Merkel, prenderemo centinaia di migranti da Italia e Grecia

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Merkel, prenderemo centinaia migranti da Italia e Grecia

Merkel, prenderemo centinaia migranti da Italia e Grecia

ROMA. – Angela Merkel apre all’accoglienza di “centinaia” di migranti legali ogni mese da Italia e Grecia e chiude ai clandestini che dovranno essere fermati fuori dalle frontiere dell’Unione europea attraverso accordi sul modello turco con Paesi terzi, dall’Egitto al Pakistan, dall’Afghanistan all’Africa.

Al vertice di Vienna sull’emergenza migranti con il cancelliere austriaco Christian Kern e i leader dei Balcani occidentali e del centro Europa, la cancelliera tedesca illustra la sua ricetta per evitare che si ripeta l’esodo del 2015 lungo la rotta balcanica, rispetto al quale, comunque, “molto è stato fatto”.

A rafforzare la sicurezza dei confini Ue, le guardie di frontiera europee che saranno ufficialmente lanciate il 6 ottobre in Bulgaria – ha annunciato il commissario Ue alla migrazione Dimitri Avramopoulos, spiegando che ci sarà anche un “Ufficio europeo per i rimpatri”.

Dopo la batosta elettorale a Berlino e la ‘promessa’ che non si ripeterà ciò che successo nel 2015, Merkel ribadisce il nuovo corso anche al di là dei confini nazionali. “Il nostro obiettivo deve essere quello di fermare per quanto possibile l’immigrazione illegale” fuori dall’Ue, ha detto la cancelliera assicurando a Italia e Grecia ulteriori aiuti e rispondendo, un po’ in filigrana, a Matteo Renzi che in un’intervista al Washington Post aveva ribadito che “l’Europa deve investire in Africa” e sottolineato la mancanza di una “visione” da parte Ue che ha bisogno di una “strategia per i prossimi dieci anni”.

“E’ necessario – ha aggiunto appunto Merkel – fare accordi con i Paesi terzi, specialmente in Africa ma anche con Pakistan e Afghanistan…in modo che sia chiaro che coloro che non hanno il diritto di stare in Europa possano tornare nei loro Paesi”.

A sostenere la necessità di “riprendere il controllo dei confini esterni” dell’Unione è anche il cancelliere austriaco Christian Kern, sulla linea del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk che spinge sul bisogno di certezze. E di una in particolare: “che i Balcani occidentali rimangano chiusi all’immigrazione illegale”.

Anche se i leader dei Paesi in questione non sembrano fidarsi delle assicurazioni ricevute. Non è soddisfatto del vertice di Vienna, privo di decisioni concrete, il premier serbo Aleksandar Vucic che critica anche la mancanza di una posizione unitaria dell’Europa.

E anche se – guardando al grande sponsor dei muri, il premier ungherese Viktor Orban – Vucic ha ribadito che Belgrado non innalzerà barriere, ha precisato che in caso di una nuova crisi acuta sarà costretto ad adottare “determinate misure per difendere i suoi interessi nazionali”.

Intanto Francois Hollande cerca di disinnescare la mina Calais rispondendo alle critiche della destra che aveva evocato il rischio della moltiplicazione in tutto il Paese di ‘mini-Calais’. “La Francia non sarà un Paese di campi” profughi, ha detto il presidente, annunciando di volere chiudere interamente la cosiddetta ‘Giungla’ ripartendo i novemila migranti nei 140 centri di accoglienza temporanea realizzati in 80 dipartimenti dove potranno fare richiesta d’asilo. Per coloro a cui non verrà concesso, scatterà il rimpatrio.

(di Eloisa Gallinaro/ANSA)

Ultima ora

20:15Merkel ad Ankara, nessuno minacci lavoro giornalisti

(ANSA) - BERLINO, 01 MAR - "Il fatto che ci siano media liberi è parte di questa democrazia, e questo nessuno deve metterlo in discussione neppure quando è scomodo. Il giornalismo indipendente deve poter esistere, i giornalisti devono poter fare il loro lavoro, e perciò pensiamo a Deniz Yucel". Lo ha detto Angela Merkel, sottolineando che il governo s'impegnerà perché il reporter tedesco arrestato in Turchia possa essere libero. "La libertà di opinione di stampa, di religione non devono essere date per scontate", ha aggiunto.(ANSA)

20:08Pd: Fiano, anticorpi a Napoli hanno funzionato

(ANSA) NAPOLI, 1 MAR - "Gli anticorpi alle infiltrazioni nel Pd a Napoli hanno funzionato. Circa 300 soggetti le cui preiscrizioni erano avvenute in modo irregolare non sono stati iscritti al Pd". Lo afferma Emanuele Fiano, inviato oggi a Napoli per verificare le irregolarità nel tesseramento. "Non accetteremo che qualcuno iscriva al Pd dei gruppi di persone. Non vogliamo iscritti che facciano capo a una persona, né possiamo accettare in fase precongressuale che ci siano sospetti su iscrizioni esagerate che modifichino gli assetti del Pd".

