Referendum: le ragioni di Renzi e il confronto con Mattarella

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (D) e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l'inaugurazione dell'anno accademico della Scuola per la sicurezza dello Stato, Roma, 14 aprile 2015. ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI- UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (D) e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola per la sicurezza dello Stato, Roma, 14 aprile 2015.
ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI- UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA

ROMA. – Avere sette giorni in più per mettere in sicurezza la manovra e persuadere il maggior numero di indecisi ad andare a votare. Per queste due ragioni principali Matteo Renzi alla fine ha preferito il 4 dicembre al 27 novembre come data per il voto sul referendum costituzionale, d’accordo con Il Capo dello Stato che, si racconta in ambienti parlamentari, ha sempre considerato una priorità assoluta il varo della legge di bilancio in tempi certi.

La scelta è maturata nella serata di domenica, quando il premier ha informato il Quirinale del suo orientamento, ed è stata condivisa e ufficializzata dal Consiglio dei ministri di lunedì pomeriggio. La data, sottolineano i dirigenti del Pd, favorisce “partecipazione e informazione: se dal fronte del No c’è chi protesta, è forse perché teme le ragioni di merito per il Sì”.

Renzi trascorrerà le dieci settimane che mancano da qui al voto referendario in giro per l’Italia: un tour a tappe forzate (solo questa settimana sono in programma appuntamenti istituzionali a Milano, Verona, Firenze, Perugia, Torino, Genova) per spiegare agli italiani su cosa devono pronunciarsi.

Il ministro Maria Elena Boschi e tutto il Pd sono impegnati già da mesi (con incontri anche con gli italiani all’estero). Perché l’imperativo è portare a votare quanti più italiani possibile: i sondaggi segnalano ancora un’alta percentuale di indecisi o non informati ma una scarsa affluenza – spiegano i Dem – ‘aiuterebbe’ probabilmente il No. Dunque, tutti mobilitati.

Ma a complicare le prossime dieci settimane, c’è la necessità di approvare la legge di bilancio, misurando i progetti del governo con le maglie strette del fiscal compact. Renzi non ha lasciato dubbi, negli ultimi giorni, sulla sua determinazione a prendersi ogni margine (sono dovuti, ha affermato, quelli per le spese sui migranti e per la sicurezza antisismica) e per il 2017 il dialogo con l’Ue starebbe andando avanti in maniera proficua ma, alla vigilia dell’approvazione del Def, ci sarebbero ancora alcune resistenze da Bruxelles sulla flessibilità da concordare per il 2018.

Resistenze che marciano di pari passo – si ragiona in ambienti politici italiani – con l’atteggiamento che terranno i rappresentanti di Berlino nella Commissione Ue. Ma è un’altra preoccupazione, manifestata già nei mesi scorsi e rinnovata nei contatti degli ultimi giorni dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ad aver indotto il premier a fissare il voto referendario al 4 dicembre: mettere al riparo la legge di bilancio dallo ‘shock’ che deriverebbe da un’eventuale vittoria del No. E in questo senso, votare il 4 e non il 27 novembre rende possibile provare ad approvare la manovra sia alla Camera, sia in commissione al Senato, con un testo che a quel punto sarebbe definitivo.

C’è una terza ragione politica che ha fatto propendere per la data di dicembre: quello stesso giorno si vota in Austria, in elezioni che si ripetono a distanza di pochi mesi con il rischio di vittoria dell’ultradestra. La concomitanza dà al voto italiano, già osservato con attenzione, un respiro europeo ancora più marcato.

E lo ‘spettro’ di ultradestra e populismi, aggiunge qualche parlamentare renziano, potrebbe diventare valido argomento anche nella campagna elettorale, per orientare la scelta verso il riformismo e la stabilità del governo piuttosto che uno scenario politico pieno di incognite.

Infine, qualche esponente Pd fa anche un calcolo sul ‘dopo’: nel caso di vittoria del No, il voto il 4 dicembre potrebbe dare più tempo – almeno fino all’approvazione, entro Natale, della legge di stabilità – per valutare le conseguenze sul governo. Ma, assicurano i renziani, non sono ragionamenti del premier, anche perché convinto che prevarranno i Sì.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

17:27Calcio: diritti tv, cinque pacchetti da almeno 1 miliardo

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Punta a incassare almeno un miliardo di euro a stagione la Lega di Serie A con la vendita nazionale dei diritti tv del triennio 2018/'21. Il bando prevede 5 pacchetti, nessuno dei quali ha tutte le partite. Gli operatori (digitale terrestre, satellitare, internet) possono concorrere per il più ricco, il D: vale minimo 400 milioni di euro, copre le gare di 12 squadre (fra cui Roma, Lazio, Torino e Fiorentina), 324 eventi di cui 132 in esclusiva. I match delle altre 8 (fra cui Juventus, Napoli, Milan e Inter, per 248 eventi) sono nei pacchetti A (satellitare) e B (digitale), che valgono 200 milioni. I pacchetti C1 e C2 per internet si dividono a metà le squadre dei pacchetti A-B: milanesi da una parte, Juve e Napoli dall'altra. Ai pacchetti principali (con un prezzo minimo superiore di circa 50 milioni rispetto al 2015/'18), Lega A e l'advisor Infront ne hanno aggiunti 7 opzionali di tipo Gold (esclusivi) e Silver (non esclusivi), con alcuni diritti tv accessori utili per integrare le dirette degli eventi.

