Consulente economico di Merkel, la politica di Draghi ha fallito

Pubblicato il 29 settembre 2016 da ansa

Consulente economico di Merkel, la politica di Draghi ha fallito

Consulente economico di Merkel, la politica di Draghi ha fallito

BERLINO. – Dalle porte dietro cui Berlino ha rinchiuso Mario Draghi nella sua visita al Bundestag di mercoledì e alla cancelliera Angela Merkel delle ultime ore, il sistema politico-mediatico tedesco ha fatto filtrare giudizi negativi, chiusure e dubbi sulla politica monetaria con cui la Banca centrale europea vuole agevolare la crescita economica del continente senza rinunciare alla leva dei bassi tassi di interesse solo perche’ alleggeriscono il conto di paesi indebitati come l’Italia.

Hans Michelbach, l’esperto di politica finanziaria dell’Unione crtistiano-democratica e sociale (Cdu-Csu, il partito di Merkel) ha giudicato “fallita” l’azione della Bce: “L’attuale politica finanziaria conduce a un’unione dei debiti”, ha affermato l’esponente Csu, l’ala bavarese e conservatrice del partito, sostenendo che nell’incontro con la Commissione affari europei del parlamento tedesco Draghi “non ha potuto rispondere” alla domanda su quando questa politica possa finire.

E il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, parlando a Berlino come riporta il Wall Street Journal ha definito assurdo chiedere alla Germania di spendere di più per spingere la crescita della zona euro: un programma di stimolo non è necessaria vista la robusta economia tedesca e avrebbe effetti limitati su altri paese, ha sostenuto il banchiere centrale tedesco dopo che Draghi mercoledì aveva ribadito che “la Germania ha margini di bilancio” (per imprimere un’accelerazione alla ripresa dell’Eurozona).

Il quotidiano economico Handelsblatt, espressione del mondo imprenditoriale tedesco, ha segnalato che “i dubbi” sulla linea della Bce “crescono” dato che i governi non starebbero “utilizzando il tempo che Draghi ha loro regalato per fare riforme”.

In assenza di dichiarazioni alla stampa, i maggiori media non avevano rilanciato indiscrezioni su tenore e contenuti di un colloquio che Draghi ha avuto con la cancelliera e che, secondo fonti Bce, ha riguardato l’ “economia dell’Eurozona”. Come riferito dal quotidiano Sueddeutsche Zeitung, le porte chiuse dell’incontro di Draghi con i deputati sono state imposte dal partito di Merkel in contrasto con il partner di governo socialdemocratico della Grande Coalizione e con l’opposizione verde.

Il capo della Bce ha avuto modo di spiegare le proprie ragioni direttamente a media e al pubblico solo in una breve conferenza stampa e in un’intervista al primo canale pubblico trasmessa peraltro solo verso le 23. Un grande giornale, la Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz), pur senza sottolineare cifre ha sintetizzato il messaggio di Draghi titolando che “la politica dei tassi zero è nell’interesse dei risparmiatori tedeschi”.

Proprio mentre il numero uno della Bce era a Berlino, la Faz e altri due giornali hanno preannunciato però per l’anno prossimo un effetto negativo che i bassi tassi di interesse europei avrebbero per i tedeschi: un aumento medio dell’11% dei contributi da pagare alle casse mutue private. Coinvolti sono due terzi (sei milioni) dei mutuati privati e la lamentela della Federazione delle casse mutue private (Pkv) si aggiunge a quella dell’Associazione delle banche private (BdB) che indica nella politica monetaria della Bce una delle cause della crisi in cui versano Deutsche Bank e Commerzbank.

E proprio un contributo dell’economista capo di Deutsche Bank, David Folkerts-Landau, ha consentito al quotidiano Die Welt di titolare “la politica monetaria naif” della Bce “soffoca le riforme sul nascere”.

(di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora