Referendum costituzionale: si vota il 4 dicembre

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l'indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: "La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un'altra occasione"

Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l’indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”

ROMA. – Si svolgerà il 4 dicembre il referendum costituzionale: lo ha stabilito il Consiglio dei ministri avviando la procedura che prevede ora l’indizione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Renzi avverte: “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”.

Ma le opposizioni in coro criticano una data giudicata troppo lontana, mentre la maggioranza invita a parlare di contenuti. Il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, nella prolusione al Consiglio permanente, ha esortato i cittadini a informarsi e a votare in un appuntamento decisivo.

Già da fine luglio le indiscrezioni indicavano nel periodo tra il 27 novembre e il 4 dicembre la possibile data del referendum, per assicurare la prima lettura alla Camera della Legge di Bilancio, come sembrerebbe che anche il capo dello Stato Mattarella e la Commissione Europea avrebbero suggerito, così da mettere comunque in sicurezza la Manovra.

Al termine del Consiglio dei Ministri, interpellato sui motivi della scelta caduta sul 4 dicembre, il sottosegretario alla presidenza Claudio De Vincenti ha detto che “non ci sono ragioni particolari” e che sono stati solo rispettati i tempi della legge.

Di parere opposto le opposizioni, da Paolo Ferrero (Prc) a Giorgia Meloni e Matteo Salvini, passando per Forza Italia e Sinistra Italiana. Per i capigruppo di Si, Loredana De Petris e Arturo Scotto “Renzi vuol vincere col trucco”: una campagna così lunga, dicono, gli consentirà di avvalersi di una Rai “mai così di parte”.

Ma ciò non consentirà a Renzi, a giudizio di Renato Brunetta, di vincere perché alcuni sondaggi danno in vantaggio il “no”, come ha rilevato anche il Financial Times. “Ora conosciamo la data di scadenza di questo governo” ha ironizzato Giorgia Meloni, mentre Massimo D’Alema ha detto che la vittoria del “no” darà “una ‘sveglia’ a un premier troppo arrogante”.

Insomma, anche se Renzi ha smesso di “personalizzare” lo fanno i suoi avversari facendo capire il tono della campagna. La maggioranza, da Ettore Rosato (Pd) a Enrico Zanelli (Sc), da Dore Misuraca (Ncd) a Pino Pisicchio (presidente del gruppo Misto), salutano positivamente la data scelta che consentirà ai cittadini di informarsi e invitano le opposizioni a confrontarsi sui contenuti della riforma approvata dal Parlamento.

L’episcopato, come di consueto, non dà indicazioni di voto ma invita a recarsi alle urne per un “appuntamento importante”. “Il nostro invito – ha detto il cardinal Bagnasco – è di informarsi personalmente, al fine di avere chiari tutti gli elementi di giudizio circa la posta in gioco e le sue durature conseguenze”. Quindi la Cei esorta a considerare non solo i contenuti della riforma ma anche le diverse possibili conseguenze politiche (“tutti gli elementi”). Insomma un invito a un giudizio ponderato e non emotivo.

Il premier, pronto ad un tour che partirà idealmente da Firenze – in occasione degli otto anni della sua candidatura alle primarie per diventare sindaco – è consapevole che il test è decisivo. “La partita è adesso e non tornerà. Non ci sarà un’altra occasione”, ha scritto ai militanti del Pd, chiedendo loro un impegno attivo. Ma, come suo costume, mostra anche ottimismo: “Sono certo che non sprecheremo questa occasione”.

“Nel merito la questione è semplice – prosegue – Vogliamo superare il bicameralismo paritario sì o no? Vogliamo ridurre il numero dei parlamentari si o no? Vogliamo contenere i costi delle istituzioni si o no? Vogliamo cancellare il CNEL si o no? Vogliamo cambiare i rapporti Stato Regioni che tanti conflitti di competenza hanno causato in questi 15 anni si o no? Questo è il quesito referendario. Così stabilito dalla Legge, non dal marketing”.

Un ragionamento che riduce ad un un concetto ancora più netto: “Vogliamo avere un Paese più stabile e più semplice o vogliamo tornare alle bicamerali D’Alema-Berlusconi, o consegnarci a una strana forma di democrazia diretta in cui una srl di Milano controlla la democrazia interna di uno dei più grandi partiti del Paese e si lega ai propri amministratori da contratti privati con tanto di penali da pagare? La partita è tutta qui”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

18:05Consip: Zanda, notizie che configurerebbero deviazioni

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Ci sono fatti sui quali chi ha a cuore la dignità delle istituzioni pubbliche e dello Stato non può tacere". Così Luigi Zanda, capogruppo del Pd al Senato, commenta le indiscrezioni secondo cui Giampaolo Scarfato svelò ai servizi segreti alcuni elementi dell'inchiesta Consip. "Dopo le notizie giornalistiche riguardanti alcuni ufficiali di polizia giudiziaria che avrebbero alterato gli atti di una complicata inchiesta sugli affidamenti Consip per far ricadere su Tiziano Renzi la responsabilità di fatti a lui non riconducibili, oggi la stampa dà un'altra notizia che si fatica a ritenere vera. Ovvero che, nel corso della stessa indagine, i medesimi ufficiali di polizia giudiziaria avrebbero trasferito informazioni e contenuti dell'inchiesta a personale dei servizi segreti. Sono notizie incredibili che, se confermate, potrebbero configurare comportamenti deviati incompatibili con la democrazia e lo Stato di diritto".

17:59Indipendentista sardo in cella,Borghezio scrive a Mattarella

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GIU - Arriva in Europa il caso dell'indipendentista sardo in sciopero della fame da quasi due mesi, da quando cioè è finito in carcere a Cagliari-Uta per reati fiscali. "Se Doddore Meloni dovesse morire, parte della responsabilità sarebbe anche vostra, per un mancato intervento utile a evitarlo", scrive l'europarlamentare della Lega Nord, Mario Borghezio, in una lettera-appello indirizzata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al premier Paolo Gentiloni e al ministro della Giustizia Andrea Orlando. "Mi rivolgo a voi - scrive - per chiedere un intervento urgente sul caso umano di Meloni". Il leader del movimento indipendentista Meris è stato recentemente ricoverato in ospedale a Cagliari ma è stato subito dimesso e riportato in carcere. "Non riesco a credere che lo Stato italiano possa macchiarsi della vergogna di chi, in altro Paese europeo, lasciò morire in circostanze analoghe, dopo 68 giorni, il patriota indipendentista Bobby Sands", attacca Borghezio.

17:57Buoni segnali per Aprilia nelle prime prove ad Assen

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Due sessioni estremamente combattute hanno caratterizzato la prima giornata di prove MotoGP ad Assen. Le FP1 sono state sospese dopo pochi minuti, per la presenza di olio nell'ultimo settore della pista, riprendendo dopo circa 20 minuti al termine delle operazioni di pulizia. Aleix Espargaró ha utilizzato la sessione per prendere confidenza con la pista, utilizzando sulla sua Aprilia RS-GP le stesse gomme per tutto il turno senza quindi tentare il giro veloce. Deciso a dare l'assalto alla top-10 nelle FP2, il pilota dell'Aprilia Racing Team Gresini l'ha occupata saldamente fino a pochi minuti dal termine. "Questa mattina - ha detto Aleix Espargaro' - abbiamo lavorato sulla preparazione della moto, senza concentrarci sul giro veloce perchè quella sarebbe stata la priorità nelle FP2. Complessivamente mi sono trovato bene, dobbiamo ancora lavorare per migliorare in alcuni settori ma le sensazioni sono positive. Nel pomeriggio sono riuscito ad essere veloce, trovando una buona base sull'asciutto''

17:57Moneta da 2 euro con il volto di Tito Livio per bimillenario

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Ha il volto dello storico romano Tito Livio l'emissione della sesta moneta da collezione del catalogo numismatico 2017. Il conio da 2 euro è dedicato ai duemila anni dalla scomparsa dello storico latino, vissuto tra il I sec. a.C. e il 17 d.C., autore del monumentale Ab urbe condita libri, storia di Roma dalle origini all'età di Augusto, epopea del popolo romano basata su diverse fonti storiografiche. La moneta è stata realizzata da Claudia Momoni, artista incisore della Zecca dello Stato, ed ha una tiratura limitata di 10mila pezzi per la versione "fior di conio" e 7mila per quella "proof". Sul dritto il busto di Tiro Livio, tratto da un'opera di Lorenzo Larese Moretti; nel campo di sinistra "RI", monogramma della Repubblica Italiana e "C.M." iniziali dell'autore Claudia Momoni; nel campo di destra, "17" e "2017", rispettivamente anno della scomparsa dello storico romano e anno di emissione della moneta, e "R" identificativo della Zecca di Roma; in giro, cerchio di pallini e la scritta "TITO * LIVIO".

17:33F1: Azerbaigian, F2, quarta pole di fila per Leclerc

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Charles Leclerc scatterà dalla prima posizione in griglia nella manche d'apertura del quarto round stagionale del FIA Formula 2 Championship, che per il secondo anno è di scena sul circuito cittadino di Baku. Il pilota del Ferrari Driver Academy, che in tutte le prove stagionali sinora disputate ha siglato il miglior tempo in qualifica, ha dedicato l'impresa al padre, scomparso nei giorni precedenti la trasferta in Azerbaigian. Alle spalle del portacolori della Prema Racing scatteranno Nobuharu Matsushita e Nicholas Latifi. A conferma dei buoni riscontri emersi nel turno di prove libere, l'alfiere di ACI Team Italia Antonio Fuoco ha siglato il sesto tempo assoluto e chiuderà la terza fila. Per le scuderie italiane ci sono concreti motivi di soddisfazione. Il Team Rapax ha conquistato la quarta posizione con Nick de Vries e la settima con Johnny Cecotto, che scatterà in quarta fila accanto al driver catalano del Team Trident Sergio Canamasas.

17:31F1:Azerbaigian, Vettel, nel complesso contento della vettura

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - ''Abbiamo provato qualche cosa nel pomeriggio, ci vuole un po' a trovare il ritmo perché la pista non è semplice, ho usato diverse volte le vie di fuga''. Al termine del venerdì di libere del Gp dell'Azerbaigian, Sebastian Vettel, appare abbastanza soddisfatto delle prestazioni della sua vettura: ''lo 'short run'non è stato ideale ma - aggiunge il pilota tedesco della Ferrari - vediamo domani. Noi comunque siamo a posto, dobbiamo mettere tutto insieme, e nel complesso sono contento della macchina''. Concentrato sulla gestione delle gomme l'altro ferrarista Kimi Raikkonen: ''credo che la cosa più difficile sia far funzionare le gomme, la macchina non è andata male ma dobbiamo lavorare sulle gomme''. Il passo gara? ''Non possiamo dire nulla - conclude il pilota finlandese - dobbiamo vedere domani dove siamo rispetto agli altri''.

17:29F1: Azerbaigian, libere 2, comanda Verstappen, 4/o Raikkonen

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Dopo le prime libere Max Verstappen domina anche le seconde. La Red Bull dell'olandese precede tutti anche nel pomeriggio di prove in vista del Gran Premio di Formula 1 dell'Azerbaigian: suo il tempo di 1'43''362 per finire davanti alla Mercedes di Valtteri Bottas (1'43''462) ed al compagno di squadra Daniel Ricciardo (1'43''473). Poi le Ferrari di Kimi Raikkonen (1'43''489) e di Sebastian Vettel (1'43''615). Solo decimo tempo per la Mercedes di Lewis Hamilton che ha chiuso la seconda sessione in 1'44''525 provando però solo con gomme soft. Prove sospese per alcune minuti per un incidente alla Renault di Jolyon Palmer a metà sessione. 'Botto' a cui si aggiungono una lunga serie di lunghi di diversi piloti tra cui quello alla fine delle prove dello stesso leader della classifica dei tempi che è andato a sbattere sulle barriere danneggiando seriamente la sua Red Bull.

Archivio Ultima ora