Censis, smartphone e social per abbattere le autorità

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Censis, smartphone e social per abbattere le autorità

Censis, smartphone e social per abbattere le autorità

ROMA. – Gli smartphone sono sempre più indispensabili per gli italiani, soprattutto per i giovani, che attraverso i social network realizzano quella disintermediazione che non solo modifica le abitudini della vita quotidiana, ma determina una vera e propria rivoluzione sociale. E’ quanto emerge dal 13ø Rapporto sulla Comunicazione del Censis, presentato nella sala Zuccari del Senato. Ecco gli elementi principali della ricerca.

CRESCONO INTERNET E SMARTPHONE – La penetrazione di internet aumenta del 2,8% nell’ultimo anno e l’utenza della rete tocca un nuovo record, attestandosi al 73,7% degli italiani (e al 95,9% degli under 30). La crescita dell’utenza del web nel periodo 2007-2016 è stata del 28,4%. Continua anche la crescita impetuosa degli smartphone, utilizzati dal 64,8% degli italiani (e dall’89,4% dei giovani di 14-29 anni): +12% in un anno.

BOOM DEI CONSUMI TECNOLOGICI – Si conferma il trend anticiclico dei consumi tecnologici in un decennio di crisi. Tra il 2007 e il 2015, è decollata la spesa per apparecchi telefonici (+191,6%) e computer (+41,4%). I servizi di telefonia si sono invece assestati verso il basso (-16,5% negli otto anni) e la spesa per libri e giornali si è ridotta del 38,7%.

SOCIAL NETWORK COMPAGNI DI VITA – Facebook è il social network più popolare: è usato dal 56,2% degli italiani (il 44,3% nel 2013), raggiunge l’89,4% di utenza tra gli under 30 e il 72,8% tra le persone più istruite. L’utenza di YouTube è passata dal 38,7% del 2013 al 46,8% del 2016. Instagram è salito dal 4,3% di utenti del 2013 al 16,8% del 2016. Per WhatsApp un vero e proprio boom: nel 2016 è usato dal 61,3% degli italiani.

MEDIA DIGITALI E POPULISMO – Gli strumenti della disintermediazione digitale si stanno infilando come cunei nel solco di divaricazione scavato tra élite e popolo, prestandosi all’opera di decostruzione delle diverse forme di autorità costituite, fino a sfociare nelle mutevoli forme del populismo. La sfiducia nelle classi dirigenti si salda alla fede nel potenziale di emancipazione delle comunità attribuito ai processi di disintermediazione resi possibili dalla rete.

LA FRATTURA GENERAZIONALE – Le distanze tra i consumi mediatici giovanili e quelli degli anziani continuano ad essere rilevantissime. Tra i giovani under 30 la quota di utenti della rete arriva al 95,9%, mentre è ferma al 31,3% tra gli over 65. L’89,4% dei primi usa telefoni smartphone, ma lo fa solo il 16,2% dei secondi. L’89,3% dei giovani è iscritto a Facebook, contro appena il 16,3% degli anziani.

DONNE MOTORI DEL CONSUMO – Per molto tempo le donne hanno mostrato una predilezione per televisione e libri. Ma nel 2016 al tradizionale predominio nella lettura di libri, settimanali e mensili, si è aggiunto il primato femminile anche nell’uso di internet, dove c’è stato il sorpasso delle donne sugli uomini: il 74,1% di utenza tra le prime (erano ferme al 43,2% nel 2011) rispetto al 73,2% riferito ai secondi.

TV E RADIO GODONO DI OTTIMA SALUTE. La tv continua ad essere vista dalla quasi totalità della popolazione: il 97,5% degli italiani (+0,8% nell’ultimo anno). Ottimi anche gli ascolti della radio, con una utenza pari all’83,9% degli italiani. I quotidiani cartacei perdono lettori, ridotti al 40,5% degli italiani (-1,4% nell’ultimo anno, -26,5% complessivamente nel periodo 2007-2016). Continua, invece, ad aumentare l’utenza dei quotidiani online (+1,9% nell’ultimo anno) e degli altri siti web di informazione (+1,3%). Mantengono i propri lettori i settimanali (+1,7%) e i mensili (+3,9%), ma non i libri cartacei (-4,3% nell’ultimo anno, con una quota di lettori diminuiti al 47,1% degli italiani).

(di Michele Cassano/ANSA)

Ultima ora

20:15Casa Bianca, nessuna collusione con la Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 MAR - "la risposta è 'no': non c'è alcuna collusione con la Russia": lo ha ribadito il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer rispondendo alle numerose domande sulle inchieste in corso sui contatti tra i collaboratori di Trump e il governo di Mosca. Spicer ha ironizzato che se il presidente mangia un'insalata russa, anche quella diventa una "russian connection". A un certo punto, ha aggiunto, "dovete accettare la realtà dei fatti".

