Referendum costituzionale: si farà il 27 novembre o il 4 dicembre?

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Il premier Matteo Renzi al teatro Metastasio di Prato per un'iniziativa pubblica a sostegno del Si' al referendum costituzionale, 24 settembre 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL' INNOCENTI

Il premier Matteo Renzi al teatro Metastasio di Prato per un’iniziativa pubblica a sostegno del Si’ al referendum costituzionale, 24 settembre 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL’ INNOCENTI

ROMA. – Il 27 novembre o il 4 dicembre: sono le due possibili date del referendum costituzionale. La decisione dovrebbe essere presa oggi pomeriggio, in una riunione del Consiglio dei ministri convocata ‘ad hoc’. Ma alla vigilia, assicurano dal governo, entrambe le opzioni restano ancora sul tavolo (il primo weekend di dicembre più “quotato” negli ambienti parlamentari).

E così continuano a protestare Forza Italia e Sinistra italiana, per il fatto di non essere stati ‘consultati’ sulla scelta della data. Una sensibilità così alta sulla domenica del voto, deriva dal fatto che tanto i sostenitori del Sì quanto i fautori del No reputano il voto sulla riforma della Costituzione uno snodo determinante.

“Ancor più della manovra, il nostro appuntamento cruciale è il referendum” perché l’Italia ha bisogno “di una governance forte”, afferma il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda. “E’ molto importante”, rimarca, dal G7 dei Trasporti in Giappone, il ministro Graziano Delrio, che però invita a tenere la discussione sul merito: “Non è un referendum sul governo”. Un punto sul quale non si stanca di insistere anche Renzi, soprattutto da quando ha ‘spersonalizzato’ la consultazione.

Ma ci pensa il Movimento 5 Stelle a ‘personalizzare’ il voto. “Quando abbiamo detto No alle Olimpiadi hanno tremato, ma con il No al referendum vedranno la loro fine”, dice il sindaco di Roma Virginia Raggi, che così galvanizza il pubblico della festa “Italia 5 Stelle” a Palermo. “No a una riforma scritta dalla P2”, tuona Vito Crimi. Mentre a In Mezz’ora Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista rilanciano la loro strategia per il “dopo”: cambiare l’Italicum con una legge elettorale proporzionale, affermarsi come primo partito nelle urne e poi “credere la fiducia in Parlamento sui singoli temi”.

Scenari da cui Beppe Grillo per ora si tiene alla larga: “La Costituzione è stata scritta negli anni 50 in un modo semplice, che si potesse capire…”, afferma dal palco sostenendo le ragioni del No. Ma il Pd, con il senatore Claudio Martini, gli fa notare la gaffe: “Capiamo la propaganda ma dispiace che ‘l’Elevato’ M5S ignori la storia: la Costituzione è di qualche anno prima…”.

Per il resto, il dibattito politico è segnato dalle proteste di Renato Brunetta per FI e Arturo Scotto per SI. L’accusa è non aver ‘consultato’ le opposizioni sulla data. Renzi è “uno spudorato imbroglione”, attacca Brunetta. “Ha scarsissima sensibilità istituzionale”, si duole Scotto. E l’ex Dem Alfredo D’Attorre afferma che sarebbe “scandaloso” fissare la consultazione a dicembre.

Non è del tutto escluso che il premier senta i partiti di maggioranza e opposizione o i comitati referendari, prima di decidere. Ma il Consiglio dei ministri dovrebbe finalmente sciogliere il nodo: la riunione si svolgerà probabilmente nel pomeriggio e avrà quel punto principale all’ordine del giorno, mentre sono ancora in corso gli ultimi ritocchi sul Def che andrà dunque a martedì.

Su quale data cadrà alla fine la scelta? Renzi, assicurano fonti di governo e dirigenti Pd, non ha ancora deciso. Il 4 dicembre, che nelle ultime ore viene considerata l’opzione più probabile, ha il vantaggio di dare più tempo alla Camera di approvare in prima lettura la legge di stabilità e più giorni per la campagna del Sì. Ma ha il difetto di essere a ridotto del ponte dell’Immacolata e di sicuro attirerebbe un maggior numero di polemiche. Ma quelle, affermano fonti renziane, ci saranno in ogni caso.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

Archivio Ultima ora