Slitta la riforma della giustizia. Renzi, no alla fiducia contro le toghe

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Slitta riforma giustizia. Renzi,no fiducia contro toghe

Slitta riforma giustizia. Renzi,no fiducia contro toghe

ROMA. – La riforma del processo penale “rischia la stessa sorte toccata al ddl anti-tortura”: finire in coda all’ordine del giorno dei lavori d’Aula di Palazzo Madama. Senza che nessuno più ne parli. E’ questa l’ipotesi più accreditata tra i senatori della maggioranza che, al momento, escludono il ricorso ad un voto di fiducia sul testo che contiene le contestate norme su prescrizione e intercettazioni. Anche se poi nella pratica, perché l’ipotesi si realizzi, l’Aula del Senato dovrebbe fare un nuovo voto sul calendario per modificare quello deciso dalla Conferenza dei capigruppo che vede, subito dopo la riforma del cinema (passata in testa dopo la richiesta di inversione dell’odg avanzata dalla maggioranza), il Rendiconto 2015 e l’assestamento 2016 e poi gli “argomenti non conclusi” tra i quali rientra il ddl sulla giustizia penale.

Per quanto riguarda la fiducia, Renzi è stato piuttosto chiaro: “Ci penso su due volte a mettere la fiducia su una cosa che Davigo definisce “provvedimenti dannosi o inutili”, su atti della giustizia che vogliono aiutare i magistrati, con i magistrati che dicono che sono dannosi”. “Tendenzialmente – ha insistito il premier ai microfoni di Rtl – escludiamo il voto di fiducia”.

In realtà, il Consiglio dei ministri aveva autorizzato la richiesta della fiducia sul provvedimento, così come proposto da diversi ministri tra cui quello dell’ Interno Angelino Alfano e il Guardasigilli Andrea Orlando. Ma poi, l’intervista di quest’ ultimo a “Il Corriere della Sera”, avrebbe fatto precipitare le cose, mandando “su tutte le furie mezzo governo e gran parte del Pd”.

E non solo perché si sarebbe “trincerato dietro Alfano”, dicendo che lui era stato il primo a volere la fiducia sul ddl, ma anche “per il tono usato e per il modo”, cioè “senza avvertire nessuno” dell'”affondo” riservato all’esecutivo che nella prima edizione del quotidiano, come si avverte dal diverso titolo, è un po’ più hard: “Giustizia, il governo rischia di cadere”, per “addolcirsi” nella seconda edizione: “Fiducia sulla giustizia, evitiamo rischi”.

E’ probabilmente dopo aver letto le dichiarazioni di Orlando sul giornale che, secondo quanto si apprende da fonti della maggioranza del Senato, il premier avrebbe deciso di dire la sua in modo così netto sulla fiducia. Tirando in ballo anche il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo già chiamato in causa dal ministro nella sua intervista.

Davigo infatti più volte ha sparato a zero contro le principali misure contenute nel ddl a cominciare da quella che obbliga i Pm a tappe forzate, visto che gli vengono concessi solo tre mesi dalla chiusura delle indagini per decidere su rinvio a giudizio o archiviazione. E in un momento come questo, in cui Renzi non vuole scontri di alcun tipo con nessuno in vista del referendum costituzionale fissato per il 4 dicembre, un muro contro muro con i magistrati su un tema “caldo” come la prescrizione lo eviterebbe volentieri. Soprattutto dopo quello che è stato definito uno “strappo” da parte di Orlando che qualche malumore lo aveva già creato nel governo dopo la decisione di “forzare la mano” sull’andata in pensione dei magistrati e sull’assunzione di alcuni precari negli uffici giudiziari.

Così, alla fine, la maggioranza ha preso tempo chiedendo di invertire l’ordine dei lavori: facendo discutere prima la riforma del cinema, che il ministro della Cultura Franceschini vorrebbe approvata in tempi brevi. Ma alla fine una decisione sul ddl, magari la prossima settimana, andrà presa. E se non si metterà la fiducia, anche per i numeri “ballerini” di Palazzo Madama (nonostante nel Pd qualcuno ostenti sicurezza assicurando che si arriverà al tetto dei 164), e si deciderà di far esaminare il testo in Aula, un’ipotesi potrebbe anche essere quella che al primo voto segreto (ne sono previsti fino a un massimo di 270) in cui il governo va sotto, qualcuno, magari Orlando, chieda che il ddl torni in commissione.

(di Anna Laura Bussa/ANSA)

Ultima ora

23:51Calcio: Pjaca si infortuna con la nazionale croata

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Infortunio per Marko Pjaca durante il secondo tempo dell'amichevole tra Estonia e Croazia. Il giocatore della Juventus è uscito in barella, in lacrime, a causa di un problema ad un ginocchio che, al 20', ha subito una brutta torsione. Pjaca è rimasto a terra portandosi le mani al volto, visibilmente sofferente. Ora si attende l'esito degli esami, ma sono state pessimiste le prime parole del Ct della Croazia, Ante Cacic, nel dopo partita: "L'infortunio sembra qualcosa di serio". La partita è terminata con la vittoria per 3-0 dell'Estonia.

23:35Calcio: Bonucci, in Spagna difficile ma non battuti

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Sono contento perché sta nascendo un bel gruppo con i giovani che stanno portando entusiasmo e spensieratezza, alle quali si aggiunge l'esperienza dei 'vecchi'". Leonardo Bonucci, autore del gol vittoria contro l'Olanda, vede una crescita dell'Italia ed - ai microfoni di Raiuno - afferma "tutto è utile per la crescita della squadra. Ci credevamo ed ora bisogna acquisire personalità". Il 2 settembre in Spagna l'Italia si giocherà la qualificazione al Mondiale in Russia: "Sarà difficile - afferma il difensore bianconero - ma non partiamo certo battuti". Ultima battuta sul caso Barzagli: "Ha già risposto il mister, lui si è sempre comportato da grande professionista".

23:32Calcio: Ventura “se andremo in Russia saremo sorpresa”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Stiamo cercando di esportare un'immagine e di costruirci una certa mentalità. Contava il risultato, ma la duplice posta in palio era quella e credo che l'abbiamo centrata". Così il ct dell'Italia, Gian Piero Ventura, dopo la vittoria sull'Olanda ad Amsterdam. "Sarebbe bello andare in Russia, ma ci si va solo attraverso il lavoro e un gruppo che sta nascendo. Sono convinto che lì saremo la sorpresa del Mondiale", ha aggiunto il tecnico ai microfoni Rai. "Verratti? ha fatto una partita di spessore".

23:31Calcio: l’Italia vince 2-1 in Olanda

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Successo per 2-1 dell'Italia nell'amichevole contro l'Olanda giocata ad Amsterdam. La formazione schierata dal Ct Ventura, con ben quattro esordienti (compreso il 18enne Donnarumma tra i pali), si è ben comportata, soprattutto nel primo tempo, nel quale si sono concentrate tutte le reti. L'inizio è sfortunato con l'autorete di Romagnoli al 10'. Ma appena un minuto dopo arriva il pareggio grazie al diagonale di Eder, bravo a sfruttare un errore di rinvio degli avversari. Ed al 32' Bonucci realizza il gol vittoria, ribadendo in rete una deviazione del portiere olandese su un colpo di testa di Parolo. Nella ripresa tante sostituzioni ed un paio di interventi importanti del giovane portiere del Milan che ha 'blindato' il risultato fino al fischio finale.

21:35Sisma: Sala, ghisa che ridono non degni divisa Milano

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - "Ho visto in rete un video di pessimo gusto dei vigili milanesi di stanza nei luoghi del sisma. Ho chiesto al comandante della Polizia locale Antonio Barbato di prendere al più presto i giusti provvedimenti". Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando un video girato da alcuni agenti della Polizia locale ad Amatrice, in cui ridono ed escono dalle macerie di alcune case come degli zombie. Il video è stato diffuso su alcuni siti di quotidiani online. "Non sono questi i ghisa che noi conosciamo e per questo ritengo che vederli indossare la divisa del nostro corpo di Polizia Locale sia un'offesa per tutti noi milanesi", ha concluso. (ANSA).

21:27Poletti: presidente calcio a 5 “giocate e mandate curricula”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Purtroppo devo smentire il Ministro Poletti che ha detto ai giovani che per trovare lavoro è meglio 'giocare a calcetto che inviare il proprio curriculum vitae'. Se fosse vero in Italia non esisterebbe la disoccupazione". Sulla polemica del giorno in ambito lavoro, interviene anche il presidente della Divisione Calcio a 5 della Figc-Lega Dilettanti, Andrea Montemurro. "Il calcio a 5 - dice all'Ansa - e quindi non non il 'calcetto', come lo stesso ministro Poletti lo ha erroneamente definito, è lo sport di squadra più praticato in Italia, diffusissimo tra giovani, donne e adulti, conta oltre centomila iscritti e milioni di praticanti amatoriali. Ai giovani dico: se giocate a Futsal, a 'calcetto', sono assicurati il divertimento, lo spettacolo, la grande tecnica e uno sport sano, purtroppo non anche il lavoro. Quindi - conclude il dirigente - giocate a Futsal e mandate curricula".

21:24Neonata morta in ospedale Catanzaro, indagati otto medici

(ANSA) - CATANZARO, 28 MAR - La Procura della Repubblica di Catanzaro ha emesso otto informazioni di garanzia nei confronti di altrettanti medici in servizio nel reparto di ginecologia dell'ospedale cittadino nell'ambito di un'inchiesta avviata sulla morte di una neonata. L'inchiesta della Procura é stata avviata sulla base della denuncia presentata dai genitori della neonata. I carabinieri, su delega della Procura, hanno sequestrato la salma, il cordone ombelicale, la placenta e le cartelle cliniche di madre e figlia. Domani sul corpo della neonata verrà effettuata l'autopsia. L'ipotesi di reato a carico dei sanitari è quella di omicidio colposo. L'autopsia servirà ad accertare le cause del decesso contribuendo a chiarire se la morte della neonata sia riconducibile a responsabilità del personale medico. (ANSA).

Archivio Ultima ora