Referendum, la Mud traccia il cammino verso il “revocatorio”

Pubblicato il 26 settembre 2016 da redazione

CARACAS – Nessuna insurrezione popolare, nessuna sommossa. Il Tavolo dell’Unità, dimostrando serietà e ponderatezza, ha reso noto le iniziative prossime per arrivare alla realizzazione del Referendum entro l’anno. Il suo Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, parlando a nome di tutti i partiti dell’Opposizione, ha sottolineato che il Tavolo dell’Unità non accetterà nessuna risoluzione del Consiglio Nazionale Elettorale che contrasti con la Costituzione.

E ha assicurato che la coalizione dell’Opposizione obbligherà il governo a rispettare quanto scritto nella “Carta Magna”. Ha detto che l’Opposizione accetta la sfida che suppone la raccolta del 20 per cento delle firme per il Referendum, sottolineato che la consulta nazionale si realizzerà entre l’anno e che la raccolta del 20 per cento delle firme avverrà a livello nazionale e non, come pretende il Cne, Stato per Stato. Ha quindi segnalato che la Costituzione, soprattutto l’articolo 72, dovrà essere rispettata.

Il leader del Tavolo dell’Unità ha invitato i venezuelani ad una grande manifestazione pacifica il 12 ottobre, “Dìa de la raza” per chi interpreta l’arrivo di Colombo come l’incontro tra due mondi e due culture e “Dìa de la Independencia Indìgena” per chi, invece, considera che lo sbarco del navigante genovese rappresenta una data nefasta per l’America latina.

– Esortiamo i venezuelani a partecipare, a presentarsi numerosi i giorni in cui si dovrà raccogliere il 20 per cento delle firme – ha detto Torrealba -. La “Toma de Venezuela” sarà il 26, 27 e 28 ottobre.

La coalizione dell’opposizione, infine, ha ratificato che il Referendum si farà quest’anno poiché “non esistono ragioni tecniche o giuridiche per non farlo”.

– Accompagneremo i venezuelani in questa lotta – ha detto -. Non ci aspettavamo altro dal Consiglio nazionale Elettorale.

Questo il testo integrale del Comunicato del Tavolo dell’Unità letto da Jesùs “Chuo” Torrealba:

El pueblo obligará al régimen a acatar la Constitución
Esta es la hora del pueblo soberano, del ciudadano movilizado. Esta es la hora de los ofendidos, de los humillados, de los engañados, de los agredidos. La hora de los que hacemos colas interminables para comprar comida, de los que desesperamos por no encontrar un medicamento indispensable. La hora de quienes tenemos el dolor de llorar familiares asesinados por el hampa impune. La hora de las familias fracturadas porque sus hijos han tenido que irse del país. ¡Esta es la hora de no aguantar más! ¡Esta es la hora del cambio!

La Mesa de la Unidad Democrática, tras un proceso de debate, profunda reflexión y consulta a muy diversos sectores de la sociedad venezolana, plantea al pueblo de Venezuela nuestra posición y llamado para lograr el cambio en el 2016 ante el inconstitucional pronunciamiento del CNE sobre la etapa de activación del referendo revocatorio.

Las rectoras pesuvistas del CNE tenían la oportunidad no solo de cumplir con la Constitución sino con todo el pueblo venezolano que exige revocar a Nicolás Maduro este año. En lugar de comportarse como poder independiente, las rectoras pesuvistas del CNE optaron por burlarse de los venezolanos y de sus problemas, pero sobre todo subestimaron la voluntad de cambio, subestimaron a las fuerzas democráticas, subestimaron la capacidad de acción del pueblo.

Nuestra respuesta, la respuesta de todos los demócratas, de todos los sectores sociales consultados, no es entonces al CNE ni a sus jefes: es a los venezolanos, a quienes tienen hambre de comida y de justicia, a quienes reclaman con urgencia por medicinas y por libertad, que estamos con ustedes, que esta lucha la daremos juntos y que el final de la misma se aproxima.

No esperábamos otra cosa del CNE. Ya sabemos a quiénes nos enfrentamos y ya sabemos de lo que son capaces de hacer para obstaculizar el cambio. Por eso ahora les daremos una lección de grandeza y haremos todo lo que sea necesario para hacer cumplir con la Constitución y con el deseo de cambio de millones de venezolanos. Por eso hoy lunes 26 de septiembre manifestamos que:

1. El referéndum revocatorio se hará este año. No hay razones técnicas ni jurídicas para que no sea así. El RR es en 2016 porque está en la Constitución y porque es nuestro derecho y necesidad como pueblo. Cualquier intento de bloquearlo implicará la movilización del pueblo pacífico y firme en la calle para lograr la restitución del hilo constitucional.

2. Activaremos el revocatorio cumpliendo lo que está en la Constitución: la recolección de firmas que representen al menos el 20% del padrón electoral a nivel nacional. Nuestro objetivo y foco estará en levantar el 26, 27 y 28 de octubre los millones de manifestaciones de voluntad que Venezuela necesita para superar ampliamente el requisito establecido para activar el RR. Acataremos sólo la condición que establece la Carta Magna, y rechazamos de antemano cualquier “condición” que sea violatoria de la Constitución Nacional y que sea utilizada como excusa por el CNE para negar o retrasar la activación del referéndumr evocatorio 2016. No aceptaremos nada que no cumpla con la Constitución, y si el gobierno ha optado por incumplirla y violarla, se encontrarán con un pueblo que los hará acatar la Constitución.

Por eso llamamos al pueblo de Venezuela a acudir masivamente a la jornada de recolección de manifestaciones de voluntad para activar el Referendo Revocatorio 2016 que se ha convocado para los días 26, 27 y 28 de octubre, asumiendo que nuestra tarea no se limitara a cumplir un trámite administrativo sino que vamos a ejercer todos los mecanismos de presión democrática necesarios para hacerlas respetar.

La verdadera “Toma de Venezuela” se realizará durante esos tres días. Al pueblo no lo detendrán con un mezquino número de máquinas, ni ubicándolas de manera maliciosa, ni estableciendo fechas tardías. Los días 26, 27 y 28 de octubre serán tres días de pueblo democrático en la calle cumpliendo y haciendo cumplir la Constitución y la Ley.

Para lograrlo llamamos a todo el pueblo, a toda la ciudadanía democrática a activarnos desde ya, como lo hicimos para la Toma de Caracas del 1° de septiembre, pero con muchísima más amplitud y fortaleza. Llamamos a realizar a partir de hoy actividades de protesta y organización todos los días y en todo el país.

Anunciamos en particular para el miércoles 12 octubre una jornada especial de movilización nacional, en la que desbordaremos las calles de todo el país de forma pacífica, y le haremos saber al régimen y a sus agentes electorales que la recolección de 20% es nacional y que el RR es este año. Les haremos saber que las normas no las ponen ellos sino que están en la Constitución y seremos los venezolanos los que las haremos cumplir.

Desde que este régimen llegó al poder no ha hecho otra cosa que subestimarnos, hacernos pensar que ellos tienen el control de todo y que supuestamente no hay otra opción que no sea someterse a ellos.

Es el momento de recordarles quienes somos: la grandeza de este pueblo palpita en cada uno de nuestros corazones porque sabemos que nuestras diferencias nos fortalecen, porque queremos ir a elecciones de forma pacífica, porque hemos enfrentado las peores tiranías y una y otra vez las hemos derrotado.

Llegó el momento de hacerlo de nuevo y actuar: si el régimen desacata la Constitución, desacata la voluntad de El Soberano y desacata el único requisito que nuestra Carta Magna establece para la realización del referéndum Revocatorio como lo es la recolección del 20% nacional del Registro Electoral, es nuestro deber activarnos como pueblo y obligarlos en la calle y en las instituciones a acatar la Constitución.

Hoy nuestro llamado es a defender eso que nos hace venezolanos. Esta es la lección que le daremos al régimen.
Podemos lograrlo porque somos mayoría, porque la Constitución nos ampara y porque el mundo entero respalda nuestra lucha por la libertad y la democracia.

Que viva la democracia, la convivencia y la paz.
Que viva Venezuela libre.
¡Gloria al bravo pueblo!

Ultima ora

15:33Pd: Letta, credo ancora in partito, voterò Orlando

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "Non riscendo in campo ma alla fine voglio dare una chance al partito, parteciperò e voterò per Andrea Orlando". E' l'annuncio di Enrico Letta a 'In mezz'ora'.

15:06Terremoto: appello sul web per ‘Albero del pane’ di Visso

(ANSA) - VISSO (MACERATA), 24 MAR - ''Contribuite a far rinascere l'Albero del Pane e il territorio di Visso: in cambio avrete buoni sconto e potrete assaggiare i nostri pani speciali''. Lina e Fabio Cerri, pasticceri e panificatori a Visso, subito dopo le scosse del 26 e 30 ottobre avevano riaperto la pasticceria 'Vissana'. Ora sono ricorsi al crowdfunding sul web per ricostruire il forno, in attesa del risarcimento statale. ''Avevamo tantissimi clienti, soprattutto d'inverno, turisti dalla Valle del Nera, dal Monte Prata, tutti scappati con le scosse del 24 agosto. Il 26 ottobre il nuovo sisma, Visso in macerie: è lì che il nostro panificio ha cessato di vivere''. Ma i Cerri, sfollati sulla costa come quasi tutti i loro 7 dipendenti, ''una squadra fortissima'', hanno deciso di riprendere la loro vita in mano. ''Siamo riusciti ad avere un nostro container che ospiterà il laboratorio e il negozio. Dobbiamo ancora recuperare qualche macchinario, un'operazione pericolosa, che si può fare solo con ditte specializzate''. Ma l'intenzione di far rinascere il forno, ''e con lui una parte dell'economia e del tessuto sociale dei nostri borghi feriti'' non è mai venuta meno assicura Fabio. Da qui l'appello (https://www.produzionidalbasso.com/project/per-fare-un-albero-c i-vuole-il-pane-ricostruiamo-lalbero-del-pane-di-visso/), affidato ad un breve video in cui Lina racconta la sua storia di speranza.

