“No” ricompatta il centrodestra. Renzi, non si voti su di me

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

ROMA. – Le sorti del governo. Al giorno tre della campagna referendaria, si riprende la scena lo ‘spettro’ che il presidente del Consiglio prova da settimane a spazzare via. “Non si utilizzi il referendum in nome del desiderio di buttar giù il governo: si manda a casa per sempre la riforma, si perde un’occasione”, è il messaggio di Matteo Renzi. Ma proprio sul tasto della ‘cacciata’ di Renzi battono Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini in una nota che, alla vigilia del compleanno del Cav, suggella una ‘pax’ ritrovata in nome del No: “Il referendum sarà anche un giudizio sul governo”.

Renzi in un primo momento aveva annunciato le sue dimissioni nel caso di bocciatura della riforma costituzionale, poi ha smesso di parlarne per riportare al centro la riforma ed evitare una ‘conta’ contro di lui. Ma il tema è tutt’altro che assente. “Se vince il No il governo deve andare avanti, non è il giudizio universale”, dichiara il ministro Angelino Alfano.

Ma a una domanda del Corriere della sera, l’editore Carlo De Benedetti, che voterà No se l’Italicum non cambierà, così risponde: “Se vincesse il No, Renzi dovrebbe dimettersi. Anche se non credo che lascerà la politica. E per fortuna, perché ha dimostrato di avere energia e qualità”. Ma Beppe Grillo, dando fuoco alle polveri della campagna M5s per il No, usa le sue parole per un attacco durissimo al premier: “Renzi non va più contrastato, ormai conta zero. De Benedetti oggi l’ha licenziato e il countdown al 4 dicembre è iniziato”.

Una recrudescenza, affermano dal Pd, tutt’altro che inattesa. Ogni giorno, mettono in conto, ci sarà un attacco più duro. Ma al Nazareno sono convinti di avere dalla loro argomenti più che convincenti per ribattere colpo su colpo. Anzi, i colpi quasi li previene Renzi, di primo mattino, in un’intervista alla radio Rtl 102.5. “Berlusconi – afferma – punta a tornare in campo assieme a D’Alema e a tanti altri che utilizzano il referendum per questo e per fare una bella Bicamerale”.

E Massimo D’Alema si infuria: “Una sciocchezza, Renzi ritiene gli italiani degli sprovveduti. Non è mia intenzione ricercare cariche pubbliche ma rivendico il diritto a oppormi a una riforma cattiva e dannosa”. Renzi, però, traccia una linea di demarcazione netta. Tra la “cooperativa di reduci” che “indossa il broncio di ordinanza” e chi “ha il coraggio di rischiare per un futuro in cui l’Italia sia leader”.

Non solo le riforme. Anche un progetto come il Ponte sullo Stretto, può avere un “effetto simbolico”, rivendica dopo le polemiche per la sua proposta. Anche nella maggioranza Pd, dai Giovani turchi alla vicesegretaria Debora Serracchiani, emergono forti perplessità (“Non è una priorità”, dichiarano). Ma Renzi precisa che è un progetto per il futuro, da realizzare dopo opere come la banda larga e la Salerno-Reggio Calabria.

“Al futuro sì”, è il tema che accompagnerà il leader Pd in tutta la campagna referendaria, che avrà il suo apice nella Leopolda che dovrebbe svolgersi dal 18 al 20 novembre. Una campagna che punta molto sul porta a porta, tanto che David Hunter, socio del guru americano Jim Messina, avvierà venerdì a Firenze una serie di incontri per ‘formare’ i volontari del Sì.

Ma anche il No serra le fila. Ad Arcore il centrodestra di Berlusconi, Meloni e Salvini si ricompatta proprio contro il referendum. “La vittoria del No non sarà un salto nel buio”, scrivono in una nota congiunta, impegnandosi a presentare una nuova riforma. “E’ il passato che torna, il loro slogan è: non facciamo nulla per altri 20 anni”, replica Andrea Marcucci.

Ma anche nel Pd potrebbero presto dire un No definitivo gli esponenti della minoranza. Il confronto decisivo con Renzi potrebbe essere in una riunione della direzione convocata per la metà di ottobre. Ma per ora, affermano i renziani, la richiesta di cambiare subito l’Italicum è esorbitante: “La nostra apertura è sincera, ma al momento non ci sono pervenute proposte da altre forze politiche”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

22:37Venezuela: Maduro chiede aiuto al Papa

(ANSA) - CARACAS, 22 AGO - Il presidente Nicolas Maduro ha oggi chiesto "aiuto" al Papa per "impedire" che il presidente Usa Donald Trump "lanci le proprie truppe e invada il Venezuela". "Che il Papa ci aiuti nel dialogo rispettoso, alla verità ... chiedo al Papa aiuto contro la minaccia militare degli Stati Uniti", ha detto Maduro durante una lunga conferenza stampa a Caracas.

21:55Calcio: L.Percassi, grazie a Marotta su Spinazzola

(ANSA) - BERGAMO, 22 AGO - "Ringraziamo Marotta delle parole, perché nelle complesse dinamiche di mercato ha compreso e rispettato le esigenze tecniche dell'Atalanta". È la risposta dell'amministratore delegato del club bergamasco, Luca Percassi, alle dichiarazioni del direttore generale della Juventus che hanno messo la parola fine alla querelle tra le due società legata al nome di Leonardo Spinazzola. L'esterno, che dal test precampionato dell'11 agosto a Valencia fino a domenica scorsa aveva rifiutato le convocazioni allenandosi a margine del gruppo, nella seduta pomeridiana di oggi a Zingonia ha preso parte alla partitella tra quanti non hanno giocato nel primo turno di serie A contro la Roma. Il prestito dai bianconeri ai nerazzurri è quindi destinato a rispettare la scadenza naturale del giugno 2018.

21:47Calcio: Europa League, arbitro romeno per il Milan

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Compagine arbitrale romena per Shkendija-Milan, ritorno del playoff di Europa League in programma a Skopje giovedì 24 agosto (andata 6-0 per il Milan). Direttore di gara sarà Istvan Kovacs che sarà coadiuvato da Vasile Florin Marinescu e Ovidiu Artene mentre Marius Avram sarà il quarto uomo.

21:44Calcio: Genoa, prosegue trattativa cessione club

(ANSA) - GENOVA, 22 AGO - Prosegue senza sosta la trattativa per la cessione del Genoa tra Enrico Preziosi e Sri Group di Giulio Gallazzi. Dopo una pausa a fine luglio, con annuncio di rinvio per settembre, le parti infatti sono tornate ad incontrarsi e ieri sera Preziosi, l'ad del Genoa Alessandro Zarbano e il banchiere Beniamino Anselmi, indicato da Gallazzi come futuro presidente, hanno cenato a Forte dei Marmi. "So che qualcuno ha saputo di questa cena ma io non la commento - ha detto Preziosi -. Io penso solo a finire la squadra e a cercare di allestire una formazione che possa fare bene". "Rolon arriverà sicuramente questa settimana - ha dichiarato Preziosi parlando di mercato. E' un giocatore che stiamo seguendo da qualche mese. Di certo farà parte del Genoa. "L'arrivo di Sturaro è molto difficile perché la Juventus non lo ha messo sul mercato, se dovesse accadere noi saremo privilegiati. Ansaldi è nelle nostre mire e se sarà ceduto dell'Inter sarà ceduto sicuramente al Genoa per vari motivi".

21:43Calcio: Lazio è ufficiale, Hoedt ceduto al Southampton

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il difensore Wesley Hoedt è un nuovo giocatore del Southampton. A darne notizia è stato lo stesso club dei Saints dopo le visite mediche svolte in giornata. Il difensore nazionale olandese ha firmato un contratto di cinque anni.

21:11Terremoto Ischia: De Luca, in crolli non c’entra abusivismo

(ANSA) - ISCHIA, 22 AGO - "In Italia siamo abituati ad avere due facce delle tragedie, quella drammatica, dei feriti, dei morti, delle attività economiche messe in crisi, e un'altra faccia che è quella dello 'sciacallismo', delle strumentalizzazioni, della confusione tra questioni che non c'entrano niente con il terremoto. È crollata un'abitazione vecchia e sono crollati dei cornicioni di un immobile costruito nel secolo scorso. Nessuna connessione tra questi fatti e l'abusivismo". Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, stasera sui luoghi del terremoto. (ANSA).

20:58Sci: Italia Team, gigantisti in Argentina

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Continua secondo programma il raduno dei gigantisti azzurri già presenti sulle nevi di Ushuaia. In Argentina sono presenti Stefano Gross, Simon Maurberger, Manfred Moelgg, Tommaso Sala e Patrick Thaler che sinora hanno potuto lavorato sette giorni con buone condizioni di pista, intervallati con un giorno di riposo previsto in anticipo. In tre giornate sono state svolte una doppia sessione al mattino e al pomeriggio, alternando tracciati e le specialità di gigante e slalom. Domenica è piovuto al mattino e le condizioni non erano buone, tuttavia il gruppo è riuscito a sciare ugualmente al pomeriggio, quando é arrivato il freddo. Il quintetto rimarrà nella Terra del Fuoco fino al 5 settembre e nelle prossime ore verrà raggiunto dalla parte restante del team composto da Giovanni Borsotti, Luca De Aliprandini, Roberto Nani e Riccardo Tonetti. Questi ultimi si trasferiranno poi a Valle Nevado dal 5 settembre (dove troveranno Florian Eisath), insieme ai velocisti che nel frattempo saranno arrivati in Cile.

Archivio Ultima ora