A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

Pubblicato il 27 settembre 2016 da redazione

A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

A Clinton il primo round ma Trump appare “presidenziale”

NEW YORK – Nessun dubbio, la vincitrice del primo dibattito è stata Hillary Clinton. Su questo tutti sono d’accordo. Avvocato, senatrice, ex First Lady, ex Segretario di Stato, abituata al confronto, la candidata dei democratici è una politica navigata. E lo ha dimostrato l’altra sera davanti a milioni di telespettatori – un record di ascolto, mai tanti americani avevano seguito un dibattito tra aspiranti alla Casa Bianca – nella Hofstra University.

Se il linguaggio corporale ha la sua importanza, allora l’ex First lady ha sicuramente trasmesso controllo, sicurezza e serenità. I suoi sorrisi, quello strizzare l’occhio alla platea – e quindi agli americani davanti al televisore –, quei movimenti pacati delle mani hanno pesato più di mille parole.

Dal canto suo, Donald Trump è apparso a disagio, teso, mai col sorriso sulle labbra. E poi, quel continuo portarsi il bicchiere d’acqua alla bocca, ha trasmesso tutto il suo nervosismo e imbarazzo. Il “Tycoon” per la prima volta è apparso insicuro.

Clinton, nel corso del dibattito, si è mostrata più ferrata sugli argomenti al centro del dibattito. Non che non ci siano stati passaggi in cui l’avversario non sia riuscito a metterla in difficoltà. Ma l’ex Segretario di Stato è sempre riuscita a superarli. Complice, è il caso di dirlo, la mancanza di aggressività da parte del magnate del mattone.

Gli argomenti affrontati, nel corso di 90 minuti di dibattito accanito e senza sosta, sono stati economia, sicurezza, politica estera e questioni razziali. Tutti di estrema attualità, visto la recessione dalla quale gli Stati uniti stanno uscendo lentamente, il recente attentato a New York, la guerra all’Isis e la questione Siria, e i fattacci che hanno sconvolto Charlotte. I due aspiranti alla Casa Bianca hanno esposto i loro punti di vista e mostrato quanto diverse siano le posizioni sull’America che si vuole costruire.

Clinton si è mostrata molto più ferrata in temi di politica internazionale. E c’era da scommetterci. Dopotutto, è stata Segretario di Stato. Quindi, conosce bene, molto bene come si tessono le trame della diplomazia. Ma non è tutto. Ha anche dimostrato di essersi ben preparata su tutto quanto riguardasse il suo “competitor”.

Trump, invece, è rimasto a lungo sulla difensiva. Ha ripetuto frasi fatte e le sue promesse elettorali. Un passaggio interessante è stato quando ha attaccato i democratici sugli impegni presi in materia di lavoro e impiego. Ma la candidata dei democratici ha saputo alla fine aggirare l’ostacolo accusandolo di essere un uomo ricco e corrotto, non in contatto con il paese e timoroso di rendere pubblici i propri bilanci.

Può sembrare un paradosso, ma le limitazioni mostrate in questo primo dibattito da Donald Trump sono state la sua forza. Trump, per la prima volta, è apparso presidenziale. La paura di sbagliare, di fare qualche scivolone eclatante, e sicuramente a seguito dei consigli dei suoi consulenti, sono alla base dell’atteggiamento più pacato di Trump che ha moderato i toni che lo fanno apparire un candidato non idoneo a dirigere una potenza mondiale.

Ma l’autocontrollo, mostrato nel dibattito, lo ha privato della sua migliore arma, quella della spontaneità, della provocazione e del “politicamente scorretto”. E la strada è apparsa tutta in discesa per una Clinton che ha saputo approfittarne imponendo il ritmo del dibattito.

Mancano ancora due confronti “face to face” e probabilmente molte cose cambieranno. Gli analisti si domandano quanto peso avranno sulle decisioni degli elettori e, secondo Lucia Annunziata, direttrice dell’Huffington, non sembrerebbero decisivi. Annunziata, al commentare il primo incontro ha scritto:

“L’America è molto divisa, le persone che effettivamente decideranno sono una minima percentuale dei 100 milioni che hanno visto il dibattito. Di solito i due candidati se ne vanno ognuno con il pacchetto di voti che già avevano, non penso che la situazione sia necessariamente cambiata”.

Ci saranno altri due incontri e molta strada ancora da percorrere. Per il momento l’America è divisa e la suspense probabilmente durerà fino all’8 novembre. E’ vero che i dibattiti sono importanti ma non bisogna dimenticare che a fare la differenza saranno gli eventi: il terrorismo, le vicende internazionali, la situazione economica. E, naturalmente, peserà il modo come ognuno dei candidati sapranno affrontarli.

(Mariza Bafile)

Ultima ora

09:05Molestie: a Hollywood una commissione per combatterle

(ANSA) - LOS ANGELES, 16 DIC - Le più autorevoli rappresentanti dell'industria cinematografica di Hollywood e dei principali media statunitensi hanno deciso di istituire una commissione antimolestie e per la parità nei luoghi di lavoro. La presiederà Anita Hill, che nel '99 denunciò un giudice. L'iniziativa è nata dalla produttrice di Star Wars Kathleen Kennedy e da altre donne dirigenti del settore al termine di un incontro in cui erano rappresentati quasi tutti i principali studi di Hollywood, le emittenti tv e le etichette discografiche.

09:02Terremoti: Indonesia, due i morti, decine di feriti

(ANSA) - GIACARTA, 16 DIC - E' di due morti e decine di feriti l'ultimo bilancio del terremoto di magnitudo 6.5 avvenuto venerdì a Giacarta. Decine di case vicino all'epicentro sono state danneggiate, come pure alcuni ospedali i cui ricoverati sono stati evacuati. La scossa si è verificata alle 23.47 ora locale (le 17.47 in Italia) ed ha interessato tutta l'isola, dove la gente è fuggita dalle abitazioni riversandosi in strada. Nella capitale Giacarta, a 200 chilometri circa dall'epicentro, gli edifici più alti hanno ondeggiato durante la scossa più forte, che ha insistito per circa 30 secondi. Il timore di uno tsunami ha spinto gli abitanti della costa a riversarsi lungo le strade verso l'interno con ogni mezzo. Oltre mille persone sono state evacuate dalla zona di Subakumi e vi hanno fatto ritorno alle prime ore di oggi, quando le autorità hanno escluso la possibilità di uno tsunami. Due persone hanno perso la vita sotto le macerie degli edifici crollati: si tratta di un uomo di 62 anni e una donna di 80.

07:14Lanciata molotov davanti a commissariato a Roma

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Una bottiglia molotov è stata lanciata nella serata di ieri davanti al commissariato Prati, nel centro di Roma. A tirarla una persona, con il volto coperto da casco, a bordo di uno scooter che arrivando in via Ruffini ha rallentato e, dopo aver tirato la bottiglia incendiaria, è scappato. Centrato un vecchio furgone della polizia parcheggiato nell'area di sosta davanti al commissariato che è rimasto danneggiato nella parte anteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato Prati e della Digos per risalire al responsabile. Al vaglio le registrazioni delle telecamere. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dal gesto anarchico a un episodio legato ad ambienti della tifoseria. Il commissariato Prati, infatti, ha un ruolo centrale nell'organizzazione della sicurezza dello stadio Olimpico. L'episodio avviene a pochi giorni di distanza dall'esplosione di un ordigno rudimentale davanti alla stazione dei carabinieri San Giovanni.

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

Archivio Ultima ora