Marò: Corte Suprema India, Latorre può restare in Italia

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Marò: Corte Suprema India, Latorre può restare in Italia

Marò: Corte Suprema India, Latorre può restare in Italia

NEW DELHI. – La parola chiave è “soddisfazione”. E davvero oggi non si è fatta alcuna fatica nel pronunciarla dopo che a New Delhi la Corte Suprema ha disposto, al termine di una breve udienza, che il Fuciliere di Marina Massimiliano Latorre resti in Italia fino alla fine del processo giurisdizionale aperto presso il tribunale arbitrale internazionale dell’Aja.

E “soddisfazione” per la decisione è stata subito manifestata dalla Farnesina in un comunicato che sottolinea come si tratti di “un passaggio importante che riconosce l’impegno intrapreso dal governo italiano con il ricorso all’arbitrato internazionale”. Sulla stessa lunghezza d’onda, il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha sostenuto via Facebook che “la strategia del governo è quella giusta. Andiamo avanti, certi che anche la conclusione del procedimento di arbitrato porterà alla soluzione definitiva auspicata dall’Italia”.

Latorre, ormai rimessosi dall’ictus che lo ha colpito nell’agosto 2014, ha ringraziato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la ministro Pinotti e “tutti gli italiani che non mi hanno abbandonato e che resteranno sempre nel mio cuore”. La sua compagna, Paola Moschetti si è rallegrata perché “si è spezzato un circolo vizioso”. Ora, ha aggiunto, “avremo più tempo per recuperare una vita normale”.

Sulla scia di quanto stabilito il 26 maggio su indicazione del Tribunale dell’Aja per l’altro Fuciliere Salvatore Girone, i giudici indiani hanno accettato di modificare le condizioni della libertà provvisoria di Latorre, che fra l’altro aveva un permesso in scadenza il 30 settembre, richiedendo in cambio impegni scritti ed il rispetto di alcune regole di comportamento.

Si è trattato di una conclusione annunciata, perché già il 20 settembre, quando l’istanza italiana era stata presentata, l”Additional Sollicitor General’, P.S. Narasimha, si era verbalmente detto d’accordo per questa soluzione. Ma la Corte aveva comunque preteso da parte del governo un impegno scritto. Al termine dell’udienza, l’ambasciatore d’Italia Lorenzo Angeloni, presente in aula, e i legali dello studio Titus che hanno assistito i due marò fin dall’inizio, si sono rallegrati per il risultato ottenuto, che ha tutta l’aria di poter essere interpretato come la fine di un braccio di ferro italo-indiano su questa vicenda che ha deteriorato le relazioni bilaterali negli ultimi quattro anni e mezzo.

In definitiva la decisione apre una parentesi molto ampia nella vicenda processuale legata a quanto avvenuto nel febbraio 2012 al largo delle coste del Kerala, quando la petroliera Enrica Lexie, su cui Latorre e Girone svolgevano compiti di sicurezza, ed il peschereccio St.Antony, furono protagonisti di un incidente in cui morirono due pescatori. Il relativo dossier è infatti, su iniziativa italiana a cui l’India ha aderito, all’esame di un tribunale di arbitrato a l’Aja, e secondo il calendario dei lavori pubblicato in primavera, una decisione su chi, fra Italia e India, ha diritto alla giurisdizione sul caso, non giungerà in ogni caso prima della fine del 2018.

(di Maurizio Salvi/ANSA)

Ultima ora

15:13Fitto, centrodestra si dia orientamento, ok primarie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Attendendo le decisioni della Corte Costituzionale, è bene che il centrodestra si orienti. Lo dico con spirito costruttivo e non polemico". Lo afferma Raffaele Fitto, leader dei Conservatori e Riformisti. "Gli elettori - prosegue - ci sono, anzi ci sarebbero. Altri sono astenuti, ma potrebbero riconsiderarci come opzione di voto. Ma per far questo occorre una legge elettorale unificante, e un grande rinnovamento di persone, programmi, strategie. Le primarie possono esprimere meglio di qualunque altro strumento (vecchi tavoli, ecc) una spinta di rinnovamento, di unità e di competizione di idee e proposte. Da sempre sosteniamo le primarie. Naturalmente occorrono regole serie e definire per tempo.

15:11Calcio: Prandelli, Valencia minaccia causa

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il burrascoso addio di Cesare Prandelli sulla panchina del Valencia rischia di avere un'appendice fatta di carte bollate. Il club spagnolo infatti, secondo quanto riporta oggi 'Marca', avrebbe intenzione di fare causa al tecnico italiano per violazione contrattuale. Al momento, si tratta solo di un'ipotesi ma l'ufficio legale del club starebbe valutando gli eventuali passi legali. In realtà, sottolinea la stessa stampa iberica, la cosa "non sembra avere una prospettiva tangibile di successo, dato che si tratta di una risoluzione consensuale, tra l'altro arrivata rapidamente, e che ha permesso al club di risparmiare un anno e mezzo di contratto". "A Valencia mi sono sentito umiliato, perciò me ne sono andato - ha ripetuto ieri l'ex ct azzurro a 'Premium' - Sono mancati i presupposti per lavorare con trasparenza, mi hanno chiesto di fare l'allenatore e il dirigente, senza poi darmene la reale possibilità".

15:06Mafia: stragi ’92, Messina Denaro rinviato a giudizio

(ANSA) - CALTANISSETTA, 23 GEN - Il gup di Caltanissetta Marcello Testaquatra ha rinviato a giudizio il boss latitante Matteo Messina Denaro, ritenuto uno dei mandanti degli attentati di Capaci e via D'Amelio in cui vennero uccisi Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e otto agenti delle scorte. E' di strage l'accusa della quale Messina Denaro dovrà rispondere davanti alla Corte d'assise nissena nel processo che inizierà il 13 marzo.

15:02Terremoto: Salvini, Charlie Hebdo disgustoso

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "A me non sono piaciute le vignette di Charlie Hebdo, anche quelle passate. Ritengo che il modo migliore per reagire sia quello di ignorarli. Come era disgustosa questa ne ritengo disgustose parecchie anche precedenti. Quando ci sono di mezzo dei morti bisognerebbe ironizzare su qualcosa d'altro". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando ai microfoni di Radio Cusano Campus la vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto.

14:55Terremoto: crepe a sede, lavoratori Afm L’Aquila non entrano

(ANSA) - L'AQUILA, 23 GEN - Sede mai ristrutturata dal terremoto del 2009 e danni in aumento per le continue scosse con nuove crepe evidenti: per questo motivo 10 dipendenti dell'Azienda farmaceutica municipalizzata di L'Aquila, società comunale che gestisce sette farmacie pubbliche, si sono rifiutati di entrare a lavoro. La notizia è stata diffusa dall'Ugl con una nota del segretario provinciale Giuliana Vespa, che chiede prima di tutto una sede sicura per i dipendenti amministrativi, "fosse pure un container". "La sede della Afm, come da noi più volte ribadito anche in sede prefettizia il 19 dicembre 2014, non è stata mai oggetto dei lavori di ristrutturazione post-sisma - afferma -. In quella sede ci fu detto che lo stabile che ospita l'Afm aveva ottenuto la agibilità parziale con classificazione 'B' e che era stato interessato, quale proprietario dell'immobile, il Comune per i lavori di ristrutturazione, mai avvenuti".

14:49Calcio: Real, Marcelo salta il Napoli

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Brutte notizie per Marcelo, il terzino sinistro del Real uscito anzitempo durante la sfida di Liga contro il Malaga: il brasiliano ha riportato una lesione di secondo grado al bicipite femorale destro e starà fuori almeno un mese, saltando quindi la sfida di andata di Champions contro il Napoli, con qualche speranza di averlo per il ritorno (7 marzo). Questo l'esito dell'esame cui si è sottoposto stamani il giocatore, visitato insieme a Luka Modric che invece tornerà in campo tra circa 10 giorni: per il croato solo un sovraccarico all'adduttore della gamba destra. Marcelo sarà invece certamente indisponibile contro Celta (Liga e Coppa del Re), Real Sociedad, Osasuna, Espanyol, Valencia e Villarreal (Liga) e, appunto, Napoli. Per la sfida contro il Celta di mercoledì prossimo (che i blancos devono recuperare dopo il ko casalingo dell'andata), Zidane oltre a Marcelo e Modric, dovrà fare a meno anche di Carvajal, Pepe e Bale.

14:47Sindaci dopo allarme Grandi rischi, no a scaricabarile

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 23 GEN - "Mi assumo la responsabilità di riaprire domani le scuole di Ascoli Piceno perché sono nelle condizioni in cui erano prima del terremoto del 24 agosto. Alla luce dell'allarme della Commissione Grandi Rischi, ho però scritto al presidente del consiglio Gentiloni, al ministro Fedeli, a Errani e Curcio chiedendo loro di dirmi se la mia decisione è amministrativamente corretta o se, in assenza dei certificati di vulnerabilità che non abbiamo per nessun edificio scolastico, come del resto praticamente in tutta Italia, devo tenerle chiuse e dichiarare finito anche l'anno scolastico". Così il sindaco Guido Castelli. ''Scaricare sui sindaci responsabilità che è impossibile sostenere è il sintomo di un Paese malato'' dice il sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola. ''Ho fatto quello che posso fare: ho disposto che in tutte le scuole di ogni ordine e grado e in tutti gli uffici pubblici si effettuino prove di evacuazione ogni settimana. Non posso certo rafforzare le strutture''.

Archivio Ultima ora