“No” ricompatta il centrodestra. Renzi, non si voti su di me

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

ROMA. – Le sorti del governo. Al giorno tre della campagna referendaria, si riprende la scena lo ‘spettro’ che il presidente del Consiglio prova da settimane a spazzare via. “Non si utilizzi il referendum in nome del desiderio di buttar giù il governo: si manda a casa per sempre la riforma, si perde un’occasione”, è il messaggio di Matteo Renzi. Ma proprio sul tasto della ‘cacciata’ di Renzi battono Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini in una nota che, alla vigilia del compleanno del Cav, suggella una ‘pax’ ritrovata in nome del No: “Il referendum sarà anche un giudizio sul governo”.

Renzi in un primo momento aveva annunciato le sue dimissioni nel caso di bocciatura della riforma costituzionale, poi ha smesso di parlarne per riportare al centro la riforma ed evitare una ‘conta’ contro di lui. Ma il tema è tutt’altro che assente. “Se vince il No il governo deve andare avanti, non è il giudizio universale”, dichiara il ministro Angelino Alfano.

Ma a una domanda del Corriere della sera, l’editore Carlo De Benedetti, che voterà No se l’Italicum non cambierà, così risponde: “Se vincesse il No, Renzi dovrebbe dimettersi. Anche se non credo che lascerà la politica. E per fortuna, perché ha dimostrato di avere energia e qualità”. Ma Beppe Grillo, dando fuoco alle polveri della campagna M5s per il No, usa le sue parole per un attacco durissimo al premier: “Renzi non va più contrastato, ormai conta zero. De Benedetti oggi l’ha licenziato e il countdown al 4 dicembre è iniziato”.

Una recrudescenza, affermano dal Pd, tutt’altro che inattesa. Ogni giorno, mettono in conto, ci sarà un attacco più duro. Ma al Nazareno sono convinti di avere dalla loro argomenti più che convincenti per ribattere colpo su colpo. Anzi, i colpi quasi li previene Renzi, di primo mattino, in un’intervista alla radio Rtl 102.5. “Berlusconi – afferma – punta a tornare in campo assieme a D’Alema e a tanti altri che utilizzano il referendum per questo e per fare una bella Bicamerale”.

E Massimo D’Alema si infuria: “Una sciocchezza, Renzi ritiene gli italiani degli sprovveduti. Non è mia intenzione ricercare cariche pubbliche ma rivendico il diritto a oppormi a una riforma cattiva e dannosa”. Renzi, però, traccia una linea di demarcazione netta. Tra la “cooperativa di reduci” che “indossa il broncio di ordinanza” e chi “ha il coraggio di rischiare per un futuro in cui l’Italia sia leader”.

Non solo le riforme. Anche un progetto come il Ponte sullo Stretto, può avere un “effetto simbolico”, rivendica dopo le polemiche per la sua proposta. Anche nella maggioranza Pd, dai Giovani turchi alla vicesegretaria Debora Serracchiani, emergono forti perplessità (“Non è una priorità”, dichiarano). Ma Renzi precisa che è un progetto per il futuro, da realizzare dopo opere come la banda larga e la Salerno-Reggio Calabria.

“Al futuro sì”, è il tema che accompagnerà il leader Pd in tutta la campagna referendaria, che avrà il suo apice nella Leopolda che dovrebbe svolgersi dal 18 al 20 novembre. Una campagna che punta molto sul porta a porta, tanto che David Hunter, socio del guru americano Jim Messina, avvierà venerdì a Firenze una serie di incontri per ‘formare’ i volontari del Sì.

Ma anche il No serra le fila. Ad Arcore il centrodestra di Berlusconi, Meloni e Salvini si ricompatta proprio contro il referendum. “La vittoria del No non sarà un salto nel buio”, scrivono in una nota congiunta, impegnandosi a presentare una nuova riforma. “E’ il passato che torna, il loro slogan è: non facciamo nulla per altri 20 anni”, replica Andrea Marcucci.

Ma anche nel Pd potrebbero presto dire un No definitivo gli esponenti della minoranza. Il confronto decisivo con Renzi potrebbe essere in una riunione della direzione convocata per la metà di ottobre. Ma per ora, affermano i renziani, la richiesta di cambiare subito l’Italicum è esorbitante: “La nostra apertura è sincera, ma al momento non ci sono pervenute proposte da altre forze politiche”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

22:37Calcio: Marotta, classifica girone non importante

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Meglio arrivare secondi che primi? Noi siamo arrivati in finale a Berlino da secondi nel girone. Quando siamo passati come primi siamo stati eliminati. Ragionamenti razionali è difficile farli, nella Champions è importante anche il sorteggio: ci affidiamo al destino". Così Beppe Marotta a Mediaset Premium poco prima di Juventus-Dinamo Zagabria. Quanto alla squalifica di Strootman: "noi non vogliamo entrare in queste polemiche - aggiunge l'ad bianconero -. Ne abbiamo sentite tante, ma siamo abituati a confrontarci con il campo, dobbiamo vincere in ogni caso, sia che giochi Strootman o che non giochi. Sarà un match difficile e dovremo affrontarlo sapendo di essere la Juventus. Le dichiarazioni polemiche di Baldissoni? E' un tifoso romanista e quindi è giusto che abbia fatto questo tipo di esternazioni. Prima di noi affronteranno il Milan e poi l'ad della Roma è Umberto Gandini, persona molto seria, preparata, che conosce il regolamento, quindi credo che Baldissoni dovrebbe confrontarsi con lui".

22:32Calcio: Muriel, mercato? Penso solo alla Sampdoria

(ANSA) - GENOVA, 7 DIC - Luis Muriel vuole restare a Genova e continuare la sua avventura con la Sampdoria: "I tifosi possono stare tranquilli? Sì, sto pensando solo alla maglia blucerchiata ed a quello che posso fare qua a Genova. Con i tifosi il rapporto è cresciuto tantissimo, il mio obiettivo è quello di continuare a fare bene con la Sampdoria e poi vedremo", ha detto l'attaccante colombiano durante l'incontro con i tifosi al negozio ufficiale della società doriana insieme a Bruno Fernandes. L'attaccante non dovrebbe quindi lasciare la Samp a gennaio, poi la partirà di riaprirà nel mercato estivo. E l'attaccante fissa anche l'obiettivo prima della sosta natalizia: "Finire a trentuno punti prima delle feste. Davanti al Genoa? Sarebbe meglio di sì, siamo sulla buona strada", spiega ancora. E in vista del mercato di gennaio è intervenuto via Twitter anche il presidente Massimo Ferrero: "A gennaio non vendo ma compro".

21:53Renzi si dimette, resta per gli affari correnti

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Il Presidente Sergio Mattarella, ha ricevuto questa sera al Quirinale il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, il quale, essendosi concluso l'iter parlamentare di esame e di approvazione della legge di bilancio, ha rassegnato le dimissioni del Governo da lui presieduto. Il Presidente della Repubblica si è riservato di decidere e ha invitato il Governo a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti". E' quanto si legge nel comunicato del Quirinale. Da domani alle 18 le consultazioni al Colle. Si parte dai presidenti di Senato e Camera Pietro Grasso e Laura Boldrini e dal presidente emerito Giorgio Napolitano. Le consultazioni saranno chiuse sabato con Forza Italia, M5s e Pd.

21:51Calcio: Sousa, col Qarabag per vincere

(ANSA) - FIRENZE, 7 DIC - L'obiettivo è tornare da Baku con un successo, anche se alla Fiorentina basterà un punto per accedere ai 16/i di Europa League da prima nel girone: Paulo Sousa contro il Qarabag non intende fare calcoli. "Cercherò come sempre di schierare la formazione migliore, tutti i miei giocatori sono preparati per aiutarci a vincere" ha detto il tecnico portoghese che farà un turnover mirato. I viola, in caso di vittoria del Paok Salonicco sullo Slovan Liberec, per essere eliminati dovrebbero perdere domani con 6 o più gol di scarto. Il ko casalingo subito al 93' dalla Fiorentina contro i greci ha complicato i piani della stessa squadra azera, ancora in lizza per la qualificazione, oltreché dei viola. "Quel ko ha creato dispiacere ai tifosi locali? Pure ai nostri - ha risposto Sousa tecnico lusitano - Nessuno di noi è rimasto contento di quel risultato. "Ci basta un punto, ma noi non pensiamo al pareggio - ha dichiarato il portiere Tararusanu - né abbiamo paura del Qarabag".

21:08Calcio: Juve-Dinamo, idranti contro ultrà croati

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - Tensione all'arrivo dei tifosi della Dinamo Zagabria, un migliaio in tutto, allo 'Juventus Stadium'. Un gruppo ha cercato di forzare il cordone di polizia, costringendo le forze dell'ordine a respingerli con l'uso di idranti. Fuori dello stadio la tensione resta comunque alta, a poco più di un'ora dall'inizio della partita di Champions.

20:58Alluvione Sardegna:crollo ponte Monte Pino, aperto processo

(ANSA) - OLBIA, 7 DIC - Si è aperto oggi in tribunale a Tempio Pausania il processo per il crollo del ponte di Monte Pino, in Gallura, che provocò la morte di tre persone inghiottite dalla piena durante l'alluvione del 18 novembre 2013. A presiedere il dibattimento il gup Alessandro di Giacomo, che ha sostituito il collega Vincenzo Cristiano, ai domiciliari a Pozzuoli da alcuni giorni perché coinvolto in un'inchiesta della procura di Roma per corruzione. Nella udienza si sono costituiti parte civile i parenti delle vittime e la Provincia di Sassari. Fra gli imputati principali, il progettista e direttore dei lavori della strada, l'ingegnere di Calangianus Giuseppe Muzzetto, di 71 anni, i tecnici della ex provincia Olbia-Tempio, Francesco Prunas ed il collega Pasquale Russo, di Olbia, e Graziano Sini, responsabile dell'ufficio manutenzioni della ex Provincia gallurese. Alla sbarra anche Giuseppe Mela, di 64, tecnico della Provincia di Sassari, e Antonio Zuddas, l'ingegnere che nel 1991 stilò un collaudo tecnico della strada. Nel crollo del ponte morirono Bruno Fiore, di 68, la moglie Sebastiana Brundu, di 61, e la consuocera Maria Loriga, di 54: finirono con il fuoristrada all'interno del cratere formatosi sotto la strada provinciale 38. La Olbia-Tempio venne realizzata nel 1983 dall'impresa romana "Alessandro Rossi spa" che doveva completare una serie di opere viarie commissionate dalla Provincia di Sassari, negli anni si erano, però, resi necessari diversi interventi a causa di problematiche al manto stradale. Nel novembre 2013 la strada di Monte Pinu franò dopo il violento nubifragio che devastò l'intera Isola. Il processo è stato rinviato all'aprile 2017. (ANSA).

20:56Comitato No, cambiare Italicum senza aspettare Consulta

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "La Costituzione non è disposizione dei governi per un uso di bassa lega. È dovere del Parlamento cambiare la legge elettorale senza aspettare la decisione della Consulta: è l'ultima occasione per dimostrare di non essere un regno dei morti. Se questo parlamento non si sente in grado di fare la legge elettorale tanto meno doveva mettere mano ad una riforma costituzionale". Lo afferma Alfiero Grandi del comitato del NO. Alessandro Pace dice "basta con le riforme costituzionali a maggioranza. Il voto estero? Questa disciplina è incostituzionale perché non garantisce la segretezza del voto. Proponiamo una commissione parlamentare di inchiesta".

Archivio Ultima ora