A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

Pubblicato il 27 settembre 2016 da redazione

A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

NEW YORK – Nessun dubbio, la vincitrice del primo dibattito è stata Hillary Clinton. Su questo tutti sono d’accordo. Avvocato, senatrice, ex First Lady, ex Segretario di Stato, abituata al confronto, la candidata dei democratici è una politica navigata. E lo ha dimostrato l’altra sera davanti a milioni di telespettatori – un record di ascolto, mai tanti americani avevano seguito un dibattito tra aspiranti alla Casa Bianca – nella Hofstra University.

Se il linguaggio corporale ha la sua importanza, allora l’ex First lady ha sicuramente trasmesso controllo, sicurezza e serenità. I suoi sorrisi, quello strizzare l’occhio alla platea – e quindi agli americani davanti al televisore –, quei movimenti pacati delle mani hanno pesato più di mille parole.

Dal canto suo, Donald Trump è apparso a disagio, teso, mai col sorriso sulle labbra. E poi, quel continuo portarsi il bicchiere d’acqua alla bocca, ha trasmesso tutto il suo nervosismo e imbarazzo. Il “Tycoon” per la prima volta è apparso insicuro.

Clinton, nel corso del dibattito, si è mostrata più ferrata sugli argomenti al centro del dibattito. Non che non ci siano stati passaggi in cui l’avversario non sia riuscito a metterla in difficoltà. Ma l’ex Segretario di Stato è sempre riuscita a superarli. Complice, è il caso di dirlo, la mancanza di aggressività da parte del magnate del mattone.

Gli argomenti affrontati, nel corso di 90 minuti di dibattito accanito e senza sosta, sono stati economia, sicurezza, politica estera e questioni razziali. Tutti di estrema attualità, visto la recessione dalla quale gli Stati uniti stanno uscendo lentamente, il recente attentato a New York, la guerra all’Isis e la questione Siria, e i fattacci che hanno sconvolto Charlotte. I due aspiranti alla Casa Bianca hanno esposto i loro punti di vista e mostrato quanto diverse siano le posizioni sull’America che si vuole costruire.

Clinton si è mostrata molto più ferrata in temi di politica internazionale. E c’era da scommetterci. Dopotutto, è stata Segretario di Stato. Quindi, conosce bene, molto bene come si tessono le trame della diplomazia. Ma non è tutto. Ha anche dimostrato di essersi ben preparata su tutto quanto riguardasse il suo “competitor”.

Trump, invece, è rimasto a lungo sulla difensiva. Ha ripetuto frasi fatte e le sue promesse elettorali. Un passaggio interessante è stato quando ha attaccato i democratici sugli impegni presi in materia di lavoro e impiego. Ma la candidata dei democratici ha saputo alla fine aggirare l’ostacolo accusandolo di essere un uomo ricco e corrotto, non in contatto con il paese e timoroso di rendere pubblici i propri bilanci.

Può sembrare un paradosso, ma le limitazioni mostrate in questo primo dibattito da Donald Trump sono state la sua forza. Trump, per la prima volta, è apparso presidenziale. La paura di sbagliare, di fare qualche scivolone eclatante, e sicuramente a seguito dei consigli dei suoi consulenti, sono alla base dell’atteggiamento più pacato di Trump che ha moderato i toni che lo fanno apparire un candidato non idoneo a dirigere una potenza mondiale.

Ma l’autocontrollo, mostrato nel dibattito, lo ha privato della sua migliore arma, quella della spontaneità, della provocazione e del “politicamente scorretto”. E la strada è apparsa tutta in discesa per una Clinton che ha saputo approfittarne imponendo il ritmo del dibattito.

Mancano ancora due confronti “face to face” e probabilmente molte cose cambieranno. Gli analisti si domandano quanto peso avranno sulle decisioni degli elettori e, secondo Lucia Annunziata, direttrice dell’Huffington, non sembrerebbero decisivi. Annunziata, al commentare il primo incontro ha scritto:

“L’America è molto divisa, le persone che effettivamente decideranno sono una minima percentuale dei 100 milioni che hanno visto il dibattito. Di solito i due candidati se ne vanno ognuno con il pacchetto di voti che già avevano, non penso che la situazione sia necessariamente cambiata”.

Ci saranno altri due incontri e molta strada ancora da percorrere. Per il momento l’America è divisa e la suspense probabilmente durerà fino all’8 novembre. E’ vero che i dibattiti sono importanti ma non bisogna dimenticare che a fare la differenza saranno gli eventi: il terrorismo, le vicende internazionali, la situazione economica. E, naturalmente, peserà il modo come ognuno dei candidati sapranno affrontarli.

(Mariza Bafile)

Ultima ora

13:58Calcio:Milan, Galliani,battendo Crotone scenari interessanti

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - Il Milan non deve sottovalutare la sfida dell'ora di pranzo con il Crotone "perché è un orario tradizionalmente ostico" e perché un successo "aprirebbe scenari veramente interessanti". Questo il pensiero dell'ad rossonero Adriano Galliani poco prima della partita con i calabresi. "Le 12.30 sono un orario tradizionalmente ostico per noi, facciamo fatica, speriamo che i giocatori si siano svegliati bene stamattina - ha notato Galliani -. Il Crotone lascia punti in giro ma dopo aver lottato fino alla fine. Sarebbe fondamentale arrivare con una vittoria alla partita di lunedì prossimo con la Roma, si aprirebbero scenari veramente interessanti".

