Econométrica, l’inflazione fino ad agosto è stata del 452 per cento

Pubblicato il 30 settembre 2016 da redazione

Econométrica, l’inflazione fino ad agosto è stata del 452 per cento

Econométrica, l’inflazione fino ad agosto è stata del 452 per cento

CARACAS – L’inflazione in Venezuela, calcolata fino a fine agosto, è stata del 452 per cento. Lo ha reso noto Asdrubal Oliveros, direttore di “Consultora Econométrica”.

Nel corso di un “forum” organizzato da “Empresas Polar”, Oliveros ha sottolineato che i calcoli dell’inflazione sono stati realizzati da “Econométrica”, poiché la Banca Centrale del Venezuela non informa più regolarmente, come sarebbe sua responsabilità, sul costo della vita.

– Dall’agosto del 2015 all’agosto di quest’anno, l’inflazione è stata del 453 per cento – ha detto Oliveros -. Nel calcolo realizzato da Econométrica sono stati presi in considerazione prodotti sussidiati e altri il cui prezzi sono regolati dal governo.

L’economista ha precisato, comunque, che se si calcola il costo della vita in qualunque stabilimento commerciale l’inflazione supera il 1.100 per cento. Oliveros ha spiegato che l’ultima informazione relativa all’inflazione diffusa dalla Banca Centrale è stata ad inizio dell’anno, quando l’Istituto affermò che l’inflazione, nel 2015, era stata del 180,9 per cento.

– Oggi i venezuelani soffrono le conseguenze di un’importante accelerazione del costo della vita – ha detto il direttore di Econométrica -. Il paese registra la maggiore inflazione al mondo. Più che l’industria, il commercio e, in generale, il mondo degli affari, è la popolazione, e il suo potere d’acquisto, a risentire del suo impatto.

Ultima ora

11:12Bankitalia: P.Chigi, Gentiloni tutelerà autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Fonti di Palazzo Chigi smentiscono le ricostruzioni "di vario segno" apparse oggi sui quotidiani in merito alla vicenda Bankitalia. Le stesse fonti sottolineano che sul tema della Banca d'Italia le decisioni del Presidente del Consiglio "saranno basate sulle prerogative a lui attribuite dalla legge ed ispirate esclusivamente al criterio di salvaguardia dell'autonomia dell'Istituto".

11:12Cannabis: Camera, ok pdl su uso medico, passa al Senato

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Sì dell'Aula della Camera alla proposta di legge sulla coltivazione e la somministrazione della cannabis ad uso medico. I voti a favore sono stati 317, 40 i contrari, 13 gli astenuti. Il testo passa al Senato. Contro hanno votato i deputati di Fi e Lega. Direzione Italia si è astenuta.

11:11Don Pallù a Firenze, all’aeroporto accolto da canti

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Ha ringraziato il Signore appena arrivato all'aeroporto di Firenze don Maurizio Pallù, il missionario di origine fiorentine rapito e poi liberato in Nigeria nei giorni scorsi. Ad accoglierlo una folla di fedeli, molti dei quali condividono con lui il cammino neocatecumenale, amici ed un gruppo di giovani che l'hanno salutato cantando canzoni religiosi accompagnandosi con la chitarra. Don Pallù ha abbracciato tutti. Ad attenderlo anche il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha incontrato il sacerdote in forma privata appena è sceso dall'aereo. "Il Signore ci ha aiutato": sono state le prime parole del sacerdote, appena atterrato: "Cristo è risorto, è il Signore della vita e della morte - ha poi aggiunto - Evangelizzeremo la Nigeria, l'Africa, il mondo".

11:06Moto: Australia, Rossi “dolori a spalla dopo ultima caduta”

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Ancora problemi e problemini fisici per Valentino Rossi, in quest'anno davvero sfortunato pe rlui. "Sono sofferente alla spalla per la caduta in Giappone, ma sembra che non sia rotto niente" ha detto oggi il Dottore a Phillip Island, dove domenica si correrà il motogp. "Mi fa un po' male, spero che non mi dia fastidio mentre guido. E' importante continuare a lavorare al box per l'anno prossimo ma anche per il finale di quest'anno, a cominciare da questo weekend. Spero che si corra sull'asciutto, sul bagnato siamo in grande difficoltà". (ANSA).

11:04Traffico di migranti: operazione Gdf, arresti nel Salento

(ANSA) - LECCE, 19 OTT - I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Lecce, dello Scico di Roma e della Sezione Operativa navale di Otranto (Lecce) stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare restrittiva della libertà personale nei confronti di sette persone ritenute appartenenti ad un gruppo criminale trans-nazionale dedito al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina via mare. L'inchiesta è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce.

11:00Usuraio e falso cieco arrestato dai finanzieri a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 19 OTT - Usuraio e falso cieco: sono le accuse contestate a un 63enne di Taranto, ex dipendente di banca, ora in pensione, arrestato e posto ai domiciliari dai militari del Nucleo di polizia tributaria in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Giuseppe Tommasino su richiesta del sostituto procuratore Lucia Isceri. Su disposizione dell'autorità giudiziaria è stato eseguito nei confronti del 63enne un sequestro preventivo per equivalente di beni e disponibilità finanziarie, fino alla concorrenza della somma di 100mila euro. Le indagini sono partite nel settembre 2016 in seguito alla denuncia presentata da una persona che si era rivolta all'uomo per ottenere un prestito e aveva dovuto pagare interessi a tassi da usura. Ma le vittime dello 'strozzinaggio' sarebbero state numerose, tra le quali persone in stato di bisogno e piccoli imprenditori, come il titolare di uno storico esercizio commerciale della città vecchia di Taranto, costretto alla chiusura.

10:58Gdf: 11 farmacisti denunciati per truffa in Trentino

(ANSA) - BOLZANO, 19 OTT - La Guardia di Finanza di Trento ha bloccato una truffa al sistema sanitario nazionale tramite rimborsi per decine di migliaia di euro per materiale medico, medicinali e false prescrizioni. Sono undici i farmacisti denunciati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa al sistema sanitario nazionale. I farmacisti sono accusati di avere richiesto all'azienda sanitaria rimborsi per la consegna a pazienti di farmaci e presidi sanitari in realtà mai consegnati, ma trattenuti e venduti in nero a terzi. Secondo gli inquirenti, avrebbero anche utilizzato fustelle e codici a barra recuperati da altre confezioni già venduti ad altri clienti. Infine, i farmacisti avrebbero richiesto a decine di pazienti autorizzazioni in bianco per il ritiro di presidi medici, consegnando poi invece quantitativi inferiori chiedendo comunque il rimborso per l'intera quantità. Il tribunale di Rovereto ha disposto il sequestro, per la futura confisca di quasi 44 mila euro, relativi agli indebiti rimborsi. (ANSA).

Archivio Ultima ora