Nel 2017 Pil a 1%. Premier, stime prudenti

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Nel 2017 Pil a 1%. Premier, stime prudenti

Nel 2017 Pil a 1%. Premier, stime prudenti

ROMA. – La crescita c’è, anche se minore del previsto, e sarà ‘spinta’ dalle misure che il governo ha in cantiere con la prossima manovra. E il deficit continuerà a scendere toccando il punto più basso dal 2007. Almeno quello che l’esecutivo ha scritto al momento nella nota di aggiornamento al documento di economia e finanza perché “coerentemente con le regole Ue”, come ha chiarito il premier Matteo Renzi, l’esecutivo chiederà uno spazio fuori dal Patto di Stabilità fino a 0,4 punti (circa 6 miliardi) legati alle “circostanze eccezionali” che il Paese ha affrontato sul fronte dei migranti e a causa del sisma del Centro Italia.

“La sintesi è: il deficit va giù, il Pil va su – ha detto Renzi – tutti e due con una traiettoria meno ampia di come avremmo voluto ma entrambi continuano ad andare nella giusta direzione”. Il clima, in una riunione iniziata in tarda serata con oltre un’ora di ritardo è meno effervescente del passato, quando le aspettative di crescita erano ben più ottimistiche. Il premier scherza – “oggi è San Prudenzio, ha vinto la linea Padoan” – ma sia il presidente del Consiglio che il ministro dell’Economia ammettono una certa insoddisfazione.

I numeri, fissati con l’aggiornamento del Def, indicano una crescita ferma allo 0,8% per quest’anno (dall’1,2 previsto in aprile) e che però potrebbe raggiungere la soglia ‘psicologica’ dell’1% nel 2017 “con un guadagno non irrilevante”, come ha sottolineato Padoan, grazie alla spinta agli investimenti e alle misure sul sociale che arriveranno con la prossima legge di Bilancio.

La revisione della crescita porta a una revisione anche del target di deficit, che nel 2016 salirà al 2,4% (rispetto al 2,3%) e che l’anno prossimo si attesterà al 2% (rispetto all’1,8%). Un livello apparentemente basso rispetto alle cifre circolate fino alla vigilia, ma che potrà lievitare di 4 decimi di punto con l’autorizzazione del Parlamento e, ma questa è tutta da verificare, anche di Bruxelles.

Non a caso Renzi ha parlato di un “massimo” di 0,4 punti e dalla commissione avevano fatto sapere che c’era un orientamento favorevole a concedere sì nuovi margini ma fino al 2,3%. Si tratterà comunque di utilizzare, come ha puntualizzato il premier, non la flessibilità prevista dalla comunicazione Juncker ma le circostanze eccezionali previste dai Trattati.

Margini che comunque saranno essenziali per comporre la prossima manovra con cui saranno “scongiurati” aumenti di tasse legate alle clausole di salvaguardia, come ha confermato Padoan e che vedrà “un aumento” della spesa sanitaria, come ha garantito il premier pur non entrando nel dettaglio delle cifre.

Nel suo giudizio Bruxelles sarà del resto influenzata anche dalla gestione del debito: contravvenendo agli impegni presi in aprile, nel 2016 il rapporto con il Pil salirà – anziché scendere – fino al 132,8% per poi intraprendere la strada della discesa solo dal 2017 (quando si dovrebbe attestare al 132,2%).

“Il debito/Pil non scende, lo ammetto io” ha detto il titolare di via XX settembre, sottolineando però che la dinamica consentirà di mantenere fissato per il 2019 il pareggio, quindi con uno sforzo maggiore spostato sul prossimo biennio. D’altronde, il programma di privatizzazioni ha subito uno stop ma solo per evitare di “svendere” in condizioni di mercato di estrema volatilità.

Ultima ora

11:15Elezioni: Lodi, Pd perde dopo 20 anni di governo

(ANSA) - LODI, 26 GIU - Dopo oltre 20 anni di governo di centrosinistra, sconfitta in casa a Lodi per il coordinatore del Pd Lorenzo Guerini. Sara Casanova, segretaria cittadina della Lega Nord di Lodi, ha conquistato la poltrona di sindaco con il 56,9 per cento dei voti. Lodi esce dal commissariamento iniziato l'estate scorsa in seguito all'arresto per l'accusa di turbativa d'asta dell'allora sindaco Pd Simone Uggetti, che era succeduto a Guerini nella poltrona più alta del Broletto. Il centrodestra ha simbolicamente preso il Comune esponendo anche, tra le bandiere istituzionali, anche quella che raffigura il sole delle Alpi e la bandiera di Forza Italia.