13:56Milan: Galliani, mercato gennaio condiviso con cinesi

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - "Con le regole attuali sarò io a gestire il mercato, e qualsiasi operazione dovrà essere condivisa dalla Sino-Europe Sports". L'ad del Milan Adriano ha confermato che, con la proroga a febbraio del closing per la cessione ai cinesi del club, la gestione del mercato invernale sarà "molto simile a quella di agosto: noi faremo le proposte, se i potenziali acquirenti non le accettano non si fanno. Il mercato - ha detto a Premium Sport prima di Milan-Crotone - è gestito da noi e condiviso, perché siamo in un 'interim period', come si dice nel mondo del business. Non è incertezza, è un dato di fatto".

13:53Referendum: governatore Pigliaru ha votato a Cagliari

(ANSA) - CAGLIARI, 4 DIC - Il governatore della Sardegna Francesco Pigliaru ha votato intorno alle 11.30 nel suo seggio n.106 alla scuola elementare Satta di via Crispi, a Cagliari. A favore del Sì per la riforma costituzionale, il presidente della Regione seguirà lo spoglio dalla sua abitazione, come è abituato a fare in occasione di consultazioni elettorali. Alla domanda dell'ANSA circa una previsione sull'esito del voto, Pigliaru non si è sbilanciato limitandosi a commentare: "vedo molta gente ai seggi, su come andrà vedremo". (ANSA).

13:52Pugilato: trovato accordo Mondiale massimi Joshua-Klitschko

(ANSA) - LONDRA, 4 DIC - E' stato trovato l'accordo per far disputare la supersfida per il Mondiale dei pesi massimi Wba tra il britannico Anthony Joshua, attuale detentore del titolo Ibf, e l'ex campione della categoria Wladimir Klitschko, dominatore per anni della categoria e ora fermo da un anno. La corona in palio sarà quella lasciata vacante dall'altro britannico Tyson Fury, ritiratosi per problemi di doping e depressione. Il match fra Joshua e Klitschko si disputerebbe, secondo quanto hanno fatto sapere fonti vicine ai due pugili, il 29 aprile del prossimo anno nello stadio londinese di Wembley. L'annuncio ufficiale verra' dato sabato prossimo, 10 dicembre, a Manchester al termine della difesa del titolo da parte di Joshua, dato come strafavorito, contro Eric Molina, texano che oltre a fare il pugile insegna ai bambini disabili. Sia Klitschko che Joshua sono stati campioni olimpici dei supermassimi: l'ucraino ad Atlanta 1996, il britannico, con verdetto discutibile ai danni dell'azzurro Roberto Cammarelle, a Londra nel 2012.

13:50Parte progetto chef Bottura, cena 60 persone in difficoltà

(ANSA) - MODENA, 4 DIC - Da domani, ogni lunedì sera, presso la mensa della Ghirlandina gli chef del Consorzio Modena a Tavola prepareranno 60 pasti per chi non se li può permettere. E' il progetto di Massimo Bottura 'Socialtables@Ghirlandina', la nuova mensa solidale fortemente voluta dallo chef pluristellato anche nella sua città, dopo le esperienze di Milano, Rio e Bologna. Il primo ai fornelli sarà Luca Marchini, del ristorante 'L'erba del Re' e presidente del Consorzio. In tavola verranno portate ricette della tradizione locale, grazie agli chef che hanno aderito all'iniziativa e che si avvicenderanno in cucina. Quindi le materie prime parleranno di un territorio particolarmente vocato all'agroalimentare, la tavola celebrerà le ricette della tradizione locale. Per ora gli appuntamenti in calendario sono 14 ma l'iniziativa proseguirà ad oltranza vista l'adesione e l'entusiasmo di tutti i ristoratori del circuito. "Di refettori che aprano le porte al prossimo - commenta Marchini - ce n'è immenso bisogno anche sotto casa". (ANSA).

13:43Casa in fiamme per termocoperta, coniugi gravi a Genova

(ANSA) - GENOVA, 4 DIC - Due coniugi sono rimasti feriti in modo grave per un'incendio divampato la scorsa notte nella loro abitazione al civico 65 di via Posalunga a Genova. Il rogo è scaturito a quanto risulta da una termocoperta mal funzionante. I feriti sono Michele Siracusano, 49 anni, e Gloria Marauda, 54 anni, disabile con problemi motori. Il primo è in condizioni gravissime nel centro grandi ustionati dell'ospedale Villa scassi di Sampierdarena con ustioni sull'80% del corpo. La moglie è ricoverata nella sala di rianimazione dell'ospedale San Martino in coma farmacologico indotto dai medici. Non è in pericolo di vita. La donna è stata colpita da calcinacci caduti dal soffitto a causa del calore. I primi ad intervenire in soccorso sono stati i carabinieri che dopo avere abbattuto la porta sono stati respinti dal fumo e dal calore. I pompieri muniti di autoprotettori sono riusciti a mettere in salvo i due.

13:43Referendum: Renzi vota, “Come? Ora ci penso…”

(ANSA) - FIRENZE, 4 DIC - Folla di giornalisti, fotografi e cameramen alla sezione elettorale n.3 di Pontassieve (Firenze), dove il premier Matteo Renzi ha votato stamani, attorno alle 11. Renzi, accompagnato da moglie e figli, ha atteso in coda una decina di minuti per prendere la scheda. Nessuna dichiarazione, molti selfie con le persone fuori dal seggio e un siparietto con una elettrice che gli ha chiesto: "Presidente, ha già deciso come vota?". E Renzi, scherzando, "Beh, ora ci penso...". Il premier si è poi informato su come stesse andando l'affluenza e, quando uno scrutatore gli ha risposto che era in linea con quella delle elezioni europee, ha commentato sorridendo: "Allora va bene".

Archivio Ultima ora