Cina chiude i rubinetti, non più crediti al Venezuela

Pubblicato il 30 settembre 2016 da redazione

CARACAS – La Cina ha deciso di non prestare più denaro al Venezuela. Insomma, anche il colosso asiatico ha chiuso i rubinetti ed il Venezuela, ora, è ancora più isolato economicamente. La notizia, diffusa dalla prestigiosa Cnn, per il momento non è stata confermata né smentita dalle autorità cinesi o da quelle venezuelane.
E così, anche la luna di miele tra il Venezuela e la Cina sarebbe giunta a termine. Eppure, fino a qualche mese fa tra i due paesi era tutto “zucchero e miele”. La decisione del colosso asiatico, che è sempre stato disposto ad aiutare prima il governo dell’estinto presidente Chàvez e poi quello del presidente Maduro, arriva in un momento particolarmente difficile per il paese. Si ritiene, infatti, che la crisi sia così profonda da assumere il carattere di crisi umanitaria.
Stando a “Dialogo Inter-Americano”, un gruppo di ricerche con sede a Washington che segue i prestiti della Cina all’America Latina, il Venezuela, dal 2007 ad oggi, avrebbe ricevuto dal colosso asiatico ben 60 miliardi di dollari. Ed il Venezuela dovrebbe pagare ancora 20 miliardi. Per il momento, il Venezuela si starebbe sdebitando consegnando alla Cina migliaia di barili di petrolio. Ma la crisi istituzionale preoccupa le banche cinesi che hanno deciso di tirare i remi in barca in attesa di una schiarita. E poi il Venezuela, che è il paese con le maggiori riserve di petrolio al mondo, avrebbe ridotto drammaticamente la produzione di greggio a causa delle infrastrutture tecnologicamente obsolete e la carenza di una vera politica di manutenzione.
Le autorità cinesi sembrerebbero irritate dalla maniera in cui le ingenti risorse sarebbero state amministrate dal Venezuela, considerando che così facendo, si starebbe alimentando la corruzione mentre una fascia sempre maggiore di venezuelani resterebbe nella povertà più assoluta.

  • Mirko Pas

    Notizia smentita da numerosi giornali locali, quindi non veritiera. Entro fine anno probabile altri 5mld a PDVSA.

    • lavoceditalia

      La Voce, nel dare notizia della probabile chiusura del credito cinese al Venezuela, non solo ha citato la fonte, l’autorevole canale “all-news” Cnn (e non solo) ma ha anche sottolineato che quanto riferito da Cnn non era stato né confermato né smentito dalle autorità cinesi o quelle venezuelane.

Ultima ora

18:03Ragazzo morto: archiviata posizione sindaco Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - Il gip Claudio Marcofido ha archiviato le posizioni del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e dell'assessore alle Politiche urbane, Carmine Piscopo, rispetto al crollo di parte della Galleria Umberto che causò, tre anni fa, la morte del giovane Salvatore Giordano. Il procedimento nei conforti del sindaco, difeso dagli avvocati Stefano Montone e Elena Lepre, era scaturito da un esposto presentato dai legali della famiglia della vittima. Il giudice, condividendo le richieste avanzata dal pubblico ministero e quelle dei difensori del primo cittadino, ha ritenuto insussistenti le ipotesi relative a presunte omissioni da parte del sindaco e dell'assessore. Per il giudice l'evento non rientra ''nell'area di rischio sottoposta alla sua gestione''.

18:00Media, Brand Ivanka ‘made in China’ in fabbriche da fame

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Un dollaro al giorno: questo sarebbe il salario pagato alle operaie cinesi di una fabbrica che produce capi di abbigliamento griffati per conto della G-III Apparel, il gruppo a cui fa capo il brand di Ivanka Trump e altri marchi della moda (per così dire) 'made in Usa' come Guess, Calvin Klein e Tommy Hilfiger. Gli ispettori della Fair Labor Association, un gruppo di monitoraggio dell'industria dell'abbigliamento tra i cui membri figurano Apple e Nike, hanno scoperto nella fabbrica in questione una ventina di violazioni alle norme dell'Oil (l'organizzazione dell'Onu sul lavoro), tra cui orari da lavoro da schiavi, ampio turnover e paghe al di sotto dei minimi per la Cina. Le rivelazioni, oggi sul Washington Post, gettano ombra sulla campagna di Ivanka, ora che il padre Donald è presidente, per il "make in America, buy American".

17:59Nuoto: Raggi incontra azzurri ad Ostia

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Il centro è bellissimo. Realtà come questa di Ostia devono essere portate ad esempio ad altre che nel tempo sono state dimenticate". La sindaca di Roma, Virginia Raggi, accompagnata dall'assessore Daniele Frongia, ha visitato il Polo Natatorio-Centro federale sul litorale dove ha incontrato i rappresentanti della Federnuoto guidati dal presidente Paolo Barelli. Tanti i campioni presenti che vivono e si allenano al centro, tra cui l'olimpionico Gregorio Paltrinieri, l'argento olimpico Rachele Bruni, il doppio bronzo olimpico Gabriele Detti, il ct del Settebello Sandro Campagna. Raggi ha visitato le strutture, le piscine e la foresteria. "Ogni pomeriggio - ha detto Raggi - è aperto per i cittadini, peraltro a tariffe comunali. Vengono qui una volta a settimana i disabili: le piscine sono attrezzate per loro. Una bella realtà che funziona e va raccontata. Ora speriamo insieme al Governo e al presidente Barelli di esportare questo modello per altre strutture che ne hanno bisogno".

17:58Scuola: “ponti” 1 maggio e 2 giugno, poi count down vacanze

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Mancano meno di due mesi alla conclusione dell'anno scolastico. Ancora due ponti - quelli del primo maggio e del 2 giugno - e poi entro metà giugno finiranno le lezioni in tutta Italia. I primi ad andare in vacanza saranno i ragazzi dell'Abruzzo e dell'Emilia Romagna per i quali lo stop è stato fissato al 7 giugno. A seguire, l'8 giugno, finirà la scuola per gli studenti di Lazio, Lombardia e Marche, mentre il 9 giugno toccherà a Sicilia, Campania, Molise e Trentino. Ultima campanella il 10 giugno, invece, per gli alunni del Piemonte, della Liguria, della Basilicata, della Calabria, della Puglia, della Toscana, della Sardegna, dell'Umbria, del Veneto e della Valle d'Aosta. Il 14 andranno in vacanza i ragazzi del Friuli Venezia Giulia, mentre gli ultimi a lasciare i banchi saranno gli alunni dell'Alto Adige, il 16 giugno. Per la scuola dell'infanzia la chiusura è prevista per il 30 giugno.

17:54Mattarella a presidenti Camere, varare legge elettorale

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato oggi al Palazzo del Quirinale il Presidente del Senato della Repubblica, Pietro Grasso, e la Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini. Il Capo dello Stato ha sottolineato l'esigenza che il Parlamento provveda sollecitamente al compimento di due importanti adempimenti istituzionali: la nuova normativa elettorale per il Senato e per la Camera e l'elezione di un giudice della Corte Costituzionale. Il Presidente della Repubblica ha chiesto ai Presidenti di Senato e Camera di rappresentare ai rispettivi gruppi parlamentari l'urgenza che rivestono entrambe le questioni per il funzionamento del nostro sistema istituzionale.

17:53Venezuela: nuova protesta di piazza oggi a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 26 APR - L'opposizione venezuelana ha convocato una nuova protesta di piazza contro il governo di Nicolas Maduro per oggi. Ancora una volta, i manifestanti cercheranno di raggiungere la sede dell'ufficio dell'Ombudsman, nella zona ovest di Caracas. Ieri, l'Assemblea Nazionale -in mano all'opposizione- ha dato un ultimatum all'Ombudsman, Tarek William Saab: se entro tre giorni non emette un parere ufficiale sulla sentenza (poi ritirata) con la quale la Corte Suprema si è attribuita i poteri del Parlamento, sarà aperta un'inchiesta sulla sua condotta. L'opposizione vuole che Saab dichiari che la sentenza dell'alta corte rappresenta una violazione dell'ordine costituzionale, per procedere alla destituzione dei magistrati che l'hanno firmata. Come sempre nelle ore precedenti ad una manifestazione dell'opposizione, le autorità hanno deciso la chiusura di varie stazioni della Metro e la sospensione del servizio su varie linee di autobus pendolari.

17:49Golf: quattro italiani al China Open

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Il Volvo China Open (27-30 aprile) conclude la prima fase dell'European Tour di golf che nei primi 18 appuntamenti, compresi due WGC e un major, è rimasto sempre fuori dal vecchio continente. Nuovamente in campo Matteo Manassero, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Nino Bertasio, la scorsa settimana presenti a Shenzhen dove ha vinto l'austriaco Bernd Wiesberger. Nel field l'inglese Chris Wood, il francese Alexander Levy, lo spagnolo Pablo Larrazabal, l'olandese Joost Luiten, i sudafricani Brandon Stone, George Coetzee e Dean Burmester, gli australiani Scott Hend e Brett Rumford, lo statunitense David Lipsky, l'indiano S.S.P. Chawrasia e i thailandesi Thongchai Jaidee e Kiradech Aphibarnrat. Difende il titolo il cinese Haotong Li, che non attraversa un periodo favorevole. Montepremi di 2.660.000 euro con prima moneta di 448.183 euro. L'European Tour inizierà la fase continentale con il GolfSixes (6-7 maggio) al Centurion Club di St Albans in Inghilterra.

Archivio Ultima ora