Referendum costituzionale: si farà il 27 novembre o il 4 dicembre?

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Il premier Matteo Renzi al teatro Metastasio di Prato per un'iniziativa pubblica a sostegno del Si' al referendum costituzionale, 24 settembre 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL' INNOCENTI

Il premier Matteo Renzi al teatro Metastasio di Prato per un’iniziativa pubblica a sostegno del Si’ al referendum costituzionale, 24 settembre 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL’ INNOCENTI

ROMA. – Il 27 novembre o il 4 dicembre: sono le due possibili date del referendum costituzionale. La decisione dovrebbe essere presa oggi pomeriggio, in una riunione del Consiglio dei ministri convocata ‘ad hoc’. Ma alla vigilia, assicurano dal governo, entrambe le opzioni restano ancora sul tavolo (il primo weekend di dicembre più “quotato” negli ambienti parlamentari).

E così continuano a protestare Forza Italia e Sinistra italiana, per il fatto di non essere stati ‘consultati’ sulla scelta della data. Una sensibilità così alta sulla domenica del voto, deriva dal fatto che tanto i sostenitori del Sì quanto i fautori del No reputano il voto sulla riforma della Costituzione uno snodo determinante.

“Ancor più della manovra, il nostro appuntamento cruciale è il referendum” perché l’Italia ha bisogno “di una governance forte”, afferma il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda. “E’ molto importante”, rimarca, dal G7 dei Trasporti in Giappone, il ministro Graziano Delrio, che però invita a tenere la discussione sul merito: “Non è un referendum sul governo”. Un punto sul quale non si stanca di insistere anche Renzi, soprattutto da quando ha ‘spersonalizzato’ la consultazione.

Ma ci pensa il Movimento 5 Stelle a ‘personalizzare’ il voto. “Quando abbiamo detto No alle Olimpiadi hanno tremato, ma con il No al referendum vedranno la loro fine”, dice il sindaco di Roma Virginia Raggi, che così galvanizza il pubblico della festa “Italia 5 Stelle” a Palermo. “No a una riforma scritta dalla P2”, tuona Vito Crimi. Mentre a In Mezz’ora Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista rilanciano la loro strategia per il “dopo”: cambiare l’Italicum con una legge elettorale proporzionale, affermarsi come primo partito nelle urne e poi “credere la fiducia in Parlamento sui singoli temi”.

Scenari da cui Beppe Grillo per ora si tiene alla larga: “La Costituzione è stata scritta negli anni 50 in un modo semplice, che si potesse capire…”, afferma dal palco sostenendo le ragioni del No. Ma il Pd, con il senatore Claudio Martini, gli fa notare la gaffe: “Capiamo la propaganda ma dispiace che ‘l’Elevato’ M5S ignori la storia: la Costituzione è di qualche anno prima…”.

Per il resto, il dibattito politico è segnato dalle proteste di Renato Brunetta per FI e Arturo Scotto per SI. L’accusa è non aver ‘consultato’ le opposizioni sulla data. Renzi è “uno spudorato imbroglione”, attacca Brunetta. “Ha scarsissima sensibilità istituzionale”, si duole Scotto. E l’ex Dem Alfredo D’Attorre afferma che sarebbe “scandaloso” fissare la consultazione a dicembre.

Non è del tutto escluso che il premier senta i partiti di maggioranza e opposizione o i comitati referendari, prima di decidere. Ma il Consiglio dei ministri dovrebbe finalmente sciogliere il nodo: la riunione si svolgerà probabilmente nel pomeriggio e avrà quel punto principale all’ordine del giorno, mentre sono ancora in corso gli ultimi ritocchi sul Def che andrà dunque a martedì.

Su quale data cadrà alla fine la scelta? Renzi, assicurano fonti di governo e dirigenti Pd, non ha ancora deciso. Il 4 dicembre, che nelle ultime ore viene considerata l’opzione più probabile, ha il vantaggio di dare più tempo alla Camera di approvare in prima lettura la legge di stabilità e più giorni per la campagna del Sì. Ma ha il difetto di essere a ridotto del ponte dell’Immacolata e di sicuro attirerebbe un maggior numero di polemiche. Ma quelle, affermano fonti renziane, ci saranno in ogni caso.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora