“No” ricompatta il centrodestra. Renzi, non si voti su di me

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

ROMA. – Le sorti del governo. Al giorno tre della campagna referendaria, si riprende la scena lo ‘spettro’ che il presidente del Consiglio prova da settimane a spazzare via. “Non si utilizzi il referendum in nome del desiderio di buttar giù il governo: si manda a casa per sempre la riforma, si perde un’occasione”, è il messaggio di Matteo Renzi. Ma proprio sul tasto della ‘cacciata’ di Renzi battono Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini in una nota che, alla vigilia del compleanno del Cav, suggella una ‘pax’ ritrovata in nome del No: “Il referendum sarà anche un giudizio sul governo”.

Renzi in un primo momento aveva annunciato le sue dimissioni nel caso di bocciatura della riforma costituzionale, poi ha smesso di parlarne per riportare al centro la riforma ed evitare una ‘conta’ contro di lui. Ma il tema è tutt’altro che assente. “Se vince il No il governo deve andare avanti, non è il giudizio universale”, dichiara il ministro Angelino Alfano.

Ma a una domanda del Corriere della sera, l’editore Carlo De Benedetti, che voterà No se l’Italicum non cambierà, così risponde: “Se vincesse il No, Renzi dovrebbe dimettersi. Anche se non credo che lascerà la politica. E per fortuna, perché ha dimostrato di avere energia e qualità”. Ma Beppe Grillo, dando fuoco alle polveri della campagna M5s per il No, usa le sue parole per un attacco durissimo al premier: “Renzi non va più contrastato, ormai conta zero. De Benedetti oggi l’ha licenziato e il countdown al 4 dicembre è iniziato”.

Una recrudescenza, affermano dal Pd, tutt’altro che inattesa. Ogni giorno, mettono in conto, ci sarà un attacco più duro. Ma al Nazareno sono convinti di avere dalla loro argomenti più che convincenti per ribattere colpo su colpo. Anzi, i colpi quasi li previene Renzi, di primo mattino, in un’intervista alla radio Rtl 102.5. “Berlusconi – afferma – punta a tornare in campo assieme a D’Alema e a tanti altri che utilizzano il referendum per questo e per fare una bella Bicamerale”.

E Massimo D’Alema si infuria: “Una sciocchezza, Renzi ritiene gli italiani degli sprovveduti. Non è mia intenzione ricercare cariche pubbliche ma rivendico il diritto a oppormi a una riforma cattiva e dannosa”. Renzi, però, traccia una linea di demarcazione netta. Tra la “cooperativa di reduci” che “indossa il broncio di ordinanza” e chi “ha il coraggio di rischiare per un futuro in cui l’Italia sia leader”.

Non solo le riforme. Anche un progetto come il Ponte sullo Stretto, può avere un “effetto simbolico”, rivendica dopo le polemiche per la sua proposta. Anche nella maggioranza Pd, dai Giovani turchi alla vicesegretaria Debora Serracchiani, emergono forti perplessità (“Non è una priorità”, dichiarano). Ma Renzi precisa che è un progetto per il futuro, da realizzare dopo opere come la banda larga e la Salerno-Reggio Calabria.

“Al futuro sì”, è il tema che accompagnerà il leader Pd in tutta la campagna referendaria, che avrà il suo apice nella Leopolda che dovrebbe svolgersi dal 18 al 20 novembre. Una campagna che punta molto sul porta a porta, tanto che David Hunter, socio del guru americano Jim Messina, avvierà venerdì a Firenze una serie di incontri per ‘formare’ i volontari del Sì.

Ma anche il No serra le fila. Ad Arcore il centrodestra di Berlusconi, Meloni e Salvini si ricompatta proprio contro il referendum. “La vittoria del No non sarà un salto nel buio”, scrivono in una nota congiunta, impegnandosi a presentare una nuova riforma. “E’ il passato che torna, il loro slogan è: non facciamo nulla per altri 20 anni”, replica Andrea Marcucci.

Ma anche nel Pd potrebbero presto dire un No definitivo gli esponenti della minoranza. Il confronto decisivo con Renzi potrebbe essere in una riunione della direzione convocata per la metà di ottobre. Ma per ora, affermano i renziani, la richiesta di cambiare subito l’Italicum è esorbitante: “La nostra apertura è sincera, ma al momento non ci sono pervenute proposte da altre forze politiche”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

06:59Corea Nord: polizia, Kim Jong-Nam ucciso con gas nervino

(ANSA) - PECHINO, 24 FEB - Kim Jong-nam potrebbe essere stato ucciso col gas nervino: sono le conclusioni preliminari della autopsia fatta sul corpo del fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un, ucciso il 13 febbraio all'aeroporto di Kuala Lumpur. In particolare, secondo la polizia malese, si tratterebbe del famigerato "agente Vx", utilizzato già in passato dai sicari di Pyongyang. Kim Jong-nam, primogenito del "caro leader" nordcoreano Kim Jong-il, è stato ucciso all'aeroporto di Kuala Lumpur, avvicinato da due donne che gli versarono del liquido in faccia mentre era in attesa di imbarcarsi su un volo per Macao. La polizia malese ha detto mercoledì che le due donne sospettate, una vietnamita e una indonesiana, ora in arresto, erano consapevoli della partecipazione a un attacco e presero parte all'azione a mani nude, senza protezione. La Corea del Nord ha accusato la Malaysia di gravi violazioni nelle indagini, e la Corea del Sud di coinvolgimento e cospirazione anti Pyongyang.

06:08Gb: suppletive, Labour salva un seggio, ne cede un altro

(ANSA) - LONDRA, 24 FEB - Sospiro di sollievo a metà per il Labour di Jeremy Corbyn, che salva un collegio tradizionale della sinistra britannica nella sfida con il leader euroscettico dell'Ukip, Paul Nuttall, ma ne perde un altro a beneficio di una candidata filo Brexit del Partito Conservatore della premier Theresa May in una doppia elezione suppletiva svoltasi ieri. Entrambi i collegi, lasciati liberi da deputati uscenti laburisti, erano in palio in aree dell'Inghilterra 'profonda' che al referendum di giugno avevano detto sì al divorzio dall'Ue. In quello di Stoke on Trent il candidato corbynista Gareth Snell si è aggiudicato il seggio alla Camera dei Comuni resistendo con un vantaggio di 2500 voti, superiore alle attese, all'assalto diretto di Nuttal, successore di Nigel Farage alla guida dell'Ukip, che mirava a conquistare un secondo scranno di deputato per i suoi. A Copeland, invece, l'opposizione laburista ha perso il seggio - e si tratta d'un fatto storico - a favore della candidata governativa Trudy Harrison.

01:25Calcio: Sousa chiede scusa, ‘sono io maggior responsabile’

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - "Chiedo scusa a nome di tutto il grippo alla città e ai tifosi, noi lavoriamo non per dare tristezza ma gioia, Adesso siamo tutti tristi. Come dividere le responsabilità? Io sono il leader di questo gruppo quindi sono il maggior responsabile. Questa è una delle giornate più difficili da quando alleno. Esonero? Quando fai questo mestiere devi accettare ogni decisione della società". In conferenza stampa dopo il crollo contro il Borussia, l'allenatore della Fiorentina Paulo Sousa ribadisce la propria delusione e cerca di attenuare la rabbia dei tifosi, oltre che le colpe dei giocatori: "il responsabile sono io", ripete.

01:21Calcio: Corvino, esonero Sousa non è nei piani Fiorentina

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Sousa rischia? A quest'ora, è quasi mezzanotte, non credo che sia nella mente nostra una considerazione del genere". Lo dice il d.g. della Fiorentina Pantaleo Corvino. E la contestazione del dopo Borussia? "I tifosi e i nostri ragazzi sono amareggiati perché non si aspettavano di uscire da questa coppa con gol tutti da calcio da fermo - risponde Corvino -. La contestazione? Capisco la loro amarezza, sono amareggiati come noi, ma la squadra ce la stava mettendo tutta. È impensabile che dopo un primo tempo come quello di oggi poi esci dalla competizione. Il finale di stagione? I nostri tifosi hanno ottenuto tanto da questo gruppo, questa contestazione è figlia della delusione".

01:18Basket: Eurolega, EA7 Milano-Barcellona 78-83

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 23 FEB - Non bastano le endorfine rilasciate quattro giorni fa con la vittoria della Coppa Italia, il sistema nervoso dell'EA7 Milano va ancora una volta in corto circuito in Eurolega: due settimane fa ad Istanbul aveva gettato al vento la bellezza di 19 punti di vantaggio e con esso le residue possibilità di qualificarsi, questa sera contro il Barcellona ne dilapida 15 prima di inchinarsi 83-78. Roba da studiare sui libri di psichiatria. Una fragilità emotiva che non riesce a spiegarsi nemmeno coach Repesa: "Dovevamo chiuderla ed invece siamo andati giù con un black out molto pesante". Milano sul 45-30 al 17' è in pieno controllo contro una squadra senza motivazioni e ridotta all'osso dagli infortuni: ma l'Olimpia spegne cuore e cervello, subendo un clamoroso parziale di 39-10 che lascia attonito anche Giorgio Armani in parterre. A fare la differenza l'impatto di Tomic sulla gara: domina il solito drammatico Raduljica e fa il vuoto sotto canestro (19 punti e 9 rimbalzi). Un copione già visto.

00:30Calcio: Europa League, Fiorentina eliminata

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - Incredibile eliminazione della Fiorentina dall'Europa League: i viola si fanno battere 4-2 in casa dal Borussia Moenchengladbach che ribalta lo 0-1 della partita d'andata e accede cosi agli ottavi di finale. I tedeschi colpiscono un palo con Vestergaard al 7' ma al 15' la Fiorentina passa in vantaggio: Bernardeschi recupera palla a metà campo e poi serve Kalinic che batte il portiere Sommer. Il 2-0 arriva al 28' grazie ad un errore di Vestergaard che liscia il pallone nel tentativo di rinviare, facilitando l'intervento di Borja Valero che batte Sommer senza difficoltà. Al 43' inizia la rimonta del Borussia che accorcia le distanze con un rigore di Stindl. Nel primo quarto d'ora della ripresa la Fiorentina sbanda e i tedeschi bussano altre tre volte, due con Stindl - alla fine tripletta per lui - e una con Christensen. Al 67' Ilicic, appena entrato, coglie la traversa su calcio di punizione. Ma e' l'ultimo sussulto, la Fiorentina è fuori.

00:15Brexit: premier evoca referendum unificazione Irlanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Il premier irlandese Enda Kenny ha evocato oggi da Bruxelles, seppure in forma ipotetica, un possibile referendum per l'unificazione dell'Irlanda e per l'adesione alla Repubblica di Dublino dell'Irlanda del Nord ora sotto sovranità britannica. Kenny, che ha citato l'esempio del Muro di Berlino, ha ricordato come l'accordo di pace del Venerdì Santo "garantisca questa opportunità" a patto che la maggioranza della popolazione dell'Ulster lo chieda e che l'accordo resta valido - per l'Ue e per il mondo - anche dopo la Brexit. Nel caso di "una situazione come quella emersa quando il muro di Berlino fu buttato giù e la Germania Est fu in grado di unirsi alla Germania Ovest", l'epilogo potrebbe essere "senza distinzioni" anche in Irlanda, ha insistito Kenny, parlando al fianco del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, e dicendosi convinto che "l'accordo del Venerdì Santo debba essere incorporato" in un futuro "accordo sulla Brexit" fra Bruxelles e Londra a titolo di garanzia.

Archivio Ultima ora