Pensioni: da Ape a Quattordicesima, ecco le misure del governo

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Pensioni: da Ape a Quattordicesima, ecco le misure

Pensioni: da Ape a Quattordicesima, ecco le misure

ROMA. – Anticipo pensionistico agevolato o su base volontaria, estensione della platea della cosiddetta quattordicesima per i pensionati a basso reddito, uscita con 41 anni di contributi per i lavoratori precoci che hanno svolto attività faticose: sono le misure principali che saranno introdotte nella prossima legge di bilancio insieme alla parificazione della no tax area tra pensionati e lavoratori dipendenti, al cumulo gratuito dei periodi contributivi e alla semplificazione nell’uscita dei lavoratori che hanno svolto attività usuranti.

Ecco in sintesi le misure inserite nel verbale appena siglato tra Governo e sindacati nel quale si prevede una seconda fase per rendere “più equo e flessibile” il sistema di calcolo contributivo. Sono ancora da definire con precisione le platee dei lavoratori precoci che avranno diritto all’uscita anticipata e di coloro che avranno diritto a chiedere l’Ape agevolata.

APE, ANTICIPO PENSIONISTICO VOLONTARIO: chi compie 63 anni e quindi è distante meno di 3 anni e sette mesi dall’età di vecchiaia potrà andare in pensione anticipata grazie al prestito pensionistico purché l’assegno maturato non sia inferiore a un certo limite (ancora da definire). L’Ape è esente da imposte ed è erogata mensilmente per 12 mensilità. Il costo per chi ha un lavoro e non rischia di perderlo (e quindi non rientra né nell’Ape agevolata né in quella sostenuta dalle imprese) potrebbe essere molto elevato con una rata che, secondo alcune stime,potrà sfiorare il 25% dell’importo della pensione per 20 anni nel caso di anticipo per la durata massima (vanno considerati oltre la restituzione del prestito, pari a circa il 5% l’anno, anche il tasso di interesse e il premio assicurativo). In caso di premorienza il capitale residuo sarà rimborsato dall’assicurazione e quindi non si rifletterà sulla pensione di reversibilità o sugli eredi.

APE AGEVOLATA: ci sarà un’Ape agevolata per alcune categorie (la platea non è definita ma dovrebbe includere i disoccupati senza ammortizzatori sociali, coloro che hanno esigenze di cura familiare, coloro che hanno svolto lavori gravosi ecc) con “trasferimenti monetari diretti volti a garantire un reddito ponte interamente a carico dello Stato per un ammontare prefissato”. Sulla platea e sull’ammontare del reddito ponte prosegue il confronto con i sindacati.

APE E IMPRESE: sarà possibile con un accordo tra le parti prevedere che l’impresa sostenga i costi dell’Ape “attraverso un versamento all’Inps di una contribuzione correlata alla retribuzione percepita prima della cessazione del rapporto di lavoro”. In questo modo si produce un “aumento della pensione tale da compensare gli oneri relativi alla concessione dell’Ape”.

PENSIONAMENTO ANTICIPATO CON PREVIDENZA COMPLEMENTARE, RITA: Il Governo si impegna a interventi fiscali per accrescere la flessibilità di utilizzo di questo strumento anche per l’uscita dal mercato del lavoro tramite una “rendita temporanea” (Rita) per il periodo che manca alla maturazione del diritto alla pensione.

AUMENTO PENSIONI BASSE, SI ESTENDE QUATTORDICESIMA: il Governo punta a estendere la platea di coloro che percepiscono la ‘quattordicesima’ (ora circa 2,1 milioni di persone) incrementando anche l’importo per coloro che la percepiscono già. Si comprendono nel beneficio coloro che hanno un reddito personale complessivo personale, non solo pensionistico, tra 1,5 (circa 750 euro al mese) e due volte il minimo (circa 1.000). La platea secondo il Governo aumenterà di 1,2 milioni di persone. La quattordicesima vale tra i 336 euro (per chi ha meno di 15 anni di contributi) e 504 (per chi ne ha oltre 25 anni) ed è erogata una volta l’anno a luglio. Per chi ha già il beneficio l’incremento dell’importo dovrebbe essere pari a circa il 30%.

EQUIPARAZIONE NO TAX AREA PENSIONATI LAVORATORI DIPENDENTI: si prevede l’aumento della detrazione di imposta (riconosciuta fino a 55.000 euro) per tutti i pensionati al fine di uniformare la loro no tax area a quella dei lavoratori dipendenti (8.125 euro).

PRECOCI IN PENSIONE PRIMA: Potranno uscire con 41 anni di contributi i lavoratori che hanno 12 mesi di contributi versati prima dei 19 anni nel caso abbiano svolto attività faticose, siano disoccupati senza ammortizzatori sociali o siano in condizioni di disabilità. Sono inoltre eliminate le prossime penalizzazioni sul trattamento pensionistico per coloro che escono prima dei 62 anni.

CUMULO GRATUITO PERIODI CONTRIBUTIVI: Si potranno cumulare i contributi previdenziali maturati in gestioni pensionistiche diverse, ivi inclusi i periodi di riscatto di laurea, sia ai fini della pensione di vecchiaia sia di quella anticipata. L’assegno pensionistico sarà calcolato pro rata con le regole di ciascuna gestione. – USURANTI: è confermata anche l’intenzione di rendere più semplice (e anticipata) l’uscita per chi è stato impegnato a lungo in attività usuranti (almeno la metà della vita lavorativa) allargando le maglie delle attività considerate. Basterà aver svolto l’attività usurante per sette anni negli ultimi 10 di attività senza il vincolo che questa sia fatta nell’ultimo anno di lavoro.

Ultima ora

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

Archivio Ultima ora