Renzi mobilita il Pd, ma la minoranza fa campagna per il NO

Pubblicato il 27 settembre 2016 da ansa

Referendum: Renzi punta sugli indecisi.

Referendum: Renzi punta sugli indecisi.

ROMA. – La campagna referendaria è “una rissa più dura di quella del confronto tra Hillary Clinton e Donald Trump”, dice Romano Prodi, da osservatore esterno deciso a “non pronunciarsi neanche sotto tortura” su come voterà. E i toni del confronto, nel primo giorno di campagna sul referendum costituzionale dopo l’indizione del voto per il 4 dicembre, sembrano dargli ragione.

I partiti del No insorgono per il rilancio di Matteo Renzi sul Ponte sullo Stretto. E il confronto si sposta su quel fronte, con picchi come quello di Beppe Grillo, che dà del “menomato morale” al premier. Ma i dirigenti Pd scrollano le spalle: ogni giorno il fronte del No cerca uno spunto polemico – affermano – ora è il momento di parlare agli elettori.

L’indicazione del Nazareno non lascia ombra di dubbio: tutti mobilitati, per i prossimi settanta giorni. Matteo Renzi, Maria Elena Boschi, ma anche parlamentari e dirigenti Dem. Con iniziative a tappeto che culmineranno nel weekend della Leopolda, il 13 o 20 novembre. Agende pienissime, per andare a spiegare di persona a quanti più cittadini possibile le ragioni del Sì. Perché ci saranno le affissioni – il taglio dei parlamentari sarà uno degli temi più marcati – ma conta più il ‘porta a porta’.

Un pezzo di partito, però, non è sul fronte del Sì. Roberto Speranza e Pier Luigi Bersani hanno tenuto uno spiraglio aperto: se arriveranno novità concrete sulle modifiche alla legge elettorale entro il prossimo mese, sono disponibili a cambiare idea. Ma i segnali dicono tutti che di Italicum si tornerà a parlare sul serio solo dopo il referendum e dunque al momento il loro voto, così come quello di parlamentari e dirigenti locali di Sinistra riformista, è No.

Non formeranno comitati, al contrario di Massimo D’Alema. E, con una iniziativa che si terrà il 7 o 8 ottobre, proveranno a rilanciare sui temi sociali ed economici (“Sono centrali”) con le loro proposte per la legge di stabilità. Ma c’è chi sta facendo campagna per il No. Come Miguel Gotor, che domenica scorsa ha partecipato a un dibattito al circolo Pd di via dei Giubbonari a Roma per difendere le tesi contro la riforma e lo farà ad altri eventi nei prossimi giorni.

Gianni Cuperlo, che ha inviato al premier un appello ancora senza risposta, tiene una posizione più interlocutoria. Ma nella sinistra Pd trapela “sconcerto e preoccupazione” per una mossa, come quella dell’impegno di Renzi per il Ponte sullo Stretto, che più di un esponente della minoranza Dem definisce “berlusconiana”.

I renziani spiegano che il Ponte sullo stretto parla anche all’elettorato del Sud ma si inserisce in una più complessiva scommessa sulle Infrastrutture per il Paese. La priorità, assicurano, resta completare prima la Salerno-Reggio Calabria, l’alta velocità fino a Puglia e Calabria e le ferrovie in Sicilia. Ma dire fin d’ora No a un’opera come il Ponte sarebbe dire No al futuro, come ha fatto il M5s sulle Olimpiadi. Questo il ragionamento che marcherà tutta la campagna.

Ma alta resta anche l’attenzione a tenere il dibattito nel merito della riforma e non sul governo. Renzi si confronterà venerdì sera in tv con il professor Gustavo Zagrebelsky, esponente del No. E Boschi ricorda: “Non si vota sulla simpatia del governo”. Ma la presidente della Camera Laura Boldrini fa un passo ulteriore: “Non si deve arrivare al giudizio universale. E’ un referendum importante ma il giorno dopo noi dovremmo continuare a svolgere il nostro lavoro”, avverte.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora