Referendum: le ragioni di Renzi e il confronto con Mattarella

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (D) e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l'inaugurazione dell'anno accademico della Scuola per la sicurezza dello Stato, Roma, 14 aprile 2015. ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI- UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (D) e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola per la sicurezza dello Stato, Roma, 14 aprile 2015.
ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI- UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA

ROMA. – Avere sette giorni in più per mettere in sicurezza la manovra e persuadere il maggior numero di indecisi ad andare a votare. Per queste due ragioni principali Matteo Renzi alla fine ha preferito il 4 dicembre al 27 novembre come data per il voto sul referendum costituzionale, d’accordo con Il Capo dello Stato che, si racconta in ambienti parlamentari, ha sempre considerato una priorità assoluta il varo della legge di bilancio in tempi certi.

La scelta è maturata nella serata di domenica, quando il premier ha informato il Quirinale del suo orientamento, ed è stata condivisa e ufficializzata dal Consiglio dei ministri di lunedì pomeriggio. La data, sottolineano i dirigenti del Pd, favorisce “partecipazione e informazione: se dal fronte del No c’è chi protesta, è forse perché teme le ragioni di merito per il Sì”.

Renzi trascorrerà le dieci settimane che mancano da qui al voto referendario in giro per l’Italia: un tour a tappe forzate (solo questa settimana sono in programma appuntamenti istituzionali a Milano, Verona, Firenze, Perugia, Torino, Genova) per spiegare agli italiani su cosa devono pronunciarsi.

Il ministro Maria Elena Boschi e tutto il Pd sono impegnati già da mesi (con incontri anche con gli italiani all’estero). Perché l’imperativo è portare a votare quanti più italiani possibile: i sondaggi segnalano ancora un’alta percentuale di indecisi o non informati ma una scarsa affluenza – spiegano i Dem – ‘aiuterebbe’ probabilmente il No. Dunque, tutti mobilitati.

Ma a complicare le prossime dieci settimane, c’è la necessità di approvare la legge di bilancio, misurando i progetti del governo con le maglie strette del fiscal compact. Renzi non ha lasciato dubbi, negli ultimi giorni, sulla sua determinazione a prendersi ogni margine (sono dovuti, ha affermato, quelli per le spese sui migranti e per la sicurezza antisismica) e per il 2017 il dialogo con l’Ue starebbe andando avanti in maniera proficua ma, alla vigilia dell’approvazione del Def, ci sarebbero ancora alcune resistenze da Bruxelles sulla flessibilità da concordare per il 2018.

Resistenze che marciano di pari passo – si ragiona in ambienti politici italiani – con l’atteggiamento che terranno i rappresentanti di Berlino nella Commissione Ue. Ma è un’altra preoccupazione, manifestata già nei mesi scorsi e rinnovata nei contatti degli ultimi giorni dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ad aver indotto il premier a fissare il voto referendario al 4 dicembre: mettere al riparo la legge di bilancio dallo ‘shock’ che deriverebbe da un’eventuale vittoria del No. E in questo senso, votare il 4 e non il 27 novembre rende possibile provare ad approvare la manovra sia alla Camera, sia in commissione al Senato, con un testo che a quel punto sarebbe definitivo.

C’è una terza ragione politica che ha fatto propendere per la data di dicembre: quello stesso giorno si vota in Austria, in elezioni che si ripetono a distanza di pochi mesi con il rischio di vittoria dell’ultradestra. La concomitanza dà al voto italiano, già osservato con attenzione, un respiro europeo ancora più marcato.

E lo ‘spettro’ di ultradestra e populismi, aggiunge qualche parlamentare renziano, potrebbe diventare valido argomento anche nella campagna elettorale, per orientare la scelta verso il riformismo e la stabilità del governo piuttosto che uno scenario politico pieno di incognite.

Infine, qualche esponente Pd fa anche un calcolo sul ‘dopo’: nel caso di vittoria del No, il voto il 4 dicembre potrebbe dare più tempo – almeno fino all’approvazione, entro Natale, della legge di stabilità – per valutare le conseguenze sul governo. Ma, assicurano i renziani, non sono ragionamenti del premier, anche perché convinto che prevarranno i Sì.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

14:24Protestano animalisti a corsa buoi, interviene la polizia

(ANSA) - CARESANA (VERCELLI), 23 APR - Attimi di tensione, questa mattina, durante la 781/a edizione della corsa dei buoi a Caresana (Vercelli). Un gruppo di manifestanti del Fronte animalista e del Meta (Movimento etico tutela animali e ambiente) ha protestato all'inizio della corsa contro i presunti maltrattamenti che subirebbero le bestie durante la corsa. Ampio lo schieramento delle forze dell'ordine, che hanno contenuto le proteste. La corsa è iniziata con qualche minuto di ritardo e ancora una volta il paese ha sciolto il voto fatto a San Giorgio oltre sette secoli fa. Tra gli animalisti era presente anche il biellese Valerio Vassallo. Un'altra corsa dei buoi si terrà il 14 maggio ad Asigliano.(ANSA).

14:20Corea Nord: pronti ad affondare portaerei Uss Vinson

(ANSA) - PECHINO, 23 APR - La Corea del Nord si dice pronta ad affondare la portaerei Uss Carl Vinson, da oggi impegnata col suo gruppo d'attacco in un breve ciclo di manovre congiunte con due cacciatorpedinieri giapponesi nel Pacifico occidentale, quando si troverà nelle acque della penisola coreana. "Le nostre forze rivoluzionarie sono pronte ad affondare una portaerei Usa a propulsione nucleare con un singolo attacco", ha riportato un commento minaccioso del Rodong Sinmun, il quotidiano ufficiale del Partito dei Lavoratori.

14:16Africa: sparano a scrittrice Kuki Gallmann, ferita

(ANSA) - NAIROBI, 23 APR - La scrittrice italiana naturalizzata keniota, Kuki Gallmann, è stata ferita a colpi di arma da fuoco nel suo ranch, a circa 300 chilometri da Nairobi, presumibilmente da un gruppo di pastori che hanno invaso la tenuta in cerca di pascoli per salvare i loro animali dalla siccità. La Gallmann stava pattugliando il ranch insieme al suo autista quando e' stata raggiunta da un colpo allo stomaco. L'autista l'ha portata all'aeroporto di Laikipia, dove e' stata trasferita su un aereo e portata a Nairobi. Il vice presidente dell'associazione dei contadini di Laikipia, Richard Constant, ha detto che probabilmente a sparare sono stati i pastori della comunità di Pokot che già in passato erano entrati illegalmente nella tenuta della scrittrice. Gallman, ribattezzata da molti la 'Karen Blixen italiana', ha scritto, tra gli altri, il romanzo 'Sognavo l'Africa' (1991), da cui e' stato tratto l'omonimo film con Kim Basinger protagonista.

14:15Calcio: Zeman, con Roma gara come con la Juve

(ANSA) - PESCARA, 23 APR - "Con la Roma è una gara come le altre. Dopo quella con la Juve, ci sono da parte mia gli stessi stimoli". Zeman prepara così la sfida del Pescara con i giallorossi, sua ex squadra, in programma domani sera. "Gara nostalgica? Vivo da 25 anni a Roma, e ho diversi amici sia nella Roma sia nella Lazio. Oggi penso al Pescara e con i ragazzi speriamo di rendere difficile la partita ai giallorossi". Roma per Zeman vuol dire soprattutto Totti. "Totti è stato il più grande giocatore che ho allenato, se vuole continuare vuol dire che si sente all'altezza. Non lascerà mai la Roma. Con De Rossi non era questione di feeling, semplicemente non ha reso come mi aspettavo, non so se per problemi in campo o fuori del campo" dice il tecnico del Pescara.

13:27Terremoto: verso ripresa semina lenticchia Castelluccio

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 23 APR - Il 25 aprile riprenderà la semina della lenticchia a Castelluccio di Norcia. "Il maltempo e la neve della settimana appena conclusa ci hanno costretto a fermarci, ma se le condizioni meteo lo consentiranno, martedì si ricomincia e nell'arco di una decina di giorni concluderemo l'attività", spiega il portavoce degli agricoltori di Castelluccio, Gianni Coccia. Al momento è stata completata circa l'80 per cento della semina. "In totale saranno 500 i quintali di lenticchia piantati sul Pian Grande", sottolinea Coccia. Poi si attenderà la famosa fioritura, prevista tra la metà e la fine di giugno. E riguardo alla strada che collega Castelluccio a Norcia, Coccia si è augurato che la previsione "di riaprire la provinciale 477 ai primi di luglio sia rispettata". "Sarebbe davvero un passo determinate - ha aggiunto - per avviare la ricostruzione del paese e dargli una nuova prospettiva di vita". (ANSA).

13:27Calcio: Spalletti, 2/o posto? Calendario Napoli più facile

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Abbiamo la possibilità di finire bene, nonostante il calendario del Napoli sia probabilmente un po' più facile, però noi siamo forti come loro e abbiamo la possibilità di fare la nostra corsa". Così Luciano Spalletti, sulla lotta per il 2/o posto. I giallorossi domani giocheranno a Pescara. "Ci sono diverse insidie, e poi la partita d'andata me la ricordo bene, abbiamo fatto una fatica enorme", spiega l'allenatore toscano, sottolineando che, "a fine campionato, esibiremo la pagella del nostro lavoro". "L'obiettivo è non darla vinta a nessuno, a chi ci ha detto che non ce la faremo, che siamo dei mediocri", aggiunge, ribadendo che, il punto con la società sarà fatto a bocce ferme: "Siamo concentrati a tenere duro fino in fondo, poi ci si incontra e si traggono le conclusioni. Secondo me questa squadra è stata lineare nel modo di lavorare e nei risultati, per cui dobbiamo finire così, non dobbiamo assolutamente indietreggiare di un centimetro".

13:25Calcio: media, identificato investitore di Marco Ficini

(ANSA) - ROMA, 23 APR - La polizia portoghese ha identificato l'investitore di Marco Ficini, il tifoso della Fiorentina morto venerdì sera a Lisbona dopo essere stato investito nei pressi dello stadio della capitale. Lo scrive oggi il quotidiano portoghese Correio da Manhã. L'uomo, probabilmente un tifoso del Benfica, dovrebbe essere arrestato nelle prossime ore o domani, scrive il giornale.

Archivio Ultima ora