Yara: giudici, omicidio per avances a sfondo sessuale

(ANSA) – MILANO, 28 SET – Quello di Yara Gambirasio è stato un “omicidio di inaudita gravità”. Lo scrivono i giudici di Bergamo nelle motivazioni della condanna all’ergastolo di Massimo Bossetti, definendo quest’ultimo un soggetto “dall’animo malvagio”. Per i giudici, l’omicidio della 13enne Yara Gambirasio è “maturato in un contesto di avances a sfondo sessuale, verosimilmente respinte dalla ragazza, in grado di scatenare nell’imputato una reazione di violenza e sadismo di cui non aveva mai dato prova ad allora”. A disvelare l’animo malvagio sono, secondo i giudici, l’aggravante della sevizia e crudeltà. “Le sevizie in termini oggettivi e prevalentemente fisici – scrivono – la crudeltà in termini soggettivi e morali appagano l’istinto di arrecare dolore” e mostrano l’ “assenza di sentimenti di compassione e pietà”.

Condividi: