A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

Pubblicato il 27 settembre 2016 da redazione

A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

NEW YORK – Nessun dubbio, la vincitrice del primo dibattito è stata Hillary Clinton. Su questo tutti sono d’accordo. Avvocato, senatrice, ex First Lady, ex Segretario di Stato, abituata al confronto, la candidata dei democratici è una politica navigata. E lo ha dimostrato l’altra sera davanti a milioni di telespettatori – un record di ascolto, mai tanti americani avevano seguito un dibattito tra aspiranti alla Casa Bianca – nella Hofstra University.

Se il linguaggio corporale ha la sua importanza, allora l’ex First lady ha sicuramente trasmesso controllo, sicurezza e serenità. I suoi sorrisi, quello strizzare l’occhio alla platea – e quindi agli americani davanti al televisore –, quei movimenti pacati delle mani hanno pesato più di mille parole.

Dal canto suo, Donald Trump è apparso a disagio, teso, mai col sorriso sulle labbra. E poi, quel continuo portarsi il bicchiere d’acqua alla bocca, ha trasmesso tutto il suo nervosismo e imbarazzo. Il “Tycoon” per la prima volta è apparso insicuro.

Clinton, nel corso del dibattito, si è mostrata più ferrata sugli argomenti al centro del dibattito. Non che non ci siano stati passaggi in cui l’avversario non sia riuscito a metterla in difficoltà. Ma l’ex Segretario di Stato è sempre riuscita a superarli. Complice, è il caso di dirlo, la mancanza di aggressività da parte del magnate del mattone.

Gli argomenti affrontati, nel corso di 90 minuti di dibattito accanito e senza sosta, sono stati economia, sicurezza, politica estera e questioni razziali. Tutti di estrema attualità, visto la recessione dalla quale gli Stati uniti stanno uscendo lentamente, il recente attentato a New York, la guerra all’Isis e la questione Siria, e i fattacci che hanno sconvolto Charlotte. I due aspiranti alla Casa Bianca hanno esposto i loro punti di vista e mostrato quanto diverse siano le posizioni sull’America che si vuole costruire.

Clinton si è mostrata molto più ferrata in temi di politica internazionale. E c’era da scommetterci. Dopotutto, è stata Segretario di Stato. Quindi, conosce bene, molto bene come si tessono le trame della diplomazia. Ma non è tutto. Ha anche dimostrato di essersi ben preparata su tutto quanto riguardasse il suo “competitor”.

Trump, invece, è rimasto a lungo sulla difensiva. Ha ripetuto frasi fatte e le sue promesse elettorali. Un passaggio interessante è stato quando ha attaccato i democratici sugli impegni presi in materia di lavoro e impiego. Ma la candidata dei democratici ha saputo alla fine aggirare l’ostacolo accusandolo di essere un uomo ricco e corrotto, non in contatto con il paese e timoroso di rendere pubblici i propri bilanci.

Può sembrare un paradosso, ma le limitazioni mostrate in questo primo dibattito da Donald Trump sono state la sua forza. Trump, per la prima volta, è apparso presidenziale. La paura di sbagliare, di fare qualche scivolone eclatante, e sicuramente a seguito dei consigli dei suoi consulenti, sono alla base dell’atteggiamento più pacato di Trump che ha moderato i toni che lo fanno apparire un candidato non idoneo a dirigere una potenza mondiale.

Ma l’autocontrollo, mostrato nel dibattito, lo ha privato della sua migliore arma, quella della spontaneità, della provocazione e del “politicamente scorretto”. E la strada è apparsa tutta in discesa per una Clinton che ha saputo approfittarne imponendo il ritmo del dibattito.

Mancano ancora due confronti “face to face” e probabilmente molte cose cambieranno. Gli analisti si domandano quanto peso avranno sulle decisioni degli elettori e, secondo Lucia Annunziata, direttrice dell’Huffington, non sembrerebbero decisivi. Annunziata, al commentare il primo incontro ha scritto:

“L’America è molto divisa, le persone che effettivamente decideranno sono una minima percentuale dei 100 milioni che hanno visto il dibattito. Di solito i due candidati se ne vanno ognuno con il pacchetto di voti che già avevano, non penso che la situazione sia necessariamente cambiata”.

Ci saranno altri due incontri e molta strada ancora da percorrere. Per il momento l’America è divisa e la suspense probabilmente durerà fino all’8 novembre. E’ vero che i dibattiti sono importanti ma non bisogna dimenticare che a fare la differenza saranno gli eventi: il terrorismo, le vicende internazionali, la situazione economica. E, naturalmente, peserà il modo come ognuno dei candidati sapranno affrontarli.

(Mariza Bafile)

Ultima ora

00:21Terremoto: veglia Arquata, vescovo, ‘è notte del silenzio’

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 23 AGO - Un corteo silenzioso di persone, che si sono date appuntamento a Trisungo e hanno raggiunto Pescara del Tronto con dei bus, ricorda in una veglia di preghiera le 48 vittime del sisma di un anno fa nel territorio di Arquata. ''Per desiderio delle famiglie - ha spiegato il vescovo mons. Giovanni D'Ercole - questa è la notte del silenzio, dell'intimità, della memoria e della preghiera. È una notte per riflettere: domani sarà il giorno per progettare il futuro di questo territorio facendo tesoro degli errori del passato''. ''Sosteniamo familiari e superstiti e ringraziamo tutti coloro che si sono adoperati in questo anno'' ha aggiunto. Il luogo del raccoglimento è il parco dove i bambini di Pescara del Tronto giocavano, trasformato in obitorio a cielo aperto nelle prime terribili ore dopo il sisma. Accanto al vescovo il parroco di Arquata, don Nazzareno. Alle 3:36l, l'ora della scossa, la lettura dei nomi delle vittime, accompagnata dai rintocchi della campana della vecchia chiesa.

23:18Champions: Liverpool e Cska Mosca a fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Liverpool, Apoel Nicosia, Cska Mosca, Qarabag e Sporting Lisbona sono le ultime cinque squadre ad accedere alla fase a gironi della Champions League. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Liverpool-Hoffenheim 4-2 (andata 2-1); Slavia Praga-Apoel Nicosia 0-0 (andata 0-2); Cska Mosca-Young Boys 2-0 (andata 1-0); Copenaghen-Qarabag 2-1 (andata 0-1); Steaua Bucarest-Sporting Lisbona 1-5 (andata 0-0).

22:58Calcio: Niang, stress perché voglio decidere io dove giocare

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - "Vorrei scegliere io dove andare a giocare e non gli altri". Mbaye Niang spiega così il proprio stato di stress, messo nero su bianco su un certificato che lo esonera dagli allenamenti con il Milan, presentato dopo il rifiuto di essere ceduto allo Spartak Mosca. "Ho ascoltato le parole di Montella in conferenza, vorrei solo dire che il calcio è sempre stato l'amore della mia vita ed è il mio mestiere - ha dichiarato l'attaccante francese al sito Milan news.it -. Mi sono sempre allenato con il sorriso, gioco nel Milan da cinque anni e pure i compagni possono testimoniarlo. Lo stress non è legato ad una situazione tecnica ma a quello che sta succedendo fuori dal campo, su come si stanno facendo le cose. Vorrei solo scegliere dove andare a giocare, vorrei sceglierei io e non gli altri. Non ho nulla contro il Milan e la società, vorrei solo spiegare la situazione".

22:23Incendi: Croazia, ancora critica la situazione in Dalmazia

(ANSAmed) - ZAGABRIA, 23 AGO - È ancora critica la situazione in vari luoghi della Dalmazia, specie nell'entroterra e su alcune isole, dove da alcuni giorni divampano vasti incendi nel cui spegnimento è impegnato praticamente l'intero corpo dei vigili del fuoco della Croazia, con l'aiuto dell'esercito. Negli scorsi giorni le fiamme hanno divorato centinaia di ettari di boschi, uliveti e macchia mediterranea nella zona di Zara e Sibenico, mentre oggi sono stati domati gli incendi sulle isole di Hvar, Brac e Mljet, in questo periodo affollate da turisti. A complicare le operazioni di spegnimento è il forte vento, ma anche il fatto che i vigili del fuoco devono lottare contro almeno 15 roghi in vari punti, spesso distanti tra loro. Per ora sono state evacuate un centinaio di persone da piccoli villaggi dell'entroterra dalmata. Non ci sono informazioni su feriti né su danni ad abitazioni o infrastrutture. Fino ad oggi la polizia croata ha arrestato cinque persone per incendio doloso, tra cui due minorenni.

22:19Barcellona: Isis celebra jihadisti,’colpire ancora’

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - L'Isis ha pubblicato un video in cui celebra i jihadisti di Barcellona e fa appello per nuovi attentati. Lo riferisce il Site. Nel filmato, due jihadisti lanciano le nuove minacce in spagnolo. Il video è stato realizzato dalla 'provincia' siriana dell'Isis a est, nella regione di Dayr az Zor.

22:16Basket: torneo Acropolis, Italia-Serbia 65-73

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Si apre con una sconfitta contro la Serbia (73-65) il torneo dell'Acropolis per l'Italbasket di Ettore Messina, ma se non nel risultato la prestazione di Atene soddisfa il ct, che a meno di dieci giorni dal via dell'Europeo ha visto gli azzurri affrontare i più quotati avversari con una prestazione solida e di volontà. "Oggi la squadra ha fatto dei passi in avanti molto seri - ha sottolineato Messina -. Abbiamo avuto un ottimo atteggiamento per 40', dovendo affrontare quello che è un serio problema anche a livello Nba, ovvero marcare Boban Marjanovic. Abbiamo costruito buoni tiri, pur sbagliandone qualcuno di troppo nei momenti cruciali. Sono contento per i ragazzi per questa prestazione contro una squadra da medaglia". Domani sera l'Italia tornerà in campo all'Oaja per sfidare la Grecia padrona di casa.

22:16Usa: Trump, tempo di lenire le ferite che ci dividono

(ANSA) - WASHINGTON, 23 AGO - "E' tempo di lenire le ferite che ci dividono", ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un discorso a Reno, in Nevada. "Non siamo definiti dal colore della nostra pelle o dal nostro stipendio", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora