Referendum costituzionale: si farà il 27 novembre o il 4 dicembre?

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Il premier Matteo Renzi al teatro Metastasio di Prato per un'iniziativa pubblica a sostegno del Si' al referendum costituzionale, 24 settembre 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL' INNOCENTI

Il premier Matteo Renzi al teatro Metastasio di Prato per un’iniziativa pubblica a sostegno del Si’ al referendum costituzionale, 24 settembre 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL’ INNOCENTI

ROMA. – Il 27 novembre o il 4 dicembre: sono le due possibili date del referendum costituzionale. La decisione dovrebbe essere presa oggi pomeriggio, in una riunione del Consiglio dei ministri convocata ‘ad hoc’. Ma alla vigilia, assicurano dal governo, entrambe le opzioni restano ancora sul tavolo (il primo weekend di dicembre più “quotato” negli ambienti parlamentari).

E così continuano a protestare Forza Italia e Sinistra italiana, per il fatto di non essere stati ‘consultati’ sulla scelta della data. Una sensibilità così alta sulla domenica del voto, deriva dal fatto che tanto i sostenitori del Sì quanto i fautori del No reputano il voto sulla riforma della Costituzione uno snodo determinante.

“Ancor più della manovra, il nostro appuntamento cruciale è il referendum” perché l’Italia ha bisogno “di una governance forte”, afferma il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda. “E’ molto importante”, rimarca, dal G7 dei Trasporti in Giappone, il ministro Graziano Delrio, che però invita a tenere la discussione sul merito: “Non è un referendum sul governo”. Un punto sul quale non si stanca di insistere anche Renzi, soprattutto da quando ha ‘spersonalizzato’ la consultazione.

Ma ci pensa il Movimento 5 Stelle a ‘personalizzare’ il voto. “Quando abbiamo detto No alle Olimpiadi hanno tremato, ma con il No al referendum vedranno la loro fine”, dice il sindaco di Roma Virginia Raggi, che così galvanizza il pubblico della festa “Italia 5 Stelle” a Palermo. “No a una riforma scritta dalla P2”, tuona Vito Crimi. Mentre a In Mezz’ora Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista rilanciano la loro strategia per il “dopo”: cambiare l’Italicum con una legge elettorale proporzionale, affermarsi come primo partito nelle urne e poi “credere la fiducia in Parlamento sui singoli temi”.

Scenari da cui Beppe Grillo per ora si tiene alla larga: “La Costituzione è stata scritta negli anni 50 in un modo semplice, che si potesse capire…”, afferma dal palco sostenendo le ragioni del No. Ma il Pd, con il senatore Claudio Martini, gli fa notare la gaffe: “Capiamo la propaganda ma dispiace che ‘l’Elevato’ M5S ignori la storia: la Costituzione è di qualche anno prima…”.

Per il resto, il dibattito politico è segnato dalle proteste di Renato Brunetta per FI e Arturo Scotto per SI. L’accusa è non aver ‘consultato’ le opposizioni sulla data. Renzi è “uno spudorato imbroglione”, attacca Brunetta. “Ha scarsissima sensibilità istituzionale”, si duole Scotto. E l’ex Dem Alfredo D’Attorre afferma che sarebbe “scandaloso” fissare la consultazione a dicembre.

Non è del tutto escluso che il premier senta i partiti di maggioranza e opposizione o i comitati referendari, prima di decidere. Ma il Consiglio dei ministri dovrebbe finalmente sciogliere il nodo: la riunione si svolgerà probabilmente nel pomeriggio e avrà quel punto principale all’ordine del giorno, mentre sono ancora in corso gli ultimi ritocchi sul Def che andrà dunque a martedì.

Su quale data cadrà alla fine la scelta? Renzi, assicurano fonti di governo e dirigenti Pd, non ha ancora deciso. Il 4 dicembre, che nelle ultime ore viene considerata l’opzione più probabile, ha il vantaggio di dare più tempo alla Camera di approvare in prima lettura la legge di stabilità e più giorni per la campagna del Sì. Ma ha il difetto di essere a ridotto del ponte dell’Immacolata e di sicuro attirerebbe un maggior numero di polemiche. Ma quelle, affermano fonti renziane, ci saranno in ogni caso.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

14:08Sci: Mondiali, Roda (Fisi), non colpevolizzare i tecnici

(ANSA) - ST. MORITZ (SVIZZERA), 19 FEB - ''Non si possono colpevolizzare i tecnici perche' sono convinto che sicuramente hanno lavorato bene. Ma altrettanto sicuramente qualcosa e' mancato se sino a dieci giorni fa in coppa del mondo risultati c'erano, con un bagaglio abbastanza completo. Mentre arrivati qui non siamo più' stati competitivi ed e' questo che dispiace veramente''. Lo ha detto Flavio Roda , presidente Fisi, facendo un bilancio dei Mondiali di St. Moritz in cui non ha nascosto la sua delusione ma facendo una analisi che serva in positivo per il futuro. Certo la coppa del mondo e' una cosa e i Mondiali con gare secche un 'altra: ''ma questo puo' valere per i piu' giovani senza esperienza di queste competizioni nelle quali noi del resto tradizionalmente soffriamo di più', e' la storia che lo dice. La cosa che dispiace e' che non siamo stati competitivi mai''.

14:08Terremoto: consegnate prime casette legno a sfollati Norcia

(ANSA) - PERUGIA, 19 FEB - Consegnate le prime 18 casette di legno a San Pellegrino di Norcia. Sono le prime abitazioni completate nell'intera area del Centro Italia colpita dal sisma. Il sindaco Nicola Alemanno ha dato le chiavi degli alloggi alle famiglie aventi diritto a seguito della scossa del 24 agosto scorso. Emozione e lacrime sui volti delle persone che hanno potuto prendere possesso delle abitazioni dotate di ogni confort: all'interno sono completamente arredate con tanto di stoviglie, asciugamani, biancheria e pentole. "Questo è il risultato dello sforzo di cinque mesi difficili, ma è anche la risposta migliore che lo Stato potesse dare, oggi possiamo dire che le istituzioni qui hanno lavorato come meglio non si potesse, nonostante le tante difficoltà", ha detto il sindaco. Al taglio del nastro ha partecipato anche l'assessore regionale Fernanda Cecchini che ha ribadito che "lo Stato c'è e continuerà ad esserci, restando al fianco di questa gente". I destinatari delle 18 casette potranno abitarci dai prossimi giorni.

14:04Pd: Renzi, impensabile errore fare congresso su governo

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Basta con la discussione e le polemiche sul governo. Faccio un applauso a Gentiloni che è qui, per quello che sta facendo con i ministri. E' impensabile che si trasformi il congresso in un congresso sul governo. Sarebbe un errore allucinante per tutti". Lo dice Matteo Renzi. "Sul governo non ho cambiato idea, mi fa piacere che altri lo abbiano fatto passando dall'appoggio caso per caso all'appoggio fino a fine legislatura. Rispettiamo l'azione del governo e i poteri del presidente della Repubblica".

14:02Pd: Renzi a minoranza, non democratico chiedere io vada via

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Tutti si sentano a casa nel Pd, liberi di discutere ma se in tutte le settimane c'è un'occasione di critica, se per tre anni si è pensato che si stava meglio quando si stava peggio, io non dico che siamo nemici né avversari ma dico 'mettetevi in gioco', non continuate a lamentarvi ma non potete immaginare di chiedere a chi si dimette per fare il congresso di non candidarsi per evitare la scissione non è una regola democratica". Così Matteo Renzi all'assemblea.

14:01Basket: Pasquini, vogliamo portare a casa un’altra coppa

(ANSA) - RIMINI, 19 FEB - Terza finale negli ultimi quattro per il Banco di Sardegna Sassari che questa sera a Rimini (ore 18), contro la favorita EA7 Milano, tenta l'assalto alla Coppa Italia, già vinta nel 2014 e 2015. Dopo i successi con Avellino venerdì e Brescia ieri, coach Federico Pasquini (che all'epoca dei due trionfi in Coppa era general manager con Meo Sacchetti in panchina) non nasconde la soddisfazione: "Questa terza finale in quattro anni sicuramente significa grande continuità, significa che ci stiamo consolidando nel tempo - ha detto ai microfoni di Dinamo TV -. Siamo molto contenti di questo, vogliamo giocarcela al meglio per portare un'altra coppa a Sassari. Come tutte le finali - ha osservato Pasquini - sarà una partita dura e molto intensa, sarà un match fatto di contatti duri. Chi è più pronto la porta a casa". "Dai miei ragazzi mi aspetto che siamo una squadra, che andiamo avanti su quello che abbiamo costruito e abbiamo fatto vedere in campo nelle due sfide precedenti''.

13:58Taxi: servizio fermo a Roma per il quarto giorno

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Per il quarto giorno consecutivo il servizio taxi è fermo a Roma. La categoria protesta dopo la votazione di un emendamento contenuto nel Milleproroghe che "deregolamenta il settore". "Non aiuta di certo il clima - spiega Riccardo Cacchione di Usb taxi - l'aver tardato l'incontro con il ministro Delrio, previsto per martedì, a fronte di una calendarizzazione che prevede l'inizio della discussione alla Camera già da lunedì. Ci auguriamo che la discussione duri almeno qualche giorno. Se il Pd non è convinto di quello che ha fatto, se le altre forze politiche intendono attivarsi concretamente per concludere questa vicenda a favore del servizio pubblico, dell'utenza e dei lavoratori, è il momento di farlo. Noi - conclude - siamo determinati a non rinunciare ai nostri diritti".

13:53Incendio a bordo traghetto: Snav, tutti incolumi

(ANSA) - PALERMO, 19 FEB - Dopo il principio di incendio scoppiato presso la sala macchine della motonave Snav Toscana in prossimità del porto di Palermo, la compagnia ha reso noto che il rogo "è sotto controllo e che i 113 passeggeri e i 75 membri dell'equipaggio presenti a bordo sono tutti in salvo e incolumi". "Le squadre di bordo, tempestivamente intervenute come da procedura - si legge in una nota - stanno proseguendo le attività in costante coordinamento con le strutture di terra preposte. La nave, salpata da Napoli, sta attraccando in banchina e, una volta terminate le necessarie verifiche, saranno attivate le procedure di sbarco. I passeggeri, come da procedura, sono stati radunati nei punti di raccolta previsti, dove sono costantemente informati circa l'evolversi della situazione". Intanto la Procura di Palermo sta attendendo la relazione sull'incendio che si è sviluppato a bordo del traghetto per valutare se aprire un'inchiesta. L'eventuale ipotesi di reato è incendio colposo.

Archivio Ultima ora