Roma: arrivano due assessori ma nuova bufera su Muraro

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Il sindaco di Roma Virginia Raggi nell'aula Giulio Cesare durante l'assemblea capitolina straordinaria sulla presentazione della candidatura di Roma ai giochi olimpici 2024. 29 settembre 2016, ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il sindaco di Roma Virginia Raggi nell’aula Giulio Cesare durante l’assemblea capitolina straordinaria sulla presentazione della candidatura di Roma ai giochi olimpici 2024. 29 settembre 2016, ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Mentre M5S suggella un compromesso sulla giunta capitolina, scegliendo due assessori che accontentano il versante milanese e quello romano del movimento, sul governo targato Raggi arriva l’ennesima tegola per quanto riguarda la responsabile dell’ambiente Paola Muraro.

A un mese dalle dimissioni dell’ex responsabile dei conti Marcello Minenna, la sindaca ha ufficializzato i due nuovi assessori che si spartiranno le sue deleghe: Andrea Mazzillo, suo fedelissimo ed ex Pd, al bilancio e patrimonio; e Massimo Colomban, imprenditore e manager di spessore vicino a Casaleggio, alle partecipate.

Il duo viene formalizzato nel pomeriggio dalla sindaca e incassa subito il placet di Grillo che benedice la scelta: “Sono sicuro che entrambi faranno un ottimo lavoro per realizzare il programma del M5S votato dalla stragrande maggioranza dei romani. Andiamo avanti per portare al successo le nostre idee”. La tregua sulle nomine è però scalfita dalla nuova bufera su Paola Muraro che però, tranquilla, dice “vado avanti”.

Oltre ai reati ambientali, la Muraro sarebbe, infatti indagata per abuso d’ufficio in concorso con Giovanni Fiscon, ex direttore generale dell’Ama, e tra gli imputati nel maxiprocesso a Mafia Capitale. L’ex consulente di Ama, la municipalizzata dei rifiuti, si dice fiduciosa nel lavoro della magistratura e decisa ad andare avanti. Il caso continua a creare qualche imbarazzo tra i pentastellati, ma per ora in sordina.

Non mancano invece i detrattori, nella base dei 5 Stelle, delle due new entry della giunta. A Mazzillo si rimprovera essenzialmente la passata militanza tra i dem e un profilo “non all’altezza del ruolo”, come maligna qualcuno a Palazzo Senatorio. Colomban invece accetta l’incarico di riorganizzare le aziende (compresa quella dei trasporti) con “la determinazione necessaria, sapendo che si tratta di una sfida complessa”.

“Mi sono sempre schierato, come mi metto a disposizione ora, per migliorare le nostre amministrazioni pubbliche”, afferma. Andrea Mazzillo (già nominato dirigente capitolino, capo staff della sindaca, ndr) è “un nostro attivista, uno di noi – sottolinea Raggi – si è speso per i programmi del M5S insieme ai cittadini. Ma soprattutto è un esperto di finanza locale e bilanci. Massimo Colomban è un imprenditore con una incredibile esperienza”. Si tratta di “un imprenditore veneto che con le sue aziende ci ha portato in tutto il mondo”, le fa eco il deputato Luigi Di Maio.

Ma i dem partono all’attacco: “Sostenitore accanito di Matteo Renzi e del Pd e candidato per Alleanza di centro a sostegno di Zaia e della Lega, quella scatenata contro Roma Ladrona. Con questo cv si può fare l’assessore in una giunta 5 Stelle? Pare di sì”, punta il dito il presidente della commissione Trasparenza in Campidoglio Marco Palumbo. “Andrea Mazzillo è dipendente Equitalia in aspettativa. Pd ed Equitalia: le bestie nere di Grillo e dei 5 Stelle. Che dice la Lombardi?”, si domanda caustico il deputato Marco Miccoli.

Raggi intanto completa finalmente la giunta ed è determinata a non sentire critiche e “chiacchiere”, come blocca le voci di dimissioni del ragioniere generale Stefano Fermante: “oggi al lavoro in Campidoglio”, afferma la sindaca. E forse proprio per sfuggire alle chiacchiere ha deciso una pausa col suo capo segreteria, Salvatore Romeo, puntello del “Raggio magico”, sui tetti del Palazzo Senatorio. Lo scatto di un fotografo portoghese la ritrae su una passerella sul tetto con alle spalle la Torre Patarina. “La mia ora d’aria”, ironizza la sindaca. Una boccata di ossigeno prima di ripartire con la giunta al completo.

(di Paola Lo Mele/ANSA)

Ultima ora

00:23Calcio: Brasile esonera Micale, selezionatore dell’oro a Rio

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - L'oro olimpico conquistato a Rio lo scorso agosto, solo sei mesi fa, non ha salvato dall'esonero il tecnico della nazionale juniores del Brasile, Rogerio Micale. La federcalcio brasiliana (Cbf) ha dato oggi il benservito all'allenatore che portò Neymar e i suoi giovani compagni a conquistare l'attesissimo titolo ai Giochi olimpici ma che ha deluso nel campionato sudamericano under 20, ottenendo solo il quinto posto e mancando anche la qualificazione al Mondiale di categoria. (ANSA).

00:16Calcio: Serie B, la nuova classifica

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Classifica del campionato di calcio di Serie B dopo il posticipo della 26/a giornata, Verona-Spal 0-0: Frosinone punti 48; Benevento (-1) e Verona 46; Spal 45; Cittadella e Perugia 39; Spezia 38; Bari 37; Carpi 36; Virtus Entella 35; Novara e Ascoli 34; Salernitana e Avellino 32; Cesena 29; Brescia, Vicenza e Pisa 28; Latina 26; Pro Vercelli 25; Ternana 23; Trapani 22. Benevento un punto di penalizzazione per violazioni Covisoc.

00:15Calcio: serie B, Verona-Spal 0-0

(ANSA) - VERONA, 20 FEB - Pareggio senza reti nella sfida del Bentegodi tra Verona e Spal, posticipo della 26/a giornata di serie B. Una divisione della posta che certifica il momento no dei gialloblù, reduci dalla sconfitta di Avellino e dal pareggio interno con il Benevento. Gara equilibrata, poco vivace nella prima frazione, piu' combattuta nella ripresa dove la Spal va vicino alla rete con Zigoni e il Verona replica con Cappelluzzo, bravi Nicolas e Meret. Una traversa di Vicari e' l'altra grande emozione, poi l'espulsione, assurda, di Zaccagni nel recupero. Il Verona va a 46 punti e aggancia il Benevento al secondo posto, a -2 dal Frosinone capolista. La Spal è quarta con 45 punti.

23:46Calcio: Zaza, Valencia può mettere in crisi il Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Il gol era troppo importante per me, segnare è stata una liberazione". Così Simone Zaza, attaccante del Valencia e azzurro all'Europeo in Francia dell'anno scorso, 'saluta' il primo sigillo stagionale con la maglia della squadra spagnola, ieri nella sfida casalinga della Liga contro l'Athletic Bilbao. Battere il portiere basco Iraizoz non è da tutti, ma all'attaccante italiano è riuscito, grazie all'assist di El Haddadi. Mercoledì, però, nel Mestalla arriva il Real Madrid capolista (si recupera una partita rinviata a dicembre 2016) e Zaza ci riproverà. "Possiamo metterli in crisi, crear loro delle difficoltà - le sue parole, a margine della presentazione di uno sponsor -: e poi, io voglio continuare così. Quando ho visto che il pallone s'insaccava ho pensato ai momenti difficile che ho vissuto in questi mesi. Segnare nel Mestalla è stata per me una grande emozione. Non meritiamo questa classifica, perché siamo una squadra forte, voglio continuare a segnare, per tirare su il Valencia". (ANSA).

22:47Basket: Premi Reverberi, Della Valle miglior giocatore

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 20 FEB - Sono stati assegnati in serata a Montecavolo di Reggio Emilia i riconoscimenti del 31/o Premio Reverberi, kermesse della pallacanestro che quest'anno ha visto la presenza del ministro dello Sport Luca Lotti. "Per me è un battesimo per quanto riguarda il basket - ha detto il ministro - e sono felice di essere qui. Quello che vi posso dire è che ci impegneremo moltissimo affinché il connubio sport-scuola ed educazione, qui egregiamente rappresentato, progredisca nel migliore dei modi". I riconoscimenti dono un po' gli Oscar del basket italiano. Amedeo Della Valle della Grissin Bon Reggio Emilia ha vinto il premio come miglior giocatore per la stagione 2016: "Ringrazio chi ha pensato a me e sono orgoglioso di aver raggiunto questo traguardo", ha detto. Il compagno di squadra Rimantas Kaukenas ha ricevuto invece il premio 'Basket e solidarietà' per l'impegno profuso attraverso la sua fondazione benefica RKCharity Group.

22:15Gay: bufera su finanziamenti Unar, direttore si dimette

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - L'Unar, Ufficio antidiscriminazioni razziali della Presidenza del Consiglio, è nella bufera dopo le polemiche sui finanziamenti a un'associazioni gay scatenate da un servizio delle Iene, e il suo direttore, Francesco Spano, si è dimesso dopo un lungo colloquio a Palazzo Chigi. "Le dimissioni - si legge in una nota di P.Chigi- vogliono essere un segno di rispetto al ruolo e al lavoro che ha svolto e continua a svolgere l'Unar". A chiedere le dimissioni di Spano e la chiusura dell'Ufficio sono stati numerosi parlamentari. Nel servizio delle Iene, nel quale si accusa l'Unar di aver finanziato una associazione di omosessuali a cui fanno capo circoli nei quali si praticherebbe prostituzione maschile, e il direttore dell'Ufficio di essere socio di questa stessa associazione e dunque, secondo le accuse,in conflitto di interesse. Nel mirino l'associazione Anddos,che avrebbe ricevuto dall'Unar nel 2016 oltre 55mila euro.Palazzo Chigi "ha specificato che la procedura non é stata violata ma il bando é stato sospeso".

21:58F1: Wehrlein in dubbio per Melbourne, pronto Giovinazzi

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - La possibile defaillance di Pascal Wehrlein nel primo Gp della F1 2017 in Australia potrebbe aprire le porte al ritorno di un pilota italiano in Formula 1 dopo ben sei anni. Se, come sostiene l'indiscrezione del portale tedesco Auto Motor und Sport, il driver tedesco della Sauber non riuscisse a guarire in tempo per il Gran Premio di Melbourne del 26 marzo dall'infortunio capitatogli durante la Race of Champions, l'ingresso per la prima volta nel Circus per il pugliese Antonio Giovinazzi si tramuterebbe da sogno a realtà. Il pilota tedesco salterà i primi test invernali a Montmelò la prossima settimana e probabilmente anche la seconda sessione di collaudi prima del via della stagione all'Albert Park. Un sogno che potrebbe diventare realtà per il 23enne di Martina Franca che guiderà la Sauber, presentata oggi, nei test che partiranno lunedì prossimo sulla pista vicino a Barcellona. Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi sono stati gli ultimi due piloti italiani a essere in griglia di partenza in F1 nel 2011

Archivio Ultima ora