Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

TEL AVIV. – Venerdì mattina i grandi della terra a Gerusalemme diranno addio all’ex presidente Shimon Peres, figura chiave di Israele e del suo popolo. L’ultimo padre della patria è morto a 93 anni la notte scorsa, ucciso da un ictus che l’ha colpito il 13 settembre e che sembrava in un primo momento non aver infierito fino in fondo, quasi a testimoniare la leggenda di indistruttibilità che avvolgeva il personaggio.

Viso quasi sempre segnato da un ottimismo contagioso e voce profonda da ex fumatore, il Nobel per la pace 1994, insieme al palestinese Arafat, ha raggiunto tutti i risultati politici del suo Paese, forte di una visione strategica e una capacità non comune di immaginare il futuro.

Israele – come hanno testimoniato le dichiarazioni della sua leadership, dal premier Benyamin Netanyahu al presidente in carica Reuven Rivlin all’intero spettro politico e la mestizia che ha avvolto la società tutta – sa cosa ha perso con la morte di Peres.

Ma anche il mondo, dalla notte scorsa, è consapevole di essere forse un po’ più piccolo. Dopodomani a Gerusalemme ci sarà anche il presidente Usa Barack Obama, che ha definito Peres “l’essenza di Israele”, rimarcando che è stato “guidato da una visione della dignità umana e di un progresso verso il quale lui sapeva che le persone di buona volontà avrebbero potuto avanzare insieme”.

Bill Clinton – che firmò con lui gli Accordi di Oslo e che venerdì non mancherà all’estremo saluto al suo amico, ma senza la moglie Hillary – ha reso omaggio ad “una vita che è stata una benedizione per tutti quelli che si battono per la pace”.

Un obiettivo quello della pace – forse l’unico mancato da Peres fino in fondo – apprezzato da papa Francesco. Per il pontefice – che non sarà a Gerusalemme nonostante le voci circolate in merito – Peres è stato un “uomo di pace e perseverante negli sforzi di pace”: “la sua eredità – ha aggiunto – ispiri tutti a prodigarsi urgentemente” per questo risultato.

Stesso giudizio da parte del premier Matteo Renzi: “Un grande del nostro tempo, un uomo di pace” e “un grande amico dell’Italia”. “E’ una di quelle figure che – ha insistito – vale doppio”. Da Ramallah, in Cisgiordania, è giunta la voce del presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas): “Peres è stato un partner nella pace dei coraggiosi assieme con Yasser Arafat ed Yitzhak Rabin”.

Ma il fronte palestinese è spaccato: Hamas da Gaza ha gioito per la morte di “un criminale”, “l’ultimo funzionario israeliano rimasto in vita tra gli artefici dell’occupazione. La sua morte segna la fine di una fase nella storia dell’occupazione e l’inizio di una nuova fase di debolezza”.

Domani sarà il popolo di Israele a riversarsi a Gerusalemme per salutare l’ultimo combattente per la nascita dello Stato: tra bandiere a mezz’asta e imponenti misure di sicurezza, la sua bara, dal mattino a sera, sarà esposta sul piazzale della Knesset, il Parlamento, come avvenne non molto tempo fa per Ariel Sharon.

Poi venerdì mattina, sul Monte Herzl, toccherà al mondo in esequie solenni, come fu per Rabin. Obama “desidera molto” esserci, ha fatto sapere in serata la Casa Bianca, spiegando che si sta lavorando per valutare tutti gli elementi logistici. Il timore, ovviamente, è la sicurezza.

Per ora comunque sono previsti Bill Clinton, il segretario di Stato John Kerry, il cancelliere tedesco Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande, il principe di Galles, Carlo, il primo ministro canadese Justin Trudeau, quello australiano Malcolm Turnbull e la regina d’Olanda. Da loro l’omaggio a un uomo che – come disse lui stesso il giorno dell’insediamento – non sognava di diventare presidente, “bensì un pastore o un poeta delle stelle”.

(di Massimo Lomonaco/ANSAmed)

Ultima ora

21:59Anci, Renzi governo è al lavoro su direttiva Bolkestein

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Il governo sta lavorando perché si possa arrivare ad un allineamento della scadenza di ogni concessione in essere al 31.12.2020". Lo scrive Matteo Renzi in una lettera al presidente dell'Anci Antonio Decaro a proposito delle criticità per operatori e comuni nell'applicazione della direttiva Bolkestein sul commercio ambulante.

21:45Acceso l’albero delle polemiche, Arcuri c’e’ De Luca no

(ANSA) - SALERNO, 3 DIC - C'era Manuela Arcuri, al centro delle polemiche delle ultime ore per il cachet da 9 mila euro, e non il governatore campano Vincenzo De Luca, alla consueta cerimonia dell'accensione dell'albero di Natale in piazza Portanova, a Salerno. E c'erano migliaia di persone, tra turisti e cittadini, evidentemente per nulla sensibili alle polemiche della vigilia. La scelta dell'amministrazione comunale di invitare la Arcuri non è passata inosservata all'opposizione per il cachet riservatole, poco meno di diecimila euro. "Non ho nulla da dire in merito a questa polemica - ha replicato la showgirl - io faccio il mio lavoro, sono una professionista". Smorza le polemiche anche il sindaco Napoli: "Sono polemiche da paese che lasciano il tempo che trovano. Non mi hanno per nulla amareggiato". Per il consigliere comunale Dante Santoro (lista Giovani Salernitani), "questo è il comune degli sprechi, che trova fondi soltanto per feste e festini. Siamo in presenza di una vera e propria Sprecopoli".

21:43Calcio: Francia, crolla il Psg, Montpellier vince 3-0

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Una sconfitta clamorosa per il Paris Saint Germain a Montpellier. La squadra di Emery ha perso 3-0 in trasferta perdendo la possibilità di andare in testa alla classifica. Apre le marcature l'esterno Lasne al 42', il raddoppio arriva dopo poco, al 48', a inizio secondo tempo e porta la firma di Skhiri. All'80' Boudebouz la chiude definitivamente con la terza rete per il Montpellier. Il Psg rimane quindi a 35 punti, uno in meno del Nizza di Balotelli che, però, ha anche una partita in più da giocare, domani in casa con il Tolosa.

21:26Calcio: Leicester ancora ko, zona retrocessione è vicina

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Il Leicester di Claudio Ranieri torna sconfitto (2-1) anche dalla trasferta in casa del Sunderland, dove ha perso la settima partita, su 14, di questa sua tribolata difesa del titolo d'Inghilterra. L'ottava rete stagionale di Jermain Defoe ha condannato il Leicester che ora occupa la 15/a posizione in classifica, a soli due punti dalla zona retrocessione. Defoe ha colpito al 77', dopo che l'autogol di Robert Huth aveva portato in vantaggio i padroni di casa al 64'. Shinji Okazaki, entrato dalla panchina, ha accorciato le distanze a 10 minuti dal termine. Tutt'altra marcia invece in Champions, dove i campioni d'Inghilterra hanno staccato il biglietto per gli ottavi di finale da primi nel proprio girone e con un turno di anticipo.

21:05Usa: incendio al rave party, si temono 40 morti

(ANSA) - NEW YORK, 3 DIC - Il bilancio dell'incendio sviluppatosi durante un rave party ad Oakland, in California, rischia di salire fino a 40 morti. Lo hanno detto le autorità locali durante una conferenza stampa. "Siamo pronti al terribile scenario di una strage", ha affermato la polizia.

20:23Calcio: Conte elogia suo Chelsea,squadra di grande carattere

(ANSA) - LONDRA, 3 DIC - Al triplice fischio finale Antonio Conte sembra quasi più soddisfatto per il carattere dimostrato dalla sua squadra che non per la vittoria in rimonta (3-1) in casa del Manchester City. Un successo, l'ottavo consecutivo per i Blues, che consolida il primato del Chelsea in Premier League. "E' stata una partita molto dura ed equilibrata fino alla fine - il commento di Conte -. Con tante occasioni da rete per entrambe le squadre. Ho visto un grande carattere nella mia squadra e questo è un fattore importante per crescere e continuare a migliorare".

20:21Scherma: Grand Prix Fie fioretto, vince statunitense Kiefer

(ANSA) - TORINO, 3 DIC - La statunitense Lee Kiefer, numero 3 del ranking mondiale, ha vinto il Grand Prix Fie di fioretto femminile. L'atleta 22enne di Lexington ha battuto 15-8 in finale a Torino la connazionale Nicole Ross. Fuori dalla finale le azzurre: Arianna Errigo e Alice Volpi si sono fermate in semifinale, dove sono state battute rispettivamente dalla Kiefer e dalla Ross. Inna Deriglazova, la russa campionessa olimpica di Rio 2016, è stata eliminata nel tabellone dei 32 dall'azzurra Olga Rachele Calissi, che si è poi arresa il turno successivo con la coreana Hyunjin Kim. Sulle pedane del PalaRuffini, domani, va in scena la gara maschile.

Archivio Ultima ora