Inter frena, Roma crolla, Juve e Napoli in fuga

Pubblicato il 25 settembre 2016 da ansa

Napoli's Marek Hamsik jubilates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs AC Chievo Verona at San Paolo stadium in Naples, Italy, 24 September 2016. ANSA/CESARE ABBATE

Napoli’s Marek Hamsik jubilates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs AC Chievo Verona at San Paolo stadium in Naples, Italy, 24 September 2016.
ANSA/CESARE ABBATE

ROMA. – Il Torino ridimensiona la Roma, il Bologna frena la rinascita dell’Inter e la serie A si riscopre a inseguire dopo sei giornate le due squadre più forti, Juve e Napoli, nell’ordine della classifica finale dell’anno scorso, le uniche due impegnate in Champions League.

Dopo gli anticipi di ieri, le squadre di Allegri e Sarri prendono il largo mentre nel gruppone a 10 punti sale la Lazio che batte con merito un intraprendente Empoli. Riparte il Sassuolo regolando l’Udinese mentre il Genoa in nove si fa raggiungere dal Pescara. Ancora un passo falso per la Roma in trasferta dopo essersi fatta recuperare con Cagliari e Plzen e il ko con la Fiorentina, almeno con l’attenuante di un gol in fuorigioco. Questa volta è notte fonda contro un Toro giovane e gagliardo che Mihajlovic sta plasmando con carattere e personalità. Solite occasioni sprecate, solite ingenuità difensive e la Roma va sotto meritatamente per il gol di testa di Belotti e il rigore di Iago Falque.

Non basta nemmeno il 250/o gol in A di Totti, a due giorni dai 40 anni per rigenerare i giallorossi che finisco 1-3. Il Toro cresce, ha un Belotti da nazionale che segna il suo quinto gol e un gruppo giovane con Benassi e Boye in evidenza. Si esaltano gli ex Castan e Falque (autore di una doppietta) e la Roma si allontana dal vertice mostrando di avere sempre gli stessi problemi in fase difensiva.

L’Inter per l’ennesima volta si mette nelle condizioni di inseguire: il Bologna infatti passa in vantaggio sfruttando un errore di Kondogbia (che poi viene platealmente sostituito), una prodezza di Verdi e una conclusione di Destro (terzo gol). I nerazzurri si rimboccano le mani, creano occasioni e passano con una prodezza di Perisic, ma Icardi viene contrato bene e i rossoblù chiudono tutti i varchi. De Boer prova la carta Gabigol, ma il successo non viene anche perché il Bologna è una squadra solida e nel finale crea anche qualche occasione.

Una Lazio a trazione anteriore crea parecchie occasioni ma poi deve curarsi le spalle per rintuzzare le velleità dell’Empoli che tiene fuori Maccarone. Decide Keita, per la prima volta utilizzato dall’inizio, che dà seguito alle ottime ultime partite e segna con un’ottima conclusione. La Lazio legittima il successo con molte azioni ma nella ripresa i toscani si rendono pericolosi fino al raddoppio di lulic che chiude i giochi.

Il Sassuolo torna al successo sull’Udinese sfruttando un errore di Karnesis sfruttato con mestiere da Defrel, l’attaccante che non sta facendo rimpiangere Berardi e segna il suo settimo gol stagionale: la squadra di Di Francesco dimostra carattere anche se dà spettacolo come in altre occasioni, riesce comunque a non far giocare un’Udinese deludente che però si sveglia nel finale sfiorando il pari con due pali.

Molte emozioni anche tra Genoa e Pescara: i liguri vanno avanti con una prodezza di Giovanni Simeone, figlio del Cholo, un ventenne promettente e molto dotato. Ma il Pescara attacca e per la seconda volta si ritrova in doppio vantaggio numerico per le espulsioni di Edenilson e Pandev. A differenza della gara persa col Torino questa volta gli abruzzesi trovano il pari con Manaj e sfiorano il successo con Verre. Ma i liguri recriminano per un rigore e la mancata espulsione di Zampano nel primo tempo.

La Fiorentina ha sbagliato un rigore con Ilicic a metà del primo tempo, ha giocato e tirato tanto e sfiorato più volte il gol trovando nel giovane Donnarumma un muro invalicabile. Il Milan ha giocato meno, ha avuto qualche occasione ma non è mai stato continuo, mai decisivo, mai ha avuto in mano il gioco e il destino del match. Finisce così 0-0.

Ultima ora

14:57Calcio: serie A, Roma-Lazio 1-3

(ANSA) - ROMA, 30 APR - La Lazio vince 3-1 il derby e attacca un altro pezzo di scudetto sulle maglie della Juventus, ora a +9 sulla Roma. Un successo piuttosto netto quello della squadra di Simone Inzaghi, che dopo un avvio forte dei giallorossi va subito in gol con Keita e poi gestisce con calma la partita, senza soffrire per l'assenza improvvisa di Immobile causa influenza. Un rigore inesistente concesso da Orsato alla Roma permette a De Rossi di siglare l'1-1 al 45', ma nella ripresa è ancora la Lazio a fare la gara, tornando in vantaggio all'8'. Scarsa la reazione dei giallorossi e anche l'ingresso di Totti al 27' cambia poco, mentre la Lazio dopo alcuni tentativi falliti trova il 3-1 con Keita al 40'. Festeggia Inzaghi, che con 67 punti vede sempre più vicino il traguardo Europa League.

14:53Alpinismo: Ueli Steck morto sull’Everest

(ANSA) - BOLZANO, 30 APR - E' morto sull'Everest il noto alpinista svizzero Ueli Steck. Il 40enne era famoso per le sue imprese di speed climbing e detentore di numerosi record si velocità. Steck stava preparando l'attraversata di due ottomila, l'Everest e il Lhotse, durante un'unica impresa. Secondo prime informazioni, Steck è precipitato per mille metri, mentre si trovava in fase di acclimatazione tra il campo 1 e il campo 2. Lo svizzero è stato più volte compagno di cordata dell'alpinista italiano Simone Moro.

14:47F1: Russia, Bottas sorprende Ferrari e subito safety-car

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Brutta partenza per le Ferrari che nel Gran Premio di Russia scattavano dalla prima fila. Al semaforo verde la Mercedes di Bottas è riuscita a passare sia la Rossa di Vettel, secondo, che quella di Raikkonen. Quarta l'altra Mercedes di Hamilton. Dopo le prime curve gara neutralizzata con safity-car per il tamponamento tra la Renault di Palmer e la Haas di Grosjean. Non partita la McLaren di Alonso che alla fine del giro di ricognizione abbandona la sua vettura all'entrata della pit-lane del circuito di Sochi.

14:27Papa: Azione Cattolica faccia politica

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 30 APR - "Mettetevi in politica, ma per favore nella grande politica, nella politica con la maiuscola!". Lo ha detto papa Francesco, 'a braccio' durante l'udienza in Piazza San Pietro all'Azione Cattolica per i 150 dalla nascita (70mila i fedeli presenti). "Avere una bella storia alle spalle non serve però per camminare con occhi all'indietro: fareste uno schianto. Non guardarsi allo specchio. Non mettersi in poltrona: questo ingrassa e fa male al colesterolo!". "Vi incoraggio a continuare ad essere un popolo di discepoli-missionari che vivono e testimoniano la gioia di sapere che il Signore ci ama di un amore infinito, e che insieme a Lui amano profondamente la storia in cui abitiamo". "Cari soci di Azione Cattolica - ha esortato Bergoglio -, ogni vostra iniziativa, ogni proposta, ogni cammino sia esperienza missionaria, destinata all' evangelizzazione, non all' autoconservazione". "Anche per me è un po' aria di famiglia: mio papà e mia nonna erano dell'Azione Cattolica!"ha detto Bergoglio.

14:20Pd: Lombardia, seggio a 3.000 metri sul ghiacciaio Presena

(ANSA) - MILANO, 30 APR - In Lombardia, seggio per le primarie del Pd anche per gli sciatori: nel comprensorio Pontedilegno-Tonale è stato allestito un seggio a 3.000 metri di quota. Ha la forma di un igloo. "Si tratta certamente del più alto d'Italia" hanno commentato dal Consorzio Adamello Ski. Il seggio è una sede dislocata del Pd di Ponte di Legno, raggiungibile in cabinovia dal Passo Tonale. Lì è stato possibile votare con gli sci ai piedi. Le recenti nevicate hanno portato un metro di neve fresca sul ghiacciaio Presena, dove la stagione sciistica prosegue fino al 4 giugno. (ANSA).

14:18Calcio: Entella esonera Breda, arriva Castorina

(ANSA) - GENOVA, 30 APR - La Virtus Entella ha comunicato l'esonero del tecnico Roberto Breda, all'indomani della sconfitta subita ieri a Trapani. La prima squadra è ora affidata all'allenatore della Primavera biancoceleste, Gianpaolo Castorina.

14:18Pd: ‘nonna’ 102 anni vota per primarie nel savonese

(ANSA) - GENOVA, 30 APR - Buona l'affluenza alle urne per le primarie in Liguria. Tra le curiosità il voto, stamattina poco dopo l'apertura dei seggi, di una anziana di 102 anni. La signora Teresa, camicetta rossa e foulard ton sur ton al collo, si è presentata al point di Carcare nel savonese e dopo aver dato i documenti ha consentito che la fotografassero per un post sul sito facebook del Pd Liguria che ha commentato così: "per votare non c'è età. Grazie!".

Archivio Ultima ora