Referendum costituzionale: si farà il 27 novembre o il 4 dicembre?

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Il premier Matteo Renzi al teatro Metastasio di Prato per un'iniziativa pubblica a sostegno del Si' al referendum costituzionale, 24 settembre 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL' INNOCENTI

Il premier Matteo Renzi al teatro Metastasio di Prato per un’iniziativa pubblica a sostegno del Si’ al referendum costituzionale, 24 settembre 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL’ INNOCENTI

ROMA. – Il 27 novembre o il 4 dicembre: sono le due possibili date del referendum costituzionale. La decisione dovrebbe essere presa oggi pomeriggio, in una riunione del Consiglio dei ministri convocata ‘ad hoc’. Ma alla vigilia, assicurano dal governo, entrambe le opzioni restano ancora sul tavolo (il primo weekend di dicembre più “quotato” negli ambienti parlamentari).

E così continuano a protestare Forza Italia e Sinistra italiana, per il fatto di non essere stati ‘consultati’ sulla scelta della data. Una sensibilità così alta sulla domenica del voto, deriva dal fatto che tanto i sostenitori del Sì quanto i fautori del No reputano il voto sulla riforma della Costituzione uno snodo determinante.

“Ancor più della manovra, il nostro appuntamento cruciale è il referendum” perché l’Italia ha bisogno “di una governance forte”, afferma il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda. “E’ molto importante”, rimarca, dal G7 dei Trasporti in Giappone, il ministro Graziano Delrio, che però invita a tenere la discussione sul merito: “Non è un referendum sul governo”. Un punto sul quale non si stanca di insistere anche Renzi, soprattutto da quando ha ‘spersonalizzato’ la consultazione.

Ma ci pensa il Movimento 5 Stelle a ‘personalizzare’ il voto. “Quando abbiamo detto No alle Olimpiadi hanno tremato, ma con il No al referendum vedranno la loro fine”, dice il sindaco di Roma Virginia Raggi, che così galvanizza il pubblico della festa “Italia 5 Stelle” a Palermo. “No a una riforma scritta dalla P2”, tuona Vito Crimi. Mentre a In Mezz’ora Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista rilanciano la loro strategia per il “dopo”: cambiare l’Italicum con una legge elettorale proporzionale, affermarsi come primo partito nelle urne e poi “credere la fiducia in Parlamento sui singoli temi”.

Scenari da cui Beppe Grillo per ora si tiene alla larga: “La Costituzione è stata scritta negli anni 50 in un modo semplice, che si potesse capire…”, afferma dal palco sostenendo le ragioni del No. Ma il Pd, con il senatore Claudio Martini, gli fa notare la gaffe: “Capiamo la propaganda ma dispiace che ‘l’Elevato’ M5S ignori la storia: la Costituzione è di qualche anno prima…”.

Per il resto, il dibattito politico è segnato dalle proteste di Renato Brunetta per FI e Arturo Scotto per SI. L’accusa è non aver ‘consultato’ le opposizioni sulla data. Renzi è “uno spudorato imbroglione”, attacca Brunetta. “Ha scarsissima sensibilità istituzionale”, si duole Scotto. E l’ex Dem Alfredo D’Attorre afferma che sarebbe “scandaloso” fissare la consultazione a dicembre.

Non è del tutto escluso che il premier senta i partiti di maggioranza e opposizione o i comitati referendari, prima di decidere. Ma il Consiglio dei ministri dovrebbe finalmente sciogliere il nodo: la riunione si svolgerà probabilmente nel pomeriggio e avrà quel punto principale all’ordine del giorno, mentre sono ancora in corso gli ultimi ritocchi sul Def che andrà dunque a martedì.

Su quale data cadrà alla fine la scelta? Renzi, assicurano fonti di governo e dirigenti Pd, non ha ancora deciso. Il 4 dicembre, che nelle ultime ore viene considerata l’opzione più probabile, ha il vantaggio di dare più tempo alla Camera di approvare in prima lettura la legge di stabilità e più giorni per la campagna del Sì. Ma ha il difetto di essere a ridotto del ponte dell’Immacolata e di sicuro attirerebbe un maggior numero di polemiche. Ma quelle, affermano fonti renziane, ci saranno in ogni caso.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:22Calcio: nella prima giornata di Serie A vincono le grandi

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Vincono le grandi, nella prima giornata di Serie A: dopo i successi di ieri di Juve e Napoli, oggi è toccato alla Roma, che si è imposta soffrendo a Bergamo, contro l'Atalanta. In serata è toccato alle milanesi: i rossoneri di Montella si sono imposti a Crotone per 3-0, i nerazzurri in casa sulla Fiorentina, con lo stesso punteggio. Pari fra Bologna e Torino (1-1) e senza reti fra Lazio e Spal. Grazie alla doppietta di Quagliarella, la Sampdoria ha battuto in casa il Benevento per 2-1, mentre il Chievo ha piegato in trasferta l'Udinese con lo stesso punteggio. Pari senza gol né emozioni fra Sassuolo e Genoa.

22:43Calcio: Totti 1/a da dirigente, “in tribuna è davvero tosta”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Dalla tribuna la partita è davvero tosta!". Francesco Totti commenta così il proprio esordio da dirigente a Bergamo, dove la Roma ha vinto al debutto in campionato contro l'Atalanta grazie a una rete di Kolarov. L'ex capitano giallorosso ha assistito al successo della squadra allenata da Di Francesco dagli spalti, in giacca e cravatta, assieme agli altri dirigenti Monchi, Baldissoni e Gandini. "Forza ragazzi e complimenti per questo primo risultato... - aggiunge Totti in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook -. Sarà un anno di lotte e di emozioni forti. Forza Roma!".

22:41Calcio: Barca, vittoria senza gioia al Camp Nou contro Betis

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Tutto facile per il Barcellona, ma è stata una vittoria con la morte nel cuore, quella conquistata stasera dai blaugrana, all'esordio nella Liga. A farne le spese, in un Camp Nou blindato, è stato il Betis Siviglia, che è stato messo sotto nel primo tempo in 3', grazie all'uno-due fra il 36' e il 39'. Messi e compagni sono andati in vantaggio grazie a un autogol di Tosca e hanno raddoppiato con Sergi Roberto, servito dall'ex milanista Deulofeu. Più volte Leo Messi ha cercato la via del gol, senza trovarla: in ben tre occasioni le sue bordate sono andate a finire sui pali. Grande commozione durante il minuto di raccoglimento prima della partita, dopo l'attentato nelle 'Ramblas', e squadra in campo con una maglia speciale con la scritta sulle spalle 'Barcelona'.(ANSA).

22:26Domani annuncio Trump su Afghanistan

(ANSA) - WASHINGTON, 20 AGO - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump parlera' domani alla nazione alle 21 locali (le 3 del mattino seguente in Italia) da Fort Myer ad Arlington, in Virginia, "per fornire un aggiornamento" sul percorso dell'"impegno dell'America in Afghanistan e in Sud Asia". Lo ha comunicato la Casa Bianca.

22:14Calcio: doppia Var a San Siro premia Inter

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Primo tempo nel segno della Var a San Siro, con la nuova 'moviola' tecnologica che prima (4') assegna un rigore in favore del nerazzurri per fallo di Astori su Icardi e poi, sul finire di tempo (42'), non riconosce come sanzionabile una caduta in area di Simeone jr, dopo il contatto con Miranda: l'arbitro Tagliavento ha fermato il gioco e consultato il Var, decidendo che il contatto non era da rigore.

22:10Calcio: Ciciretti firma prima rete in Serie A del Benevento

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Storico gol di Amato Ciciretti che, al 15' del primo tempo del 'Ferraris' di Genova, mette a segno la prima rete del Benevento in Serie A. Merito di una splendida giocata dell'ex primavera della Roma che sblocca la partita, stoppando prima di destro, su cross di Cataldi, e poi con uno splendido sinistro a giro beffa Puggioni, portiere della formazione blucerchiata.

21:36Calcio: rigore Milan poi Var, un espulso nel Crotone

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Rigore, Var e cartellino rosso in Crotone-Milan, dopo pochi minuti dell'inizio della sfida sul terreno dello Scida. L'arbitro Mariani di Aprilia ha fischiato un penalty a favore del Milan per un fallo in area di Ceccherini su Cutrone, poi ha chiesto l'ausilio della videoassistenza, recandosi anche a bordo campo per visualizzare di persona il replay. A quel punto ha confermato il rigore e ha aggiunto il rosso diretto per il giocatore del Crotone. Dal dischetto ha poi trasformato Kessiè.

Archivio Ultima ora