Pensioni: da Ape a Quattordicesima, ecco le misure del governo

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Pensioni: da Ape a Quattordicesima, ecco le misure

Pensioni: da Ape a Quattordicesima, ecco le misure

ROMA. – Anticipo pensionistico agevolato o su base volontaria, estensione della platea della cosiddetta quattordicesima per i pensionati a basso reddito, uscita con 41 anni di contributi per i lavoratori precoci che hanno svolto attività faticose: sono le misure principali che saranno introdotte nella prossima legge di bilancio insieme alla parificazione della no tax area tra pensionati e lavoratori dipendenti, al cumulo gratuito dei periodi contributivi e alla semplificazione nell’uscita dei lavoratori che hanno svolto attività usuranti.

Ecco in sintesi le misure inserite nel verbale appena siglato tra Governo e sindacati nel quale si prevede una seconda fase per rendere “più equo e flessibile” il sistema di calcolo contributivo. Sono ancora da definire con precisione le platee dei lavoratori precoci che avranno diritto all’uscita anticipata e di coloro che avranno diritto a chiedere l’Ape agevolata.

APE, ANTICIPO PENSIONISTICO VOLONTARIO: chi compie 63 anni e quindi è distante meno di 3 anni e sette mesi dall’età di vecchiaia potrà andare in pensione anticipata grazie al prestito pensionistico purché l’assegno maturato non sia inferiore a un certo limite (ancora da definire). L’Ape è esente da imposte ed è erogata mensilmente per 12 mensilità. Il costo per chi ha un lavoro e non rischia di perderlo (e quindi non rientra né nell’Ape agevolata né in quella sostenuta dalle imprese) potrebbe essere molto elevato con una rata che, secondo alcune stime,potrà sfiorare il 25% dell’importo della pensione per 20 anni nel caso di anticipo per la durata massima (vanno considerati oltre la restituzione del prestito, pari a circa il 5% l’anno, anche il tasso di interesse e il premio assicurativo). In caso di premorienza il capitale residuo sarà rimborsato dall’assicurazione e quindi non si rifletterà sulla pensione di reversibilità o sugli eredi.

APE AGEVOLATA: ci sarà un’Ape agevolata per alcune categorie (la platea non è definita ma dovrebbe includere i disoccupati senza ammortizzatori sociali, coloro che hanno esigenze di cura familiare, coloro che hanno svolto lavori gravosi ecc) con “trasferimenti monetari diretti volti a garantire un reddito ponte interamente a carico dello Stato per un ammontare prefissato”. Sulla platea e sull’ammontare del reddito ponte prosegue il confronto con i sindacati.

APE E IMPRESE: sarà possibile con un accordo tra le parti prevedere che l’impresa sostenga i costi dell’Ape “attraverso un versamento all’Inps di una contribuzione correlata alla retribuzione percepita prima della cessazione del rapporto di lavoro”. In questo modo si produce un “aumento della pensione tale da compensare gli oneri relativi alla concessione dell’Ape”.

PENSIONAMENTO ANTICIPATO CON PREVIDENZA COMPLEMENTARE, RITA: Il Governo si impegna a interventi fiscali per accrescere la flessibilità di utilizzo di questo strumento anche per l’uscita dal mercato del lavoro tramite una “rendita temporanea” (Rita) per il periodo che manca alla maturazione del diritto alla pensione.

AUMENTO PENSIONI BASSE, SI ESTENDE QUATTORDICESIMA: il Governo punta a estendere la platea di coloro che percepiscono la ‘quattordicesima’ (ora circa 2,1 milioni di persone) incrementando anche l’importo per coloro che la percepiscono già. Si comprendono nel beneficio coloro che hanno un reddito personale complessivo personale, non solo pensionistico, tra 1,5 (circa 750 euro al mese) e due volte il minimo (circa 1.000). La platea secondo il Governo aumenterà di 1,2 milioni di persone. La quattordicesima vale tra i 336 euro (per chi ha meno di 15 anni di contributi) e 504 (per chi ne ha oltre 25 anni) ed è erogata una volta l’anno a luglio. Per chi ha già il beneficio l’incremento dell’importo dovrebbe essere pari a circa il 30%.

EQUIPARAZIONE NO TAX AREA PENSIONATI LAVORATORI DIPENDENTI: si prevede l’aumento della detrazione di imposta (riconosciuta fino a 55.000 euro) per tutti i pensionati al fine di uniformare la loro no tax area a quella dei lavoratori dipendenti (8.125 euro).

PRECOCI IN PENSIONE PRIMA: Potranno uscire con 41 anni di contributi i lavoratori che hanno 12 mesi di contributi versati prima dei 19 anni nel caso abbiano svolto attività faticose, siano disoccupati senza ammortizzatori sociali o siano in condizioni di disabilità. Sono inoltre eliminate le prossime penalizzazioni sul trattamento pensionistico per coloro che escono prima dei 62 anni.

CUMULO GRATUITO PERIODI CONTRIBUTIVI: Si potranno cumulare i contributi previdenziali maturati in gestioni pensionistiche diverse, ivi inclusi i periodi di riscatto di laurea, sia ai fini della pensione di vecchiaia sia di quella anticipata. L’assegno pensionistico sarà calcolato pro rata con le regole di ciascuna gestione. – USURANTI: è confermata anche l’intenzione di rendere più semplice (e anticipata) l’uscita per chi è stato impegnato a lungo in attività usuranti (almeno la metà della vita lavorativa) allargando le maglie delle attività considerate. Basterà aver svolto l’attività usurante per sette anni negli ultimi 10 di attività senza il vincolo che questa sia fatta nell’ultimo anno di lavoro.

Ultima ora

01:20Giovane pestato in discoteca a Jesolo, e’ in coma

VENEZIA - Un giovane veneziano di 24 anni è ricoverato in coma farmacologico all'ospedale di Mestre in seguito ad un pestaggio subito la notte di Ferragosto in una discoteca di Jesolo (Venezia). Lo riferisce il sito del 'Corriere del Veneto', spiegando che la vicenda è stata resa nota dai genitori del ragazzo, in una lettera denuncia. La vittima dell'aggressione si trova all'interno di un privé del locale, quando sarebbe stato avvicinato da uno sconosciuto, un giovane corpulento, che, probabilmente in stato di alterazione, che gli avrebbe gettato addosso una bevanda. Quando il 24enne ha reagito, secondo la ricostruzione della testata, l'altro gli si sarebbe lanciato contro, colpendolo con due pugni al volto.

00:29Champions: tecnico Nizza, Napoli è squadra quasi perfetta

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Giocare contro il Napoli è difficilissimo: è una squadra quasi perfetta, con pochissimi punti deboli. Abbiamo incontrato parecchie difficoltà". Così, dai microfoni di Premium, il tecnico del Nizza Lucien Favre dopo la sfida del San Paolo, per i play off della Champions. "Cosa possiamo fare per ribaltare il risultato? - dice ancora Favre - Dovremo fare un grosso lavoro, la chiave sarà il ritmo. Siamo in ritardo da questo punto di vista e colmare il gap sarà difficile".

00:25Basket:James contro Trump,’con lui odio va di nuovo di moda’

(ANSA) - SANDUSKY (USA), 16 AGO - Anche Lebron James, fenomeno del basket che anche in passato ha espresso le proprie opinioni politiche, appoggiando Barack Obama e diventando 'testimonial' nella campagna per Hillary Clinton, attacca il Presidente Donald Trump dopo gli scontri a Charlottesville durante una manifestazione di neonazisti e KKK e le dichiarazioni di Trump che ne sono seguite. Lo ha fatto prima con un tweet in cui ha spiegato che "l'odio è sempre esistito in America, e lo sappiamo bene, ma Donald Trump ha reso quell'odio nuovamente di moda. Le statue non c'entrano più nulla adesso". Poi la star Nba ha rincarato la dose nel corso di una manifestazione della sua fondazione benefica. "Ci sono tragici eventi che stanno accadendo - ha detto -. Voglio parlarne, perché ho questa occasione e sono una persona che può far sentire la propria voce: l'unico modo per migliorare come società e come persone è attraverso l'amore. E è così che riusciremo a conquistare qualcosa. Non c'entra quel tizio che dicono sia il presidente degli Usa".

00:18Champions: Sarri, fatto il meglio di ciò che possiamo ora

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Abbiamo fatto il meglio che possiamo in questo momento della stagione, ci manca un pizzico di lucidità sotto porta, siamo anche stati un po' sfortunati, con un palo e una traversa, però sono soddisfatto anche se potevamo fare di più negli ultimi dieci minuti". Al termine di Napoli-Nizza, Maurizio Sarri fa il bilancio della partita in cui i suoi hanno vinto per 2-0. "Non ci aspettavamo che loro giocassero a cinque - dice ancora - e nell'intervallo abbiamo fatto il 'riepilogo' di cosa facciamo quando ci troviamo di fronte una squadra schierata in questo modo. Così poi abbiamo 'economizzato' certi movimenti: prima avevamo speso troppo, ma ci siamo rimessi in ordine". Ma ora comincia anche il campionato e c'è il ritorno con il Nizza: sarà difficile gestire tre patite in sei giorni? "Non penso che in questo momento siano un problema insormontabile - risponde Sarri -, anzi ci può fare bene fare tre partite ufficiali. Milik? ha sbagliato un'occasione facile, ma non è entrato male e si è fatto trovare pronto".

00:13Champions: Mertens, il 2-0 è troppo poco

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Oggi era un match molto importante, lo abbiamo detto, la squadra ha giocato e ha dato tutto. Lo stadio pieno è bellissimo. Secondo me il 2-0 è troppo poco, non è male ma se rivediamo la partita credo sia troppo poco, anche se in ottica match di ritorno non è male". E' un Dries Mertens non felice al 100% quello che commenta 'a caldo' il successo del Napoli sul Nizza nel preliminare di Champions. "C'era molto spazio alla fine, avremo potuto fare di più per la squadra - dice ancora il belga, anche oggi a segno -. Sono rimasto qui perchè la squadra gioca un calcio molto bello e ci si possono togliere molte soddisfazioni. Qual è il mio vero ruolo? Io voglio giocare, e posso farlo con qualsiasi sistema. Nella nazionale del Belgio giochiamo con un modulo diverso, con due attaccanti dietro la prima punta".

23:23Champions: risultati andata ‘playoff’

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Risultati delle partite d'andata giocate oggi per i playoff di ammissione alla fase a gironi della Champions League: Napoli (Ita) - Nizza (Fra) 2-0 Basaksehir (Tur) - Siviglia (Spa) 1-2 Hapoel Beer-Sheva (Isr) - Maribor (Slo) 2-1 Celtic (Sco) - Astana (Kaz) 5-0 Olympiacos Pireo (Gre) - Rijeka (Cro) 2-1.

23:21Champions: play off, Napoli-Nizza 2-0

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Napoli-Nizza 2-0 nella partita d'andata dei play off per l'ammissione alla fase a gironi della Champions League. La partita di ritorno si giocherà fra sei giorni in Francia. Le reti del match di oggi sono state segnate da Mertens al 12' pt e Jorginho su rigore, molto contestato dai nizzardi al 25' st. Il Nizza ha concluso in nove per le espulsioni di Koziello e Plea.

Archivio Ultima ora