Delegazione del parlamento italiano in Venezuela per puntellare l’AN

Pubblicato il 26 settembre 2016 da redazione

Sarà senza dubbio un importante riconoscimento con riflessi a livello internazionale e, soprattutto, nazionali. La presenza, prossimamente in Venezuela, di una delegazione parlamentare italiana, come annunciato alla “Voce” dal senatore Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri della Camera Alta, permetterà all’Assemblea Nazionale di rompere l’isolamento voluto dal Governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e di limitare i danni provocati dalle decisioni della Corte Costituzionale, che hanno svuotato d’ogni potere il Parlamento venezuelano.

Probabilmente la visita dei nostri parlamentari, alla luce dei contrasti politici tra “chavismo” e opposizione, potrà causare irritazione nel governo. Ma la diplomazia saprà trovare il cammino per evitare di provocare crepe nei rapporti tra il Venezuela e l’Italia, incrinature che in questo momento di tensione politica interna non convengono alla nostra Collettività.

L’importanza della visita dei parlamentari italiani risiede nel messaggio già affidato dal senatore Casini al nostro Giornale:
“Noi pensiamo che il dialogo politico debba essere il cammino da percorrere per trovare una soluzione e lavoreremo per favorirlo. A prescindere da qualsiasi cosa capitata fino ad oggi, noi ribadiamo che senza la volontà del Parlamento, che rappresenta la maggioranza dei venezuelani, non sarà possibile trovare una soluzione. Per questa ragione, lavoriamo affinché all’Assemblea del Venezuela sia riconosciuta quell’autorevolezza che è condizione necessaria per un accordo politico”.

Insomma, per chi sa leggere tra le righe, l’indipendenza del Parlamento e il rispetto che l’istituzione merita sono condizioni fondamentali affinché la parola democrazia non resti una espressione vuota in bocca a leader populisti e demagogici.

L’annuncio del presidente della Commissione Esteri del Senato avviene in un momento particolarmente delicato per la vita politica e istituzionale del Paese. Il Venezuela, in questi mesi, vive un passaggio delicato della propria storia nel quale potrebbe giocarsi la sopravvivenza stessa del suo sistema democratico.

Il Consiglio Nazionale Elettorale ha reso note le severe condizioni imposte all’Opposizione per la raccolta del 20 per cento delle firme necessarie affinché si possa procedere verso un Referendum che potrebbe destituire il capo dello Stato. Che agisse diversamente era impensabile. Dopo aver guadagnato tempo, quella dell’organismo elettorale è stata la “cronaca di una morte annunciata”. Per l’Opposizione, ora, la strada è tutta in salita.

Il Tavolo dell’Unità o MUD che riunisce i vari partiti e movimenti che compongono le forze di opposizione, è in fibrillazione. Nonostante le voci rassicuranti dei vari leader è indubbio che le tensioni nel suo interno siano grandi. Falchi e colombe, che da sempre hanno messo a repentaglio l’esistenza stessa dell’eterogenea alleanza, si sono scontrati con veemenza in questi giorni.

Al momento di scrivere questa nota, il Tavolo dell’Unità non ha ancora reso note le strategie che metterebbe in campo per affrontare l’ennesimo scoglio posto dall’organismo elettorale. Sono chiare, invece, quelle del governo: mantenere l’opposizione sotto pressione costante e indebolirla provocando situazioni che possano condurla all’implosione.

Per il momento non ci è riuscito. E di questo va dato atto al Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, che ha saputo interpretare il suo ruolo di mediatore e anche ai leader dei vari schieramenti che hanno saputo mantenere la polemica interna entro limiti accettabili. Resta da vedere, ora, la reazione della base, di quelle migliaia di cittadini che non si sentono identificati con il governo.

Il Paese, lo scriviamo ormai da tempo, è sull’orlo di una esplosione sociale dalle conseguenze imprevedibili. Se le proteste non sono sfociate in vere e proprie manifestazioni di insurrezione popolare non è solo per la repressione sempre più ferrea delle forze dell’Ordine ma anche per merito del Tavolo dell’Unità che è riuscito a far giungere il proprio messaggio: la violenza solo permetterà al potere di rafforzarsi.

