Referendum costituzionale: si vota il 4 dicembre

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l'indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: "La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un'altra occasione"

Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l’indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”

ROMA. – Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l’indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”.

Ma le opposizioni in coro criticano una data giudicata troppo lontana, mentre la maggioranza invita a parlare di contenuti. Il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, nella prolusione al Consiglio permanente, ha esortato i cittadini a informarsi e a votare in un appuntamento decisivo.

Già da fine luglio le indiscrezioni indicavano nel periodo tra il 27 novembre e il 4 dicembre la possibile data del referendum, per assicurare la prima lettura alla Camera della Legge di Bilancio, come sembrerebbe che anche il capo dello Stato Mattarella e la Commissione Europea avrebbero suggerito, così da mettere comunque in sicurezza la Manovra.

Al termine del Consiglio dei Ministri, interpellato sui motivi della scelta caduta sul 4 dicembre, il sottosegretario alla presidenza Claudio De Vincenti ha detto che “non ci sono ragioni particolari” e che sono stati solo rispettati i tempi della legge.

Di parere opposto le opposizioni, da Paolo Ferrero (Prc) a Giorgia Meloni e Matteo Salvini, passando per Forza Italia e Sinistra Italiana. Per i capigruppo di Si, Loredana De Petris e Arturo Scotto “Renzi vuol vincere col trucco”: una campagna così lunga, dicono, gli consentirà di avvalersi di una Rai “mai così di parte”.

Ma ciò non consentirà a Renzi, a giudizio di Renato Brunetta, di vincere perché alcuni sondaggi danno in vantaggio il “no”, come ha rilevato anche il Financial Times. “Ora conosciamo la data di scadenza di questo governo” ha ironizzato Giorgia Meloni, mentre Massimo D’Alema ha detto che la vittoria del “no” darà “una ‘sveglia’ a un premier troppo arrogante”.

Insomma, anche se Renzi ha smesso di “personalizzare” lo fanno i suoi avversari facendo capire il tono della campagna. La maggioranza, da Ettore Rosato (Pd) a Enrico Zanelli (Sc), da Dore Misuraca (Ncd) a Pino Pisicchio (presidente del gruppo Misto), salutano positivamente la data scelta che consentirà ai cittadini di informarsi e invitano le opposizioni a confrontarsi sui contenuti della riforma approvata dal Parlamento.

L’episcopato, come di consueto, non dà indicazioni di voto ma invita a recarsi alle urne per un “appuntamento importante”. “Il nostro invito – ha detto il cardinal Bagnasco – è di informarsi personalmente, al fine di avere chiari tutti gli elementi di giudizio circa la posta in gioco e le sue durature conseguenze”. Quindi la Cei esorta a considerare non solo i contenuti della riforma ma anche le diverse possibili conseguenze politiche (“tutti gli elementi”). Insomma un invito a un giudizio ponderato e non emotivo.

Il premier, pronto ad un tour che partirà idealmente da Firenze – in occasione degli otto anni della sua candidatura alle primarie per diventare sindaco – è consapevole che il test è decisivo. “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”, ha scritto ai militanti del Pd, chiedendo loro un impegno attivo. Ma, come suo costume, mostra anche ottimismo: “Sono certo che non sprecheremo questa occasione”.

“Nel merito la questione è semplice – prosegue – Vogliamo superare il bicameralismo paritario sì o no? Vogliamo ridurre il numero dei parlamentari si o no? Vogliamo contenere i costi delle istituzioni si o no? Vogliamo cancellare il CNEL si o no? Vogliamo cambiare i rapporti Stato Regioni che tanti conflitti di competenza hanno causato in questi 15 anni si o no? Questo è il quesito referendario. Così stabilito dalla Legge, non dal marketing”.

Un ragionamento che riduce ad un un concetto ancora più netto: “Vogliamo avere un Paese più stabile e più semplice o vogliamo tornare alle bicamerali D’Alema-Berlusconi, o consegnarci a una strana forma di democrazia diretta in cui una srl di Milano controlla la democrazia interna di uno dei più grandi partiti del Paese e si lega ai propri amministratori da contratti privati con tanto di penali da pagare? La partita è tutta qui”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

12:05Immacolata: bollino nero su A22 Brennero, code

(ANSA) - TRENTO, 8 DIC - Bollino nero sull'autostrada A22 del Brennero in direzione nord mattina e pomeriggio nel giorno dell'Immacolata. Si tratta di turisti in arrivo sulle Dolomiti per il primo fine settimana sulla neve e ai mercatini di Natale. Code e rallentamenti per traffico intenso vengono segnalate già stamani in Trentino, in direzione nord, fino a Trento sud.

11:57Sci: Fisi licenzia Locher, tecnico di gigante e slalom

(ANSA) - VAL D'ISERE, 8 DIC - Divergenze sull'organizzazione della squadra ma soprattutto problemi di comunicazione con gli atleti: e' ormai agli sgoccioli, e dopo solo 3 gare, il rapporto tra la Fisi e l' elvetico Steve Locher che dall'inizio stagione era il nuovo allenatore di gigantisti e slalomisti azzurri. L'annuncio della fine del rapporto e' questione di ore. Gia' da oggi la squadra tecnica e' tornata sotto la responsabilita' diretta di Max Carca in vista delle gare uomini di sabato e domenica in Val d'Isere: un gigante ed uno speciale. Nei due giganti sinora disputati il miglior azzurro e' stato il trentino Luca De Alpirandini con un 10/o ed un 6/o posto mentre dell'unico speciale c'e' stato il podio con il terzo posto di Manfred Moelgg a Levi. Sabato e domenica al Sestriere in pista per due gare tecniche ci saranno anche le azzurre, da cui stanno arrivando risultati decisamente buoni, anche in questo caso con un gigante ed uno speciale.

11:53Uso improprio supplenze, precario vince causa contro Miur

(ANSA) - ANCONA, 8 DIC - Cinque anni di precariato continuo nella stessa scuola, e il ministero dell'Istruzione è condannato a risarcire l'insegnante. Il giudice del Lavoro di Ancona Arianna Sbano ha riconosciuto un indennizzo pari a 5 mensilità dell'ultima busta paga, oltre agli scatti di anzianità, a un docente precario marchigiano di 32 anni, che aveva fatto ricorso contro il Miur. Il prof., assistito dall'ufficio legale della Uil Scuola, ha prestato servizio ininterrottamente dal 2010 al 2015 presso il Liceo classico Rinaldini di Ancona con contratti a tempo determinato per una delle cattedre dell'indirizzo musicale. Rapporti di lavoro che per il Ministero rientravano nel cosiddetto "organico di fatto", stabilito di anno in anno a seconda del numero degli studenti iscritti. I legali della Uil Scuola invece hanno sostenuto che i Licei musicali, creati con la Riforma Gelmini nel 2010, non sono mai stati dotati di "organico di diritto" e che le cattedre sono attribuite a supplenti. E il giudice ha dato loro ragione.

11:48F1: casting Mercedes per dopo Rosberg, ecco annuncio lavoro

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - "AAA pilota cercansi": è il curioso annuncio pubblicato dalla Mercedes, alla ricerca di un driver dopo l'addio di Nico Rosberg, su Autosport, dove spiega requisiti richiesti e benefici del candidato: "Un posto vacante si è aperto nella posizione di race driver nel team, per eventi su pista, compresi dimostrazioni, test e Gran Premi - recita l'autoironico annuncio - Cerchiamo piloti motivati con un forte desiderio di successo e attitudine al lavoro di squadra. Devi avere comprovata esperienza di guida ed essere un buon comunicatore Il possesso della super licenza Fia sarà un vantaggio". Condizioni economiche? ""Noi chiediamo il meglio ai nostri dipendenti e per questo offriamo un pacchetto molto allettante che prevede bonus generosi, assicurazione sulla vita, copertura sanitaria privata, il programma di leasing della Mercedes, palestra sul posto, e convenzioni con ristoranti".

11:46Juve: Allegri, nessun timore per i sorteggi

(ANSA) - TORINO, 8 DIC - All'ultimo minuto delle partite di ieri sera si è aggiunto al Real Madrid alle avversarie da evitare al sorteggio per gli ottavi di Champions, in programma lunedì prossimo, ma Allegri invita a non pensarci troppo: "Gli accoppiamenti - ha scritto su twitter - non dipendono da noi, ma non ci deve essere timore". Il tecnico bianconero si congratula pubblicamente con i suoi giocatori: "Ragazzi, complimenti per avere raggiunto l'obiettivo!". Anche Dybala celebra il suo ritorno: "E' stata - commenta sui social - una serata di festa: non abbiamo paura di nessuno per il sorteggio, siamo la Juve!". Buffon, ieri sostituito da Neto, ha visto la partita da spettatore: "far parte di una squadra di campioni - scrive su twitter - significa sedersi in panchina e godersi il primo obiettivo stagionale centrato: qualificati come primi". Leonardo Bonucci, infine, si complimenta con i marcatori di Juve-Dinamo: "Grandi ragazzi!! E che bomber!! Higuain e Rugani. Obiettivo centrato".

11:22Fisco: imprenditore evade per oltre 2,7 milioni di euro

(ANSA) - BRESCIA, 8 DIC - I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Manerbio, in provincia di Brescia, hanno scoperto l'emissione di fatture false da oltre 2,7 milioni di euro e mancati versamenti IVA di oltre 200 mila euro da parte di un imprenditore 79enne di Pontevico. Si tratta del rappresentante legale di una società della bassa bresciana, attiva nel settore del commercio all'ingrosso di prodotti lattiero-caseari.

11:18Calcio: Juve-Dinamo, Digos arresta tre tifosi croati

(ANSA) - TORINO, 8 DIC - Tre tifosi della Dinamo Zagabria sono stati arrestati dalla Digos di Torino per le intemperanze che hanno coinvolto decine di sostenitori croati nelle 'aree di prefiltraggio' dello 'Juventus Stadium', prima della partita di Champions tra i bianconeri e la Dinamo. Un ventiquattrenne e un diciottenne sono stati arrestati per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, a un altro ventiquattrenne, invece, è stato contestato il reato di "porto di oggetti atti ad offendere".

Archivio Ultima ora