Siria: Usa valutano “opzioni non diplomatiche”

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

FILE - In this Wednesday, Sept. 21, 2016, file photo, provided by the Syrian Civil Defense White Helmets, rescue workers work the site of airstrikes in the al-Sakhour neighborhood of the rebel-held part of eastern Aleppo, Syria.  (Syrian Civil Defense White Helmets via AP, File)

FILE – In this Wednesday, Sept. 21, 2016, file photo, provided by the Syrian Civil Defense White Helmets, rescue workers work the site of airstrikes in the al-Sakhour neighborhood of the rebel-held part of eastern Aleppo, Syria.
(Syrian Civil Defense White Helmets via AP, File)

BEIRUT. – Gli Stati Uniti, di fronte al fallimento del cessate il fuoco in Siria, stanno discutendo e valutando anche “opzioni non diplomatiche”. Le parole del portavoce del Dipartimento di Stato Usa arrivano al termine di una giornata molto tesa sia sul fronte diplomatico, sia sul terreno. Le forze governative siriane, sostenute dall’aviazione russa, da militari iraniani e dagli Hezbollah libanesi, si preparano a un’offensiva di terra senza precedenti contro Aleppo est, da venerdì scorso martellata da intensi bombardamenti aerei che hanno causato l’uccisione di centinaia di persone, tra cui circa 100 minori, secondo l’Unicef. Tanto che gli Usa, tramite il segretario di Stato John Kerry, hanno minacciano di interrompere i contatti con la Russia sulla Siria se non si fermeranno i bombardamenti sulla città. E poi in serata hanno deciso di mettere in campo anche la possibilità di “opzioni non diplomatiche”.

Ma la gravità degli eventi è data soprattutto dalle dichiarazioni del Papa, che si è rivolto a chi bombarda Aleppo est – la Russia e il governo siriano – senza nominarli in maniera esplicita. Il pontefice ha rinnovato “a tutti l’appello ad impegnarsi con tutte le forze nella protezione dei civili, quale obbligo imperativo e urgente, e alla coscienza dei responsabili dei bombardamenti, che dovranno dare conto davanti a Dio”.

Le immagini provenienti da Aleppo est sono agghiaccianti: corpi di civili, tra cui bambini, senza vita tirati fuori dalle macerie, altri corpi intrappolati e senza vita, altri ancora maciullati e raccolti a pezzi dai volontari della Protezione civile. L’Unicef, che aveva lanciato l’allarme di circa 100mila bambini costretti a bere acqua contaminata, ha ricordato che “i bambini di Aleppo sono intrappolati in un incubo”. L’agenzia Onu ha riferito che “almeno 96 bambini sono stati uccisi e 223 sono rimasti feriti ad Aleppo est da venerdì”. Citato dall’Unicef, un medico ha detto che “i piccoli con basse probabilità di sopravvivenza sono spesso lasciati morire a causa di forniture mediche limitate”.

Anche per questo il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, dopo i raid che hanno colpito due ospedali e un gruppo di persone in fila per la distribuzione del pane, ha ribadito che “colpire gli ospedali è un crimine di guerra”. Mosca ha respinto ogni responsabilità sul raid.

Il ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni, unendosi alle preoccupazioni del collega americano John Kerry, non ha escluso che i rapporti con Mosca possano subire una brusca rottura. “Ancora mi auguro che la Russia collabori per far smettere Bashar al Assad nel suo atteggiamento di massacrare il suo popolo. Se non lo farà – ha detto Gentiloni – credo che sarà inevitabile una rottura drammatica a livello diplomatico internazionale”.

Gentiloni ha ricordato che ad Aleppo rimangono circa 300mila civili accanto a “forse 15mila combattenti delle opposizioni”. La città “è martellata da settimane e settimane – ha proseguito il ministro – non puoi distruggere una zona di una città con 300mila persone, non si capisce neanche quale sia l’obiettivo tranne la barbarie. Non stanno combattendo contro obiettivi militari, ma contro la città”.

Il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov ha difeso la posizione di Mosca affermando che i miliziani detti “moderati” e filo-Usa si stanno radicalizzando e si stanno unendo ai qaidisti. Fonti contattate dall’ANSA ad Aleppo ovest e a Idlib ricordano che in un contesto di prolungata violenza commessa su Aleppo est da Damasco e dai suoi alleati, e senza una concreta forma di protezione internazionale ai civili, è comprensibile che numerosi miliziani delle opposizioni, ad Aleppo est e altrove, finiscano per radicalizzarsi.

Accanto al dramma siriano si consuma quello di Mosul, in Iraq, dove circa un milione di civili rimangono sotto il controllo dell’Isis. E nel quadro della tanto attesa offensiva militare anti-Stato islamico, gli Usa hanno annunciato l’invio in Iraq di altri 600 militari pronti a unirsi alle truppe già presenti nel Paese.

(di Lorenzo Trombetta/ANSAmed)

Ultima ora

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

09:18Referendum autonomia, seggi aperti in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Apertura regolare alle 7 dei seggi per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il governatore Luca Zaia ha votato appena aperto il seggio nella scuola a San Vendemiano (Treviso). Sono oltre quattro milioni gli aventi diritto di voto in Veneto. Sulla scheda il quesito è "vuoi che alla regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?". Il referendum consultivo veneto prevede un quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto. Le urne resteranno aperte fino alle 23.

08:06Uragani: cinque ex presidenti Usa insieme per raccolta fondi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 OTT - Cinque ex presidenti insieme per chiedere agli americani di fare donazioni per le vittime degli uragani che nelle ultime settimane hanno colpito Texas, Florida, Puerto Rico e le Isole Vergini. Jimmy Carter, Bill Clinton, Barack Obama, Bush padre e figlio sono comparsi al concerto di beneficienza al campus della Texas A&M University di Austin, dove ha fatto una apparizione a sorpresa anche Lady Gaga. Tutti hanno fatto brevi dichiarazioni, tranne il 93/enne George W. Bush, che soffre di una forma di Parkinson ed era su una sedia a rotelle. Nessuno ha fatto riferimenti a Donald Trump. Finora la raccolta fondi tramite l'iniziativa One America appeal for hurricane relief ha raggiunto i 31 milioni di dollari, con donazioni da oltre 80 mila persone.

08:01Corea Nord: ex presidente Carter disposto andare a Pyongyang

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - L'ex presidente americano Jimmy Carter, 93 anni, si é detto disposto ad andare in missione diplomatica in Corea del Nord per conto del presidente Donald Trump in un momento di crescenti tensioni tra i due Paesi sulla questione delle armi nucleari. "Sì, io ci andrei", ha detto Carter alla giornalista Maureen Dowd del New York Times - riporta Fox News - rispondendo a una domanda su una sua eventuale disponibilità a recarsi a Pyongyang in missione diplomatica. Carter, che in passato ha già incontrato i leader nordcoreani, ha ammesso di essere "spaventato" dalla "situazione" attuale: "Non so cosa faranno", ha commentato, "perche' vogliono salvare il loro regime. E noi sovrastimiamo notevolmente l'influenza della Cina sulla Corea del Nord. In particolare su Kim Jong-un, che per quanto ne so non é mai stato in Cina". Carter ha poi definito Kim "imprevedibile".

01:37Razzismo:Sarri,noi non tutelati quando ci gridano ‘terroni’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - ''Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano 'terroni' oppure 'Vesuvio lavali col fuoco' non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri risponde così ad una domanda sulla sua protesta nei confronti dell'arbitro Irrati nel corso del match del san Paolo contro l'Inter.

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

Archivio Ultima ora