20:10Maternità surrogata in Ucraina, coppia assolta a Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAR - Assoluzione perché il fatto non costituisce reato. Si è concluso così in tribunale a Bologna un processo su un caso di maternità surrogata in Ucraina da parte di una coppia italiana, residente in un paese della provincia del capoluogo emiliano. Gli imputati erano due coniugi, lui 57 anni, lei 44, dal 2012 genitori di un bambino nato a Kiev, dove la pratica è consentita. La madre naturale è una donna ucraina con cui a febbraio 2010 sottoscrissero un contratto per poter impiantare nel suo utero, dietro pagamento di un corrispettivo, un ovocita fecondato con il seme dell'italiano. L'inchiesta era partita per una segnalazione dell'ambasciata italiana a Kiev al Comune dove il bambino é registrato, che ha avvisato la Procura. Alla coppia, difesa dall'avvocato Giorgio Muccio, era contestata la violazione dell'articolo della 'legge 40' che sanziona chi organizza o pubblicizza la surrogazione di maternità. Il Pm in udienza davanti al giudice Sandro Pecorella, aveva chiesto il minimo della pena. (ANSA).

20:10Ciclismo: Hinault “manca il coraggio per correre come me”

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - A Bernard Hinault il ciclismo di oggi non entusiasma. Lo fa capire a chiare lettere, a margine della sua introduzione nella Hall of Fame del Giro d'Italia, constatando che "manca il coraggio" per correre come faceva lui, ultimo grande fuoriclasse in grado di destreggiarsi con ugual fortuna tra i grandi giri e le classiche. "Le condizioni per correre sono le stesse, anzi migliori. Le bici sono più leggere, gli allenamenti migliori e i trasporti più comodi. Non manca solo il coraggio, ma c'è anche poca voglia di allenarsi con costanza e impegno per andare forte tutto l'anno. Solo Sagan e Contador - sottolinea il vincitore di cinque Tour e tre Giri - pensano allo spettacolo".

20:08Russia e Iran siglano a Mosca memorandum su gas e nucleare

(ANSA) - MOSCA, 28 MAR - Russia e Iran hanno siglato dei memorandum in campo energetico in occasione della visita a Mosca del presidente iraniano, Hassan Rohani. Secondo l'agenzia Interfax, i ministeri dell'Energia dei due Paesi hanno siglato, alla presenza di Vladimir Putin e Rohani, un memorandum di cooperazione nel campo dell'elettricità e un altro nel trasporto del materiale nucleare. Inoltre la Tass riferisce di un memorandum siglato dal gigante russo Gazprom e dall'iraniana Nioc per la cooperazione nel settore del gas. "Le società leader russe hanno raggiunto una serie di accordi importanti per lo sfruttamento dei grandi giacimenti di idrocarburi in Iran", ha detto Putin, sottolineando che "è in corso la preparazione dei documenti per costruire un secondo e un terzo reattore della centrale nucleare" di Bushehr, in Iran. Putin e Rohani hanno anche discusso dell'ampliamento della cooperazione nell'aeronautica civile e nell'industria metalmeccanica e di "possibili forniture" all'Iran di moderni aerei militari Ssj-100".

19:59Calcio: Messi squalificato, l’Argentina farà ricorso

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - La Federcalcio argentina presenterà ricorso contro la squalifica per 4 partite inflitta dalla Fifa a Lionel Messi, in seguito alle sue intemperanze verbali contro un guardalinee durante il match di qualificazioni mondiali contro il Cile, giovedì scorso. Lo ha confermato Jorge Miadosqui, dirigente della Federazione, a poche ore dalla gara dell'Albiceleste in Bolivia, sempre valevole per il girone sudamericano. E nella quale il posto del numero 10 sarà preso da Angel Correa. In seguito alla squalifica, la "Pulce" dovrebbe saltare la partita odierna e quelle successive contro Uruguay, Venezuela e Perù, oltre a pagare una multa di 10mila franchi svizzeri. Tornando disponibile solo per l'ultima gara contro l'Ecuador, ad ottobre.

19:55Incidente A1-A14, 16 in ospedale,nessuno in pericolo di vita

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAR - Non c'è nessuno in pericolo di vita dopo l'incidente tra un pullman e un tir sul raccordo autostradale bolognese A1-A14. Secondo quanto riferito dall'Ausl di Bologna, diversamente da quanto si era appreso in un primo momento, sono 43 le persone le persone coinvolte, di cui 27 incolumi. Sedici i feriti trasportati in ospedale, otto al Maggiore di cui due in condizioni di media gravità, gli altri con un codice più lieve. Gli altri otto sono stati portati al policlinico Sant'Orsola, anche questi in codici di lieve entità. Sono intervenute un'automedica, cinque ambulanze e un mezzo di coordinamento del 118. (ANSA).

19:54Brexit: May, ‘no a negoziati con Scozia su referendum’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAR - "Non apriremo i negoziati sulla proposta della Scozia". Risponde picche la premier britannica Theresa May, tramite un suo portavoce, dopo l'approvazione da parte del Parlamento di Edimburgo di una mozione che chiede un nuovo referendum sull'indipendenza della Scozia dal Regno Unito. "Ora non è il momento giusto", ha ribadito il primo ministro, riferendosi all'inizio dei negoziati sulla Brexit.

Archivio Ultima ora