Usa 2016: Castro connection, Trump violò embargo con Cuba

Pubblicato il 29 settembre 2016 da ansa

Usa 2016:Castro connection,Trump violò embargo con Cuba

Usa 2016:Castro connection,Trump violò embargo con Cuba

WASHINGTON. – Nuove ombre sugli affari di Donald Trump, una tegola sulla campagna elettorale che rischia di alienargli la vasta comunità di cubani americani, soprattutto in Florida, uno degli swing state. E’ la ‘Castro connection’, come ha titolato Newsweek, il settimanale autore dello scoop sulla violazione dello storico embargo contro Cuba da parte del tycoon nel 1988.

Secondo la ricostruzione del settimanale, basata su interviste con ex dirigenti di Trump, documenti interni della società del tycoon e documenti giudiziari, in quell’anno il magnate spese almeno 68 mila dollari per una iniziativa imprenditoriale a Cuba, quando guidava la Trump Hotels and Casino resorts. Ma lo fece indirettamente, tramite la società di consulenza Seven Arrows investment and development corporation, che inviò suoi dipendenti a Cuba per sostenere le spese suggerendo poi ai dirigenti della compagnia di Trump di farle apparire legali legandole ad una donazione di beneficenza retroattiva. Alcuni documenti mostrano che i dirigenti coinvolti nel progetto cubano stavano ancora discutendo la necessità di una autorizzazione federale dopo la “missione segreta”.

L’obiettivo del viaggio, secondo un ex manager di Trump, era quello di creare per la compagnia del tycoon un punto di appoggio nel caso Washington avesse allentato o tolto l’embargo. I rappresentanti di Trump si incontrarono a Cuba con dirigenti di governo, banchieri e imprenditori per esplorare possibili opportunità per la casino company del magnate.

Un episodio imbarazzante, allora come adesso. Pochi mesi dopo il rimborso delle spese alla Seven Arrows investment, Trump lanciò la sua prima sfida presidenziale come candidato del Reform party, fondato dal miliardario Ross Perot, e nel primo giorno di campagna andò a Miami sostenendo che era a favore del mantenimento dell’embargo e che non avrebbe speso un penny a Cuba finché Fidel Castro fosse rimasto al potere. Sette mesi prima aveva sborsato 68 mila dollari.

Ma rivelare l’investimento a Cuba o che era interessato ad un possibile alleggerimento dell’embargo per fare business avrebbe polverizzato le sue chance in Florida, stato cruciale dove la vasta comunità cubano-americana resta ostile al regime di Castro.

La vicenda rischia di restare imbarazzante anche ora: Trump ha promesso che, se verrà eletto, cancellerà il disgelo di Barack Obama verso Cuba se il governo di Castro non consentirà la libertà di religione e non libererà i prigionieri politici.

Ad incalzarlo per primo l’ex candidato repubblicano alla Casa Bianca, Marco Rubio, che dopo essersi ritirato dalla corsa presidenziale ha formalmente appoggiato la candidatura del tycoon: “mi auguro che la campagna di Trump si faccia avanti rispondendo ad alcune domande perché se l’articolo dice la verità sarei profondamente preoccupato”, ha affermato l’ex senatore della Florida di origine cubane durante un’intervista a Espn/Abc.

“È qualcosa su cui devono rispondere: se è davvero successo si tratta di una violazione della legge americana”, ha aggiunto Rubio.

Finora nessuna reazione. Trump incassa uno schiaffo anche dal ministro degli esteri francese, Jean-Marc Ayrault, che in una intervista alla Cnn ha definito “molto confusi” gli obiettivi della sua politica estera e ammonito che non dimenticherà i “duri commenti” fatti dal tycoon dopo gli attentati subiti da Parigi. Il capo della diplomazia francese non ha dato un vero e proprio endorsement a Hillary Clinton ma ha elogiato il suo “grande lavoro” da segretario di Stato e ricordato agli elettori americani che “il futuro presidente degli Usa è importante non solo per gli Stati Uniti ma anche per il resto del mondo”.

Mentre fa campagna in New Hampshire puntando sullo zoccolo duro della working class, nello stesso stato dove ieri Clinton ha cercato di allargare la sua base elettorale corteggiando insieme a Bernie Sanders i millennials, Trump pensa già alla rivincita del prossimo dibattito elettorale del 9 ottobre. Promette di essere più duro, aggressivo, minacciando anche di usare l’arma di Monica Lewinski e delle infedeltà di Bill Clinton.

