GP2: l’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto torna in pista

Pubblicato il 29 settembre 2016 da redazione

GP2: L’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto torna in pista

GP2: L’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto torna in pista

CARACAS – Dopo due stagioni di assenza, la GP2 Series torna questo fine settimana a calcare il circuito di Sepang per il penultimo appuntamento stagionale. La sfida per il titolo cadetto può essere ormai ristretta a tre candidati, dopo che una decina di piloti sin sono alternati nelle primissime posizioni della classifica generale nelle prime gare della stagione: il leader è Pierre Gasly con 174 punti, una decina in più dell’italiano Antonio Giovinazzi, suo compagno di squadra all’interno del team Prema; terzo, distante 36 lunghezze dal francese, è Raffaele Marciello, chiamato tuttavia ad un’autentica impresa con la sua vettura della Russian Time.

Ma la notizia che ci riguarda è un ritorno di lusso: trattasi dell’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto, che questo weekend rientrerà nel campionato della GP2 per la prima volta dal Gran Premio di Sochi dell’anno scorso.

Terminata anticipatamente la sua esperienza nella Formula V8 3.5 con il team RP Motorsport, il figlio dell’ex campione del mondo di motociclismo sostituirà Arthur Pic, afflitto da una virus che gli ha impedito volare in Asia, sulla vettura del team Rapax.

Quello di questo fine settimana sará il 120 Gran Premio per Jhonny Amadeus, bottino raccolto tra la GP2 internazionale e quella asiatica. In carriera il pilota di 27 anni ha vinto quattro gare nella categoría cadetta del mondo dei motori. Ricordiamoci che nella stagione 2015, il campione italo-venezuelano ha corso con tre scuderie Hilmer, Carlin e Trident. La Rapax sará la nona scuderia di Cecotto Jr nella serie cadetta del mondo dei motori.

“Johnny é stato contattato all’ultimo minuto dalla Rapax per sostituire Charles Pic che é stato afflitto da un virus che gli ha impedito viaggiare – ha dichiarato in un comunicato stampa Emanuele Dell’Oste, manager di Cecotto, aggiungendo – Johnny cercherá di realizzare una buona performance, il caldo e l’umiditá sono estremi in questa pista e sicuramente saranno fattori determinanti. L’accordo tra Johnny e la scuderia al momento è solo per questa gara. Il team Rapax attualmente é nono nella classifica costruttori, ma ha ancora possibilitá di avanzare posizioni in campionato.”

In questo 2016, Johnny Amadeus Cecotto, ha preso parte del campionato della Formula V8 3.5 (categoría in passato nota come World Series by Renault) con il team RP Motorsport. In questo torneo, Cecotto Jr ha vinto anche una gara, il GP d’Ungheria, ma il pilota italo-venezuelano non ha concluso la sua partecipazione nella Formula V8 3.5 a causa delle mancanza di un supporto economico.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

08:43Shalabayeva: libero Ablyazov, Francia rifiuta estradizione

(ANSA-AP) - PARIGI, 10 DIC - Un alto tribunale francese ha rifiutato di consegnare alla Russia Mukhtar Ablyazov, banchiere kazako dissidente accusato di essersi appropriato indebitamente di grandi somme di denaro, sostenendo di considerare la richiesta ispirata da "motivi politici". Poco dopo, Mukhtar Ablyazov ha lasciato la prigione francese in cui era detenuto. Ad attenderlo suo figlio, suo fratello e il suo avvocato. La sua liberazione ha rappresentato una svolta in una vicenda giudiziaria durata anni e che ha coinvolto diversi Paesi, tra cui l'Italia. La moglie di Ablyazov, Alma Shalabayeva, venne espulsa dall'Italia nel maggio del 2013 insieme alla figlia di sei anni dopo un blitz avvenuto con modalità tuttora oggetto di indagini, e vi ha poi fatto ritorno. Ablyazov, che sfuggì allora alla cattura, era detenuto in Francia dal 31 luglio 2013, dopo il suo arresto in una villa in Costa Azzurra.

08:39Trump respinge accuse Cia, “è ora di guardare avanti”

(ANSA) - WASHINGTON, 10 DIC - Il team di transizione di Donald Trump ha respinto le accuse contenute in un rapporto della Cia rivelato dal Washington Post secondo il quale la Russia sarebbe intervenuta per favorire la sua elezione. Della Cia - si afferma in una nota del team - "fanno parte le stesse persone che dicevano che Saddam Hussein aveva armi di distruzione di massa". "Le elezioni si sono concluse molto tempo fa - aggiunge la nota - ...è ora di guardare avanti e 'Rifare grande l'America'", conclude citando il motto della campagna elettorale".

