Eni soddisfatta per Opec, ma la Russia è scettica

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui "è presto per parlare di accordo", visto che "non vi è alcuna decisione definitiva" ed "è difficile dire come l'Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi"

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui “è presto per parlare di accordo”, visto che “non vi è alcuna decisione definitiva” ed “è difficile dire come l’Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi”

PARIGI. – Una decisione “molto importante”, un “risultato molto buono”, un “segnale per il futuro”. L’a.d dell’Eni, Claudio Descalzi, spende parole di grande soddisfazione per quanto accaduto ad Algeri, dove l’Opec ha trovato una intesa preliminare per tagliare la produzione e, quindi, far salire i prezzi del petrolio. Lo fa in occasione di un incontro con alcuni investitori, radunati a Parigi per l’illustrazione del modello di sostenibilità ormai adottato dal gruppo petrolifero, fatto di un mix energetico più pulito e di una sempre maggiore attenzione per le popolazioni locali.

“La sfida cruciale del settore energetico è il bilanciamento tra la massimizzazione dell’accesso all’energia e la lotta al cambiamento climatico”, ha spiegato Descalzi davanti a una platea che raccoglieva il 6% del capitale del gruppo, con i rappresentanti di 35 tra società e fondi.

Tre i pilastri del modello adottato dall’Eni: cooperazione e sviluppo in rapporto ai Paesi in cui opera (1 miliardo di euro di investimenti tra 2010 e 2019 per progetti relativi a agricoltura, accesso all’acqua, educazione); minimizzazione dei rischi e degli impatti sociali e ambientali delle attività; percorso chiaro definito verso la decarbonizzazione, con il nuovo interesse “di lungo termine” per le rinnovabili (entro l’anno sei decisioni di investimento per una capacità complessiva di 150 MW).

Tuttavia al momento il core business è pur sempre il petrolio e quello che è accaduto ad Algeri non può che far tirare un sospiro di sollievo ai manager del gruppo: “E’ un fatto molto importante, perché da due anni non si vedeva l’Opec unita insieme per decidere”. Una coesione ritrovata, dunque, che lascia pensare all’intenzione di “riacquistare un ruolo importante nella stabilizzazione dei prezzi”.

Descalzi non è stato in grado di dire quale possa essere l’impatto preciso della decisione, ma ha ricordato che “c’è stato un taglio di circa 700mila barili al giorno e c’è uno squilibrio (tra domanda e offerta, ndr) di 700mila barili, quindi adesso saremmo in equilibrio”.

Per Descalzi, quindi “è un risultato molto buono, non capisco perché alcuni dicano di no”.

Un certo scetticismo è stato infatti espresso dalla Russia e da Gazprom, secondo cui “è presto per parlare di accordo”, visto che “non vi è alcuna decisione definitiva” ed “è difficile dire come l’Iran si comporterà e così come si comporteranno altri paesi”.

I mercati, comunque, restano fiduciosi, con il greggio che chiude a New York in rialzo dell’1,7% a un soffio dai 48 dollari, ai massimi di un mese.

Tornando all’Eni, l’incontro di Parigi è stata anche l’occasione per fare il punto su Goliat, il giacimento nel Mare di Barents fermato per alcune settimane per un guasto tecnico (l’attività “va bene” e l’Eni intende restare “fino all’ultima goccia di petrolio”) e sul Mozambico, dove da poco è saltato il ministro per l’Energia: “E’ chiaro che speriamo di avere un ministro e una controparte, ma questa uscita non ha un impatto per noi”, ha assicurato Descalzi.

(dell’inviata Francesca Paggio/ANSA)

Ultima ora

14:16Calcio: d.g. Borussia, Dembelè? Barcellona sa cosa deve fare

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "L'operazione dell'eventuale trasferimento di Dembelè è molto semplice, e in qualche modo lo faremo sapere ai nostri amici catalani". Con questa battuta il direttore generale del Borussia Dortmund, Hans-Joachim Watzke, intervistato dalla Bild, spiega la situazione di una trattativa di mercato che in Spagna e Germania continua a far discutere molto, mentre il ragazzo si trova attualmente in Francia e parla solo tramite i suoi agenti. Dopo aver detto giorni fa che "la posizione del Borussia è chiara, e non è cambiata di un millimetro", ora il d.g. del dei tedeschi spiega che "loro (il Barcellona n.d.r.) già sanno bene ciò che vogliamo, la situazione è chiara. E' tutto molto semplice: se accettano, bene, altrimenti lascino perdere". A questo punto è bene precisare che per il ventenne Dembelè il Barcellona era arrivato ad offrire cento milioni di euro al Borussia, che ha replicato facendo presente di volerne 150. Tutto si è fermato lì, almeno per ora.

14:14Calcio: non solo Roma, altri 4 club vogliono Munir

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Non c'è solo la Roma, sulle tracce di Munir, esterno d'attacco del Barcellona che non rientra nei piani del tecnico Ernesto Valverde e che, quindi, è stato messo sul mercato. Secondo quanto scrive il 'Mundo Deportivo' sia sull'edizione in edicola che su quella online, altri quattro club sono interessati allo spagnolo di origini marocchine. Si tratta di Deportivo La Coruna ed Alaves, da tempo in trattative con il Barca, e degli inglesi del Crystal Palace, il cui tecnico Frank de Boer è un estimatore di Munir. Poi, secondo il giornale di Barcellona, c'è anche la Sampdoria, e qui il discorso s'intreccia con la Roma, visto che l'esterno blaugrana è un obiettivo anche del d.s. dei giallorossi Monchi. Il quale però ora ha virato sul doriano Schick, in cambio del quale a Trigoria potrebbero lasciar via libera al presidente Ferrero per Munir, oppure aiutarlo nell'acquisto. In ogni caso, il giornale scrive anche che nessuno di questi club è intenzionato, almeno per ora, a pagare i 20 milioni di euro chiesti dal Barca.

