Blitz di Grillo, mette la sordina agli “ortodossi”. Raggi risolva

Pubblicato il 27 settembre 2016 da ansa

Beppe Grillo durante il suo intervento sul palco della festa del M5S a Palermo, in un frame tratto dal profilo Facebook del movimento, 24 settembre 2016. FACEBOOK M5S

Beppe Grillo durante il suo intervento sul palco della festa del M5S a Palermo, in un frame tratto dal profilo Facebook del movimento, 24 settembre 2016.
FACEBOOK M5S

ROMA. – Non è bastata la Festa di Palermo e suo il richiamo quasi incalzante all’unità: con un tweet insolito, morbido solo nella forma, Beppe Grillo si vede costretto a rimettere le mani nel ‘caos’ romano alla luce dell’addio di Salvatore Tutino alla candidatura all’assessorato al Bilancio. Un addio che piomba come un macigno e alimenta quell’ombra della paralisi che i vertici 5 Stelle vogliono assolutamente evitare. Un addio, inoltre, al quale fa seguito il tweet con cui Grillo impone il silenzio dei suoi parlamentari su Roma, a cominciare da quelli di chi, ancora durante la festa di Palermo, non aveva risparmiato veleni sulla gestione della Giunta.

E’ agli ortodossi, insomma, che l’ex comico si rivolge. A chi, come Roberto Fico e Carla Ruocco non aveva lesinato perplessità e quasi “sconcerto” per la probabile nomina di Tutino, l’uomo della ‘Casta’ tanto inviso ai duri e puri del Movimento, l’ennesima eccezione capitolina alla ‘Bibbia’ pentastellata. Basti pensare a come Roberta Lombardi, parlando con la stampa nella seconda giornata della kermesse palermitana, avesse rilevato come Raggi e il M5S corressero su due “strade parallele”. Parole passate non certo inosservate ai vertici del Movimento, al quale quell’intervista pare sia proprio non piaciuta.

Da qui, il tweet preventivo con cui Grillo prova ad evitare un nuovo vespaio: nessuna dichiarazione o intervista su Roma, “grazie di cuore a tutti”. E il richiamo del leader viene preso alla lettera. “Ognuno sa cosa deve fare dei propri pensieri”, sono le parole, calibrate e un po’ freddine, alle quali si limita la capogruppo alla Camera Laura Castelli.

“Io parlo solo del referendum”, taglia corto Alessandro Di Battista rispondendo a chi, in Transatlantico, gli chiede cosa ne pensi. Ma a microfoni spenti molti grillini fanno riferimento al richiamo del “buon padre di famiglia” (come qualche pentastellato lo definisce) che appare in tutto il suo significato: basta con il ‘fuoco amico’ su Raggi, lei non può diventare come Pizzarotti. Il dato resta quindi quello emerso anche a Palermo. La sindaca di Roma, oggi, è “intoccabile”: una sua espulsione avrebbe l’effetto di una slavina fatale per il Movimento, ancor più che l’espulsione di qualche big della Camera.

Ma, di contro, da parte di Grillo cresce anche il pressing perché la sindaca risolva, una volta per tutte, una ‘vacatio’ che rischia di paralizzare il Comune e di danneggiare l’intero Movimento. Perché a Roma, come in tutte le città governate, il Movimento deve fare il Movimento e passare ai fatti, era stato il messaggio dato alla sindaca durante il vertice di Palermo con Grillo e Davide Casaleggio. E, non a caso, dal Campidoglio ribadiscono che entro la settimana la squadra sarà completata.

E Tutino? Era solo uno dei nomi, si sottolinea nel Movimento, su di lui c’erano perplessità sia interne che esterne al 5S romano. Anche perché, si osserva, se Raggi lo avesse davvero voluto al Bilancio lo avrebbe già nominato. La sua rinuncia, insomma, non è stata certo accolta con sorpresa: è solo l’effetto del fatto che Roma sia ormai il terreno di coltura delle tensioni, altissime, nel Movimento nazionale.

(Di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

19:01Calcio: Abatantuono, Donnarumma andrà via

(ANSA) - MILANO, 21 FEB - Gianluigi Donnarumma, che sabato prossimo compirà 18 anni, "è un grande portiere e un grande giocatore, di conseguenza non so ancora quanto potrà restare nel Milan", perchè "è in esatto contrasto con la logica degli acquisti del Milan e quello che è il suo valore di mercato". Lo ha detto Diego Abatantuono, grande tifoso milanista. "A volte vedo in campo una vena di comicità anche da parte di qualche giocatore del Milan - ha aggiunto l'attore -. Visto che lui (Donnarumma, ndr) invece non fa ridere, magari lo prenderà qualcun altro. Ho la sensazione netta, purtroppo che lui non starà a lungo nel Milan, anche se spero che non sarà così". Parlando di Vincenzo Montella, Abatantuono lo ha definito "l'unica star, la vera grande intuizione. Senza l'allenatore quest'anno non avremmo raggiunto nessun risultato" Sul closing "è la cosa più citata ma che non si conclude mai, è difficile da capire, forse proprio perché è cinese". Nessun dubbio invece su Bacca: "Non lo terrei".

18:59Alimentare: perquisizioni Nas per tutela marchi Igp

(ANSA) - UDINE, 21 FEB - Perquisizioni dei Carabinieri del Nas di Udine e dei funzionari dell'Icqrf, Ispettorato Repressione frodi Nord Est, sono in corso in una cinquantina di allevamenti, macelli, abitazioni e studi professionali nelle province di Pordenone, Udine, Gorizia, Milano, Padova, Brescia, Verona, Treviso, Vicenza. Le perquisizioni sono state disposte dalla Procura della Repubblica di Pordenone nell'ambito di indagini per contrastare frodi e illeciti ai danni dei consumatori e per la tutela e qualità delle Indicazioni geografiche tipiche.

18:54Unar: il direttore Spano, ho agito sempre in modo corretto

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Ho deciso di rimettere il mio mandato non perché ritenga di avere responsabilità, perché rivendico la piena correttezza del mio operato in questo anno, ma per rispetto al ruolo affidato all'ufficio che ho avuto l'onore di guidare. Occuparsi di contrasto alle discriminazioni presuppone, infatti, entusiasmo e generosità: due doti che ho provato ad avere sempre in questi mesi e che questa squallida vicenda mi ha tolto": così Francesco Spano, il direttore dell'Unar che ieri si è dimesso dopo le polemiche su alcuni finanziamenti. Spano annuncia poi possibili azioni di difesa: "per quanto mi riguarda valuterò nelle prossime settimane come procedere a tutela della mia onorabilità. Resta la spaventosa considerazione su come la cosiddetta 'macchina del fango' resti l'arma di persone vigliacche che non esitano a denigrare chi compie con lealtà e correttezza il proprio dovere". A difesa di Spano sono intervenuti Arcigay e Anddos, l'associazione al centro delle polemiche.

18:52Pd: Emiliano, mi candido segreteria,nessun può cacciarmi

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "L'avrei voluto fare in assemblea ma il rispetto che ho per Rossi e Speranza non me l'ha consentito. Oggi vi ribadisco che mi candiderò alla segreteria del Pd. Questa è casa mia, casa nostra e nessuno può cacciarmi o cacciarci via". Lo dice Michele Emiliano intervenendo in direzione Pd.

18:50Si lavora per fioritura Castelluccio di Norcia

(ANSA) - PERUGIA, 21 FEB - A Norcia si lavora per aprire un "corridoio" che dia la possibilità ai trattori di "salire fino Castelluccio e fare la semina per la fioritura". Lo ha annunciato il sindaco, Nicola Alemanno. Lo ha fatto durante la presentazione di Nero Norcia, mostra-mercato del tartufo e dei prodotti tipici. "La nostra idea - ha detto Alemanno - è di riuscire ad aprire una strada per tutti proprio in occasione della fioritura a luglio. Per questo ora stiamo vagliando diverse ipotesi che consentirebbero ai trattori di salire a Castelluccio durante il mese di marzo proprio per seminare". "Nella mia amministrazione ho diversi assessori originari di Castelluccio - ha sottolineato ancora il sindaco - e non ci perdoneremmo mai di non aver lavorato con tutte le forse a disposizione per consentire la tradizionale fioritura".

18:49Pd: Orfini, grazie a chi c’è, non mi rassegno agli addii

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Ringrazio chi è qui oggi. Ho sentito in queste ore Emiliano, Rossi e Speranza e ho chiesto loro di partecipare alla direzione e al congresso e continuerò a farlo non rassegnandomi alla scelta di chi ha deciso di non partecipare". Lo dice Matteo Orfini aprendo la direzione del Pd. "Chiedo a chi ha fatto una scelta diversa di ripensarci - sottolinea, con riferimento ai bersaniani e a Rossi - penso ci siano condizioni per andare avanti insieme ed evitare addii. Il congresso serve a questo". "Quanto emerso nel dibattito in assemblea e dopo non è tale da giustificare e rendere inevitabile addii dal nostro partito. Credo che ci siano ancora margini per tenere unito questo partito", conclude. "Alla commissione che nomineremo oggi spetta il compito di raccogliere le diverse posizioni per vedere se si può fare ancora qualche passo per ricomporre le distanze".

18:45Disabili: urla Pif a telefono Crocetta, trova soluzione

(ANSA) - PALERMO, 21 FEB - "Presidente c'è un'emergenza: ci sono 3600 disabili che non hanno assistenza. E' un loro diritto. Se lei non è in grado di dare assistenza a questi disabili, se non sa trovare i fondi si dimetta". Con questo tono Pif si è rivolto al governatore Rosario Crocetta parlandogli al telefono mentre una decina di disabili in sedia a rotelle occupavano la sede della Presidenza della Regione. "Non abbiamo più pazienza - ha aggiunto Pif - deve trovare subito una soluzione definitiva, basta perdite di tempo. Ci deve dire quando. Oggi pomeriggio è già tardi. Deve venire subito perchè noi siamo incazzati, ci sono i disabili che aspettano".

Archivio Ultima ora