Usa 2016: Castro connection, Trump violò embargo con Cuba

Pubblicato il 29 settembre 2016 da ansa

Usa 2016:Castro connection,Trump violò embargo con Cuba

Usa 2016:Castro connection,Trump violò embargo con Cuba

WASHINGTON. – Nuove ombre sugli affari di Donald Trump, una tegola sulla campagna elettorale che rischia di alienargli la vasta comunità di cubani americani, soprattutto in Florida, uno degli swing state. E’ la ‘Castro connection’, come ha titolato Newsweek, il settimanale autore dello scoop sulla violazione dello storico embargo contro Cuba da parte del tycoon nel 1988.

Secondo la ricostruzione del settimanale, basata su interviste con ex dirigenti di Trump, documenti interni della società del tycoon e documenti giudiziari, in quell’anno il magnate spese almeno 68 mila dollari per una iniziativa imprenditoriale a Cuba, quando guidava la Trump Hotels and Casino resorts. Ma lo fece indirettamente, tramite la società di consulenza Seven Arrows investment and development corporation, che inviò suoi dipendenti a Cuba per sostenere le spese suggerendo poi ai dirigenti della compagnia di Trump di farle apparire legali legandole ad una donazione di beneficenza retroattiva. Alcuni documenti mostrano che i dirigenti coinvolti nel progetto cubano stavano ancora discutendo la necessità di una autorizzazione federale dopo la “missione segreta”.

L’obiettivo del viaggio, secondo un ex manager di Trump, era quello di creare per la compagnia del tycoon un punto di appoggio nel caso Washington avesse allentato o tolto l’embargo. I rappresentanti di Trump si incontrarono a Cuba con dirigenti di governo, banchieri e imprenditori per esplorare possibili opportunità per la casino company del magnate.

Un episodio imbarazzante, allora come adesso. Pochi mesi dopo il rimborso delle spese alla Seven Arrows investment, Trump lanciò la sua prima sfida presidenziale come candidato del Reform party, fondato dal miliardario Ross Perot, e nel primo giorno di campagna andò a Miami sostenendo che era a favore del mantenimento dell’embargo e che non avrebbe speso un penny a Cuba finché Fidel Castro fosse rimasto al potere. Sette mesi prima aveva sborsato 68 mila dollari.

Ma rivelare l’investimento a Cuba o che era interessato ad un possibile alleggerimento dell’embargo per fare business avrebbe polverizzato le sue chance in Florida, stato cruciale dove la vasta comunità cubano-americana resta ostile al regime di Castro.

La vicenda rischia di restare imbarazzante anche ora: Trump ha promesso che, se verrà eletto, cancellerà il disgelo di Barack Obama verso Cuba se il governo di Castro non consentirà la libertà di religione e non libererà i prigionieri politici.

Ad incalzarlo per primo l’ex candidato repubblicano alla Casa Bianca, Marco Rubio, che dopo essersi ritirato dalla corsa presidenziale ha formalmente appoggiato la candidatura del tycoon: “mi auguro che la campagna di Trump si faccia avanti rispondendo ad alcune domande perché se l’articolo dice la verità sarei profondamente preoccupato”, ha affermato l’ex senatore della Florida di origine cubane durante un’intervista a Espn/Abc.

“È qualcosa su cui devono rispondere: se è davvero successo si tratta di una violazione della legge americana”, ha aggiunto Rubio.

Finora nessuna reazione. Trump incassa uno schiaffo anche dal ministro degli esteri francese, Jean-Marc Ayrault, che in una intervista alla Cnn ha definito “molto confusi” gli obiettivi della sua politica estera e ammonito che non dimenticherà i “duri commenti” fatti dal tycoon dopo gli attentati subiti da Parigi. Il capo della diplomazia francese non ha dato un vero e proprio endorsement a Hillary Clinton ma ha elogiato il suo “grande lavoro” da segretario di Stato e ricordato agli elettori americani che “il futuro presidente degli Usa è importante non solo per gli Stati Uniti ma anche per il resto del mondo”.

Mentre fa campagna in New Hampshire puntando sullo zoccolo duro della working class, nello stesso stato dove ieri Clinton ha cercato di allargare la sua base elettorale corteggiando insieme a Bernie Sanders i millennials, Trump pensa già alla rivincita del prossimo dibattito elettorale del 9 ottobre. Promette di essere più duro, aggressivo, minacciando anche di usare l’arma di Monica Lewinski e delle infedeltà di Bill Clinton.

Hillary invece cerca di cavalcare il ‘momentum’ anche scommettendo sul voto anticipato, come quello partito oggi in Iowa, dove farà un tour di dieci città.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:39Matera 2019: De Vincenti, stanziati circa 400 mln

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "E' una giornata importante che apre fino in fondo la strada per la realizzazione di Matera 2019. Questo contratto di Sviluppo fornisce la struttura di governance che consentirà di accelerare al massimo gli interventi per il grande evento sia per Matera che per il nostro Paese". Lo dice il ministro Claudio De Vincenti presentando a Palazzo Chigi il Contratto istituzionale di sviluppo per "Matera 2019 Capitale europea della cultura". Sono previsti "interventi diretti su Matera 2019 per 106,4 milioni e su Basilicata 2019 per 284,9 milioni. Più il bando periferie per 13,12 milioni. Nel complesso circa 400 milioni a disposizione".

