Renzi, raddoppio fino a 1.000 euro delle quattordicesime sulle minime

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Matteo Renzi. E sceglie lo studio tv di Quinta Colonna, su Rete Quattro, per tracciare le sue linee di azione, poche ore dopo aver fissato al 4 dicembre la data del referendum e poche ore prima di varare il Def.

Matteo Renzi. E sceglie lo studio tv di Quinta Colonna, su Rete Quattro, per tracciare le sue linee di azione, poche ore dopo aver fissato al 4 dicembre la data del referendum e poche ore prima di varare il Def.

ROMA. – Sigla il “patto della lavagna” con gli impegni con i pensionati in manovra, tra cui il raddoppio fino a 1.000 euro delle quattordicesime sulle minime; Avverte Angela Merkel e Francois Hollande che se in Ue sceglieranno di “vivacchiare”, “l’Italia la faccia non ce la mette”. Difende il taglio dei costi effetto della riforma costituzionale. Tocca insomma i temi più caldi dell’agenda politica, Matteo Renzi. E sceglie lo studio tv di Quinta Colonna, su Rete Quattro, per tracciare le sue linee di azione, poche ore dopo aver fissato al 4 dicembre la data del referendum e poche ore prima di varare il Def.

“Non faccio la guerra – spiega il premier – ma speravo che la Merkel e Hollande volessero rilanciare l’Ue. Ora mi pare che l’atteggiamento sia cambiato. Allora dico: se volete fare una cosa seria, di alto profilo, l’Italia c’è, se volete vivacchiare amici come prima”.

Anche perché in ballo ci sono temi delicati e sensibili tra gli italiani come l’immigrazione. Renzi conferma che l’Italia continuerà a salvare vite, ma afferma che la soluzione è “aiutarli a casa loro”, bloccando le partenze in Africa. E se su questo l’Ue continua a fare “gruppi di studio” senza prendere l’iniziativa, “fa arrabbiare”. Se gli altri Paesi europei “fanno gli splendidi” ma poi “ci lasciano soli”, “non ci stiamo: non possiamo diventare un imbuto”, scandisce.

Non teme il ritorno di Beppe Grillo alla guida del M5s?, domanda Paolo Del Debbio. “No. Se gli italiani vogliono Grillo, votino Grillo…”, scrolla le spalle il leader Pd. Ma poi spiega che i Cinque stelle sono quelli che dicono “sempre No”, anche alle Olimpiadi. Con loro, così come Matteo Salvini che viene ospitato a Quinta Colonna subito dopo di lui, Renzi se la dovrà vedere tra dieci settimane nelle urne referendarie.

E su quel fronte il premier oppone l’argomento dei “500 milioni di risparmi” stimati. “Questa non è una riforma come quella di D’Alema o Berlusconi, che ha cambiato i poteri del premier. E’ la riforma – afferma – che taglia il numero dei politici. E se riduci le poltrone non riduci gli spazi di democrazia”.

Il premier, che dovrà affrontare in parallelo la campagna referendaria e la manovra economica, torna poi anche sui temi economici. Ribadisce che l’Italia – che l’Ue voglia o no – metterà fuori dal patto di stabilità le spese per migranti e per la messa in sicurezza antisismica.

E sulla lavagna che gli piazza davanti Del Debbio schematizza gli interventi principali della legge di stabilità: “Ires e Iri si abbassano tutte e due. E per le pensioni ci saranno due interventi: l’Ape per l’anticipo pensionistico su base volontaria di chi è stato fregato dallo scalone e la quattordicesima alle pensioni minime”. L’obiettivo in vista della manovra, spiega, è raddoppiare la quattordicesima alle minime fino a 1000 euro. Per l’Ape, afferma, la penalizzazione sarà del 5%. Ma per “alcune categorie come i genitori di figli disabili, esodati o lavoratori impegnati nei lavoratori usuranti, dell’1”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

11:02Pellegrini infinita, oro su 200 a mondiali vasca corta

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Federica Pellegrini infinita, vince l'oro ai mondiali di nuoto in vasca corta in corso a Windsor, Canada, con una superba prestazione nei 200 sl, la sua specialità. La campionessa veneta nella gara disputata questa notte ha trionfato con il tempo di 1'51"73, lasciandosi alle spalle la fortissima ungherese Katinka Hosszu 1'52"28 considerata favorita alla vigilia, e la canadese Taylor Ruck in 1'52"50.

10:54‘Ndrangheta: arresti nel reggino, c’è sindaco Bova Marina

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 7 DIC - I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, nell'ambito di un'operazione antimafia coordinata dalla Dda, hanno arrestato 14 persone accusate, a vario titolo, tra l'altro, di concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, turbata libertà degli incanti e violenza privata. L'operazione riguarda le cosche di 'ndrangheta "Iamonte" e "Paviglianiti", attive a Melito di Porto Salvo, San Lorenzo, Bagaladi e Condofuri, comuni della provincia di Reggio. Tra le persone arrestate c'é anche il sindaco di Bova Marina, Vincenzo Crupi. Crupi, che é stato posto ai domiciliari, é accusato di corruzione. Nell'ambito della stessa operazione sono finiti ai domiciliari, sempre con l'accusa di corruzione, il vicesindaco e l'assessore al Turismo di Brancaleone, Giuseppe Benavoli ed Alfredo Zappia, e l'ex sindaco di Melito Porto Salvo, Giuseppe Iaria, già coinvolto in una precedente operazione. (ANSA).

10:26Omicidio stradale: tribunale Padova, ok Asaps parte civile

(ANSA) - FORLI', 7 DIC - Il Tribunale di Padova ha ammesso la costituzione di parte civile dell'Associazione sostenitori della Polstrada (Asaps), che ha sede a Forlì, in un processo per omicidio stradale. La famiglia della vittima ha chiesto un risarcimento di 1,8 milioni, mentre l'Asaps - tramite l'avvocato Augusto Baldassari - ha chiesto al giudice di stabilire una somma equa che destinerà a nuove campagne di sicurezza stradale. L'incidente avvenne il 25 giugno nella zona di Abano Terme: una maestra di 59 anni, Paola Rosa Tanga, di Limena, era diretta al matrimonio di un'amica quando contro la sua Lancia Y si schiantò una Bmw che, dopo aver oltrepassato la doppia linea continua, sbandò sulla corsia opposta. La donna rimase imprigionata tra le lamiere. L'altra conducente, 50enne, ai domiciliari fino al processo, risultò positiva all'alcoltest con un tasso di 2,1 gr/l e si scoprì che guidava giocando con un'applicazione dello smartphone. L'Asaps ha lanciato per prima, oltre 10 anni fa, l'idea del reato di omicidio stradale.(ANSA).

09:36Siria: Tass, 3.000 miliziani depongono armi

(ANSA) - MOSCA, 07 DIC - Circa 3.000 miliziani hanno deposto le armi a Khan al-Sheikh, vicino Damasco, ed è stato loro consentito di lasciare la città con le famiglie per dirigersi nella provincia di Idlib a bordo di 52 autobus: lo scrive l'agenzia di stampa ufficiale russa Tass. "Dopo lunghi e difficili negoziati - ha spiegato il colonnello russo Alexiei Leshchenko -, è stato raggiunto un accordo di cessate il fuoco con i miliziani". I miliziani avrebbero lasciato sul posto 500 armi da fuoco, fucili da cecchino, e decine di mortai.

09:23Terremoti: almeno 54 i morti in Indonesia

(ANSA) - MEUREUDU, 7 DIC - E' salito ad almeno 54 morti il bilancio del terremoto che ha devastato la provincia indonesiana di Aceh. Lo annuncia il capo della polizia locale, Tatang Sulaiman. I soccorritori sono al lavoro nella cittadina di Meureudu, devastata dal sisma, dove si ritiene che molte persone siano ancora sotto le macerie. La magnitudo è stata rivista a 6.5 .

07:34Terremoto di magnitudo 6.4 a Sumatra, almeno 25 morti

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - E' di almeno 25 morti e decine di dispersi il bilancio del violento terremoto di magnitudo 6.4 che ha colpito stamattina la costa nord dell'isola indonesiana di Sumatra. La scossa è avvenuta alle 6:03 ora locale e ha avuto ipocentro a soli 8,2 km di profondità ed epicentro 5,8 km a nordovest di Pante Raja. La regione colpita è quella di Aceh, territorio ad autonomia speciale estremità settentrionale di Sumatra.

01:14Calcio: Champions, Sarri “Primo posto senza alcun vantaggio”

(ANSA) - NAPOLI, 6 DIC - "Ci tenevamo ad arrivare primi nel girone, perché questo è un risultato storico per il Napoli. Anche se mi sembra che il vantaggio materiale derivante da questo piazzamento sia nullo". Così Maurizio Sarri ha commentato la vittoria del Napoli a Lisbona, contro il Benfica, e la qualificazione agli ottavi di finale della Champions. "La nostra - spiega l'allenatore dei partenopei - è stata una buona partita. Nel primo tempo c'è stato più equilibrio, nella ripresa invece siamo venuti nettamente fuori noi e abbiamo creato un gran numero di palle-gol. Mi dispiace solo per il gol subito nel finale, che mi ha fatto molto arrabbiare, soprattutto per come la squadra ha disputato la partita: avrebbe sicuramente meritato di concludere con la porta imbattuta".

Archivio Ultima ora