Il mondo saluta Peres, stretta di mano tra Netanyahu e Abu Mazen

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu stands at the casket of former Israeli President Shimon Peres during a memorial service at Mount Herzl national cemetery in Jerusalem, Friday, Sept. 30, 2016. Peres died early Wednesday from complications from a stroke. He was 93. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu stands at the casket of former Israeli President Shimon Peres during a memorial service at Mount Herzl national cemetery in Jerusalem, Friday, Sept. 30, 2016. Peres died early Wednesday from complications from a stroke. He was 93. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

GERUSALEMME. – Barack Obama saluta in ebraico Shimon Peres quasi con le stesse parole con cui nel 1995 Bill Clinton prese congedo da Yitzhak Rabin: “Grazie tante, caro amico. Todà rabbà, haver yakar”. Un parallelo (e un cerimonia simile) volute per due grandi combattenti di Israele, ma anche per due uomini che hanno caparbiamente inseguito la pace.

La prova dell’ultimo “servizio reso” da Peres – come ha notato il premier Matteo Renzi – è stata la presenza del leader palestinese Abu Mazen, seduto in prima fila sul Monte Herzl a Gerusalemme – luogo di sepoltura degli eroi di Israele – per rendere omaggio, a fianco del premier Benyamin Netanyahu, all’ex presidente israeliano.

Ed è stato proprio Netanyahu, dopo aver stretto la mano ad Abu Mazen, a sostenere, rivolgendosi al presidente palestinese, che “la forza è solo un mezzo, ma il fine è la pace”. Perché gli obiettivi, ha spiegato, “sono la prosperità e la pace, per noi e per i nostri vicini”.

In una Gerusalemme silenziosa e blindata come non mai per la presenza di decine di statisti da tutto il mondo, Peres – “lo splendido Shimon”, secondo Netanyahu – ha ricevuto nel paragone di Obama con Nelson Mandela un addio da “gigante della storia”. A prevalere, e l’ex presidente ne sarebbe stato contento, è stata però la politica.

“Il popolo ebraico – ha ammonito Obama citando ancora Peres – non è nato per governare un altro popolo. Non credo che Peres fosse un ingenuo. Israele ha vinto tutte le guerre ma non la maggiore: quella di non aver più bisogno di vincere”.

Non da meno è stato lo scrittore Amos Oz, amico di Peres da anni e alfiere dell’intesa con i palestinesi: “La pace – ha detto – non solo è possibile, ma è essenziale ed ineluttabile, per noi e per loro. Così come noi non possiamo andare via da questa terra, anche i palestinesi non possono andarsene. L’unica scelta è dividere questa casa – ha concluso parlando in maniche di camicia come i vecchi laburisti – in due appartamenti”.

E per l’astio nutrito verso Peres – così come verso Rabin – dalla destra israeliana a causa di questa politica di apertura ha chiesto scusa l’attuale presidente Reuven Rivlin. “Shimon, ammetto senza pudore: alla vigilia del Capodanno ebraico, sul bordo della tua tomba nel settore dei Grandi della Nazione, noi dobbiamo anche chiederti perdono”.

E non è forse un caso che, poco dopo gli elogi, Peres sia stato inumato sul Monte Herzl tra Yitzhak Rabin e Yitzhak Shamir: due simboli di sinistra e di destra. Il primo a non negare le sue diversità politiche da Peres è stato proprio Netanyahu. Ma poi ha anche aggiunto di averlo “amato” perché nel “corso degli anni” sono “diventati amici”.

Un legame nato nel 1976 quando Peres, allora ministro della Difesa, pronunciò l’elogio funebre per Yoni Netanyahu, morto nell’operazione per salvare gli israeliani sequestrati ad Entebbe (Uganda). “Tu hai pianto allora ed io – ha concluso Netanyahu – piango oggi per te. Va in pace”.

Nella folla di statisti che, copricapo rituale ebraico in testa e coccarda funebre all’occhiello, hanno seguito la cerimonia spiccava lo sguardo mesto di Bill Clinton: a lui, più giovane, è toccato di seppellire i due uomini (Peres e Arafat) con i quali siglò gli Accordi di Oslo che sembrarono aprire le porte ad una pace durevole. Ma non è stato così: per questo la volontà di Abu Mazen di partecipare alle esequie di Peres è stata salutata dai commentatori israeliani come una grande “prova di coraggio”.

A maggior ragione quando dalla Cisgiordania e da Gaza, governata da Hamas, sono giunte le notizie di accuse e critiche nei confronti del presidente palestinese, compreso dal suo stesso partito. E nella Striscia manifestanti hanno bruciato le effigi di Peres e di Obama.

Domani sarà un altro giorno ma oggi, per usare le parole del premier Renzi, “è stata una giornata importante. Un fatto politico di grande rilievo, un’occasione per un segnale da dare a questa terra martoriata”.

(di Massimo Lomonaco/ANSAmed)

Ultima ora

00:50Trump, diserterò cena corrispondenti Casa bianca

(ANSA) - WASHINGTON, 25 FEB - "Non parteciperò alla cena dell'associazione dei corrispondenti della Casa Bianca quest'anno": lo ha annunciato su Twitter Donald Trump, augurando sarcasticamente a tutti "una buona serata". E' l'ennesima dichiarazione di guerra ai media.

00:47Calcio: Allegri ‘per lo scudetto è ancora lunga’

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - "Sesto Scudetto consecutivo sempre più vicino dopo la sconfitta del Napoli? No, assolutamente, la Roma potenzialmente ha ancora 7 punti di distanza e mancano tante partite''. Ai microfoni di Premium Sport, l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri afferma di veder il campionato ancora aperto: ''Dovremo fare ancora molte vittorie, la Roma ha un potenziale tale che può anche vincerle tutte. Noi dobbiamo guardare solo a noi stessi. Contro l'Empoli abbiamo interpretato bene la gara, siamo stati ordinati, giocare contro loro non è mai semplice. Nel primo tempo non abbiamo concretizzato le occasioni avute, nella ripresa sì, sono contento perché è stata una bella vittoria''. ''Al momento però - aggiunge Allegri - non abbiamo vinto ancora niente, dobbiamo pensare a una gara alla volta. Contro il Porto siamo stati bravi così come contro l'Empoli e ora avremo la gara di Coppa Italia''.

00:22Usa: Dem eleggono come presidente Tom Perez

(ANSA) - WASHINGTON, 25 FEB - I democratici hanno eletto ad Atlanta come presidente del comitato nazionale del partito Tom Perez, 55 anni, di origini ispaniche, ex avvocato per la difesa dei diritti civili, segretario al lavoro nell'amministrazione di Barack Obama, che era il suo principale sostenitore.

00:09Serie A: Juve sbriga ‘pratica’ Empoli con 2-0 allo Stadium.

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - La Juventus ha battuto l'Empoli 2-0 (0-0) nell'anticipo della 26/a giornata del campionato di Serie A. Bianconeri in vantaggio al 7' st grazie ad una autorete di Skorupski e raddoppio di Alex Sandro al 20' st. La squadra di Allegri in testa alla classifica aumenta il vantaggio sulla Roma, seconda, a +10 punti. Giallorossi impegnati domani a San Siro contro l'Inter

23:14Superenalotto: esce il 6, vinti 93 milioni

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - E' uscito stasera il 6 nel concorso del Superenalotto: al vincitore, che ha giocato i numeri in una tabaccheria a Mestrino, in provincia di Padova, vanno 93.720.843,46 euro. La vincita di questa sera è stata realizzata con un sistema. Il 6 non usciva dal 27 ottobre scorso, quando in una tabaccheria a Vibo Valentia fu realizzata la vincita record di oltre 163 milioni.

22:20Lotta:Transgender a 1 match da titolo Texas,polemiche in Usa

(ANSA) - CYPRESS (USA), 25 FEB - Ancora polemiche sui transgender nello sport. Dopo il caso della pallavolista Tifany in Italia, tocca ora al 17enne Mack Beggs che in attesa di diventare uomo gareggia e vince nella lotta libera femminile. Ora è a un match (finora ne ha vinti 56) dalla conquista del titolo scolastico regionale del Texas, e non si placano le polemiche sul suo conto. Gli stessi genitori di Beggs, dopo aver ricordato che Mack da tempo assume ormoni per trasformarsi in uomo, hanno fatto presente che vorrebbe competere in campo maschile. Stessa idea da parte di alcune lottatrici che, tramite un gruppo di avvocati, hanno sollevato il caso e chiesto che venisse "ristabilita la parità" spiegando che la quantità di testosterone presente nell'organismo di Beggs lo rende troppo forte per lottare contro le ragazze. Ma la polizia dello stato ha stabilito che fa testo il certificato di nascita e finché non verrà in qualche modo modificato Mack Beggs può competere solo in campo femminile. Inutile dire che le polemiche continuano.

22:15Rugby: 6 Nazioni, vincono Scozia e Irlanda, domani Italia

(ANSA) - DUBLINO, 25 FEB - La Scozia ha battuto il Galles per 29-13 (9-13) in una partita della terza giornata del 6 Nazioni, giocata al Murrayfield di Edimburgo. Per i padroni di casa 19 punti di Russell (5 calci piazzati e 2 trasformazioni) e una meta a testa per Seymour e Visser. Per i gallesi meta di L. Williams e una trasformazione e due calci piazzati di Halfpenny. Nel secondo match di oggi, l'Irlanda ha battuto la Francia per 19-9 (7-6) all'Aviva Stadium di Dublino. Per i verdi meta di Murray, 11 punti di Sexton (una trasformazione, un drop e due calci piazzati) e un calcio piazzato di Jackson. Per i francesi 3 calci piazzati del mediano d'apertura Lopez. Questa la classifica del torneo alla vigilia di Inghilterra-Italia, che si gioca domani a Twickenham: Irlanda 10; Scozia 9; Inghilterra 8; Galles e Francia 5; Italia 0.

Archivio Ultima ora