La ripresa parte dai bar e ristoranti, 30 in più al giorno

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Ripresa parte da bar,ristoranti,30 in più al giorno

Ripresa parte da bar,ristoranti,30 in più al giorno

ROMA. – La ripresa parte da Bar e ristoranti: dal 2012 sono quasi 29.000 le nuove attività di ristorazione, al ritmo di circa trenta nuove imprese ogni giorno, che hanno aperto prendendo il posto dei negozi che chiudono. Un fenomeno che nel Mezzogiorno fa registrare un boom e che in Italia potrebbe portare alla creazione di 100.000 posti di lavoro nei prossimi due anni.

E’ quanto emerge da un rapporto dell’Osservatorio Confesercenti in cui si calcola che dal 2012 si è avuta una crescita dell’8,3%. Un trend in controtendenza rispetto a quello delle imprese del commercio in sede fissa, diminuite nello stesso periodo del 3,5%.

Complessivamente, ad agosto 2016, le attività di ristorazione e bar sono oltre 372mila e offrono lavoro a 1,3 milioni di persone, un decimo dell’occupazione privata in Italia. Ma la situazione del settore è ancora difficile, rileva Confesercenti: un’impresa su due cessa entro i primi tre anni di vita. E se a pesare sono in primo luogo le tasse, che “tra Imu e Tari sono particolarmente esose”, si spiega nel rapporto, è anche vero che serve più formazione in un “un settore estremamente competitivo, dove non ci si può improvvisare e chi non si forma non avrà chance di successo”.

Dietro l’aumento di queste attività c’è la crescita della spesa in ristorazione passata da 52,3 miliardi di euro del 2001 ai 76,4 miliardi del 2015 (+46%). Il maggior numero di esercizi è nel Mezzogiorno, dove si contano oltre 11mila nuovi bar e ristoranti rispetto al 2012, con una crescita del 10,8%, decisamente superiore alla media italiana (+8,3%).

Particolarmente notevole, nel Sud, è l’incremento di bar e altri pubblici esercizi: nel periodo sono aumentati di 4.392 unità, con una velocità (+9,4%) più che doppia rispetto a quella del totale del Paese (+4,5%). A livello regionale, il boom di bar e ristoranti è guidato dalla Sicilia (+13,8%), seguita da Campania (+12%), Lazio (+10,6%), Puglia (+9,6%) e Toscana (+9,4%).

Così, se nel 1991 ristoranti e bar costituivano il 19% delle attività commerciali, nel 2016 la quota ha raggiunto il 37%: 20% ristoranti e 17% bar. A crescere sono stati soprattutto i ristoranti, quasi quadruplicati in 25 anni. Ad accelerare la progressiva ‘sostituzione’ delle imprese del commercio al dettaglio con i pubblici esercizi ci ha pensato anche la crisi dei consumi.

Dal 2012 ad oggi, infatti, il saldo di aperture e chiusure di impresa nel commercio al dettaglio in sede fissa è negativo per oltre 96mila unità. Il settore più penalizzato è quello della moda con un calo di 9.518 negozi (-7%).

Ultima ora

20:08Pd: Fiano, anticorpi a Napoli hanno funzionato

(ANSA) NAPOLI, 1 MAR - "Gli anticorpi alle infiltrazioni nel Pd a Napoli hanno funzionato. Circa 300 soggetti le cui preiscrizioni erano avvenute in modo irregolare non sono stati iscritti al Pd". Lo afferma Emanuele Fiano, inviato oggi a Napoli per verificare le irregolarità nel tesseramento. "Non accetteremo che qualcuno iscriva al Pd dei gruppi di persone. Non vogliamo iscritti che facciano capo a una persona, né possiamo accettare in fase precongressuale che ci siano sospetti su iscrizioni esagerate che modifichino gli assetti del Pd".

19:50Calcio: Palermo, Zamparini “non ho rimpianti”

(ANSA) - PALERMO, 1 MAR - "A Palermo ci siamo divertiti, ai tempi c'erano altre possibilità economiche. A un certo momento tra le mani avevo in attacco Pastore, Cavani ed Hernandez. Dybala con me guadagnava 500mila euro". Lo dice l'ormai ex presidente del Palermo, Maurizio Zamparini. "Dal punto di vista amministrativo - prosegue - l'Italia è un disastro: non riusciamo a esprimere il calcio che vediamo all'estero. E' veramente patetico vedere che il calcio diventa un serbatoio di interessi economici e non di valori. Quando sono entrato nel calcio non c'erano i presidenti attuali". "Da tempo dicevo di voler lasciare il Palermo in buone mani e così sarà. Penso - prosegue - di aver trovato l'acquirente giusto. Le emozioni fanno parte della vita, ma a un certo punto sapevo che dovevo lasciare. Questo calcio mi ha stressato molto, non ho più vent'anni".