15:04F1: a Maranello campane a festa e tifosi all’auditorium

(ANSA) - MODENA, 26 MAR - Don Paolo Monelli non era questa mattina a Maranello, ma è bastata una sua telefonata per dare le necessarie indicazioni e far di nuovo suonare le campane, come da tradizione, nella città del Cavallino, dopo 553 giorni di 'astinenza' dalla vittoria nel Gran Premio di Singapore del 20 settembre 2015. Intorno alle nove del mattino, poco dopo il taglio del traguardo, dunque, i 248 tifosi Ferrari che hanno assiepato già da prima delle sette l'auditorium - dove era trasmessa in diretta la gara di F1 in Australia -, hanno potuto esultare accompagnati dai rintocchi della vittoria, come racconta il sindaco, Massimiliano Morini. "Che bello ascoltare Vettel in tv mentre parla di Maranello, in italiano peraltro. Sono elementi positivi, di attaccamento al territorio. E' stato bellissimo, l'inizio di un percorso che tutta la città sognava. Anche tra i tecnici, per esempio, abbiamo visto tanti italiani, perché il presidente ha deciso così. Ed è un aspetto molto positivo".(ANSA).

14:37Papa: pregiudizio e interesse personale sono strade false

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Il Papa ha denunciato "la luce fredda e fatua del pregiudizio contro gli altri", e quella "seducente e ambigua, è dell'interesse personale". Lo ha ricordato prima di recitare l'Angelus dalla finestra dello studio su piazza San Pietro, davanti a circa 25mila persone, commentando il brano evangelico del cieco nato e spiegando il significato di "essere illuminati". "Che cosa significa - si è chiesto papa Francesco - camminare nella luce? Significa innanzitutto abbandonare le luci false: la luce fredda e fatua del pregiudizio contro gli altri, perché il pregiudizio distorce la realtà e ci carica di avversione contro coloro che giudichiamo senza misericordia e condanniamo senza appello. Eh - ha aggiunto - questo è pane di tutti i giorni, quando si chiacchiera degli altri non si cammina nella luce, si cammina nelle ombre". Ha poi ringraziato Milano per la "calorosa accoglienza di ieri, mi sono sentito a casa con tutti, credenti e non credenti, ho visto che è vero che 'a Milan si riceve col cor in man', grazie".

14:22Cadavere in trolley, ipotesi donna sparita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Potrebbe essere della donna di origini cinesi Xing Lei Li, 36 anni, il corpo trovato in un trolley nel porto di Rimini. L'ipotesi è al vaglio degli inquirenti. Della 36enne si sono perse le tracce durante una crociera che ha varie città del Mediterraneo, tra cui Genova. La morte della donna - che sarebbe avvenuta almeno 10 giorni fa, domani è in programma l'autopsia - potrebbe essere avvenuta ovunque: la valigia, infatti, potrebbe essere stata trascinata dalla corrente da tanto tempo. Secondo il giornale ligure "il sospetto della Polizia è che il marito, Daniel Belling, irlandese di 45 anni, tecnico informatico della Apple, l'abbia strangolata e poi gettata in mare proprio all'interno di una valigia". L'uomo, viene spiegato è stato arrestato per omicidio, lo scorso 20 febbraio, respingendo ogni accusa dicendo che la moglie si era allontanata volontariamente dalla nave.

14:12Tenta di stangolare figlia e accoltella moglie, arrestato

(ANSA) - CASERTA, 26 MAR - Ha tentato di strangolare la figlia di otto anni, quindi ha accoltellato alla gola la moglie intervenuta a difendere la bambina e solo l'immediato arrivo di altri familiari e dei carabinieri ha evitato il peggio. In carcere è finito a Sant'Andrea del Pizzone (Caserta) un uomo di 42 anni; ad arrestarlo i carabinieri della locale stazione e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mondragone, arrivati in tempo per porre fine all'aggressione; la moglie dell'uomo, è emerso, si è gettata verso la figlia mentre il marito teneva le mani al collo della piccola per strangolarla. A quel punto il 42enne ha preso un coltello da cucina e l'ha ferita. Madre e figlia sono state portate d'urgenza all'ospedale di Sessa Aurunca dove sono tuttora in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. L'uomo è stato condotto al carcere di Santa Maria Capua Vetere. (ANSA).

14:11Mafia, dopo Locri, altre scritte a Palermo contro don Ciotti

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "Sbirri siete voi, don Ciotti secondino". Un'altra scritta contro il sacerdote fondatore dell'associazione Libera è apparsa stamane a Palermo, dopo quelle della scorsa settimana a Locri, dove il 21 marzo si è svolta la manifestazione nazionale in ricordo di tutte le vittime della mafia. Il messaggio intimidatorio è stato scritto con vernice nera nel quartiere Noce, su un muro all'ingresso di una villetta pubblica intitolata a Rosario Di Salvo, l'autista di Pio La Torre ucciso con il segretario regionale del Pci il 30 aprile del 1982. A poca distanza un'altra scritta, "Dalla Chiesa assassino", con il disegno di una falce e martello e la firma Br.

Archivio Ultima ora