Mattarella, sport investimento sempre proficuo

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Mattarella, sport investimento sempre proficuo

Mattarella, sport investimento sempre proficuo

ROMA. – Lo sport “risorsa e investimento sempre proficuo”, quando porta medaglie e soprattutto quando “la cura dell’eccellenza va di pari passo con la pratica” di base. Le bandiere che hanno sfilato a Rio tornano al Quirinale ed è nella casa di tutti gli italiani che il presidente Sergio Mattarella accoglie le medaglie azzurre, olimpiche e paralimpiche, e per la prima volta anche i quarti posti perché, usando le parole del n.1 del Coni, Giovanni Malagò, “non deve essere una questione di centimetri, di centesimi o di scarto minimo nei punteggi a precludere loro l’onore di essere ricevuti dal Capo dello Stato”.

Una festa, presente anche il premier Matteo Renzi (la prima volta per un presidente del consiglio a una cerimonia di sport al Colle) per celebrare i risultati agli ultimi Giochi che hanno dato testimonianza di “un’Italia in cui è davvero bello riconoscersi” ha sottolineato Mattarella rivolgendosi agli azzurri, “voi siete stati la nostra bandiera”.

Quel tricolore che il mondo dello sport avrebbe voluto far sventolare a Roma 2024: il tema delle Olimpiadi mancate, proprio alla vigilia della giunta straordinaria capitolina che dovrà ratificare il ‘no’ ai Giochi già annunciato dalla sindaca Virginia Raggi, non è stato accantonato. Ci ha pensato Malagò, aprendo la cerimonia, a lanciare un messaggio chiaro. “Qui ci sono campioni che ci insegnano che ogni obiettivo è possibile: sono lo spot più bello ed efficace per veicolare l’immagine di un’Italia fiera, che non ha timore delle nuove sfide da affrontare con lungimiranza – punge il presidente del Coni -, lealtà e trasparenza, perché crede in un domani in cui il nostro movimento possa rappresentare una fantastica leva di rilancio e di sviluppo.

Un domani “a cinque cerchi”, aspirazione unanimemente condivisa dal nostro mondo, che gli atleti chiedono non venga negata dai pregiudizi, perché “soltanto una cosa rende impossibile un sogno, la paura di fallire”. La citazione di Paulo Coehlo per insistere sul tasto olimpico, sperando ancora di poter rimandare il game over. Con un rimpianto, ammette il capo dello sport, “a film visto”, non aver fatto il referendum.

Della vicenda di Roma 2024 però non vuole parlare Mattarella (“Questa è un’occasione per fare festa con gli atleti non faccio dichiarazioni” ha detto a conclusione dell’evento), presidente che pure ha osannato quel mondo dello sport, giudicandolo un investimento “specialmente se la cura dell’eccellenza va di pari passo con la pratica. Non devono mai essere disgiunte e nemmeno contrapposte”.

Contrapposizione – nota qualcuno nella platea degli atleti – presente invece nelle motivazioni addotte dalla giunta pentastellata per rifiutare la candidatura ai Giochi. Che al momento, nonostante il parere negativo del comune, non verrà formalmente ritirata, almeno fino a febbraio. Ma quel no rischia di coinvolgere anche altri progetti, come quello dei mondiali di rugby del 2023.

Ma neppure Renzi, che prima di arrivare al Colle sulla vicenda aveva ribadito il suo pensiero (“triste dire no perché si dice che qualcuno ruba. Credo sia un capitolo chiuso, rispettiamo la scelta”), ha voluto parlare dell’argomento. “Qui siamo al Quirinale e parla il presidente della Repubblica…” si limita a dire, mentre fa foto con tutti gli azzurri, parla a lungo con Campriani, scherza con il capitano del Settebello Tempesti, saluta le farfalle della ritmica che volevano fare una foto col premier.

Gli atleti intanto si godono la giornata di festa: da Federica Pellegrini portabandiera chiamata (assente la Caironi per i paralimpici) con Bebe Vio a riconsegnare i tricolori, passando per gli ori di Paltrinieri, Campriani e Basile (il judoka strappa anche un selfie con Mattarella), a quelli di Alex Zanardi applauditissimo e commosso quando il presidente lo cita. “Raggiungere un obiettivo non comporta la felicità – dice Mattarella parafrasando un discorso fatto nei giorni scorsi dall’ex pilota campione di handbike – bisogna averla dentro per raggiungere l’obiettivo, a quel punto l’impegno e la fatica restituiscono sempre qualcosa”. Quel seme che “si tramanda”. L’investimento sul futuro.

Ultima ora

22:37Venezuela: Maduro chiede aiuto al Papa

(ANSA) - CARACAS, 22 AGO - Il presidente Nicolas Maduro ha oggi chiesto "aiuto" al Papa per "impedire" che il presidente Usa Donald Trump "lanci le proprie truppe e invada il Venezuela". "Che il Papa ci aiuti nel dialogo rispettoso, alla verità ... chiedo al Papa aiuto contro la minaccia militare degli Stati Uniti", ha detto Maduro durante una lunga conferenza stampa a Caracas.

