Delegazione del parlamento italiano in Venezuela per puntellare l’AN

Pubblicato il 26 settembre 2016 da redazione

Sarà senza dubbio un importante riconoscimento con riflessi a livello internazionale e, soprattutto, nazionali. La presenza, prossimamente in Venezuela, di una delegazione parlamentare italiana, come annunciato alla “Voce” dal senatore Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri della Camera Alta, permetterà all’Assemblea Nazionale di rompere l’isolamento voluto dal Governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e di limitare i danni provocati dalle decisioni della Corte Costituzionale, che hanno svuotato d’ogni potere il Parlamento venezuelano.

Probabilmente la visita dei nostri parlamentari, alla luce dei contrasti politici tra “chavismo” e opposizione, potrà causare irritazione nel governo. Ma la diplomazia saprà trovare il cammino per evitare di provocare crepe nei rapporti tra il Venezuela e l’Italia, incrinature che in questo momento di tensione politica interna non convengono alla nostra Collettività.

L’importanza della visita dei parlamentari italiani risiede nel messaggio già affidato dal senatore Casini al nostro Giornale:
“Noi pensiamo che il dialogo politico debba essere il cammino da percorrere per trovare una soluzione e lavoreremo per favorirlo. A prescindere da qualsiasi cosa capitata fino ad oggi, noi ribadiamo che senza la volontà del Parlamento, che rappresenta la maggioranza dei venezuelani, non sarà possibile trovare una soluzione. Per questa ragione, lavoriamo affinché all’Assemblea del Venezuela sia riconosciuta quell’autorevolezza che è condizione necessaria per un accordo politico”.

Insomma, per chi sa leggere tra le righe, l’indipendenza del Parlamento e il rispetto che l’istituzione merita sono condizioni fondamentali affinché la parola democrazia non resti una espressione vuota in bocca a leader populisti e demagogici.

L’annuncio del presidente della Commissione Esteri del Senato avviene in un momento particolarmente delicato per la vita politica e istituzionale del Paese. Il Venezuela, in questi mesi, vive un passaggio delicato della propria storia nel quale potrebbe giocarsi la sopravvivenza stessa del suo sistema democratico.

Il Consiglio Nazionale Elettorale ha reso note le severe condizioni imposte all’Opposizione per la raccolta del 20 per cento delle firme necessarie affinché si possa procedere verso un Referendum che potrebbe destituire il capo dello Stato. Che agisse diversamente era impensabile. Dopo aver guadagnato tempo, quella dell’organismo elettorale è stata la “cronaca di una morte annunciata”. Per l’Opposizione, ora, la strada è tutta in salita.

Il Tavolo dell’Unità o MUD che riunisce i vari partiti e movimenti che compongono le forze di opposizione, è in fibrillazione. Nonostante le voci rassicuranti dei vari leader è indubbio che le tensioni nel suo interno siano grandi. Falchi e colombe, che da sempre hanno messo a repentaglio l’esistenza stessa dell’eterogenea alleanza, si sono scontrati con veemenza in questi giorni.

Al momento di scrivere questa nota, il Tavolo dell’Unità non ha ancora reso note le strategie che metterebbe in campo per affrontare l’ennesimo scoglio posto dall’organismo elettorale. Sono chiare, invece, quelle del governo: mantenere l’opposizione sotto pressione costante e indebolirla provocando situazioni che possano condurla all’implosione.

Per il momento non ci è riuscito. E di questo va dato atto al Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, che ha saputo interpretare il suo ruolo di mediatore e anche ai leader dei vari schieramenti che hanno saputo mantenere la polemica interna entro limiti accettabili. Resta da vedere, ora, la reazione della base, di quelle migliaia di cittadini che non si sentono identificati con il governo.