04:05Wp, per Cia Russia intervenuta per far vincere Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 10 DIC - La Cia ha concluso in una valutazione segreta che Mosca è intervenuta nelle elezioni Usa per aiutare Donald Trump a vincere la presidenza più che per minare solo la fiducia nel sistema elettorale americano: lo scrive il Wp citando fonti informate sulla vicenda. Gli 007 Usa hanno individuato attori legati al governo russo che hanno fornito a Wikileaks migliaia di email hackerate ai danni del partito democratico e di altre organizzazioni, compreso il presidente della campagna di Hillary Clinton John Podesta.

00:20Serie B: Pisa-Bari 0-0, pareggio non accontenta nessuno

(ANSA) - PISA, 9 DIC - Finisce senza reti l'anticipo di Serie B tra Pisa e Bari, la 'prima' del nuovo presidente in pectore del club toscano Giuseppe Corrado, in tribuna insieme al figlio Giovanni, in attesa di perfezionare l'acquisto della società nerazzurra entro la settimana prossima. Nel primo tempo il match è equilibrato con gli ospiti che si rendono pericolosi al 28' con un diagonale di Maniero deviato da Ujkani. Il Pisa invece non impensierisce mai la retroguardia pugliese anche se non subisce mai il gioco avversario. Nella ripresa i padroni di casa sono più intraprendenti e all'11' della ripresa vanno vicini al gol con Varela che centra la traversa a portiere battuto. Il Pisa fa la partita e la squadra di Colantuono controlla ma rischia nel finale dopo essere rimasto in inferiorità numerica per l'espulsione di Valiani e al 90' è ancora Varela a spaventare la squadra di Colantuono con un bel sinistro che Micai devia in angolo.

23:50Ghana: leader opposizione eletto presidente

(ANSA) - ACCRA, 9 DIC - Lo storico leader dell'opposizione Nana Akufo-Addo è stato eletto presidente del Ghana e il capo di stato uscente John Mahama ha ammesso la sconfitta, sia parlando in televisione che con una telefonata al suo rivale. Il vincitore ha ottenuto il 53,8% dei voti, lo sconfitto si è fermato al 44,4%. Lo stesso Akufo-Addo, che correva per la terza volta alle presidenziali, ha confermato via Twitter di aver ricevuto le congratulazioni di Mahama. Secondo gli analisti, il voto costituisce un segnale di protesta nei confronti dei politici in carica negli ultimi 12 anni che, nonostante una modesta crescita economica, non sono riusciti a impedire l'aumento della disoccupazione. Le elezioni in Ghana si sono sempre svolte in modo pacifico da quando, nel 1992, ci fu la transizione dal potere militare alla democrazia.

23:50Arrestato presunto autore omicidio piazzale Loreto

(ANSA) - MILANO, 9 DIC - E' stato arrestato dalla Squadra mobile di Milano uno dei presunti autori dell'omicidio di Antonio Rafael Ramirez, il 37enne di Santo Domingo ferito a morte con coltellate e con un colpo di pistola la sera del 12 novembre scorso in piazzale Loreto, a Milano. L'uomo, anch'egli sudamericano ma di cui non si conoscono ancora le generalità, è stato catturato in provincia di Siena nella notte tra il 5 e il 6 dicembre e la convalida è arrivata solo oggi. Si cerca il suo complice che, secondo indiscrezioni, sarebbe fuggito dall'Italia ma non avrebbe lasciato l'Europa. Gli investigatori mantengono il riserbo sulle modalità dell'arresto e sui dettagli dell'indagine. Proprio dopo l'aggressione del 12 novembre in piazzale Loreto, il sindaco Giuseppe Sala chiese al governo più militari per presidiare le periferie di Milano.

22:39Mente attacco a Charlie Hebdo ucciso da raid Usa in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 9 DIC - Un leader dello Stato Islamico ritenuto la mente dell'attacco al giornale satirico francese Charlie Hebdo (a Parigi nel gennaio 2015) è stato ucciso in un raid aereo americano in Siria. Lo hanno reso noto stasera fonti militari Usa, precisando che Boubaker el Hakim è morto a Raqqa lo scorso 26 novembre. Franco-tunisino, 33 anni, el Hakim è stato il mentore dei fratelli Said e Sherif Kouachi che fecero strage di giornalisti e disegnatori di Charlie Hebdo.

Archivio Ultima ora