Delegazione del parlamento italiano in Venezuela per puntellare l’AN

Pubblicato il 26 settembre 2016 da redazione

Sarà senza dubbio un importante riconoscimento con riflessi a livello internazionale e, soprattutto, nazionali. La presenza, prossimamente in Venezuela, di una delegazione parlamentare italiana, come annunciato alla “Voce” dal senatore Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri della Camera Alta, permetterà all’Assemblea Nazionale di rompere l’isolamento voluto dal Governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e di limitare i danni provocati dalle decisioni della Corte Costituzionale, che hanno svuotato d’ogni potere il Parlamento venezuelano.

Probabilmente la visita dei nostri parlamentari, alla luce dei contrasti politici tra “chavismo” e opposizione, potrà causare irritazione nel governo. Ma la diplomazia saprà trovare il cammino per evitare di provocare crepe nei rapporti tra il Venezuela e l’Italia, incrinature che in questo momento di tensione politica interna non convengono alla nostra Collettività.

L’importanza della visita dei parlamentari italiani risiede nel messaggio già affidato dal senatore Casini al nostro Giornale:
“Noi pensiamo che il dialogo politico debba essere il cammino da percorrere per trovare una soluzione e lavoreremo per favorirlo. A prescindere da qualsiasi cosa capitata fino ad oggi, noi ribadiamo che senza la volontà del Parlamento, che rappresenta la maggioranza dei venezuelani, non sarà possibile trovare una soluzione. Per questa ragione, lavoriamo affinché all’Assemblea del Venezuela sia riconosciuta quell’autorevolezza che è condizione necessaria per un accordo politico”.

Insomma, per chi sa leggere tra le righe, l’indipendenza del Parlamento e il rispetto che l’istituzione merita sono condizioni fondamentali affinché la parola democrazia non resti una espressione vuota in bocca a leader populisti e demagogici.

L’annuncio del presidente della Commissione Esteri del Senato avviene in un momento particolarmente delicato per la vita politica e istituzionale del Paese. Il Venezuela, in questi mesi, vive un passaggio delicato della propria storia nel quale potrebbe giocarsi la sopravvivenza stessa del suo sistema democratico.

Il Consiglio Nazionale Elettorale ha reso note le severe condizioni imposte all’Opposizione per la raccolta del 20 per cento delle firme necessarie affinché si possa procedere verso un Referendum che potrebbe destituire il capo dello Stato. Che agisse diversamente era impensabile. Dopo aver guadagnato tempo, quella dell’organismo elettorale è stata la “cronaca di una morte annunciata”. Per l’Opposizione, ora, la strada è tutta in salita.

Il Tavolo dell’Unità o MUD che riunisce i vari partiti e movimenti che compongono le forze di opposizione, è in fibrillazione. Nonostante le voci rassicuranti dei vari leader è indubbio che le tensioni nel suo interno siano grandi. Falchi e colombe, che da sempre hanno messo a repentaglio l’esistenza stessa dell’eterogenea alleanza, si sono scontrati con veemenza in questi giorni.

Al momento di scrivere questa nota, il Tavolo dell’Unità non ha ancora reso note le strategie che metterebbe in campo per affrontare l’ennesimo scoglio posto dall’organismo elettorale. Sono chiare, invece, quelle del governo: mantenere l’opposizione sotto pressione costante e indebolirla provocando situazioni che possano condurla all’implosione.

Per il momento non ci è riuscito. E di questo va dato atto al Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, che ha saputo interpretare il suo ruolo di mediatore e anche ai leader dei vari schieramenti che hanno saputo mantenere la polemica interna entro limiti accettabili. Resta da vedere, ora, la reazione della base, di quelle migliaia di cittadini che non si sentono identificati con il governo.

Il Paese, lo scriviamo ormai da tempo, è sull’orlo di una esplosione sociale dalle conseguenze imprevedibili. Se le proteste non sono sfociate in vere e proprie manifestazioni di insurrezione popolare non è solo per la repressione sempre più ferrea delle forze dell’Ordine ma anche per merito del Tavolo dell’Unità che è riuscito a far giungere il proprio messaggio: la violenza solo permetterà al potere di rafforzarsi.

Cresce il numero dei politici in prigione. E ora anche giornalisti e pubblicisti corrono il rischio di soffrire le conseguenze per quanto scrivono. Un esempio per tutti, quello del giornalista ed editore di “Reporte Confidencial” Braulio Jattar.

Mentre si attendono le decisioni del Tavolo dell’Unità, che dovrà indicare agli elettori il cammino da seguire per ottenere al più presto il Referendum revocatorio, in seno al “chavismo” continuano ad alzarsi voci che denunciano una presunta “frode” nella raccolta dell’1 per cento delle firme, avvenuta mesi fa.

Dopo il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vicepresidente del Presidente del Psuv, Diosdado Cabello; il sindaco di Caracas e responsabile della “Comisión de Verificación de firmas” del Psuv, Jorge Rodrìguez; anche Freddy Bernal, responsabile dei “Comités Locales de Abastecimiento y Producción”, ha sostenuto la tesi della truffa. E, quindi, della necessità di azzerare tutto e tornare al punto di partenza.

Le speculazioni, oramai, sono tante. Alcuni esperti in materia si azzardano ad anticipare una decisione della Corte Costituzionale a favore di chi ha denunciato presunti brogli nella prima raccolta delle firme per il Referendum. Se così fosse, si assisterebbe ad un duro colpo all’Opposizione e alla chiusura di ogni via istituzionale per un cambio di governo.

Resterebbero le elezioni amministrative ma queste, come è già stato annunciato dai portavoce del governo e dai responsabili del Psuv, difficilmente potranno realizzarsi a dicembre, come lo stabilisce la Costituzione.

Mauro Bafile

Ultima ora

09:59Baby gang: due minori denunciati dalla Polizia a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - La Polizia di Stato di Napoli ha individuato e denunciato due minori che la sera di domenica scorsa, nei pressi della stazione Policlinico della metropolitana, senza motivo, hanno insultato, aggredito e preso a pugni un sedicenne, Ciro, che riportò la rottura del setto nasale. Il giovane, intorno alle 21.30, insieme ad altri compagni, stava tornando a casa dopo una partita di calcetto. Alle forze dell'ordine riferì di essere stato avvicinato da un gruppo di ragazzi, di età compresa tra 16 e 18 anni, che non conosceva i quali prima hanno iniziato ad insultarlo, poi lo hanno colpito al volto con un pugno, rompendogli il naso. A seguito delle numerose aggressioni che si sono susseguite in città e in provincia il ministro dell'Interno, Marco Minniti, nel corso di una riunione in Prefettura, ha disposto una serie di iniziative per fronteggiare il fenomeno delle baby gang.

08:07Svezia: esplosione a Malmo, arrestati due sospetti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Due giovani sui 20 anni sono stati arrestati a Malmo perchè sospettati dell'attentato avvenuto ieri sera ai danni di una stazione di polizia della cittadina svedese, che avrebbe avuto come obiettivo proprio le forze dell'ordine. Lo scoppio, fortissimo, sarebbe stato provocato, secondo gli ultimi accertamenti, da un oggetto esplosivo contenente trotile (simile al tritolo) e non da una bomba a mano come riferito in un primo momento. E' stato udito in tutta la città, e ha danneggiato l'ingresso della stazione di polizia di Rosengard, nel quartiere di Helsingborg, e alcune auto parcheggiate nelle vicinanze, senza causare danni alle persone. Gli arresti sono stati confermati da fonti della polizia, ma devono ancora essere convalidati. La polizia ritiene che il gesto intimidatorio fosse "direttamente indirizzato alla polizia e alla sua attività". Sarebbe quindi da far risalire alla criminalità comune e non a un atto terroristico

08:04Mo: attentato contro rabbino, uccisi 2 palestinesi

(ANSA) - TEL AVIV, 18 GEN - Al termine di un prolungato scontro a fuoco l'esercito israeliano ha ucciso la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) due palestinesi responsabili, secondo la versione ufficiale, della uccisione di un rabbino avvenuta una settimana fa. Uno di essi era figlio di un dirigente di Hamas. Lo riferisce la radio militare secondo cui altri membri della stessa cellula sono stati arrestati. Feriti due militari israeliani, uno dei quali versa in condizioni gravi.La radio militare ha precisato che nell' operazione un'unità di elite israeliana ha localizzato i ricercati in un edificio ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco. Ma presto è stata circondata da centinaia di abitanti del rione che hanno scagliato contro i militari sassi ed altri oggetti. Di conseguenza altre unità dell'esercito hanno fatto ingresso a Jenin. L' operazione si è conclusa con la demolizione dell' edificio dove si nascondevano i ricercati palestinesi.

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

Archivio Ultima ora