GP2: l’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto torna in pista

Pubblicato il 29 settembre 2016 da redazione

GP2: L’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto torna in pista

GP2: L’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto torna in pista

CARACAS – Dopo due stagioni di assenza, la GP2 Series torna questo fine settimana a calcare il circuito di Sepang per il penultimo appuntamento stagionale. La sfida per il titolo cadetto può essere ormai ristretta a tre candidati, dopo che una decina di piloti sin sono alternati nelle primissime posizioni della classifica generale nelle prime gare della stagione: il leader è Pierre Gasly con 174 punti, una decina in più dell’italiano Antonio Giovinazzi, suo compagno di squadra all’interno del team Prema; terzo, distante 36 lunghezze dal francese, è Raffaele Marciello, chiamato tuttavia ad un’autentica impresa con la sua vettura della Russian Time.

Ma la notizia che ci riguarda è un ritorno di lusso: trattasi dell’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto, che questo weekend rientrerà nel campionato della GP2 per la prima volta dal Gran Premio di Sochi dell’anno scorso.

Terminata anticipatamente la sua esperienza nella Formula V8 3.5 con il team RP Motorsport, il figlio dell’ex campione del mondo di motociclismo sostituirà Arthur Pic, afflitto da una virus che gli ha impedito volare in Asia, sulla vettura del team Rapax.

Quello di questo fine settimana sará il 120 Gran Premio per Jhonny Amadeus, bottino raccolto tra la GP2 internazionale e quella asiatica. In carriera il pilota di 27 anni ha vinto quattro gare nella categoría cadetta del mondo dei motori. Ricordiamoci che nella stagione 2015, il campione italo-venezuelano ha corso con tre scuderie Hilmer, Carlin e Trident. La Rapax sará la nona scuderia di Cecotto Jr nella serie cadetta del mondo dei motori.

“Johnny é stato contattato all’ultimo minuto dalla Rapax per sostituire Charles Pic che é stato afflitto da un virus che gli ha impedito viaggiare – ha dichiarato in un comunicato stampa Emanuele Dell’Oste, manager di Cecotto, aggiungendo – Johnny cercherá di realizzare una buona performance, il caldo e l’umiditá sono estremi in questa pista e sicuramente saranno fattori determinanti. L’accordo tra Johnny e la scuderia al momento è solo per questa gara. Il team Rapax attualmente é nono nella classifica costruttori, ma ha ancora possibilitá di avanzare posizioni in campionato.”

In questo 2016, Johnny Amadeus Cecotto, ha preso parte del campionato della Formula V8 3.5 (categoría in passato nota come World Series by Renault) con il team RP Motorsport. In questo torneo, Cecotto Jr ha vinto anche una gara, il GP d’Ungheria, ma il pilota italo-venezuelano non ha concluso la sua partecipazione nella Formula V8 3.5 a causa delle mancanza di un supporto economico.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

09:05Istanbul: cominciato interrogatorio killer Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 17 GEN - La polizia turca ha cominciato a Istanbul l'interrogatorio di Abdulgadir Masharipov, il sospetto militante dell'Isis accusato dell'attentato di Capodanno nel nightclub 'Reina' della capitale turca che ha causato 39 morti. Lo riferiscono i media turchi. Masharipov e' stato arrestato ieri nel corso di un'operazione di polizia nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul.

09:02Aereo scomparso: interrotte ricerche volo 370

(ANSA) - SYDNEY, 17 GEN - Dopo quasi tre anni di infruttuose ricerche, e' stata interrotta la caccia all'aereo Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo 2014 con 239 persone a bordo: lo ha reso noto il Joint Agency Coordination Center in Australia.

08:00India: si fanno selfie sui binari a Delhi, uccisi da treno

NEW DELHI - Due giovani indiani sono stati uccisi da un treno in corsa a New Delhi dopo aver scattato un selfie che volevano inserire in un portfolio da presentare ad un corso di fotografia. Lo riferisce oggi il quotidiano The Times of India. L'incidente e' avvenuto sabato pomeriggio quando i due, insieme ad altri cinque amici, dopo aver affittato una macchina fotografica professionale, si sono recati sui binari della ferrovia a Anand Vihar, nella zona orientale della capitale.

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

Archivio Ultima ora