19:50Calcio: Palermo, Zamparini “non ho rimpianti”

(ANSA) - PALERMO, 1 MAR - "A Palermo ci siamo divertiti, ai tempi c'erano altre possibilità economiche. A un certo momento tra le mani avevo in attacco Pastore, Cavani ed Hernandez. Dybala con me guadagnava 500mila euro". Lo dice l'ormai ex presidente del Palermo, Maurizio Zamparini. "Dal punto di vista amministrativo - prosegue - l'Italia è un disastro: non riusciamo a esprimere il calcio che vediamo all'estero. E' veramente patetico vedere che il calcio diventa un serbatoio di interessi economici e non di valori. Quando sono entrato nel calcio non c'erano i presidenti attuali". "Da tempo dicevo di voler lasciare il Palermo in buone mani e così sarà. Penso - prosegue - di aver trovato l'acquirente giusto. Le emozioni fanno parte della vita, ma a un certo punto sapevo che dovevo lasciare. Questo calcio mi ha stressato molto, non ho più vent'anni".

19:44Disabili: in Sicilia anche morti godono di assistenza

(ANSA) - PALERMO, 1 MAR - In Sicilia anche i morti finora hanno beneficiato dell'assistenza h24. L'incredibile scoperta emerge da un rapporto che l'Asp di Palermo ha consegnato al governatore Rosario Crocetta che ha chiesto alle aziende sanitarie di verificare i dati dei tabulati sul numero dei disabili gravissimi in possesso dell'assessorato regionale alla Famiglia, di cui ha preso la delega dopo le dimissioni di Gianluca Miccichè, compilati sulla base delle informazioni fornite dai 55 distretti socio-sanitari e dai comuni dell'isola. Nel distretto di Misilmeri che aveva più disabili dell'intero Piemonte sulla base dei dati dell'assessorato viene fuori che in realtà i disabili gravissimi non sono 110 ma 47 e che 15 persone, inserite negli elenchi dai comuni, sono decedute. L'Asp dunque conferma i sospetti di anomalie e numeri gonfiati.

19:42Condannato a Bergamo il ‘killer dei gatti’, 3 anni e 6 mesi

(ANSA) - BERGAMO, 1 MAR - E' stato condannato oggi in tribunale a Bergamo a 3 anni e 6 mesi un uomo di 43 anni, di Trescore Balneario, accusato di maltrattamento e uccisione di animali, in particolare gatti, e per questo ribattezzato 'killer dei gatti'. Il giudice ha stabilito anche che al termine della pena l'uomo resti in libertà vigilata per due anni. Il pm aveva chiesto un anno e quattro mesi di reclusione. La sentenza di primo grado arriva al termine di un lungo processo. L'uomo aveva contattato alcune donne che avevano pubblicato su internet l'annuncio di vendita di alcuni gattini. Dopo averli ricevuti, li avrebbe torturati e uccisi, postando poi le fotografie delle torture attraverso WhatsApp. L'uomo era già stato condannato lo scorso dicembre a 2 anni per stalking.(ANSA).

19:39F1: test, la Mercedes di Bottas avanti, Vettel secondo

(ANSA) - ROMA, 1 MAR - Miglior tempo per la Mercedes di Valtteri Bottas nella terza giornata di test in vista della stagione 2017 di Formula 1. Sul circuito di Montmelò vicino a Barcellona, il pilota finlandese in 1'19''705 con gomme ultra-soft ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel che ha fermato il crono sull'1'19''952 con pneumatici soft, più duri e più lenti di quelli usati dal team campione del mondo. Terzo miglior tempo per la Red Bull di Daniel Ricciardo con gomme morbide (1'21''153 per l'australiano).

19:36Calcio:juventino Gabbani “niente fanatismo,sport è rispetto”

(ANSA) - TORINO, 1 MAR - "Capisco e rispetto chi ha una passione forte per qualcosa. Se uno si entusiasma per una partita sono d'accordo. Il fanatismo però non risponde alla mia visione della vita, non solo nel calcio. Credo nell'essere tifosi con senso di sportività, rispettando quella altrui". A dirlo è il vincitore di Sanremo Francesco Gabbani, ieri sera allo 'Stadium', che commenta così le roventi polemiche dopo Juve-Napoli. Gabbani ha incontrato Buffon, che gli ha regalato una maglia con il numero 1 e la scritta Gabbani.

Archivio Ultima ora