Referendum: Zagrebelsky, rischio oligarchia. E’ scontro con Renzi

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Zagrebelsky,rischio oligarchia. E' scontro con Renzi

Zagrebelsky,rischio oligarchia. E’ scontro con Renzi

ROMA. – La “palude” da superare e la credibilità da difendere, per Matteo Renzi. Il “rischio per la democrazia” e lo spettro di una “oligarchia”, per Gustavo Zagrebelsky. E’ una visione “culturale” di fondo inconciliabile, a separare profondamente il presidente del Consiglio e il professore.

I due capifila del Sì e del No al referendum costituzionale si confrontano per la prima volta nello studio tv di La7. Ed è subito scontro, in un continuo botta e risposta, tra battute, punzecchiature e divergenze inconciliabili nel merito.

Le oltre due ore di confronto si aprono con un insolito scambio di ruoli: Renzi difende i punti cardine di una riforma “voluta dal Parlamento e non solo da me”, Zagrebelsky esordisce con una punzecchiatura. “Sono contento che abbia ripensato ai discorsi su parrucconi, rosiconi, gufi, altrimenti non avrebbe perso tempo con uno di loro…”, sorride il costituzionalista.

E il premier si indigna: “Non mi sono mai permesso di chiamarla parruccone. Io ho studiato sui suoi libri: prof, venga al merito”. Da qui in poi, inizia uno scambio che passa spesso (e all’inizio Renzi se ne lamenta) dal piano costituzionale a quello politico. Anche perché, afferma Zagrebelsky: “Le istituzioni vanno calate nel contesto. La Costituzione di Bocassa, dittatore centroafricano, è molto simile a quella Usa”.

“Lei dice che la riforma costituzionale non tocca in nessun punto i poteri del presidente del Consiglio. Ma molti di noi sono preoccupati per rischi di derive autoritarie o di concentrazione al vertice delle istituzioni: rischiamo di passare da una democrazia a una oligarchia”, attacca il costituzionalista. E Renzi ribatte: “L’appello di ‘Libertà e Giustizia’ da lei firmato, che parla di svolta autoritaria, offende l’Italia. Tra l’altro, ricorda il premier, Zagrebelsky ha firmato anche l’appello dei 56 costituzionalisti che “dice esattamente il contrario”.

“Non è vero. E io comunque non mi sono preparato sulle sue contraddizioni…”, è la replica. Il rischio, sottolinea l’esponente del No, non è il governo Renzi ma “quelli che potranno venire. L’Italicum crea un terreno aperto per l’affermazione di poteri forti”: mentre in Europa avanzano le estreme destre “dovremmo attrezzarci per avere un sistema di garanzie”.

Il leader Dem però sul punto dell’Italicum ha un asso nella manica: “L’Italicum non è un rischio e il referendum non è sulla legge elettorale ma come Pd prenderemo un’iniziativa per cambiarla e togliere ogni dubbio”. Il prof però non si fida: “Lei diceva che era la legge più bella del mondo, ora i sondaggi dicono che il Pd al ballottaggio perde e volete cambiare, ma non basta: serve un accordo sul come”.

Non solo l’Italicum, però. Lo scontro è anche sul nuovo meccanismo di elezione del presidente della Repubblica, sulle competenze e sui poteri del nuovo Senato. “Le garanzie aumentano – afferma Renzi – più poteri alla Corte costituzionale, quorum più alto per l’elezione del presidente della Repubblica e statuto delle opposizioni. Invece il presidente del Consiglio non ha poteri in più”.

“Se lo Statuto delle opposizioni lo scrive la maggioranza – replica Zagrebelsky – dov’è la democrazia? E la maggioranza potrà eleggersi da solo il presidente della Repubblica”. “Dico che c’è un pericolo per la democrazia pensando non al suo governo ma ai governi che potranno venire. L’Italicum crea un terreno aperto per l’affermazione di poteri forti. Dovremmo attrezzarci per avere un sistema di garanzie e bilanciato”, rilancia Gustavo Zagrebelsky .

“Lei ha sostenuto – prosegue – che l’Italicum era la legge più bella del mondo e sarebbe stata invidiata da tutti. Invece poiché cambiano le condizioni e non siamo più in un sistema bipolare ma tripolare e i sondaggi dicono che quando il Pd si presenta contro qualcun altro vince qualcun altro, il ballottaggio non è più nel cuore del Pd, forse è nel suo…”.

“E la rottura del Nazareno fa sì che venga imposta da un parte e il nostro è un Paese diviso in due, il suo partito è diviso in due”.

Ma il presidente del Consiglio ribatte colpo su colpo, citando anche il maestro di Zagrebelsky, Leopoldo Elia: “La riforma semplifica, a partire dai poteri delle Regioni. E dire che taglia i costi non è demagogia. I poteri del premier non aumentano: non posso neanche rimuovere un ministro. La sua parte culturale si è sempre preoccupata di andare contro Berlusconi ma adesso lei ora vota No come Berlusconi. Noi abbiamo smosso la palude, perché non volete parlare di futuro? Un No rischia di pregiudicare il nostro recupero di credibilità in Europa e nel mondo. Quest’occasione perduta non tornerà per i prossimi venti anni”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

17:10Giappone-Vietnam: Akihito, primo imperatore in visita Hanoi

(ANSA) - HANOI, 28 FEB - L'imperatore del Giappone Akihito e' da oggi a Hanoi per una "storica" visita che prevede incontri con le famiglie di soldati giapponesi rimasti nel paese del sud est asiatico dopo la fine della seconda guerra mondiale. Akihito, che ha 83 anni e che ha di recente annunciato l'intenzione di abdicare nel 2019, è il primo imperatore del Giappone a visitare il Vietnam. Ad accogliere all'aeroporto l'imperatore e la moglie Michiko e' stato il vice presidente Dang Thi Ngoc Thinh mentre domani l'imperatore incontrerà il presidente Tran Dai Quang. La visita e' l'ultima in una serie tesa ricucire ferite aperte nell'ultimo conflitto mondiale. "La speranza e' che questa visita contribuisca all'ulteriore sviluppo della comprensione reciproca e dell'amicizia tra i nostri Paesi", ha detto Akihito lasciando Tokyo.

17:07Francia: manifestazioni per Théo, ferita leggermente preside

(ANSA) - PARIGI, 28 FEB - La preside di un liceo parigino è stata ferita leggermente questa mattina mentre alcuni studenti tentavano di organizzare un picchetto davanti alla scuola nell'ambito delle manifestazioni in sostegno di Théo, il ragazzo di 22 anni che ha denunciato un'aggressione violenta con stupro da parte di 4 poliziotti durante un fermo. La polizia è intervenuta subito per impedire il picchetto e la tensione è salita. C'é stato un lancio di oggetti e uno di questi ha colpito la preside che si trovava davanti l'entrata del liceo. E' stato necessario qualche punto di sutura per la ferita comunque non seria. Il picchetto non è quindi stato attuato ma la situazione in alcune scuole di Parigi e della sua periferia resta tesa da giorni. Oggi l'entrata di una decina di licei era bloccata.

17:04Francia: inaugurata linea ad alta velocità Parigi-Bordeaux

(ANSA) - PARIGI, 28 FEB - Il presidente francese, Francois Hollande, inaugura oggi la nuova linea ferroviaria ad alta velocità Parigi-Tours-Bordeaux. Un cantiere gigantesco costato 8 miliardi di euro. "Questa prima inaugurazione della linea è un evento di estrema importanza", ha detto il presidente delle ferrovie francesi (Sncf), Guillaume Pépy, intervistato da France Info. La nuova linea aprirà al pubblico il 2 luglio prossimo e permetterà di raggiungere Bordeaux da Parigi in solo 2 ore (contro 3h30). "E' un vero cambio di geografia (...) E' come se il nostro Paese si fosse in qualche modo ristretto", aggiunge Pépy. La linea ad alta velocità per il sud-ovest consentirà, tra l'altro, di collegare Parigi e Tolosa in 4 ore e 9 minuti (contro le 5h25 attuali).