Il Paese, lo scriviamo ormai da tempo, è sull’orlo di una esplosione sociale dalle conseguenze imprevedibili. Se le proteste non sono sfociate in vere e proprie manifestazioni di insurrezione popolare non è solo per la repressione sempre più ferrea delle forze dell’Ordine ma anche per merito del Tavolo dell’Unità che è riuscito a far giungere il proprio messaggio: la violenza solo permetterà al potere di rafforzarsi.

Cresce il numero dei politici in prigione. E ora anche giornalisti e pubblicisti corrono il rischio di soffrire le conseguenze per quanto scrivono. Un esempio per tutti, quello del giornalista ed editore di “Reporte Confidencial” Braulio Jattar.

Mentre si attendono le decisioni del Tavolo dell’Unità, che dovrà indicare agli elettori il cammino da seguire per ottenere al più presto il Referendum revocatorio, in seno al “chavismo” continuano ad alzarsi voci che denunciano una presunta “frode” nella raccolta dell’1 per cento delle firme, avvenuta mesi fa.

Dopo il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vicepresidente del Presidente del Psuv, Diosdado Cabello; il sindaco di Caracas e responsabile della “Comisión de Verificación de firmas” del Psuv, Jorge Rodrìguez; anche Freddy Bernal, responsabile dei “Comités Locales de Abastecimiento y Producción”, ha sostenuto la tesi della truffa. E, quindi, della necessità di azzerare tutto e tornare al punto di partenza.

Le speculazioni, oramai, sono tante. Alcuni esperti in materia si azzardano ad anticipare una decisione della Corte Costituzionale a favore di chi ha denunciato presunti brogli nella prima raccolta delle firme per il Referendum. Se così fosse, si assisterebbe ad un duro colpo all’Opposizione e alla chiusura di ogni via istituzionale per un cambio di governo.

Resterebbero le elezioni amministrative ma queste, come è già stato annunciato dai portavoce del governo e dai responsabili del Psuv, difficilmente potranno realizzarsi a dicembre, come lo stabilisce la Costituzione.

Mauro Bafile

Ultima ora

23:41Ascoltare i suoni di Manhattan nel 17.o secolo

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Prima della colonizzazione, la natura a Manhattan era così rigogliosa che l'isola di New York poteva diventare "la gloria dei parchi nazionali americani": parola di Eric W. Sanderson della Wildlife Conservation Society. Ora, grazie al progetto Calling Thunder, si può entrare nella Manhattan del 17/mo secolo sentendo i suoni della natura, disponibili sul sito Unsung.NYC, dove vengono contrapposti al frastuono del 21/mo secolo, dando vita ad un ponte uditivo che attraversa 400 anni. Il progetto è basato sul lavoro di Sanderson e Markley Boyer, che hanno creato visualizzazioni del paesaggio di Manhattan nel 1609, allora conosciuta come Mannahatta, "l'isola dalle molte colline". Immagini messe al fianco della metropoli di oggi, dove al posto di colline e ruscelli ci sono da grattacieli e tunnel della metropolitana, e invece degli aceri rossi i pannelli luminosi di Times Square.

23:33Aste: diario JFK venduto a 781mila dlr

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Un diario scritto da John Fitzgerald Kennedy in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale durante la sua breve carriera da giornalista è stato venduto per 718mila dollari. Secondo la casa d'arte di Boston RR Auction era stimato 200mila dollari. Una vendita ben oltre le aspettative quindi. L'acquirente è un collezionista di Beverly Hills dell'ex presidente americano. Kennedy tenne il diario nel 1945, all'epoca aveva 28 anni e lavorava come corrisponde per il gruppo Hearst. All'interno sono contenuti suoi pensieri personali sui leader mondiali nonché sul futuro delle Nazioni Unite. Il diario di 61 pagine fu dato dallo stesso Kennedy a Deirdre Henderson, un'assistente del suo ufficio durante la campagna presidenziale alla fine degli anni '50.

23:32Calcio:Coppa Germania,Bayern eliminato,Borussia lo batte 2-3

(ANSA) - MONACO, 26 APR - E' il Borussia Dortmund la seconda finalista della Coppa di Germania. I gialloneri di Tuchel hanno compiuto l'impresa di vincere, per 3-2, in casa del Bayern Monaco, eliminando la squadra di Ancelotti. Ora, per il trofeo nazionale, giocheranno la finale contro l'Eintracht Francoforte il 27 maggio a Berlino. Il Borussia è andato in vantaggio al 19' con Reus, poi il Bayern ha capovolto la situazione segnando con Javi Martinez e Hummels. Nella ripresa è salito alla ribalta Dembelé, 20 anni il 15 maggio, inseguito a lungo dalla Roma in sede di mercato: il francese prima ha servito l'assist vincente per il colpo di testa con cui Aubameyang ha realizzato il 2-2, poi ha segnato la rete della vittoria del Borussia con un gran sinistro all'incrocio dei pali.

22:28Calcio: Locatelli a ragazzi Junior Tim Cup, iniziai da qui

(ANSA) - MILANO, 26 APR - "Ho iniziato anche io dall'oratorio e ora gioco in Serie A. Quindi dico a tutti i ragazzi di crederci sempre e inseguire il loro sogno". Con queste parole Manuel Locatelli ha spronato a non mollare mai i ragazzi della Junior Tim Cup, il torneo di calcio Under 14 promosso da Lega Serie A, Tim e Csi. Il centrocampista del Milan, assieme all'allenatore della Primavera rossonera Stefano Nava, il suo collega Stefano Vecchi e il capitano della Primavera dell'Inter Marco Carraro, hanno reso indimenticabile il pomeriggio per alcuni giocatori della Junior Tim Cup, scesi in campo con agli ambasciatori di Inter e Milan.

21:58Fifa: Infantino conferma, Var ai Mondiali di Russia 2018

(ANSA) - SANTIAGO, 26 APR - "Utilizzeremo il video-arbitraggio durante i Mondiali dell'anno prossimo in Russia, perché finora abbiamo avuto feedback soltanto positivi". L'annuncio, o meglio la conferma, arriva direttamente dal presidente della Fifa Gianni Infantino, che ha affrontato l'argomento Var ("Video Assistant Referee") nel corso del discorso che ha fatto oggi all'assemblea generale della Conmebol, a Santiago. "Non è possibile che nel 2017 - ha aggiunto Infantino - tutti gli spettatori allo stadio e a casa sappiano che l'arbitro ha sbagliato e lui sia l'unico che non lo sa. Quindi aiuteremo i direttori di gara e renderemo un po' di giustizia al pubblico". La Fifa aveva già introdotto il 'video assistant referee', quindi la tecnologia Var, nel Mondiale per club, mentre dal prossimo campionato di serie A sarà utilizzata anche in Italia, come annunciato dal presidente dell'Aia Marcello Nicchi.

21:10Tennis: Sharapova ritorno vincente

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Ritorno vincente per Maria Sharapova: la tennista russa ha sconfitto l'azzurra Roberta Vinci per 7-5 6-3 nel primo turno del torneo Wta di Stoccarda (776 mila dollari di montepremi), in Germania. La 30enne siberiana, che aveva vinto il torneo tedesco per tre anni consecutivi dal 2012 al 2014, ha scontato 15 mesi di squalifica per doping dopo essere stata trovata positiva al Meldonium.

21:09L.elettorale: Boldrini, bene Mattarella, stop rinvii

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Ho pienamente condiviso la sollecitazione che il Presidente Mattarella ha voluto oggi rivolgere al Parlamento, per il tramite del Presidente Grasso e mio, affinché si arrivi rapidamente ad una nuova legge elettorale. Ai Presidenti di gruppo ho chiesto che la scadenza" fissata nella capigruppo, non subisca ulteriori rinvii. Si tratta di rispettare le attese dell'opinione pubblica e il ruolo stesso dell'istituzione parlamentare". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini.

Archivio Ultima ora