16:37M5s: Di Battista, fiducia in Di Maio, restare compatti

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Candidarsi a premier non è mica obbligatorio, qua l'unica cosa che è obbligatoria è restare compatti perché ci aspettano mesi durissimi". Lo scrive in un post su facebook Alessandro Di battista, che pubblica il discorso che avrebbe dovuto tenere a Italia 5 Stelle. "Io sono un battitore libero", prosegue Di Battista spiegando di non essersi candidato premier perché proprio perché si considera "un battitore libero" e aggiungendo: "Ho fiducia in Luigi, anche lui si è caricato il Movimento sulle sue spalle. E va sostenuto".

16:35Crollo Roma: chiesti tre rinvii a giudizio e una condanna

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Per il proprietario dell'appartamento di Lungotevere Flaminio 70, che causò il crollo parziale del palazzo la notte del 22 gennaio del 2016, il pm di Roma ha chiesto oggi una condanna ad un anno di reclusione (con pena sospesa). Giuseppe Rigo De Righi, che ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato, è accusato di concorso in disastro colposo assieme ad altre tre persone per le quali il pm Antonella Nespola, davanti al gup Costantino De Robbio, ha chiesto il rinvio a giudizio. Rischiano di dovere affrontare un processo l'architetto Massimo Canepa, legale rappresentante della Edilarch 88 srl, del progettista Roberto Mattei e del titolare della ditta esecutrice dei lavori Pasquale Fama'. Secondo l'impianto accusatorio i lavori svolti all'ultimo piano dell'immobile, una costruzione che risale agli anni '30, determinarono il collasso del sesto e settimo piano così come accertato da una consulenza tecnica. Nell'appartamento furono eliminati tutti i tramezzi compromettendo la stabilità del palazzo.

16:34Consiglio Stato, sì a obbligo vaccini scuole infanzia

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Già a decorrere dall'anno scolastico in corso, trova applicazione la regola secondo cui, per accedere ai servizi educativi per l'infanzia e alle scuole dell'infanzia, occorre presentare la documentazione che provi l'avvenuta vaccinazione". E' quanto specifica un parere del Consiglio di Stato sulla normativa vigente in materia di obbligo vaccinale, reso in risposta a un quesito del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. Intanto oggi si è saputo che la Corte Costituzionale ha fissato al prossimo 21 novembre l'udienza per trattare il ricorso della Regione Veneto contro il decreto del ministro Lorenzin sui vaccini. A rendere nota la data è stata l'Associazione dei malati da emotrasfusione e da vaccini (Amev), che sostiene il ricorso della Regione Veneto con un proprio ricorso chiedendo la sospensione dell'efficacia del decreto ministeriale e producendo documentazione su "effetti collaterali e danni da vaccinazioni".

16:31Champions: Emery dribbla lite Cavani-Neymar “Abbiamo nemici”

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Dribbla le polemiche di spogliatoio ("I rigori vogliono tirarli in molti. Loro sanno che fare in campo"), rende merito al collega Carlo Ancelotti, che arriva da ex a Parigi ("Un grandissimo allenatore") e soprattutto cerca di ricompattare l'ambiente dopo la lite in campo tra le due stelle della squadra: Edison Cavani e Neymar. Alla vigilia di Psg-Bayern Monaco, secondo match del Gruppo B di Champions in programma domani, il tecnico dei francesi Unai Emery non anticipa chi andrà sulla lunetta in caso di penalty e se la prende con chi ha alimentato la polemica: "Abbiamo più nemici, penso sia una buona cosa per parlare di noi", dice prima di chiamare tutti a raccolta: "Il Psg è un grande club, lo è diventato grazie ai suoi giocatori e all'ambizione che ha portato qui giocatori come Neymar e Mbappé, destinati a far crescere il progetto nei prossimi anni".

16:31Calcio: giudice Serie A, 5 fermati per un turno

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Sono cinque i giocatori fermati per un turno dal Giudice sportivo di Serie A dopo la 6/a giornata di campionato. Si tratta di Baselli (Torino), Magnanelli (Sassuolo), Omeonga e Taraabt (Genoa), Pisacane (Cagliari). Ammenda di 2.000 euro al Napoli per lancio di fumogeni da parte dei suoi tifosi. Analoga ammenda anche a Lorenzo Insigne "per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso in area di rigore avversaria". Una giornata di squalifica è stata comminata al viceallenatore della Roma, Francesco Tomei, "per avere, al 45' st, a seguito della rete della squadra avversaria, proferito per tre volte espressioni blasfeme, chiaramente udite nei pressi della panchina; infrazione rilevata dai collaboratori della Procura federale". Per un'analoga segnalazione, "ma in mancanza di assoluta certezza", non sono invece stati sanzionati i portieri di Sampdoria e Milan, Christian Puggioni e Gianluigi Donnarumma.

16:23Macron Macron alla Sorbona: ‘Rifondiamo l’Ue’

(ANSA) - PARIGI, 26 SET - "Non cederò nulla a chi promette odio, divisione, ripiegamento nazionale": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, in occasione del suo discorso sull'Europa alla Sorbona di Parigi. Il presidente ha quindi lanciato un appello a "rifondare un'Europa sovrana, unita e democratica".

Archivio Ultima ora