Migranti verso l’Oscar, l’Italia candida Fuocoammare

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Migranti verso l'Oscar, Italia candida Fuocoammare

Migranti verso l’Oscar, Italia candida Fuocoammare

ROMA. – L’Italia gioca la carta migranti al tavolo degli Oscar. Il candidato italiano all’Oscar straniero scelto dalla commissione di selezione tra soli sette film iscritti è Fuocoammare, il film documentario di Gianfranco Rosi sulla vita dei lampedusani con sullo sfondo la tragedia degli sbarchi. Ha già vinto l’Orso d’oro al festival di Berlino, ha una grande notorietà internazionale a cominciare da Bruxelles dove è stato presentato al Parlamento europeo e alla fine saranno 70 i paesi in cui uscirà nelle sale.

I produttori lo hanno iscritto anche nella selezione agli Oscar per il miglior documentario. Se entrerà nella cinquina dei migliori film in lingua non inglese e/o in quella dei documentari è tutto da vedere (si saprà il 24 gennaio) ma intanto la scelta è stata fatta.

Il tema dei migranti è in cima all’agenda dei politici europei, se non altro per la gestione dell’emergenza – Francoise Hollande era a Calais dove la chiusura della ‘Giungla’, terra di nessuno dove i rifugiati attendono l’imbarco per la Manica, è imminente, mentre Angela Merkel confermava per la Germania l’apertura mensile a centinaia di immigrati dall’Italia e dalla Grecia – e la scelta italiana di Fuocoammare sembra una ulteriore forma di pressione o quantomeno di attenzione a quel che accade nella prima frontiera nel Mediterraneo, ossia l’isola di Lampedusa.

La notizia della candidatura ha colto il regista a Parigi dove sta accompagnando il film all’uscita in sala, con recensioni entusiaste. ”Questa candidatura – comprende bene l’autore che a Venezia aveva vinto il Leone d’oro con Sacro G.R.A. – va oltre il mio film. In questi 8 mesi il film è stato distribuito in più di 60 paesi. E mi sembra sia diventato un film di tutti. In un mondo in cui si continuano a erigere muri e barriere spero che questo film possa seguire le parole di Obama: chi costruisce dei muri costruisce una prigione per sé stesso”, dice Rosi.

Che ricorda l’endorsement della diva Meryl Streep che a Berlino gli disse: ‘vorrei che il tuo film arrivasse agli Oscar’. Sarebbe davvero un sogno portare a Los Angeles Pietro Bartolo, Samuele e Peppino”. E proprio a Bartolo, il medico del poliambulatorio di Lampedusa, l’uomo simbolo dell’Italia accogliente e che non resta indifferente rispetto alla tragedia degli sbarchi – sulla sua esperienza esce per Mondadori in questi giorni Lacrime di sale in cui intreccia storie di disperazione e di gioia, di impotenza, rabbia e umanità – la candidatura sembra un sogno. Non di lustrini e paillettes.

“Siamo riusciti ad accendere un faro in Europa. Ora lo abbiamo acceso nel mondo. Questo grazie a Gianfranco. Sono anni che volevamo che si accendesse questo faro e spero che attraverso questo messaggio si possa contribuire a dare fine a questa tragedia. La gente comincia a capire e voglio sognare che sarà così. Gianfranco è stato il genio della lampada. Per me io già vinto tutto”, dice a caldo il medico anche lui a Parigi per l’uscita francese di Fuocoammare.

E mentre il presidente della Camera Laura Boldrini commenta che la candidatura ”è anche il riconoscimento dello sforzo dell’Italia per salvare rifugiati e migranti” e il premier Matteo Renzi definisce ”Un onore per l’Italia essere rappresentata da Fuocoammare”, il ministro per i beni culturali Dario Franceschini osserva che si tratta di una candidatura di ”grande autorevolezza perché il film affronta, con crudezza e poesia, un tema universale, che non riguarda solo L’Italia o Lampedusa ma che scuote il mondo”, dal premio Oscar Paolo Sorrentino, che era tra i nove membri della selezione composta di produttori (Tilde Corsi e Roberto Sessa), distributori (Osvaldo De Santis e Francesco Melzi d’Eril), giornalisti (Piera Detassis e Enrico Magrelli), da Nicola Borrelli, Direttore Generale Cinema del Mibact e dallo scrittore Sandro Veronesi, arriva un’osservazione diversa.

”E’ un film bellissimo – ha detto a Repubblica.it – ma andava candidato all’Oscar nella categoria dei documentari. Questa scelta è un inutile masochistico depotenziamento del cinema italiano che quest’anno poteva portare agli Oscar due film: un film di finzione che secondo me avrebbe avuto molte chance è Indivisibili di Edoardo De Angelis, mentre Fuocoammare può concorrere e vincere nella categoria dei documentari”.

Enrico Magrelli, pur ”dispiaciuto” per Indivisibili rimasto fuori per un voto, replica all’ANSA: ”è un’ottima designazione che va nel segno del consenso internazionale che il film sta avendo da febbraio, un segnale che il cinema italiano manda all’Academy e forse al cinema italiano stesso che prova a pensare ad un cinema universale. L’Orso d’oro a Berlino è un biglietto da visita significativo”.

E di un pezzo di strada già percorso, con il successo all’estero, parla anche Paolo Del Brocco di Rai Cinema, tra i produttori con Rosi stesso e Donatella Palermo. ”Difficile dire se arriverà alla cinquina, ci arriva però con una bella visibilità internazionale e con un valore aggiunto per il tema e l’Europa quando l’argomento migranti è in cima a tutto.

La già prevista uscita americana il 21 ottobre è un ulteriore piazzamento”. Il percorso è tutt’altro che facile. tra gli sfidanti si trovano Paradise di Konchalovskij, Julieta di Almodovar, Death in Sarajevo di Tanović, Toni Erdmann di Maren Ade, Sieranevada di Cristi Puiu, il film animato Ma vie de courgette di Claude Barras e The Salesman di Asghar Farhadi.

(di Alessandra Magliaro/ANSA)

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora