Referendum: Zagrebelsky, rischio oligarchia. E’ scontro con Renzi

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Zagrebelsky,rischio oligarchia. E' scontro con Renzi

Zagrebelsky,rischio oligarchia. E’ scontro con Renzi

ROMA. – La “palude” da superare e la credibilità da difendere, per Matteo Renzi. Il “rischio per la democrazia” e lo spettro di una “oligarchia”, per Gustavo Zagrebelsky. E’ una visione “culturale” di fondo inconciliabile, a separare profondamente il presidente del Consiglio e il professore.

I due capifila del Sì e del No al referendum costituzionale si confrontano per la prima volta nello studio tv di La7. Ed è subito scontro, in un continuo botta e risposta, tra battute, punzecchiature e divergenze inconciliabili nel merito.

Le oltre due ore di confronto si aprono con un insolito scambio di ruoli: Renzi difende i punti cardine di una riforma “voluta dal Parlamento e non solo da me”, Zagrebelsky esordisce con una punzecchiatura. “Sono contento che abbia ripensato ai discorsi su parrucconi, rosiconi, gufi, altrimenti non avrebbe perso tempo con uno di loro…”, sorride il costituzionalista.

E il premier si indigna: “Non mi sono mai permesso di chiamarla parruccone. Io ho studiato sui suoi libri: prof, venga al merito”. Da qui in poi, inizia uno scambio che passa spesso (e all’inizio Renzi se ne lamenta) dal piano costituzionale a quello politico. Anche perché, afferma Zagrebelsky: “Le istituzioni vanno calate nel contesto. La Costituzione di Bocassa, dittatore centroafricano, è molto simile a quella Usa”.

“Lei dice che la riforma costituzionale non tocca in nessun punto i poteri del presidente del Consiglio. Ma molti di noi sono preoccupati per rischi di derive autoritarie o di concentrazione al vertice delle istituzioni: rischiamo di passare da una democrazia a una oligarchia”, attacca il costituzionalista. E Renzi ribatte: “L’appello di ‘Libertà e Giustizia’ da lei firmato, che parla di svolta autoritaria, offende l’Italia. Tra l’altro, ricorda il premier, Zagrebelsky ha firmato anche l’appello dei 56 costituzionalisti che “dice esattamente il contrario”.

“Non è vero. E io comunque non mi sono preparato sulle sue contraddizioni…”, è la replica. Il rischio, sottolinea l’esponente del No, non è il governo Renzi ma “quelli che potranno venire. L’Italicum crea un terreno aperto per l’affermazione di poteri forti”: mentre in Europa avanzano le estreme destre “dovremmo attrezzarci per avere un sistema di garanzie”.

Il leader Dem però sul punto dell’Italicum ha un asso nella manica: “L’Italicum non è un rischio e il referendum non è sulla legge elettorale ma come Pd prenderemo un’iniziativa per cambiarla e togliere ogni dubbio”. Il prof però non si fida: “Lei diceva che era la legge più bella del mondo, ora i sondaggi dicono che il Pd al ballottaggio perde e volete cambiare, ma non basta: serve un accordo sul come”.

Non solo l’Italicum, però. Lo scontro è anche sul nuovo meccanismo di elezione del presidente della Repubblica, sulle competenze e sui poteri del nuovo Senato. “Le garanzie aumentano – afferma Renzi – più poteri alla Corte costituzionale, quorum più alto per l’elezione del presidente della Repubblica e statuto delle opposizioni. Invece il presidente del Consiglio non ha poteri in più”.

“Se lo Statuto delle opposizioni lo scrive la maggioranza – replica Zagrebelsky – dov’è la democrazia? E la maggioranza potrà eleggersi da solo il presidente della Repubblica”. “Dico che c’è un pericolo per la democrazia pensando non al suo governo ma ai governi che potranno venire. L’Italicum crea un terreno aperto per l’affermazione di poteri forti. Dovremmo attrezzarci per avere un sistema di garanzie e bilanciato”, rilancia Gustavo Zagrebelsky .

“Lei ha sostenuto – prosegue – che l’Italicum era la legge più bella del mondo e sarebbe stata invidiata da tutti. Invece poiché cambiano le condizioni e non siamo più in un sistema bipolare ma tripolare e i sondaggi dicono che quando il Pd si presenta contro qualcun altro vince qualcun altro, il ballottaggio non è più nel cuore del Pd, forse è nel suo…”.

“E la rottura del Nazareno fa sì che venga imposta da un parte e il nostro è un Paese diviso in due, il suo partito è diviso in due”.

Ma il presidente del Consiglio ribatte colpo su colpo, citando anche il maestro di Zagrebelsky, Leopoldo Elia: “La riforma semplifica, a partire dai poteri delle Regioni. E dire che taglia i costi non è demagogia. I poteri del premier non aumentano: non posso neanche rimuovere un ministro. La sua parte culturale si è sempre preoccupata di andare contro Berlusconi ma adesso lei ora vota No come Berlusconi. Noi abbiamo smosso la palude, perché non volete parlare di futuro? Un No rischia di pregiudicare il nostro recupero di credibilità in Europa e nel mondo. Quest’occasione perduta non tornerà per i prossimi venti anni”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

15:09Calcio: Gandini, Strootman? Ristabilita giustizia

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Ieri è stata una giornata importante, perché è stato riaffermato qualcosa che noi sapevamo sin dall'inizio, e cioè che avevamo completamente ragione a opporci alla sentenza del giudice sportivo sulla squalifica di Strootman per una presunta simulazione con un'applicazione della prova tv assolutamente fuori luogo. E' stata ristabilita giustizia e adesso abbiamo la possibilità di giocare le prossime partite con tutti i nostri migliori giocatori disponibili". Così l'ad della Roma, Umberto Gandini, all'indomani della decisione della Corte sportiva d'appello Figc di togliere le 2 giornate di stop all'olandese. Sulla sfida di lunedì sera col Milan: "Sarà la partita più importante della giornata, e una delle più importanti dell'anno, perché le due squadre sono appaiate a pari punti dietro alla Juventus e si giocano quindi il titolo, magari effimero, di sfidante principale dei bianconeri. Mi aspetto un confronto aperto, ma non penso che il Milan possa affrontarci a viso aperto".

15:04Omicidio piazzale Loreto: Questore Milano, risposta arrivata

(ANSA) - MILANO, 10 DIC - "La risposta è arrivata e doveva arrivare su un fatto grave, avvenuto in centro in un'ora molto frequentata. E' un primo passo per ristabilire, oltre che le responsabilità del crimine, la serenità dei cittadini": lo ha detto il questore di Milano, Antonio De Iesu, commentando l'arresto di un dominicano di 26 anni, ritenuto uno dei responsabili dell'omicidio avvenuto a Milano, in piazzale Loreto, il 12 novembre scorso. L'arresto è stato convalidato.

15:01Terremoto: cena solidale con i prodotti delle zone colpite

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Lenticchie di Castelluccio, tartufo nero di Norcia, patate di Colfiorito, zafferano di Cascia: queste materie prime provenienti dalle zone colpite dal terremoto dei mesi scorsi sono le protagoniste, insieme a salumi e formaggi di quelle terre, di una serata di solidarietà alle popolazioni colpite, che si terrà a Roma. "Dal territorio al territorio" è il titolo dell'evento, organizzato dal Ghiottone Errante, da Magazzino Scipioni e da due aziende vinicole, La Carraia e Montecapponi. Si tratta di una cena solidale, che si terrà al Magazzino Scipioni a Roma, e il cui ricavato sarà devoluto al progetto Terremoto Centro Italia della Croce Rossa.(ANSA).

14:58Brasile: italiano ucciso, cugino rientrato in Italia

(ANSA) - VENEZIA, 10 DIC - E' rientrato in Italia Rino Polato, 59 anni, il turista di Fossalta di Piave (Venezia) sopravvissuto all'aggressione costata la vita in una favela di Rio de Janeiro al cugino Roberto Bardella, 52enne di Jesolo. L'uomo è atterrato all'aeroporto 'Marco Polo' di Tessera con un volo proveniente da Lisbona.

14:56Bosco in fiamme su Appennino tosco-emiliano,non escluso dolo

(ANSA) - BOLOGNA, 10 DIC - Un vasto incendio di bosco è scoppiato nella tarda serata di ieri sull'Appennino tosco-emiliano, nei dintorni del lago Scaffaiolo. Si tratterebbe di un'area di oltre 20 ettari nel territorio tra Doganaccia e Lizzano Pistoiese, sul versante toscano, ma per controllare le fiamme sono al lavoro uomini e mezzi dei vigili del fuoco (anche elicotteri) arrivati da Modena e da Bologna, oltre che da Lucca e Firenze. A bruciare sono boschi e prati, mentre non ci sarebbero al momento abitazioni minacciate dall'incendio. Oltre ai pompieri sono impegnati uomini della Protezione Civile e del Corpo Forestale. Dalle prime informazioni non viene esclusa un'origine dolosa del rogo, che risulterebbe partito da più focolai. (ANSA).

14:55Incidenti montagna: scivola in dirupo, morto escursionista

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - Un escursionista è morto sulle montagne della Val Pellice, in provincia di Torino. Secondo le prime informazioni del soccorso alpino, che sta intervenendo sul posto con i carabinieri, sarebbe precipitato in un dirupo dopo essere scivolato su una lastra di ghiaccio. A dare l'allarme i due compagni d'escursione, sotto choc, che sono poi stati trasportati in elicottero a valle. Si tratta della quarta vittima della montagna, in provincia di Torino, nell'ultima settimana. L'incidente è avvenuto intorno ai 1.800 metri di quota in località Rio Cambalera, nel territorio del Comune di Bobbio Pellice. La vittima, un uomo di 66 anni residente a Villafranca Piemonte, era diretto al col Cuntent, lungo l'anello panoramico che da Villanova porta ai 2.260 metri della vetta. Sul posto è intervenuto anche l'elisoccorso del 118.(ANSA).

14:46Appalti campi nomadi, 13 rinviati a giudizio

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il gip di Roma ha rinviato a giudizio 13 persone per un presunto giro di tangenti (soldi, assunzioni e altre utilità) legato all'assegnazione di lavori in alcuni campi nomadi di Roma. E' un'indagine parallela a quella per Mafia Capitale. Via libera anche a quattro patteggiamenti. A giudizio, tra gli altri, funzionari del Dipartimento Politiche Sociali del Comune, imprenditori e altri pubblici ufficiali. Il processo è stato fissato al 19 aprile davanti alla ottava sezione penale. Nel procedimento si è costituito parte civile il Comune di Roma su istanza presentata dall'avvocato Enrico Maggiore dell'avvocatura interna dell'ente. Tra i rinviati a giudizio anche Emanuela Salvatori, funzionaria del Campidoglio già condannata a 4 anni per i suoi affari con il ras delle coop Salvatore Buzzi. I pm contestano, a seconda delle posizioni e per fatti avvenuti tra fine 2013 e marzo 2014 i reati di corruzione, falso e turbativa d'asta.

Archivio Ultima ora