Slitta la riforma della giustizia. Renzi, no alla fiducia contro le toghe

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Slitta riforma giustizia. Renzi,no fiducia contro toghe

Slitta riforma giustizia. Renzi,no fiducia contro toghe

ROMA. – La riforma del processo penale “rischia la stessa sorte toccata al ddl anti-tortura”: finire in coda all’ordine del giorno dei lavori d’Aula di Palazzo Madama. Senza che nessuno più ne parli. E’ questa l’ipotesi più accreditata tra i senatori della maggioranza che, al momento, escludono il ricorso ad un voto di fiducia sul testo che contiene le contestate norme su prescrizione e intercettazioni. Anche se poi nella pratica, perché l’ipotesi si realizzi, l’Aula del Senato dovrebbe fare un nuovo voto sul calendario per modificare quello deciso dalla Conferenza dei capigruppo che vede, subito dopo la riforma del cinema (passata in testa dopo la richiesta di inversione dell’odg avanzata dalla maggioranza), il Rendiconto 2015 e l’assestamento 2016 e poi gli “argomenti non conclusi” tra i quali rientra il ddl sulla giustizia penale.

Per quanto riguarda la fiducia, Renzi è stato piuttosto chiaro: “Ci penso su due volte a mettere la fiducia su una cosa che Davigo definisce “provvedimenti dannosi o inutili”, su atti della giustizia che vogliono aiutare i magistrati, con i magistrati che dicono che sono dannosi”. “Tendenzialmente – ha insistito il premier ai microfoni di Rtl – escludiamo il voto di fiducia”.

In realtà, il Consiglio dei ministri aveva autorizzato la richiesta della fiducia sul provvedimento, così come proposto da diversi ministri tra cui quello dell’ Interno Angelino Alfano e il Guardasigilli Andrea Orlando. Ma poi, l’intervista di quest’ ultimo a “Il Corriere della Sera”, avrebbe fatto precipitare le cose, mandando “su tutte le furie mezzo governo e gran parte del Pd”.

E non solo perché si sarebbe “trincerato dietro Alfano”, dicendo che lui era stato il primo a volere la fiducia sul ddl, ma anche “per il tono usato e per il modo”, cioè “senza avvertire nessuno” dell'”affondo” riservato all’esecutivo che nella prima edizione del quotidiano, come si avverte dal diverso titolo, è un po’ più hard: “Giustizia, il governo rischia di cadere”, per “addolcirsi” nella seconda edizione: “Fiducia sulla giustizia, evitiamo rischi”.

E’ probabilmente dopo aver letto le dichiarazioni di Orlando sul giornale che, secondo quanto si apprende da fonti della maggioranza del Senato, il premier avrebbe deciso di dire la sua in modo così netto sulla fiducia. Tirando in ballo anche il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo già chiamato in causa dal ministro nella sua intervista.

Davigo infatti più volte ha sparato a zero contro le principali misure contenute nel ddl a cominciare da quella che obbliga i Pm a tappe forzate, visto che gli vengono concessi solo tre mesi dalla chiusura delle indagini per decidere su rinvio a giudizio o archiviazione. E in un momento come questo, in cui Renzi non vuole scontri di alcun tipo con nessuno in vista del referendum costituzionale fissato per il 4 dicembre, un muro contro muro con i magistrati su un tema “caldo” come la prescrizione lo eviterebbe volentieri. Soprattutto dopo quello che è stato definito uno “strappo” da parte di Orlando che qualche malumore lo aveva già creato nel governo dopo la decisione di “forzare la mano” sull’andata in pensione dei magistrati e sull’assunzione di alcuni precari negli uffici giudiziari.

Così, alla fine, la maggioranza ha preso tempo chiedendo di invertire l’ordine dei lavori: facendo discutere prima la riforma del cinema, che il ministro della Cultura Franceschini vorrebbe approvata in tempi brevi. Ma alla fine una decisione sul ddl, magari la prossima settimana, andrà presa. E se non si metterà la fiducia, anche per i numeri “ballerini” di Palazzo Madama (nonostante nel Pd qualcuno ostenti sicurezza assicurando che si arriverà al tetto dei 164), e si deciderà di far esaminare il testo in Aula, un’ipotesi potrebbe anche essere quella che al primo voto segreto (ne sono previsti fino a un massimo di 270) in cui il governo va sotto, qualcuno, magari Orlando, chieda che il ddl torni in commissione.

(di Anna Laura Bussa/ANSA)

Ultima ora

16:36Grillo, non esistono correnti, M5s è un corpo solo

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - "Nel M5s non esistono correnti: abbiamo bisogno di idee condivise, non di opinioni divisive. Il candidato premier sarà un candidato premier portavoce che proporrà agli italiani il programma di governo 5 Stelle votato in Rete. Chi si candiderà a premier o a parlamentare non si candida a proporre un suo programma, ma si impegna a rendere fattivo il programma deciso in Rete dalla nostra comunità". Così Beppe Grillo interviene sul blog con un post dal titolo: "Il M5S: Un corpo solo, un'anima sola".

16:26Brexit: Gina Miller a ANSA, Corte Suprema?Vinciamo noi

(ANSA) - LONDRA, 8 DIC - "Questo appello è stata solo una perdita di tempo. Il governo non ha un piano d'azione non abbiamo dubbi che vinceremo noi". Cosi' all'ANSA Gina Miller, promotrice dell'azione legale per imporre un voto del parlamento sulla Brexit, a margine dell'udienza finale della Corte Suprema sul caso e in attesa del verdetto di gennaio. "Non abbiamo una democrazia diretta, i nostri referendum non sono vincolanti. Noi eleggiamo un Parlamento chiamato a legiferare", insiste Miller.

16:12Calcio: Juve-Dinamo, bilancio scontri 4 arrestati e 3 feriti

(ANSA) - TORINO, 8 DIC - Quattro arresti e tre feriti: è il bilancio definitivo degli scontri di ieri sera, prima del fischio di inizio della partita di Champions Dinamo Zagabria-Juventus a Torino. Le tensioni, provocate dai tifosi croati arrivati in città, quasi tutti aderenti al gruppo ultrà 'Bad Blue Boys', erano iniziate sin dal primo pomeriggio. Allo Juventus Stadium, le forze dell'ordine erano state costrette a intervenire con diverse cariche di alleggerimento, prima al parcheggio ospiti e poi nell'intercinta dello stadio. Oltre ai tre arresti eseguiti dalla Digos torinese, ce n'è un quarto, a opera dei Carabinieri. Tre croati sono rimasti feriti negli scontri con la loro stessa tifoseria. Uno è stato medicato sul posto e gli altri due sono stati trasportati dal 118 in ospedale.

16:06Mondiale club: Kashima batte Auckland, è ai quarti

(ANSA-AP) - YOKOHAMA, 8 DIC - I campioni giapponesi del Kashima Antlers hanno battuto i neozelandesi dell'Auckland per 2-1, nella partita d'apertura del Mondiale per Club, qualificandosi per i quarti di finale. Avanti con Kim al 50', Auckland è stata prima raggiunta e poi superata dai gol di Akasaki (67') e Kanazaki (88'). Nei quarti, i nipponici affronteranno domenica a Osaka i campioni d'Africa, i sudafricani del Mamelodi Sundowns. La vincente sfiderà mercoledì l'Atletico National, detentore della Coppa Libertadores. Nell'altra semifinale, il Real Madrid sfiderà la vincente tra i coreani del Jeonbuk Hyundai (che ha vinto la Champions asiatica) e i messicani del Club America (detentore della Coppa Concacaf), in programma sempre domenica 11. La finalissima è in programma domenica 18 dicembre, a Yokohama.

16:01Centinaia minori adescati, arrestato pedofilo seriale

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 8 DIC - In oltre 10 anni ha adescato centinaia di adolescenti sia all'uscita da scuola sia attraverso Facebook. Protagonista della vicenda un 40enne sudamericano, arrestato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Reggio Emilia che - spiega una nota - hanno "documentato centinaia e centinaia di abusi commessi". Sino ad ora sono trenta le giovani vittime identificate. L'uomo ha anche 'postato' in rete alcuni video dei rapporti sessuali ripresi di nascosto con i giovani. L'inchiesta coordinata dalla Procura di Bologna è stata ribattezzata 'Lost Innocence'. I Carabinieri reggiani hanno ricostruito come in dieci anni l'uomo fosse riuscito a crearsi una sorta di alter ego femminile, 'pubblicizzandolo' tra gli adolescenti come una propria cugina particolarmente disinibita. Dalla finestra della propria abitazione gettava banconote ai minori in uscita da scuola - alcuni di soli 13 anni - inducendoli a salire in casa e a consumare rapporti sessuali con quella che pensavano essere la 'donna dei propri sogni'.(ANSA).

15:45Israele: Gilad Shalit farà l’impiegato di banca

(ANSAmed) - TEL AVIV, 8 DIC - L'ex soldato prigioniero di guerra più famoso di Israele, Gilad Shalit, ha un nuovo lavoro: l'impiegato di banca. 30 anni - per cinque detenuto da Hamas a Gaza - Shalit è stato assunto dalla Banca Discount dopo aver passato di recente un concorso per aspiranti impiegati. Secondo la tv Canale 10, la direzione della banca non ha ancora deciso dove impiegarlo ma è probabile che sia destinato alla divisione commerciale che si occupa di aiutare i clienti negli investimenti. Shalit - rapito nel giugno del 2006 - fu liberato ad ottobre del 2011 dopo un laborioso accordo tra Israele e Hamas per il quale lo stato ebraico rilasciò 1027 detenuti palestinesi, tra i quali molti condannati a vita per atti di terrorismo.

15:34Trump nomina Pruitt a Epa, ‘concilierà ambiente e lavoro’

(ANSA) - WASHINGTON, 8 DIC - Il presidente eletto Donald Trump ha confermato la nomina di Scott Pruitt, procuratore generale dell'Oklahoma e negazionista dei cambiamenti climatici, a capo dell'Epa, l'agenzia federale per l'Ambiente. "La mia amministrazione crede fermamente nella protezione dell'ambiente, e Scott Pruitt sarà un attivo sostenitore della causa promuovendo allo stesso tempo il lavoro, la sicurezza e le opportunità", ha dichiarato Trump. Pruitt, 48 anni, ripristinerà "l'essenziale missione dell'Epa di tenere la nostra aria e la nostra acqua pulite e sicure", assicurando allo stesso tempo che l'agenzia non spenda i soldi dei contribuenti "in un'agenda fuori controllo e anti-energetica", ha aggiunto Trump. Dal canto suo Pruitt ha detto che gli americani "sono stanchi di vedere miliardi di dollari sottratti alla nostra economia a causa di inutili norme dell'Epa". "Intendo guidare questa agenzia in modo che favorisca sia la responsabile protezione dell'ambiente che la libertà per le imprese americane".

Archivio Ultima ora