19:44Disabili: in Sicilia anche morti godono di assistenza

(ANSA) - PALERMO, 1 MAR - In Sicilia anche i morti finora hanno beneficiato dell'assistenza h24. L'incredibile scoperta emerge da un rapporto che l'Asp di Palermo ha consegnato al governatore Rosario Crocetta che ha chiesto alle aziende sanitarie di verificare i dati dei tabulati sul numero dei disabili gravissimi in possesso dell'assessorato regionale alla Famiglia, di cui ha preso la delega dopo le dimissioni di Gianluca Miccichè, compilati sulla base delle informazioni fornite dai 55 distretti socio-sanitari e dai comuni dell'isola. Nel distretto di Misilmeri che aveva più disabili dell'intero Piemonte sulla base dei dati dell'assessorato viene fuori che in realtà i disabili gravissimi non sono 110 ma 47 e che 15 persone, inserite negli elenchi dai comuni, sono decedute. L'Asp dunque conferma i sospetti di anomalie e numeri gonfiati.

19:42Condannato a Bergamo il ‘killer dei gatti’, 3 anni e 6 mesi

(ANSA) - BERGAMO, 1 MAR - E' stato condannato oggi in tribunale a Bergamo a 3 anni e 6 mesi un uomo di 43 anni, di Trescore Balneario, accusato di maltrattamento e uccisione di animali, in particolare gatti, e per questo ribattezzato 'killer dei gatti'. Il giudice ha stabilito anche che al termine della pena l'uomo resti in libertà vigilata per due anni. Il pm aveva chiesto un anno e quattro mesi di reclusione. La sentenza di primo grado arriva al termine di un lungo processo. L'uomo aveva contattato alcune donne che avevano pubblicato su internet l'annuncio di vendita di alcuni gattini. Dopo averli ricevuti, li avrebbe torturati e uccisi, postando poi le fotografie delle torture attraverso WhatsApp. L'uomo era già stato condannato lo scorso dicembre a 2 anni per stalking.(ANSA).

19:39F1: test, la Mercedes di Bottas avanti, Vettel secondo

(ANSA) - ROMA, 1 MAR - Miglior tempo per la Mercedes di Valtteri Bottas nella terza giornata di test in vista della stagione 2017 di Formula 1. Sul circuito di Montmelò vicino a Barcellona, il pilota finlandese in 1'19''705 con gomme ultra-soft ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel che ha fermato il crono sull'1'19''952 con pneumatici soft, più duri e più lenti di quelli usati dal team campione del mondo. Terzo miglior tempo per la Red Bull di Daniel Ricciardo con gomme morbide (1'21''153 per l'australiano).

19:36Calcio:juventino Gabbani “niente fanatismo,sport è rispetto”

(ANSA) - TORINO, 1 MAR - "Capisco e rispetto chi ha una passione forte per qualcosa. Se uno si entusiasma per una partita sono d'accordo. Il fanatismo però non risponde alla mia visione della vita, non solo nel calcio. Credo nell'essere tifosi con senso di sportività, rispettando quella altrui". A dirlo è il vincitore di Sanremo Francesco Gabbani, ieri sera allo 'Stadium', che commenta così le roventi polemiche dopo Juve-Napoli. Gabbani ha incontrato Buffon, che gli ha regalato una maglia con il numero 1 e la scritta Gabbani.

19:21Doping: revocato bronzo Pechino a pentatleta ucraina

(ANSA) - LOSANNA, 1 MAR - L'ucraina Viktoriya Tereshchuk, medaglia di bronzo nel pentathlon alle Olimpiadi di Pechino 2008 è stata squalificata per doping. L'atleta, ha fatto sapere il Cio, è risultata positiva al Turinabol, uno steroidi anabolizzante. La 35enne Tereshchuk, campionessa iridata 2011, oltre alla squalifica è stata privata della medaglia olimpica che passa al collo della bielorussa Anastasiya Samusevich, quarta classificata in Cina. Si tratta dell'ennesima positività riscontrata nelle controanalisi dei campioni ritestati dopo i Giochi di Pechino e Londra e che ha portato alla luce più di 100 casi di doping. Con quella della Tereshchuk, per l'Ucraina si tratta della quarta medaglia olimpica revocata.

Archivio Ultima ora