Il mondo saluta Peres, stretta di mano tra Netanyahu e Abu Mazen

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu stands at the casket of former Israeli President Shimon Peres during a memorial service at Mount Herzl national cemetery in Jerusalem, Friday, Sept. 30, 2016. Peres died early Wednesday from complications from a stroke. He was 93. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu stands at the casket of former Israeli President Shimon Peres during a memorial service at Mount Herzl national cemetery in Jerusalem, Friday, Sept. 30, 2016. Peres died early Wednesday from complications from a stroke. He was 93. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

GERUSALEMME. – Barack Obama saluta in ebraico Shimon Peres quasi con le stesse parole con cui nel 1995 Bill Clinton prese congedo da Yitzhak Rabin: “Grazie tante, caro amico. Todà rabbà, haver yakar”. Un parallelo (e un cerimonia simile) volute per due grandi combattenti di Israele, ma anche per due uomini che hanno caparbiamente inseguito la pace.

La prova dell’ultimo “servizio reso” da Peres – come ha notato il premier Matteo Renzi – è stata la presenza del leader palestinese Abu Mazen, seduto in prima fila sul Monte Herzl a Gerusalemme – luogo di sepoltura degli eroi di Israele – per rendere omaggio, a fianco del premier Benyamin Netanyahu, all’ex presidente israeliano.

Ed è stato proprio Netanyahu, dopo aver stretto la mano ad Abu Mazen, a sostenere, rivolgendosi al presidente palestinese, che “la forza è solo un mezzo, ma il fine è la pace”. Perché gli obiettivi, ha spiegato, “sono la prosperità e la pace, per noi e per i nostri vicini”.

In una Gerusalemme silenziosa e blindata come non mai per la presenza di decine di statisti da tutto il mondo, Peres – “lo splendido Shimon”, secondo Netanyahu – ha ricevuto nel paragone di Obama con Nelson Mandela un addio da “gigante della storia”. A prevalere, e l’ex presidente ne sarebbe stato contento, è stata però la politica.

“Il popolo ebraico – ha ammonito Obama citando ancora Peres – non è nato per governare un altro popolo. Non credo che Peres fosse un ingenuo. Israele ha vinto tutte le guerre ma non la maggiore: quella di non aver più bisogno di vincere”.

Non da meno è stato lo scrittore Amos Oz, amico di Peres da anni e alfiere dell’intesa con i palestinesi: “La pace – ha detto – non solo è possibile, ma è essenziale ed ineluttabile, per noi e per loro. Così come noi non possiamo andare via da questa terra, anche i palestinesi non possono andarsene. L’unica scelta è dividere questa casa – ha concluso parlando in maniche di camicia come i vecchi laburisti – in due appartamenti”.

E per l’astio nutrito verso Peres – così come verso Rabin – dalla destra israeliana a causa di questa politica di apertura ha chiesto scusa l’attuale presidente Reuven Rivlin. “Shimon, ammetto senza pudore: alla vigilia del Capodanno ebraico, sul bordo della tua tomba nel settore dei Grandi della Nazione, noi dobbiamo anche chiederti perdono”.

E non è forse un caso che, poco dopo gli elogi, Peres sia stato inumato sul Monte Herzl tra Yitzhak Rabin e Yitzhak Shamir: due simboli di sinistra e di destra. Il primo a non negare le sue diversità politiche da Peres è stato proprio Netanyahu. Ma poi ha anche aggiunto di averlo “amato” perché nel “corso degli anni” sono “diventati amici”.

Un legame nato nel 1976 quando Peres, allora ministro della Difesa, pronunciò l’elogio funebre per Yoni Netanyahu, morto nell’operazione per salvare gli israeliani sequestrati ad Entebbe (Uganda). “Tu hai pianto allora ed io – ha concluso Netanyahu – piango oggi per te. Va in pace”.

Nella folla di statisti che, copricapo rituale ebraico in testa e coccarda funebre all’occhiello, hanno seguito la cerimonia spiccava lo sguardo mesto di Bill Clinton: a lui, più giovane, è toccato di seppellire i due uomini (Peres e Arafat) con i quali siglò gli Accordi di Oslo che sembrarono aprire le porte ad una pace durevole. Ma non è stato così: per questo la volontà di Abu Mazen di partecipare alle esequie di Peres è stata salutata dai commentatori israeliani come una grande “prova di coraggio”.

A maggior ragione quando dalla Cisgiordania e da Gaza, governata da Hamas, sono giunte le notizie di accuse e critiche nei confronti del presidente palestinese, compreso dal suo stesso partito. E nella Striscia manifestanti hanno bruciato le effigi di Peres e di Obama.

Domani sarà un altro giorno ma oggi, per usare le parole del premier Renzi, “è stata una giornata importante. Un fatto politico di grande rilievo, un’occasione per un segnale da dare a questa terra martoriata”.

(di Massimo Lomonaco/ANSAmed)

Ultima ora

08:55Corea Nord: ipotesi test nucleare in prima settimana aprile

(ANSA) - PECHINO, 30 MAR - La Corea del Nord potrebbe tenere il suo sesto test nucleare nella prima settimana di aprile, a ridosso del primo summit tra i presidenti americano Donald Trump e cinese Xi Jinping, atteso il 6-7 nella residenza del tycoon di Palm Beach, in Florida: lo riporta il Korea JoongAng Daily, in base a una fonte dell'intelligence militare di Seul. "C'è ancora un processo di conferma. Abbiamo chiarito che la Corea del Nord dovrebbe finire tutti i preparativi per il test nucleare entro il 31 marzo", ha aggiunto la fonte. Secondo l'agenzia Yonhap, inoltre, l'esperimento potrebbe essere "di un nuovo genere", differente dai cinque precedenti. Il Comando di Stato maggiore sudcoreano ha ribadito che il test potrebbe avvenire in qualsiasi momento, a seconda dell'input dato dalla leadership. "Considerando le varie possibilità, stiamo seguendo da vicino le mosse del Nord in cooperazione con gli Usa", ha affermato il colonnello Roh Jae-cheon, un portavoce del Comando.

08:25Bezos supera Buffett, è secondo uomo più ricco al mondo

(ANSA) - NEW YORK, 30 MAR - Jeff Bezos supera Warren Buffett e diventa il secondo uomo piu' ricco al mondo. I titoli di Amazon sono saliti a 18,32 dollari per azione ieri: un aumento che ha consentito a Bezos di guadagnare 1,5 miliardi di dollari, facendo balzare la sua fortuna a 75,6 miliardi, ovvero 700 milioni di dollari piu' di Buffett e 1,3 miliardi di dollari sopra Amancio Ortega, il patron di Zara. E' quanto emerge dall'indice dei miliardari di Bloomberg.

08:22Trump: media,studia dazi 100% prodotti Ue,anche Italia

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - L'amministrazione Usa sta valutando di imporre dazi punitivi del 100% sugli scooter Vespa (Piaggio), l'acqua Perrier (Nestle', che produce anche la San Pellegrino) e il formaggio Roquefort in risposta al bando Ue sulla carne di manzo Usa di bovini trattati con gli ormoni: lo scrive il Wall Street Journal. Dietro la misura ci sarebbero le proteste dei produttori di carne di manzo americani, secondo i quali l'Ue non ha aperto abbastanza i propri mercati alla loro carne di manzo non trattata con gli ormoni, come prevedeva un accordo del 2009.

07:18Terrorismo: blitz a Venezia, sgominata cellula jihadista

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Un blitz di Polizia di Stato e Carabinieri è scattato durante la notte nei confronti di una cellula jihadista in pieno centro a Venezia: tre persone arrestate e un minore fermato, tutti originari del Kosovo e residenti in Italia con regolare permesso di soggiorno; 12 le perquisizioni tra il capoluogo, Mestre e Treviso.

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

Archivio Ultima ora