Roma: arrivano due assessori ma nuova bufera su Muraro

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Il sindaco di Roma Virginia Raggi nell'aula Giulio Cesare durante l'assemblea capitolina straordinaria sulla presentazione della candidatura di Roma ai giochi olimpici 2024. 29 settembre 2016, ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il sindaco di Roma Virginia Raggi nell’aula Giulio Cesare durante l’assemblea capitolina straordinaria sulla presentazione della candidatura di Roma ai giochi olimpici 2024. 29 settembre 2016, ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Mentre M5S suggella un compromesso sulla giunta capitolina, scegliendo due assessori che accontentano il versante milanese e quello romano del movimento, sul governo targato Raggi arriva l’ennesima tegola per quanto riguarda la responsabile dell’ambiente Paola Muraro.

A un mese dalle dimissioni dell’ex responsabile dei conti Marcello Minenna, la sindaca ha ufficializzato i due nuovi assessori che si spartiranno le sue deleghe: Andrea Mazzillo, suo fedelissimo ed ex Pd, al bilancio e patrimonio; e Massimo Colomban, imprenditore e manager di spessore vicino a Casaleggio, alle partecipate.

Il duo viene formalizzato nel pomeriggio dalla sindaca e incassa subito il placet di Grillo che benedice la scelta: “Sono sicuro che entrambi faranno un ottimo lavoro per realizzare il programma del M5S votato dalla stragrande maggioranza dei romani. Andiamo avanti per portare al successo le nostre idee”. La tregua sulle nomine è però scalfita dalla nuova bufera su Paola Muraro che però, tranquilla, dice “vado avanti”.

Oltre ai reati ambientali, la Muraro sarebbe, infatti indagata per abuso d’ufficio in concorso con Giovanni Fiscon, ex direttore generale dell’Ama, e tra gli imputati nel maxiprocesso a Mafia Capitale. L’ex consulente di Ama, la municipalizzata dei rifiuti, si dice fiduciosa nel lavoro della magistratura e decisa ad andare avanti. Il caso continua a creare qualche imbarazzo tra i pentastellati, ma per ora in sordina.

Non mancano invece i detrattori, nella base dei 5 Stelle, delle due new entry della giunta. A Mazzillo si rimprovera essenzialmente la passata militanza tra i dem e un profilo “non all’altezza del ruolo”, come maligna qualcuno a Palazzo Senatorio. Colomban invece accetta l’incarico di riorganizzare le aziende (compresa quella dei trasporti) con “la determinazione necessaria, sapendo che si tratta di una sfida complessa”.

“Mi sono sempre schierato, come mi metto a disposizione ora, per migliorare le nostre amministrazioni pubbliche”, afferma. Andrea Mazzillo (già nominato dirigente capitolino, capo staff della sindaca, ndr) è “un nostro attivista, uno di noi – sottolinea Raggi – si è speso per i programmi del M5S insieme ai cittadini. Ma soprattutto è un esperto di finanza locale e bilanci. Massimo Colomban è un imprenditore con una incredibile esperienza”. Si tratta di “un imprenditore veneto che con le sue aziende ci ha portato in tutto il mondo”, le fa eco il deputato Luigi Di Maio.

Ma i dem partono all’attacco: “Sostenitore accanito di Matteo Renzi e del Pd e candidato per Alleanza di centro a sostegno di Zaia e della Lega, quella scatenata contro Roma Ladrona. Con questo cv si può fare l’assessore in una giunta 5 Stelle? Pare di sì”, punta il dito il presidente della commissione Trasparenza in Campidoglio Marco Palumbo. “Andrea Mazzillo è dipendente Equitalia in aspettativa. Pd ed Equitalia: le bestie nere di Grillo e dei 5 Stelle. Che dice la Lombardi?”, si domanda caustico il deputato Marco Miccoli.

Raggi intanto completa finalmente la giunta ed è determinata a non sentire critiche e “chiacchiere”, come blocca le voci di dimissioni del ragioniere generale Stefano Fermante: “oggi al lavoro in Campidoglio”, afferma la sindaca. E forse proprio per sfuggire alle chiacchiere ha deciso una pausa col suo capo segreteria, Salvatore Romeo, puntello del “Raggio magico”, sui tetti del Palazzo Senatorio. Lo scatto di un fotografo portoghese la ritrae su una passerella sul tetto con alle spalle la Torre Patarina. “La mia ora d’aria”, ironizza la sindaca. Una boccata di ossigeno prima di ripartire con la giunta al completo.

(di Paola Lo Mele/ANSA)

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora