Si incatena in Tribunale per l’affido del figlio

(ANSA) – TEMPIO PAUSANIA, 29 SET – Si è incatenato sulle scale del tribunale di Tempio Pausania, Daniele Fontana, fotografo milanese di 44 anni, residente a Olbia, per chiedere alle istituzioni di “valutare la vicenda dell’affidamento per il bene del bambino”. Fontana ha raccontato di lottare ormai da cinque anni per l’affidamento del figlio, una storia di una separazione sofferta, fatta di carte bollate, che vede al centro un bambino conteso di cinque anni e mezzo. “Qui la legge non è uguale per tutti”, recita il cartello che oggi ha mostrato ai passanti, mentre per tutta la giornata intende rimanere incatenato alla scalinata del palazzo di giustizia. “Chiedo che un nuovo giudice – ha dichiarato l’uomo – rivaluti il fascicolo per l’affidamento di mio figlio e prenda in considerazione quanto accaduto in questi anni”. Il fotografo ha quindi sollecitato che gli venga fissata “una udienza in tempi brevi per la valutazione del fascicolo che riguarda me a mio figlio”. (ANSA).

Condividi: