Obama inaugura il museo degli afroamericani, è nostra storia

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Obama inaugura museo afroamericani, è nostra storia

Obama inaugura museo afroamericani, è nostra storia

NEW YORK. – La storia dei neri americani è la storia americana. Barack Obama, in un discorso appassionato, inaugura il primo museo nazionale della storia afroamericana al National Mall di Washington. Un’opera imponente, realizzata anche grazie all’ex presidente George W. Bush, che nel 2003 ha firmato la legge che autorizzava il proseguimento dei lavori.

Un’opera per la quale ci sono voluti decenni, e che “non è solo un edificio ma un sogno che diventa realtà”, afferma John Lewis, il parlamentare afroamericano eroe della Georgia, che 51 anni fa guidò la prima marcia per i diritti civili a Selma in Alabama. “La storia degli afroamericani non è separata dalla storia americana. Ne è una parte centrale”, dichiara Obama.

“Ci aiuta a capire meglio le vite del presidente e dello schiavo, dell’industriale e del facchino, di chi vuole mantenere lo status quo ma anche degli attivisti che vogliono cambiarlo. Conoscendo questa storia capiamo meglio noi stessi e gli altri”, aggiunge il presidente americano.

Ad ascoltarlo, con le lacrime agli occhi, la First Lady Michelle Obama, seduta accanto all’ex presidente George W. Bush e a sua moglie Laura. Obama e Bush sono d’accordo su un punto: un grande Paese non si nasconde davanti alla sua storia. E gli Stati Uniti sono un grande Paese.

Il museo è un’opera “fantastica, mostra il nostro impegno verso la verità. Un grande Paese non nasconde la sua storia. Affronta le sue debolezze e le corregge” spiega Bush. Gli fa eco Obama che davanti a un pubblico di 7.000 invitati, fra le quali grandi star, dice: “Un grande paese non ha paura davanti alla verità. La storia americana è una storia di sofferenza e di gioia, di paura e di speranza. Siamo qui per raccontarla”. E per raccontare “anche quella storia che talvolta non è stata ascoltata”.

Obama suona poi la campana che segna l’apertura ufficiale del museo, davanti anche a una parte di Hollywood. Presenti allo storico appuntamento sono infatti Robert DeNiro, Oprah Winfrey e Will Smith.

Ultima ora

11:01Rigopiano: Stefano vivo, a Valva si riaccende la speranza

(ANSA) - VALVA (SALERNO), 21 GEN - La notizia che Stefano Feniello è vivo ed è stato individuato assieme alla fidanzata Francesca Bronzi ed altre tre persone sotto le macerie del resort Rigopiano è giunta nel cuore della notte a Valva (Salerno). "Aspettiamo qualche buona notizia'' aveva detto ieri lo zio di Stefano, Claudio, che stamattina insieme con la sorella Graziella ed il figlio Carmine si sta dirigendo a Silvi Marina dove vive la famiglia di Stefano. "Per il momento non abbiamo notizie - dice Claudio Feniello - speriamo che quando saremo a destinazione nostro nipote sia stato estratto dalle macerie". A telefono il fratello di Stefano, Andrea, che si trova in queste ore a Pescara, dice: 'Aspettiamo notizie''.

10:57Bus ungherese: A4 riaperta, rimossa carcassa pullman

(ANSA) - S.MARTINO BUONALBERGO (VERONA), 21 GEN - E' stata riaperta poco fa l'autostrada A4, chiusa dalla notte scorsa tra Verona Sud e Verona Est in seguito al tragico incidente al bus ungherese. Il traffico, sia pur lentamente, ha ripreso a scorrere in direzione di Venezia, dopo che ciò che rimaneva del pullman straniero è stato rimosso. Sul posto sono ora in azione i mezzi della società autostradale per ripulire il tratto di autostrada interessato. Si resta in attesa, da parte della Polstrada di Verona Sud, di conoscere l'esatta dinamica dell'incidente. (ANSA).

10:55Bus ungherese in fiamme, 16 morti

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - E' di 16 morti accertati il bilancio nell'incidente che ha coinvolto un pullman ungherese sul quale viaggiavano 55 persone, 39 delle quali sono rimaste ferite e sono state portate nei vari ospedali di Verona. L'incidente si è verificato poco prima di mezzanotte sulla A4 all'altezza dello svincolo di Verona Est in direzione Venezia: il pullman è andato a sbattere lateralmente contro il pilone del ponte, incendiandosi. A bordo si trovava un gruppo di ragazzi ungheresi fra i 14 e i 18 anni che stavano tornando da una gita scolastica: da una località montana della Francia il bus stava facendo ritorno a Budapest.

07:28Trump: Mattis e Kelly giurano, sono in carica

NEW YORK - L'ex generale James Mattis e il generale in congedo John Kelly hanno giurato, entrando ufficialmente in carica nell'amministrazione Trump. Mattis e' il nuovo capo del Pentagono. Kelly il ministro degli Interni.

07:25Trump in Studio Ovale, firma decreto su Obamacare

NEW YORK - Donald Trump, nel suo primo atto nello Studio Ovale, firma un decreto esecutivo diretto alle agenzie governative per ridurre il peso dell'Obamacare. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer.

07:19Trump, bene conferme Mattis e Kelly, subito al lavoro

NEW YORK - ''Sono soddisfatto della conferma dei generali Mattis e Kelly''. Lo afferma il presidente americano Donald Trump, commentando la loro conferma in Senato. ''Sono due leader qualificati che inizieranno subito a lavorare per difendere il nostro paese e mettere al sicuro i nostri confini''.

07:01Trump: Senato conferma Kelly ministro dell’interno

WASHINGTON - Il Senato americano ha confermato il generale in congedo John Kelly come segretario dell'Homeland Security Department, corrispondente al ministero dell'interno. Poche ore fa il Senato ha confermato anche la nomina dell'ex generale James Mattis a segretario della difesa.

Archivio Ultima ora