siriane, tra cui anche tre bambini: i raid avrebbero colpito la città di Kafranbel, nel nordovest del Paese, e non Idlib come riportato in precedenza. Il Kafranbel Media Center gestito da un gruppo di attivisti ha pubblicato una lista di 22 morti, mentre L'Osservatorio siriano per i diritti umani è riuscito a confermare 21 vittime, tra cui agenti della polizia locale.

16:29Cuba: il lungo addio a Fidel, ultimo atto

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 4 DIC - Si è conclusa la cerimonia per la sepoltura delle ceneri di Fidel Castro al cimitero di Santa Ifigenia, a Santiago de Cuba. Il corteo funebre ha percorso i due chilometri da plaza de la Revolucion, dove le ceneri sono state depositate in nottata, al cimitero sulla avenida Patria, mentre sul ciglio della strada migliaia di persone sono tornate a salutare il Comandante. La cerimonia si era aperta con 21 colpi di cannone.

16:27Calcio: Milan-Crotone 2-1, decide Lapadula all’86’

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - Il Milan vince ancora nel segno di Lapadula. A San Siro batte di misura (2-1) e in rimonta un coriaceo Crotone che solo nel finale (86') deve arrendersi all'ennesima magia dell'ex Pescara, arrivato a 4 centri in campionato. Un successo prezioso per i rossoneri che tornano a -4 dalla capolista Juventus. Nell'anticipo della 15ma giornata di campionato, il Milan soffre oltre ogni aspettativa contro gli ultimi in classifica che vanno addirittura in vantaggio con Falcinelli (26'), prima di essere raggiunti a fine primo tempo dal gol di Pasalic. La ripresa è tutta di stampo rossonera, con tanto di rigore (benevolo) concesso per un fallo sul Lapadula: ma Niang si fa ipnotizzare da Cordaz. Sembrerebbe tutto finito ma da una punizione in favore del Milan, esce fuori una palla vagante che Lapadula con freddezza trasforma in oro. Unica nota stonata l'ammonizione di Kucka che farà saltare allo slovacco la trasferta di Roma.

16:22Finlandia: uccise sindaca e due giornaliste

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - La sindaca di Imatra, in Finlandia, e due giornaliste sono state uccise a colpi di fucile la notte scorsa nella cittadina a due passi dalla frontiera con la Russia. Un uomo di 23 anni è stato arrestato. Le vittime si trovavano in un'area pedonale davanti a un ristorante sabato notte, nella cittadina di 28 mila abitanti a circa 230 chilometri ad est di Helsinki. La polizia è giunta sul posto poco dopo la sparatoria ed ha arrestato l'uomo, che non ha opposto resistenza. Non si conoscono ancora le cause del suo gesto, ma i media non escludono che si tratti di una sparatoria casuale. Secondo la portavoce della polizia, Heli Jamsen-Turkki, citata dalla stampa locale, una delle tre vittime è Tina Wilén-Jappinen, sindaca di Imatra.

15:53Calcio: Lazio-Roma, fuori de Vrij gioca Milinkovic

(ANSA) - ROMA, 04 DIC - Fuori Stefan de Vrij dalla difesa, a centrocampo giocherà Milinkovic-Savic. Questa la novità nell'undici titolare della Lazio tra poco in campo per il derby con la Roma. Con il serbo a completare il centrocampo assieme a Biglia e Parolo, Simone Inzaghi scala Lulic a terzino sinistro con Basta a destra e coppia centrale Wallace-Radu. In attacco confermato il tridente Anderson-Immobile-Keita. Nessuna novità invece per quanto riguarda le scelte di Luciano Spalletti: 3-4-2-1 con Perotti e Nainggolan alle spalle di Dzeko in attacco e difesa a tre con Ruediger, Fazio e Manolas. Sugli esterni Bruno Peres e Emerson Palmieri con De Rossi e Strootman in mezzo.

15:44Papa:per Natale lasciamo idoli,successo,potere,soldi,piacere

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - "Il Natale - ha detto il Papa all'Angelus recitato dallo studio su piazza San Pietro davanti a circa cinquemila persone - è un giorno di grande gioia anche esteriore, ma è soprattutto un avvenimento religioso per cui è necessaria una preparazione spirituale". Occorre "un cambiamento della nostra vita, cioè una conversione": "si tratta di lasciare le strade, comode ma fuorvianti, degli idoli di questo mondo: il successo a tutti i costi, il potere a scapito dei più deboli, la sete di ricchezze, il piacere a qualsiasi prezzo. Si tratta di lasciare questi atteggiamenti che sono del diavolo, - ha aggiunto - e di aprire invece la strada al Signore che viene: Egli non toglie la nostra libertà, ma ci dona la vera felicità. Con la nascita di Gesù a Betlemme, è Dio stesso che prende dimora in mezzo a noi per liberarci dall'egoismo, dal peccato e dalla corruzione". Il Regno di Dio, ha ricordato, non riguarda solo l'aldilà, dobbiamo viverlo nel presente, "stabilendo la signoria di Dio sulla nostra storia".

Archivio Ultima ora