Referendum costituzionale: si vota il 4 dicembre

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l'indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: "La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un'altra occasione"

Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l’indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”

ROMA. – Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l’indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”.

Ma le opposizioni in coro criticano una data giudicata troppo lontana, mentre la maggioranza invita a parlare di contenuti. Il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, nella prolusione al Consiglio permanente, ha esortato i cittadini a informarsi e a votare in un appuntamento decisivo.

Già da fine luglio le indiscrezioni indicavano nel periodo tra il 27 novembre e il 4 dicembre la possibile data del referendum, per assicurare la prima lettura alla Camera della Legge di Bilancio, come sembrerebbe che anche il capo dello Stato Mattarella e la Commissione Europea avrebbero suggerito, così da mettere comunque in sicurezza la Manovra.

Al termine del Consiglio dei Ministri, interpellato sui motivi della scelta caduta sul 4 dicembre, il sottosegretario alla presidenza Claudio De Vincenti ha detto che “non ci sono ragioni particolari” e che sono stati solo rispettati i tempi della legge.

Di parere opposto le opposizioni, da Paolo Ferrero (Prc) a Giorgia Meloni e Matteo Salvini, passando per Forza Italia e Sinistra Italiana. Per i capigruppo di Si, Loredana De Petris e Arturo Scotto “Renzi vuol vincere col trucco”: una campagna così lunga, dicono, gli consentirà di avvalersi di una Rai “mai così di parte”.

Ma ciò non consentirà a Renzi, a giudizio di Renato Brunetta, di vincere perché alcuni sondaggi danno in vantaggio il “no”, come ha rilevato anche il Financial Times. “Ora conosciamo la data di scadenza di questo governo” ha ironizzato Giorgia Meloni, mentre Massimo D’Alema ha detto che la vittoria del “no” darà “una ‘sveglia’ a un premier troppo arrogante”.

Insomma, anche se Renzi ha smesso di “personalizzare” lo fanno i suoi avversari facendo capire il tono della campagna. La maggioranza, da Ettore Rosato (Pd) a Enrico Zanelli (Sc), da Dore Misuraca (Ncd) a Pino Pisicchio (presidente del gruppo Misto), salutano positivamente la data scelta che consentirà ai cittadini di informarsi e invitano le opposizioni a confrontarsi sui contenuti della riforma approvata dal Parlamento.

L’episcopato, come di consueto, non dà indicazioni di voto ma invita a recarsi alle urne per un “appuntamento importante”. “Il nostro invito – ha detto il cardinal Bagnasco – è di informarsi personalmente, al fine di avere chiari tutti gli elementi di giudizio circa la posta in gioco e le sue durature conseguenze”. Quindi la Cei esorta a considerare non solo i contenuti della riforma ma anche le diverse possibili conseguenze politiche (“tutti gli elementi”). Insomma un invito a un giudizio ponderato e non emotivo.

Il premier, pronto ad un tour che partirà idealmente da Firenze – in occasione degli otto anni della sua candidatura alle primarie per diventare sindaco – è consapevole che il test è decisivo. “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”, ha scritto ai militanti del Pd, chiedendo loro un impegno attivo. Ma, come suo costume, mostra anche ottimismo: “Sono certo che non sprecheremo questa occasione”.

“Nel merito la questione è semplice – prosegue – Vogliamo superare il bicameralismo paritario sì o no? Vogliamo ridurre il numero dei parlamentari si o no? Vogliamo contenere i costi delle istituzioni si o no? Vogliamo cancellare il CNEL si o no? Vogliamo cambiare i rapporti Stato Regioni che tanti conflitti di competenza hanno causato in questi 15 anni si o no? Questo è il quesito referendario. Così stabilito dalla Legge, non dal marketing”.

Un ragionamento che riduce ad un un concetto ancora più netto: “Vogliamo avere un Paese più stabile e più semplice o vogliamo tornare alle bicamerali D’Alema-Berlusconi, o consegnarci a una strana forma di democrazia diretta in cui una srl di Milano controlla la democrazia interna di uno dei più grandi partiti del Paese e si lega ai propri amministratori da contratti privati con tanto di penali da pagare? La partita è tutta qui”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

21:36Calcio: rigore Milan poi Var, un espulso nel Crotone

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Rigore, Var e cartellino rosso in Crotone-Milan, dopo pochi minuti dell'inizio della sfida sul terreno dello Scida. L'arbitro Mariani di Aprilia ha fischiato un penalty a favore del Milan per un fallo in area di Ceccherini su Cutrone, poi ha chiesto l'ausilio della videoassistenza, recandosi anche a bordo campo per visualizzare di persona il replay. A quel punto ha confermato il rigore e ha aggiunto il rosso diretto per il giocatore del Crotone. Dal dischetto ha poi trasformato Kessiè.

21:34Calcio: da Curva Nord ululati a Gomis prima di Lazio-Spal

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Ululati razzisti all'indirizzo del portiere di colore, Alfred Gomis, si sono levati dalla curva nord laziale, prima e durante il match di campionato nello stadio Olimpico, tra Lazio e Spal. Curva che vede l'assenza dagli spalti degli Irriducibili, che hanno lasciato l'impianto poco prima del fischio d'inizio della partita. Presumibilmente a seguito della richiesta, da parte della sicurezza, di rimuovere uno striscione offensivo nei confronti di Keita e del suo procuratore Roberto Calenda.

21:31Calcio: Lazio, Tare “Per Keita serve pazienza”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Keita? Non penso si ripresenterà a Formello domani, risolveremo con pazienza". Così il ds della Lazio, Igli Tare, nel prepartita dell'Olimpico contro la Spal. "Hoedt ha chiesto di essere ceduto - aggiunge il dirigente dei biancocelesti - perché voleva essere protagonista assoluto da noi e noi non potevamo garantirglielo, come non lo garantiamo a nessuno. Quindi penso che l'affare si farà e gli facciamo un grande in bocca al lupo".

21:18Calcio: Inter, Ausilio “Candreva è un giocatore incedibile”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Abbiamo ben chiare le strategie, ma la squadra che presentiamo oggi è quella che sostanzialmente farà tutta la stagione. Candreva? È incedibile". Così il ds dell'Inter, Piero Ausilio, nel prepartita del Meazza contro la Fiorentina. "Schick? È un giocatore che ci piace, però non ci sono solo gli aspetti tecnici da valutare - aggiunge il dirigente -. Ci sono anche quelli economici che spesso fanno fare valutazioni diverse. Se tutto va bene domani ci sarà lo scambio tra Kondogbia e Cancelo, ma è ancora presto per l'ufficialità. Stiamo lavorando per trovare un centrale difensivo, in effetti qualcosa lì manca. Ma tra comprare un giocatore adesso, magari spendendo tanto e per poi scoprire che non era quello che faceva al caso nostro e aspettare un'occasione migliore, preferiamo aspettare".

21:16Barcellona: 1′ silenzio al Camp Nou ‘#TotsSomBarcelona’

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Silenzio, riflessione, dolore e commozione in un Camp Nou blondato, a Barcellona, prima dell'inizio della partita fra i blaugrana e il Betis Siviglia, che inaugura la Liga per i catalani. Durante il minuto di raccoglimento è stato esposto lo striscione in lingua catalana con la scritta '#TotsSomBarcelona', 'tutti siamo Barcellona, con riferimento all'attentato dei giorni scorsi. I giocatori di Valverde, come annunciato, sono in campo con la consueta maglia, ma senza il proprio nome sulle spalle, che è stato sostituito dalla scritta Barcelona.

20:54Roma: Di Francesco “Grande prova di carattere”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Avevo chiesto una prova di carattere ai ragazzi e hanno risposto pur su un campo in cui nell'ultima stagione hanno vinto in pochissimi". Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la bella vittoria di Bergamo. "Dobbiamo migliorare nel palleggio, specialmente quando siamo in vantaggio, ma ho visto nella squadra il desiderio di sacrificarsi, di aiutarsi tra di loro e questo per un allenatore è comunque un bel segnale - aggiunge Di Francesco - Col tempo troveremo la condizione". "Mi sono arrabbiato per come abbiamo gestito male gli ultimi palloni, concedendo agli avversari la possibilità di pareggiare - ancora il tecnico della Roma - E una grande squadra certi errori non li deve commettere. Ma sono sereno perché oggi siamo stati più bravi a difendere che attaccare. Da domani cercheremo di essere anche bravi ad attaccare". .

20:46Multato per parcheggio posto disabili, lascia insulti

(ANSA) - MILANO, 20 AGO - Ha preso una multa per aver parcheggiato negli spazi riservati ai disabili e si è pure permesso di lasciare un messaggio (sgrammaticato) di insulti all'indirizzo della persona cui aveva rubato il posto. E' successo nel parcheggio di un centro commerciale del Milanese, dove ieri è apparso un cartello con scritto: "a te handiccappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato ... sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!". Il messaggio è stato diffuso su Facebook da un passante, Claudio Sala: "Volevo condividere questa perla di civiltà trovata oggi al parcheggio sotterraneo del Carosello di Carugate..." ha scritto in un post con centinaia di condivisioni. Sala ha inviato la stessa immagine al centro commerciale, che gli ha comunicato di aver immediatamente rimosso il cartello. Indignati i commentatori sul web, che sperano che l'autore venga individuato grazie alle telecamere.

Archivio Ultima ora