Delegazione del parlamento italiano in Venezuela per puntellare l’AN

Pubblicato il 26 settembre 2016 da redazione

Sarà senza dubbio un importante riconoscimento con riflessi a livello internazionale e, soprattutto, nazionali. La presenza, prossimamente in Venezuela, di una delegazione parlamentare italiana, come annunciato alla “Voce” dal senatore Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri della Camera Alta, permetterà all’Assemblea Nazionale di rompere l’isolamento voluto dal Governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e di limitare i danni provocati dalle decisioni della Corte Costituzionale, che hanno svuotato d’ogni potere il Parlamento venezuelano.

Probabilmente la visita dei nostri parlamentari, alla luce dei contrasti politici tra “chavismo” e opposizione, potrà causare irritazione nel governo. Ma la diplomazia saprà trovare il cammino per evitare di provocare crepe nei rapporti tra il Venezuela e l’Italia, incrinature che in questo momento di tensione politica interna non convengono alla nostra Collettività.

L’importanza della visita dei parlamentari italiani risiede nel messaggio già affidato dal senatore Casini al nostro Giornale:
“Noi pensiamo che il dialogo politico debba essere il cammino da percorrere per trovare una soluzione e lavoreremo per favorirlo. A prescindere da qualsiasi cosa capitata fino ad oggi, noi ribadiamo che senza la volontà del Parlamento, che rappresenta la maggioranza dei venezuelani, non sarà possibile trovare una soluzione. Per questa ragione, lavoriamo affinché all’Assemblea del Venezuela sia riconosciuta quell’autorevolezza che è condizione necessaria per un accordo politico”.

Insomma, per chi sa leggere tra le righe, l’indipendenza del Parlamento e il rispetto che l’istituzione merita sono condizioni fondamentali affinché la parola democrazia non resti una espressione vuota in bocca a leader populisti e demagogici.

L’annuncio del presidente della Commissione Esteri del Senato avviene in un momento particolarmente delicato per la vita politica e istituzionale del Paese. Il Venezuela, in questi mesi, vive un passaggio delicato della propria storia nel quale potrebbe giocarsi la sopravvivenza stessa del suo sistema democratico.

Il Consiglio Nazionale Elettorale ha reso note le severe condizioni imposte all’Opposizione per la raccolta del 20 per cento delle firme necessarie affinché si possa procedere verso un Referendum che potrebbe destituire il capo dello Stato. Che agisse diversamente era impensabile. Dopo aver guadagnato tempo, quella dell’organismo elettorale è stata la “cronaca di una morte annunciata”. Per l’Opposizione, ora, la strada è tutta in salita.

Il Tavolo dell’Unità o MUD che riunisce i vari partiti e movimenti che compongono le forze di opposizione, è in fibrillazione. Nonostante le voci rassicuranti dei vari leader è indubbio che le tensioni nel suo interno siano grandi. Falchi e colombe, che da sempre hanno messo a repentaglio l’esistenza stessa dell’eterogenea alleanza, si sono scontrati con veemenza in questi giorni.

Al momento di scrivere questa nota, il Tavolo dell’Unità non ha ancora reso note le strategie che metterebbe in campo per affrontare l’ennesimo scoglio posto dall’organismo elettorale. Sono chiare, invece, quelle del governo: mantenere l’opposizione sotto pressione costante e indebolirla provocando situazioni che possano condurla all’implosione.

Per il momento non ci è riuscito. E di questo va dato atto al Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, che ha saputo interpretare il suo ruolo di mediatore e anche ai leader dei vari schieramenti che hanno saputo mantenere la polemica interna entro limiti accettabili. Resta da vedere, ora, la reazione della base, di quelle migliaia di cittadini che non si sentono identificati con il governo.

Il Paese, lo scriviamo ormai da tempo, è sull’orlo di una esplosione sociale dalle conseguenze imprevedibili. Se le proteste non sono sfociate in vere e proprie manifestazioni di insurrezione popolare non è solo per la repressione sempre più ferrea delle forze dell’Ordine ma anche per merito del Tavolo dell’Unità che è riuscito a far giungere il proprio messaggio: la violenza solo permetterà al potere di rafforzarsi.

Cresce il numero dei politici in prigione. E ora anche giornalisti e pubblicisti corrono il rischio di soffrire le conseguenze per quanto scrivono. Un esempio per tutti, quello del giornalista ed editore di “Reporte Confidencial” Braulio Jattar.

Mentre si attendono le decisioni del Tavolo dell’Unità, che dovrà indicare agli elettori il cammino da seguire per ottenere al più presto il Referendum revocatorio, in seno al “chavismo” continuano ad alzarsi voci che denunciano una presunta “frode” nella raccolta dell’1 per cento delle firme, avvenuta mesi fa.

Dopo il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vicepresidente del Presidente del Psuv, Diosdado Cabello; il sindaco di Caracas e responsabile della “Comisión de Verificación de firmas” del Psuv, Jorge Rodrìguez; anche Freddy Bernal, responsabile dei “Comités Locales de Abastecimiento y Producción”, ha sostenuto la tesi della truffa. E, quindi, della necessità di azzerare tutto e tornare al punto di partenza.

Le speculazioni, oramai, sono tante. Alcuni esperti in materia si azzardano ad anticipare una decisione della Corte Costituzionale a favore di chi ha denunciato presunti brogli nella prima raccolta delle firme per il Referendum. Se così fosse, si assisterebbe ad un duro colpo all’Opposizione e alla chiusura di ogni via istituzionale per un cambio di governo.

Resterebbero le elezioni amministrative ma queste, come è già stato annunciato dai portavoce del governo e dai responsabili del Psuv, difficilmente potranno realizzarsi a dicembre, come lo stabilisce la Costituzione.

Mauro Bafile

Ultima ora

18:32Iran: ministro Difesa, abbiamo aumentato precisione missili

(ANSA) - TEHERAN, 23 FEB - L'Iran ha accresciuto notevolmente la precisione dei suoi missili balistici a lungo raggio e non ha fermato il suo programma missilistico dopo le polemiche scaturite dal test del 29 gennaio scorso che ha portato a nuove sanzioni da parte degli Stati Uniti. Lo ha riferito oggi il ministro della Difesa iraniano, Hossein Dehqan. "Abbiamo aumentato la gamma e la precisione dei nostri missili balistici terra-terra a lungo raggio", ha detto Dehqan, aggiungendo che "l'esercito iraniano è riuscito anche ad aumentare la durata di conservazione dei suoi missili fino a 20 anni".

18:29Calcio: Uefa, Ceferin in Figc

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - Il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin è nella sede della Federcalcio a Roma. Il massimo rappresentante del calcio europeo è stato ricevuto all'arrivo in via Allegri dal n.1 della Figc Carlo Tavecchio. Previsti incontri con i membri del Consiglio Federale e con il dg Michele Uva, candidato italiano all'Esecutivo Uefa. Al tavolo anche Franco Carraro e il dg della Roma, Umberto Gandini, in veste di vicepresidente dell'Eca. Assente invece il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, rimasto bloccato con la squadra in Portogallo dopo la trasferta di Champions League. Per Ceferin si tratta della seconda presenza in Italia dopo la presentazione del logo di Roma quale sede degli Europei 2020 lo scorso 22 settembre al Foro Italico.

18:26Juncker assicura, non mi dimetterò

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - "Non mi dimetterò, porterò a termine il mandato che scade a novembre 2019. Ma questo lo sapevate anche prima". Così il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, ha risposto - durante un punto stampa col premier irlandese Enda Kenny - a chi chiedeva chi di loro si sarebbe dimesso prima, visto che anche Kenny è sotto il tiro di una richiesta di dimissioni per il coinvolgimento del governo in una vicenda di pressioni su un poliziotto che rivelò scandali.

18:24Messico a Trump, risponderemo colpo su colpo

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 23 FEB - Il governo messicano è convinto che lo scontro con Donald Trump "sarà una battaglia lunga" e, malgrado si mantenga aperto al dialogo e alla conciliazione, è disposto a rispondere colpo su colpo al presidente Usa, se intende lanciare una guerra commerciale con il suo vicino meridionale". Il ministro degli Esteri Luis Videgaray ha sottolineato che "ci stiamo preparando per una battaglia lunga, perché questa crisi non si risolverà in tre giorni", facendo riferimento alla visita ufficiale del segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, e del consigliere per la Sicurezza nazionale, John Kelly, a Città del Messico. "Se si va verso una strategia di scontro, con posizioni apertamente divergenti, nessuno potrà dire che il Messico non ha offerto anzitutto la sua mano aperta", ha aggiunto Videgaray, secondo il quale "l'aver sopportato non solo modi poco diplomatici ma apertamente ostili ci conferisce una legittimità importante con alleati potenziali, compreso lo stesso Congresso americano".

18:22Terremoto: Regione Marche ha ordinato 639 casette

(ANSA) - ANCONA, 23 FEB - Sono 639 le soluzioni abitative provvisorie che la Regione Marche ha provveduto ad ordinare: 137 per il Comune di Arquata del Tronto, 72 per Fiastra, 222 per Visso, 100 per Ussita, 76 per Castelsantantangelo sul Nera. Ad Arquata del Tronto, nella frazione di Pescara del Tronto - informa un comunicato della Regione -, sono in corso i lavori di urbanizzazione e di fondazione ed entro la prossima settimana inizierà il montaggio delle casette. Per l'area Borgo è stata aggiudicata la gara relativa alle opere e per la metà della prossima settimana è fissato l'inizio dei lavori di urbanizzazione. Data nella quale la Regione Marche effettuerà le gare per affidare lavori per l'area della frazione di Faete. Mercoledì parte invece la gara per Piedilama e giovedì quella di Pretare. Lavori di urbanizzazione in vista per Visso, Fiastra, Ussita, Castelsantantangelo. Aree definite nei Comuni di San Severino Marche, Amandola, Treia, Bolognola, Camerino, Gualdo, Valfornace, Pievetorina, Muccia, Montegallo, Rotella e altri.

18:22Calcio: Eder, Inter-Roma sfida alla pari

(ANSA) - MILANO, 23 FEB - "La Roma è un avversario molto forte. E' una sfida da 50 e 50 anche se abbiamo il vantaggio di giocare in casa che dovremo sfruttare. In ogni caso, ci faremo trovare pronti": lo dice l'attaccante dell'Inter Eder, intervistato dal canale tematico del club. A San Siro domenica sera sono attesi oltre 60 mila spettatori, con il club che ha messo in vendita anche i tagliandi del terzo anello rosso per soddisfare la richiesta dei tifosi. "Sappiamo che è una gara importante - dice Eder - l'abbiamo fatta diventare tale grazie agli ultimi risultati. Stiamo facendo benissimo, siamo sulla strada giusta, ma davanti hanno un ritmo incredibile". Da temere della Roma, secondo l'attaccante, non sono i singoli ma il gioco di squadra: "Al di là di Dzeko, quello che conta è il gruppo; se la squadra va bene, va bene anche il singolo. Per questo i giallorossi sono forti. Conosco De Rossi perché ho giocato con lui in Nazionale, è un giocatore di personalità come Nainggolan e altri".

18:15Romania: 1.300 i funzionari corrotti

(ANSA) - BUCAREST, 23 FEB - Quasi 1.300 funzionari sono stati rinviati a giudizio lo scorso anno in Romania per reati di corruzione che hanno creato un danno di 260 milioni di euro. Lo ha reso noto oggi il procuratore capo anticorruzione, Laura Kovesi Codruta. In particolare, ha detto, tra i casi di alto livello presi di mira dall'agenzia anti-corruzione ci sono tre ministri, 17 parlamentari, 16 magistrati e 20 dirigenti di aziende statali. Il mese scorso il governo ha emanato un controverso decreto che avrebbe depenalizzato l'abuso d'ufficio e altri reati di corruzione, innescando proteste di massa andate avanti per settimane in tutto il Paese. Alla fine, il premier Sorin Grindeanu ha revocato la misura.

Archivio Ultima ora