Siria: Usa valutano “opzioni non diplomatiche”

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

FILE - In this Wednesday, Sept. 21, 2016, file photo, provided by the Syrian Civil Defense White Helmets, rescue workers work the site of airstrikes in the al-Sakhour neighborhood of the rebel-held part of eastern Aleppo, Syria.  (Syrian Civil Defense White Helmets via AP, File)

FILE – In this Wednesday, Sept. 21, 2016, file photo, provided by the Syrian Civil Defense White Helmets, rescue workers work the site of airstrikes in the al-Sakhour neighborhood of the rebel-held part of eastern Aleppo, Syria.
(Syrian Civil Defense White Helmets via AP, File)

BEIRUT. – Gli Stati Uniti, di fronte al fallimento del cessate il fuoco in Siria, stanno discutendo e valutando anche “opzioni non diplomatiche”. Le parole del portavoce del Dipartimento di Stato Usa arrivano al termine di una giornata molto tesa sia sul fronte diplomatico, sia sul terreno. Le forze governative siriane, sostenute dall’aviazione russa, da militari iraniani e dagli Hezbollah libanesi, si preparano a un’offensiva di terra senza precedenti contro Aleppo est, da venerdì scorso martellata da intensi bombardamenti aerei che hanno causato l’uccisione di centinaia di persone, tra cui circa 100 minori, secondo l’Unicef. Tanto che gli Usa, tramite il segretario di Stato John Kerry, hanno minacciano di interrompere i contatti con la Russia sulla Siria se non si fermeranno i bombardamenti sulla città. E poi in serata hanno deciso di mettere in campo anche la possibilità di “opzioni non diplomatiche”.

Ma la gravità degli eventi è data soprattutto dalle dichiarazioni del Papa, che si è rivolto a chi bombarda Aleppo est – la Russia e il governo siriano – senza nominarli in maniera esplicita. Il pontefice ha rinnovato “a tutti l’appello ad impegnarsi con tutte le forze nella protezione dei civili, quale obbligo imperativo e urgente, e alla coscienza dei responsabili dei bombardamenti, che dovranno dare conto davanti a Dio”.

Le immagini provenienti da Aleppo est sono agghiaccianti: corpi di civili, tra cui bambini, senza vita tirati fuori dalle macerie, altri corpi intrappolati e senza vita, altri ancora maciullati e raccolti a pezzi dai volontari della Protezione civile. L’Unicef, che aveva lanciato l’allarme di circa 100mila bambini costretti a bere acqua contaminata, ha ricordato che “i bambini di Aleppo sono intrappolati in un incubo”. L’agenzia Onu ha riferito che “almeno 96 bambini sono stati uccisi e 223 sono rimasti feriti ad Aleppo est da venerdì”. Citato dall’Unicef, un medico ha detto che “i piccoli con basse probabilità di sopravvivenza sono spesso lasciati morire a causa di forniture mediche limitate”.

Anche per questo il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, dopo i raid che hanno colpito due ospedali e un gruppo di persone in fila per la distribuzione del pane, ha ribadito che “colpire gli ospedali è un crimine di guerra”. Mosca ha respinto ogni responsabilità sul raid.

Il ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni, unendosi alle preoccupazioni del collega americano John Kerry, non ha escluso che i rapporti con Mosca possano subire una brusca rottura. “Ancora mi auguro che la Russia collabori per far smettere Bashar al Assad nel suo atteggiamento di massacrare il suo popolo. Se non lo farà – ha detto Gentiloni – credo che sarà inevitabile una rottura drammatica a livello diplomatico internazionale”.

Gentiloni ha ricordato che ad Aleppo rimangono circa 300mila civili accanto a “forse 15mila combattenti delle opposizioni”. La città “è martellata da settimane e settimane – ha proseguito il ministro – non puoi distruggere una zona di una città con 300mila persone, non si capisce neanche quale sia l’obiettivo tranne la barbarie. Non stanno combattendo contro obiettivi militari, ma contro la città”.

Il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov ha difeso la posizione di Mosca affermando che i miliziani detti “moderati” e filo-Usa si stanno radicalizzando e si stanno unendo ai qaidisti. Fonti contattate dall’ANSA ad Aleppo ovest e a Idlib ricordano che in un contesto di prolungata violenza commessa su Aleppo est da Damasco e dai suoi alleati, e senza una concreta forma di protezione internazionale ai civili, è comprensibile che numerosi miliziani delle opposizioni, ad Aleppo est e altrove, finiscano per radicalizzarsi.

Accanto al dramma siriano si consuma quello di Mosul, in Iraq, dove circa un milione di civili rimangono sotto il controllo dell’Isis. E nel quadro della tanto attesa offensiva militare anti-Stato islamico, gli Usa hanno annunciato l’invio in Iraq di altri 600 militari pronti a unirsi alle truppe già presenti nel Paese.

(di Lorenzo Trombetta/ANSAmed)

Ultima ora

12:49Diritti tv: Tim-Eurosport, esclusiva anche per tennis

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Non solo Olimpiadi, Tim avrà l'esclusiva per la banda larga, ultra larga e mobile anche per tre delle quattro prove del Grande Slam di tennis (Australian Open, Roland Garros, Us Open), i tre grandi giri di ciclismo (Giro d'Italia, Tour de France e Vuelta de Espana). E poi il nuoto e l'atletica con i rispettivi mondiali, l'EuroCup di basket e tutte le discipline invernali. La partnership siglata con Eurosport e Discovery Communications riguarda infatti tutti i principali eventi sportivi italiani e internazionali fino a tutto il 2020. Dal telefonino ma anche dalla tv con il decoder TimVision, che inaugura così la sezione sport. L'accordo, si legge in una nota, permette di accedere dal decoder TimVision ai due canali tematici Eurosport 1 e Eurosport 2 e alla programmazione completa di tutte le dirette degli eventi sportivi proposti da Eurosport Player, gratuitamente per il primo anno.

12:45Aereo turismo precipita tra Piemonte e Valle d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 26 GIU - Un aereo da turismo è precipitato nella zona del Mont Mars, tra Valle d'Aosta e Piemonte. A bordo - secondo quanto comunicato dalla Centrale Unica del soccorso della Valle d'Aosta - c'erano due persone. Sul posto stanno operando elicotteri della protezione civile valdostana e dei vigili del fuoco del Piemonte. (ANSA).

12:45Comunali: Speranza, fine renzismo unica strada per ripartire

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Siamo dinanzi alla più clamorosa sconfitta degli ultimi anni alle elezioni amministrative per il centrosinistra". Lo scrive su Facebook il coordinatore di Articolo 1 Roberto Speranza. "È inutile - prosegue Speranza - far finta di non vedere. La destra avanza anche perché in sintonia con le paure di questo tempo. Ma sono state le politiche sbagliate dell'ultima stagione a far restare a casa una larga parte degli elettori di sinistra e di centrosinistra, demotivati e spesso umiliati da scelte incomprensibili su lavoro, scuola, ambiente e fisco. Occorre essere chiari e netti: l'unica strada per ripartire è archiviare definitivamente le politiche errate del renzismo e rimettere al centro i nostri valori fondamentali a partire dalla giustizia sociale e dalla lotta contro le diseguaglianze". "Non ci rassegniamo alla vittoria della destra. Tocca a tutti noi ricostruire. A partire dalla manifestazione del primo luglio a Roma", conclude Speranza.

12:33Salvini, ora modello Comunali a livello nazionale

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - "Non vedo l'ora di esportare il modello di queste amministrative a livello nazionale": lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini. "Abbiamo fatto 30 - ha sostenuto -, facciamo 31. Se dopo decenni ci chiedono di governare Genova, Pistoia o Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo governare anche il Paese. Con idee chiare, senza tentennamenti fra stare o no con Renzi". "Non capisco - ha spiegato - come il segretario del primo partito italiano possa aver festeggiato, il caldo fa brutti scherzi. E non capisco neanche come Gentiloni non sia salito al Quirinale a rassegnare le dimissioni, questa è la terza sfiducia". "Renzi sarà probabilmente il conduttore di 'Chi l'ha visto' l'anno prossimo", ha aggiunto, mentre "con Silvio Berlusconi, "ci vedremo, ci sentiremo, ragioneremo", ma "la leadership è l'ultima delle mie preoccupazioni". "Invitiamo il Pd a portare la legge elettorale subito al Senato, con tre righe che premino le coalizioni, penso che si possa portare a casa in una settimana".

12:28Torino: presidente Ui, spostare il G7 sarebbe un errore

(ANSA) - TORINO, 26 GIU - "È un atteggiamento sbagliato spostare il G7. Torino è e deve essere città dell'accoglienza". Lo ha affermato il presidente degli industriali di Torino Dario Gallina a proposito dell'ipotesi di trovare un'altra sede per gli appuntamenti di fine settembre come proposto da alcuni dopo le tensioni delle ultime settimane nel capoluogo piemontese, dai fatti di piazza San Carlo agli scontri con i centri sociali. "C'è tutto il tempo per assicurare la riuscita dell'evento come è già avvenuto in passato. La polemica politica non deve andare a scapito della collettività", ha detto Gallina aprendo l'assemblea annuale dell'Unione Industriale.(ANSA).

12:16Comunali: sinistra perde Sesto San Giovanni dopo 70 anni

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Per la prima volta dal dopoguerra Sesto San Giovanni, l'ormai definitivamente ex Stalingrado d'Italia, sarà amministrata da un sindaco del centrodestra. Dopo 70 anni, la sinistra perde quindi una delle sue roccaforti nel nord Italia al termine di un ballottaggio senza storia: Roberto Di Stefano ha vinto con il 58,6% contro la sindaca uscente Monica Chittò del Pd che si è fermata al 41,4%, mentre nel 2012 al ballottaggio era stata eletta con il 70%. Appoggiato da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia e dalla lista civica Sesto nel Cuore, Di Stefano ha potuto contare sul sostegno di Gianpaolo Caponi, candidato di tre liste civiche vicine al centrodestra arrivato terzo con il 24% al primo turno. Non è bastato a Chittò il sostegno di tutto il centrosinistra, con la presenza in campagna elettorale di big come Giuliano Pisapia o Walter Veltroni: soprattutto il Pd ha subito una dura sconfitta passando da 10 a 4 consiglieri e la bassa affluenza (45.6%) ha punito sopratutto il centrosinistra.

12:10Gb: cyberattacco, Guardian ha sospetti su Mosca

(ANSA) - LONDRA, 26 GIU - Il cyberattacco condotto venerdì scorso contro il network di email del Parlamento britannico sarebbe riconducibile più a "uno Stato" che non a gruppi di cani sciolti e "probabilmente" al "governo russo". E' quanto afferma oggi il britannico Guardian pur non rivelando alcun elemento concreto al riguardo e ammettendo anzi che sarà difficile poter provare un tale ipotetico collegamento anche in futuro. Il giornale, citando i servizi segreti del Regno Unito, afferma che ci sono altri tre Paesi che possono aver ordinato l'attacco: Cina, Iran e Corea del Nord. Allo stesso tempo cresce la paura di possibili ricatti ai danni dei deputati che hanno visto violate le loro email, anche se il numero di account colpiti è limitato a soli 90 su un totale di 9mila.

Archivio Ultima ora