Renzi rilancia il ponte sullo Stretto, ed è ancora polemica

Pubblicato il 27 settembre 2016 da ansa

Il premier Matteo Renzi a Milano per i 110 anni di Salini Impregilo, 27 settembre 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

Il premier Matteo Renzi a Milano per i 110 anni di Salini Impregilo, 27 settembre 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

MILANO. – Matteo Renzi rilancia il progetto del Ponte sullo Stretto di Messina, storico cavallo di battaglia di Silvio Berlusconi. Per l’annuncio sceglie Milano e la festa per i 110 anni del gruppo Salini-Impregilo alla Triennale, davanti ad una platea di imprenditori e lo stesso numero uno Pietro Salini, che da General Contractor (controlla Eurolink al 49%) si è visto scivolare di mano l’opera nel 2012, sotto il governo Monti, che aveva stanziato 300 milioni per le penali da pagare per la mancata realizzazione.

Con il rilancio di oggi Renzi si rivolge sia agli imprenditori, a cui chiede di “tornare a progettare il futuro”, sia al Mezzogiorno, con la promessa di “creare 100mila posti di lavoro”. Subito gli fa eco l’ex-ministro Maurizio Lupi, che ha annunciato che chiederà alla Commissione Capigruppo della Camera di “iscrivere la proposta di legge sul Ponte sullo Stretto nel calendario dei prossimi tre mesi”.

Ma scatta la polemica, e non solo con le opposizioni. “Non è una priorità, prima bisogna mettere in sicurezza i cittadini colpiti dal terremoto”, attacca la presidente della Camera Laura Boldrini. Ironizza Renato Schifani (FI): “Renzi ora promette mare e ponti”. Possibilista invece il presidente della Commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi: “Se Renzi vuole davvero riprendere il grande progetto del ponte sullo stretto che fu di Craxi e Berlusconi, fa una cosa buona e giusta.

Picchia duro Beppe Grillo: “Il Menomato Morale oggi ha detto che è pronto ad aprire i cordoni della borsa (di soldi pubblici dei cittadini) per far ripartire il progetto del Ponte sullo Stretto, un’opera costosissima, inutile e in piena zona sismica – ha scritto sul suo blog -. M5S è riuscito, grazie a Virginia Raggi, a bloccare le irresponsabili Olimpiadi del 2024 a Roma, ma non siamo ancora riusciti a frenare gli appetiti malsani di chi vuole fare a tutti i costi grandi opere inutili con i soldi dei cittadini”.

Pietro Salini, è “pronto a ripartire domani” e si dice sicuro di poter “completare l’opera in 6 anni”. Già nel 2014 Salini aveva lanciato i primi segnali a Renzi, dicendosi disposto a rinunciare alle penali in cambio di una modifica della rotta del Governo sul ponte. Un altro segnale è giunto da Vittorio Armani, presidente dell’Anas, titolare della società in liquidazione Stretto di Messina: “Siamo pronti a riavviare l’opera – ha detto all’ANSA -, soprattutto ora che a dicembre sarà terminata la Salerno-Reggio Calabria”.

Il presidente dell’Anticorruzione, Raffaele Cantone, si è limitato a dire: “i rischi di infiltrazioni non possono fermare le opere pubbliche”. “Non intervengo sulla opportunità dell’opera, sono scelte di tipo politico. In generale dico che la decisione di realizzare un’opera non può dipendere dall’ esistenza di pericoli, che certo ci sono, ma non possono costituire una condizione ostativa perché si facciano le cose”.

Negativo anche il parere del verde Angelo Bonelli: “errare è umano, perseverare diabolico”. “Contrario al ponte” anche il segretario della Lega, Matteo Salvini, che chiede di “far funzionare i treni, che da Trapani a Ragusa ci mettono 10 ore e mezzo”, mentre per Roberto Maroni l’idea di Renzi “è una presa in giro per la Lombardia”.

La senatrice Loredana De Petris di Sinistra Italiana parla di “tranello di berlusconiana memoria”, mentre secondo il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi (avversario di Renzi nella corsa per la segreteria Pd), il ponte “non è una priorità”. Parla di “boomerang” Renato Brunetta, capogruppo FI alla Camera: “Renzi tira fuori dal cilindro il ponte sullo Stretto per deviare l’attenzione dell’opinione pubblica su un tema che non sia il referendum confermativo”.

Contro il ponte anche il Wwf, che parla di “gesto sconsiderato”: “in oltre 13 anni di nuove progettazioni i proponenti non sono mai riusciti a dimostrare come l’opera, valutata nel 2010 in 8,5 miliardi di euro (oltre mezzo punto di Pil) possa essere ripagata da flussi di traffico veicolare estremamente modesti”.

(di Paolo Verdura/ANSA)

Ultima ora

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

22:47Calcio: Zamparini, non contento del gioco di Corini

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - "Io credo ancora alla salvezza. Reputo che, con i rinforzi in procinto di essere ingaggiati dal ds Salerno, ci possiamo salvare. Non ero contento del gioco di Corini, per Eugenio era un compito difficile: non è riuscito a cambiare la mentalità della squadra". Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ai microfoni di Sky Sport. "Non abbiamo scelto ancora nessuno per la panchina - ha spiegato il patron del club rosanero -. Diego Lopez sta arrivando in Italia, Salerno lo conosce bene e valuteremo. E' il profilo preferito dal direttore Salerno, io devo conoscerlo un pò, ma il 'mio' direttore ha il 100% della mia fiducia: mi fido di lui".

22:32Sciatore disperso ad Abetone, ritrovato da Soccorso Alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - E' stato ritrovato e sta bene lo sciatore disperso dal tardo pomeriggio di oggi ad Abetone. Si tratta di un 20enne di Massa e Cozzile (Pistoia), che con attrezzatura non idonea (normali sci da pista), si era avventurato in una zona impervia e particolarmente scoscesa, per la quale sarebbero serviti almeno sci da alpinismo e molta esperienza. Intorno alle 17 la batteria del telefono che aveva con sé si è scaricata ed ha perso i contatti con gli amici. A ritrovarlo intorno alle 20.30 sono stati i volontari del Soccorso alpino e gli agenti della polizia di stato in servizio sulle piste da neve.

22:13Sciatore disperso ad Abetone, lo cerca il Soccorso alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - Il Soccorso alpino ha avviato le ricerche di uno sciatore che sarebbe disperso nella zona dell'Alpe delle Tre Potenze, in Val di Luce, ad Abetone (Pistoia). Gli amici, dopo averlo sentito per l'ultima volta alle 17 hanno perso i contatti con l'uomo ed hanno dato l'allarme ai soccorsi. E' partita una squadra di volontari del Soccorso alpino e speleologico toscano per le ricerche. Secondo le prime indicazioni, lo sciatore, avrebbe intrapreso il percorso che va dall'Alpe Tre Potenze (1940 m) verso il Lago Nero.

22:05Calcio: Juventus, Real e Barcellona contro discriminazione

(ANSA) - TORINO, 24 GEN - I presidenti di Juventus, Real Madrid e Barcellona hanno partecipato oggi nella capitale spagnola al lancio dell'iniziativa 'Sin respecto no hay huego', la nuova campagna a favore dell'inclusione e contro ogni forma di discriminazione nel calcio, varata dal Gruppo Prisa in collaborazione con Unesco e alla quale hanno aderito i tre club calcistici. Andrea Agnelli ha ricordato come il 27 novembre 2015 a Parigi la Juventus aveva presentato nella sede dell'Unesco il dossier 'Colour? What colour?', incentrato sui fenomeni legati al razzismo in campo internazionale, progetto che lo stesso club bianconero ha finanziato. "Il documento - ha sottolineato il presidente della Juventus - propone delle misure e degli strumenti volti a favorire l'integrazione. Necessità però dell'aiuto di tutti: istituzioni, club e media. Con l'appoggio di tutti sarà più facile dire 'No al razzismo' e favorire l'inclusione e il rispetto verso gli altri".

22:03F.1: la Fia ringrazia Ecclestone

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - La Fia ringrazia l'ad uscente della F1 management, Bernie Ecclestone, "per più di 40 anni di dedizione alla Federazione". "La Fia - si legge in un comunicato - è stata responsabile della creazione di una struttura normativa per la Formula 1 già nel 1946. La Federazione resta impegnata a regolamentare il Mondiale di F1 in modo equo, sicuro e nel migliore interesse dello sport, come ha cercato di fare sin dall'inizio, 67 anni fa". Il presidente della Fia, Jean Todt, si è congratulato con i nuovi proprietari del Gruppo Formula 1, Liberty media corporation. "Come organo di governo della Formula 1, la Fia dà il benvenuto al nuovo ad, Chase Carey, e a tutta la sua squadra per il campionato", prosegue la nota. "Tutta l'organizzazione della Fia - conclude - non vede l'ora di lavorare a stretto contatto, con l'obiettivo comune di migliorare e crescere ulteriormente lo sport con il supporto delle competenze altamente riconosciute di Liberty media corporation sui media e nel mondo della comunicazione sportiva".

21:35Usa: tabloid, Obama ora in vacanza ai Caraibi

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Gli Obama ora sarebbero in vacanza ai Caraibi. Lo riferisce Tmz secondo cui l'ex famiglia presidenziale avrebbe lasciato Palm Springs in California dopo soli tre giorni a causa del maltempo. Sempre secondo il tabloid, Barack e Michelle sarebbero prima ritornati a Washington, poi di li avrebbero preso un jet privato di Richard Branson, il businessman inglese proprietario della Virgin Atlantic, alla volta dell'isola di Necker, nelle isole Vergini britanniche. Il sito di Tmz mostra una foto in cui l'ex presidente e First Lady posano con delle persone che sembrano delle guardie. Ancora secondo indiscrezioni, Malia e Sasha non avrebbero seguito i genitori a Palm Spring ma probabilmente ora sono ai Caraibi anche se al momento non circola nessuna loro foto.

Archivio Ultima ora