Slitta la riforma della giustizia. Renzi, no alla fiducia contro le toghe

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Slitta riforma giustizia. Renzi,no fiducia contro toghe

Slitta riforma giustizia. Renzi,no fiducia contro toghe

ROMA. – La riforma del processo penale “rischia la stessa sorte toccata al ddl anti-tortura”: finire in coda all’ordine del giorno dei lavori d’Aula di Palazzo Madama. Senza che nessuno più ne parli. E’ questa l’ipotesi più accreditata tra i senatori della maggioranza che, al momento, escludono il ricorso ad un voto di fiducia sul testo che contiene le contestate norme su prescrizione e intercettazioni. Anche se poi nella pratica, perché l’ipotesi si realizzi, l’Aula del Senato dovrebbe fare un nuovo voto sul calendario per modificare quello deciso dalla Conferenza dei capigruppo che vede, subito dopo la riforma del cinema (passata in testa dopo la richiesta di inversione dell’odg avanzata dalla maggioranza), il Rendiconto 2015 e l’assestamento 2016 e poi gli “argomenti non conclusi” tra i quali rientra il ddl sulla giustizia penale.

Per quanto riguarda la fiducia, Renzi è stato piuttosto chiaro: “Ci penso su due volte a mettere la fiducia su una cosa che Davigo definisce “provvedimenti dannosi o inutili”, su atti della giustizia che vogliono aiutare i magistrati, con i magistrati che dicono che sono dannosi”. “Tendenzialmente – ha insistito il premier ai microfoni di Rtl – escludiamo il voto di fiducia”.

In realtà, il Consiglio dei ministri aveva autorizzato la richiesta della fiducia sul provvedimento, così come proposto da diversi ministri tra cui quello dell’ Interno Angelino Alfano e il Guardasigilli Andrea Orlando. Ma poi, l’intervista di quest’ ultimo a “Il Corriere della Sera”, avrebbe fatto precipitare le cose, mandando “su tutte le furie mezzo governo e gran parte del Pd”.

E non solo perché si sarebbe “trincerato dietro Alfano”, dicendo che lui era stato il primo a volere la fiducia sul ddl, ma anche “per il tono usato e per il modo”, cioè “senza avvertire nessuno” dell'”affondo” riservato all’esecutivo che nella prima edizione del quotidiano, come si avverte dal diverso titolo, è un po’ più hard: “Giustizia, il governo rischia di cadere”, per “addolcirsi” nella seconda edizione: “Fiducia sulla giustizia, evitiamo rischi”.

E’ probabilmente dopo aver letto le dichiarazioni di Orlando sul giornale che, secondo quanto si apprende da fonti della maggioranza del Senato, il premier avrebbe deciso di dire la sua in modo così netto sulla fiducia. Tirando in ballo anche il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo già chiamato in causa dal ministro nella sua intervista.

Davigo infatti più volte ha sparato a zero contro le principali misure contenute nel ddl a cominciare da quella che obbliga i Pm a tappe forzate, visto che gli vengono concessi solo tre mesi dalla chiusura delle indagini per decidere su rinvio a giudizio o archiviazione. E in un momento come questo, in cui Renzi non vuole scontri di alcun tipo con nessuno in vista del referendum costituzionale fissato per il 4 dicembre, un muro contro muro con i magistrati su un tema “caldo” come la prescrizione lo eviterebbe volentieri. Soprattutto dopo quello che è stato definito uno “strappo” da parte di Orlando che qualche malumore lo aveva già creato nel governo dopo la decisione di “forzare la mano” sull’andata in pensione dei magistrati e sull’assunzione di alcuni precari negli uffici giudiziari.

Così, alla fine, la maggioranza ha preso tempo chiedendo di invertire l’ordine dei lavori: facendo discutere prima la riforma del cinema, che il ministro della Cultura Franceschini vorrebbe approvata in tempi brevi. Ma alla fine una decisione sul ddl, magari la prossima settimana, andrà presa. E se non si metterà la fiducia, anche per i numeri “ballerini” di Palazzo Madama (nonostante nel Pd qualcuno ostenti sicurezza assicurando che si arriverà al tetto dei 164), e si deciderà di far esaminare il testo in Aula, un’ipotesi potrebbe anche essere quella che al primo voto segreto (ne sono previsti fino a un massimo di 270) in cui il governo va sotto, qualcuno, magari Orlando, chieda che il ddl torni in commissione.

(di Anna Laura Bussa/ANSA)

Ultima ora

14:13Si finge vedovo con figlia malata e truffa 36mila euro su Fb

(ANSA) - FORLI', 25 FEB - Ha fatto credere a una donna, con la quale aveva stretto amicizia virtuale su facebook, di essere rimasto vedovo, con una figlia minore malata di cancro, e di aver perso il lavoro. Lei, 54 anni, con alcuni bonifici bancari gli ha 'elargito' 36mila euro, poi, per reperire altro denaro, ha dovuto contattare parenti e amici, ma le nuove insistenti richieste l'hanno fatta dubitare e l'hanno convinta a rivolgersi ai carabinieri di Modigliana (Forlì-Cesena). Così un uomo di 54 anni, residente nel Catanese, disoccupato e con precedenti, è stato denunciato per truffa a mezzo telematico. Con la donna si era spacciato per un 38enne di origini calabresi, residente a Rimini: particolarmente cortese e galante, l'aveva riempita di complimenti, iniziando a corteggiarla e riuscendo in poco tempo ad acquisire la sua totale fiducia. Il tutto solo via computer: truffatore e vittima non si sono mai incontrati personalmente. (ANSA).

14:12Calcio: Montella, dispiaciuto per Ranieri

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - Dispiaciuto per l'esonero del collega Claudio Ranieri, Vincenzo Montella è convinto che "nel calcio non ci sia riconoscenza e neanche la ricerco: penso sia giusto che un allenatore venga valutato guardando al presente e al futuro e non al passato". L'allenatore del Milan ha spiegato di aver letto "un articolo di Gramellini sul Corriere della Sera che rispecchia il mio pensiero: Ranieri ha fatto qualcosa di immortale, difficilmente ripetibile. La sua impresa avvicina i sogni di bambini e allenatori, bisogna tutti ringraziarlo. Dispiace sinceramente, lui rimane un esempio non solo per lo sport, perché la sua favola è difficilmente ripetibile". Parlando invece delle difficoltà che in questi anni hanno vissuto gli allenatori della Fiorentina, Montella ha ricordato l' epilogo della sua storia in viola: "Ero all'aeroporto, al metal detector, ho appoggiato il cellulare e quando l'ho ripreso c'era l'esonero nella mail".

14:10Calcio: Montella, sempre grato a Berlusconi

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - La trasferta contro il Sassuolo è destinata a diventare l'ultima partita del Milan dell'era Berlusconi, di cui Vincenzo Montella ha vissuto i 7 mesi finali in panchina. "Il mio momento più emozionante, al di là della Supercoppa, è stato la firma del contratto. Ringrazierò sempre Berlusconi e Galliani, sin da bambino avevo il sogno di fare parte del Milan: speravo di arrivarci da calciatore, sono riuscito da allenatore, fosse durato anche solo un giorno per me è stata una grande conquista - ha detto Montella -. Anche se non dovesse esserci continuità, non smetterò mai di ringraziarli. Io mi sono sempre rapportato con la società perché è presente. Non vorrei essere volgare ma ci paga regolarmente e non mi era mai successo. Il resto sono cose mediatiche che non ci devono portare via energie", ha aggiunto Montella, che domenica ha dedicato la vittoria a Berlusconi: "Pensavo che ci tenesse molto. Poi in settimana non ci siamo sentiti, mi sono rapportato con Galliani".

13:52Detenuto ingerisce numero ‘record’ oggetti,operato a Perugia

(ANSA) - PERUGIA, 25 FEB - Aveva ingerito 18 pile, tre tagliaunghie, due accendini, tre lame ed un bottone, il detenuto straniero del carcere di Capanne, a Perugia, che nell'ospedale perugino Santa Maria della Misericordia, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l'estrazione degli oggetti, ingeriti - secondo quanto riferisce una nota dell'Azienda ospedaliera - in maniera volontaria. "Non era mai accaduto di estrarre un numero così elevato di oggetti, finiti nello stomaco dopo essere transitati per faringe, laringe ed esofago", sottolinea il direttore della gastroenterologia, il dottor Luigi Clerici. "L'intervento è durato 5 ore ed il paziente, che non aveva mai manifestato intenzioni suicide, si trova ora in rianimazione". Interventi analoghi sono frequenti ma gli operatori sanitari perugini considerano da record il numero di oggetti recuperati dal paziente operato.

13:47Calcio: Montella, noi in credito per errori arbitri

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - "Il Milan in questo campionato è in credito in quanto a errori arbitrali". Lo ha sottolineato Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta con il Sassuolo, senza voler tornare sulle polemiche per alcuni episodi che hanno fatto infuriare gli emiliani all'andata. "Affrontiamo un avversario che ha ritrovato compattezza e può vincere con chiunque, il Milan ne sa qualcosa alla luce degli ultimi 3 anni - ha aggiunto l'allenatore rossonero - Abbiamo voglia di cambiare questa tendenza e di parlare poco di questioni extracalcistiche e mi riferisco all'andata. Abbiamo avuto un rigore generoso ma da allora l'abbiamo pagata. Anche con la Fiorentina, prima del gol di Kalinic poteva essere fermato il gioco. Lasciamo lavorare serenamente gli arbitri, perché si arriva nel cuore del campionato, dobbiamo lasciarli sbagliare in pace. Lo dico come allenatore del Milan, un club che ha più blasone ma in questo campionato è in credito in quanto a errori arbitrali".

13:37Calcio: lotta a match fixing, riunione a Roma

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - Delegati Uefa, rappresentanti di Europol e del Consiglio d'Europa, agenzie mondiali di betting, dirigenti di Sportradar AG ed esperti di match fixing dello Scip (Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia) della Criminalpol, sono stati impegnati a Roma in un tavolo tecnico di confronto finalizzato "all'individuazione delle migliori strategie per il contrasto alla corruzione nel mondo del calcio ed alla manipolazione delle partite" I lavori del "Uefa Working Group" si inseriscono , si legge in una nota della Polizia, nel "piano di ricezione della direttiva europea denominata Convenzione sulla manipolazione delle Competizioni sportive, alla quale il Governo italiano ha deciso di aderire proponendo un opportuno disegno di legge".

13:35Speranza presenta Dp, movimento nasce a sinistra del Pd

(ANSA) - ROMA, 25 FEB -"L'articolo 1 della Costituzione, "L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro", è il tratto identitario più bello della nostra comunità. Noi siamo questo, è il nostro simbolo, il nostro progetto per l'Italia". Lo ha detto Roberto Speranza presentando "Democratici e Progressisti", il nuovo partito che nasce a sinistra del Pd.

Archivio Ultima ora