Referendum: le ragioni di Renzi e il confronto con Mattarella

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (D) e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l'inaugurazione dell'anno accademico della Scuola per la sicurezza dello Stato, Roma, 14 aprile 2015. ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI- UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (D) e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola per la sicurezza dello Stato, Roma, 14 aprile 2015.
ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI- UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA

ROMA. – Avere sette giorni in più per mettere in sicurezza la manovra e persuadere il maggior numero di indecisi ad andare a votare. Per queste due ragioni principali Matteo Renzi alla fine ha preferito il 4 dicembre al 27 novembre come data per il voto sul referendum costituzionale, d’accordo con Il Capo dello Stato che, si racconta in ambienti parlamentari, ha sempre considerato una priorità assoluta il varo della legge di bilancio in tempi certi.

La scelta è maturata nella serata di domenica, quando il premier ha informato il Quirinale del suo orientamento, ed è stata condivisa e ufficializzata dal Consiglio dei ministri di lunedì pomeriggio. La data, sottolineano i dirigenti del Pd, favorisce “partecipazione e informazione: se dal fronte del No c’è chi protesta, è forse perché teme le ragioni di merito per il Sì”.

Renzi trascorrerà le dieci settimane che mancano da qui al voto referendario in giro per l’Italia: un tour a tappe forzate (solo questa settimana sono in programma appuntamenti istituzionali a Milano, Verona, Firenze, Perugia, Torino, Genova) per spiegare agli italiani su cosa devono pronunciarsi.

Il ministro Maria Elena Boschi e tutto il Pd sono impegnati già da mesi (con incontri anche con gli italiani all’estero). Perché l’imperativo è portare a votare quanti più italiani possibile: i sondaggi segnalano ancora un’alta percentuale di indecisi o non informati ma una scarsa affluenza – spiegano i Dem – ‘aiuterebbe’ probabilmente il No. Dunque, tutti mobilitati.

Ma a complicare le prossime dieci settimane, c’è la necessità di approvare la legge di bilancio, misurando i progetti del governo con le maglie strette del fiscal compact. Renzi non ha lasciato dubbi, negli ultimi giorni, sulla sua determinazione a prendersi ogni margine (sono dovuti, ha affermato, quelli per le spese sui migranti e per la sicurezza antisismica) e per il 2017 il dialogo con l’Ue starebbe andando avanti in maniera proficua ma, alla vigilia dell’approvazione del Def, ci sarebbero ancora alcune resistenze da Bruxelles sulla flessibilità da concordare per il 2018.

Resistenze che marciano di pari passo – si ragiona in ambienti politici italiani – con l’atteggiamento che terranno i rappresentanti di Berlino nella Commissione Ue. Ma è un’altra preoccupazione, manifestata già nei mesi scorsi e rinnovata nei contatti degli ultimi giorni dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ad aver indotto il premier a fissare il voto referendario al 4 dicembre: mettere al riparo la legge di bilancio dallo ‘shock’ che deriverebbe da un’eventuale vittoria del No. E in questo senso, votare il 4 e non il 27 novembre rende possibile provare ad approvare la manovra sia alla Camera, sia in commissione al Senato, con un testo che a quel punto sarebbe definitivo.

C’è una terza ragione politica che ha fatto propendere per la data di dicembre: quello stesso giorno si vota in Austria, in elezioni che si ripetono a distanza di pochi mesi con il rischio di vittoria dell’ultradestra. La concomitanza dà al voto italiano, già osservato con attenzione, un respiro europeo ancora più marcato.

E lo ‘spettro’ di ultradestra e populismi, aggiunge qualche parlamentare renziano, potrebbe diventare valido argomento anche nella campagna elettorale, per orientare la scelta verso il riformismo e la stabilità del governo piuttosto che uno scenario politico pieno di incognite.

Infine, qualche esponente Pd fa anche un calcolo sul ‘dopo’: nel caso di vittoria del No, il voto il 4 dicembre potrebbe dare più tempo – almeno fino all’approvazione, entro Natale, della legge di stabilità – per valutare le conseguenze sul governo. Ma, assicurano i renziani, non sono ragionamenti del premier, anche perché convinto che prevarranno i Sì.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

02:35Etiopia: governo, centinaia di morti in scontri interetnici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Centinaia" di morti in scontri interetnici e "migliaia" di sfollati nelle ultime settimane in Etiopia. A denunciarlo è stato il ministro dell'Informazione di Addis Abeba, Negeri Lencho, che ha accusato il vicino Somaliland, territorio semi-autonomo nel nord della Somalia, di avere espulso a forza oltre confine circa 3.000 persone di etnia Oromo. Il gruppo vive a cavallo tra i due Paesi. Lo scrive Bloomberg online. Il 'ministro' degli Esteri del Somaliland, Saad Ali Shire, ha chiesto al suo staff di fare chiarezza su quanto accaduto prima di poter commentare.

01:53Usa: Protesta a Congresso in difesa Obamacare, arresti

(ANSA) - NEW YORK, 25 SET - Centinaia di attivisti, fra cui diversi disabili in sedia a rotelle, stanno manifestando al Congresso americano contro il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare, tentativo fallito con la defezione della senatrice Collins. Anche molti disabili sono stati allontanati con la forza dalla polizia e arrestati mentre chiedevano, cantando, di non tagliare fondi alla sanità.

01:35Usa: mancano voti Congresso per riformare Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 25 SET - Affonda il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare. Il progetto di legge per riformare la sanità messo a punto dai senatori Lindsey Graham e Bill Cassidy non ha i voti necessari per il passaggio in Senato. La senatrice repubblicana Susan Collins ha infatti annunciato che non sostiene il progetto, andandosi ad aggiungere ai senatori Rand Paul e John McCain. Nel frattempo è emerso che la nuova proposta dei repubblicani per abolire e sostituire l'Obamacare farebbe perdere la copertura sanitaria a "milioni di americani". Lo afferma il Congressional Budget Office, l'organismo bipartisan incaricato di fornire analisi economiche al Congresso. L'analisi preliminare condotta sulla prima versione del progetto di legge Graham-Cassidy farebbe "perdere la copertura a milioni. Il numero" di coloro che non sarebbero più coperti "è variabile e dipende da come gli stati attueranno la norma".

01:26Uccide marito con matterello durante una lite

(ANSA) - TERRANUOVA BRACCIOLINI (AREZZO), 26 SET - Ha ucciso il marito colpendolo alla testa con un matterello al culmine di una lite. A dare l'allarme è stata la figlia 25enne. E' accaduto poco prima delle 23 di lunedì a Terranuova Bracciolini (Arezzo), quando la figlia ha chiamato il 118 dicendo che i padre era a terra "con la testa fracassata" . I sanitari del 118 sono accorsi dandole intanto indicazioni per eventuali tentativi di rianimazione. Al loro arrivo hanno trovato il corpo dell'uomo, 62 anni, tra il bagno e il corridoio. Sul divano la donna, che poi avrebbe anche confessato il delitto. Già nel pomeriggio ci sarebbe stata una lite tra i coniugi.

00:36Calcio: l’Arsenal torna al successo, 2-0 al West Bromwich

(ANSA) - ROMA, 26 SET - L'Arsenal torna alla vittoria in Premier League battendo 2-0 il West Bromwich Albion nell'ultimo incontro della sesta giornata. Entrambe le reti sono state realizzate dal bomber francese, a segno al 20' pt e al 22' st, su rigore. La squadra guidata da Arsene Wenger è ora settima in classifica, a -7 dalla coppia di testa Manchester City-Manchester United. Uno dei protagonisti è stato anche il capitano del Wba Gareth Barry, che a 36 anni ha toccato le 633 presenze in Premier, migliorando il record fin qui detenuto dalla bandiera dello United Ryan Giggs.

23:32Calcio: Wanda “clausola Icardi? Per ora stiamo bene “

(ANSA) - MILANO, 25 SET - ''Per ora stiamo bene. Abbiamo firmato pochi mesi fa un prolungamento di contratto. Aumentare la clausola? Per ora non ci pensiamo, siamo a posto così''. Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, parla del futuro del capitano dell'Inter. Secondo alcune voci, l'entourage del giocatore starebbe trattando col club per aumentare l'attuale clausola. Lo stesso Spalletti, qualche settimana fa, aveva detto che serviva una clausola 'alla Isco', da campione. ''Se lo dice l'allenatore - commenta Wanda - siamo contenti ma adesso non ci stiamo pensando''. La convocazione di Icardi con l'Argentina è un obiettivo raggiunto. Ma la showgirl argentina era sicura che la chiamata sarebbe presto arrivata: ''Ho sempre saputo che noi argentini abbiamo bisogno di un attaccante come Icardi, così giovane. Se credo che si qualificherà per i Mondiali? Certo, senza l'Argentina non sarebbero Mondiali''.

23:30Champions: arrestati a Napoli tre tifosi olandesi

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato a Napoli tre tifosi olandesi giunti in città alla vigilia della sfida di Champions League tra la squadra partenopea e il Feyenoord, malgrado il divieto di vendita dei biglietti ai cittadini olandesi disposto dalla questura. La volante del commissariato è intervenuta in via dei Fiorentini, non lontano dalla Questura, a seguito della segnalazione della presenza di alcune persone moleste. Giunti sul posto, i poliziotti, ancora in auto, sono stati oggetto del lancio di alcune pietre. Gli agenti nel tentativo di bloccarli sono stati aggrediti e in una colluttazione hanno riportato lesioni. I tre aggressori, tutti 21enni, sono stati arrestati e verranno condotti nel carcere di Poggioreale.

Archivio Ultima ora