Delegazione del parlamento italiano in Venezuela per puntellare l’AN

Pubblicato il 26 settembre 2016 da redazione

Sarà senza dubbio un importante riconoscimento con riflessi a livello internazionale e, soprattutto, nazionali. La presenza, prossimamente in Venezuela, di una delegazione parlamentare italiana, come annunciato alla “Voce” dal senatore Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri della Camera Alta, permetterà all’Assemblea Nazionale di rompere l’isolamento voluto dal Governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e di limitare i danni provocati dalle decisioni della Corte Costituzionale, che hanno svuotato d’ogni potere il Parlamento venezuelano.

Probabilmente la visita dei nostri parlamentari, alla luce dei contrasti politici tra “chavismo” e opposizione, potrà causare irritazione nel governo. Ma la diplomazia saprà trovare il cammino per evitare di provocare crepe nei rapporti tra il Venezuela e l’Italia, incrinature che in questo momento di tensione politica interna non convengono alla nostra Collettività.

L’importanza della visita dei parlamentari italiani risiede nel messaggio già affidato dal senatore Casini al nostro Giornale:
“Noi pensiamo che il dialogo politico debba essere il cammino da percorrere per trovare una soluzione e lavoreremo per favorirlo. A prescindere da qualsiasi cosa capitata fino ad oggi, noi ribadiamo che senza la volontà del Parlamento, che rappresenta la maggioranza dei venezuelani, non sarà possibile trovare una soluzione. Per questa ragione, lavoriamo affinché all’Assemblea del Venezuela sia riconosciuta quell’autorevolezza che è condizione necessaria per un accordo politico”.

Insomma, per chi sa leggere tra le righe, l’indipendenza del Parlamento e il rispetto che l’istituzione merita sono condizioni fondamentali affinché la parola democrazia non resti una espressione vuota in bocca a leader populisti e demagogici.

L’annuncio del presidente della Commissione Esteri del Senato avviene in un momento particolarmente delicato per la vita politica e istituzionale del Paese. Il Venezuela, in questi mesi, vive un passaggio delicato della propria storia nel quale potrebbe giocarsi la sopravvivenza stessa del suo sistema democratico.

Il Consiglio Nazionale Elettorale ha reso note le severe condizioni imposte all’Opposizione per la raccolta del 20 per cento delle firme necessarie affinché si possa procedere verso un Referendum che potrebbe destituire il capo dello Stato. Che agisse diversamente era impensabile. Dopo aver guadagnato tempo, quella dell’organismo elettorale è stata la “cronaca di una morte annunciata”. Per l’Opposizione, ora, la strada è tutta in salita.

Il Tavolo dell’Unità o MUD che riunisce i vari partiti e movimenti che compongono le forze di opposizione, è in fibrillazione. Nonostante le voci rassicuranti dei vari leader è indubbio che le tensioni nel suo interno siano grandi. Falchi e colombe, che da sempre hanno messo a repentaglio l’esistenza stessa dell’eterogenea alleanza, si sono scontrati con veemenza in questi giorni.

Al momento di scrivere questa nota, il Tavolo dell’Unità non ha ancora reso note le strategie che metterebbe in campo per affrontare l’ennesimo scoglio posto dall’organismo elettorale. Sono chiare, invece, quelle del governo: mantenere l’opposizione sotto pressione costante e indebolirla provocando situazioni che possano condurla all’implosione.

Per il momento non ci è riuscito. E di questo va dato atto al Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, che ha saputo interpretare il suo ruolo di mediatore e anche ai leader dei vari schieramenti che hanno saputo mantenere la polemica interna entro limiti accettabili. Resta da vedere, ora, la reazione della base, di quelle migliaia di cittadini che non si sentono identificati con il governo.

Il Paese, lo scriviamo ormai da tempo, è sull’orlo di una esplosione sociale dalle conseguenze imprevedibili. Se le proteste non sono sfociate in vere e proprie manifestazioni di insurrezione popolare non è solo per la repressione sempre più ferrea delle forze dell’Ordine ma anche per merito del Tavolo dell’Unità che è riuscito a far giungere il proprio messaggio: la violenza solo permetterà al potere di rafforzarsi.

Cresce il numero dei politici in prigione. E ora anche giornalisti e pubblicisti corrono il rischio di soffrire le conseguenze per quanto scrivono. Un esempio per tutti, quello del giornalista ed editore di “Reporte Confidencial” Braulio Jattar.

Mentre si attendono le decisioni del Tavolo dell’Unità, che dovrà indicare agli elettori il cammino da seguire per ottenere al più presto il Referendum revocatorio, in seno al “chavismo” continuano ad alzarsi voci che denunciano una presunta “frode” nella raccolta dell’1 per cento delle firme, avvenuta mesi fa.

Dopo il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vicepresidente del Presidente del Psuv, Diosdado Cabello; il sindaco di Caracas e responsabile della “Comisión de Verificación de firmas” del Psuv, Jorge Rodrìguez; anche Freddy Bernal, responsabile dei “Comités Locales de Abastecimiento y Producción”, ha sostenuto la tesi della truffa. E, quindi, della necessità di azzerare tutto e tornare al punto di partenza.

Le speculazioni, oramai, sono tante. Alcuni esperti in materia si azzardano ad anticipare una decisione della Corte Costituzionale a favore di chi ha denunciato presunti brogli nella prima raccolta delle firme per il Referendum. Se così fosse, si assisterebbe ad un duro colpo all’Opposizione e alla chiusura di ogni via istituzionale per un cambio di governo.

Resterebbero le elezioni amministrative ma queste, come è già stato annunciato dai portavoce del governo e dai responsabili del Psuv, difficilmente potranno realizzarsi a dicembre, come lo stabilisce la Costituzione.

