Merkel, prenderemo centinaia di migranti da Italia e Grecia

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Merkel, prenderemo centinaia migranti da Italia e Grecia

Merkel, prenderemo centinaia migranti da Italia e Grecia

ROMA. – Angela Merkel apre all’accoglienza di “centinaia” di migranti legali ogni mese da Italia e Grecia e chiude ai clandestini che dovranno essere fermati fuori dalle frontiere dell’Unione europea attraverso accordi sul modello turco con Paesi terzi, dall’Egitto al Pakistan, dall’Afghanistan all’Africa.

Al vertice di Vienna sull’emergenza migranti con il cancelliere austriaco Christian Kern e i leader dei Balcani occidentali e del centro Europa, la cancelliera tedesca illustra la sua ricetta per evitare che si ripeta l’esodo del 2015 lungo la rotta balcanica, rispetto al quale, comunque, “molto è stato fatto”.

A rafforzare la sicurezza dei confini Ue, le guardie di frontiera europee che saranno ufficialmente lanciate il 6 ottobre in Bulgaria – ha annunciato il commissario Ue alla migrazione Dimitri Avramopoulos, spiegando che ci sarà anche un “Ufficio europeo per i rimpatri”.

Dopo la batosta elettorale a Berlino e la ‘promessa’ che non si ripeterà ciò che successo nel 2015, Merkel ribadisce il nuovo corso anche al di là dei confini nazionali. “Il nostro obiettivo deve essere quello di fermare per quanto possibile l’immigrazione illegale” fuori dall’Ue, ha detto la cancelliera assicurando a Italia e Grecia ulteriori aiuti e rispondendo, un po’ in filigrana, a Matteo Renzi che in un’intervista al Washington Post aveva ribadito che “l’Europa deve investire in Africa” e sottolineato la mancanza di una “visione” da parte Ue che ha bisogno di una “strategia per i prossimi dieci anni”.

“E’ necessario – ha aggiunto appunto Merkel – fare accordi con i Paesi terzi, specialmente in Africa ma anche con Pakistan e Afghanistan…in modo che sia chiaro che coloro che non hanno il diritto di stare in Europa possano tornare nei loro Paesi”.

A sostenere la necessità di “riprendere il controllo dei confini esterni” dell’Unione è anche il cancelliere austriaco Christian Kern, sulla linea del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk che spinge sul bisogno di certezze. E di una in particolare: “che i Balcani occidentali rimangano chiusi all’immigrazione illegale”.

Anche se i leader dei Paesi in questione non sembrano fidarsi delle assicurazioni ricevute. Non è soddisfatto del vertice di Vienna, privo di decisioni concrete, il premier serbo Aleksandar Vucic che critica anche la mancanza di una posizione unitaria dell’Europa.

E anche se – guardando al grande sponsor dei muri, il premier ungherese Viktor Orban – Vucic ha ribadito che Belgrado non innalzerà barriere, ha precisato che in caso di una nuova crisi acuta sarà costretto ad adottare “determinate misure per difendere i suoi interessi nazionali”.

Intanto Francois Hollande cerca di disinnescare la mina Calais rispondendo alle critiche della destra che aveva evocato il rischio della moltiplicazione in tutto il Paese di ‘mini-Calais’. “La Francia non sarà un Paese di campi” profughi, ha detto il presidente, annunciando di volere chiudere interamente la cosiddetta ‘Giungla’ ripartendo i novemila migranti nei 140 centri di accoglienza temporanea realizzati in 80 dipartimenti dove potranno fare richiesta d’asilo. Per coloro a cui non verrà concesso, scatterà il rimpatrio.

(di Eloisa Gallinaro/ANSA)

Ultima ora

08:33Pena morte: giustiziato in Alabama con iniezione letale

(ANSA) - ATMORE (ALABAMA), 9 DIC - E' stato giustiziato poco fa in Alabama un uomo condannato per l'omicidio di un commesso di un discount durante una rapina nel 1994 la cui sentenza era stata sospesa poche ore prima per un riesame. La Corte Suprema aveva infine dato il via libera all'esecuzione. Il 45enne Ronald Bert Smith Jr. è stato dichiarato deceduto alle 23.05 ora locale, le 6.05 in Italia, dopo 30 minuti di agonia. La giuria aveva chiesto l'ergastolo ma il giudice aveva poi deciso per la pena capitale.

08:08Somalia: intesa per elezioni presidenziali il 28 dicembre

(ANSA) - MOGADISCIO, 9 DIC - I leader politici della Somalia hanno raggiunto un'intesa per svolgere le elezioni presidenziali il prossimo 28 dicembre, dopo tre rinvii e tra accuse di corruzione, frode e intimidazioni. Erano inizialmente previste per il 30 novembre, poi la commissione elettorale aveva annunciato che si sarebbero svolte in dicembre. Il rinvio riflette le difficoltà in atto nel Paese del Corno d'Africa pervaso da lotte fra clan e minacciato dagli estremisti islamici. Il presidente della Somalia non viene eletto per voto popolare. Circa 14 mila delegati scelti dai rispettivi clan eleggono i membri del Parlamento, che a loro volta eleggono poi il presidente.

07:52Terremoto: scossa del 3.1 in provincia di Macerata

(ANSA) - ROMA, 9 DIC - Un terremoto di magnitudo 3.1 è stato registrato all' 1.10 nella provincia di Macerata. Non si ha notizia di danni. L'Ingv ha localizzato l'epicentro del sisma vicino a Fiordimonte, ai piedi dei Sibillini, a 9 chilometri di profondità. Un'altra scossa, del 3,7, era stata avvertita poco dopo le 22 tra Abruzzo e Marche, epicentro Valle Castellana (Teramo), seguita poco dopo da un'altra del 2.2.

00:45Calcio: Europa League, l’Inter chiude con un 2-1 allo Sparta

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - L'Inter saluta l'Europa con una vittoria, in un San Siro semivuoto per la protesta dei tifosi. Finisce 2-1 con lo Sparta Praga, che si qualifica ai sedicesimi con gli inglesi del Southampton (1-1 con il Beer Sheeva). Ma anche stasera, con una squadra con diversi giovani, la formazione di Pioli ha sofferto. In gol con Eder, su una bella azione costruita dal baby Pinamonti, i nerazzurri sono raggiunti a inizio ripresa da un colpo di testa di Marecek. Lo Sparta spreca l'occasione di andare in vantaggio su rigore, Carrizo netraulizza il tiro di Dockal. Nel finale, al 90', il gol vittoria ancora di Eder. Negli altri gironi, lo Standard Liegi non va oltre l'1-1 con l'Ajax, ai sedicesimi con gli olandesi passa il Celta Vigo (2-0 in casa del Panathinaikos).

00:43Grecia: annuncio Tsipras, una tantum per pensionati poveri

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - Il premier greco Alexis Tsipras ha annunciato in tv che il governo spenderà 617 milioni di euro in 'una tantum' da versare ai pensionati con i redditi più bassi. Lo riferiscono i media ellenici. Tsipras ha ricordato che la decisione avviene dopo che la Grecia ha superato gli obiettivi di surplus primario per il 2016, "fedeli al nostro impegno a sostenere i più deboli". L'assegno interesserà 1,6 milioni di pensionati che guadagnano meno di 850 euro al mese. Il premier ha anche detto che non scatterà l'aumento dell'Iva per le isole del nord Egeo più colpite dalla crisi dei migranti. Il surplus primario greco nel 2016 ha raggiunto l'1,1% del Pil, contro lo 0,5% previsto dal piano di salvataggio. Tsipras ha salutato il via libera dato dall'Eurogruppo alle misure a breve termine sull'alleggerimento del debito ellenico, allo scopo di far riguadagnare al Paese l'accesso al mercato. Tra queste c'è una rimodulazione delle scadenze del debito con i fondi salva-Stati Efsf e Esm, e una riduzione degli interessi.

23:28Usa: è morto l’astronauta John Glenn

(ANSA) - WASHINGTON, 8 DIC - E' morto John Glenn, il primo astronauta americano ad andare in orbita intorno alla Terra. Per 24 anni ha poi rappresentato l'Ohio al Senato degli Stati Uniti. Aveva 95 anni.

22:38Calcio: la Roma fa 0-0 in casa Astra, Sassuolo-Genk rinviata

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - La Roma chiude il girone di Europa League con uno 0-0 a Bucarest, in casa dell'Astra Giurgiu, che comunque festeggia: assicurato il primo posto per il giallorossi, il secondo va proprio alla squadra romena, in forza della sorprendente vittoria del Plzen che in casa rimonta due gol di svantaggio e batte 3-2 l'Austria Vienna. Sassuolo-Genk, l'altra partita di un'italiana, e' rinviata a domani per la nebbia fitta sullo stadio di Reggio Emilia. Va ai sedicesimi anche il Manchester United, grazie allo 0-2 firmato Mkhitaryan-Ibrahmovic in casa dello Zorya, ma secondo dietro il Fenerbahce. L'Anderlecht perde in casa 3-2 col St.Etienne che lo sorpassa al primo posto del girone, ma si consola con la qualificazione da seconda. Nel gruppo D, avanti Zenit e Az Alkmaar: lo scontro diretto va agli olandesi (3-2), e' la prima sconfitta dei russi che pero' conservano il primo posto

Archivio Ultima ora