13:31Rapina all’alba al Twiga di Briatore, banditi armati

(ANSA) - MARINA DI PIETRASANTA (LUCCA), 20 AGO - Rapina a mano armata alle 6,30 di due delinquenti, di cui uno con pistola, nel celebre locale dei vip Twiga a Marina di Pietrasanta, di proprietà di Flavio Briatore e Daniela Santanché. Un bandito, coperto da un paio di occhiali da sole per nascondere il volto e con la pistola in pugno, ha minacciato, in italiano, prendendolo alla sprovvista, un dipendente mentre in ufficio stava contando l'incasso della serata. Portati via circa 20mila euro. Poi con un complice sono fuggiti su un'auto. Secondo prime ricostruzioni della polizia, i banditi hanno approfittato del momento in cui i dipendenti stavano effettuando le pulizie e mettendo ordine, così sono riusciti ad introdursi all'interno del locale da una porta sulla spiaggia, e a raggiungere gli uffici dove hanno saputo individuare quello dell'amministrazione mentre un impiegato stava contando il denaro della cassa.

13:13Muore in attesa trasferimento:padre,lo hanno ammazzato

(ANSA) - TORRE DEL GRECO (NAPOLI), 20 AGO - ''Mio figlio è stato ammazzato. Mentre lui moriva, al pronto soccorso litigavano per decidere chi dovesse salire sull'ambulanza che doveva portare Antonio a fare una angiotac. Vogliamo la verità: chi ha ucciso un ragazzo di 23 anni deve pagare''. Così all'ANSA Raffaele Scafuri, padre di Antonio, il giovane 23enne morto, dopo quattro ore di attesa in codice rosso, nell'ospedale Loreto Mare dove era arrivato a causa delle gravi ferite riportate in un incidente stradale avvenuto a Ercolano il 16 agosto. Raffaele Scafuri non riesce a darsi pace e racconta: ''Siamo arrivati al Loreto Mare attorno alle 21.30 e siamo stati subito assistiti. Poi mio figlio è stato posto su un lettino in attesa di effettuare l'esame utile a comprendere se vi fossero problemi ai vasi sanguigni''. ''Su questo lettino è rimasto per ore, saranno state le 4 quando ho alzato la voce e solo allora medici e infermieri si sono messi d'accordo, dopo che li avevamo visti anche litigare. Intanto Antonio moriva''.

13:07Mo: ministri esteri arabi, senza stato Palestina niente pace

(ANSAmed) - TEL AVIV, 20 AGO - I ministri degli esteri dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Egitto e Giordania si sono incontrati al Cairo in vista dell'arrivo nella regione di una delegazione Usa, inviata dal presidente Donald Trump, con l'obiettivo di rilanciare il processo di pace tra israeliani e palestinesi. Lo riferiscono i media israeliani secondo cui il responsabile degli esteri di Ramallah Riyad al-Maliki ha ribadito, in una conferenza stampa congiunta, che la posizione araba unita si basa sul fatto che "non ci sarà pace senza l'istituzione di uno stato palestinese nei confini del '67". La delegazione Usa, guidata a quanto sembra dal genero di Trump e suo consigliere, Jared Kushner, dovrebbe arrivare nelle prossime settimane e oltre a Israele e Territori palestinese si recherà anche in Giordania, Egitto, Qatar, Emirati Arabi e Arabia Saudita. (ANSAmed).

12:58Iran: ok parlamento nuovo governo Rohani, Zarif confermato

(ANSA) - TEHERAN, 20 AGO - Il Parlamento iraniano, Majlis, ha approvato stamane il nuovo governo proposto dal presidente della Repubblica islamica, Hassan Rohani, compresa la nomina del primo ministro della Difesa che, nella storia della Repubblica islamica, non ha collegamenti diretti con il corpo di elite dei Guardiani della Rivoluzione. Si tratta del generale Amir Hatami, il quale è risultato il più votato nel Majlis, con 261 voti su 288 presenti. Riconfermato il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif con 236 voti. Il neo-ministro della Difesa ha detto al Parlamento che il rafforzamento del sistema missilistico nazionale è nella sua agenda. (ANSA).

12:52Apneista muore incastrato nella scogliera in Salento

(ANSA) - NARDÒ (LECCE), 20 AGO - Tragica morte per un anziano apneista di Fiorano Modenese (Modena) - del quale sono state fornite solo le iniziali, A. N., originario di Nardò - che è annegato in mare tra Sant'Isidoro e Torre Inserraglio mentre praticava un'immersione. L'ottantenne è rimasto incastrato con gli arti inferiori in una fessura della scogliera. Ad individuare e a liberare il corpo sono stati militari delle motovedette della Guardia Costiera, intervenuti sull'area di ricerche, in località Palude del Capitano, dopo essere stati allertati da segnalazione fatta all'alba al numero d'emergenza 1530. La salma è stata messa a disposizione della magistratura.

Archivio Ultima ora