11:12Siccità: vescovo Reggio Emilia, preghiere perchè piova

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 26 GIU - Preghiere contro la siccità. Il vescovo della diocesi di Reggio Emilia e Guastalla, mons. Massimo Camisasca - secondo quanto riferisce la stampa locale - ha inviato una lettera a tutti i parroci, chiedendo che si facciano preghiere nelle parrocchie per fare arrivare "piogge riparatrici di questa siccità". Nella lettera - confermata oggi dalla curia - il vescovo sottolinea come si "tratta certamente di raccomandare un uso equilibrato e attento dell'acqua ma nello stesso tempo anche di supplicare il Signore di venirci incontro con piogge riparatrici di questa siccità". Oltre alle preghiere si chiede di offrire "la Santa Messa durante una giornata di questa settimana possibilmente lunedì, martedì o mercoledì". (ANSA).

11:11Prendere la patente a Milano costa in media 1054 euro

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Nel 2016 i giovani tra i 18 e i 19 anni che hanno preso la patente sono stati 287.551, l'8,4% in meno del 2012, forse anche per il costo dei corsi. Lo dice il numero di Quattroruote in edicola domani, che ha condotto un'inchiesta nelle autoscuole di Milano, Roma e Napoli. Per un corso di guida per l'ottenimento della patente B, comprensivo di lezioni in aula di teoria, 10 ore di lezioni di pratica, sei ore di guida cosiddette certificate, ovvero obbligatorie per legge (due delle quali in autostrada o su strada extraurbana e due in orario notturno), e due esami, la cifra media richiesta dalle autoscuole milanesi si attesta su 1.054 €, con un minimo di 920 e un massimo che può arrivare anche 1.253€. Distanziate dal capoluogo lombardo di circa 200 € in media sono sia Roma sia Napoli: quest'ultima risulta comunque più cara della capitale, con un minimo di 750 € e un massimo di 860, contro i 690 e gli 880 della seconda.

11:07Diritti tv: colpo Tim, Olimpiadi 2018 e 2020 sul mobile

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Colpo grosso di Tim: il gruppo guidato da Flavio Cattaneo avrà in esclusiva per il mobile i diritti tv per le Olimpiadi invernali del 2018 a PyeongChang e per quelle estive del 2020 a Tokyo. Lo apprende l'Ansa. L'accordo di esclusiva con Discovery ha appena ottenuto il via libera del Cio.

11:07Ritorno in classe a luglio: preside scuola, c’è ispezione

(ANSA) - NIESCEMI (CALTANISSETTA), 26 GIU - "C'è un'ispezione in corso e per ruolo istituzionale non intendo parlare della vicenda, e non lo farò". Si chiude dietro a un 'no comment' il professore Ferdinando Cannizzo, preside dell'istituto di istruzione superiore "Leonardo Da Vinci", di Niscemi, dove 1.200 studenti e 120 docenti dovranno tornare a scuola, dal 17 al 22 luglio, per completare il numero di ore di presenza obbligatoria dell'anno scolastico 2016-2017, ridotto a dicembre e a gennaio per il mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento. "Una cosa però - aggiunge il preside parlando con l'ANSA - ci tengo a dirla: di fronte a un inverno rigido e a delle difficoltà reali non si è perso un giorno di scuola. E questo grazie al grande senso di responsabilità di studenti, genitori, professori e personale Ata. Hanno dimostrato con i fatti di tenere veramente al diritto allo studio".

11:05Terrorismo: foreign fighter davanti a gip non risponde

(ANSA) - ALESSANDRIA, 26 GIU - Si è avvalsa della facoltà di non rispondere Lara Bombonati, fermata nei giorni scorsi con l'accusa di terrorismo internazionale. La foreign fighter italiana, 26 anni, è comparsa questa mattina per la convalida dell'arresto davanti al gip del tribunale di Alessandria, Tiziana Belgrano. La giovane è assistita dall'avvocato Laura Nicoletta Masuelli, del foro di Alessandria. "Non posso dire nulla", le uniche parole del legale d'ufficio. L'udienza si è svolta nel carcere don Soria di Alessandria. La polizia penitenziaria sta ora riportando Bombonati nel carcere di Torino, dove è detenuta.(ANSA).

10:58Tortura: Mattarella, più sforzi a tutela vittime

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Vanno intensificati gli sforzi per dare voce e offrire tutela a tutte le vittime di ogni forma di tortura e per sradicare questa pratica". E' quanto afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio in occasione della Giornata Internazionale a sostegno delle Vittime della Tortura. "Sevizie e violenze, infatti - sottolinea Mattarella - costituiscono una delle più gravi violazioni dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, sempre e ovunque abbiano luogo". "Il 26 giugno di 30 anni fa entrava in vigore - ricorda il Capo dello Stato - la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e le altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti. Fu una scelta di civiltà della Comunità Internazionale per riaffermare la dignità della persona". E, conclude Mattarella, "il nostro Paese, che ha ratificato la Convenzione contro la tortura nel 1989, ne promuove la più ampia ratifica a livello globale".

Archivio Ultima ora