A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

Pubblicato il 27 settembre 2016 da redazione

A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

NEW YORK – Nessun dubbio, la vincitrice del primo dibattito è stata Hillary Clinton. Su questo tutti sono d’accordo. Avvocato, senatrice, ex First Lady, ex Segretario di Stato, abituata al confronto, la candidata dei democratici è una politica navigata. E lo ha dimostrato l’altra sera davanti a milioni di telespettatori – un record di ascolto, mai tanti americani avevano seguito un dibattito tra aspiranti alla Casa Bianca – nella Hofstra University.

Se il linguaggio corporale ha la sua importanza, allora l’ex First lady ha sicuramente trasmesso controllo, sicurezza e serenità. I suoi sorrisi, quello strizzare l’occhio alla platea – e quindi agli americani davanti al televisore –, quei movimenti pacati delle mani hanno pesato più di mille parole.

Dal canto suo, Donald Trump è apparso a disagio, teso, mai col sorriso sulle labbra. E poi, quel continuo portarsi il bicchiere d’acqua alla bocca, ha trasmesso tutto il suo nervosismo e imbarazzo. Il “Tycoon” per la prima volta è apparso insicuro.

Clinton, nel corso del dibattito, si è mostrata più ferrata sugli argomenti al centro del dibattito. Non che non ci siano stati passaggi in cui l’avversario non sia riuscito a metterla in difficoltà. Ma l’ex Segretario di Stato è sempre riuscita a superarli. Complice, è il caso di dirlo, la mancanza di aggressività da parte del magnate del mattone.

Gli argomenti affrontati, nel corso di 90 minuti di dibattito accanito e senza sosta, sono stati economia, sicurezza, politica estera e questioni razziali. Tutti di estrema attualità, visto la recessione dalla quale gli Stati uniti stanno uscendo lentamente, il recente attentato a New York, la guerra all’Isis e la questione Siria, e i fattacci che hanno sconvolto Charlotte. I due aspiranti alla Casa Bianca hanno esposto i loro punti di vista e mostrato quanto diverse siano le posizioni sull’America che si vuole costruire.

Clinton si è mostrata molto più ferrata in temi di politica internazionale. E c’era da scommetterci. Dopotutto, è stata Segretario di Stato. Quindi, conosce bene, molto bene come si tessono le trame della diplomazia. Ma non è tutto. Ha anche dimostrato di essersi ben preparata su tutto quanto riguardasse il suo “competitor”.

Trump, invece, è rimasto a lungo sulla difensiva. Ha ripetuto frasi fatte e le sue promesse elettorali. Un passaggio interessante è stato quando ha attaccato i democratici sugli impegni presi in materia di lavoro e impiego. Ma la candidata dei democratici ha saputo alla fine aggirare l’ostacolo accusandolo di essere un uomo ricco e corrotto, non in contatto con il paese e timoroso di rendere pubblici i propri bilanci.

Può sembrare un paradosso, ma le limitazioni mostrate in questo primo dibattito da Donald Trump sono state la sua forza. Trump, per la prima volta, è apparso presidenziale. La paura di sbagliare, di fare qualche scivolone eclatante, e sicuramente a seguito dei consigli dei suoi consulenti, sono alla base dell’atteggiamento più pacato di Trump che ha moderato i toni che lo fanno apparire un candidato non idoneo a dirigere una potenza mondiale.

Ma l’autocontrollo, mostrato nel dibattito, lo ha privato della sua migliore arma, quella della spontaneità, della provocazione e del “politicamente scorretto”. E la strada è apparsa tutta in discesa per una Clinton che ha saputo approfittarne imponendo il ritmo del dibattito.

Mancano ancora due confronti “face to face” e probabilmente molte cose cambieranno. Gli analisti si domandano quanto peso avranno sulle decisioni degli elettori e, secondo Lucia Annunziata, direttrice dell’Huffington, non sembrerebbero decisivi. Annunziata, al commentare il primo incontro ha scritto:

“L’America è molto divisa, le persone che effettivamente decideranno sono una minima percentuale dei 100 milioni che hanno visto il dibattito. Di solito i due candidati se ne vanno ognuno con il pacchetto di voti che già avevano, non penso che la situazione sia necessariamente cambiata”.

Ci saranno altri due incontri e molta strada ancora da percorrere. Per il momento l’America è divisa e la suspense probabilmente durerà fino all’8 novembre. E’ vero che i dibattiti sono importanti ma non bisogna dimenticare che a fare la differenza saranno gli eventi: il terrorismo, le vicende internazionali, la situazione economica. E, naturalmente, peserà il modo come ognuno dei candidati sapranno affrontarli.

(Mariza Bafile)

Ultima ora

00:40Terremoto: tre scosse nelle Marche

(ANSA) - ANCONA, 28 APR - Tre scosse di terremoto si sono susseguite nel giro di mezz'ora nelle Marche. La prima, di magnitudo 3.5 é stata registrata con epicentro a Preci alle 23.09 dai sismografi dell'Ingv. Successivamente sono stati registrati altri due eventi di magnitudo 4 e 4.1 sempre nel Maceratese ma con epicentro a Visso, rispettivamente alle 23.16 e 23.19. Le scosse sono state distintamente avvertite dalla popolazione.

