L’italo-venezuelano Potolicchio nella Wall of fame della Ferrari

Pubblicato il 27 settembre 2016 da redazione

L'italo-venezuelano Potolicchio nella Wall of fame della Ferrari

L’italo-venezuelano Potolicchio nella Wall of fame della Ferrari

CARACAS – Se le parole motori, corse, fascino e storia fanno parte del tuo dna almeno una volta nella vita hai desiderato visitare Maranello, meta di pellegrinaggio di tutti gli appassionati delle quattroruote.

Dal 1943 è la sede dello stabilimento Ferrari, la prestigiosa casa automobilistica fondata dal modenese Enzo Ferrari. Nel 2009, con decreto del 16 dicembre, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha conferito al comune di Maranello il titolo di città.

Oltre ad essere sede della casa motoristica ospita il museo del Cavallino Rampante, in questa mecca dei tifosi, c’é un italo-venezuelano: Enzo Potolicchio.

Il campione di origine siciliana ha partecipato in diverse edizioni del Challenge Ferrari North America vincendolo e guadagnandosi il diritto di partecipare alla finale mondiale, dove é riuscito a salire sul gradino piú alto del podio.

In una opportunitá quando correva il torneo della scuderia di Maranello, lo abbiamo intervistato per sapere come nacque quel matrimonio. “Guidare una Ferrari è il sogno di qualsiasi pilota. Il mio sogno si è realizzato, divenne realtà nel 2009. Alcuni membri della scuderia di Maranello si misero in contatto con me e mi proposero di partecipare a dei test negli Usa. In un primo momento dovevo solo provare le gomme e contribuire alla messa a punto della vettura. Poi, vista la mia performance, mi proposero di partecipare all’ultima gara del campionato.”

Enzo approfittò al massimo quella opportunità sulla pista del New Jersey: nelle due manches cui partecipò, conquistò la terza e la prima posizione. Da segnalare che la scuderia con cui correva il pilota italo-venezolano, da due anni non otteneva un podio.

Ritornando al presente, durante una sua visita alla cittá in provincia di Modena, ha approfittato per fare due passi nel cuore pulsante della Ferrari.

“A dir la veritá sono andato in fabbrica per altri motivi ed avevo la mia famiglia in giro per la cittá. Dopo la riunione ho portato la mia famiglia nel museo per poi prendere un caffé.”

Durante questo giro si poteva ammirare dall’ufficio originale di Enzo Ferrari fino alle diverse monoposto con cui Schumacher, Raikkonen, Alonso ed Alesi hanno incantato i tifosi. Ma c’é stata una cosa che attirato l’attenzione di Enzo Potolicchio: la Wall of fame.

“Ho visto questo muro ed ho riconosciuto i nomi di diversi compagni con cui ho vinto il mondiale della Fia, WEC, GT2 Am ed ho pensato se ci sono loro, sicuramente ci sono anch’io. E così ho iniziato insieme alla mia famiglia a fare la ricerca e dopo un bel po’ abbiamo trovato anche il mio nome. E’ stata una soddisfazione grandissima e un premio ai quattro anni che ho gareggiato con le loro macchine. Ringrazio la scuderia per questo riconoscimento. Nella Ferrari ho incontrato una seconda famiglia, così mi sono sentito con loro, prima come pilota e poi come cliente.”

Ultima ora

08:13Mafia: omicidio Pellizzieri, in carcere esecutore e mandanti

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - In carcere il presunto esecutore, i complici e i mandanti dell' omicidio di Michele Pellizzieri, un giovane pregiudicato ucciso nel 2012. I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito l' ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Pellizzieri venne preso sotto braccio da due complici, proprio per indicarlo con certezza al sicario, che lo raggiunse e lo freddò con 5 colpi calibro 9. Movente, i lucrosi interessi legati al controllo delle attività illecite in città. Le indagini erano state condotte dai Carabinieri di Barletta. I dettagli dell'operazione saranno illustrati durante una conferenza stampa che si terrà alle 10 presso il comando provinciale dei Carabinieri di Bari.

06:59Trump: Tillerson in Messico, vedrà Pena Nieto

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 23 FEB - Il segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, si trova in Messico per una visita di due giorni, nell'ambito della quale incontrerà, tra gli altri, il presidente Enrique Pena Nieto. Nella capitale messicana è atteso inoltre il responsabile alla sicurezza nazionale, John Kelly, proveniente dal Guatemala, dove ha compiuto una visita lampo.

03:31Trump: via diritti studenti transgender su uso bagni

(ANSA) - NEW YORK, 22 FEB - L'attesa prima offensiva di Donald Trump sui diritti della comunità Lgbt è arrivata. L'amministrazione statunitense ha infatti ritirato le linee guida anti-discriminazione varate da Barack Obama secondo cui gli studenti transgender potevano usare bagni e spogliatoi nelle scuole pubbliche in base alla propria identità di genere, e non in base al sesso di nascita.

00:57Etruria:inchiesta bancarotta,arrestato “faccendiere” Mureddu

(ANSA) - AREZZO, 22 FEB - Ordine di custodia cautelare firmato dal Gip del Tribunale di Arezzo Piergiorgio Ponticelli su richiesta del pool dei magistrati coordinato dal procuratore capo Roberto Rossi, per Valeriano Mureddu, "faccendiere" 40 anni, al quale viene contestato il reato di bancarotta fraudolenta nell'ambito delle indagini sul crack di Banca Etruria. Secondo gli investigatori della Guardia di Finanza la Geovision, azienda di imballaggi con sede a Badia al Pino nel comune di Civitella in Valdichiana (Arezzo) dichiarata fallita dal tribunale di Arezzo sarebbe ascrivibile proprio a Mureddu anche se il 40enne non compare ufficialmente come titolare, le distrazioni patrimoniali ad essa connesse entrerebbero di diritto nel filone bancarotta delle indagini su Banca Etruria.Le cronache si occuparono del faccendiere sardo per le sue rivelazioni sul ruolo di "accompagnatore" di Pierluigi Boschi (padre dell'ex ministro Maria Elena) nel luglio 2014 da Flavio Carboni per individuare un direttore generale per Banca Etruria.(ANSA).

00:46Pallavolo: Superlega, vincono Trento e Perugia

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Risultati della 25/a giornata, 13/a di ritorno, del campionato di Superlega di pallavolo. Revivre Milano-Sir Safety Conad Perugia 0-3 (17-25, 17-25,23-25); Diatec Trentino-Exprivia Molfetta 3-0 (25-14, 25-18, 25-23); Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Top Volley Latina 3-1 (27-25, 29-27, 20-25, 25-23); Calzedonia Verona-Kioene Padova 3-0 (25-15, 25-19, 25-20); LPR Piacenza-Gi Group Monza 2-3 (18-25, 22-25, 28-26, 25-17, 12-15); Biosì Indexa Sora-Bunge Ravenna 0-3 (21-25, 20-25, 18-25); Cucine Lube Civitanova-Azimut Modena domani. Classifica: Civitanova 64 punti; Trento e Perugia 59; Modena e Verona 50; Piacenza 40; Monza 34; Ravenna 32; Vibo Valentia 29; Latina 26; Molfetta e Sora 20; Padova 19; Milano 15. Civitanova e Modena una partita in meno.

00:37Champions: Allegri “Juve paziente e brava,prova di maturità”

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Non è la realizzazione di un sogno: abbiamo fatto una buona partita, soprattutto sul piano della personalità. Dopo i primi cinque minuti di leggera sofferenza abbiamo preso la partita in mano. I ragazzi sono stati bravi, pazienti". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, a Premium dopo la bella vittoria sul Porto. Soddisfazione personale dopo le vicende degli ultimi giorni? "Normale che nell'arco della stagione ci siano dei momenti di tensione - risponde riferendosi alla vicenda Bonucci - sennò ci annoieremmo: diciamo che questa vittoria è arrivata nel momento giusto e nel modo giusto. Siamo entrati nel momento più importante della stagione: dobbiamo affrontare questo momento con entusiasmo, voglia, spensieratezza e incoscienza. Abbiamo ancora ampi margini di miglioramento, ma i ragazzi stasera hanno dato prova di grande maturità".

00:21Champions: Pjaca “più contento del risultato che del gol”

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Sono molto contento. Per noi è una vittoria importante: il gol mi fa felice, ma sono più contento del risultato della squadra. Anche a Torino, però, dovremo giocare seriamente: partire dal 2 a 0 ottenuto qui è un bel vantaggio, ma non dovremo avere cali di concentrazione". Così Marko Pjaca ai microfoni di Premium dopo la partita al 'Do Dragao'. "Se mi sento più titolare? Rispetto le decisioni del mister, io cerco di fare sempre il meglio tutte le volte che vengo chiamato in causa", ha concluso.

Archivio Ultima ora