21:55Calcio: L.Percassi, grazie a Marotta su Spinazzola

(ANSA) - BERGAMO, 22 AGO - "Ringraziamo Marotta delle parole, perché nelle complesse dinamiche di mercato ha compreso e rispettato le esigenze tecniche dell'Atalanta". È la risposta dell'amministratore delegato del club bergamasco, Luca Percassi, alle dichiarazioni del direttore generale della Juventus che hanno messo la parola fine alla querelle tra le due società legata al nome di Leonardo Spinazzola. L'esterno, che dal test precampionato dell'11 agosto a Valencia fino a domenica scorsa aveva rifiutato le convocazioni allenandosi a margine del gruppo, nella seduta pomeridiana di oggi a Zingonia ha preso parte alla partitella tra quanti non hanno giocato nel primo turno di serie A contro la Roma. Il prestito dai bianconeri ai nerazzurri è quindi destinato a rispettare la scadenza naturale del giugno 2018.

21:47Calcio: Europa League, arbitro romeno per il Milan

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Compagine arbitrale romena per Shkendija-Milan, ritorno del playoff di Europa League in programma a Skopje giovedì 24 agosto (andata 6-0 per il Milan). Direttore di gara sarà Istvan Kovacs che sarà coadiuvato da Vasile Florin Marinescu e Ovidiu Artene mentre Marius Avram sarà il quarto uomo.

21:44Calcio: Genoa, prosegue trattativa cessione club

(ANSA) - GENOVA, 22 AGO - Prosegue senza sosta la trattativa per la cessione del Genoa tra Enrico Preziosi e Sri Group di Giulio Gallazzi. Dopo una pausa a fine luglio, con annuncio di rinvio per settembre, le parti infatti sono tornate ad incontrarsi e ieri sera Preziosi, l'ad del Genoa Alessandro Zarbano e il banchiere Beniamino Anselmi, indicato da Gallazzi come futuro presidente, hanno cenato a Forte dei Marmi. "So che qualcuno ha saputo di questa cena ma io non la commento - ha detto Preziosi -. Io penso solo a finire la squadra e a cercare di allestire una formazione che possa fare bene". "Rolon arriverà sicuramente questa settimana - ha dichiarato Preziosi parlando di mercato. E' un giocatore che stiamo seguendo da qualche mese. Di certo farà parte del Genoa. "L'arrivo di Sturaro è molto difficile perché la Juventus non lo ha messo sul mercato, se dovesse accadere noi saremo privilegiati. Ansaldi è nelle nostre mire e se sarà ceduto dell'Inter sarà ceduto sicuramente al Genoa per vari motivi".

21:43Calcio: Lazio è ufficiale, Hoedt ceduto al Southampton

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il difensore Wesley Hoedt è un nuovo giocatore del Southampton. A darne notizia è stato lo stesso club dei Saints dopo le visite mediche svolte in giornata. Il difensore nazionale olandese ha firmato un contratto di cinque anni.

21:11Terremoto Ischia: De Luca, in crolli non c’entra abusivismo

(ANSA) - ISCHIA, 22 AGO - "In Italia siamo abituati ad avere due facce delle tragedie, quella drammatica, dei feriti, dei morti, delle attività economiche messe in crisi, e un'altra faccia che è quella dello 'sciacallismo', delle strumentalizzazioni, della confusione tra questioni che non c'entrano niente con il terremoto. È crollata un'abitazione vecchia e sono crollati dei cornicioni di un immobile costruito nel secolo scorso. Nessuna connessione tra questi fatti e l'abusivismo". Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, stasera sui luoghi del terremoto. (ANSA).

20:58Sci: Italia Team, gigantisti in Argentina

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Continua secondo programma il raduno dei gigantisti azzurri già presenti sulle nevi di Ushuaia. In Argentina sono presenti Stefano Gross, Simon Maurberger, Manfred Moelgg, Tommaso Sala e Patrick Thaler che sinora hanno potuto lavorato sette giorni con buone condizioni di pista, intervallati con un giorno di riposo previsto in anticipo. In tre giornate sono state svolte una doppia sessione al mattino e al pomeriggio, alternando tracciati e le specialità di gigante e slalom. Domenica è piovuto al mattino e le condizioni non erano buone, tuttavia il gruppo è riuscito a sciare ugualmente al pomeriggio, quando é arrivato il freddo. Il quintetto rimarrà nella Terra del Fuoco fino al 5 settembre e nelle prossime ore verrà raggiunto dalla parte restante del team composto da Giovanni Borsotti, Luca De Aliprandini, Roberto Nani e Riccardo Tonetti. Questi ultimi si trasferiranno poi a Valle Nevado dal 5 settembre (dove troveranno Florian Eisath), insieme ai velocisti che nel frattempo saranno arrivati in Cile.

Archivio Ultima ora