17:03Libano: media, scontri armati in campo profughi, vittime

(ANSAmed) - BEIRUT, 28 FEB - E' di almeno un morto e diversi feriti il bilancio di scontri armati tra fazioni rivali del più affollato campo profughi palestinese in Libano, secondo media libanesi. Altri media riferiscono di quattro feriti, tra cui un bambino, gravemente ferito alla testa. Gli scontri sono scoppiati oggi nell'agglomerato di Ayn al Hilwe, alla periferia di Sidone, 40 km a sud di Beirut, tra miliziani di Fatah, il partito del presidente Abu Mazen, e un'insieme di sigle estremiste. Il campo di Ayn al Hilwe ospita oltre 80mila persone tra palestinesi, siriani e immigrati di varie nazionalità. In Libano sono registrati presso l'Onu 450mila palestinesi ma stime locali riferiscono di un numero più alto.

16:54Calcio: Spalletti, derby con Lazio vale triplo

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Il derby vale triplo: per la partita, per l'accesso in finale, per ciò che significa per i tifosi. Non so come ci arriviamo, ma sappiamo come possiamo uscirne, dipende da noi. E vogliamo uscirne bene, quindi vincere". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, alla vigilia della semifinale di andata di Coppa Italia contro la Lazio. "La Lazio è costruita bene, l'unico dubbio mi sembrava fosse l'allenatore (Inzaghi, ndr) ma in questo periodo ha dimostrato di non essere il rincalzo di nessuno, può ambire a squadre di questo livello. Abbiamo di fronte un avversario forte", aggiunge prima di sottolineare che "fra Roma e Lazio c'è meno differenza rispetto a Juve e Torino. Sarà più equilibrato come derby". "Si confronteranno due squadre ad armi pari. Noi abbiamo probabilmente degli obiettivi ugualmente importanti oltre a questa partita. Loro danno molto peso a questa causa, vediamo come gestiranno la tensione - conclude Spalletti - Il derby in notturna è un'occasione da cogliere".

16:52Calcio: Inzaghi, ho un gruppo forte e compatto

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Ho molto rispetto per la Roma, il suo tecnico e il gran gioco che fa; sono favoriti, ma io ho grandissima fiducia in me stesso, nel mio staff e soprattutto nei miei giocatori: ho un gruppo forte e compatto, non siamo in semifinale e a 50 punti in campionato per caso". Così l'allenatore della Lazio Simone Inzaghi, alla vigilia della semifinale d'andata di Coppa Italia. "Dovremo cercare di fare la nostra partita - continua Inzaghi - sapendo che stavolta bisognerà ragionare sui 180'. Nainggolan? Sta facendo cose straordinarie, ma sarebbe sbagliato pensare solo a lui. L'unica cosa che chiedo ai miei è l'approccio: in una partita del genere non si può sbagliare". Finora, sono stati venduti poco più di 20mila tagliandi. "Dispiace - ammette Inzaghi - ma se penso che alla mia prima partita lo scorso anno, in casa con l'Empoli, c'erano 10mila spettatori e poi nel derby di campionato 40mila, è stato un grande passo. Con i tifosi ci sentiamo una cosa sola, domani giochiamo in casa e vogliamo che ci siano vicini".

16:50Mose: Corte Conti, a Cuccioletta multa da 2,7 mln euro

(ANSA) - VENEZIA, 28 FEB - L'ex presidente del Magistrato alle acque di Venezia Patrizio Cuccioletta è stato condannato, dalla Corte dei conti del Veneto, nell'ambito della vicenda Mose, a pagare 2.736.588 euro di multa per d'anno d'immagine e da disservizio. La sentenza è stata emessa oggi dal collegio presieduto dal Giudice contabile Guido Carlino e segue l'analogo provvedimento da 5,8 mln di ieri a carico dell'ex presidente del Veneto Giancarlo Galan. Cuccioletta dovrà pagare la cifra, secondo la sentenza, al Ministero dei trasporti e delle infrastrutture mentre dovrà pagare allo Stato poco meno di altri 5mila euro per le spese processuali. Cuccioletta davanti al Tribunale aveva scelto di patteggiare, il 17 ottobre 2014 davanti al Gup di Venezia Giuliana Galasso con il benestare della Procura veneziana, una pena di due anni e una multa di 700mila euro. Il provvedimento è stato emesso nell'ambito dell'inchiesta per lo scandalo dei fondi del Mose.

Archivio Ultima ora