Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

TEL AVIV. – Venerdì mattina i grandi della terra a Gerusalemme diranno addio all’ex presidente Shimon Peres, figura chiave di Israele e del suo popolo. L’ultimo padre della patria è morto a 93 anni la notte scorsa, ucciso da un ictus che l’ha colpito il 13 settembre e che sembrava in un primo momento non aver infierito fino in fondo, quasi a testimoniare la leggenda di indistruttibilità che avvolgeva il personaggio.

Viso quasi sempre segnato da un ottimismo contagioso e voce profonda da ex fumatore, il Nobel per la pace 1994, insieme al palestinese Arafat, ha raggiunto tutti i risultati politici del suo Paese, forte di una visione strategica e una capacità non comune di immaginare il futuro.

Israele – come hanno testimoniato le dichiarazioni della sua leadership, dal premier Benyamin Netanyahu al presidente in carica Reuven Rivlin all’intero spettro politico e la mestizia che ha avvolto la società tutta – sa cosa ha perso con la morte di Peres.

Ma anche il mondo, dalla notte scorsa, è consapevole di essere forse un po’ più piccolo. Dopodomani a Gerusalemme ci sarà anche il presidente Usa Barack Obama, che ha definito Peres “l’essenza di Israele”, rimarcando che è stato “guidato da una visione della dignità umana e di un progresso verso il quale lui sapeva che le persone di buona volontà avrebbero potuto avanzare insieme”.

Bill Clinton – che firmò con lui gli Accordi di Oslo e che venerdì non mancherà all’estremo saluto al suo amico, ma senza la moglie Hillary – ha reso omaggio ad “una vita che è stata una benedizione per tutti quelli che si battono per la pace”.

Un obiettivo quello della pace – forse l’unico mancato da Peres fino in fondo – apprezzato da papa Francesco. Per il pontefice – che non sarà a Gerusalemme nonostante le voci circolate in merito – Peres è stato un “uomo di pace e perseverante negli sforzi di pace”: “la sua eredità – ha aggiunto – ispiri tutti a prodigarsi urgentemente” per questo risultato.

Stesso giudizio da parte del premier Matteo Renzi: “Un grande del nostro tempo, un uomo di pace” e “un grande amico dell’Italia”. “E’ una di quelle figure che – ha insistito – vale doppio”. Da Ramallah, in Cisgiordania, è giunta la voce del presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas): “Peres è stato un partner nella pace dei coraggiosi assieme con Yasser Arafat ed Yitzhak Rabin”.

Ma il fronte palestinese è spaccato: Hamas da Gaza ha gioito per la morte di “un criminale”, “l’ultimo funzionario israeliano rimasto in vita tra gli artefici dell’occupazione. La sua morte segna la fine di una fase nella storia dell’occupazione e l’inizio di una nuova fase di debolezza”.

Domani sarà il popolo di Israele a riversarsi a Gerusalemme per salutare l’ultimo combattente per la nascita dello Stato: tra bandiere a mezz’asta e imponenti misure di sicurezza, la sua bara, dal mattino a sera, sarà esposta sul piazzale della Knesset, il Parlamento, come avvenne non molto tempo fa per Ariel Sharon.

Poi venerdì mattina, sul Monte Herzl, toccherà al mondo in esequie solenni, come fu per Rabin. Obama “desidera molto” esserci, ha fatto sapere in serata la Casa Bianca, spiegando che si sta lavorando per valutare tutti gli elementi logistici. Il timore, ovviamente, è la sicurezza.

Per ora comunque sono previsti Bill Clinton, il segretario di Stato John Kerry, il cancelliere tedesco Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande, il principe di Galles, Carlo, il primo ministro canadese Justin Trudeau, quello australiano Malcolm Turnbull e la regina d’Olanda. Da loro l’omaggio a un uomo che – come disse lui stesso il giorno dell’insediamento – non sognava di diventare presidente, “bensì un pastore o un poeta delle stelle”.

(di Massimo Lomonaco/ANSAmed)

Ultima ora

16:33Schembri ‘non dormo per Daphne, Malta non è terzo mondo’

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Quando hanno ucciso Daphne per tre notti non sono riuscito a dormire: Malta e' Europa, non e' terzo mondo. Dobbiamo essere uniti di fronte a un lutto del genere, per dire che siamo migliori di tutto questo". Andrè Schembri, capitano della nazionale di Malta, spiega all'Ansa la sua scelta di non esultare al gol di ieri all'Atalanta, il primo nelle coppe europee di un giocatore maltese. "Amo il mio Paese, e a quella rete mi e' venuto naturale pensare alla liberta' di una cronista e alla vita di una madre di tre figli".

