Eni soddisfatta per Opec, ma la Russia è scettica

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui "è presto per parlare di accordo", visto che "non vi è alcuna decisione definitiva" ed "è difficile dire come l'Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi"

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui “è presto per parlare di accordo”, visto che “non vi è alcuna decisione definitiva” ed “è difficile dire come l’Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi”

PARIGI. – Una decisione “molto importante”, un “risultato molto buono”, un “segnale per il futuro”. L’a.d dell’Eni, Claudio Descalzi, spende parole di grande soddisfazione per quanto accaduto ad Algeri, dove l’Opec ha trovato una intesa preliminare per tagliare la produzione e, quindi, far salire i prezzi del petrolio. Lo fa in occasione di un incontro con alcuni investitori, radunati a Parigi per l’illustrazione del modello di sostenibilità ormai adottato dal gruppo petrolifero, fatto di un mix energetico più pulito e di una sempre maggiore attenzione per le popolazioni locali.

“La sfida cruciale del settore energetico è il bilanciamento tra la massimizzazione dell’accesso all’energia e la lotta al cambiamento climatico”, ha spiegato Descalzi davanti a una platea che raccoglieva il 6% del capitale del gruppo, con i rappresentanti di 35 tra società e fondi.

Tre i pilastri del modello adottato dall’Eni: cooperazione e sviluppo in rapporto ai Paesi in cui opera (1 miliardo di euro di investimenti tra 2010 e 2019 per progetti relativi a agricoltura, accesso all’acqua, educazione); minimizzazione dei rischi e degli impatti sociali e ambientali delle attività; percorso chiaro definito verso la decarbonizzazione, con il nuovo interesse “di lungo termine” per le rinnovabili (entro l’anno sei decisioni di investimento per una capacità complessiva di 150 MW).

Tuttavia al momento il core business è pur sempre il petrolio e quello che è accaduto ad Algeri non può che far tirare un sospiro di sollievo ai manager del gruppo: “E’ un fatto molto importante, perché da due anni non si vedeva l’Opec unita insieme per decidere”. Una coesione ritrovata, dunque, che lascia pensare all’intenzione di “riacquistare un ruolo importante nella stabilizzazione dei prezzi”.

Descalzi non è stato in grado di dire quale possa essere l’impatto preciso della decisione, ma ha ricordato che “c’è stato un taglio di circa 700mila barili al giorno e c’è uno squilibrio (tra domanda e offerta, ndr) di 700mila barili, quindi adesso saremmo in equilibrio”.

Per Descalzi, quindi “è un risultato molto buono, non capisco perché alcuni dicano di no”.

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui “è presto per parlare di accordo”, visto che “non vi è alcuna decisione definitiva” ed “è difficile dire come l’Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi”.

I mercati, comunque, restano fiduciosi, con il greggio che chiude a New York in rialzo dell’1,7% a un soffio dai 48 dollari, ai massimi di un mese.

Tornando all’Eni, l’incontro di Parigi è stata anche l’occasione per fare il punto su Goliat, il giacimento nel Mare di Barents fermato per alcune settimane per un guasto tecnico (l’attività “va bene” e l’Eni intende restare “fino all’ultima goccia di petrolio”) e sul Mozambico, dove da poco è saltato il ministro per l’Energia: “E’ chiaro che speriamo di avere un ministro e una controparte, ma questa uscita non ha un impatto per noi”, ha assicurato Descalzi.

(dell’inviata Francesca Paggio/ANSA)

Ultima ora

23:48Slovenia, presidenziali, ballottaggio tra Pahor e Sarec

(ANSA) - LUBIANA, 22 OTT - La Slovenia dovrà attendere il ballottaggio del 12 novembre per conoscere il suo nuovo presidente. Tuttavia, al momento, tra l'uscente Borut Pahor e il principale antagonista tra i nove candidati presentatisi, Marjan Sarec, non sembra esserci storia. Pahor ha di fatto mancato la vittoria al primo turno per un paio di punti percentuale concludendo lo scrutinio delle schede a circa il 47% dei consensi. Sarec si è invece fermato al 25% circa. L'affluenza alle urne è stata del 42,02% per 1,7 milioni di votanti. Il presidente che sarà designato dalle urne in novembre, si insedierà il 23 dicembre.

21:48Pallavolo: serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della seconda giornata del campionato di serie A/1 di pallavolo donne, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Il Bisonte Firenze martedì 25 Foppapedretti Bergamo - Liu Jo Modena 1-3 (27-29, 25-19, 16-25, 18-25) Savino Scandicci - Pomì Casalmaggiore 3-0 (25-18, 25-20, 25-19; giocata ieri) Unet E-Work Busto A. - Lardini Filottrano 3-0 (25-18, 25-21, 25-16; giocata ieri) Saugella Monza - Sab Legnano 3-1 (28-26, 21-25, 25-18, 25-14) Pesaro - Igor Gorgonzola Novara 0-3 (19-25, 19-25, 19-25). - Classifica: Scandicci 6; Novara 5; Busto Arsizio 4; Conegliano, Firenze, Legnano, Monza, Filottrano e Modena 3; Bergamo, Casalmaggiore e Pesaro 0.

21:39F1: Usa, al via Ferrari e Vettel subito in testa

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Partenza super di Sebastian Vettel nel Gp degli Usa di F1 appena cominciato sul circuito di texano di Austin, con Usain Bolt starter 'di lusso'. La Ferrari del tedesco è riuscita a sopravanzare la Mercedes di Lewis Hamilton, che era in pole position, e a prendere la testa della gara. Alle spalle dei due favoriti c'è l'altra Mercedes del finlandese Valtteri Bottas.

21:36Incidenti stradali: muore in Calabria bambina di 6 anni

(ANSA) - CIRÒ MARINA (CROTONE), 22 OTT - Una bambina di sei anni é morta in un incidente stradale accaduto stasera a Cirò Marina, in località "Boldito", lungo la statale 106 jonica. La bambina era a bordo di un'automobile condotta dal padre e sulla quale viaggiavano anche la madre e la sorella maggiore. Secondo una prima ricostruzione, il conducente dell'auto ha perso il controllo dell'automobile, forse a causa di un cane che ha attraversato la strada, finendo contro la barriera di protezione. La bambina é morta sul colpo, mentre i genitori e la sorella sono rimasti feriti e sono stati portati nell'ospedale di Crotone. Le loro condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Sul luogo dell'incidente, per i rilievi, si é recato il personale della Polizia stradale insieme ai carabinieri. (ANSA).

21:29Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Bunge Ravenna rinviata Calzedonia Verona - Sir Safety Perugia 0-3 Wixo Piacenza - Callipo Vibo Valentia 3-2 Kioene Padova - Diatec Trentino 1-3 Biosì Sora - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Gi Group Monza 3-1 BCC Castellana Grotte - Taiwan Latina 3-1 - Classifica: Perugia e Modena 6; Milano 5; Piacenza e Trentino 4; Civitanova, Monza e Castellana Grotte 3; Verona 2; Ravenna, Latina e Vibo Valentia 1; Sora e Padova 0.

20:53Referendum: Veneto, 50,1%, superato quorum alle 19

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Con il 50,1% dell'affluenza alle ore 19 il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto ha superato la soglia del quorum previsto. In Veneto gli elettori sono 4.068.577 e la metà più uno è pari a 2.034.280. Il dato emerge dall'affluenza ai seggi nei 575 comuni della regione secondo quanto riferito dall'osservatorio del consiglio regionale del Veneto. I seggi saranno aperti fino alle 23. In provincia di Belluno l'affluenza fino alle 19 è stata del 45% degli elettori, a Padova del 52,1%, a Rovigo del 41,9%, a Treviso del 51,6%, a Venezia del 47,1%, a Verona del 47,2% e a Vicenza del 55,9%.

20:48Ippica:a Full Drago Jockey Club ma infortunio costa carriera

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Vince e si procura un infortunio che ne chiude la carriera a 4 anni. È la storia di Full Drago che ha dominato l'edizione 2017 del Gran Premio Jockey Club nella giornata clou della stagione del galoppo a Milano, ma negli ultimi metri della corsa di Gruppo 2 da oltre 250 mila euro di montepremi il guaio a una gamba ha trasformato la festa in un dramma. Davanti a oltre cinquemila spettatori, come da previsioni il portacolori della scuderia Dioscuri ha dettato legge dal primo all'ultimo metro e non ha mai concesso speranze ai rivali, mantenuti sempre a distanza di sicurezza (secondo il tedesco Savoir Vivre, terzo il rivale di sempre Way To Paris). Peccato che la splendida galoppata sia anche l'ultima in corsa per Full Drago, applaudito a maggior ragione dal pubblico dell'ippodromo Snai San Siro: ora il cavallo di Alduino e Botti dovrà dimostrare di essere un campione anche nella veste di stallone. L'altra prova di cartello, il Gran Criterium-Gruppo 2 per i 2 anni, è stata vinta dal tedesco Royal Youmzain.

Archivio Ultima ora