Da Messi a Bolt, Totti fa 40 anni e il mondo lo festeggia

Pubblicato il 27 settembre 2016 da ansa

Da Messi a Bolt, Totti fa 40 anni e il mondo lo festeggia

Da Messi a Bolt, Totti fa 40 anni e il mondo lo festeggia

ROMA. – Dalla A di Aldair alla Z di Zeman, passando per una sfilza di Palloni d’oro (Messi, Kakà, Papin, Rivaldo, Ronadinho, Stoichkov, Figo) e star dello sport mondiale come Bolt e Federer. Sono arrivati da tutto il mondo gli auguri a Francesco Totti, che taglia il traguardo dei 40 anni festeggiando in un esclusivo party al Castello di Tor Crescenza.

Oltre 300 gli ospiti al compleanno del capitano della Roma che per l’occasione non ha voluto regali, indicando invece sul biglietto d’invito l’Iban per la donazione che supporterà un progetto benefico. A fare da cornice alla serata mondana – blindatissima e con un rigido dress code (abito richiesto: smoking), che Totti assicura non aver coordinato in prima persona (“hanno organizzato tutto mia moglie Ilary e mia cognata, io non so niente”) – centinaia di auguri ‘virtuali’ via social network, indirizzati al numero 10 giallorosso.

Leo Messi spera di vederlo in campo per altri due anni perché, confessa, “ti ho sempre ammirato e l’ho fatto ancora di più il giorno in cui ti ho conosciuto”. Per Usain Bolt è stato un onore incontrarlo, per questo l’uomo più veloce del mondo spiega di voler “soltanto augurarti un buon compleanno, da una leggenda all’altra”. C’è poi Nadal che gli augura “tutto il meglio per questa stagione”, e l’amico Federer che dalla Svizzera gli dà appuntamento nella Capitale per salutarsi di persona.

Ovviamente la maggior parte dei messaggi arriva dal mondo del calcio, con la Roma schierata al gran completo. Il presidente Pallotta, da Londra, ha aspettato la mezzanotte per inviare il suo messaggio, mentre a Trigoria lo hanno festeggiato con un serie di video. Spalletti ha optato per l’ironia spiegando di aver scelto come regalo per il n.10 una riproduzione della DeLorean, la macchina del tempo di ‘Ritorno al futuro’, e per la moglie Ilary il singolo di Mia Martini ‘Piccolo Uomo’.

Tra i messaggi più sentiti poi quello di De Rossi (“Mi sembra ieri che eravamo giovani, belli come il sole, single. Ti voglio bene amico mio”), mentre tra gli ex compagni c’è Cassano: “Puoi giocare facilmente anche per altri 5 anni per quello che stai dimostrando. Sono orgoglioso e contento di aver giocato con te, mi raccomando continua a dar spettacolo, sei il numero 10 più forte della storia italiana”.

Tanto da meritarsi un tributo trasversale, con auguri provenienti da praticamente tutti i grandi campioni affrontati in campo nel corso degli anni. Ci sono Mancini e Nesta, Vieri e Zanetti, Pirlo e Cannavaro, Maldini e Del Piero, Casillas e Torres, oltre al portoghese Figo che si scusa “per averti rubato il Pallone d’Oro nel 2000, lo meritavi tu!”.

Anche se il trofeo non è mai arrivato, né la Uefa né la Fifa si dimenticano di celebrare il n.10. La federazione internazionale, che invia anche una lettera a Totti da parte del presidente Infantino, incappa però nella gaffe sbagliando su Twitter il nome (cinguetta “buon compleanno Fernando”) dovendo chiedere poi pubblicamente scusa.

Nessun errore invece da parte di Falcao e Maradona, anche loro nella lunga lista che annovera pure vip del mondo dello spettacolo (Verdone, Fiorello, Gassman, Favino, De Filippi, Costanzo), cantanti (Ligabue, Baglioni, Britti) e politici. Il compleanno di Totti riesce infatti nell’impresa di mettere tutti d’accordo, dal premier Renzi a D’Alema, oltre che Salvini e la sindaca Raggi.

Ultima ora

19:01Calcio: Abatantuono, Donnarumma andrà via

(ANSA) - MILANO, 21 FEB - Gianluigi Donnarumma, che sabato prossimo compirà 18 anni, "è un grande portiere e un grande giocatore, di conseguenza non so ancora quanto potrà restare nel Milan", perchè "è in esatto contrasto con la logica degli acquisti del Milan e quello che è il suo valore di mercato". Lo ha detto Diego Abatantuono, grande tifoso milanista. "A volte vedo in campo una vena di comicità anche da parte di qualche giocatore del Milan - ha aggiunto l'attore -. Visto che lui (Donnarumma, ndr) invece non fa ridere, magari lo prenderà qualcun altro. Ho la sensazione netta, purtroppo che lui non starà a lungo nel Milan, anche se spero che non sarà così". Parlando di Vincenzo Montella, Abatantuono lo ha definito "l'unica star, la vera grande intuizione. Senza l'allenatore quest'anno non avremmo raggiunto nessun risultato" Sul closing "è la cosa più citata ma che non si conclude mai, è difficile da capire, forse proprio perché è cinese". Nessun dubbio invece su Bacca: "Non lo terrei".

18:59Alimentare: perquisizioni Nas per tutela marchi Igp

(ANSA) - UDINE, 21 FEB - Perquisizioni dei Carabinieri del Nas di Udine e dei funzionari dell'Icqrf, Ispettorato Repressione frodi Nord Est, sono in corso in una cinquantina di allevamenti, macelli, abitazioni e studi professionali nelle province di Pordenone, Udine, Gorizia, Milano, Padova, Brescia, Verona, Treviso, Vicenza. Le perquisizioni sono state disposte dalla Procura della Repubblica di Pordenone nell'ambito di indagini per contrastare frodi e illeciti ai danni dei consumatori e per la tutela e qualità delle Indicazioni geografiche tipiche.

18:54Unar: il direttore Spano, ho agito sempre in modo corretto

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Ho deciso di rimettere il mio mandato non perché ritenga di avere responsabilità, perché rivendico la piena correttezza del mio operato in questo anno, ma per rispetto al ruolo affidato all'ufficio che ho avuto l'onore di guidare. Occuparsi di contrasto alle discriminazioni presuppone, infatti, entusiasmo e generosità: due doti che ho provato ad avere sempre in questi mesi e che questa squallida vicenda mi ha tolto": così Francesco Spano, il direttore dell'Unar che ieri si è dimesso dopo le polemiche su alcuni finanziamenti. Spano annuncia poi possibili azioni di difesa: "per quanto mi riguarda valuterò nelle prossime settimane come procedere a tutela della mia onorabilità. Resta la spaventosa considerazione su come la cosiddetta 'macchina del fango' resti l'arma di persone vigliacche che non esitano a denigrare chi compie con lealtà e correttezza il proprio dovere". A difesa di Spano sono intervenuti Arcigay e Anddos, l'associazione al centro delle polemiche.

18:52Pd: Emiliano, mi candido segreteria,nessun può cacciarmi

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "L'avrei voluto fare in assemblea ma il rispetto che ho per Rossi e Speranza non me l'ha consentito. Oggi vi ribadisco che mi candiderò alla segreteria del Pd. Questa è casa mia, casa nostra e nessuno può cacciarmi o cacciarci via". Lo dice Michele Emiliano intervenendo in direzione Pd.

18:50Si lavora per fioritura Castelluccio di Norcia

(ANSA) - PERUGIA, 21 FEB - A Norcia si lavora per aprire un "corridoio" che dia la possibilità ai trattori di "salire fino Castelluccio e fare la semina per la fioritura". Lo ha annunciato il sindaco, Nicola Alemanno. Lo ha fatto durante la presentazione di Nero Norcia, mostra-mercato del tartufo e dei prodotti tipici. "La nostra idea - ha detto Alemanno - è di riuscire ad aprire una strada per tutti proprio in occasione della fioritura a luglio. Per questo ora stiamo vagliando diverse ipotesi che consentirebbero ai trattori di salire a Castelluccio durante il mese di marzo proprio per seminare". "Nella mia amministrazione ho diversi assessori originari di Castelluccio - ha sottolineato ancora il sindaco - e non ci perdoneremmo mai di non aver lavorato con tutte le forse a disposizione per consentire la tradizionale fioritura".

18:49Pd: Orfini, grazie a chi c’è, non mi rassegno agli addii

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Ringrazio chi è qui oggi. Ho sentito in queste ore Emiliano, Rossi e Speranza e ho chiesto loro di partecipare alla direzione e al congresso e continuerò a farlo non rassegnandomi alla scelta di chi ha deciso di non partecipare". Lo dice Matteo Orfini aprendo la direzione del Pd. "Chiedo a chi ha fatto una scelta diversa di ripensarci - sottolinea, con riferimento ai bersaniani e a Rossi - penso ci siano condizioni per andare avanti insieme ed evitare addii. Il congresso serve a questo". "Quanto emerso nel dibattito in assemblea e dopo non è tale da giustificare e rendere inevitabile addii dal nostro partito. Credo che ci siano ancora margini per tenere unito questo partito", conclude. "Alla commissione che nomineremo oggi spetta il compito di raccogliere le diverse posizioni per vedere se si può fare ancora qualche passo per ricomporre le distanze".

18:45Disabili: urla Pif a telefono Crocetta, trova soluzione

(ANSA) - PALERMO, 21 FEB - "Presidente c'è un'emergenza: ci sono 3600 disabili che non hanno assistenza. E' un loro diritto. Se lei non è in grado di dare assistenza a questi disabili, se non sa trovare i fondi si dimetta". Con questo tono Pif si è rivolto al governatore Rosario Crocetta parlandogli al telefono mentre una decina di disabili in sedia a rotelle occupavano la sede della Presidenza della Regione. "Non abbiamo più pazienza - ha aggiunto Pif - deve trovare subito una soluzione definitiva, basta perdite di tempo. Ci deve dire quando. Oggi pomeriggio è già tardi. Deve venire subito perchè noi siamo incazzati, ci sono i disabili che aspettano".

Archivio Ultima ora