16:23Calcio: Spalletti, a Napoli possiamo giocarcela ad armi pari

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 OTT - "Siamo nelle condizioni di giocarci la partita ad armi pari. Loro hanno giocato in Champions, ma noi saremo gli stessi di domenica. Noi siamo costruiti in maniera perfetta per quella che è la nostra corsa": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti alla vigilia della partita contro il Napoli. "Loro sono belli - continua il tecnico - ma sono anche concreti. Però noi ci stiamo attrezzando, le cose migliorano di vola in volta, lo scalino fatto in avanti o il balzo fatto ci permetterebbe di accorciare le differenze con loro. Quanto fatto finora sé merito di tutti, siamo una grande squadra in cui ognuno conta uno".

16:22Brexit: Farage, pessima May, ha chiesto l’elemosina all’Ue

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Pessima". E' la valutazione di Nigel Mansell, l'ex leader dell'Ukip e primo promotore della Brexit, che stamane si è presentato nella sede del Consiglio Europeo per una 'passerella' in sala stampa. Parlando con l'ANSA ha elaborato: "Pessimo vedere un primo ministro britannico che va dentro e va a chiedere l'elemosina. Che dice 'per favore datemi qualcosa altrimenti ci sarà un'eruzione politica a casa'. Non avremmo mai dovuto essere d'accordo con un processo negoziale in cui abbiamo lasciato la frusta in mano agli europei sin dal primo giorno, in particolare quando ci hanno detto che se non avessimo fatto l'accordo sulle tre precondizioni non avremmo parlato di commercio. Lo abbiamo accettato ed ora il Regno Unito rischia di esserne vittima di questo".

16:20Scherma: sotto sfratto spadisti argento a Rio 2016

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Quattro giorni di tempo per lasciare la palestra della Caserma dei vigili del fuoco di Milano, dove si allenano dal 2012: questo l'ordine di sfratto ricevuto dagli schermidori Marco Fichera, Enrico Garozzo e Andrea Santarellli - argento nella spada a squadre ai Giochi di di Rio 2016 - e con loro i 50 bambini dell'Associazione di scherma Cariplo Piccolo Teatro, a una settimana dalla gara di Coppa del Mondo a Berna (prossima tappa 27-29 ottobre). "Siamo esterrefatti - afferma il presidente dell'Associazione Cariplo Piccolo Teatro di Milano, Girolamo Abbatescianni, - la richiesta del comandante Gaetano Vallefuoco non ha motivo di esistere essendovi un regolare contratto". Vallefuoco, affermano gli schermidori in una nota, non riconosce il protocollo di intesa che l'associazione ha firmato cinque anni fa con il precedente comandante Barberi "che prevede l'uso degli spazi con lo scopo di promuovere la scherma tra i vigili e aprire la palestra alla città".

16:20Weinstein: anche Tariq Ramadan accusato di aggressione

(ANSA) - PARIGI, 20 OTT - Non si fermano le accuse di aggressioni sessuali in Francia. L'ultima in ordine di tempo è della scrittrice franco-tunisina Henda Ayari, che oggi punta il dito contro il controverso studioso islamico Tariq Ramadan, usando l'hashtag #balancetonporc, equivalente francofono del #metoo nato sulla rete dopo lo scandalo legato al produttore Usa, Harvey Wienstein. Sul suo profilo Facebook la donna scrive che si tratta di una "decisione molto difficile, ma anch'io ho deciso che sia arrivato il momento di denunciare il mio aggressore, è Tariq Ramadan". La donna precisa che già oggi sporgerà denuncia alle autorità preposte.

16:05Bankitalia: Gentiloni, rapporti Governo-Pd ottimi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Il rapporto tra Governo e partito di maggioranza relativa sono fondamentali e ottimi in generale, poi (su Bankitalia, ndr) decidiamo avendo in mente quell'obiettivo lì (l'autonomia, ndr), non è una decisione di buona creanza, l'autonomia è rilevante perché è importante in sé per i mercati, deve stare a cuore alle autorità di governo, in modo particolare perché abbiamo alle spalle le difficoltà del nostro sistema bancario": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine del vertice Ue.

16:01Bankitalia: Berlusconi,è indipendente,Renzi improvvido

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La Banca d'Italia appartiene all'Eurosistema e la sua indipendenza è sancita nei trattati che hanno istituito la Banca Centrale Europea. Quando si intacca in qualche modo la sua autorevolezza si scalfisce l'intero sistema bancario europeo e si incide, negativamente, sulle relazioni internazionali" italiane, "messe ai margini dall'improvvida iniziativa parlamentare dei giorni scorsi del Pd e del suo segretario, Matteo Renzi". Così Silvio Berlusconi che aggiunge: "Mai trascinare Via Nazionale in scontri tra gruppi politici o partiti".

Archivio Ultima ora