Cresce il numero dei politici in prigione. E ora anche giornalisti e pubblicisti corrono il rischio di soffrire le conseguenze per quanto scrivono. Un esempio per tutti, quello del giornalista ed editore di “Reporte Confidencial” Braulio Jattar.

Mentre si attendono le decisioni del Tavolo dell’Unità, che dovrà indicare agli elettori il cammino da seguire per ottenere al più presto il Referendum revocatorio, in seno al “chavismo” continuano ad alzarsi voci che denunciano una presunta “frode” nella raccolta dell’1 per cento delle firme, avvenuta mesi fa.

Dopo il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vicepresidente del Presidente del Psuv, Diosdado Cabello; il sindaco di Caracas e responsabile della “Comisión de Verificación de firmas” del Psuv, Jorge Rodrìguez; anche Freddy Bernal, responsabile dei “Comités Locales de Abastecimiento y Producción”, ha sostenuto la tesi della truffa. E, quindi, della necessità di azzerare tutto e tornare al punto di partenza.

Le speculazioni, oramai, sono tante. Alcuni esperti in materia si azzardano ad anticipare una decisione della Corte Costituzionale a favore di chi ha denunciato presunti brogli nella prima raccolta delle firme per il Referendum. Se così fosse, si assisterebbe ad un duro colpo all’Opposizione e alla chiusura di ogni via istituzionale per un cambio di governo.

Resterebbero le elezioni amministrative ma queste, come è già stato annunciato dai portavoce del governo e dai responsabili del Psuv, difficilmente potranno realizzarsi a dicembre, come lo stabilisce la Costituzione.

Mauro Bafile

Ultima ora

18:23Detenuto sale su tetto carceri Regina Coeli per protesta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un detenuto recluso nel carcere romano di Regina Coeli è salito per protesta sul tetto dell'istituto. L'uomo, un romeno di 30 anni, è stato condannato pochi giorni fa a 10 anni per violenza sessuale. Il detenuto si sarebbe arrampicato dal cortile dell'VIII sezione al finestrone del terzo piano usando i fili del parafulmine presenti lungo il muro, agevolato da una struttura fisica piuttosto esile. L'uomo, uno straniero, è stato subito raggiunto dal personale della polizia penitenziaria. Per scongiurare ogni pericolo sono intervenuti anche i vigili del fuoco visto che il detenuto minacciava di gettarsi nel vuoto. Dopo aver ottenuto di parlare con la direttrice del carcere, l'uomo si calmato ed è stato riportato in cella. "L'intervento immediato e tempestivo del personale di polizia penitenziaria ha scongiurato un ennesimo evento tragico". Lo dice Pompeo Mannone, segretario della Fns Cisl. "Il personale - aggiunge - continua ad operare con professionalità pur in presenza di condizioni di grave carenza".

17:49Appalti: Cara Mineo, processo immediato per Castiglione

(ANSA) - CATANIA, 24 MAR - Ha chiesto e ottenuto dal Gip di Catania, Santino Mirabella, il giudizio immediato il sottosegretario all'Agricoltura, Giuseppe Castiglione, che esce così dall'udienza di rinvio a giudizio del 28 marzo prossimo sugli appalti per la gestione del Cara di Mineo. "Ho scelto io stesso il rito immediato - spiega Castiglione - perché ritengo che questa vicenda debba essere sottoposta, al più presto ️e nel più breve tempo possibile, al vaglio del Tribunale con tutte le garanzie difensive previste dal codice di rito e dalla Costituzione, per pervenire a una sentenza di assoluzione". Castiglione si dice "sicuro di poter radicalmente smentire l'ipotesi accusatoria, dimostrando l'infondatezza di tutte le contestazioni, a dir poco fantasiose, che mi vengono addebitate" e che "al termine di questa dolorosa vicenda, la mia dignità morale e la mia attività amministrativa, sempre improntata alla legittimità e alla trasparenza, riceveranno giustizia".

17:39Calcio: Callejon, sarebbe meraviglioso scudetto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAR - "Vincere lo scudetto a Napoli sarebbe meraviglioso, sarebbe un sogno per tutti". Lo ha detto José Maria Callejon in un'intervista a Radio Kiss Kiss Napoli. "Vincere a Napoli - ha detto l'esterno spagnolo - è molto difficile, Maradona qui ha vinto due scudetti, noi ci proviamo ogni anno e speriamo di avere qualche chance in futuro. Callejon ha parlato della necessità del Napoli di avere sempre la giusta personalità: "Noi - ha spiegato - sentiamo di essere una squadra importante, ma dobbiamo averne la consapevolezza sempre, perché penso che a volte non abbiamo in testa questo concetto. Anche chi è in panchina o in tribuna deve essere consapevole che siamo una squadra di alto livello".

17:28Mafia: Cdm scioglie Comune Lavagna

(ANSA) - GENOVA, 24 MAR - Il Consiglio dei ministri ha sciolto il Consiglio comunale di Lavagna per infiltrazioni mafiose. La decisione è stata presa stamani a norma dell' articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, su proposta del Ministro dell'interno Marco Minniti. Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni da parte della criminalità organizzata del Consiglio comunale di Lavagna (Genova) si legge nel comunicato stampa del Consiglio dei ministri. La decisione segue le indagini della magistratura antimafia di Genova che la scorsa estate portarono all'arresto di otto persone tra cui il sindaco Giuseppe Sanguineti e l'ex parlamentare Gabriella Mondello. La scorsa settimana l'indagine ha avuto un seguito che ha portato ad altri arresti e ha svelato gli interessi della 'ndrangheta sul territorio comunale. Due ordini di custodia hanno raggiunto i fratelli Francesco Antonio e Antonio Rodà, già in carcere, e sono finiti in manette Paolo Paltrinieri e Alfred Remilli.

17:20Casa: Monsignor Zuppi, sia un diritto di tutti

(ANSA) - BOLOGNA, 24 MAR - Monsignor Zuppi apre le porte all'Acer (Azienda casa Emilia-Romagna) in vista di una possibile collaborazione fra l'arcidiocesi e l'ente sul tema della ristrutturazione di immobili di proprietà di parrocchie, istituti, fondazioni e opere diocesane, da destinare - secondo quanto scritto oggi dal 'Resto del Carlino' - ai piani di edilizia popolare. Stamattina l'arcivescovo di Bologna ha incontrato il presidente dell'Acer Alessandro Alberani negli uffici dell'ente di Piazza della Resistenza: "Un buon punto di partenza - ha detto monsignor Zuppi a margine della conferenza stampa di presentazione del musical 'I ragazzi di don Zeno' - speriamo che possa aiutare a valorizzare alcune possibilità che abbiamo, a rispondere all'interesse dell'Acer e all'interesse di tutti, cioè che la casa sia un diritto". (ANSA).

17:18Calcio: U16, prima vittoria Panico sulla panchina azzurra

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - A due giorni dall'esordio sulla panchina dell'Under 16, l'Italia di Patrizia Panico - prima donna a guidare una nazionale maschile azzurra - riscatta la sconfitta (1-4) subita nell'amichevole del 'Bentegodi' con la Germania. A Caldiero Terme, in uno stadio gremito e vestito a festa per l'occasione, l'Italia ha battuto 3-2 i pari età tedeschi nel replay della sfida di mercoledì, un match che aveva visto anche il primo rigore 'annullato' nella storia del calcio italiano grazie all'ausilio della VAR. Azzurrini in vantaggio al 13' con il gol del centrocampista dell'Atalanta Emmanuel Gyabuaa. Raddoppio in chiusura di tempo con Riccardo Tonin. All'8' della ripresa Roberto Piccoli, autore del gol della bandiera due giorni fa al 'Bentegodi', ha finalizzato una ripartenza portando a tre le reti di vantaggio dell'Italia e rendendo quindi vano il tentativo di rimonta dei tedeschi, a segno al 50' e al 57' con Bozdogan e Vangu Bukusu sugli sviluppi di due calci piazzati.

17:08Calcio: U21, convocato portiere Juventus Mulyadi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - E' stato convocato dalla Nazionale Under 21 il portiere della Juventus Emil Audero Mulyadi. Il giocatore si aggregherà al gruppo in serata, in vista dell'amichevole Italia-Spagna, in programma lunedì 27 marzo allo stadio Olimpico di Roma.

Archivio Ultima ora