“No” ricompatta il centrodestra. Renzi, non si voti su di me

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini

ROMA. – Le sorti del governo. Al giorno tre della campagna referendaria, si riprende la scena lo ‘spettro’ che il presidente del Consiglio prova da settimane a spazzare via. “Non si utilizzi il referendum in nome del desiderio di buttar giù il governo: si manda a casa per sempre la riforma, si perde un’occasione”, è il messaggio di Matteo Renzi. Ma proprio sul tasto della ‘cacciata’ di Renzi battono Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini in una nota che, alla vigilia del compleanno del Cav, suggella una ‘pax’ ritrovata in nome del No: “Il referendum sarà anche un giudizio sul governo”.

Renzi in un primo momento aveva annunciato le sue dimissioni nel caso di bocciatura della riforma costituzionale, poi ha smesso di parlarne per riportare al centro la riforma ed evitare una ‘conta’ contro di lui. Ma il tema è tutt’altro che assente. “Se vince il No il governo deve andare avanti, non è il giudizio universale”, dichiara il ministro Angelino Alfano.

Ma a una domanda del Corriere della sera, l’editore Carlo De Benedetti, che voterà No se l’Italicum non cambierà, così risponde: “Se vincesse il No, Renzi dovrebbe dimettersi. Anche se non credo che lascerà la politica. E per fortuna, perché ha dimostrato di avere energia e qualità”. Ma Beppe Grillo, dando fuoco alle polveri della campagna M5s per il No, usa le sue parole per un attacco durissimo al premier: “Renzi non va più contrastato, ormai conta zero. De Benedetti oggi l’ha licenziato e il countdown al 4 dicembre è iniziato”.

Una recrudescenza, affermano dal Pd, tutt’altro che inattesa. Ogni giorno, mettono in conto, ci sarà un attacco più duro. Ma al Nazareno sono convinti di avere dalla loro argomenti più che convincenti per ribattere colpo su colpo. Anzi, i colpi quasi li previene Renzi, di primo mattino, in un’intervista alla radio Rtl 102.5. “Berlusconi – afferma – punta a tornare in campo assieme a D’Alema e a tanti altri che utilizzano il referendum per questo e per fare una bella Bicamerale”.

E Massimo D’Alema si infuria: “Una sciocchezza, Renzi ritiene gli italiani degli sprovveduti. Non è mia intenzione ricercare cariche pubbliche ma rivendico il diritto a oppormi a una riforma cattiva e dannosa”. Renzi, però, traccia una linea di demarcazione netta. Tra la “cooperativa di reduci” che “indossa il broncio di ordinanza” e chi “ha il coraggio di rischiare per un futuro in cui l’Italia sia leader”.

Non solo le riforme. Anche un progetto come il Ponte sullo Stretto, può avere un “effetto simbolico”, rivendica dopo le polemiche per la sua proposta. Anche nella maggioranza Pd, dai Giovani turchi alla vicesegretaria Debora Serracchiani, emergono forti perplessità (“Non è una priorità”, dichiarano). Ma Renzi precisa che è un progetto per il futuro, da realizzare dopo opere come la banda larga e la Salerno-Reggio Calabria.

“Al futuro sì”, è il tema che accompagnerà il leader Pd in tutta la campagna referendaria, che avrà il suo apice nella Leopolda che dovrebbe svolgersi dal 18 al 20 novembre. Una campagna che punta molto sul porta a porta, tanto che David Hunter, socio del guru americano Jim Messina, avvierà venerdì a Firenze una serie di incontri per ‘formare’ i volontari del Sì.

Ma anche il No serra le fila. Ad Arcore il centrodestra di Berlusconi, Meloni e Salvini si ricompatta proprio contro il referendum. “La vittoria del No non sarà un salto nel buio”, scrivono in una nota congiunta, impegnandosi a presentare una nuova riforma. “E’ il passato che torna, il loro slogan è: non facciamo nulla per altri 20 anni”, replica Andrea Marcucci.

Ma anche nel Pd potrebbero presto dire un No definitivo gli esponenti della minoranza. Il confronto decisivo con Renzi potrebbe essere in una riunione della direzione convocata per la metà di ottobre. Ma per ora, affermano i renziani, la richiesta di cambiare subito l’Italicum è esorbitante: “La nostra apertura è sincera, ma al momento non ci sono pervenute proposte da altre forze politiche”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

23:13Dakar: auto, Al-Attiyah vince dodicesima tappa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nasser Al-Attiyah al volante della Toyota ha vinto la dodicesima tappa della Dakar, la Chilecito-San Juan, in Argentina, di 793 chilometri, 523 dei quali di speciale. Il pilota qatariota ha preceduto la Peugeot del francese Stephane Peterhansel di 2'03" e la Toyota del sudafricano Giniel De Villiers di 4'33". Nella classifica generale delle auto resta al comando lo spagnolo Carlos Sainz (oggi nono), con 44'41 di vantaggio su Peterhansel e 1h05'55" sullo stesso Al-Attiyah. Tappa cancellata per moto e quad per problemi di sicurezza del percorso.

22:47Calcio: Napoli, preso l’esterno sinistro Bangoura

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Il Napoli rimpolpa la rosa con l'acquisto di Ismael Bangoura, 23 enne guineano cresciuto nelle giovanili dell'Inter prima di fare esperienza in giro per l'Italia con le maglie di Cesena, San Marino, Fidelis Andria e Maceratese, ultima squadra nella quale ha militato. L'acquisto dell'esterno sinistro - si apprende dal sito della Lega Calcio - è a titolo definitivo.

22:45Calcio: Calabria, Milan deve ripartire vincendo a Cagliari

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' stata particolarmente intensa la ripresa degli allenamenti del Milan dopo la settimana di sosta e ora "sarebbe importante ripartire con una bella vittoria", come ha sottolineato Davide Calabria, in vista della trasferta di domenica a Cagliari. "Ci siamo preparati alla grande, mister Gattuso ci ha aiutato a recuperare la condizione dopo una settimana di vacanza", ha spiegato Calabria, protagonista assieme a gran parte della squadra di un evento promozionale. "In questi giorni ci siamo allenati con grande intensità, è stata dura ma nessuno ha mollato. Ora c'è il Cagliari e possiamo dare un'impronta al nostro campionato", ha aggiunto Fabio Borini, secondo cui le difficoltà del Milan a fare gol dipendono anche "dagli avversari che lavorano per non farci giocare: per noi diventa più complicato. Per quanto mi riguarda - ha sorriso l'attaccante - visto che a volte gioco lontano dalla porta, a meno che non tiri da 50 metri fatico a segnare...".

22:41Calcio: Davids, il Napoli è bello ma vincerà la Juve

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Il Napoli gioca bene ma credo che alla fine vincerà la Juve perché ha esperienza e un organico più ampio". Così Edgar Davids oggi a Firenze per un evento a Pitti Bimbo, la rassegna di moda infantile che si è aperta alla Fortezza da Basso. L'ex centrocampista olandese, che in Italia ha vestito le maglie di Milan, Juve e Inter vincendo scudetti e coppa, ha elogiato il gioco di Sarri augurandosi che il campionato "resti aperto fino al termine". Il Milan fatica a tornare ai livelli passati: "Mi auguro che il futuro dei rossoneri torni bello, c'è chi pensa che basti l'acquisto di un paio di giocatori, invece bisogna avere una visione chiara, creare una struttura e concedere tempo a chi allena". Chiusura sulla crisi del calcio italiano escluso, come quello olandese, da Russia 2018: "Un Mondiale senza l'Italia non è un Mondiale vero. La crisi deve trasformarsi in occasione di rilancio perché il calcio italiano ha storia e qualità".

22:35PyeongChang: -21, lotta doping Cio, fatti oltre 14mila test

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Oltre 14mila test effettuati a tutela dei Giochi di PyeongChang. A 21 giorni dal via delle Olimpiadi invernali che si apriranno nella località della Corea del Sud il 9 febbraio, il Cio ha reso noto i numeri della campagna contro il doping portata avanti da una task force in avvicinamento all'evento olimpico: oltre 6000 atleti provenienti da 61 paesi sono stati testati tra aprile e dicembre dello scorso anno. Un lavoro svolto dalle organizzazioni antidoping nazionali (Nado) e dalle federazioni internazionali degli sport invernali e del ghiaccio. "Tutelare gli atleti puliti combattendo il doping è una priorità del Cio - ha spiegato Richard Budgett, direttore medico scientifico del comitato olimpico internazionale - La pulizia dei Giochi è fondamentale e ci impegniamo affinché PyeongChang 2018 tuteli tutti gli atleti puliti". Riflettori puntati sui russi, esclusi da queste Olimpiadi per decisione del Cio: tra novembre e dicembre gli atleti di Mosca sono testati in numero doppio rispetto a quelli degli altri paesi.

Archivio Ultima ora