Renzi rilancia il ponte sullo Stretto, ed è ancora polemica

Pubblicato il 27 settembre 2016 da ansa

Il premier Matteo Renzi a Milano per i 110 anni di Salini Impregilo, 27 settembre 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

Il premier Matteo Renzi a Milano per i 110 anni di Salini Impregilo, 27 settembre 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

MILANO. – Matteo Renzi rilancia il progetto del Ponte sullo Stretto di Messina, storico cavallo di battaglia di Silvio Berlusconi. Per l’annuncio sceglie Milano e la festa per i 110 anni del gruppo Salini-Impregilo alla Triennale, davanti ad una platea di imprenditori e lo stesso numero uno Pietro Salini, che da General Contractor (controlla Eurolink al 49%) si è visto scivolare di mano l’opera nel 2012, sotto il governo Monti, che aveva stanziato 300 milioni per le penali da pagare per la mancata realizzazione.

Con il rilancio di oggi Renzi si rivolge sia agli imprenditori, a cui chiede di “tornare a progettare il futuro”, sia al Mezzogiorno, con la promessa di “creare 100mila posti di lavoro”. Subito gli fa eco l’ex-ministro Maurizio Lupi, che ha annunciato che chiederà alla Commissione Capigruppo della Camera di “iscrivere la proposta di legge sul Ponte sullo Stretto nel calendario dei prossimi tre mesi”.

Ma scatta la polemica, e non solo con le opposizioni. “Non è una priorità, prima bisogna mettere in sicurezza i cittadini colpiti dal terremoto”, attacca la presidente della Camera Laura Boldrini. Ironizza Renato Schifani (FI): “Renzi ora promette mare e ponti”. Possibilista invece il presidente della Commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi: “Se Renzi vuole davvero riprendere il grande progetto del ponte sullo stretto che fu di Craxi e Berlusconi, fa una cosa buona e giusta.

Picchia duro Beppe Grillo: “Il Menomato Morale oggi ha detto che è pronto ad aprire i cordoni della borsa (di soldi pubblici dei cittadini) per far ripartire il progetto del Ponte sullo Stretto, un’opera costosissima, inutile e in piena zona sismica – ha scritto sul suo blog -. M5S è riuscito, grazie a Virginia Raggi, a bloccare le irresponsabili Olimpiadi del 2024 a Roma, ma non siamo ancora riusciti a frenare gli appetiti malsani di chi vuole fare a tutti i costi grandi opere inutili con i soldi dei cittadini”.

Pietro Salini, è “pronto a ripartire domani” e si dice sicuro di poter “completare l’opera in 6 anni”. Già nel 2014 Salini aveva lanciato i primi segnali a Renzi, dicendosi disposto a rinunciare alle penali in cambio di una modifica della rotta del Governo sul ponte. Un altro segnale è giunto da Vittorio Armani, presidente dell’Anas, titolare della società in liquidazione Stretto di Messina: “Siamo pronti a riavviare l’opera – ha detto all’ANSA -, soprattutto ora che a dicembre sarà terminata la Salerno-Reggio Calabria”.

Il presidente dell’Anticorruzione, Raffaele Cantone, si è limitato a dire: “i rischi di infiltrazioni non possono fermare le opere pubbliche”. “Non intervengo sulla opportunità dell’opera, sono scelte di tipo politico. In generale dico che la decisione di realizzare un’opera non può dipendere dall’ esistenza di pericoli, che certo ci sono, ma non possono costituire una condizione ostativa perché si facciano le cose”.

Negativo anche il parere del verde Angelo Bonelli: “errare è umano, perseverare diabolico”. “Contrario al ponte” anche il segretario della Lega, Matteo Salvini, che chiede di “far funzionare i treni, che da Trapani a Ragusa ci mettono 10 ore e mezzo”, mentre per Roberto Maroni l’idea di Renzi “è una presa in giro per la Lombardia”.

La senatrice Loredana De Petris di Sinistra Italiana parla di “tranello di berlusconiana memoria”, mentre secondo il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi (avversario di Renzi nella corsa per la segreteria Pd), il ponte “non è una priorità”. Parla di “boomerang” Renato Brunetta, capogruppo FI alla Camera: “Renzi tira fuori dal cilindro il ponte sullo Stretto per deviare l’attenzione dell’opinione pubblica su un tema che non sia il referendum confermativo”.

Contro il ponte anche il Wwf, che parla di “gesto sconsiderato”: “in oltre 13 anni di nuove progettazioni i proponenti non sono mai riusciti a dimostrare come l’opera, valutata nel 2010 in 8,5 miliardi di euro (oltre mezzo punto di Pil) possa essere ripagata da flussi di traffico veicolare estremamente modesti”.

(di Paolo Verdura/ANSA)

Ultima ora

16:43Matite non indelebili per votare’, scoppia la polemica

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Nasce su Facebook una polemica sulle matite 'non indelebili' che verrebbero usate in alcuni seggi per il voto al referendum. Dopo le denunce di alcuni cittadini in diversi seggi sparsi per l'Italia, arriva quella del cantante Pierò Pelù: 'La matita che ho usato per votare era cancellabile. Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio', scrive in un post e invita a fare lo stesso. Un tema rilanciato da Fulvio Martusciello, europarlamentare di Fi, responsabile dei 'difensori del voto': 'In molti seggi si sta votando con semplici matite. Mi chiedo il perché. Abbiamo già registrato due episodi. Chiediamo a tutti di controllare quanto sta avvenendo'.

16:43Gb: auto killer per telefonino, proposto ergastolo

(ANSA) - LONDRA, 4 DIC - Guidare parlando al telefonino potrebbe costare presto l'ergastolo, in Gran Bretagna, in caso di incidenti mortali. Lo prevede una proposta sposata dal ministro dei Trasporti, Chris Grayling, e destinata a essere annunciata in settimana dal governo. Secondo quanto anticipa oggi il Sunday Telegraph, citando fonti governative, si tratta di "mandare un messaggio chiaro" ai molti automobilisti che continuano a comportarsi in modo pericoloso a dispetto degli episodi di cronaca e delle campagne educative, oltre che di rispondere alle sollecitazioni delle famiglie delle vittime della strada. La proposta contiene nuove "linee guida" normative, con l'innalzamento della pena massima prevista per chi sia riconosciuto colpevole di guida pericolosa e abbia causato la morte di altre persone da 14 anni fino al carcere a vita. Solo nel 2015, 122 persone sono state condannate nel Regno Unito per aver provocato incidenti mentre erano al volante e contemporaneamente telefonavano.

16:41Maltempo: P.Civile, domani temporali sulla Sardegna

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Una perturbazione di origine atlantica, in arrivo sul Mediterraneo occidentale, determinerà da domani una fase perturbata sulla Sardegna, in particolare sui settori orientali e meridionali. Successivamente la perturbazione interesserà anche la Sicilia e la Calabria. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche. L'avviso prevede, dal primo pomeriggio di domani, lunedì 5 dicembre, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani criticità gialla sulla Sardegna meridionale ed occidentale e sulla Calabria ionica e meridionale.(ANSA).

16:34Rapine in villa: irruzione nel Modenese,contuso padrone casa

(ANSA) - MODENA, 4 DIC - Quattro uomini armati hanno rapinato una famiglia di Torre Maina di Maranello, nel Modenese, facendo irruzione nella notte all'interno di una villa. Intorno all' una il gruppo di banditi - da quanto si apprende con accento dell'est Europa e con i volti travisati - dopo essere entrato ha minacciato con pistola la coppia di proprietari presente all'interno e due loro familiari, costringendoli a rimanere in una camera dell'abitazione mentre loro cercavano la cassaforte. Non avendo avuto collaborazione dal padrone di casa, un uomo di 66 anni, lo hanno colpito al volto causandogli lievi lesioni. La cassaforte poi asportata conteneva monili oro e contante. La banda è fuggita in auto. Indagano i carabinieri di Maranello con il nucleo operativo della Compagnia di Sassuolo. (ANSA).

16:29Siria: Idlib, almeno 22 morti in raid aerei

(ANSA) - BEIRUT, 4 DIC - Almeno 22 persone sono morte nei raid aerei compiuti oggi in Siria, presumibilmente dalle forze russe o siriane, tra cui anche tre bambini: i raid avrebbero colpito la città di Kafranbel, nel nordovest del Paese, e non Idlib come riportato in precedenza. Il Kafranbel Media Center gestito da un gruppo di attivisti ha pubblicato una lista di 22 morti, mentre L'Osservatorio siriano per i diritti umani è riuscito a confermare 21 vittime, tra cui agenti della polizia locale.

16:29Cuba: il lungo addio a Fidel, ultimo atto

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 4 DIC - Si è conclusa la cerimonia per la sepoltura delle ceneri di Fidel Castro al cimitero di Santa Ifigenia, a Santiago de Cuba. Il corteo funebre ha percorso i due chilometri da plaza de la Revolucion, dove le ceneri sono state depositate in nottata, al cimitero sulla avenida Patria, mentre sul ciglio della strada migliaia di persone sono tornate a salutare il Comandante. La cerimonia si era aperta con 21 colpi di cannone.

16:27Calcio: Milan-Crotone 2-1, decide Lapadula all’86’

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - Il Milan vince ancora nel segno di Lapadula. A San Siro batte di misura (2-1) e in rimonta un coriaceo Crotone che solo nel finale (86') deve arrendersi all'ennesima magia dell'ex Pescara, arrivato a 4 centri in campionato. Un successo prezioso per i rossoneri che tornano a -4 dalla capolista Juventus. Nell'anticipo della 15ma giornata di campionato, il Milan soffre oltre ogni aspettativa contro gli ultimi in classifica che vanno addirittura in vantaggio con Falcinelli (26'), prima di essere raggiunti a fine primo tempo dal gol di Pasalic. La ripresa è tutta di stampo rossonera, con tanto di rigore (benevolo) concesso per un fallo sul Lapadula: ma Niang si fa ipnotizzare da Cordaz. Sembrerebbe tutto finito ma da una punizione in favore del Milan, esce fuori una palla vagante che Lapadula con freddezza trasforma in oro. Unica nota stonata l'ammonizione di Kucka che farà saltare allo slovacco la trasferta di Roma.

Archivio Ultima ora