Hillary invece cerca di cavalcare il ‘momentum’ anche scommettendo sul voto anticipato, come quello partito oggi in Iowa, dove farà un tour di dieci città.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

13:39Italicum: presidente Corte Costituzionale chiede ‘brevità’

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Procede l'udienza a Palazzo della Consulta sul giudizio di legittimità costituzionale dell' Italicum. Dopo una breve camera di consiglio, i giudici hanno escluso le istanze di costituzione avanzate dal Codacons e da altri cittadini elettori. La giornata è iniziata con gli interventi dei legali che chiedevano di essere ammessi come parti del giudizio. Interventi punteggiati dalle raccomandazioni del presidente della Corte, Paolo Grossi, che ha suggerito "brevità" e di "attenersi ai ricorsi". La parola è passata ora agli avvocati anti-Italicum. Da Grossi è arrivata la preghiera di concludere per "non esasperare la Corte", infine il rimprovero: "sta abusando della nostra pazienza". Così il presidente della Corte, Grossi, in un acceso scambio con il primo degli avvocati anti-Italicum, Vincenzo Palumbo, ha ammonito anche gli altri legali che si apprestano a prendere la parola. Grossi ha fatto due raccomandazioni: essere sintetici nelle esposizioni delle ragioni di ricorso e non riproporre le stesse argomentazioni.

13:20Sci: gigante San Vigilio con 7 azzurre in 2/a manche

(ANSA) - San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones (Bolzano), 24 gen - Sono ben sette le azzurre classificatesi tra le migliori trenta nella 1/a manche dello slalom gigante di cdm di San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones ed ammesse pertanto alla 2/a decisiva manche alle ore 12,30. Sono Federica Brignone 1/a, Marta Bassino 3/a, Sofia Goggia 7/a, Elena Curtoni 14/a, Francesca Marsaglia 15/a, Manuela Moelgg 17/a e Irene Curtoni 18/a.

13:12Tennis: sarà “derby” svizzero Federer-Wawrinka

ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Derby" svizzero nelle semifinali maschili degli Australian Open di tennis, con la sfida fra Roger Federer e Stanislas Wawrinka, in campo giovedì. "Derby" che va ad aggiungersi a quello nel torneo femminile fra le statunitensi Venus Williams e Coco Vandeweghe. Il numero 17 del mondo e del tabellone ha sconfitto il tedesco Mischa Zverev, n. 50, per 6-1, 7-5, 6-2; Wawrinka, n. 4, ha prevalso sul francese Jo-Wilfried Tsonga, n. 12, per 7-6, 6-4, 6-3. Sarà il 22/o confronto fra i due campioni elvetici, con Federer avanti 18-3.

13:11Terremoto: Cantone e Errani a Palazzo Chigi

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Il presidente dell'Anac Raffaele Cantone è a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Nella sede del governo è giunto anche il commissario per il terremoto Vasco Errani.

13:07Terremoto: Marche, solo 2 stalle in 5 mesi su 370 necessarie

(ANSA) - ANCONA, 24 GEN - A cinque mesi dal sisma sono due le stalle mobili completate sulle 370 necessarie per gli allevatori terremotati delle Marche, ovvero lo 0,5 per cento del totale, mentre mancano ancora 150 moduli fienile, necessari per stoccare il foraggio per gli animali. Lo denuncia la Coldiretti regionale, nel tracciare un bilancio dei danni nelle campagne colpite dal terremoto iniziato il 24 agosto scorso, sulla base dei dati forniti dalla Regione Marche. Ai danni materiali e alla perdita di vite umane si somma ''una vera e propria strage di bestiame in una situazione in cui solo nelle Marche, denuncia la Coldiretti, si contano 600 mucche e 5 mila pecore al freddo nelle neve senza ripari, per i ritardi accumulati, aggravati dal maltempo''. "Davanti ad un disastro annunciato ci muoveremo per individuare le responsabilità e agire di conseguenza insieme ai nostri allevatori''.

13:04Terremoto: ad Arquata centro con fondi consiglieri M5S

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Un centro polifunzionale destinato alla popolazione del Comune di Arquata del Tronto sarà allestita con i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali marchigiani del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi. Lo comunicano i deputati M5S eletti nelle marche Andrea Cecconi, Donatella Agostinelli e Patrizia Terzoni. "Un luogo pubblico destinato a primo ricovero e punto di ritrovo in caso di sisma, a centro culturale e a luogo di ricovero delle opere d'arte che fanno parte di questo nostro territorio. La delibera della giunta del Comune ha appena stabilito che i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi, saranno destinati alla realizzazione di un centro polifunzionale. Ringraziamo i nostri cittadini portavoce per questo gesto di attenzione e solidarietà nei confronti della comunità marchigiana che ha pagato il maggior tributo di sangue al terremoto che ha colpito il centro Italia il 24 agosto scorso", si legge nella nota.(ANSA).

13:01Gentiloni riunisce vertice su sicurezza, migranti e Libia

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Si è tenuta questa mattina a Palazzo Chigi la consueta riunione convocata dal presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, con i ministri degli Esteri Angelino Alfano, dell'Interno Marco Minniti, della Difesa Roberta Pinotti. Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi. L'incontro è stato occasione per fare il punto sui temi della sicurezza, della immigrazione e della situazione in Libia. Alla riunione erano presenti il Segretario generale della Farnesina, Elisabetta Belloni, il capo di Stato maggiore della Difesa, Claudio Graziano, il direttore del Dis, Alessandro Pansa, e il capo della Polizia, Franco Gabrielli.

Archivio Ultima ora