Mauro Bafile

Ultima ora

16:43Matite non indelebili per votare’, scoppia la polemica

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Nasce su Facebook una polemica sulle matite 'non indelebili' che verrebbero usate in alcuni seggi per il voto al referendum. Dopo le denunce di alcuni cittadini in diversi seggi sparsi per l'Italia, arriva quella del cantante Pierò Pelù: 'La matita che ho usato per votare era cancellabile. Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio', scrive in un post e invita a fare lo stesso. Un tema rilanciato da Fulvio Martusciello, europarlamentare di Fi, responsabile dei 'difensori del voto': 'In molti seggi si sta votando con semplici matite. Mi chiedo il perché. Abbiamo già registrato due episodi. Chiediamo a tutti di controllare quanto sta avvenendo'.

16:43Gb: auto killer per telefonino, proposto ergastolo

(ANSA) - LONDRA, 4 DIC - Guidare parlando al telefonino potrebbe costare presto l'ergastolo, in Gran Bretagna, in caso di incidenti mortali. Lo prevede una proposta sposata dal ministro dei Trasporti, Chris Grayling, e destinata a essere annunciata in settimana dal governo. Secondo quanto anticipa oggi il Sunday Telegraph, citando fonti governative, si tratta di "mandare un messaggio chiaro" ai molti automobilisti che continuano a comportarsi in modo pericoloso a dispetto degli episodi di cronaca e delle campagne educative, oltre che di rispondere alle sollecitazioni delle famiglie delle vittime della strada. La proposta contiene nuove "linee guida" normative, con l'innalzamento della pena massima prevista per chi sia riconosciuto colpevole di guida pericolosa e abbia causato la morte di altre persone da 14 anni fino al carcere a vita. Solo nel 2015, 122 persone sono state condannate nel Regno Unito per aver provocato incidenti mentre erano al volante e contemporaneamente telefonavano.

16:41Maltempo: P.Civile, domani temporali sulla Sardegna

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Una perturbazione di origine atlantica, in arrivo sul Mediterraneo occidentale, determinerà da domani una fase perturbata sulla Sardegna, in particolare sui settori orientali e meridionali. Successivamente la perturbazione interesserà anche la Sicilia e la Calabria. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche. L'avviso prevede, dal primo pomeriggio di domani, lunedì 5 dicembre, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani criticità gialla sulla Sardegna meridionale ed occidentale e sulla Calabria ionica e meridionale.(ANSA).

16:34Rapine in villa: irruzione nel Modenese,contuso padrone casa

(ANSA) - MODENA, 4 DIC - Quattro uomini armati hanno rapinato una famiglia di Torre Maina di Maranello, nel Modenese, facendo irruzione nella notte all'interno di una villa. Intorno all' una il gruppo di banditi - da quanto si apprende con accento dell'est Europa e con i volti travisati - dopo essere entrato ha minacciato con pistola la coppia di proprietari presente all'interno e due loro familiari, costringendoli a rimanere in una camera dell'abitazione mentre loro cercavano la cassaforte. Non avendo avuto collaborazione dal padrone di casa, un uomo di 66 anni, lo hanno colpito al volto causandogli lievi lesioni. La cassaforte poi asportata conteneva monili oro e contante. La banda è fuggita in auto. Indagano i carabinieri di Maranello con il nucleo operativo della Compagnia di Sassuolo. (ANSA).

16:29Siria: Idlib, almeno 22 morti in raid aerei

(ANSA) - BEIRUT, 4 DIC - Almeno 22 persone sono morte nei raid aerei compiuti oggi in Siria, presumibilmente dalle forze russe o siriane, tra cui anche tre bambini: i raid avrebbero colpito la città di Kafranbel, nel nordovest del Paese, e non Idlib come riportato in precedenza. Il Kafranbel Media Center gestito da un gruppo di attivisti ha pubblicato una lista di 22 morti, mentre L'Osservatorio siriano per i diritti umani è riuscito a confermare 21 vittime, tra cui agenti della polizia locale.

16:29Cuba: il lungo addio a Fidel, ultimo atto

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 4 DIC - Si è conclusa la cerimonia per la sepoltura delle ceneri di Fidel Castro al cimitero di Santa Ifigenia, a Santiago de Cuba. Il corteo funebre ha percorso i due chilometri da plaza de la Revolucion, dove le ceneri sono state depositate in nottata, al cimitero sulla avenida Patria, mentre sul ciglio della strada migliaia di persone sono tornate a salutare il Comandante. La cerimonia si era aperta con 21 colpi di cannone.

16:27Calcio: Milan-Crotone 2-1, decide Lapadula all’86’

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - Il Milan vince ancora nel segno di Lapadula. A San Siro batte di misura (2-1) e in rimonta un coriaceo Crotone che solo nel finale (86') deve arrendersi all'ennesima magia dell'ex Pescara, arrivato a 4 centri in campionato. Un successo prezioso per i rossoneri che tornano a -4 dalla capolista Juventus. Nell'anticipo della 15ma giornata di campionato, il Milan soffre oltre ogni aspettativa contro gli ultimi in classifica che vanno addirittura in vantaggio con Falcinelli (26'), prima di essere raggiunti a fine primo tempo dal gol di Pasalic. La ripresa è tutta di stampo rossonera, con tanto di rigore (benevolo) concesso per un fallo sul Lapadula: ma Niang si fa ipnotizzare da Cordaz. Sembrerebbe tutto finito ma da una punizione in favore del Milan, esce fuori una palla vagante che Lapadula con freddezza trasforma in oro. Unica nota stonata l'ammonizione di Kucka che farà saltare allo slovacco la trasferta di Roma.

Archivio Ultima ora