Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

Muore un gigante, il mondo si inchina a Shimon Peres

TEL AVIV. – Venerdì mattina i grandi della terra a Gerusalemme diranno addio all’ex presidente Shimon Peres, figura chiave di Israele e del suo popolo. L’ultimo padre della patria è morto a 93 anni la notte scorsa, ucciso da un ictus che l’ha colpito il 13 settembre e che sembrava in un primo momento non aver infierito fino in fondo, quasi a testimoniare la leggenda di indistruttibilità che avvolgeva il personaggio.

Viso quasi sempre segnato da un ottimismo contagioso e voce profonda da ex fumatore, il Nobel per la pace 1994, insieme al palestinese Arafat, ha raggiunto tutti i risultati politici del suo Paese, forte di una visione strategica e una capacità non comune di immaginare il futuro.

Israele – come hanno testimoniato le dichiarazioni della sua leadership, dal premier Benyamin Netanyahu al presidente in carica Reuven Rivlin all’intero spettro politico e la mestizia che ha avvolto la società tutta – sa cosa ha perso con la morte di Peres.

Ma anche il mondo, dalla notte scorsa, è consapevole di essere forse un po’ più piccolo. Dopodomani a Gerusalemme ci sarà anche il presidente Usa Barack Obama, che ha definito Peres “l’essenza di Israele”, rimarcando che è stato “guidato da una visione della dignità umana e di un progresso verso il quale lui sapeva che le persone di buona volontà avrebbero potuto avanzare insieme”.

Bill Clinton – che firmò con lui gli Accordi di Oslo e che venerdì non mancherà all’estremo saluto al suo amico, ma senza la moglie Hillary – ha reso omaggio ad “una vita che è stata una benedizione per tutti quelli che si battono per la pace”.

Un obiettivo quello della pace – forse l’unico mancato da Peres fino in fondo – apprezzato da papa Francesco. Per il pontefice – che non sarà a Gerusalemme nonostante le voci circolate in merito – Peres è stato un “uomo di pace e perseverante negli sforzi di pace”: “la sua eredità – ha aggiunto – ispiri tutti a prodigarsi urgentemente” per questo risultato.

Stesso giudizio da parte del premier Matteo Renzi: “Un grande del nostro tempo, un uomo di pace” e “un grande amico dell’Italia”. “E’ una di quelle figure che – ha insistito – vale doppio”. Da Ramallah, in Cisgiordania, è giunta la voce del presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas): “Peres è stato un partner nella pace dei coraggiosi assieme con Yasser Arafat ed Yitzhak Rabin”.

Ma il fronte palestinese è spaccato: Hamas da Gaza ha gioito per la morte di “un criminale”, “l’ultimo funzionario israeliano rimasto in vita tra gli artefici dell’occupazione. La sua morte segna la fine di una fase nella storia dell’occupazione e l’inizio di una nuova fase di debolezza”.

Domani sarà il popolo di Israele a riversarsi a Gerusalemme per salutare l’ultimo combattente per la nascita dello Stato: tra bandiere a mezz’asta e imponenti misure di sicurezza, la sua bara, dal mattino a sera, sarà esposta sul piazzale della Knesset, il Parlamento, come avvenne non molto tempo fa per Ariel Sharon.

Poi venerdì mattina, sul Monte Herzl, toccherà al mondo in esequie solenni, come fu per Rabin. Obama “desidera molto” esserci, ha fatto sapere in serata la Casa Bianca, spiegando che si sta lavorando per valutare tutti gli elementi logistici. Il timore, ovviamente, è la sicurezza.

Per ora comunque sono previsti Bill Clinton, il segretario di Stato John Kerry, il cancelliere tedesco Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande, il principe di Galles, Carlo, il primo ministro canadese Justin Trudeau, quello australiano Malcolm Turnbull e la regina d’Olanda. Da loro l’omaggio a un uomo che – come disse lui stesso il giorno dell’insediamento – non sognava di diventare presidente, “bensì un pastore o un poeta delle stelle”.

(di Massimo Lomonaco/ANSAmed)

Ultima ora

11:44‘Ndrangheta: blitz Gdf, 54 fermi, 8 ton. coca sequestrati

(ANSA) - CATANZARO, 24 GEN - I finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro hanno eseguito, in tutta Italia, un'operazione per l'esecuzione di un provvedimento di fermo emesso dalla Direzione distrettuale di Catanzaro nei confronti di 54 persone accusate di essere coinvolte in un traffico internazionale di sostanze stupefacenti gestito dalla 'ndrangheta. Contestualmente i finanzieri hanno eseguito anche un sequestro di beni per un valore di circa 8 milioni di euro. Nel corso delle indagini, otto tonnellate di cocaina sono state sequestrate in Colombia mentre altri sequestri, nell'ordine di 60-100 chili per volta, sono stati effettuati in Italia ed in Europa. "L'operazione - ha detto il capo della Dda catanzarese Nicola Gratteri - conferma il rapporto privilegiato della 'ndrangheta con i narcos sudamericani con accordi in cui i ruoli si mischiano, e la grande capacità di gestire la vendita in molte regioni". Lo stupefacente arrivava in Italia prevalentemente attraverso i porti di Gioia Tauro, Genova e Napoli.

11:42Si lancia da balcone con figlio di tre anni, morti

(ANSA) - PADULA (SALERNO), 24 GEN - Un uomo di 45 anni si è lanciato dal balcone a Padula (Salerno) tenendo in braccio il figlioletto di soli tre anni. I due sono morti praticamente sul colpo. Sul posto della tragedia, avvenuta nelle vicinanze della piazza principale del piccolo centro del Vallo di Diano, sono intervenuti carabinieri della locale stazione ed i i vigili del fuoco del distaccamento di Sala Consilina.

11:32Thailandia: alluvioni nel sud, bilancio sale a 85 morti

(ANSA) - BANGKOK, 24 GEN - E' salito a 85 morti il bilancio delle alluvioni che nell'ultimo mese hanno colpito il sud della Thailandia. Lo ha annunciato ieri sera il dipartimento governativo per la prevenzione dei disastri naturali. Secondo il responsabile del dipartimento, Chatchai Promlert, le piogge monsoniche fuori stagione hanno causato danni o disagi a 1,7 milioni di persone, colpendo 580 mila case in 12 province meridionali, oltre a 2.300 scuole. Mentre in alcune zone il tempo è migliorato nell'ultima settimana, sette province rimangono ancora in gran parte sott'acqua, e in cinque di queste sono previste ulteriori precipitazioni nei prossimi due giorni.

11:32Scomparsa nell’Aretino: ‘frate uccise per evitare scandalo’

(ANSA) - AREZZO, 24 GEN - "Padre Gratien uccise Guerrina Piscaglia per evitare uno scandalo. Un atto istintivo. Aveva paura. Vedeva minacciate la salvaguardia del suo onore e la sua dignità di prete". E' la tesi che si legge nelle motivazioni della sentenza, pronunciata dalla Corte d'appello il 24 ottobre 2016, che ha condannato il frate congolese a 27 anni per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il caso è quello della donna scomparsa da Ca' Raffaello nell'Aretino il primo maggio 2014 il cui cadavere non è mai stato ritrovato. Padre Gratien si trova attualmente nel convento romano dei padri Premostratensi dove celebra messa e fa intensa vita di comunità. Non ha mai smesso di proclamarsi innocente.

11:32Musica: Orchestra femminile Afghanistan vince Freemuse Award

(ANSA) - KABUL, 24 GEN - 'Zohra', la prima ed unica orchestra femminile dell'Afghanistan, ha vinto l'edizione 2017 del Freemuse Award, riconoscimento assegnato con la finalità di promuovere la musica come motore della libertà. In un comunicato l'organizzazione ha ricordato che 'Zohra', che con i suoi strumenti tradizionali afghani si è esibita anche nel quadro del recente Forum di Davos, è composta unicamente da studentesse del'Istituto nazionale della Musica (Anim) che sta formando la prima nuova generazione di musiciste afghane degli ultimi 30 anni. Cercando di superare l'impasse e rilanciare la musica fra la gente, il professor Ahmad Sarmast ha avviato un coraggioso progetto educativo che ha portato all'apertura nel 2010 dell'Anim a Kabul. Fra i principali obiettivi dell'Istituto, vi è proprio quello di dare potere alle donne attraverso la musica. Così, 65 dei 200 studenti dell'Anim sono ragazze fra i 14 ed i 20 anni che hanno dato vita all'orchestra che si è già esibita in molte Nazioni.

11:28Siria: ribelli, disponibili a prolungamento colloqui Astana

(ANSA) - MOSCA, 24 GEN - Le trattative di Astana sulla crisi siriana potrebbero proseguire anche domani e quindi oltre i due giorni inizialmente previsti: lo sostiene il portavoce della delegazione dell'opposizione, Osama Abu Zeid. "Se i paesi garanti (Russia, Turchia e Iran, ndr) dicono di aver bisogno di piu' tempo, di un giorno in piu', saremo d'accordo", ha dichiarato Osama Abu Zeid. "Non siamo venuti qui per appena due giorni, abbiamo un obiettivo che deve essere raggiunto", ha poi aggiunto. Oggi si svolge la seconda giornata dei colloqui iniziati ieri nella capitale kazaka.

11:28Trump: Senato conferma Mike Pompeo capo della Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 24 GEN - Mike Pompeo è il nuovo capo della Cia. La sua nomina è stata confermata dal Senato Usa, con 67 voti a favore e 30 contro (quasi tutti democratici). Donald Trump ha blindato così il settore della sicurezza della sua amministrazione, dopo la conferma del capo del Pentagono, James Mattis, e del consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Di origini italiane (è membro dell'Italian American Congressional Delegation), laureato in legge ad Harvard, Pompeo ha prestato servizio nell'esercito per qualche anno e successivamente ha lavorato come avvocato e imprenditore nel settore aerospaziale prima di entrare in politica con il Partito Repubblicano. Ex deputato del Kansas, 54 anni, è un esponente dei Tea Party. Membro a vita della National Rifle Association, è stato tra i più convinti oppositori all'Obamacare ed è contrario alla chiusura di Guantanamo. Pompeo è inoltre noto per essere stato tra i sostenitori del programma di sorveglianza dell'Nsa rivelato da Edward Snowden.

Archivio Ultima ora