Delegazione del parlamento italiano in Venezuela per puntellare l’AN

Pubblicato il 26 settembre 2016 da redazione

Sarà senza dubbio un importante riconoscimento con riflessi a livello internazionale e, soprattutto, nazionali. La presenza, prossimamente in Venezuela, di una delegazione parlamentare italiana, come annunciato alla “Voce” dal senatore Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri della Camera Alta, permetterà all’Assemblea Nazionale di rompere l’isolamento voluto dal Governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e di limitare i danni provocati dalle decisioni della Corte Costituzionale, che hanno svuotato d’ogni potere il Parlamento venezuelano.

Probabilmente la visita dei nostri parlamentari, alla luce dei contrasti politici tra “chavismo” e opposizione, potrà causare irritazione nel governo. Ma la diplomazia saprà trovare il cammino per evitare di provocare crepe nei rapporti tra il Venezuela e l’Italia, incrinature che in questo momento di tensione politica interna non convengono alla nostra Collettività.

L’importanza della visita dei parlamentari italiani risiede nel messaggio già affidato dal senatore Casini al nostro Giornale:
“Noi pensiamo che il dialogo politico debba essere il cammino da percorrere per trovare una soluzione e lavoreremo per favorirlo. A prescindere da qualsiasi cosa capitata fino ad oggi, noi ribadiamo che senza la volontà del Parlamento, che rappresenta la maggioranza dei venezuelani, non sarà possibile trovare una soluzione. Per questa ragione, lavoriamo affinché all’Assemblea del Venezuela sia riconosciuta quell’autorevolezza che è condizione necessaria per un accordo politico”.

Insomma, per chi sa leggere tra le righe, l’indipendenza del Parlamento e il rispetto che l’istituzione merita sono condizioni fondamentali affinché la parola democrazia non resti una espressione vuota in bocca a leader populisti e demagogici.

L’annuncio del presidente della Commissione Esteri del Senato avviene in un momento particolarmente delicato per la vita politica e istituzionale del Paese. Il Venezuela, in questi mesi, vive un passaggio delicato della propria storia nel quale potrebbe giocarsi la sopravvivenza stessa del suo sistema democratico.

Il Consiglio Nazionale Elettorale ha reso note le severe condizioni imposte all’Opposizione per la raccolta del 20 per cento delle firme necessarie affinché si possa procedere verso un Referendum che potrebbe destituire il capo dello Stato. Che agisse diversamente era impensabile. Dopo aver guadagnato tempo, quella dell’organismo elettorale è stata la “cronaca di una morte annunciata”. Per l’Opposizione, ora, la strada è tutta in salita.

Il Tavolo dell’Unità o MUD che riunisce i vari partiti e movimenti che compongono le forze di opposizione, è in fibrillazione. Nonostante le voci rassicuranti dei vari leader è indubbio che le tensioni nel suo interno siano grandi. Falchi e colombe, che da sempre hanno messo a repentaglio l’esistenza stessa dell’eterogenea alleanza, si sono scontrati con veemenza in questi giorni.

Al momento di scrivere questa nota, il Tavolo dell’Unità non ha ancora reso note le strategie che metterebbe in campo per affrontare l’ennesimo scoglio posto dall’organismo elettorale. Sono chiare, invece, quelle del governo: mantenere l’opposizione sotto pressione costante e indebolirla provocando situazioni che possano condurla all’implosione.

Per il momento non ci è riuscito. E di questo va dato atto al Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, che ha saputo interpretare il suo ruolo di mediatore e anche ai leader dei vari schieramenti che hanno saputo mantenere la polemica interna entro limiti accettabili. Resta da vedere, ora, la reazione della base, di quelle migliaia di cittadini che non si sentono identificati con il governo.

Il Paese, lo scriviamo ormai da tempo, è sull’orlo di una esplosione sociale dalle conseguenze imprevedibili. Se le proteste non sono sfociate in vere e proprie manifestazioni di insurrezione popolare non è solo per la repressione sempre più ferrea delle forze dell’Ordine ma anche per merito del Tavolo dell’Unità che è riuscito a far giungere il proprio messaggio: la violenza solo permetterà al potere di rafforzarsi.

Cresce il numero dei politici in prigione. E ora anche giornalisti e pubblicisti corrono il rischio di soffrire le conseguenze per quanto scrivono. Un esempio per tutti, quello del giornalista ed editore di “Reporte Confidencial” Braulio Jattar.

Mentre si attendono le decisioni del Tavolo dell’Unità, che dovrà indicare agli elettori il cammino da seguire per ottenere al più presto il Referendum revocatorio, in seno al “chavismo” continuano ad alzarsi voci che denunciano una presunta “frode” nella raccolta dell’1 per cento delle firme, avvenuta mesi fa.

Dopo il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vicepresidente del Presidente del Psuv, Diosdado Cabello; il sindaco di Caracas e responsabile della “Comisión de Verificación de firmas” del Psuv, Jorge Rodrìguez; anche Freddy Bernal, responsabile dei “Comités Locales de Abastecimiento y Producción”, ha sostenuto la tesi della truffa. E, quindi, della necessità di azzerare tutto e tornare al punto di partenza.

Le speculazioni, oramai, sono tante. Alcuni esperti in materia si azzardano ad anticipare una decisione della Corte Costituzionale a favore di chi ha denunciato presunti brogli nella prima raccolta delle firme per il Referendum. Se così fosse, si assisterebbe ad un duro colpo all’Opposizione e alla chiusura di ogni via istituzionale per un cambio di governo.

Resterebbero le elezioni amministrative ma queste, come è già stato annunciato dai portavoce del governo e dai responsabili del Psuv, difficilmente potranno realizzarsi a dicembre, come lo stabilisce la Costituzione.

Mauro Bafile

Ultima ora

14:16Lega: Cozzi vede avvocati, se garanzia sblocco somme

(ANSA) - GENOVA, 19 SET - "Abbiamo esaminato gli aspetti di questo provvedimento. Adesso valuteranno loro cosa fare, se il ricorso al riesame o chiedere altre cose". Lo ha detto il procuratore capo di Genova Francesco Cozzi dopo un incontro, stamani, con i legali della Lega Nord dopo il sequestro delle somme dai conti correnti del partito. "La strada maestra - ha detto Cozzi - è quella della eventuale prestazione di garanzie: per esempio una fideiussione o con un immobile e così potrebbero ottenere lo svincolo delle somme". Nei prossimi giorni l'iter verrà concluso e la procura presenterà una relazione al tribunale in cui chiederà anche se quanto sequestrato è sufficiente o se bisogna proseguire con eventuali somme che il partito otterrà in futuro. L'orientamento, secondo quanto trapela, è di fermarsi a quanto congelato finora. Un milione e 800 mila euro è la cifra finora bloccata dalla guardia di finanza sui conti della Lega sparsi in tutta Italia secondo quanto trapela da Palazzo di Giustizia.

13:50Banche: governo chiede più tempo, slitta voto mozioni

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il governo, con il sottosegretario Pier Paolo Baretta, chiede nell'Aula del Senato più tempo per tentare di arrivare ad "una soluzione più unitaria possibile" sulle banche. I presentatori delle mozioni che si sarebbero dovute votare oggi accolgono la richiesta, se è per arrivare, come dice Loredana De Petris, "ad uno sforzo di sintesi" e se si arriverà comunque al voto "entro la prossima settimana", come chiede uno dei firmatari, Andrea Augello. MdP che aveva annunciato il suo no alla mozione del Pd dice sì al rinvio, ma "a patto", sottolinea Cecilia Guerra, "che si arrivi ad una calendarizzazione della decisione per martedì prossimo". In Aula si è fatta sentire l'assenza dei senatori della Lega che hanno anche rinunciato ad illustrare la loro mozione.

13:44Migranti: Maroni, sindaci hanno ragione governo dia risposte

(ANSA) - MILANO, 19 SET - "Penso che abbiano ragione i sindaci, loro pongono il problema poi è il governo che deve dare una risposta". Così il governatore lombardo, Roberto Maroni, ha commentato la bocciatura da parte del prefetto di Milano Luciana Lamorgese delle ordinanze anti profughi emesse da alcuni sindaci del centrodestra e della Lega Nord in provincia di Milano. "Credo il governo dovrebbe dare ascolto ai sindaci che non protestano per partito preso ma perché è un problema grave che cade sulle loro spalle - ha aggiunto - senza che ci sia qualcuno che il problema glielo risolve". "Non si tratta spesso di profughi ma di clandestini che vengono messi lì così, senza una soluzione - ha concluso a margine dell'inaugurazione del primo flagship store Lavazza a Milano - È di questi giorni la notizia che sono ripresi gli sbarchi, l'idea che si fossero fermati era un'illusione".

13:42Juve:Allegri “scudetto a 90 punti,vincere con medio-piccole”

(ANSA) - TORINO, 19 SET - "Sicuramente serviranno 90 punti per vincere lo scudetto". E' la previsione di Massimiliano Allegri che invita la Juventus a non sottovalutare la Fiorentina. "Sarà importante vincere contro le cosiddette medio-piccole - osserva l'allenatore dei bianconeri, alla vigilia della sfida contro i viola -. E' la prima di tre partite che non possiamo e non dobbiamo sbagliare".

13:42Terremoto: domani Boschi inaugura nuova scuola Arquata

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 19 SET - Sarà il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi a inaugurare domani ad Arquata del Tronto la nuova scuola donata ai ragazzi del centro terremotato dalla Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi. Alla cerimonia prenderanno parte anche la commissaria per la Ricostruzione Paola De Mcheli, il presidente della Fondazione Specchio dei Tempi Lodovico Passerin d'Entreves, e il direttore della Protezione civile nazionale Paolo Molinari. Il nuovo plesso scolastico è una struttura antisismica ed ecosostenibile che ospita la scuola di infanzia, le scuole elementari e le scuole medie. Intitolata dal Comune alla Fondazione Specchio dei tempi, è stata costruita in appena 4 mesi. La scuola è completamente cablata e dotata di attrezzature didattiche e tecnologiche avanzate. Sarà uno dei terminali del progetto "Connettiamo i bambini del mondo" lanciato dalla fondazione per favorire lo scambio di esperienze fra gli allievi di scuole italiane, nepalesi, cingalesi e birmane.

13:39Calcio: Allegri, stagione Juve passa da gestione partita

(ANSA) - TORINO, 19 SET - "La nostra stagione, e i nostri risultati, passano dalla gestione della partita". Così Massimiliano Allegri, alla vigilia dell'impegno casalingo della Juventus contro la Fiorentina. "A Reggio Emilia, contro il Sassuolo, abbiamo vissuto momenti simili a quelli di Barcellona - sostiene l'allenatore dei bianconeri -. Dopo 30' la squadra aveva giocato un bel calcio, creato, tirato in porta e segnato. Poi, ci sono anche gli avversari, dobbiamo capire che quando abbiamo perso il comando della partita ci si deve adeguare, gestire la fase difensiva e gli avversari non devono tirare. Questa è la cosa più importante in cui bisogna migliorare. Col Sassuolo può durare 5', col Barcellona 20'". "Da qui - ribadisce il tecnico livornese - passa tutta la stagione".

13:22Droga: madre preoccupata fa arrestare il figlio pusher

(ANSA) - MILANO, 19 SET - Preoccupata per la vita da pusher di suo figlio, una madre lo ha denunciato alla Polizia. E' accaduto a Milano, dove è stato arrestato per spaccio un 18enne trovato con 64 grammi di cocaina pura all'80% e tre ovuli di hashish dal peso di 18 grammi. La donna, ormai stanca della strada intrapresa dal ragazzo (già segnata da precedenti per droga), si è confidata con il dirigente del commissariato del suo quartiere, Quarto Oggiaro. Gli agenti hanno così scoperto la droga nella cantina del loro condominio, in via della Senna, e nella cassetta della posta. "E' una storia triste, per la madre è stato difficilissimo denunciare il proprio figlio - ha commentato il dirigente del commissariato - ma questa vicenda fa capire il dialogo che siamo riusciti a costruire tra la polizia e i cittadini. Un lavoro delicato soprattutto in una zona così difficile".

Archivio Ultima ora