Eni soddisfatta per Opec, ma la Russia è scettica

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui "è presto per parlare di accordo", visto che "non vi è alcuna decisione definitiva" ed "è difficile dire come l'Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi"

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui “è presto per parlare di accordo”, visto che “non vi è alcuna decisione definitiva” ed “è difficile dire come l’Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi”

PARIGI. – Una decisione “molto importante”, un “risultato molto buono”, un “segnale per il futuro”. L’a.d dell’Eni, Claudio Descalzi, spende parole di grande soddisfazione per quanto accaduto ad Algeri, dove l’Opec ha trovato una intesa preliminare per tagliare la produzione e, quindi, far salire i prezzi del petrolio. Lo fa in occasione di un incontro con alcuni investitori, radunati a Parigi per l’illustrazione del modello di sostenibilità ormai adottato dal gruppo petrolifero, fatto di un mix energetico più pulito e di una sempre maggiore attenzione per le popolazioni locali.

“La sfida cruciale del settore energetico è il bilanciamento tra la massimizzazione dell’accesso all’energia e la lotta al cambiamento climatico”, ha spiegato Descalzi davanti a una platea che raccoglieva il 6% del capitale del gruppo, con i rappresentanti di 35 tra società e fondi.

Tre i pilastri del modello adottato dall’Eni: cooperazione e sviluppo in rapporto ai Paesi in cui opera (1 miliardo di euro di investimenti tra 2010 e 2019 per progetti relativi a agricoltura, accesso all’acqua, educazione); minimizzazione dei rischi e degli impatti sociali e ambientali delle attività; percorso chiaro definito verso la decarbonizzazione, con il nuovo interesse “di lungo termine” per le rinnovabili (entro l’anno sei decisioni di investimento per una capacità complessiva di 150 MW).

Tuttavia al momento il core business è pur sempre il petrolio e quello che è accaduto ad Algeri non può che far tirare un sospiro di sollievo ai manager del gruppo: “E’ un fatto molto importante, perché da due anni non si vedeva l’Opec unita insieme per decidere”. Una coesione ritrovata, dunque, che lascia pensare all’intenzione di “riacquistare un ruolo importante nella stabilizzazione dei prezzi”.

Descalzi non è stato in grado di dire quale possa essere l’impatto preciso della decisione, ma ha ricordato che “c’è stato un taglio di circa 700mila barili al giorno e c’è uno squilibrio (tra domanda e offerta, ndr) di 700mila barili, quindi adesso saremmo in equilibrio”.

Per Descalzi, quindi “è un risultato molto buono, non capisco perché alcuni dicano di no”.

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui “è presto per parlare di accordo”, visto che “non vi è alcuna decisione definitiva” ed “è difficile dire come l’Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi”.

I mercati, comunque, restano fiduciosi, con il greggio che chiude a New York in rialzo dell’1,7% a un soffio dai 48 dollari, ai massimi di un mese.

Tornando all’Eni, l’incontro di Parigi è stata anche l’occasione per fare il punto su Goliat, il giacimento nel Mare di Barents fermato per alcune settimane per un guasto tecnico (l’attività “va bene” e l’Eni intende restare “fino all’ultima goccia di petrolio”) e sul Mozambico, dove da poco è saltato il ministro per l’Energia: “E’ chiaro che speriamo di avere un ministro e una controparte, ma questa uscita non ha un impatto per noi”, ha assicurato Descalzi.

(dell’inviata Francesca Paggio/ANSA)

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora