Slitta la riforma della giustizia. Renzi, no alla fiducia contro le toghe

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Slitta riforma giustizia. Renzi,no fiducia contro toghe

Slitta riforma giustizia. Renzi,no fiducia contro toghe

ROMA. – La riforma del processo penale “rischia la stessa sorte toccata al ddl anti-tortura”: finire in coda all’ordine del giorno dei lavori d’Aula di Palazzo Madama. Senza che nessuno più ne parli. E’ questa l’ipotesi più accreditata tra i senatori della maggioranza che, al momento, escludono il ricorso ad un voto di fiducia sul testo che contiene le contestate norme su prescrizione e intercettazioni. Anche se poi nella pratica, perché l’ipotesi si realizzi, l’Aula del Senato dovrebbe fare un nuovo voto sul calendario per modificare quello deciso dalla Conferenza dei capigruppo che vede, subito dopo la riforma del cinema (passata in testa dopo la richiesta di inversione dell’odg avanzata dalla maggioranza), il Rendiconto 2015 e l’assestamento 2016 e poi gli “argomenti non conclusi” tra i quali rientra il ddl sulla giustizia penale.

Per quanto riguarda la fiducia, Renzi è stato piuttosto chiaro: “Ci penso su due volte a mettere la fiducia su una cosa che Davigo definisce “provvedimenti dannosi o inutili”, su atti della giustizia che vogliono aiutare i magistrati, con i magistrati che dicono che sono dannosi”. “Tendenzialmente – ha insistito il premier ai microfoni di Rtl – escludiamo il voto di fiducia”.

In realtà, il Consiglio dei ministri aveva autorizzato la richiesta della fiducia sul provvedimento, così come proposto da diversi ministri tra cui quello dell’ Interno Angelino Alfano e il Guardasigilli Andrea Orlando. Ma poi, l’intervista di quest’ ultimo a “Il Corriere della Sera”, avrebbe fatto precipitare le cose, mandando “su tutte le furie mezzo governo e gran parte del Pd”.

E non solo perché si sarebbe “trincerato dietro Alfano”, dicendo che lui era stato il primo a volere la fiducia sul ddl, ma anche “per il tono usato e per il modo”, cioè “senza avvertire nessuno” dell'”affondo” riservato all’esecutivo che nella prima edizione del quotidiano, come si avverte dal diverso titolo, è un po’ più hard: “Giustizia, il governo rischia di cadere”, per “addolcirsi” nella seconda edizione: “Fiducia sulla giustizia, evitiamo rischi”.

E’ probabilmente dopo aver letto le dichiarazioni di Orlando sul giornale che, secondo quanto si apprende da fonti della maggioranza del Senato, il premier avrebbe deciso di dire la sua in modo così netto sulla fiducia. Tirando in ballo anche il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo già chiamato in causa dal ministro nella sua intervista.

Davigo infatti più volte ha sparato a zero contro le principali misure contenute nel ddl a cominciare da quella che obbliga i Pm a tappe forzate, visto che gli vengono concessi solo tre mesi dalla chiusura delle indagini per decidere su rinvio a giudizio o archiviazione. E in un momento come questo, in cui Renzi non vuole scontri di alcun tipo con nessuno in vista del referendum costituzionale fissato per il 4 dicembre, un muro contro muro con i magistrati su un tema “caldo” come la prescrizione lo eviterebbe volentieri. Soprattutto dopo quello che è stato definito uno “strappo” da parte di Orlando che qualche malumore lo aveva già creato nel governo dopo la decisione di “forzare la mano” sull’andata in pensione dei magistrati e sull’assunzione di alcuni precari negli uffici giudiziari.

Così, alla fine, la maggioranza ha preso tempo chiedendo di invertire l’ordine dei lavori: facendo discutere prima la riforma del cinema, che il ministro della Cultura Franceschini vorrebbe approvata in tempi brevi. Ma alla fine una decisione sul ddl, magari la prossima settimana, andrà presa. E se non si metterà la fiducia, anche per i numeri “ballerini” di Palazzo Madama (nonostante nel Pd qualcuno ostenti sicurezza assicurando che si arriverà al tetto dei 164), e si deciderà di far esaminare il testo in Aula, un’ipotesi potrebbe anche essere quella che al primo voto segreto (ne sono previsti fino a un massimo di 270) in cui il governo va sotto, qualcuno, magari Orlando, chieda che il ddl torni in commissione.

(di Anna Laura Bussa/ANSA)

Ultima ora

07:36Assegni sociali in Italia,ma residenti estero,370 denunciati

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Percepivano l'assegno sociale erogato dall'Inps (circa 450 euro al mese per 13 mensilità), ma erano residenti all'estero. E l'emolumento - che rientra tra i principali strumenti cosiddetti 'di protezione' - spetta solo a chi risiede in Italia. Il Nucleo speciale spesa pubblica e repressione frodi comunitarie della Guardia di finanza ha denunciato per questo motivo 370 persone, che hanno indebitamente percepito oltre 10 milioni di euro. L'Inps ha immediatamente sospeso i pagamenti con un risparmio annuo di oltre 2,6 milioni di euro.

07:33‘Ndrangheta: maxi operazione in Lombardia, 27 arresti

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Maxi operazione antimafia in Lombardia. I carabinieri del Comando provinciale di Milano hanno eseguito una serie di arresti nelle province di Monza, Milano, Pavia, Como e Reggio Calabria nell'ambito di un'inchiesta su infiltrazioni della 'ndrangheta nel mondo dell'imprenditoria e della politica in Lombardia. L'inchiesta è coordinata dalla Procura di Monza e dalla Procura Distrettuale Antimafia di Milano. In tutto, 27 misure cautelari: 21 in carcere, 3 ai domiciliari e 3 interdittive, firmate dai Gip di Monza e Milano Pierangela Renda e Marco Del Vecchio. L'inchiesta dei carabinieri, partita nel 2015, e che porta la firma dei Pm monzesi Salvatore Bellomo, Giulia Rizzo e del Procuratore della Repubblica di Monza Luisa Zanetti e dei Pm della DIA Alessandra Dolci, Sara Ombra e Ilda Boccassini, rappresenta una costola dell'indagine "Infinito", che nel 2010 aveva inferto un duro colpo alle "Locali" 'ndranghetiste in Lombardia.

02:35Etiopia: governo, centinaia di morti in scontri interetnici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Centinaia" di morti in scontri interetnici e "migliaia" di sfollati nelle ultime settimane in Etiopia. A denunciarlo è stato il ministro dell'Informazione di Addis Abeba, Negeri Lencho, che ha accusato il vicino Somaliland, territorio semi-autonomo nel nord della Somalia, di avere espulso a forza oltre confine circa 3.000 persone di etnia Oromo. Il gruppo vive a cavallo tra i due Paesi. Lo scrive Bloomberg online. Il 'ministro' degli Esteri del Somaliland, Saad Ali Shire, ha chiesto al suo staff di fare chiarezza su quanto accaduto prima di poter commentare.

01:53Usa: Protesta a Congresso in difesa Obamacare, arresti

(ANSA) - NEW YORK, 25 SET - Centinaia di attivisti, fra cui diversi disabili in sedia a rotelle, stanno manifestando al Congresso americano contro il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare, tentativo fallito con la defezione della senatrice Collins. Anche molti disabili sono stati allontanati con la forza dalla polizia e arrestati mentre chiedevano, cantando, di non tagliare fondi alla sanità.

01:35Usa: mancano voti Congresso per riformare Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 25 SET - Affonda il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare. Il progetto di legge per riformare la sanità messo a punto dai senatori Lindsey Graham e Bill Cassidy non ha i voti necessari per il passaggio in Senato. La senatrice repubblicana Susan Collins ha infatti annunciato che non sostiene il progetto, andandosi ad aggiungere ai senatori Rand Paul e John McCain. Nel frattempo è emerso che la nuova proposta dei repubblicani per abolire e sostituire l'Obamacare farebbe perdere la copertura sanitaria a "milioni di americani". Lo afferma il Congressional Budget Office, l'organismo bipartisan incaricato di fornire analisi economiche al Congresso. L'analisi preliminare condotta sulla prima versione del progetto di legge Graham-Cassidy farebbe "perdere la copertura a milioni. Il numero" di coloro che non sarebbero più coperti "è variabile e dipende da come gli stati attueranno la norma".

01:26Uccide marito con matterello durante una lite

(ANSA) - TERRANUOVA BRACCIOLINI (AREZZO), 26 SET - Ha ucciso il marito colpendolo alla testa con un matterello al culmine di una lite. A dare l'allarme è stata la figlia 25enne. E' accaduto poco prima delle 23 di lunedì a Terranuova Bracciolini (Arezzo), quando la figlia ha chiamato il 118 dicendo che i padre era a terra "con la testa fracassata" . I sanitari del 118 sono accorsi dandole intanto indicazioni per eventuali tentativi di rianimazione. Al loro arrivo hanno trovato il corpo dell'uomo, 62 anni, tra il bagno e il corridoio. Sul divano la donna, che poi avrebbe anche confessato il delitto. Già nel pomeriggio ci sarebbe stata una lite tra i coniugi.

00:36Calcio: l’Arsenal torna al successo, 2-0 al West Bromwich

(ANSA) - ROMA, 26 SET - L'Arsenal torna alla vittoria in Premier League battendo 2-0 il West Bromwich Albion nell'ultimo incontro della sesta giornata. Entrambe le reti sono state realizzate dal bomber francese, a segno al 20' pt e al 22' st, su rigore. La squadra guidata da Arsene Wenger è ora settima in classifica, a -7 dalla coppia di testa Manchester City-Manchester United. Uno dei protagonisti è stato anche il capitano del Wba Gareth Barry, che a 36 anni ha toccato le 633 presenze in Premier, migliorando il record fin qui detenuto dalla bandiera dello United Ryan Giggs.

Archivio Ultima ora