23:53Brexit: May, contro toni duri Merkel serve leader Gb forte

(ANSA) - LONDRA, 27 APR - I toni duri di Angela Merkel verso Londra dimostrano che la Gran Bretagna ha bisogno di un leader fermo per negoziare la Brexit da posizioni forti. Così Theresa May in un comizio elettorale tenuto stasera nella provincia inglese. La premier Tory ha sostenuto che il capo dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, favorevole a una linea negoziale più soft con l'Ue sarebbe troppo "debole" al tavolo delle trattative con Bruxelles. "Abbiamo visto oggi parlare la cancelliera Merkel, ne abbiano ascoltato le dichiarazioni e abbiamo visto come, in effetti, ci saranno momenti in cui i negoziati potranno essere duri", ha sottolineato May. Per questo ha chiesto anche agli elettori laburisti di votare per lei affinché il Regno Unito abbia "la mano più forte possibile". Dalle elezioni dell'8 giugno possono uscire solo due premier alternativi, ha insistito: "e la scelta è fra cinque anni di leadership forte e stabile con me e una coalizione del caos con alla guida Jeremy Corbyn, un leader debole nel negoziare la Brexit".

23:49Francia: Macron con giovani banlieue, ‘Le Pen qui non viene’

(ANSA) - PARIGI, 27 APR - Costretto ieri alla svolta del bagno di folla nella fabbrica di Amiens, Emmanuel Macron gioca adesso d'anticipo e incalza Marine Le Pen. Questo pomeriggio, in una visita nella banlieue parigina di Sarcelles, è rimasto a lungo fra i ragazzi di un club di sport. I giovani di un'associazione per l'inserimento nello sport, dove si è recato in visita l'aspirante presidente, hanno attorniato Macron facendogli domande sulle sue proposte per l'inserimento di chi vive in banlieue. "E' insopportabile che si venga discriminati a parità di meriti - ha risposto Macron firmando autografi e stringendo mani - voi dovete però sapere che la preparazione è importantissima". Poi la stoccata a Marine Le Pen, in comizio a Nizza: "Il programma per i giovani di banlieue è una delle tante differenze con Marine Le Pen", ha detto Macron. "Lei qui non viene, non può venire. Perché lei dice solo che quelli come voi se ne devono andare".

23:49Venezuela, proteste, denunciato l’arresto di 14 giornalisti

(ANSA) - CARACAS, 27 APR - Il sindacato nazionale dei giornalisti venezuelani (Sntp) ha denunciato che negli ultimi 25 giorni sono stati arrestati 14 cronisti o tecnici dei media audiovisivi mentre coprivano le proteste di piazza convocate dall'opposizione contro il governo di Nicolas Maduro. Secondo un comunicato del Sntp, dall'inizio della nuova ondata di manifestazioni si sono registrati 90 attacchi contro la libertà di informazione, con 106 cronisti o tecnici vittime di aggressioni che sono attribuibili all'80% alla Guardia Nazionale, la principale forza antisommossa usata dal governo contro la protesta. I relatori per la libertà di stampa dell'Onu e della Commissione interamericana per i diritti umani, David Kaye ed Edison Lanza, hanno esortato il governo di Caracas a "liberare immediatamente tutti coloro che sono stati detenuti perché svolgevano il loro lavoro di giornalisti" e "rispettare il diritto alla libertà di espressione e di opinione".

23:45Gb: regina senza corona a cerimonia inaugurazione Parlamento

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Per la prima volta in oltre 40 anni la regina Elisabetta II non indosserà la corona imperiale di stato e vestirà in modo informale, senza mantello e strascico, in occasione della cerimonia di inaugurazione del Parlamento britannico che si terrà a fine giugno dopo le prossime elezioni generali. Lo scrive il Telegraph, precisando che la prima volta che la sovrana non portò la corona in tale occasione avvenne nel marzo del 1974, mentre nel 1984 venne anche cancellato il servizio dell'ordine della Giarrettiera, l'ordine cavalleresco più importante del Regno Unito. Il cambio di programma, annunciato oggi da Buckingham Palace, prevede che l'apertura del Parlamento avverrà il 19 giugno. Secondo alcuni analisti la scelta della data permetterebbe alla regina di partecipare ad Ascot che si tiene dal 20 al 24 giugno.

23:45Usa: United patteggia con passeggero trascinato da volo

(ANSA) - WASHINGTON, 27 APR - Il medico del Kentucky, David Dao, che era stato trascinato via da un volo United lo scorso nove aprile dopo essersi rifiutato di cedere il suo posto ad un membro dell'equipaggio, ha raggiunto un accordo con la linea aerea, il cui ammontare non e' stato rivelato rimarrà confidenziale. Lo hanno annunciato gli avvocati di Dao. Le immagini di Dao trascinato con forza fuori dall'aereo erano diventate immediatamente virali sul web, suscitando una marea di critiche e scandalizzando il mondo intero.

23:40Francia: ‘Né Le Pen, né Macron’, la protesta degli studenti

(ANSA) - PARIGI, 27 APR - 'Ni Marine, ni Macron, ni patrie, ni patron', 'Né Marine, né Macron, né patria, né padrone': lo slogan degli studenti delusi dai vincitori del primo turno delle elezioni presidenziali, Marine Le Pen del Front National ed Emmanuel Macron di En Marche!, è eloquente. La protesta non è stata solo verbale ma oggi si sono mobilitati una ventina di licei di Parigi con momenti di tensione con le forze dell' ordine, come anche a Rennes, in Bretagna. Le entrate di alcuni licei di Parigi bloccate da picchetti di protesta. Gli studenti, tramite social network, si sono dati appuntamento a place de la République per manifestare soprattutto contro il Front National: erano circa 500 e si sono diretti nella vicina place de la Bastille. La tensione è ben preso salita: c'é stato un lancio di oggetti con tafferugli e la polizia è intervenuta con i gas lacrimogeni.(ANSA).

Archivio Ultima ora