Migranti: in Italia quattro milioni, cittadinanza a 159mila

Pubblicato il 29 settembre 2016 da ansa

Migranti:in Italia 4 milioni, cittadinanza a 159mila

Migranti:in Italia 4 milioni, cittadinanza a 159mila

ROMA. – Numeri stabili, ma dinamiche in evoluzione. Cambia, infatti, la presenza degli immigrati in Italia e cresce il numero dei ‘nuovi italiani’, visto che è salita a 159mila la quota di coloro che hanno acquisito la cittadinanza. La fotografia periodicamente scattata dall’Istat indica che, sulla base ai dati forniti dal Ministero dell’Interno, al 1 gennaio 2016 i cittadini non comunitari regolarmente presenti in Italia sono circa 4 milioni (per l’esattezza 3.931.133), cifra stabile rispetto all’anno precedente.

Marocco (510.450) e Albania (482.959) i paesi più rappresentati, seguiti da Cina (333.986), Ucraina (240.141) e India (169.394). La presenza non comunitaria risulta sempre più stabile sul territorio. Continuano infatti a crescere i soggiornanti di lungo periodo, che rappresentano il 59,5% del totale.

Processi di stabilizzazione e nuovi flussi stanno però cambiando volto all’immigrazione. Se alcune collettività “storiche” presenti in Italia da lunghissimo tempo, come ad esempio quella albanese, sono ancora altamente rappresentate, sono anche quelle che perdono in assoluto il numero maggiore di permessi validi. Quella albanese ha avuto la perdita maggiore (-3%), insieme a quella marocchina (-1,5%), un calo in buona misura legato proprio alle acquisizioni di cittadinanza italiana.

In generale, diminuisce il numero di nuovi permessi di soggiorno concessi a cittadini non comunitari. Durante il 2015 ne sono stati rilasciati 238.936, il 3,9% in meno rispetto al 2014. La flessione riguarda in particolare gli ingressi per motivi di lavoro, scesi del 62% (-35.312); e se nel 2014 rappresentavano il 23% dei nuovi ingressi, nel 2015 sono scesi al 9%.

Continua invece a ritmi sostenuti la crescita dei permessi per asilo e protezione umanitaria (+19.398 ingressi, pari a +40,5%) che nel 2015 arrivano a rappresentare il 28,2% dei nuovi ingressi (19,3% nel 2014, 7,5% nel 2013).

Al Centro-Nord si conferma la maggiore presenza, col 36,6% nel Nord-ovest, il 26,8% nel Nord-est e il 23,5% al Centro; solo il 13,2%ha un permesso rilasciato o rinnovato al Sud. Le regioni col tasso più alto sono Lombardia (26,3%), Emilia-Romagna (11,7%) e Veneto (11,0%). Un quinto degli immigrati vive tra Milano (12,1%) e Roma (8,7%).

Ultima ora

13:22Carceri: detenuto di 20 anni suicida a San Vittore

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Un detenuto marocchino di 20 anni, condannato per rapina e con fine pena 2020, si è impiccato nel bagno della sua cella nel carcere San Vittore di Milano. Ne dà notizia il segretario regionale lombardo del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe), Alfonso Greco: "L'uomo era detenuto nel V Reparto detentivo del carcere di San Vittore e si è impiccato nel bagno della cella - spiega Greco -. Nonostante il tempestivo intervento dell'Agente di Polizia Penitenziaria, non è stato purtroppo possibile salvargli la vita. Un gesto grave, che lascia in noi amarezza e sgomento". Donato Capece, segretario generale Sappe, denuncia: "Tre detenuti che si tolgono la vita in carcere in meno di una settimana sono un fallimento per lo Stato. Vittime innocenti di un disagio individuale a cui non si riesce a fare fronte nonostante gli sforzi e l'impegno degli operatori". Capece ricorda che "sabato si era tolto la vita un detenuto a Regina Coeli a Roma, domenica un altro di Terni".

13:18Basket: Nba, ko a Cleveland Atlanta perde ancora

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Niente da fare per Marco Belinelli e gli Atlanta Hawks, sconfitti a Cleveland dai Cavaliers: 123-114 il punteggio a favore di LeBron James (autore di 25 punti) e compagni. Per il giocatore azzurro 8 punti in poco più di 20 minuti di gioco. Per gli Hawks, ultimi nella Eastern Conference, si tratta della 21/a sconfitta su 27 partite disputate mentre i Cavs hanno totalizzato il loro 20/o successo mantenendo il secondo posto alle spalle dei Boston Celtics. Nelle altre partite del campionato Nba disputate la scorsa notte vittorie dopo un tempo supplementare dei New York Knicks sui Los Angeles Lakers (113-109) e dei Philadelphia 76ers in casa dei Minnesota Timberwolves (118-112). I Brooklyn Nets hanno superato 103-98 i Washington Wizards, i Dallas Mavericks si sono aggiudicati per 95-89 il derby texano sui San Antonio Spurs e i Sacramento Kings hanno piegato 99-92 i Phoenix Suns. Infine successo esterno per 103-84 dei Denver Nuggets sui Detroit Pistons.

13:16Uomo muore dopo allenamento in palestra nel Foggiano

(ANSA) - MONTE SANT'ANGELO (FOGGIA), 13 DIC - Un 34enne è morto dopo aver sostenuto un allenamento, ieri sera, all'interno di una palestra in via Manfredonia, a Monte Sant'Angelo (Foggia). L'uomo, secondo quanto accertato dai carabinieri del Comando provinciale di Foggia che indagano sull'episodio, aveva appena terminato l'allenamento e si era recato negli spogliatoi per cambiarsi e tornare a casa. All'improvviso si è sentito male e si è accasciato a terra. Malgrado l'immediato intervento dei sanitari del 118, per il 34enne non c'è stato niente da fare.

13:10Pakistan: bambina nasce in volo, la chiamano ‘Paradiso’

(ANSA) - ISLAMABAD, 13 DIC - Una giovane madre pachistana ha messo al mondo ieri sera, su un aereo della compagnia Pakistan International Airlines (PIA), in volo fra la città saudita di Medina e quella pachistana di Multan una neonata a cui, date le circostanze, è stato assegnato il nome di 'Jannat' (Paradiso). Un portavoce della PIA non ha esitato ad evocare un miracolo per commentare il lieto evento. "I miracoli - ha detto ringraziando l'equipaggio che si è adoperato per collaborare con il parto - non succedono tutti i giorni. Ma noi oggi ne abbiamo avuto uno piccolo con la nascita di una bellissima bambina!". "Lei ha aperto gli occhi nel cielo azzurro - ha concluso - ed anche per questo il papà Imran e la mamma Kausar, che lavorano in Arabia saudita e tornavano a casa per vacanze, sono stati d'accordo nell'assegnarle il nome di 'Jannat' (Paradiso).

13:09Calcio: Milan, ‘Donnarumma patrimonio sportivo ed economico’

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non è il tempo del mercato". Nella consueta rassegna stampa pubblicata sul sito del Milan, si conclude così il commento sull'intricato caso di Gianluigi Donnarumma e sull'ipotesi di cessione tornata d'attualità in questi giorni. "Gigio è un patrimonio del Club, sia sportivo (è reduce da ottime parate contro Torino e Bologna) che economico - si legge sul sito della società rossonera -. Tutto questo è valorizzato da un contratto fino al 2021 e rafforzato da un dialogo sempre aperto e positivo fra il giocatore e il suo allenatore, fra il giocatore e il direttore sportivo rossonero Mirabelli. Stabilito questo come ha già avuto modo di affermare proprio Rino Gattuso ieri, il Milan è concentrato adesso solo sul campo. È lì che la squadra rossonera deve continuare a lavorare per tornare grande. Non è questo il tempo del mercato - è la conclusione -, ma solo ed esclusivamente del campo".

13:07Brexit: Barnier, non accetteremo alcun passo indietro da Gb

(ANSA) - STRASBURGO, 13 DIC - "Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta" siglata venerdì scorso da Regno Unito e Unione europea. Lo ha detto il negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, durante un dibattito in plenaria al Parlamento europeo. I punti della 'fase uno' del negoziato, ha detto, "devono essere rapidamente tradotti in un accordo di ritiro giuridicamente stringente. Questa è una delle condizioni per il buon andamento del negoziato". Barnier ha anche sottolineato che questa "è una tappa importante ma ce ne saranno molte altre".

13:05Cina: Xi Jinping a cerimonia per 80 anni massacro Nanchino

(ANSA) - PECHINO, 13 DIC - La Cina ha ricordato oggi l'80/mo anniversario del "massacro di Nanchino" in una solenne cerimonia alla quale ha assistito per la prima volta in tre anni il presidente Xi Jinping: un minuto di silenzio, osservato in tutta la città, ha reso omaggio alle migliaia di vittime causate dalla occupazione dell'esercito imperiale nipponico nel 1937. "Solo se possiamo ricordare la storia possiamo costruire un futuro migliore", ha detto nel suo intervento Yu Zhengsheng, a capo del Comitato nazionale della Conferenza politica consultiva del popolo cinese. Parole suonate come invito a fare tesoro del passato per guardare ai rapporti futuri tra i due Paesi, "vicini che non possono spostarsi e con molte comunicazioni civili". La vicenda, a distanza di 80 anni, continua a pesare sulle relazioni

Archivio Ultima ora