Roma: arrivano due assessori ma nuova bufera su Muraro

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Il sindaco di Roma Virginia Raggi nell'aula Giulio Cesare durante l'assemblea capitolina straordinaria sulla presentazione della candidatura di Roma ai giochi olimpici 2024. 29 settembre 2016, ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il sindaco di Roma Virginia Raggi nell’aula Giulio Cesare durante l’assemblea capitolina straordinaria sulla presentazione della candidatura di Roma ai giochi olimpici 2024. 29 settembre 2016, ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Mentre M5S suggella un compromesso sulla giunta capitolina, scegliendo due assessori che accontentano il versante milanese e quello romano del movimento, sul governo targato Raggi arriva l’ennesima tegola per quanto riguarda la responsabile dell’ambiente Paola Muraro.

A un mese dalle dimissioni dell’ex responsabile dei conti Marcello Minenna, la sindaca ha ufficializzato i due nuovi assessori che si spartiranno le sue deleghe: Andrea Mazzillo, suo fedelissimo ed ex Pd, al bilancio e patrimonio; e Massimo Colomban, imprenditore e manager di spessore vicino a Casaleggio, alle partecipate.

Il duo viene formalizzato nel pomeriggio dalla sindaca e incassa subito il placet di Grillo che benedice la scelta: “Sono sicuro che entrambi faranno un ottimo lavoro per realizzare il programma del M5S votato dalla stragrande maggioranza dei romani. Andiamo avanti per portare al successo le nostre idee”. La tregua sulle nomine è però scalfita dalla nuova bufera su Paola Muraro che però, tranquilla, dice “vado avanti”.

Oltre ai reati ambientali, la Muraro sarebbe, infatti indagata per abuso d’ufficio in concorso con Giovanni Fiscon, ex direttore generale dell’Ama, e tra gli imputati nel maxiprocesso a Mafia Capitale. L’ex consulente di Ama, la municipalizzata dei rifiuti, si dice fiduciosa nel lavoro della magistratura e decisa ad andare avanti. Il caso continua a creare qualche imbarazzo tra i pentastellati, ma per ora in sordina.

Non mancano invece i detrattori, nella base dei 5 Stelle, delle due new entry della giunta. A Mazzillo si rimprovera essenzialmente la passata militanza tra i dem e un profilo “non all’altezza del ruolo”, come maligna qualcuno a Palazzo Senatorio. Colomban invece accetta l’incarico di riorganizzare le aziende (compresa quella dei trasporti) con “la determinazione necessaria, sapendo che si tratta di una sfida complessa”.

“Mi sono sempre schierato, come mi metto a disposizione ora, per migliorare le nostre amministrazioni pubbliche”, afferma. Andrea Mazzillo (già nominato dirigente capitolino, capo staff della sindaca, ndr) è “un nostro attivista, uno di noi – sottolinea Raggi – si è speso per i programmi del M5S insieme ai cittadini. Ma soprattutto è un esperto di finanza locale e bilanci. Massimo Colomban è un imprenditore con una incredibile esperienza”. Si tratta di “un imprenditore veneto che con le sue aziende ci ha portato in tutto il mondo”, le fa eco il deputato Luigi Di Maio.

Ma i dem partono all’attacco: “Sostenitore accanito di Matteo Renzi e del Pd e candidato per Alleanza di centro a sostegno di Zaia e della Lega, quella scatenata contro Roma Ladrona. Con questo cv si può fare l’assessore in una giunta 5 Stelle? Pare di sì”, punta il dito il presidente della commissione Trasparenza in Campidoglio Marco Palumbo. “Andrea Mazzillo è dipendente Equitalia in aspettativa. Pd ed Equitalia: le bestie nere di Grillo e dei 5 Stelle. Che dice la Lombardi?”, si domanda caustico il deputato Marco Miccoli.

Raggi intanto completa finalmente la giunta ed è determinata a non sentire critiche e “chiacchiere”, come blocca le voci di dimissioni del ragioniere generale Stefano Fermante: “oggi al lavoro in Campidoglio”, afferma la sindaca. E forse proprio per sfuggire alle chiacchiere ha deciso una pausa col suo capo segreteria, Salvatore Romeo, puntello del “Raggio magico”, sui tetti del Palazzo Senatorio. Lo scatto di un fotografo portoghese la ritrae su una passerella sul tetto con alle spalle la Torre Patarina. “La mia ora d’aria”, ironizza la sindaca. Una boccata di ossigeno prima di ripartire con la giunta al completo.

(di Paola Lo Mele/ANSA)

Ultima ora

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

Archivio Ultima ora