Il mondo saluta Peres, stretta di mano tra Netanyahu e Abu Mazen

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu stands at the casket of former Israeli President Shimon Peres during a memorial service at Mount Herzl national cemetery in Jerusalem, Friday, Sept. 30, 2016. Peres died early Wednesday from complications from a stroke. He was 93. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu stands at the casket of former Israeli President Shimon Peres during a memorial service at Mount Herzl national cemetery in Jerusalem, Friday, Sept. 30, 2016. Peres died early Wednesday from complications from a stroke. He was 93. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

GERUSALEMME. – Barack Obama saluta in ebraico Shimon Peres quasi con le stesse parole con cui nel 1995 Bill Clinton prese congedo da Yitzhak Rabin: “Grazie tante, caro amico. Todà rabbà, haver yakar”. Un parallelo (e un cerimonia simile) volute per due grandi combattenti di Israele, ma anche per due uomini che hanno caparbiamente inseguito la pace.

La prova dell’ultimo “servizio reso” da Peres – come ha notato il premier Matteo Renzi – è stata la presenza del leader palestinese Abu Mazen, seduto in prima fila sul Monte Herzl a Gerusalemme – luogo di sepoltura degli eroi di Israele – per rendere omaggio, a fianco del premier Benyamin Netanyahu, all’ex presidente israeliano.

Ed è stato proprio Netanyahu, dopo aver stretto la mano ad Abu Mazen, a sostenere, rivolgendosi al presidente palestinese, che “la forza è solo un mezzo, ma il fine è la pace”. Perché gli obiettivi, ha spiegato, “sono la prosperità e la pace, per noi e per i nostri vicini”.

In una Gerusalemme silenziosa e blindata come non mai per la presenza di decine di statisti da tutto il mondo, Peres – “lo splendido Shimon”, secondo Netanyahu – ha ricevuto nel paragone di Obama con Nelson Mandela un addio da “gigante della storia”. A prevalere, e l’ex presidente ne sarebbe stato contento, è stata però la politica.

“Il popolo ebraico – ha ammonito Obama citando ancora Peres – non è nato per governare un altro popolo. Non credo che Peres fosse un ingenuo. Israele ha vinto tutte le guerre ma non la maggiore: quella di non aver più bisogno di vincere”.

Non da meno è stato lo scrittore Amos Oz, amico di Peres da anni e alfiere dell’intesa con i palestinesi: “La pace – ha detto – non solo è possibile, ma è essenziale ed ineluttabile, per noi e per loro. Così come noi non possiamo andare via da questa terra, anche i palestinesi non possono andarsene. L’unica scelta è dividere questa casa – ha concluso parlando in maniche di camicia come i vecchi laburisti – in due appartamenti”.

E per l’astio nutrito verso Peres – così come verso Rabin – dalla destra israeliana a causa di questa politica di apertura ha chiesto scusa l’attuale presidente Reuven Rivlin. “Shimon, ammetto senza pudore: alla vigilia del Capodanno ebraico, sul bordo della tua tomba nel settore dei Grandi della Nazione, noi dobbiamo anche chiederti perdono”.

E non è forse un caso che, poco dopo gli elogi, Peres sia stato inumato sul Monte Herzl tra Yitzhak Rabin e Yitzhak Shamir: due simboli di sinistra e di destra. Il primo a non negare le sue diversità politiche da Peres è stato proprio Netanyahu. Ma poi ha anche aggiunto di averlo “amato” perché nel “corso degli anni” sono “diventati amici”.

Un legame nato nel 1976 quando Peres, allora ministro della Difesa, pronunciò l’elogio funebre per Yoni Netanyahu, morto nell’operazione per salvare gli israeliani sequestrati ad Entebbe (Uganda). “Tu hai pianto allora ed io – ha concluso Netanyahu – piango oggi per te. Va in pace”.

Nella folla di statisti che, copricapo rituale ebraico in testa e coccarda funebre all’occhiello, hanno seguito la cerimonia spiccava lo sguardo mesto di Bill Clinton: a lui, più giovane, è toccato di seppellire i due uomini (Peres e Arafat) con i quali siglò gli Accordi di Oslo che sembrarono aprire le porte ad una pace durevole. Ma non è stato così: per questo la volontà di Abu Mazen di partecipare alle esequie di Peres è stata salutata dai commentatori israeliani come una grande “prova di coraggio”.

A maggior ragione quando dalla Cisgiordania e da Gaza, governata da Hamas, sono giunte le notizie di accuse e critiche nei confronti del presidente palestinese, compreso dal suo stesso partito. E nella Striscia manifestanti hanno bruciato le effigi di Peres e di Obama.

Domani sarà un altro giorno ma oggi, per usare le parole del premier Renzi, “è stata una giornata importante. Un fatto politico di grande rilievo, un’occasione per un segnale da dare a questa terra martoriata”.

(di Massimo Lomonaco/ANSAmed)

Ultima ora

18:47L. elettorale: M5s, meglio sistema tedesco del Rosatellum

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il M5s vuole "abbattere il Rosatellum che riteniamo essere incostituzionale e trasformarlo in una proposta costituzionale e buona per il Paese". Lo dice il deputato M5s e componente della Commissione Affari Costituzionali, Danilo Toninelli che - a proposito dei rilievi di chi fa notare che un correttivo di governabilità al sistema tedesco, come chiede il M5s, snaturerebbe troppo il sistema proporzionale - risponde: "Vedremo. Un correttivo di governabilità potrebbe invece migliorarlo e comunque il modello tedesco vero è comunque meglio del Rosatellum".

18:42Voucher: Rosato, arrivano quelli per micro imprese

(ANSA) - ROMA, 25 MAG Nella manovrina verrà presentato un emendamento che ripristina il lavoro occasionale (voucher) non solo per le famiglie ma anche per le piccole imprese. Lo ha detto ai cronisti a Montecitorio, il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato. "L'annuncio di Rosato di un emendamento che introduce i voucher per le microimprese significa che il Pd ha deciso di far cadere il Governo", replica in una nota il deputato di MDP Arturo Scotto.

18:20Manchester, ‘Abedi ha costruito bomba da solo’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, avrebbe costruito da solo l'ordigno con cui si è fatto esplodere all'arena. Lo sostiene Sky News citando fonti vicine agli inquirenti secondo cui il giovane britannico potrebbe però aver ricevuto istruzioni su come realizzarla da altri. Intanto si è appreso che Abedi sarebbe volato a Manchester dall'aeroporto di Duesseldorf, ma secondo la polizia tedesca l'attentatore avrebbe soltanto fatto scalo nella città del Nordreno-Westfalia e avrebbe trascorso poco tempo nella zona di transito dell'aeroporto. Il kamikaze di Manchester sarebbe giunto in Germania dall'aeroporto Ataturk di Istanbul pochi giorni prima dell'attacco. Fonti della sicurezza di Ankara, citate da media locali, non precisano però se prima si trovasse in Turchia o abbia solo fatto scalo nella metropoli sul Bosforo.

18:13Cei: Bassetti, serve lavoro, non rubare speranza a giovani

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il lavoro per i giovani, l'attenzione alle famiglie, la vicinanza agli ultimi. Il neo presidente Cei, il card. Gualtiero Bassetti, parla delle sue priorità. L'arcivescovo di Perugia che gira con la sua utilitaria per trovare la gente, il pastore che risponde alla crisi con gli Empori della solidarietà, il porporato che, come lui ha detto, si fa guidare "più dalle ragioni del cuore che da quelle dell'intelletto" - "mi sono definito un improvvisatore perché è il contrario di calcolatore" -, per prima cosa lancia "un grido forte" per i giovani. "Nessuno rubi la speranza ai giovani, quando manca il lavoro si toglie la dignità". Il cardinale ha risposto alle domande dei giornalistima si è anche lasciato ad una confidenza sulla sua elezione: "Ero partito confidando sulla mia giovane età...". Sulla politica: "La Chiesa fa riferimento a quella con la 'p' maiuscola". Glissa sul Family Day ("sono temi che affronteremo") ed esalta l'Amoris Laetitia di Papa Francesco: "è un capolavoro, non è opinabile, è magistero".

18:10Calcio: diritti tv, ok bando Serie A

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - L'assemblea della Lega Serie A ha deliberato a maggioranza (13 club favorevoli su 20) l'approvazione del bando per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sarà pubblicato domani e il giorno ultimo per le offerte "è fissato prima dell'apertura delle buste dell'asta per i diritti tv Uefa per la Champions", prevista dal 12 giugno, come ha spiegato il subcommissario di Lega, Paolo Nicoletti, senza scendere nei dettagli del bando: "E' una struttura interessante per il mercato".

18:09F1: Marchionne, per vincere Mondiale c’è da lavorare molto

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 25 MAG - Per vincere il Mondiale la Ferrari deve lavorare "molto: l'impegno è quello di sviluppare continuamente la macchina durante la stagione; ogni vettura, anche questa qui di Montecarlo ha dei cambiamenti importanti". Lo ha detto l'ad di Fca e presidente e ad della Ferrari, Sergio Marchionne, a Maranello per l'inaugurazione dei nuovi spazi del Museo Ferrari. Quanto al buon avvio nel Mondiale, con Vettel in testa alla classifica piloti con 104 punti e Raikkonen quarto con 49, ha argomentato, "lo sognavo, è arrivato. E' una squadra veramente brava - ha aggiunto riferendosi al team -: in scuderia finalmente abbiamo dei ragazzi che sono puntati nella direzione giusta, stanno lavorando bene, i piloti ci sono, la macchina c'è, quindi...". La Rossa, ora, è a somiglianza di Marchionne? "No - ha replicato Marchionne - è a somiglianza della Ferrari. Finalmente sta uscendo la vera scuderia. Oggi ha fatto bene, Sebastian è andato veramente bene, vediamo".

18:09Hamas proclama ‘Giornata di collera’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 MAG - Hamas ha indetto per domani in Cisgiordania una 'Giornata di collera' contro Israele in un gesto di sostegno con lo sciopero della fame ad oltranza intrapreso il 17 aprile scorso - su iniziativa del dirigente di al-Fatah Marwan Barghouti - da un migliaio di palestinesi reclusi in Israele per reati legati alla intifada. In un messaggio di incitamento alla protesta Hamas fa appello ai palestinesi della Cisgiordania a "scontrarsi con gli occupanti israeliani". Da parte sua il quotidiano israeliano Maariv ha appreso che dietro le quinte sono in corso tentativi per mettere fine alla protesta dei detenuti. Da parte palestinese, secondo il giornale, vi prendono parte il capo dell'Intelligence generale Zihad Hab-el-Rih (secondo la grafia ebraica, ndr) e Hussein a-Sheikh, ministro dell'Anp per le questioni civili. Anche lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) è coinvolto in questi contatti, secondo i media, nel timore che la protesta dei detenuti dilaghi nei Territori.

Archivio Ultima ora