Referendum: Zagrebelsky, rischio oligarchia. E’ scontro con Renzi

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Zagrebelsky,rischio oligarchia. E' scontro con Renzi

Zagrebelsky,rischio oligarchia. E’ scontro con Renzi

ROMA. – La “palude” da superare e la credibilità da difendere, per Matteo Renzi. Il “rischio per la democrazia” e lo spettro di una “oligarchia”, per Gustavo Zagrebelsky. E’ una visione “culturale” di fondo inconciliabile, a separare profondamente il presidente del Consiglio e il professore.

I due capifila del Sì e del No al referendum costituzionale si confrontano per la prima volta nello studio tv di La7. Ed è subito scontro, in un continuo botta e risposta, tra battute, punzecchiature e divergenze inconciliabili nel merito.

Le oltre due ore di confronto si aprono con un insolito scambio di ruoli: Renzi difende i punti cardine di una riforma “voluta dal Parlamento e non solo da me”, Zagrebelsky esordisce con una punzecchiatura. “Sono contento che abbia ripensato ai discorsi su parrucconi, rosiconi, gufi, altrimenti non avrebbe perso tempo con uno di loro…”, sorride il costituzionalista.

E il premier si indigna: “Non mi sono mai permesso di chiamarla parruccone. Io ho studiato sui suoi libri: prof, venga al merito”. Da qui in poi, inizia uno scambio che passa spesso (e all’inizio Renzi se ne lamenta) dal piano costituzionale a quello politico. Anche perché, afferma Zagrebelsky: “Le istituzioni vanno calate nel contesto. La Costituzione di Bocassa, dittatore centroafricano, è molto simile a quella Usa”.

“Lei dice che la riforma costituzionale non tocca in nessun punto i poteri del presidente del Consiglio. Ma molti di noi sono preoccupati per rischi di derive autoritarie o di concentrazione al vertice delle istituzioni: rischiamo di passare da una democrazia a una oligarchia”, attacca il costituzionalista. E Renzi ribatte: “L’appello di ‘Libertà e Giustizia’ da lei firmato, che parla di svolta autoritaria, offende l’Italia. Tra l’altro, ricorda il premier, Zagrebelsky ha firmato anche l’appello dei 56 costituzionalisti che “dice esattamente il contrario”.

“Non è vero. E io comunque non mi sono preparato sulle sue contraddizioni…”, è la replica. Il rischio, sottolinea l’esponente del No, non è il governo Renzi ma “quelli che potranno venire. L’Italicum crea un terreno aperto per l’affermazione di poteri forti”: mentre in Europa avanzano le estreme destre “dovremmo attrezzarci per avere un sistema di garanzie”.

Il leader Dem però sul punto dell’Italicum ha un asso nella manica: “L’Italicum non è un rischio e il referendum non è sulla legge elettorale ma come Pd prenderemo un’iniziativa per cambiarla e togliere ogni dubbio”. Il prof però non si fida: “Lei diceva che era la legge più bella del mondo, ora i sondaggi dicono che il Pd al ballottaggio perde e volete cambiare, ma non basta: serve un accordo sul come”.

Non solo l’Italicum, però. Lo scontro è anche sul nuovo meccanismo di elezione del presidente della Repubblica, sulle competenze e sui poteri del nuovo Senato. “Le garanzie aumentano – afferma Renzi – più poteri alla Corte costituzionale, quorum più alto per l’elezione del presidente della Repubblica e statuto delle opposizioni. Invece il presidente del Consiglio non ha poteri in più”.

“Se lo Statuto delle opposizioni lo scrive la maggioranza – replica Zagrebelsky – dov’è la democrazia? E la maggioranza potrà eleggersi da solo il presidente della Repubblica”. “Dico che c’è un pericolo per la democrazia pensando non al suo governo ma ai governi che potranno venire. L’Italicum crea un terreno aperto per l’affermazione di poteri forti. Dovremmo attrezzarci per avere un sistema di garanzie e bilanciato”, rilancia Gustavo Zagrebelsky .

“Lei ha sostenuto – prosegue – che l’Italicum era la legge più bella del mondo e sarebbe stata invidiata da tutti. Invece poiché cambiano le condizioni e non siamo più in un sistema bipolare ma tripolare e i sondaggi dicono che quando il Pd si presenta contro qualcun altro vince qualcun altro, il ballottaggio non è più nel cuore del Pd, forse è nel suo…”.

“E la rottura del Nazareno fa sì che venga imposta da un parte e il nostro è un Paese diviso in due, il suo partito è diviso in due”.

Ma il presidente del Consiglio ribatte colpo su colpo, citando anche il maestro di Zagrebelsky, Leopoldo Elia: “La riforma semplifica, a partire dai poteri delle Regioni. E dire che taglia i costi non è demagogia. I poteri del premier non aumentano: non posso neanche rimuovere un ministro. La sua parte culturale si è sempre preoccupata di andare contro Berlusconi ma adesso lei ora vota No come Berlusconi. Noi abbiamo smosso la palude, perché non volete parlare di futuro? Un No rischia di pregiudicare il nostro recupero di credibilità in Europa e nel mondo. Quest’occasione perduta non tornerà per i prossimi venti anni”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

18:11Calcio: a Crotone torna Ricci, in prestito dal Genoa

(ANSA) - CROTONE, 19 GEN - Il Crotone ritrova uno dei protagonisti della storica promozione in Serie A nel 2016. L'attaccante 24enne Federico Ricci, infatti, è tornato a vestire la maglia rossoblù dei calabresi proveniente dal Genoa. Il calciatore, di proprietà del Sassuolo, arriva a Crotone in prestito con l'avallo della società di appartenenza. Ricci, che proprio il 19 gennaio 2016 aveva con un gol segnato al Cagliari avviato la corsa del Crotone verso la Serie A, è arrivato stamani all'allenamento insieme al dg Raffaele Vrenna. "Sono felice di tornare a Crotone - ha detto Ricci - qui sono cresciuto come uomo e come calciatore. Sono contento e motivato per fare bene". "Non vedo l'ora di allenarmi - ha detto l'esterno di attacco, che vestirà la maglia numero 11 - sto bene, ho cercato sempre di tenere la forma fisica alta. Ora sono qui per fare bene. Ci tengo molto per la società e la città: è stata la scelta migliore per me perché volevo avere l'opportunità di giocare di più".

18:01Insulti antisemiti:Procura chiede 2 turni porte chiuse Lazio

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "La Procura della Federcalcio ha chiesto due turni a porte chiuse e 50mila euro di ammenda per la Lazio". Lo ha annunciato l'avvocato della Lazio, Gian Michele Gentile, al termine del processo sportivo relativo al caso degli adesivi di Anna Frank con la maglia della Roma affissi allo stadio olimpico durante Lazio-Cagliari del 22 ottobre scorso. "Viste tutte le attenuanti, abbiamo chiesto il non luogo a procedere", ha aggiunto il legale all'uscita dagli uffici del Tribunale federale nazionale. La sentenza è prevista per l'inizio della prossima settimana.

17:57Calcio: agente, Politano vorrebbe il Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 19 GEN - "Politano avrebbe una grande voglia, è un sogno giocare in una realtà come il Napoli". Lo ha detto Davide Lippi, agente di Matteo Politano, commentando il tentativo del Napoli di portare l'attaccante del Sassuolo in azzurro. "Politano - ha spiegato Lippi a Radio Kiss Kiss Napoli - ha sempre conquistato il suo spazio: a Sassuolo c'era Berardi, eppure si è ritagliato i suoi spazi. Dunque non avrebbe problemi ad andarsi a giocare le sue chance in squadra con grandi giocatori. Avrebbe questa legittima voglia per una sua crescita professionale, per andarsi a confrontare con una realtà più grande del Sassuolo. Quando c'è una chiamata come quella del Napoli ci si pensa. Il Sassuolo lo ritiene incedibile. Ci abbiamo provato, ma la situazione è questa. Io lavoro per Politano - ha proseguito Lippi - che avrebbe questo desiderio e quindi fin quando c'è una possibilità sicuramente ci proveremo".

17:51Falcone: Emiliano, campo sportivo in memoria caposcorta

(ANSA) - BARI, 19 GEN - "Quando le istituzioni sono cosi connesse alle famiglie e alla comunità, quando un sindaco riesce a descrivere con tanta commozione il valore che questa città dà alla memoria di Antonio, quando si è dentro le istituzioni con questo livello di armonia, la Repubblica, la Costituzione, l'orgoglio di essere italiani non sta nella potenza dei gesti, ma sta nella delicatezza e nel rispetto reciproco che costruiscono un grande Paese". Così su Facebook il governatore della Puglia, Michele Emiliano, che stamani a Lecce ha partecipato all'inaugurazione del campo sportivo polivalente in memoria del salentino Antonio Montinaro, caposcorta di Giovanni Falcone, che perse la vita nella strage di Capaci. Ha partecipato anche il capo della polizia, Franco Gabrielli. Per Emiliano, "quando i più giovani si chiedono 'io che posso fare', anche solo schierarsi dalla parte di Montinaro e dedicare la propria vita a fare tutto ciò che lui avrebbe fatto al nostro posto, significa avere dato un contributo fondamentale".

17:45Bimbi asilo maltrattati: difesa, è severità e non violenza

(ANSA) - TORINO, 19 GEN - "Nessun maltrattamento, nessuna violenza. Sono soltanto metodi educativi che, oggi, forse sono interpretati come troppo severi". Così l'avvocato Erika Liuzzo, difensore della maestra di un asilo di Susa arrestata martedì, e ora ai domiciliari, per le presunte vessazioni cui sottoponeva i piccoli alunni. La donna è comparsa oggi in tribunale, a Torino, per l'interrogatorio di garanzia. "Abbiamo risposto in modo approfondito e circostanziato - ha detto Liuzzo - ripercorrendo punto per punto tutti gli episodi contestati". L'avvocato afferma di avere rilevato degli errori nelle intercettazioni ambientali: "La maestra non dice 'bestia', come risulta dagli atti, ma 'pepia', parola gergale che significa 'petulante'. Non ha mai minacciato di tagliare un bambino in due. Durante una lezione sulla differenza tra 'metà' e 'intero' ha chiesto ai piccoli: 'Si può tagliare a metà un'arancia, o una mela, o un bambino?'. E i bimbi, in coro, hanno detto 'no'. Il tono era pacato. Nessuno degli alunni era turbato".(ANSA).

17:36Busta con proiettili e svastica a sindaco di Empoli Barnini

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Una busta con minacce di morte, due proiettili e una svastica è stata recapitata al sindaco di Empoli (Firenze) Brenda Barnini (Pd), dopo che la città è stata insignita nei giorni scorsi della medaglia d'oro per la resistenza. La busta contiene la fotocopia di un articolo de 'Il Tirreno', sul conferimento della medaglia d'oro, avvenuto mercoledì scorso, con il ministro dell'Interno Marco Minniti. Ne ha dato notizia la stessa Barnini. La busta è stata recapitata ieri in municipio. La minaccia, si legge nella foto, postata dallo stesso sindaco del Partito democratico, riporta la scritta "ti ammazziamo" e accusa il sindaco di corruzione e legami con una cooperativa che gestisce l'accoglienza dei migranti. Barnini nel post condanna "la nuova destra fascista, il populismo xenofobo, le forze politiche che seminano odio e rancore. Dietro al gesto di un soggetto che ha pensato di mandarmi questo messaggio c'è tutto questo. Non mi fate paura perché la mia città è più forte della vostra ignoranza".

17:24Bimbo 2 mesi in ospedale: Procura, forse incidente in casa

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 19 GEN - La Procura di Ascoli Piceno ha aperto un fascicolo sul caso di un bambino di due mesi, ricoverato al Salesi di Ancona, dove era stato trasferito dal pronto soccorso dell'ospedale di Ascoli Piceno. Gli accertamenti ad Ancona hanno evidenziato emorragie interne e piccole fratture in varie parti del corpo. Un quadro, compatibile con maltrattamenti, che ha spinto i sanitari ad avvisare la Procura minorile che ha informato quella di Ascoli. Il fascicolo aperto del pm Umberto Monti ha scopo esplorativo. I carabinieri hanno sentito i familiari ed i vicini di casa della coppia (lui di San Marino), residente ad Ascoli per contestualizzare i fatti e cercare di capire se il piccolo è stato vittima di un incidente domestico o di maltrattamenti. Ma i primi accertamenti fanno propendere per la prima ipotesi: il bimbo sarebbe caduto mentre veniva accudito dai genitori, che ora sono al suo capezzale.

Archivio Ultima ora