17:18‘Ndrangheta: ‘Alto Piemonte’, chieste condanne per 112 anni

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Centododici anni di carcere: è il totale delle pene richieste, in Tribunale a Torino, dai pm Paolo Toso e Monica Abbatecola, per 15 dei 23 imputati nel processo 'Alto Piemonte', sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nel torinese. La pena più alta, 17 anni, 1 mese e 16 giorni di carcere, è chiesta per Diego Raso, esponente della locale di Santhià. Tra gli imputati compaiono Saverio Dominello e suo figlio Rocco, capo ultrà della Juve, accusati di associazione mafiosa e tentato omicidio, per i quali la Procura ha chiesto rispettivamente 12 e 8 anni di reclusione. Alla sbarra, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, anche il tifoso bianconero Fabio Germani: per lui la pena richiesta è di 5 anni di carcere. Un filone dell'inchiesta, infatti, riguarda il tentativo della criminalità organizzata calabrese di 'infilarsi' nella curva bianconera, tramite il bagarinaggio dei biglietti delle partite della Juventus. Per uno degli imputati, i pm hanno chiesto l'assoluzione. (ANSA).

17:15Calcio: nessuna offerta per il Lecco, destinato a scomparire

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La società Calcio Lecco 1912 scomparirà. Ad annunciarlo è stato il curatore fallimentare Mario Motta, a cui il giudice del Tribunale di Lecco, Dario Colasanti, aveva affidato la società dopo il fallimento del 6 dicembre scorso. Per lunedì 29 maggio era fissata l'asta, con una base di 30mila euro, e oggi a mezzogiorno scadevano i termini per la presentazione delle offerte. Ma alla cancelleria del Tribunale di Lecco non ne è pervenuta nessuna. Il curatore fallimentare cederà quindi il titolo sportivo e poi chiuderà la società. Sul campo, la squadra aveva conquistato domenica scorsa la salvezza nel derby-playout di Serie D contro l'Olginatese.

17:06Banche: Quagliariello, subito audizione Ghizzoni al Senato

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Come primo atto da capogruppo chiederò l'immediata calendarizzazione della mozione per l' azzeramento dei vertici Consip, promossa da "Idea" su iniziativa del collega Andrea Augello e sottoscritta da oltre 70 senatori, per la quale sono già abbondantemente decorsi i termini per la procedura d'urgenza, e solleciterò una risposta alla richiesta di audizione del dottor Ghizzoni e alla richiesta di indagine conoscitiva sul caso Etruria-Unicredit presentate in Commissione Finanze dalla senatrice Cinzia Bonfrisco, vicecapogruppo vicario di "Federazione della Libertà". Tutto ciò non ha niente a che vedere con il piano giudiziario, del quale si occupa la magistratura, ma attiene alla correttezza dei comportamenti politico-istituzionali". Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, leader di "Idea" e capogruppo di "Federazione della Libertà".

17:05Calcio: processo Juve, l’udienza slitta al dopo Champions

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Dopo due ore di confronto si è chiuso con una sospensione la prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e ai rapporti con gli ultras. Lo slittamento, a questo punto, potrebbe portare le due parti a rivedersi innanzi al Tribunale nazionale della Figc dopo la finale di Champions del 3 giugno.

16:58Sport: doping, la Nado Italia si associa all’Inado

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La Nado Italia è il 68/o membro dell'Institute of National Anti-Doping Organisations-Inado, associazione internazionale che riunisce le principali organizzazioni nazionali antidoping. Lo annuncia con un comunicato la stessa Nado, nel quale viene precisato che nelle prossime settimane è in programma una visita del ceo di Inado Joseph de Pencier presso la sede della Nado "per iniziare a sviluppare reciproche collaborazioni e progettualità nell'ambito della lotta al doping". La Nado Italia, si legge nel suo sito internet, è l'organizzazione nazionale antidoping, derivazione funzionale dell'Agenzia mondiale antidoping (Wada), ed ha la responsabilità esclusiva in materia di adozione e applicazione delle norme in conformità al Codice mondiale antidoping (Codice Wada), del quale è parte firmataria.

16:48Sequestrato e riportato in Italia veliero Duce, Fiamma Nera

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Rintracciata in Spagna, nel porto di Valencia, e ricondotta in Italia la "Fiamma Nera", l'imbarcazione appartenuta a Benito Mussolini sottoposta a sequestro di prevenzione nell'ambito di un'indagine del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia capitolina. La barca, fu posta sotto sequestro nel febbraio del 2016: una volta espletate tutte le procedure è stata riportata in Italia ed ora si trova nel porto di Fiumicino. Lo yacth che fu del Duce, insieme a beni di un valore di oltre 70 milioni, sono stati sequestrati a Salvatore Squillante, imprenditore originario di Sarno (Salerno). Gli accertamenti patrimoniali delle Fiamme Gialle della compagnia di Fiumicino svolti nei confronti dell'imprenditore, che da tempo si è trasferito nella Capitale, hanno permesso di appurare "la grande sproporzione tra i redditi dichiarati e l'elevato tenore di vita, frutto di una carriera criminale basata su ingenti evasioni fiscali, bancarotte fraudolente e truffe".

Archivio Ultima ora