Pil Usa sopra le attese e l’intesa Opec spingono le borse

Pubblicato il 29 settembre 2016 da ansa

LONDON - OCTOBER 09:  A broker on ICAP's dealing floor calls for prices on October 9, 2008 in London.  Share prices are up on the day as markets react to the interest rate cut.  (Photo by Peter Macdiarmid/Getty Images)

LONDON – OCTOBER 09: A broker on ICAP’s dealing floor calls for prices on October 9, 2008 in London. Share prices are up on the day as markets react to the interest rate cut. (Photo by Peter Macdiarmid/Getty Images)

WASHINGTON. – C’è il dato sul Pil americano e soprattutto l’accordo dell’Opec per il taglio delle quote di produzione del petrolio ad influenzare i mercati, partiti positivi fin dalle aperture asiatiche, su di giri nella mattinata europea nel ‘festeggiare’ il rimbalzo del greggio per poi ridimensionare l’entusiasmo ma con Milano che resta prima nelle chiusure del ‘vecchio continente’, mentre pur con un andamento debole a Wall Street i futures Usa sono positivi con lo sguardo rivolto proprio ai numeri diffusi a Washington.

L’economia americana nel secondo trimestre è infatti cresciuta più di quanto stimato in precedenza con il Pil rivisto al rialzo, ovvero +1,4% rispetto alla precedente stima di +1,1% e meglio delle previsioni che indicavano un +1,3%. L’amministrazione americana tiene però i piedi ben piantati in terra e commenta il dato con realismo e pragmatismo: “il dato odierno sottolinea che c’è ancora lavoro da fare” indica la Casa Bianca che rilancia quindi la sua promessa di continuare a “compiere passi per rafforzare la crescita e la qualità della vita, promuovendo la concorrenza e sostenendo l’innovazione”.

Si spiega inoltre che a fare da traino è la crescita delle componenti “più stabili e persistenti del Pil”, tra cui i consumi che si confermano al momento il motore dietro questi slanci. Nello specifico le spese per i consumi – che contano per il 70% dell’attività economica – sono cresciute ad un ritmo del 4,3% nel secondo trimestre, leggermente sotto il 4,4% stimato e comunque l’aumento migliore dalla fine del 2014.

Nel quarto trimestre dello scorso anno l’economia aveva subito un rallentamento da cui la crescita del Pil che negli ultimi nove mesi è stata calcolata all’1% in media. Gli analisti prevedono una ripresa della crescita al 3% per il trimestre corrente e un consistente aumento del Pil del 2,4% per l’ultimo trimestre dell’anno. Indicazioni queste ultime su cui restano gli occhi puntati anche anche rispetto all’attesa che la Federal Reserve si esprima per un aumento dei tassi d’interesse.

Perché se la tendenza prevista dovesse essere confermata nei numeri allora costituirebbe le fondamenta ormai solide che la banca centrale sta aspettando per annunciare la svolta. Proprio la presidente della Fed Janet Yellen parlando al Congresso ha confermato l’intenzione di intervenire sui tassi entro la fine dell’anno e che la decisione è stata fino ad ora rinviata proprio per via dei dati sulla crescita economica risultati più deboli del previsto, sia negli Usa che a livello globale.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora