Referendum: le ragioni di Renzi e il confronto con Mattarella

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (D) e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l'inaugurazione dell'anno accademico della Scuola per la sicurezza dello Stato, Roma, 14 aprile 2015. ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI- UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (D) e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola per la sicurezza dello Stato, Roma, 14 aprile 2015.
ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI- UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA

ROMA. – Avere sette giorni in più per mettere in sicurezza la manovra e persuadere il maggior numero di indecisi ad andare a votare. Per queste due ragioni principali Matteo Renzi alla fine ha preferito il 4 dicembre al 27 novembre come data per il voto sul referendum costituzionale, d’accordo con Il Capo dello Stato che, si racconta in ambienti parlamentari, ha sempre considerato una priorità assoluta il varo della legge di bilancio in tempi certi.

La scelta è maturata nella serata di domenica, quando il premier ha informato il Quirinale del suo orientamento, ed è stata condivisa e ufficializzata dal Consiglio dei ministri di lunedì pomeriggio. La data, sottolineano i dirigenti del Pd, favorisce “partecipazione e informazione: se dal fronte del No c’è chi protesta, è forse perché teme le ragioni di merito per il Sì”.

Renzi trascorrerà le dieci settimane che mancano da qui al voto referendario in giro per l’Italia: un tour a tappe forzate (solo questa settimana sono in programma appuntamenti istituzionali a Milano, Verona, Firenze, Perugia, Torino, Genova) per spiegare agli italiani su cosa devono pronunciarsi.

Il ministro Maria Elena Boschi e tutto il Pd sono impegnati già da mesi (con incontri anche con gli italiani all’estero). Perché l’imperativo è portare a votare quanti più italiani possibile: i sondaggi segnalano ancora un’alta percentuale di indecisi o non informati ma una scarsa affluenza – spiegano i Dem – ‘aiuterebbe’ probabilmente il No. Dunque, tutti mobilitati.

Ma a complicare le prossime dieci settimane, c’è la necessità di approvare la legge di bilancio, misurando i progetti del governo con le maglie strette del fiscal compact. Renzi non ha lasciato dubbi, negli ultimi giorni, sulla sua determinazione a prendersi ogni margine (sono dovuti, ha affermato, quelli per le spese sui migranti e per la sicurezza antisismica) e per il 2017 il dialogo con l’Ue starebbe andando avanti in maniera proficua ma, alla vigilia dell’approvazione del Def, ci sarebbero ancora alcune resistenze da Bruxelles sulla flessibilità da concordare per il 2018.

Resistenze che marciano di pari passo – si ragiona in ambienti politici italiani – con l’atteggiamento che terranno i rappresentanti di Berlino nella Commissione Ue. Ma è un’altra preoccupazione, manifestata già nei mesi scorsi e rinnovata nei contatti degli ultimi giorni dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ad aver indotto il premier a fissare il voto referendario al 4 dicembre: mettere al riparo la legge di bilancio dallo ‘shock’ che deriverebbe da un’eventuale vittoria del No. E in questo senso, votare il 4 e non il 27 novembre rende possibile provare ad approvare la manovra sia alla Camera, sia in commissione al Senato, con un testo che a quel punto sarebbe definitivo.

C’è una terza ragione politica che ha fatto propendere per la data di dicembre: quello stesso giorno si vota in Austria, in elezioni che si ripetono a distanza di pochi mesi con il rischio di vittoria dell’ultradestra. La concomitanza dà al voto italiano, già osservato con attenzione, un respiro europeo ancora più marcato.

E lo ‘spettro’ di ultradestra e populismi, aggiunge qualche parlamentare renziano, potrebbe diventare valido argomento anche nella campagna elettorale, per orientare la scelta verso il riformismo e la stabilità del governo piuttosto che uno scenario politico pieno di incognite.

Infine, qualche esponente Pd fa anche un calcolo sul ‘dopo’: nel caso di vittoria del No, il voto il 4 dicembre potrebbe dare più tempo – almeno fino all’approvazione, entro Natale, della legge di stabilità – per valutare le conseguenze sul governo. Ma, assicurano i renziani, non sono ragionamenti del premier, anche perché convinto che prevarranno i Sì.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

17:19Agguato in Ogliastra, un morto e un ferito

(ANSA) - NUORO, 22 NOV - E' stato trovato morto dai carabinieri, Fabio Longoni, l'allevatore di 39 anni colpito dalle fucilate durante un agguato nelle campagne di Villagrande Strisaili, in Ogliastra. L'uomo si trovava insieme a Daniele Angelo Congiu, 37 anni, suo socio in affari, rimasto ferito a un polpaccio e ricoverato all'ospedale di Lanusei. Dopo essere stato raggiunto dalle fucilate, Longoni era riuscito a scappare, ma le ferite si sono rivelate fatali: l'allevatore è morto quando ormai era giunto in prossimità dell'ovile.

17:19Cassazione: ‘matrimonio rom’ con quindicenne è reato

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Anche se la cultura rom ammette le spose bambine, in Italia il matrimonio con minorenni non esiste. E commette reato - atti sessuali con minore (art.609 quater) - chi convive more uxorio con una minore di 16 anni, anche se c'è il suo consenso. La Cassazione ha così confermato la condanna a un anno, con le attenuanti generiche, inflitta dalla Corte d'Appello di Sassari a un giovane, all'epoca 22enne, che aveva sposato una ragazza con 'matrimonio rom'. I fatti si sono svolti nel 2011 e il giovane era stato ritenuto colpevole sia dal Tribunale di Sassari, che dalla Corte d'Appello. Nel ricorso in Cassazione, il difensore dell'imputato aveva opposto che non ci fosse alcuna "situazione di soggezione", neanche morale, tra i "due fidanzati, già coniugi", secondo la loro cultura. In pratica, la difesa aveva provato a sostenere che la norma punisce gli atti sessuali compiuti in un rapporto non paritario, di supremazia dell'autore tale da condizionare una ragazza di meno di 16 anni. Non in un'unione stabile.

17:16Onu, Mladic è quintessenza del male, vince la giustizia

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - "Una memorabile vittoria della giustizia". Così l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i Diritti umani Zeid Ra'ad Al Hussein commenta, in una nota, la condanna all'ergastolo dell'ex comandante dell'esercito serbo bosniaco Ratko Mladic. "Mladic è la quintessenza del male, e l'azione penale nei suoi confronti è il simbolo di ciò che la giustizia internazionale rappresenta", afferma Al Hussein, che ricorda come l'ex comandante dell'esercito serbo bosniaco abbia guidato "alcuni dei crimini più oscuri avvenuti in Europa dalla Seconda guerra mondiale. La sua detenzione è un riconoscimento al coraggio e alla determinazione di quelle vittime e testimoni che non hanno mai abbandonato la speranza di vederlo di fronte alla giustizia", ha detto Zeid, già membro dei caschi blu Onu nella ex Yugoslavia dal 1994 al 1996. La condanna di oggi "è un avvertimento a chi commette" tali atrocità: "non sfuggiranno alla giustizia", aggiunge.

17:15Ostia: giornalista aggredito, temo per me e mia famiglia

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Ora temo ritorsioni degli Spada nei miei confronti e ho paura per la mia famiglia": lo ha dichiarato il giornalista Daniele Piervincenzi ai magistrati della Procura di Roma, che indagano sulla aggressione al giornalista della Rai da parte di Roberto Spada il 7 novembre scorso. Stralci del verbale dell'audizione del cronista sono presenti nella memoria che oggi i pm hanno depositato davanti ai giudici del Riesame, che dovranno decidere sulla richiesta di scarcerazione avanzata dai difensori di Spada, accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso.

17:14Aereo Usa precipitato: 8 persone ritrovate stanno bene

(ANSA) - TOKYO, 22 NOV - Sono in buone condizioni gli otto membri dell'equipaggio dell'aereo Usa precipitato nel Pacifico che sono stati recuperati. Lo ha reso noto la marina Usa, specificando che sono ancora in corso le ricerche agli altri tre.

17:13Violenza donne: 74,5% autori sono italiani

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Da un monitoraggio effettuato dal ministero della Giustizia, partendo dall'esame di 417 sentenze rappresentative del 60% dei casi di violenza sulle donne, tra il 2012 e il 2016, emerge che l'85% dei casi (355 su 417) sono classificabili come omicidio. Nel 98% dei casi l'autore del reato è un uomo e la nazionalità dell'autore conferma la prevalenza di soggetti italiani (74,5%). Nel 55,8% dei casi tra autore e vittima esiste una relazione sentimentale. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sentito dalla commissione parlamentare sul femminicidio. Riguardo alla relazione sentimentale che lega vittima e autore, la percentuale del 55,8% è così distribuita: nel 63,8% dei casi si registra un rapporto di coniugio o convivenza; nel 12% una relazione sentimentale in atto; per il restante 24% tra le due parti vi era stata una relazione sentimentale terminata prima dell'omicidio. L'arma prevalentemente utilizzata è il coltello, che spesso risulta il mezzo di più agevole disponibilità.

17:11Dottoressa violentata, chi mi ha esposto al rischio non paga

(ANSA) - PALERMO, 22 NOV - A due mesi dagli abusi subiti mentre prestava servizio nella guardia medica di Trecastagni, nel Catanese, Serafina Strano, la dottoressa aggredita e violentata nella notte tra il 18 e il 19 settembre, definisce "tugurio" quell'ambulatorio medico dove un ventiseienne ora in carcere, Alfio Cardillo, l'ha violentata per ore e dove i suoi colleghi continuano a lavorare senza che nulla sia cambiato. Lo fa a Palermo nel corso un'iniziativa sul contrasto al fenomeno della violenza sulle donne medico nel luogo di lavoro. E accusa i vertici dell'Asp che l'hanno esposta al rischio "e verso i quali la magistratura dovrebbe aprire un'inchiesta parallela". "E' ineccepibile quanto stanno facendo i magistrati nei confronti del mio aggressore; però ci sono dei corresponsabili. Si dovrebbe aprire un'inchiesta parallela sui dirigenti dell'Asp che mi hanno esposto a quel rischio. Non voglio far polemiche, ma qual è l'organo che deve far assumere responsabilità ai dirigenti, se non la magistratura?".

Archivio Ultima ora