Il Marchio Unesco traina il turismo Doc

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Langhe, Roero e Monferrato: un anno da patrimonio dell'umanità Unesco. Una valorizzazione che parte dall'agricoltura, dal turismo e dalla cultura

Langhe, Roero e Monferrato: un anno da patrimonio dell’umanità Unesco. Una valorizzazione che parte dall’agricoltura, dal turismo e dalla cultura

ROMA. – I ‘wine lover’ ci credono al bollino Unesco “patrimonio dell’umanità”, un brand che si sta dimostrando un marchio-calamita per l’enoturismo internazionale. Di fatto un selettore di quei flussi turistici più ricchi, d’élite, e destagionalizzati. Lo sanno bene in Piemonte dove l’Italia vanta finora il primo e unico riconoscimento di questo tipo per il paesaggio vinicolo delle ‘Langhe, Roero e Monferrato’.

“Da quando i vigneti piemontesi sono entrati nella lista del patrimonio dell’umanità è boom d’arrivi ad Alba, ma anche mete meno consuete come Canelli hanno registrato un incremento del 300% delle presenze turistiche internazionali negli ultimi due anni”, ha detto all’ANSA Pier Luigi Petrillo, consigliere del ministro delle Politiche Agricole per l’Unesco e ‘papà’ di tutti i dossier di candidatura.

Più di nicchia finora i numeri a Pantelleria che ha ottenuto l’ambito riconoscimento per l’unicità della coltura agricola insulare, quella dello Zibibbo, da cui si ottiene uno dei più noti nettari siciliani, il Passito. Da oggi – col protocollo sottoscritto da Regione Veneto, Consorzio di tutela del vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg ed enti locali – parte la corsa ufficiale dei paesaggi delle rive, le scoscese colline attorno a Conegliano e Soligo, dove si producono Prosecco Superiore e Cartizze, il top delle bollicine venete che stanno trainando l’export made in Italy.

“Non nego – ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia – di essere un po’ emozionato, vedendo oggi la fine di un percorso che ho iniziato da ministro”. Il traguardo vero e proprio di questo lavoro avviato nel 2007-2008, ha precisato Petrillo, “sarà il 20 gennaio 2017, quando la commissione italiana deciderà se candidare il paesaggio del Prosecco. Se verrò candidata, solo alla fine del 2018 avremo l’esito della candidatura italiana, dopo il vaglio dell’organizzazione mondiale con sede a Parigi”.

Si tratta dunque di un percorso pluriennale: per le Langhe-Roero ci son voluti 12 anni. Per il Chianti Classico, come precisato dal ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina presente alle celebrazioni dei 300 anni, “il prossimo step è l’ingresso nella ‘tentative list’, una sorta di lista d’attesa che richiede almeno due anni di lavoro per l’iscrizione”.

Poi l’Unesco, ricorda ancora l’esperto legale, “chiede di star fermi un anno per vedere se è tutto il territorio a volere il marchio Unesco e se in quel perimetro candidato il quadro giuridico sia già di massima tutela.

Indispensabile ad esempio la pianificazione paesaggistica che tuteli integralmente la porzione di territorio del vino candidata. Importante, per il buon esito del dossier in capo al ministero delle Politiche Agricole, è che la perimetrazione del paesaggio vinicolo escluda infrastrutture impattanti come autostrade e ferrovie ad alta velocità”.

Dopo il successo di Piemonte e Sicilia, alle candidature dei paesaggi del Chianti e del Prosecco, potrebbe far seguito – secondo rumors del settore – anche quella del Franciacorta. Intanto all’estero hanno già ottenuto il marchio Unesco tre territori francesi (Champagne, Saint-Emilion, Borgogna), due portoghesi (Alto Douro e Pico), uno della Svizzera (Lavaux), uno in Austria (Wachau) e uno ungherese, ahinoi per il Tokaj, appena un anno dopo lo “scippo” della denominazione all’Italia.

(di Alessandra Moneti/ANSA)

Ultima ora

15:09Calcio: Gandini, Strootman? Ristabilita giustizia

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Ieri è stata una giornata importante, perché è stato riaffermato qualcosa che noi sapevamo sin dall'inizio, e cioè che avevamo completamente ragione a opporci alla sentenza del giudice sportivo sulla squalifica di Strootman per una presunta simulazione con un'applicazione della prova tv assolutamente fuori luogo. E' stata ristabilita giustizia e adesso abbiamo la possibilità di giocare le prossime partite con tutti i nostri migliori giocatori disponibili". Così l'ad della Roma, Umberto Gandini, all'indomani della decisione della Corte sportiva d'appello Figc di togliere le 2 giornate di stop all'olandese. Sulla sfida di lunedì sera col Milan: "Sarà la partita più importante della giornata, e una delle più importanti dell'anno, perché le due squadre sono appaiate a pari punti dietro alla Juventus e si giocano quindi il titolo, magari effimero, di sfidante principale dei bianconeri. Mi aspetto un confronto aperto, ma non penso che il Milan possa affrontarci a viso aperto".

15:04Omicidio piazzale Loreto: Questore Milano, risposta arrivata

(ANSA) - MILANO, 10 DIC - "La risposta è arrivata e doveva arrivare su un fatto grave, avvenuto in centro in un'ora molto frequentata. E' un primo passo per ristabilire, oltre che le responsabilità del crimine, la serenità dei cittadini": lo ha detto il questore di Milano, Antonio De Iesu, commentando l'arresto di un dominicano di 26 anni, ritenuto uno dei responsabili dell'omicidio avvenuto a Milano, in piazzale Loreto, il 12 novembre scorso. L'arresto è stato convalidato.

15:01Terremoto: cena solidale con i prodotti delle zone colpite

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Lenticchie di Castelluccio, tartufo nero di Norcia, patate di Colfiorito, zafferano di Cascia: queste materie prime provenienti dalle zone colpite dal terremoto dei mesi scorsi sono le protagoniste, insieme a salumi e formaggi di quelle terre, di una serata di solidarietà alle popolazioni colpite, che si terrà a Roma. "Dal territorio al territorio" è il titolo dell'evento, organizzato dal Ghiottone Errante, da Magazzino Scipioni e da due aziende vinicole, La Carraia e Montecapponi. Si tratta di una cena solidale, che si terrà al Magazzino Scipioni a Roma, e il cui ricavato sarà devoluto al progetto Terremoto Centro Italia della Croce Rossa.(ANSA).

14:58Brasile: italiano ucciso, cugino rientrato in Italia

(ANSA) - VENEZIA, 10 DIC - E' rientrato in Italia Rino Polato, 59 anni, il turista di Fossalta di Piave (Venezia) sopravvissuto all'aggressione costata la vita in una favela di Rio de Janeiro al cugino Roberto Bardella, 52enne di Jesolo. L'uomo è atterrato all'aeroporto 'Marco Polo' di Tessera con un volo proveniente da Lisbona.

14:56Bosco in fiamme su Appennino tosco-emiliano,non escluso dolo

(ANSA) - BOLOGNA, 10 DIC - Un vasto incendio di bosco è scoppiato nella tarda serata di ieri sull'Appennino tosco-emiliano, nei dintorni del lago Scaffaiolo. Si tratterebbe di un'area di oltre 20 ettari nel territorio tra Doganaccia e Lizzano Pistoiese, sul versante toscano, ma per controllare le fiamme sono al lavoro uomini e mezzi dei vigili del fuoco (anche elicotteri) arrivati da Modena e da Bologna, oltre che da Lucca e Firenze. A bruciare sono boschi e prati, mentre non ci sarebbero al momento abitazioni minacciate dall'incendio. Oltre ai pompieri sono impegnati uomini della Protezione Civile e del Corpo Forestale. Dalle prime informazioni non viene esclusa un'origine dolosa del rogo, che risulterebbe partito da più focolai. (ANSA).

14:55Incidenti montagna: scivola in dirupo, morto escursionista

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - Un escursionista è morto sulle montagne della Val Pellice, in provincia di Torino. Secondo le prime informazioni del soccorso alpino, che sta intervenendo sul posto con i carabinieri, sarebbe precipitato in un dirupo dopo essere scivolato su una lastra di ghiaccio. A dare l'allarme i due compagni d'escursione, sotto choc, che sono poi stati trasportati in elicottero a valle. Si tratta della quarta vittima della montagna, in provincia di Torino, nell'ultima settimana. L'incidente è avvenuto intorno ai 1.800 metri di quota in località Rio Cambalera, nel territorio del Comune di Bobbio Pellice. La vittima, un uomo di 66 anni residente a Villafranca Piemonte, era diretto al col Cuntent, lungo l'anello panoramico che da Villanova porta ai 2.260 metri della vetta. Sul posto è intervenuto anche l'elisoccorso del 118.(ANSA).

14:46Appalti campi nomadi, 13 rinviati a giudizio

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il gip di Roma ha rinviato a giudizio 13 persone per un presunto giro di tangenti (soldi, assunzioni e altre utilità) legato all'assegnazione di lavori in alcuni campi nomadi di Roma. E' un'indagine parallela a quella per Mafia Capitale. Via libera anche a quattro patteggiamenti. A giudizio, tra gli altri, funzionari del Dipartimento Politiche Sociali del Comune, imprenditori e altri pubblici ufficiali. Il processo è stato fissato al 19 aprile davanti alla ottava sezione penale. Nel procedimento si è costituito parte civile il Comune di Roma su istanza presentata dall'avvocato Enrico Maggiore dell'avvocatura interna dell'ente. Tra i rinviati a giudizio anche Emanuela Salvatori, funzionaria del Campidoglio già condannata a 4 anni per i suoi affari con il ras delle coop Salvatore Buzzi. I pm contestano, a seconda delle posizioni e per fatti avvenuti tra fine 2013 e marzo 2014 i reati di corruzione, falso e turbativa d'asta.

Archivio Ultima ora